Il giudice costringe una donna agorafobica a partorire in ospedale

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

I medici possono usare la forza per portare una donna incinta che soffre di agorafobia in ospedale per partorire, ha stabilito un giudice del Regno Unito.

 

La 21enne aveva una paura «travolgente» di lasciare la sua casa. Vuole partorire in casa a meno che non ci sia un’emergenza. Ma le autorità ospedaliere sostengono che questo è troppo rischioso. Vogliono che partorisca «in modo pianificato» in ospedale, a causa dell’aumento del rischio se partorisce in casa.

 

I medici possono usare la forza per portare una donna incinta che soffre di agorafobia in ospedale per partorire, ha stabilito un giudice del Regno Unito

Il giudice  Holman, per la Corte di protezione, ha affermato che la sua decisione è nell’interesse della donna. La forza «proporzionata» potrebbe essere utilizzata da personale appositamente addestrato se si rifiutasse di uscire di casa in un giorno specifico vicino alla data di scadenza. La donna vive «lontano da Londra» e da quattro anni ha appena lasciato la sua casa.

 

«Penso che dovresti andare in ospedale e avere questo bambino», ha detto alla donna e al suo partner in un collegamento video. «Eviterà potenziali rischi e disastri se qualcosa va storto. Penso che sia meglio di un orribile lavoro di fretta nel cuore della notte».

 

La decisione ha provocato l’indignazione sui social media delle donne e persino dei medici: «terrificante», «draconiana», «oltraggiosa», «orribile» e «disgustosa», sono stati alcuni degli epiteti scagliati contro la decisione del giudice. Alcuni lo hanno paragonato a una versione reale di The Handmaid’s Tale: «patriarcato e sessismo in piena espansione».

 

La decisione ha provocato l’indignazione sui social media delle donne e persino dei medici: «terrificante», «draconiana», «oltraggiosa», «orribile» e «disgustosa», sono stati alcuni degli epiteti scagliati contro la decisione del giudice

«Questo è assolutamente spaventoso. Non riesco davvero a credere che questa decisione sia stata presa nel Regno Unito. Questa donna è stata condannata a non avere capacità mentali basate sull’essere agorafobica, e il giudice cita “un aumento del rischio” di parto in casa senza che siano state riportate prove», ha twittato MidwifeMaeve.

 

Dominic Wilkinson, bioeticista e neonatologo di Oxford, è stato cauto nella sua analisi del caso, i cui fatti sono noti solo dai documenti del tribunale. Senza conoscere il rischio di un parto in casa, lo stato di salute mentale della donna e se l’agorafobia l’abbia privata della capacità decisionale, è difficile prendere una decisione. «Ci possono essere rare situazioni in cui è nell’interesse di una donna partorire in un luogo o tramite una modalità di nascita contraria alle sue forti preferenze. Ma se sia eticamente giustificato nella situazione di P, rimane – almeno per me – una questione aperta», ha scritto sul blog Open Justice .

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.