Connettiti con Renovato 21

Ambiente

«Le mascherine sono una bomba a orologeria»

Pubblicato

il

 

 

Il problema ambientale delle mascherine, lo sappiamo tutti, è pericolosamente latente.

 

A parlarne diffusamente è stato ancora lo scorso aprile il dottor Joseph Mercola, noto medico osteopatico e sostenitore della medicina alternativa. Mercola ha il merito non solo di affrontare il tema da un punto di vista ecologico, ma anche di salute dell’uomo e delle altre speci.

 

«Il pianeta potrebbe affrontare una nuova crisi della plastica, simile a quella causata dall’acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolge le mascherine per il viso scartate. Il “mascheramento di massa” continua a essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di sanità pubblica durante la pandemia di COVID-19, nonostante la ricerca mostri che le mascherine non riducono significativamente l’incidenza dell’infezione» ha scritto mercola in un articolo ampiamente circolato in rete.

 

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle mascherine. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle mascherin

«Di conseguenza, si stima che ogni mese in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di mascherine per il viso, il che equivale a circa 3 milioni di mascherine al minuto. La maggior parte di queste sono la varietà usa e getta, realizzata con microfibre di plastica. Con dimensioni che vanno da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono le microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, nonché dalle creature terrestri che le consumano (compresi gli esseri umani). Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte ogni anno a livello globale, e questo prima che indossare la mascherina diventasse un’abitudine quotidiana. La maggior parte finisce come rifiuto nell’ambiente, portando i ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Princeton ad avvertire che le mascherine potrebbero diventare rapidamente “il prossimo problema della plastica».

 

Si chiede il dottor Mercola: perché le mascherine usa e getta possono essere anche peggio delle bottiglie di plastica? 

 

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle mascherine. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle mascherine, il che rende più probabile lo smaltimento come rifiuto solido, hanno affermato i ricercatori. Con l’aumento delle segnalazioni sullo smaltimento inappropriato delle mascherine, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale.

 

«Non solo le mascherine non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono suscettibili di persistere e accumularsi nell’ambiente. La maggior parte delle mascherine usa e getta contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirene e uno strato interno in materiale assorbente come il cotone».

 

È noto inoltre  che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo

Il polipropilene è già una delle materie plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotto e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell’ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell’asma. Poiché le mascherine possono essere realizzate direttamente con fibre di plastica microdimensionate con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microdimensionate nell’ambiente più facilmente e più velocemente rispetto a oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.

 

Inoltre, l’impatto ambientale può essere aggravato da una mascherina di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica di dimensioni nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento da nanoplastiche. Come riportato da Renovatio 21, un rapporto di OceansAsia ha calcolato che 1,56 miliardi di mascherine  potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima della produzione globale di 52 miliardi di mascherine prodotte quell’anno e un tasso di perdita del 3%, che è prudente.

 

«Sulla base di questi dati e di un peso medio da 3 a 4 grammi per una mascherina chirurgica in polipropilene monouso, le mascherine aggiungerebbero da 4.680 a 6.240 tonnellate aggiuntive di inquinamento plastico all’ambiente marino, che impiegherà fino a 450 anni per abbattersi, trasformandosi lentamente in microplastiche e con un impatto negativo sulla fauna marina e sugli ecosistemi».

«Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati a ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità»

 

È noto inoltre  che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo. Piccoli pezzi di plastica rovinati dalle intemperie, che fanno pensare che abbiano fatto un lungo viaggio, sono stati trovati in cima alle montagne dei Pirenei nel sud della Francia e “nelle aree più settentrionali e orientali dei mari della Groenlandia e di Barents”.

 

«Definendo l’area dei mari della Groenlandia e di Barents un “vicolo cieco” per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondale marino sottostante sarebbe stato un punto di raccolta per l’accumulo di detriti di plastica. In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l’inquinamento da plastica ha raggiunto l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, un’area ritenuta per lo più priva di contaminazioni» ricorda Mercola citando uno studio.

 

«Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati a ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità».

 

Oltre alla tossicità chimica, l’ingestione di microplastiche da mascherine degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero trasportare microrganismi patogeni.

 

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una mascherina vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate.

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una mascherina vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate. 

 

«I ricercatori della Xi’an Jiaotong University hanno anche affermato che scienziati, produttori e autorità di regolamentazione devono valutare l’inalazione di detriti di microplastica e nanoplastica rilasciati dalle mascherine, sia usa e getta che di stoffa, osservando “irritazione alla gola o disagio nel tratto respiratorio da parte di bambini, anziani o altri individui sensibili dopo averli indossati possono essere segnali di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da mascherine e respiratori fatti da sé”».

 

C’è poi la questione più nuova e delicata, quella del microbioma polmonare:

 

«Sebbene sia risaputo che il microbiota intestinale influisca sul sistema immunitario e sul rischio di malattie croniche, si è pensato a lungo che i polmoni fossero sterili. Ora è noto che i microbi della tua bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei tuoi polmoni. Non solo, ma i ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University (NYU) hanno rivelato che quando questi commensali orali sono “arricchiti” nei polmoni, sono associati al cancro».

 

«Nello specifico, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei polmoni rispetto a quelli con cancro allo stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei polmoni avevano anche una ridotta sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore».

 

«Sebbene lo studio non abbia esaminato il modo in cui l’uso della mascherina potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato: “Il microbiota delle vie aeree inferiori, in stato di salute o di malattia, è principalmente influenzato dall’aspirazione delle secrezioni orali e il microbiota delle vie aeree inferiori i prodotti sono in costante interazione con il sistema immunitario dell’ospite”».

 

Sembra molto probabile, scrive quindi il dottore, che indossare una mascherina acceleri l’accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l’uso della mascherina possa essere collegato al cancro del polmone in stadio avanzato. Il National Institutes of Health ha persino condotto uno studio che ha confermato che quando indossi una mascherina la maggior parte del vapore acqueo che espiri normalmente rimane nella mascherina, si condensa e viene re-inalata.

 

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di mascherine che rientravano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. Hanno registrato sintomi che «includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/asilo (44%), malessere (42%), difficoltà di apprendimento ( 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

Sono arrivati ​​al punto di suggerire che indossare una mascherina umida e inalare l’aria umida del proprio respiro fosse una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che l’inalazione dei microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo non sembra un vantaggio.

 

La «nuova normalità» del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le mascherine siano «sicure» da indossare per i bambini per lunghi periodi, come durante la scuola, ma non è stata effettuata alcuna valutazione dei rischi. Inoltre, come evidenziato dal primo registro tedesco che registra l’esperienza che i bambini stanno vivendo indossando mascherine.

 

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di mascherine che rientravano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. Hanno registrato sintomi che «includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/asilo (44%), malessere (42%), difficoltà di apprendimento ( 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

 

Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di vertigini e il 17,9% non era disposto a muoversi o giocare. Centinaia di persone hanno più esperienza di «respirazione accelerata, senso di oppressione al petto, debolezza e compromissione della coscienza a breve termine».

 

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana e gli studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. I feti esposti alle microplastiche hanno anche guadagnato meno peso nella parte successiva della gravidanza.

 

«Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto», ha detto al Guardian Phoebe Stapleton della Rutgers University, capo della ricerca.

 

Il Dr. Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 procedure chirurgiche ed è anche un ex editore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un’analisi scientifica basata sull’evidenza sulle mascherine, che dimostra che non solo dovrebbero le persone sane non indossare mascherine ma potrebbero essere danneggiate di conseguenza.

 

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana e gli studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. I feti esposti alle microplastiche hanno anche guadagnato meno peso nella parte successiva della gravidanza

Meehan suggerisce che l’idea di indossare una mascherina sfida il buon senso e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente di COVID-19.

 

Meehan ha compilato 17 modi in cui le mascherine possono causare danni:

 

  • Le mascherine mediche influiscono negativamente sulla fisiologia e sulla funzione respiratoria
  • Le mascherine mediche riducono i livelli di ossigeno nel sangue
  • Le mascherine mediche aumentano i livelli di anidride carbonica nel sangue
  • SAR-CoV-2 ha un sito di “scissione del furin” che lo rende più patogeno e il virus entra più facilmente nelle cellule quando i livelli di ossigeno arterioso diminuiscono, il che significa che indossare una mascherina potrebbe aumentare la gravità del COVID-19
  • Le mascherine mediche intrappolano il virus espirato in bocca/maschera, aumentando la carica virale/infettiva e aumentando la gravità della malattia
  • SARS-CoV-2 diventa più pericoloso quando i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono
  • Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 aumenta l’invasione cellulare, specialmente durante bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • Le mascherine di stoffa possono aumentare il rischio di contrarre il COVID-19 e altre infezioni respiratorie
  • Indossare una mascherina facciale può dare un falso senso di sicurezza
  • Le mascherine compromettono le comunicazioni e riducono il distanziamento sociale
  • È comune una gestione non addestrata e inappropriata delle mascherine per il viso
  • Le mascherine indossate in modo imperfetto sono pericolose
  • Le mascherine raccolgono e colonizzano virus, batteri e muffe
  • Indossare una mascherina per il viso fa entrare l’aria espirata negli occhi
  • Gli studi sul tracciamento dei contatti mostrano che la trasmissione dei portatori asintomatici è molto rara
  • Le mascherine per il viso e gli ordini di rimanere a casa impediscono lo sviluppo dell’immunità di gregge
  • Le mascherine per il viso sono pericolose e controindicate per un gran numero di persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti

 

«Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto»

«Aggiungendo la beffa al danno, il primo studio randomizzato controllato su oltre 6.000 individui per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le mascherine non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione» conclude Mercola.

 

«Considerando la mancanza di prove per il loro uso e i potenziali danni alla salute umana e all’ambiente, non c’è da meravigliarsi che stiano crescendo le richieste di disobbedienza civile pacifica contro il mascheramento obbligatorio». 

 

Continua a leggere

Ambiente

«Se vuoi controllare le persone, controlla la CO2»: parla l’europarlamentare Rob Roos

Pubblicato

il

Da

L’europarlamentare olandese Rob Roos, già noto per aver indotto Pfizer durante l’udienza a Bruxelles a confessare che il vaccino non era testato per il contagio, ha fatto considerazioni interessanti sul piano climatico in una recente intervista con il giornalista ed attivista statunitense Del Bigtree, sodale di Robert Kennedy jr.

 

Le élite, ha dichiarato il Roos, «vanno contro i valori della famiglia. Vanno contro il cibo naturale. Vanno contro la libertà – perché se devi comprare un’auto elettrica, ti costa quasi il doppio, e la gente non può comprarla – non è una questione di macchina, ma non puoi andare da nessuna parte e devi dipendere dai trasporti pubblici».

 

«È anche digitalizzazione. Ciò che vediamo è l’identità digitale e la valuta digitale della Banca Centrale – tutto porta ad una nuova forma di comunismo» ha dichiarato Roos, che già nelle scorse settimana ha avvertito dell’imminente catastrofe delle CBDC, le monete digitali da Banca Centrale.

 

Sostieni Renovatio 21

«Se vuoi controllare le persone, devi controllare la CO2, perché tutto ciò che facciamo nella vita, respirare, vivere, viaggiare, mangiare e tutto ciò che facciamo nella vita porta a emissioni di CO2. E se riesci a controllare la CO2, puoi controllare le persone», ha detto Roos.

 

L’eurodeputato neerlandese ha quindi spiegato che il controllo finale arriva quando si collegheranno le identità digitali delle persone alla valuta digitale della Banca Centrale.

 

«Gran parte di questo è stata accelerata durante il COVID» ha incalzato il Bigtree, sottolineando che il World Economic Forum ha definito l’era COVID come il «Grande Reset».

 

Nell’intervista è stata citata la lettera di 1.600 scienziati, tra cui due premi Nobel, in cui si afferma che «non esiste un’emergenza climatica». Tuttavia diviene sempre più chiaro che l’allarme per il supposto imminente disastro climatico sia un pretesto per infliggere alla popolazione mondiale una specifica agenda di controllo.

 

Roos ha quindi enunciato un principio memorabile: «se puoi controllare la CO2, puoi controllare le persone».

 

Nulla è più vero: l’anidride carbonica non solo è la base della grande truffa ambientalista, ma è anche la base della chimica organica. L’equazione, in realtà, è ancora più semplice e spaventosa di quella di Roos: niente vita, niente C02.

 

La Necrocultura si è fatta verde per questo: per eliminare la vita umana dal pianeta.

 

Nel frattempo, in superficie, la CO2 è divenuta non solo un’unità di misura per le vostre libertà – perfino segnata nel vostro conto bancario! – ma un vero e proprio elemento della nuova religione, dove l’«impronta carbonica» sostituisce il peccato della vecchia credenza cristiana.

 

Il peccato carbonico sarà per lo Stato moderno non solo pienamente leggibile e calcolabile, ma collegato alla moneta digitale, senza la quale non potrete più né comprare né vendere. Ogni pensiero sul marchio della Bestia di cui San Giovanni parla nel libro della Rivelazione è oggi lecito.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Elekes Andor via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

I fanatici del clima attaccano ancora Monet. Purtroppo non per motivi estetici

Pubblicato

il

Da

Sabato una coppia di attivisti per il clima ha lanciato della zuppa contro un’opera d’arte del pittore impressionista francese Claude Monet.   Entrarono nel Museo delle Belle Arti nella città francese di Lione e presero di mira il dipinto di Monet del 1872 «La Primavera» (noto anche come «Il Lettore»), che raffigura una giovane donna che legge un libro in un campo.   Il dipinto era protetto da una copertura di vetro, ha detto il museo lionese su X.  

Sostieni Renovatio 21

L’attacco alla zuppa è stato portato avanti dal gruppo «Riposte Alimentaire», che sostiene l’azione contro il cambiamento climatico e l’agricoltura sostenibile. “Questa primavera sarà l’ultima che avremo se non reagiamo!” hanno cantato gli attivisti. Entrambi sono stati arrestati dalla polizia, hanno riferito i media francesi.   Il gruppo aveva eseguito un’azione vandalica simile solo due settimane fa, lanciando zuppa di zucca contro La Gioconda di Leonardo al Louvre di Parigi.   In un post su X, il sindaco di Lione Gregory Doucet ha condannato gli attivisti per aver attaccato il dipinto, ma ha aggiunto che le loro preoccupazioni sono «legittime».   Opere del Claude Monet erano state attaccate in precedenza, come a giugno dell’anno scorso presso il Museo Nazionale di Stoccolma, quando attivisti climatici appartenenti ad un gruppo chiamato gruppo Aterstall Vatmarker («Ripristinare le zone umide»: non è chiaro se ci siano doppi sensi) avevano gettato vernice rossa sopra un quadro del pittore impressionista francese, per poi incollarcisi addosso.   Renovatio 21 continua a rammaricarsi del fatto che la protesta contro Monet abbia meriti extraestetici, e non comprenda invece il fatto che il Monet sia un artista estremamente sopravvalutato.   Ciò non vale solo per il Monet. Una decina di anni fa, d’un tratto, emerse nel mondo un movimento di opinione che finalmente reagiva contro l’impressionismo e il suo status di grande arte, e in particolare contro l’altro grande capofila degli impressionisti, Pierre-Auguste Renoir (1841-1919). Da un account Instagram nel 2015 nacque un movimento chiamato «Renoir sucks at painting» («Renoir fa schifo a dipingere») che organizzò diverse manifestazioni fuori dai musei per significare tutto il disprezzo che l’opera di Renoir merita. Fuori dal Museum of Fine Arts di Boston venne inscenata una protesta con cartelli eloquenti «Dio odia Renoir», «ReNOir», «Non siamo iconoclasti, è solo che Renoir fa schifo a dipingere».   È legittimo, e costituzionale, pensare che l’opera di Renoir, di Monet e di tutti gli impressionisti faccia schifo. La cosa si può estendere all’intera arte moderna, contro cui protestare sarebbe molto giusto.   Gli ecofascisti, tuttavia, non sanno di provenire dalla medesima matrice dei quadri che imbrattano: la Necrocultura, l’idea di disprezzo dell’essere umano e delle sue forme, del creato e dell’ordine armonico voluto dal disegno Dio.   Coloro che dicono di voler difendere la natura, in realtà, vogliono sovvertire la legge naturale. SOSTIENI RENOVATIO 21
    Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Ambiente

Miliardi di zanzare create in laboratorio potrebbero essere rilasciate nelle Hawaii

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Fino a 775.992.000 zanzare infette da batteri potrebbero essere rilasciate a Maui ogni settimana per i prossimi 20 anni, secondo Hawaii Unites, un’organizzazione no-profit che il mese scorso ha perso la sua offerta di richiedere allo Stato di condurre una dichiarazione di impatto ambientale prima di procedere con il controverso progetto.

 

 

Fino a 775.992.000 zanzare infette da batteri potrebbero essere rilasciate a Maui ogni settimana per i prossimi 20 anni, secondo Hawaii Unites, un gruppo di difesa ambientale che il mese scorso ha perso la sua richiesta di richiedere allo stato di condurre una dichiarazione di impatto ambientale prima di autorizzare il controverso progetto. procedere.

 

Hawaii Unites nel maggio 2023 ha citato in giudizio lo stato presso la Circuit Court del Primo Circuito delle Hawaii. La presidente e fondatrice del gruppo, Tina Lia, ha dichiarato a The Defender:

 

«Queste zanzare alterate in laboratorio con biopesticidi vengono già rilasciate a East Maui. Hawaii Unites ha portato lo Stato in tribunale chiedendo una sentenza che richieda una dichiarazione sull’impatto ambientale del progetto e studi completi sui rischi».

 

Ha detto che Hawaii Unites si descrive come «un’organizzazione no-profit 501(c)(3) dedicata alla conservazione e alla protezione del nostro ambiente e delle risorse naturali», con un focus sulla «protezione della salute della popolazione delle Hawaii, della fauna selvatica e l’āina [termine che esprime la terra in hawaiano, ndt] dall’esperimento sulle zanzare infettate da batteri biopesticidi dello Stato delle Hawaii.

 

Secondo la causa del gruppo, lo Stato non ha effettuato uno studio sufficiente sull’impatto ambientale prima del lancio del progetto. L’anno scorso, i residenti dello stato hanno presentato 291 pagine di commenti pubblici , sia a favore che contro il progetto.

 

«La valutazione ambientale finale per questo progetto è insufficiente ai sensi dell’Hawai’i Environmental Policy Act», ha detto Lia. «[Non] riesce a descrivere le misure di mitigazione o i protocolli di biosicurezza per le zanzare, e la discussione sulle alternative è inadeguata».

Sostieni Renovatio 21

Secondo Lia, la partnership Birds, Not Mosquitoes afferma di voler sopprimere le zanzare domestiche del sud che trasmettono la malaria aviaria agli uccelli autoctoni, rendendo le zanzare maschi – che portano il batterio Wolbachia che causa la malaria aviaria – incapaci di riprodursi.

 

La tecnologia, la tecnica degli insetti incompatibili Wolbachia (IIT), era stata precedentemente approvata da Gates Philanthropy Partners, un ramo della Bill & Melinda Gates Foundation, sebbene non sembri esserci un collegamento diretto tra queste organizzazioni e il progetto in corso alle Hawaii.

 

Un esperto che ha testimoniato per conto di Hawaii United ha avvertito che il progetto, lungi dal mitigare le malattie trasmesse dalle zanzare, potrebbe portare alla diffusione di batteri, all’invasione di zanzare alterate in laboratorio in aree non previste e ad altre conseguenze ambientali.

 

Ma la corte non è stata d’accordo , stabilendo che la valutazione ambientale finale «è stata compilata in buona fede e ha fornito informazioni sufficienti per consentire al [Board of Land and Natural Resources] di considerare pienamente i fattori ambientali coinvolti e di prendere una decisione motivata dopo aver valutato i rischi. del danno all’ambiente rispetto ai benefici che deriveranno dall’azione proposta».

 

La Corte non ha riconosciuto le «serie preoccupazioni» del testimone esperto

Secondo l’accusa, «documentazione e studi provenienti da diverse fonti, comprese agenzie governative, confermano che l’esperimento potrebbe non funzionare nemmeno per lo scopo previsto e potrebbe avere un impatto ambientale significativo».

 

La causa ha inoltre osservato che il metodo IIT non è mai stato sperimentato alle Hawaii, mentre «la specifica tecnica sperimentale prevista per l’uso a East Maui non è mai stata provata prima in nessuna parte del mondo».

 

Secondo la causa, le regioni di Maui dove avrà luogo il rilascio includono «i fragili ecosistemi del Parco Nazionale Haleakalā di East Maui, della Riserva Forestale di Ko’olau, della Riserva Forestale di Hāna, della Riserva dell’Area Naturale di Hanawī, della Riserva Forestale di Kīpahulu, della Riserva Forestale di Makawao, e Waikamoi Preserve», oltre a terreni gestiti privatamente.

 

«Con la frequenza più alta, ciò potrebbe comportare il rilascio di oltre 807 miliardi di zanzare in uno degli ecosistemi più unici e fragili del mondo», si legge nella causa. «Contrariamente a quanto affermato nella [valutazione ambientale finale], il piano potrebbe effettivamente comportare seri rischi per gli uccelli autoctoni, la fauna selvatica, l’āina e la salute pubblica».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Lo Stato delle Hawaii ha confutato queste affermazioni nella sua mozione di rito abbreviato, depositata il 22 dicembre 2023.

 

Hawaii Unites il 9 gennaio ha depositato un memorandum di 70 pagine che dettagliava ulteriormente le argomentazioni del gruppo, ma il giudice della Corte di Prima Circoscrizione John M. Tonaki ha concesso un giudizio sommario a favore dello Stato.

 

Lia ha detto a The Defender che ci sono «diversi problemi» con la sentenza nel caso in cui il gruppo decidesse di appellarsi contro la decisione di Tonaki.

 

Lia ha affermato che ci sono differenze significative tra ciò che è stato proposto nella valutazione ambientale finale e ciò che è attualmente in fase di attuazione a East Maui. Ad esempio, ha affermato che il gruppo ritiene che le zanzare vengano rilasciate esclusivamente tramite elicotteri anziché droni, il che non è coerente con il sistema di rilascio descritto nella valutazione ambientale.

 

«Ciò significa che gli elicotteri volano più vicino alla chioma degli alberi rispetto al livello indicato nella FEA [valutazione ambientale finale], aumentando il potenziale di impatti negativi come i disturbi acustici; disturbi della nidificazione, della riproduzione e del riposo; lavaggio del rotore dell’elicottero; incidenti e collisioni; e incendi boschivi», ha detto.

 

Secondo Lia, Tonaki ha ignorato la testimonianza di un testimone esperto , il dottor Lorrin Pang, esperto di malattie tropicali e vettori , capo dell’ufficio sanitario distrettuale delle Hawaii per Maui, che ha testimoniato come privato cittadino per conto di Hawaii Unites «sulla mancanza di studi da parte dello stato dei rischi del progetto».

 

«La corte non ha riconosciuto le serie preoccupazioni del dottor Pang circa la trasmissione orizzontale dei batteri introdotti, la deriva del vento da parte dei biopesticidi delle zanzare alterate in laboratorio in aree non previste, la superinfezione di zanzare con ceppi batterici multipli, l’aumento dell’infezione da agenti patogeni e la capacità di diffusione della malattia nelle zanzare, e la natura sperimentale del progetto: tutte le questioni che non sono state sufficientemente affrontate o mancanti del tutto dalla FEA e i fatti rilevanti per la causa» ha detto Lia.

 

Il progetto gode di un potente sostegno

Secondo Lia, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha stanziato più di 30 milioni di dollari per la fase del piano statale contro la malaria aviaria. Il progetto ha inoltre ottenuto più di 14 milioni di dollari dall’Infrastructure Investment and Jobs Act bipartisan adottato nel 2021 e altri 16 milioni di dollari attraverso l’Agenda 2023 di investimento in America del presidente Joe Biden per prevenire l’imminente estinzione degli uccelli delle foreste hawaiane.

 

«Si prevede che sovvenzioni, collaborazioni con università del continente e finanziamenti pubblici e privati ​​incentiveranno l’uso della tecnologia delle zanzare modificata in laboratorio alle Hawaii anche in futuro», ha affermato.

 

Birds, Not Mosquitoes afferma che il progetto è finanziato attraverso un mix di donatori pubblici e privati, compresi donatori anonimi, tra cui l’American Bird Conservancy, il Dipartimento del territorio e delle risorse naturali delle Hawaii, l’US Fish and Wildlife Service, il National Park Service, The Nature Conservancy e la National Fish and Wildlife Foundation.

 

I precedenti finanziatori includevano «l’Hawai’i Invasive Species Council e donatori privati ​​anonimi».

 

Un’altra organizzazione partner del progetto, il Kauai Forest Bird Recovery Project, elenca Corteva Agriscience come uno dei suoi partner. Corteva Agriscience è un conglomerato formato dalla fusione di Dow AgroSciences e DuPont/Pioneer e possiede numerosi brevetti per la tecnologia di editing genetico CRISPR.

 

In particolare, però, non è noto che le zanzare utilizzate nel progetto Hawaii siano geneticamente modificate.

Aiuta Renovatio 21

In un’intervista del marzo 2022 con Gates Philanthropy Partners, Scott O’Neill, Ph.D., fondatore del World Mosquito Program , ha elogiato le capacità del Wolbachia, il batterio ora utilizzato nel progetto Hawaii, che secondo lui è «sicuro per gli esseri umani perché prospera nelle api, nelle farfalle, nelle falene e nei moscerini della frutta», poiché lo sono «parte della nostra catena alimentare».

 

O’Neill ha aggiunto:

 

«Ciò che rende Wolbachia un miracolo medico è il fatto che quando viene introdotto nell’Aedes Egypti [zanzare], blocca efficacemente la capacità di molti dei virus che fanno ammalare le persone di crescere nella zanzara. E se i virus non possono replicarsi, non possono essere trasmessi agli esseri umani.

 

«Il nostro team ha introdotto con successo un ceppo di Wolbachia prelevato dai moscerini della frutta nell’Aedes Egypti più di dieci anni fa e, negli ultimi 10 anni, abbiamo dimostrato che quando gli Aedes Egypti portatori di Wolbachia vengono rilasciati nell’ambiente, riducono la trasmissione della dengue in quella posizione. Siamo inoltre fiduciosi che sia efficace contro chikungunyaZika e molti altri arbovirus in base alle nostre ricerche di laboratorio».

 

«Maui è il punto zero per questi rilasci di zanzare»

Lia ha detto che il suo gruppo è preoccupato che le zanzare attualmente rilasciate siano sperimentali.

 

«Lo Stato ha mentito sul fatto che batteri estranei vengono introdotti alle Hawaii attraverso l’infezione di queste zanzare, e le zanzare stesse sono organismi estranei che provengono dall’esterno delle isole. Lo Stato ha anche mentito sulla documentazione che mostra che fino a 3.103 zanzare femmine alterate in laboratorio che pungono, si riproducono e diffondono malattie possono essere rilasciate settimanalmente a Maui», ha aggiunto Lia.

 

«Non esistono protocolli di biosicurezza per queste zanzare importate e nessun piano di mitigazione in atto se qualcosa va storto», ha detto.

 

«Il batterio Wolbachia è una forma di vita e non c’è modo che questo progetto possa essere autonomo. I batteri possono trasmettersi orizzontalmente nell’ambiente alle zanzare selvatiche e ad altri insetti vettori di malattie».

Sostieni Renovatio 21

«Le popolazioni di zanzare a Maui potrebbero essere superate e sostituite da queste zanzare modificate in laboratorio», ha detto Lia.

 

«E se si scoprisse che sono più capaci di diffondere malattie?» chiede Lia. «Le zanzare delle case del sud trasmettono malattie umane tra cui il virus del Nilo occidentale, l’encefalite e l’elefantiasi, e sono un potenziale vettore del virus Zika».

 

«Gli screening degli agenti patogeni per queste zanzare sono sconosciuti e tali informazioni vengono nascoste al pubblico. Le zanzare maschi infette da laboratorio possono trasmettere virus alle femmine che mordono attraverso l’accoppiamento. La deriva dei biopesticidi, la deriva delle zanzare alterate in laboratorio trasportate dal vento verso aree non previste, potrebbe influenzare non solo l’efficacia ma anche la sicurezza del progetto. Anche la superinfezione delle zanzare con ceppi multipli di batteri Wolbachia potrebbe avere un impatto sull’efficacia e sulla sicurezza».

 

«Tutti questi meccanismi possono interagire tra loro e avere cumulativamente effetti negativi sostanziali. Niente di tutto questo è stato studiato dalle agenzie Birds, Not Mosquitoes che rilasciano queste zanzare… La portata e la portata di questo piano hanno potenziali impatti significativi che potrebbero causare effetti catastrofici sulla salute delle nostre isole».

 

Secondo Lia, Hawaii Unites ha lanciato una campagna per raccogliere 30.000 dollari necessari entro la fine del mese per presentare ricorso.

 

«Se la decisione del giudice non verrà impugnata, costituirà un precedente per consentire un’inadeguata revisione ambientale dei futuri progetti sperimentali proposti che potrebbero avere impatti significativi sui nostri fragili ecosistemi», ha affermato Lia.

 

Se dovesse andare avanti un appello, Lia ha detto che il suo gruppo si aspetta «di ottenere da parte dello Stato l’ammissione che non sono stati condotti studi adeguati per valutare i rischi di questo progetto».

 

«Prevediamo inoltre che i documenti, i contratti e le comunicazioni richieste allo Stato riveleranno dettagli importanti su questo progetto che sono stati travisati al pubblico», ha aggiunto.

 

«Maui è il punto zero per questi rilasci di zanzare, e il nostro caso davanti al tribunale ambientale può costituire un forte precedente per impedire che questo programma vada avanti qui alle Hawaii e si espanda a livello globale», ha detto Lia. «Questo caso e le nostre voci come comunità hanno il diritto di essere ascoltate».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 6 febbraio 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari