Connettiti con Renovato 21

Economia

Crisi energetica: storia, analisi e consigli pratici. Intervista al professor Mario Pagliaro

Pubblicato

il

La situazione energetica, e quindi economica, e quindi civile del nostro Paese si fa di giorno in giorno sempre più disperata. Dalla politica e dalla stampa non sembra arrivare alcuna idea per contenere questa catastrofe che già sta colpendo famiglie e imprese, creando fallimenti e povertà. Tuttavia una soluzione deve esserci. Renovatio 21 ha intervistato in merito il professor Mario Pagliaro, chimico al CNR ISM (Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati) e docente di nuove tecnologie dell’energia al Polo Fotovoltaico della Sicilia.

 

 

Professor Pagliaro, cosa dobbiamo attenderci dal mercato energetico nei prossimi mesi?

La continuazione degli alti costi per gas ed elettricità fino a quando non sarà ripristinata la piena fornitura di gas a basso costo da parte della Russia. Nel 2022 arriveranno 16 miliardi di metri cubi a fronte dei 32 normalmente importati. Ricordo che il consumo di gas annuale dell’Italia nel 2021 è stato di 76 miliardi di metri cubi. Dunque, stiamo parlando di oltre il 40% dei consumi. Persino nell’anno della chiusura trimestrale di tutto, il 2020, l’Italia ha consumato 70 miliardi di metri cubi, e 28 provenivano dalla Russia.

 

 

Alcune bollette, sia per le aziende che per le famiglie, sono inesigibili. Si discute di un qualche modo per risolvere il problema? 

L’unica soluzione possibile è quella intrapresa da Germania, Francia e Regno Unito. Dove sarà lo Stato a pagare gli extra costi delle bollette di imprese e famiglie. In Francia si è proceduto a nazionalizzare EDF, che così fornirà energia elettrica a basso costo a tutti. La Germania ha fatto lo stesso con Uniper, il più grande importatore e distributore di gas, con il medesimo fine: assimilare gli extra costi e non trasferirli alle imprese, che altrimenti andrebbero fuori mercato, e alle famiglie che altrimenti sprofenderanno nella povertà di massa. Stessa cosa nel Regno Unito dove il governo ha allocato fino a 150 miliardi di sterline per i prossimi due anni, fissando un tetto annuo per le utenze domestiche a 2.500 sterline. Il resto, lo pagherà lo Stato. Ma se mi consente, sono tutte cifre che potrebbero finire per rialzarsi di molto. Nessun Paese europeo ha mai affrontato una simile crisi dei prezzi: quello che è stato deciso ieri, potrebbe rivelarsi inefficace domani e richiedere nuove decisioni.

 

 

L’attuale aumento dei costi è determinato dalla guerra in Ucraina?

Solo in parte, anche se l’intensificarsi del conflitto e della crisi dei rapporti internazionali ha determinato un forte calo dei flussi di gas dalla Russia. A causare gli aumenti, che infatti, erano iniziati già alla fine dell’estate 2021 è stata la finanziarizzazione del mercato del gas, il cui prezzo nei Paesi comunitari non fa più riferimento al prezzo industriale pagato ai grandi fornitori (Russia, Algeria, Azerbaijan, Libia e Olanda/Norvegia, nel caso dell’Italia), ma ad un indice di prezzo determinato ogni giorno su un mercato finanziario di Amsterdam, il cosiddetto TTF (Title Transfer Facility).

 

 

Come mai gli aumenti erano iniziati prima?

Proprio perché gli indici di prezzo finanziari «prezzano» i futuri aumenti della domanda, possibili crisi nelle forniture e altre variabili, divenendo intrinsecamente volatili. All’inizio dell’autunno 2021 la domanda di energia era in forte crescita in Europa e in tutto il mondo dopo le restrizioni del 2020 e della prima parte del 2021. Di qui, i primi forti aumenti dei futures sul mercato TTF che poi sono divenuti concreti aumenti del prezzo.

 

 

In che modo la presenza della borsa del gas di Amsterdam chiamata TTF altera i prezzi?

Trattandosi di un prezzo finanziario, il prezzo finisce per incorporare la volatilità intrinseca di qualsiasi mercato finanziario, dove gli operatori investono per massimizzare il ritorno dei loro investimenti. Quindi, non solo forti rialzi, ma anche repentine discese. I profitti si fanno ad esempio investendo sui futures. Insomma, tutte le caratteristiche dei mercati finanziari come quello azionario o quello dei titoli.

 

 

Può spiegare ai lettori la differenza tra il gas portato via nave e quello via tubo?

È semplice, ed è la stessa che esiste fra il petrolio trasportato con le petroliere e quello con gli oleodotti. Le sarà capitato di vedere immagini di numerose petroliere attraccate di fronte ad un grande porto di un Paese importatore di petrolio. Stanno in rada fino a quando il prezzo del petrolio, che cambia ogni giorno, non raggiunge un prezzo più alto. A quel punto, iniziano ad entrare in porto per scaricare il greggio. Con gli oleodotti, invece, il prezzo del petrolio fornito in continuo viene fissato per un lungo periodo fra venditore e acquirente ed è dunque un prezzo industriale che incorpora i costi di produzione e un ragionevole margine di profitto per il venditore. Per il gas è la stessa cosa: le navi che lo trasportano liquefatto cercano i prezzi più elevati possibili. Mentre il gas trasportato con i gasdotti ha un prezzo industriale definito da contratti di vendita pluriennali.

 

 

Quanti rigassificatori ha l’Italia? Di quanti ne avrebbe bisogno in assenza totale di gas russo?

L’Italia è raggiunta da un gran numero di gasdotti provenienti da Russia, Algeria, Azerbaijan, Libia e Paesi Bassi. È quindi logico che abbia pochissimi rigassificatori: attualmente sono tre, uno al largo di Rovigo con una capacità da 8 miliardi di metri cubi l’anno, uno da 3,75 miliardi di metri cubi di capacità al largo della costa fra Livorno e Pisa, e un altro a terra poco distante da La Spezia con una capacità da 3,5 miliardi di metri cubi. Di recente è stata pianificata la costruzione di nuovi impianti: ma se, nel medio periodo, il prezzo del gas dovesse tornare ai 15 euro/MWh, ovvero 15 centesimi per metro cubo, l’investimeno diventa poco redditizio. Ricordo che in un metro cubo di gas sono «contenuti» circa 10 kWh di energia, dunque 1 MWh corrisponde a circa 100 metri cubi di gas.

 

 

Il danno al gasdotto Nord Stream 2 è riparabile?

Si legge che solo una delle due condotte del Nord Strean 2 avrebbe subito dei danni. Ma questo gasdotto non era ancora stato attivato. I danni, molto più gravi, sempre da quel che si legge sarebbero ad entrambe le condotte del Nord Stream 1, che invece è in funzione da anni e rifornisce la Germania e i suoi Paesi satelliti di 55 miliardi di metri cubi ogni anno. Se non sarà riparato in tempi brevi, le ripercussioni sull’economia tedesca saranno gravissime, a partire dall’industria chimica che è l’industria principale di qualsiasi grande economia industriale.

 

 

Pochi giorni fa un funzionario russo ha dichiarato che il gasdotto TurkStream potrebbe sostituire le quantità portate con il Nord Stream. È vero?

Forse intendeva dire qualora la capacità del TurkStream fosse triplicata dagli attuali 31,5 miliardi metri cubi all’anno di gas di capacità. Il gasdotto in questione attraversa il Mar Nero. Se si vuole aumentarne la capacità è necessario che cessino i conflitti, e le relazioni internazionali tornino ad essere orientate allo sviluppo reciproco dei Paesi esportatori ed importatori di idrocarburi. Naturalmente, ce lo auguriamo tutti.

 

 

Francia e Germania hanno rinazionalizzato i colossi energetici. Altri Paesi europei ci stanno pensando…

Ce lo eravamo detti oltre un anno fa: con l’eccezione della Norvegia e in parte della Polonia col carbone, i Paesi europei sono sostanzialmente privi di risorse energetiche. L’unico modo per cui possano svilupparsi economicamente è attraverso la disponibilità di energia a basso costo, che si può ottenere solo attraverso le grandi aziende energetiche di Stato. Fino a quando i prezzi di gas e petrolio erano bassi, poteva esserci spazio per qualche produttore minore che distribuisse gas o elettricità attraverso le reti costruite dagli Stati fra gli anni ’30 e la fine degli anni ’90 quando iniziò il ritorno al liberismo economico che pure aveva già distrutto l’economia europea prima e dopo la Prima Guerra Mondiale, portando in pochi anni all’emergere dei totalitarismi in Italia, Russia, Germania e Giappone. Oggi, che il prezzo del petrolio è ormai da anni sopra i 90 dollari  al barile e quello del gas è schizzato alle stelle, questo spazio non esiste più.

 

 

Perché in Italia non si è sentito un discorso analogo per ENI ed ENEL nemmeno in campagna elettorale?

Non deve meravigliare: in Italia la concomitante introduzione del sistema maggioritario all’inizio degli anni ’90 e la liquidazione dei grandi partiti politici popolari ha reso i nuovi partiti politici simili a dei comitati elettorali in cui gli eletti, spesso «paracadutati» in collegi elettorali, cioè territori, che non conoscono, non hanno più alcun vero legame di rappresentanza con gli elettori. Non c’è più alcun bisogno di fare campagna elettorale: quasi metà del corpo elettorale non partecipa al voto. Per accedere al consenso dell’altra metà, fatta essenzialmente di persone sopra i 50 anni, basta condurre pochi dibattiti a forte carattere emozionale in televisione. L’energia, la nazionalizzazione delle aziende energetiche e l’industria di Stato con cui l’Italia da Paese contadino divenne la quarta potenza economica mondiale erano temi che potevano affrontare solo i grandi partiti popolari della Prima Repubblica, con i loro uffici studi e le loro scuole di formazione politica.

 

 

Quale dovrebbe essere il ruolo delle grandi aziende energetiche nazionali?

Quello di approvvigionare le aziende e le famiglie italiane con energia a basso costo. E siccome, accanto alle tecnologie energetiche tradizionali, negli ultimi 20 anni sono emerse le nuove tecnologie dell’energia basate sulla conversione in elettricità delle fonti energetiche naturali – sole, vento, acqua e calore del terreno – queste stesse aziende dovranno sviluppare in Italia l’intera industria delle nuove tecnologie dell’energia, inclusa ovviamente quella dell’accumulo, di cui l’Italia e i Paesi partner europei sono completamente prive. Occorrono investimenti per centinaia di miliardi di euro. E potrà farlo solo lo Stato attraverso queste aziende con investimenti pluriennali. E non certo che con i gli investimenti pubblici prima frazionati in innumerevoli «voci di spesa» e poi messi «a gara» dai ministeri.

 

 

Quale soluzione può avere l’Italia di fronte a questo impasse energetico?

Nei giorni scorsi Davide Tabarelli ha suggerito che le famiglie si dotino di un generatore a gasolio in previsione dei distacchi della corrente elettrica in inverno quando sarà necessario ricorrere al razionamento energetico. Noi ci permettiamo di suggerire che si dotino immediatamente di un impianto fotovoltaico abbinandolo a un pacco di batterie al litio, in particolare al litio ferrosfato: economiche, durevoli e sicure. Oltre metà degli italiani vive in edifici che ospitano una o poche famiglie. Solarizzandone il tetto con i moderni pannelli fotovoltaici che ormai superano i 400 W di potenza, resteranno sorpresi da quanta energia è possibile produrre, accumulare e poi usare in qualsiasi momento della giornata. A chi vive in città, vorrei ricordare che la quasi totalità dei palazzi italiani è priva di un impianto fotovoltaico. Parliamo di tetti di svariate centinaia di metri quadri a cui i condomini possono accedere liberamente installando il loro impianto, senza dover più attendere l’autorizzazione dell’assemblea condominiale e senza dover richiedere permessi o autorizzazioni. Basta informare l’amministratore di condominio per usufruire del proprio spazio riservato sul tetto. Ogni condòmino, infatti, ha diritto alla sua porzione del tetto, uno spazio comune ripartito in parti uguali, che può utilizzare proprio per autoprodurre pregiata energia elettrica.

 

 

 

 

Economia

La Banca d’Inghilterra pubblicherà il piano per la sua moneta digitale entro fine anno

Pubblicato

il

Da

l Regno Unito (UK) pubblicherà un rapporto consultivo contenente i prossimi passi proposti per la sua potenziale valuta digitale della banca centrale (CBDC) controllata dal governo entro la fine del 2022. Lo riporta Reclaim the Net.

 

Il rapporto sarà pubblicato dalla Bank of England, una banca centrale di proprietà del governo del Regno Unito, e dal Tesoro del Regno Unito, il ramo del governo che sviluppa e attua la politica finanziaria ed economica.

 

La pubblicazione del rapporto è stata annunciata da Sir Jon Cunliffe, vicegovernatore della stabilità finanziaria della Banca d’Inghilterra, durante un recente discorso intitolato «Riflessioni su DeFi, valute digitali e regolamentazione». «DeFi» sta per «Decentralized finance», cioè «finanza decentralizzata».

 

Il discorso non si è soffermato dettagli, ma ha indicato che la Banca d’Inghilterra e altri enti governativi del Regno Unito intendono imporre maggiori restrizioni sulle criptovalute mentre procedono con il loro lavoro su una sterlina digitale controllata dal governo.

 

Durante il discorso, Cunliffe ha osservato che la Banca d’Inghilterra sta «esplorando attivamente l’emissione di una sterlina nativa digitale» e ha citato il recente crollo dell’exchange di criptovalute FTX come una delle sue giustificazioni per l’introduzione di regole più rigide sulle criptovalute.

 

Il vicegovernatore ha affermato che il lavoro della Banca d’Inghilterra e del Tesoro per l’avvio di una sterlina digitale è stato guidato dalle «tendenze che si allontanano dal denaro fisico, che non può essere utilizzato in un’economia sempre più digitale, e, potenzialmente, verso nuove forme di denaro tokenizzato».

 

Cunliffe non ha discusso di potenziali implicazioni o limiti sulla privacy che si applicherebbero a una potenziale sterlina digitale, ma ha affermato che ci sarà un «quadro in cui i rischi sono gestiti correttamente». Ha anche indicato la caduta di FTX come «una dimostrazione convincente del motivo per cui è importante».

 

Oltre a discutere della sterlina digitale, Cunliffe ha anche parlato di come le criptovalute saranno presto soggette a normative più severe nel Regno Unito, affermando  che «le attività di servizi finanziari e le entità che ora popolano il mondo delle criptovalute» dovrebbero essere portate «all’interno del quadro normativo». Il funzioanrio ha quindi citato «la necessità di proteggere i consumatori e «la necessità di proteggere la stabilità finanziaria» per giustificare la sua spinta per regolamenti più severi sulle criptovalute.

 

 

Tuttavia  Cunliffe ha affermato che la Bank of England, il Tesoro e l’autorità di regolamentazione finanziaria del Regno Unito, la Financial Conduct Authority (FCA), stanno lavorando a un «prototipo normativo» in cui gli sviluppatori possono esplorare «se e come» i rischi che Cunliffe associa alla DeFi «possono essere gestiti al livello di sicurezza che ci aspettiamo dal sistema attuale».

 

Oltre a queste proposte normative generali, Cunliffe ha delineato come uno specifico atto legislativo che si sta attualmente facendo strada attraverso il parlamento, The Financial Services and Markets Bill, imporrà regolamenti sugli stablecoin (criptovalute che sono ancorate al valore di una valuta nazionale).

 

Secondo Cunliffe, i poteri del disegno di legge avranno un’ampia portata e si applicheranno ai «sistemi di pagamento sistemici e ai servizi, come i portafogli, che li accompagnano» e ↔all’emissione e allo stoccaggio delle monete». La Banca d’Inghilterra «si consulterà in dettaglio» su questo quadro normativo all’inizio del prossimo anno e che alcuni dei requisiti normativi includeranno requisiti affinché gli stablecoin siano «pienamente supportati da attività liquide e di alta qualità».

 

Al di fuori dei suoi commenti sulla regolamentazione, Cunliffe ha preso di mira la DeFi e le blockchain senza autorizzazione, affermando che «deve ancora essere convinto che i rischi inerenti alla finanza possano essere gestiti efficacemente» dai protocolli del software DeFi e che «rimane per me molto dubbio se l’uso della blockchain senza autorizzazione potrebbe fornire il necessario livello di garanzia per le attività che sono parte integrante della stabilità del sistema finanziario».

 

«Non siamo preparati a vedere l’innovazione a costo di un rischio maggiore» ha insistito il funzionario della Banca del Regno.

 

Cunliffe non ha citato il fatto che se la sterlina digitale eroderà l’anonimato offerto dal contante o imporrà il controllo della spesa ai suoi utenti, i banchieri centrali e i funzionari di altri Paesi e organizzazioni sono stati più disponibili quando hanno discusso dei loro piani di emissione di CBDC.

 

«I funzionari della Banca centrale europea (BCE) e della Federal Reserve (la banca centrale degli Stati Uniti) degli Stati Uniti (USA) hanno confermato che il dollaro digitale e l’euro digitale avranno meno anonimato del contante . I funzionari della BCE hanno anche proposto limiti di spesa per l’euro digitale» scrive Reclaim the Net. «E altri potenti funzionari delle istituzioni globali hanno apertamente elogiato il modo in cui i CBDC consentono ai governi di “controllare con precisione ciò per cui le persone possono e non possono spendere i loro soldi” e hanno proposto di collegare i CBDC agli ID digitali». 

 

Come riportato da Renovatio 21, anche la Federal Reserve con colossi del credito e della finanza USA stanno lanciando un programma pilota per il dollaro digitale. La Cina è da tempo sulla strada dello yuan digitale, così come con le CBDC sta sperimentando anche l’Australia.

 

Come ripetuto da Renovatio 21, l’euro digitale, ritenuto ora «inevitabile», sarà costruito sul medesimo sistema utilizzato, e sperimentato, per il green pass.

 

Tuttavia, prima della moneta digitale, passeremo giocoforza per un sistema di identificazione digitale, tale e quale quello ordinato nei discorsi del World Economic Forum, stanno portando avanti tutti i Paesi, dal Canada alla Francia all’Ucraina – all’Italia. Alla costruzione di un programma di identificazione digitale globale la Bill & Melinda Gates Foundation ha donato negli scorsi mesi 200 milioni di dollari.

 

 

Continua a leggere

Economia

Blackout, il funzionario tedesco per le calamità dice: «fate scorte»

Pubblicato

il

Da

Il capo della Bundesamt für Bevölkerungsschutz und Katastrophenhilfe (BBK), cioè l’Ufficio federale tedesco per la protezione civile e il soccorso in caso di calamità, Ralph Tiesler, ha avvertito i cittadini di prepararsi a interruzioni di corrente a breve termine, in particolare a gennaio e febbraio, e di fare scorta in anticipo di generi alimentari.

 

 

«Dobbiamo presumere che questo inverno ci saranno dei blackout. Con ciò intendo un’interruzione regionale e temporanea della fornitura di energia elettrica. La causa non sarà solo la carenza di energia, ma anche il blocco mirato e temporaneo delle reti da parte degli operatori, con l’obiettivo di proteggere le reti e non mettere in pericolo la fornitura complessiva», ha dichiarato Tiesler al Welt am Sonntag.

 

Il Tiesler ha quindi dichiarato che le autorità locali di diversi comuni tedeschi si stanno preparando alla possibilità di blackout e hanno sviluppato “piani precisi” che includono approvvigionamento di generatori di emergenza per supportare il sistema.

 

Nonostante gli impianti di stoccaggio del gas tedeschi siano vicini alla capacità, alcuni ritengono che le scorte non saranno sufficienti per l’inverno a causa della mancanza di nuove forniture dalla Russia.

 

«Ci aspettiamo blackout a breve termine piuttosto che blackout di lunga durata e su larga scala. Ma anche per questo è importante una buona preparazione», ha aggiunto Tiesler.

 

La risposta, dice l’esperto statale in catastrofi, è «fare scorte».

 

«Principalmente acqua, diverse casse e cibo in scatola. Sarebbero sufficienti per dieci giorni. Questo è ciò che raccomanda la mia agenzia… disponibile tutto il tempo», ha affermato Tiesler, aggiungendo il classico suggerimento per cui i cittadini dovrebbero anche acquistare radio e candele alimentate a batteria.

 

I problemi energetici della Germania derivano da un calo delle forniture di gas dalla Russia, dopo un piano sconsiderato di economia verde lanciato dalla Merkel, che ha innalzato pale eoliche in un Paese senza vento e chilometri quadrati di pannelli solari in un Paese senza sole.

 

A tutto questo si è aggiunta la chiusura programmata delle centrali nucleari, nonostante esistano nel Paese varie forze (scienziati, politici, industriali, la popolazione stessa) che premono per un pieno ritorno all’atomo per scongiurare la crisi energetica che potrebbe mettere in ginocchio la Germania, la sua economia e la sua popolazione.

 

Quanto al gas russo, esso era interrotto da prima delle sanzioni antirusse per il conflitto ucraino. Già a gennaio 2022 la Germania aveva sfiorato un blackout del gas, mentre poco dopo la mancanza di energia ha provocato una paralisi parziale del sistema ferroviario nazionale.

 

Ad ogni modo, il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream ha tolto a Berlino ogni possibilità di tornare ad interfacciarsi con Mosca. Curiosamente, si è appreso che la CIA aveva informato Berlino di possibili attacchi al Nord Stream 2 settimane prima che questi si materializzassero.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Germania sta preparando «hub di riscaldamento» (palestre, scuole, palazzetti dello sport) per «sfollati energetici», ossia coloro che si troveranno le loro case gelide per mancanza di gas – trasformando le abitazioni in strumenti di morte soprattutto per la popolazione più debole.

 

Il governo Scholz si attende rivolte in gran numero e si prepara da mesi alla loro repressione, con una concezione assai elastica degli «estremisti» da reprimere: è estremista, oramai, chiunque non sia d’accordo con la narrativa di Stato.

 

In una rivelazione della scorsa settimana, si è appreso che in Germania sarebbero allo studio consegne domestiche di contante in caso di blackout, per evitare assalti a bancomat e banche e caso sociale conseguente.

 

L’ufficio catastrofi BKK aveva scioccato l’Europa l’anno passato con una pubblicità progresso che dava consigli su come sopravvivere ad una mancanza prolungata di riscaldamento. Renovatio 21 cita spesso questo indimenticabile video, tuttavia stavolta vogliamo fissare l’attenzione del lettore su una cosa. Chi manca nel quadretto presentato?

 

 

Massì, il cittadino tedesco maschio, giovane, adulto o vecchio che sia, proprio non esiste. C’è però il marcantonio immigrato…

 

Sono segni che a qualcuno possono dir qualcosa.

 

 

Continua a leggere

Economia

Come BlackRock ha creato la crisi energetica globale

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La maggior parte delle persone è sconcertata da quella che è una crisi energetica globale, con i prezzi del petrolio, del gas e del carbone che salgono simultaneamente e costringono persino alla chiusura di importanti impianti industriali come prodotti chimici o alluminio o acciaio. L’amministrazione Biden e l’UE hanno insistito sul fatto che tutto è dovuto alle azioni militari di Putin e della Russia in Ucraina. Questo non è il caso. La crisi energetica è una strategia a lungo pianificata dei circoli aziendali e politici occidentali per smantellare le economie industriali in nome di un’agenda verde distopica. Ciò ha le sue radici nel periodo ben prima del febbraio 2022, quando la Russia ha lanciato la sua azione militare in Ucraina.

 

 

Blackrock spinge gli ESG

Nel gennaio 2020, alla vigilia dei devastanti lockdown COVID economicamente e socialmente, il CEO del più grande fondo di investimento mondiale, Larry Fink di Blackrock, ha inviato una lettera ai colleghi di Wall Street e ai CEO aziendali sul futuro dei flussi di investimento.

 

Nel documento, modestamente intitolato «A Fundamental Reshaping of Finance» («un fondamentale rimodellamento della finanza»), Fink, che gestisce il più grande fondo di investimento del mondo con circa 7 trilioni di dollari allora in gestione, ha annunciato una svolta radicale per gli investimenti aziendali.

 

Il denaro «diventerebbe verde». Nella sua lettera del 2020, seguita da vicino, Fink ha dichiarato: «nel prossimo futuro – e prima di quanto la maggior parte si aspetti – ci sarà una significativa riallocazione del capitale… Il rischio climatico è un rischio di investimento». Inoltre ha affermato: «ogni governo, azienda e azionista deve affrontare il cambiamento climatico».

 

In una lettera separata ai clienti investitori di Blackrock, Fink ha presentato la nuova agenda per gli investimenti di capitale. Ha dichiarato che Blackrock uscirà da alcuni investimenti ad alto contenuto di carbonio come il carbone, la più grande fonte di elettricità per gli Stati Uniti e molti altri paesi. Ha aggiunto che Blackrock esaminerà i nuovi investimenti in petrolio, gas e carbone per determinare la loro adesione alla «sostenibilità» dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

 

Fink ha chiarito che il fondo più grande del mondo inizierà a disinvestire in petrolio, gas e carbone. «Nel tempo – ha scritto Fink –le aziende e i governi che non rispondono alle parti interessate e affrontano i rischi per la sostenibilità incontreranno un crescente scetticismo da parte dei mercati e, a loro volta, un costo del capitale più elevato».

 

Ha aggiunto che «il cambiamento climatico è diventato un fattore determinante nelle prospettive a lungo termine delle aziende… siamo sull’orlo di un fondamentale rimodellamento della finanza».

 

Da quel momento in poi i cosiddetti investimenti ESG, penalizzando le aziende che emettono CO2 come ExxonMobil, sono diventati di gran moda tra gli hedge fund e le banche di Wall Street e i fondi di investimento tra cui State Street e Vanguard. Tale è il potere di Blackrock. Fink è stato anche in grado di convincere quattro nuovi membri del consiglio di amministrazione di ExxonMobil a porre fine alle attività di petrolio e gas della società.

 

La lettera di Fink del gennaio 2020 era una dichiarazione di guerra della grande finanza contro l’industria energetica convenzionale. BlackRock è stato uno dei membri fondatori della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) ed è uno dei firmatari dell’UN PRI— Principles for Responsible Investing, una rete di investitori supportata dalle Nazioni Unite che promuove investimenti a zero emissioni di carbonio utilizzando i criteri ESG altamente corrotti criteri: fattori ambientali, sociali e di governance nelle decisioni di investimento. Non esiste alcun controllo oggettivo sui dati falsi per l’ESG di un’azienda.

 

Inoltre Blackrock ha firmato la dichiarazione del Vaticano del 2019 che sostiene i regimi di tariffazione del carbonio. BlackRock nel 2020 è anche entrata a far parte di Climate Action 100, una coalizione di quasi 400 gestori di investimenti che gestiscono 40 trilioni di dollari.

 

Con quella fatidica lettera del CEO del gennaio 2020, Larry Fink ha avviato un colossale disinvestimento nel settore globale del petrolio e del gas da trilioni di dollari. In particolare, quello stesso anno Fink di BlackRock è stato nominato membro del Board of Trustees del distopico World Economic Forum di Klaus Schwab, il nesso politico e aziendale dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite Zero Carbon.

 

Nel giugno 2019, il World Economic Forum e le Nazioni Unite hanno firmato un accordo strategico quadro di partenariato per accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030. Il WEF dispone di una piattaforma di intelligence strategica che include i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.

 

Nella sua lettera al CEO del 2021, Fink ha raddoppiato l’attacco a petrolio, gas e carbone. «Dato quanto sarà centrale la transizione energetica per le prospettive di crescita di ogni azienda, chiediamo alle aziende di divulgare un piano su come il loro modello di business sarà compatibile con un’economia net zero», ha scritto Fink.

 

Un altro ufficiale di BlackRock ha detto a una recente conferenza sull’energia, «dove va BlackRock, altri seguiranno».

 

In soli due anni, entro il 2022, circa 1 trilione di dollari è uscito dagli investimenti nell’esplorazione e nello sviluppo di petrolio e gas a livello globale. L’estrazione del petrolio è un’attività costosa e l’interruzione degli investimenti esterni da parte di BlackRock e di altri investitori di Wall Street segna la lenta morte del settore.

 

 

Biden: un presidente di BlackRock?

All’inizio della sua allora poco brillante candidatura presidenziale, Biden ha avuto un incontro a porte chiuse alla fine del 2019 con Fink che, secondo quanto riferito, ha detto al candidato che «sono qui per aiutare».

 

Dopo il suo fatidico incontro con Fink di BlackRock, il candidato Biden ha annunciato: «ci sbarazzeremo dei combustibili fossili».

 

Nel dicembre 2020, anche prima che Biden fosse inaugurato nel gennaio 2021, ha nominato Brian Deese, responsabile globale degli investimenti sostenibili di BlackRock, come Assistente del Presidente e Direttore del Consiglio Economico Nazionale. Da qui, Deese, che ha svolto un ruolo chiave per Obama nella stesura dell’accordo sul clima di Parigi nel 2015, ha tranquillamente plasmato la guerra di Biden all’energia.

 

Questo è stato catastrofico per l’industria petrolifera e del gas. L’uomo di Fink, Deese, è stato attivo nel fornire al nuovo presidente Biden un elenco di misure anti-petrolio da firmare con ordine esecutivo a partire dal primo giorno nel gennaio 2021. Ciò includeva la chiusura dell’enorme oleodotto Keystone XL che avrebbe portato 830.000 barili al giorno dal Canada fino alle lontane raffinerie del Texas e interrompendo qualsiasi nuovo contratto di locazione nell’Arctic National Wildlife Refuge (ANWR).

 

Biden ha anche aderito all’accordo sul clima di Parigi che Deese aveva negoziato per Obama nel 2015 e Trump ha annullato.

 

Lo stesso giorno, Biden ha avviato una modifica del cosiddetto «costo sociale del carbonio» che impone una punizione di 51 dollari per tonnellata di CO2 all’industria petrolifera e del gas. Quest’unica mossa, stabilita sotto l’autorità del ramo puramente esecutivo senza il consenso del Congresso, sta comportando un costo devastante per gli investimenti in petrolio e gas negli Stati Uniti, un Paese che solo due anni prima era il più grande produttore mondiale di petrolio.

 

 

Uccidere la capacità di raffinazione

Ancora peggio, le regole ambientali aggressive di Biden e i mandati di investimento ESG di BlackRock stanno uccidendo la capacità di raffinazione degli Stati Uniti. Senza raffinerie non importa quanti barili di petrolio prendi dalla Strategic Petroleum Reserve.

 

Nei primi due anni della presidenza di Biden, gli Stati Uniti hanno chiuso circa 1 milione di barili al giorno di capacità di raffinazione di benzina e diesel, alcuni a causa crollo della domanda per COVID, il calo più rapido nella storia degli Stati Uniti. Gli arresti sono permanenti. Nel 2023 è prevista la chiusura di ulteriori 1,7 milioni di barili al giorno di capacità a seguito del disinvestimento ESG di BlackRock e Wall Street e delle normative Biden.

 

Citando il pesante disinvestimento petrolifero di Wall Street e le politiche anti-petrolio di Biden, l’amministratore delegato di Chevron nel giugno 2022 ha dichiarato di non credere che gli USA costruiranno mai un’altra nuova raffineria.

 

Larry Fink, membro del consiglio del World Economic Forum di Klaus Schwab, è affiancato dall’UE il cui presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, ha lasciato il consiglio del WEF nel 2019 per diventare capo della Commissione UE.

 

Il suo primo atto importante a Bruxelles è stato quello di portare avanti l’agenda EU Zero Carbon Fit for 55. Ciò ha imposto importanti tasse sul carbonio e altri vincoli su petrolio, gas e carbone nell’UE ben prima delle azioni russe del febbraio 2022 in Ucraina.

 

L’impatto combinato dell’agenda ESG fraudolenta di Fink nell’amministrazione Biden e della follia Zero Carbon dell’UE sta creando la peggiore crisi energetica e inflazionistica della storia.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

Continua a leggere

Più popolari