Connettiti con Renovato 21

Ambiente

«Le mascherine sono una bomba a orologeria»

Pubblicato

il

 

 

Il problema ambientale delle mascherine, lo sappiamo tutti, è pericolosamente latente.

 

A parlarne diffusamente è stato ancora lo scorso aprile il dottor Joseph Mercola, noto medico osteopatico e sostenitore della medicina alternativa. Mercola ha il merito non solo di affrontare il tema da un punto di vista ecologico, ma anche di salute dell’uomo e delle altre speci.

 

«Il pianeta potrebbe affrontare una nuova crisi della plastica, simile a quella causata dall’acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolge le mascherine per il viso scartate. Il “mascheramento di massa” continua a essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di sanità pubblica durante la pandemia di COVID-19, nonostante la ricerca mostri che le mascherine non riducono significativamente l’incidenza dell’infezione» ha scritto mercola in un articolo ampiamente circolato in rete.

 

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle mascherine. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle mascherin

«Di conseguenza, si stima che ogni mese in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di mascherine per il viso, il che equivale a circa 3 milioni di mascherine al minuto. La maggior parte di queste sono la varietà usa e getta, realizzata con microfibre di plastica. Con dimensioni che vanno da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono le microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, nonché dalle creature terrestri che le consumano (compresi gli esseri umani). Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte ogni anno a livello globale, e questo prima che indossare la mascherina diventasse un’abitudine quotidiana. La maggior parte finisce come rifiuto nell’ambiente, portando i ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Princeton ad avvertire che le mascherine potrebbero diventare rapidamente “il prossimo problema della plastica».

 

Si chiede il dottor Mercola: perché le mascherine usa e getta possono essere anche peggio delle bottiglie di plastica? 

 

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle mascherine. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle mascherine, il che rende più probabile lo smaltimento come rifiuto solido, hanno affermato i ricercatori. Con l’aumento delle segnalazioni sullo smaltimento inappropriato delle mascherine, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale.

 

«Non solo le mascherine non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono suscettibili di persistere e accumularsi nell’ambiente. La maggior parte delle mascherine usa e getta contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirene e uno strato interno in materiale assorbente come il cotone».

 

È noto inoltre  che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo

Il polipropilene è già una delle materie plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotto e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell’ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell’asma. Poiché le mascherine possono essere realizzate direttamente con fibre di plastica microdimensionate con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microdimensionate nell’ambiente più facilmente e più velocemente rispetto a oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.

 

Inoltre, l’impatto ambientale può essere aggravato da una mascherina di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica di dimensioni nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento da nanoplastiche. Come riportato da Renovatio 21, un rapporto di OceansAsia ha calcolato che 1,56 miliardi di mascherine  potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima della produzione globale di 52 miliardi di mascherine prodotte quell’anno e un tasso di perdita del 3%, che è prudente.

 

«Sulla base di questi dati e di un peso medio da 3 a 4 grammi per una mascherina chirurgica in polipropilene monouso, le mascherine aggiungerebbero da 4.680 a 6.240 tonnellate aggiuntive di inquinamento plastico all’ambiente marino, che impiegherà fino a 450 anni per abbattersi, trasformandosi lentamente in microplastiche e con un impatto negativo sulla fauna marina e sugli ecosistemi».

«Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati a ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità»

 

È noto inoltre  che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo. Piccoli pezzi di plastica rovinati dalle intemperie, che fanno pensare che abbiano fatto un lungo viaggio, sono stati trovati in cima alle montagne dei Pirenei nel sud della Francia e “nelle aree più settentrionali e orientali dei mari della Groenlandia e di Barents”.

 

«Definendo l’area dei mari della Groenlandia e di Barents un “vicolo cieco” per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondale marino sottostante sarebbe stato un punto di raccolta per l’accumulo di detriti di plastica. In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l’inquinamento da plastica ha raggiunto l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, un’area ritenuta per lo più priva di contaminazioni» ricorda Mercola citando uno studio.

 

«Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati a ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità».

 

Oltre alla tossicità chimica, l’ingestione di microplastiche da mascherine degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero trasportare microrganismi patogeni.

 

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una mascherina vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate.

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una mascherina vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate. 

 

«I ricercatori della Xi’an Jiaotong University hanno anche affermato che scienziati, produttori e autorità di regolamentazione devono valutare l’inalazione di detriti di microplastica e nanoplastica rilasciati dalle mascherine, sia usa e getta che di stoffa, osservando “irritazione alla gola o disagio nel tratto respiratorio da parte di bambini, anziani o altri individui sensibili dopo averli indossati possono essere segnali di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da mascherine e respiratori fatti da sé”».

 

C’è poi la questione più nuova e delicata, quella del microbioma polmonare:

 

«Sebbene sia risaputo che il microbiota intestinale influisca sul sistema immunitario e sul rischio di malattie croniche, si è pensato a lungo che i polmoni fossero sterili. Ora è noto che i microbi della tua bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei tuoi polmoni. Non solo, ma i ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University (NYU) hanno rivelato che quando questi commensali orali sono “arricchiti” nei polmoni, sono associati al cancro».

 

«Nello specifico, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei polmoni rispetto a quelli con cancro allo stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei polmoni avevano anche una ridotta sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore».

 

«Sebbene lo studio non abbia esaminato il modo in cui l’uso della mascherina potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato: “Il microbiota delle vie aeree inferiori, in stato di salute o di malattia, è principalmente influenzato dall’aspirazione delle secrezioni orali e il microbiota delle vie aeree inferiori i prodotti sono in costante interazione con il sistema immunitario dell’ospite”».

 

Sembra molto probabile, scrive quindi il dottore, che indossare una mascherina acceleri l’accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l’uso della mascherina possa essere collegato al cancro del polmone in stadio avanzato. Il National Institutes of Health ha persino condotto uno studio che ha confermato che quando indossi una mascherina la maggior parte del vapore acqueo che espiri normalmente rimane nella mascherina, si condensa e viene re-inalata.

 

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di mascherine che rientravano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. Hanno registrato sintomi che «includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/asilo (44%), malessere (42%), difficoltà di apprendimento ( 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

Sono arrivati ​​al punto di suggerire che indossare una mascherina umida e inalare l’aria umida del proprio respiro fosse una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che l’inalazione dei microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo non sembra un vantaggio.

 

La «nuova normalità» del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le mascherine siano «sicure» da indossare per i bambini per lunghi periodi, come durante la scuola, ma non è stata effettuata alcuna valutazione dei rischi. Inoltre, come evidenziato dal primo registro tedesco che registra l’esperienza che i bambini stanno vivendo indossando mascherine.

 

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di mascherine che rientravano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. Hanno registrato sintomi che «includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/asilo (44%), malessere (42%), difficoltà di apprendimento ( 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

 

Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di vertigini e il 17,9% non era disposto a muoversi o giocare. Centinaia di persone hanno più esperienza di «respirazione accelerata, senso di oppressione al petto, debolezza e compromissione della coscienza a breve termine».

 

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana e gli studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. I feti esposti alle microplastiche hanno anche guadagnato meno peso nella parte successiva della gravidanza.

 

«Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto», ha detto al Guardian Phoebe Stapleton della Rutgers University, capo della ricerca.

 

Il Dr. Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 procedure chirurgiche ed è anche un ex editore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un’analisi scientifica basata sull’evidenza sulle mascherine, che dimostra che non solo dovrebbero le persone sane non indossare mascherine ma potrebbero essere danneggiate di conseguenza.

 

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana e gli studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. I feti esposti alle microplastiche hanno anche guadagnato meno peso nella parte successiva della gravidanza

Meehan suggerisce che l’idea di indossare una mascherina sfida il buon senso e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente di COVID-19.

 

Meehan ha compilato 17 modi in cui le mascherine possono causare danni:

 

  • Le mascherine mediche influiscono negativamente sulla fisiologia e sulla funzione respiratoria
  • Le mascherine mediche riducono i livelli di ossigeno nel sangue
  • Le mascherine mediche aumentano i livelli di anidride carbonica nel sangue
  • SAR-CoV-2 ha un sito di “scissione del furin” che lo rende più patogeno e il virus entra più facilmente nelle cellule quando i livelli di ossigeno arterioso diminuiscono, il che significa che indossare una mascherina potrebbe aumentare la gravità del COVID-19
  • Le mascherine mediche intrappolano il virus espirato in bocca/maschera, aumentando la carica virale/infettiva e aumentando la gravità della malattia
  • SARS-CoV-2 diventa più pericoloso quando i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono
  • Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 aumenta l’invasione cellulare, specialmente durante bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • Le mascherine di stoffa possono aumentare il rischio di contrarre il COVID-19 e altre infezioni respiratorie
  • Indossare una mascherina facciale può dare un falso senso di sicurezza
  • Le mascherine compromettono le comunicazioni e riducono il distanziamento sociale
  • È comune una gestione non addestrata e inappropriata delle mascherine per il viso
  • Le mascherine indossate in modo imperfetto sono pericolose
  • Le mascherine raccolgono e colonizzano virus, batteri e muffe
  • Indossare una mascherina per il viso fa entrare l’aria espirata negli occhi
  • Gli studi sul tracciamento dei contatti mostrano che la trasmissione dei portatori asintomatici è molto rara
  • Le mascherine per il viso e gli ordini di rimanere a casa impediscono lo sviluppo dell’immunità di gregge
  • Le mascherine per il viso sono pericolose e controindicate per un gran numero di persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti

 

«Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto»

«Aggiungendo la beffa al danno, il primo studio randomizzato controllato su oltre 6.000 individui per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le mascherine non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione» conclude Mercola.

 

«Considerando la mancanza di prove per il loro uso e i potenziali danni alla salute umana e all’ambiente, non c’è da meravigliarsi che stiano crescendo le richieste di disobbedienza civile pacifica contro il mascheramento obbligatorio». 

 

Continua a leggere

Ambiente

Tsunami nel Pacifico, le immagini

Pubblicato

il

Da

L’eruzione del vulcano sottomarino al largo dell’isola del Pacifico meridionale di Tonga è stata così esplosiva che un’onda d’urto si è fatta sentire in tutto il mondo.

 

Le immagini del vulcano Hunga Tonga mostrano una tra le più violente eruzioni vulcaniche mai catturate dal satellite.

 

L’Agenzia meteorologica giapponese ha emesso un avviso di tsunami per le isole sud-occidentali del paese di Amami e Tokara, prevedendo un’ondata di 3 metri.

 

 

 

 

 

Tonga è al momento il luogo più seriamente colpito.

 


 


Danni immensi sulle coste del Perù.

 

 

Lo Tsunami è arrivato nel Cile del Nord

 

 

 

Anche gli USA sono colpiti. A Santa Cruz, una cittadina costiera della California centrale, qualcuno ha twittato un video dell’innalzamento del livello dell’acqua.

 

 

Perfino i surfisti hanno battuto in ritirata

 

 

Colpito anche l’Oregon


Dall’Ecuador, immagini non verificata, dell’onda vista dalle navi

 

Continua a leggere

Ambiente

«La terra potrebbe rivoltarsi e uccidere l’umanità» dice lo scienziato.

Pubblicato

il

Da

L’influente scienziato ambientalista James Lovelock, crede che la Terra si autoregoli come un organismo vivente.

 

La sua teoria di Gaia, che prende il nome dalla divinità greca con lo stesso nome che rappresenta la personificazione della Terra, suggerisce che l’ambiente del nostro pianeta sia un essere vivente, in grado quindi di reagire agli stimoli – e agli abusi.

 

Ecco quindi che in un editoriale per il Guardian Lovelock annunzia che Gaia sta per vendicarsi.

 

Il vecchio Lovelock sostiene che le temperature superficiali del nostro pianeta sono state modulate per miliardi di anni «grazie a Gaia: foreste, oceani e altri elementi nel sistema di regolazione della Terra, che ha mantenuto la temperatura superficiale abbastanza costante e quasi ottimale per la vita».

 

L’umanità, dice il Lovelock, ha sostanzialmente alterato quella formula attentamente bilanciata.

 

«Due atti di genocidio – il soffocamento da parte dei gas serra e l’eliminazione delle foreste pluviali – hanno causato cambiamenti su una scala che non si vedeva da milioni di anni», scrive. «Stiamo entrando in un’era di caldo in cui la temperatura e il livello del mare aumenteranno di decennio in decennio fino a quando il mondo non diventerà irriconoscibile».

 

Per Lovelock, non possiamo semplicemente costruire qualche appezzamento di pannelli solari o installare campi di pale eoliche per porre fine alla nostra dipendenza dalla combustione di combustibili fossili.

 

In effetti, l’ambientalista arriva una conclusione sorprendente: «Dobbiamo costruire più centrali nucleari per superare questo problema, anche se i verdi dovranno prima superare le loro esagerate paure delle radiazioni».

 

Lovelock ha dunque parlato della pandemia globale, che a suo dire dovrebbe essere preso come avvertimento: «il virus COVID-19, potrebbe essere stato un feedback negativo», scrive Lovelock.

 

«Gaia si impegnerà di più la prossima volta con qualcosa di ancora più cattivo».

 

L’ambientalismo è, di fatto, un processo di sostituzione religiosa, di ripaganizzazione del mondo. E con il paganesimo, tornano i sacrifici umani

Il catastrofismo ambientale di Lovelock non è cosa nuova, ma gli va riconosciuto di avere almeno inventato un brand efficace (Gaia, suona benissimo), anche se c’è chi dice che in realtà il suggerimento gli sia venuto dal suo vicino di casa William Golding, lo scrittore premio Nobel autore de Il signore delle mosche.

 

L’ipotesi di Gaia è oramai diffusa assai, degenerando in una vera e propria pseudoreligone, che non è errato definire pagana – lo è letteralmente, visto che Gaia era un titano s della mitologia greca, chiamato anche Gea.

 

La religione di Gaia, l’entità olistica che corrisponde alla Terra, insegna che l’uomo è una bestia fra le altre, anzi è la parte peggiore che risulta cancerogena per l’intero sistema. Per cui è lecito aspettarsi dalla Madre – dalla «natura matrigna», direbbe il gobbo di Recanati – una punizione per i propri peccati.

 

Il culto pagano della Madre il cui fantasma pubblicitario a base di quadretti naturali alla National Geographic è chiaramente un sostituto del culto mariano, dove le immagini di cascate e foreste equatoriali sostituiscono le icone della Beata Vergine.

 

L’ambientalismo è, di fatto, un processo di sostituzione religiosa, di ripaganizzazione del mondo.

 

E con il paganesimo, tornano i sacrifici umani.

 

 

 

 

Immagine di ThemeFinland via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)

Continua a leggere

Ambiente

La Germania non ha vento per far funzionare i mulini a vento. Aumenta il carbone. E il nucleare?

Pubblicato

il

Da

La Bundesverband der Energie- und Wasserwirtschaft (BDEW), organizzazione aziendale tedesca per l’industria dell’energia e dell’acqua, riferisce nella sua revisione per il 2021 che il carbone e il gas – cioè le fonti di energia che i piani verdi del governo avrebbero dovuto eliminare nel mix energetico nazionale – sono invece aumentati quest’anno, dal 35% al ​​40%.

 

Le rinnovabili sono diminuite dal 44% al 41%. Il vento è diminuito del 12%.

 

Di conseguenza, l’uso del carbone (che ha raggiunto cifre record in India e in Cina) è aumentato del 18% per la lignite e del 27% per il carbon fossile.

 

Il nucleare è aumentato del 7%, con sei reattori ancora in servizio, anche se Berlino ne spegnerà tre il 31 dicembre.  I tre reattori  rappresentano il 6% dell’energia nazionale.

 

Come scriveva William F. Engdahl in un articolo pubblicato da Renovatio 21 riguardo il piano ecologico UE chiamato «Fit for 55»,  è assurdo «credere che l’UE, in particolare la Germania, sarà in grado di arrivare a zero carbone entro il 2030, sostituendo nemmeno con il gas naturale, ma piuttosto inaffidabile solare ed eolico, è già chiara.

 

Il nuovo obiettivo climatico dell’UE del 55% per il 2030 implicherebbe un’eliminazione quasi completa del carbone entro il 2030 in tutta l’UE.

 

Scrive Engdahl: «ciò colpirà la Germania, di gran lunga il maggior utilizzatore di energia a carbone dell’UE. Il governo tedesco, già con l’energia elettrica più costosa del mondo a causa della Energiewende, la transizione della Merkel all’inaffidabile solare ed eolico che vedrà l’ultima centrale nucleare chiusa nel 2022, ha recentemente abbandonato il suo piano per eliminare gradualmente il carbone entro il 2038. Eliminerà gradualmente molto prima, ma per ovvie ragioni politiche in un anno elettorale, non ha rivelato la sua nuova data «zero carbone».

 

Da qui, il tema dei blackout energetici europei e mondiali (Cina e, l’inverno scorso, in Texas)– di cui da settimane sta dando conto Renovatio 21 – per i quali le istituzioni tedesche stanno già preparando la popolazione con pubblicità progresso scioccanti.

 

 

«Il cuore dell’industria europea, la Germania, è pre-programmato non solo per la grave disoccupazione industriale nei settori dell’acciaio, del cemento e dell’auto. È anche pre-programmato per blackout elettrici come quello che ha devastato il Texas all’inizio del 2021 quando i mulini a vento si sono congelati» continua Engdahl.

 

Il tema dello spegnimento delle centrali nucleari è assai interessante: per una Germania che annuncia la loro chiusura, c’è una Francia dove le centrali vengono chiuse improvvisamente a seguito di revisioni per «danni inaspettati».

 

Sicuri di capire cosa sta succedendo?

Continua a leggere

Più popolari