Connettiti con Renovato 21

Protesta

Melbourne, violenze della polizia contro la protesta dei manovali

Pubblicato

il

 

 

La protesta dei lavoratori nel settore dei costruttori di Melbourne sta continuando, e le forze dell’ordine stanno rispondendo con violenza crescente.

 

Come riportato negli scorsi giorni da Renovatio 21, la protesta nella capitale dello Stato australiano del Victoria si è fatta massiva, con promessa, scandita da canti continui, che essa sarebbe andata avanti «everyday», cioè tutti i giorni.

 

Alla base della protesta vi è la decisione del governo di mettere in lockdown l’intero comparto delle costruzioni in lockdown per due settimane al fine di spingere alle vaccinazioni manovali e altri lavoratori del settore.

 

Ciò ha scatenato l’ira dell’intera categoria, che ha marciato sull’autostrada, sulle vie cittadine e fino alle scalinate del Parlamento locale.

 

Al terzo giorno di manifestazioni diversi filmati mostrano la rabbia dei lavoratori e la repressione tremenda da parte della polizia.

 

Il video più scioccante è quello di un uomo steso a terra in una pozza di sangue. Dice che il suo teschio è stato frantumato.

Le manifestazioni sono sempre più partecipate. Nei cartelli è possibile leggere «Andrew is the virus», dove Andrews è il primo ministro-

La polizia ha reagito anche sparando pallottole di gomma, i cui effetti sul corpo dei manifestanti sono resi visibili in video come questo

Momenti di tensione e scontro si sono ripetuti in varie occasioni

È stato possibile assistere a scene inquietanti come questa: da un SUV non segnato come appartenente alle forze dell’ordine, esce quello che pare proprio manipolo di agenti dell’anti-terrorismo per gettare a terra ed arrestare una persona rea di aver fatto loro un gesto.

In un video apparso l’altro giorno, la polizia arresta una madre con un cartello, mentre il figlio piccolo piange e si aggrappa a lei. Del resto, come riportato da Renovatio 21, in Australia sono state discusse già l’anno passato leggi per separare genitori e figli se i primi non assecondano le leggi COVID. La stessa polizia di Melbourne non si è fatta problemi nei mesi scorsi ad entrare in casa della gente per arrestare madri (magari incinta!) dinanzi ai figli sconvolti.

La presenza di agents provocateurs infiltrati dalla polizia nella protesta è stata filmata da più parti


Episodi di violenza gratuita (e codarda) sono stati registrati anche alla stazione di Flinders, in un clima apparentemente disteso


La polizia di Victoria starebbe tentando di impedire ai media di mostrare immagini aeree delle proteste di Melbourne. Avrebbe quindi dato un ordine di no-fly agli elicotteri dei canali TV come Sky News. Curiosamente, si tratta dello stesso ordine impartito dalle autorità federali americani (il Dipartimento dei Trasporti di Pete Buttigieg, l’orgoglioso segretario homo che ha fatto sapere di recente di aver affittato un utero) ai media che stanno riportando della crisi immigratoria a Del Rio, Texas, dove decine di migliaia di immigrati haitiani stanno entrando illegalmente in territorio USA.

 

Ieri Renovatio 21 aveva mostrato alcuni di quei video che, dall’alto, davano conto della vastità della protesta.

 

Emergono anche alcuni video enigmatici che mostrano come agli utenti Facebook australiani sia ora impedito di mettere un like a determinati commenti.

 

Melbourne potrebbe essere il punto di svolta della protesta globale. Et pour cause: la follia dello Stato pandemico è stata subita dagli abitanti del Victoria più di chiunque altro.

Protesta

Si allargano le proteste degli agricoltori polacchi: nel mirino l’Ucraina

Pubblicato

il

Da

La protesta degli agricoltori europei sta trovando una nuova fase di espansione anche in Polonia.

 

In un articolo di sostegno, il giornale tedesco Preußische Allgemeine Zeitung riferisce che gli agricoltori polacchi hanno chiarito che non vogliono più essere tutelati da Bruxelles, né dal Green Deal, o dallo «zielony ład» (ordine verde), né dalla politica ucraina, entrambi che l’UE sta perseguendo a scapito dell’agricoltura polacca.

 

Se l’UE giustifica l’importazione esente da dazi di cereali dall’Ucraina come risultato della guerra in Ucraina, i contadini polacchi insistono che nel chiedere «un risarcimento dal fondo di guerra sotto forma di sussidi per cereali, colza, latte, fertilizzanti e maggiori sussidi per il carburante», ha detto Grzegorz Bardowski, conosciuto in tutta la Polonia come presenza fissa in programmi televisivi.

 

«L’Ucraina può inghiottire l’agricoltura polacca ed europea senza battere ciglio. Se si dice che l’Ucraina può nutrire tutta l’Africa, che cos’è per loro l’Europa?» ha chiesto, sottolineando che la metà dei terreni agricoli dell’Ucraina sono di proprietà di aziende agricole straniere, di cui 360.000 ettari sono registrati in Lussemburgo, 670.000 a Cipro e 200.000 in Arabia Saudita.

 


Sostieni Renovatio 21

«Pensa che i proventi di queste partecipazioni rimarranno in Ucraina?» ha chiesto Bardowski, che ha anche elencato i pesticidi utilizzati in Ucraina che l’UE ha dichiarato nocivi. «E poi dovremmo lasciare a maggese anche il 4% del nostro suolo. Che assurdità! … Quando è troppo è troppo!».

 

Per gli agricoltori deve diventare conveniente produrre nuovamente.

 

La protesta era stata lanciata lo scorso 9 febbraio, quando i trattori hanno bloccato le strade in 300 villaggi di tutti i voivodati, anche al confine con l’Ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, due settimane fa gli agricoltori del celeberrimo sindacato Solidarnosc hanno bloccato il confine ucraino in segno di protesta. Tre mesi fa i contadini polacchi si erano uniti al blocco che i camionisti connazionali avevano intentato sempre per protestare contro la concorrenza sleale permessa all’Ucraina.

 

Blocchi di camion contro Kiev si erano visti anche in Ungheria e Slovacchia.

 

Nelle manifestazioni di protesta di queste ore si è potuto vedere anche un un trattore con uno striscione molto eloquente

 

 

Tradotto: «Putin occupati dell’Ucraina, di Bruxelles e dei nostri stessi leader».

 

Frase piuttosto incredibile se scritta in polacco.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Droni

I contadini indiani in protesta usano aquiloni per abbattere i droni lacrimogeni della polizia

Pubblicato

il

Da

Gli agricoltori indiani, che negli ultimi tre giorni hanno protestato alla periferia di Nuova Delhi chiedendo riforme per garantire prezzi garantiti per i loro prodotti, stanno respingendo i droni della polizia che lanciano gas lacrimogeni intrappolandoli con aquiloni fatti in casa. Lo riporta RT.   Migliaia di agricoltori provenienti da diversi stati, tra cui Punjab, Haryana e il vicino Uttar Pradesh, avrebbero dovuto convergere nella capitale indiana per lanciare proteste su larga scala, ma sono stati fermati dalla polizia quando il governo ha deciso di sigillare diversi confini statali.   Nel mezzo della repressione, filmati delle tattiche non convenzionali degli agricoltori, secondo quanto riferito, al confine tra gli stati agricoli del Punjab e dell’Haryana, sono emersi su Twitter. Mentre i droni venivano utilizzati per rilasciare gas lacrimogeni per disperdere gli agricoltori, secondo quanto riportato dai media, alcuni manifestanti hanno fatto volare degli aquiloni per abbattere le macchine, hanno mostrato i filmati.  

Sostieni Renovatio 21

Altri sono stati visti armati di palline da tennis mentre continuavano a condurre una guerra non convenzionale contro gli UAV, ha riferito l’Hindustan Times. Il primo giorno della protesta, i leader dei gruppi di agricoltori hanno accusato il governo centrale del paese di aver «attaccato» i manifestanti che marciavano verso Delhi. Secondo il Times of India, 60 manifestanti sono rimasti feriti quando la polizia ha usato gas lacrimogeni al confine tra Punjab e Haryana.   I rapporti rilevano che mentre alcuni manifestanti portavano sacchi di iuta bagnati, occhiali e guanti per la sicurezza, altri hanno acquistato giubbotti antiproiettile per Rs 2.000 (circa 20 euro) per proteggersi dai proiettili di gomma, che secondo loro erano stati sparati dalla polizia.   In un altro articolo, il Times of India ha osservato che la polizia di Delhi ha ordinato 30.000 proiettili lacrimogeni da un produttore statale.    

Aiuta Renovatio 21

Gli agricoltori premono per un prezzo di sostegno minimo (MSP) legalmente garantito per i loro raccolti in quanto darebbe loro una maggiore sicurezza finanziaria. Altre richieste includono la libertà dal debito, l’aumento delle tasse sui prodotti importati, la cancellazione del libero scambio e di altri accordi conclusi tramite l’Organizzazione Mondiale del Commercio e il divieto degli investimenti diretti esteri nel settore agricolo.   I leader del movimento dei contadini hanno avuto diversi colloqui con il governo di Narendra Modi l’8, 12 e 15 febbraio. Finora i colloqui sono rimasti inconcludenti. Il governo ha chiarito che non sarà possibile soddisfare le richieste degli agricoltori riguardo ad una PSM nell’immediato futuro.   Durante un’intervista con l’agenzia di stampa PTI il 13 febbraio, il ministro dell’Unione Arjun Munda ha sottolineato che non sarebbe fattibile affrettarsi a promulgare una legge per garantire i prezzi minimi per i raccolti senza consultare tutte le parti interessate.   Il Munda ha quindi esortato gli agricoltori in protesta a rimanere vigili e cauti nei confronti di alcuni elementi che potrebbero cercare di sfruttare il loro movimento per vantaggi politici, offuscandone così l’integrità.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter    
Continua a leggere

Protesta

Il governo greco tenta una linea dura contro gli agricoltori

Pubblicato

il

Da

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha quasi annunciato che adotterà una linea dura contro gli agricoltori in protesta.

 

Mentre ieri gli agricoltori hanno annunciato che intensificheranno le proteste e i blocchi delle autostrade nazionali, Mistotakis ha inviato un messaggio agli agricoltori avvertendoli che «nessuno può ricattare la società, non importa quanto giusta possa essere la richiesta».

 

Il premier ellenico aggiunto che incontrerà gli agricoltori solo se non ci saranno blocchi stradali e interruzioni. «Nessuno dovrebbe pensare che un gruppo sociale possa ricevere un trattamento preferenziale perché può gridare di più e manifestare con più vigore», ha detto a Kathimerini.

 


Sostieni Renovatio 21

 

Il primo ministro aveva fatto dichiarazioni simili in una riunione del giorno prima, quando aveva parlato con il presidente della Camera ellenico-americana Nikolaos Bakatselos. Dal momento che prende ordini anche dall’UE a Bruxelles, ha spiegato che le richieste degli agricoltori vanno oltre i «margini fiscali» del governo, definiti dai creditori internazionali di Bruxelles e Atene.

 


Gli agricoltori in protesta non ne sono rimasti così impressionati. Ieri hanno inviato una lettera al primo ministro con le loro richieste e hanno istituito blocchi simbolici in diversi punti del paese.

 

Le associazioni degli agricoltori e i comitati di blocco hanno affermato che le offerte sono una «goccia nell’oceano dei problemi».

 

Le richieste dei manifestanti includono: petrolio agricolo esente da dazi, sussidi per elettricità e mangimi, rinegoziazione della nuova politica agricola comune, compensazione al 100% e sostituzione del reddito perduto sui prodotti e fine delle grecizzazioni illegali.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

 

Continua a leggere

Più popolari