Fanatismo medico, non scienza: dietro la spinta per promuovere i vaccini anche nel caso di immunità acquisita

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Gli addetti ai lavori della salute pubblica stanno sempre più chiedono ai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie sulla «follia» di spingere i vaccini COVID su persone che hanno già acquisito l’immunità naturale.

Il (CDC) stimano prudentemente che più di un terzo degli americani (almeno 114,6 milioni) siano stati infettati da SARS-CoV-2. Ci sono ampie ragioni per credere che nella maggior parte di questi individui, l’infezione da SARS-CoV-2 «induca l’immunità a lungo termine»

Sebbene sia difficile ottenere numeri accurati, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) stimano prudentemente che più di un terzo degli americani (almeno 114,6 milioni) siano stati infettati da SARS-CoV-2. Ci sono ampie ragioni per credere che nella maggior parte di questi individui, l’infezione da SARS-CoV-2 «induca l’immunità a lungo termine».

 

Ad esempio, uno studio del dicembre 2020 condotto da ricercatori di Singapore ha scoperto che gli anticorpi neutralizzanti (un polo della risposta immunitaria) sono rimasti presenti in alte concentrazioni per 17 anni o più in individui che si sono ripresi dal SARS-CoV originale.

 

Più di recente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il National Institutes of Health (NIH) hanno pubblicato prove di risposte immunitarie durature all’infezione naturale da SARS-CoV-2.

 

Già nel marzo 2020, il dott. Anthony Fauci del NIH ha condiviso la sua opinione (in un’e-mail [p. 22] a Ezekiel Emanuel) che «la loro [sic] sarebbe una sostanziale immunità post infezione».

 

Nonostante queste recenti scoperte, le autorità sanitarie stanno in gran parte ignorando il record stellare dell’immunità naturale

Eppure, nonostante queste recenti scoperte, le autorità sanitarie stanno in gran parte ignorando il record stellare dell’immunità naturale. Infatti, come l’American Institute of Economic Research ha riferito , sembra al fine di promuovere la COVID vaccino ordine del giorno, le principali organizzazioni non solo stanno «minimizzando» immunità naturale, ma può essere che stiano cercando di «cancellarla» del tutto.

 

Fino a poco tempo fa, la Mayo Clinic riportava che gli individui sopravvissuti alla pandemia influenzale del 1918 erano immuni, 92 anni dopo, all’influenza H1N1. Tuttavia, come ha notato l’economista Jon Sanders , la Mayo Clinic ha rimosso la menzione dell’immunità all’influenza del 1918 dal suo sito web questa primavera. E alla fine dello scorso anno, l’OMS è stata colta nel tentativo di escludere in modo non scientifico «l’immunità sviluppata attraverso una precedente infezione» dalla definizione stessa di immunità di gregge.

 

Perché, chiede Sanders, gli americani vengono tenuti all’oscuro del fatto che così tanti «hanno affrontato il COVID-19 e hanno vinto» e, quindi, «non hanno bisogno di un vaccino»?

 

 

Inversione della politica

L’evidenza che l’immunità naturale è forte e longeva risale a decenni fa. Al contrario, l’immunità unidimensionale conferita dalla vaccinazione e dai richiami vaccinali è spesso volubile, di breve durata o del tutto assente.

Gli americani vengono tenuti all’oscuro del fatto che così tanti «hanno affrontato il COVID-19 e hanno vinto»

 

Il fenomeno ben studiato del fallimento del vaccino osservato in seguito alla vaccinazione di massa contro malattie come il morbillo, la pertosse e l influenza – e le «infezioni di nuovo tipo» gravi o fatali che stiamo ora osservando dopo le iniezioni di COVID – hanno dimostrato ripetutamente questo punto.

 

Il consiglio indiscriminato del CDC al segmento della popolazione che si è ripreso da COVID-19 per ottenere un vaccino COVID è in netto contrasto con l’approccio dell’agenzia ad altre infezioni.

 

Ad esempio, il CDC non raccomanda la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia (MMR) per le persone che hanno una conferma di un’infezione passata o che sono nate nell’era pre-MMR, quando tutti hanno avuto quelle malattie infantili.

 

Riconoscendo che la vaccinazione non è il punto per le persone che acquisiscono l’immunità naturalmente – sperimentando una determinata malattia in modo naturale – CDC dice anche alle persone che hanno la conferma di laboratorio di “immunità indotta dalla malattia” contro la varicella che non hanno bisogno di ottenere un vaccino contro la varicella.

 

 

La Mayo Clinic riportava che gli individui sopravvissuti alla pandemia influenzale del 1918 erano immuni, 92 anni dopo, all’influenza H1N1

Critiche sorprendenti da parte degli addetti ai lavori

Il punto vendita di notizie mediche online MedPage Today, di proprietà della «società leader di informazioni e servizi Internet» J2 Global , si descrive come «una fonte affidabile per la copertura di notizie cliniche in tutte le specialità mediche».

 

Per la maggior parte, questo si traduce in una blanda copertura mainstream che, nell’era COVID, ha incluso una forte promozione e approvazione della linea del partito di sanità pubblica sulla vaccinazione.

 

Tuttavia, il ¯team aziendale e investigativo» della pubblicazione professa anche di essere disposto a «fare luce sulle azioni illecite in medicina – sia individuali, aziendali o governative» sia a «seguire i soldi nel settore sanitario».

 

Di recente, questa squadra investigativa sembra aver deciso di denunciare la soppressione della discussione sull’immunità naturale al COVID. Il 28 maggio, MedPage ha pubblicato un editoriale senza mezzi termini dal titolo «Finitela di ignorare l’immunità naturale al COVID Immunity». Giorni dopo, il dottor Marty Makary, caporedattore di MedPage Today, in interviste pubbliche ha ribadito molti degli argomenti esposti nell’editoriale.

 

«I responsabili delle politiche dovrebbero includere l’immunità naturale come determinato da un test anticorpale accurato e affidabile o dalla documentazione di un’infezione precedente… come prova di immunità pari a quella della vaccinazione»

Il dottor Jeffrey Klausner, uno dei due coautori dell’editoriale, è un ex ufficiale medico del CDC e «frequente consigliere del CDC, del NIH e dell’OMS». Nel loro editoriale, Klausner e il coautore Noah Kojima si chiedono perché siamo «così concentrati sull’immunità indotta dal vaccino … ignorando l’immunità naturale» e criticano anche i responsabili politici per aver ignorato le «complessità del sistema immunitario umano» – tra cui l’evidenza che sia i linfociti B che i linfociti T contribuiscono all’immunità cellulare post-COVID.

 

Sostenendo che la protezione tra gli individui COVID-recuperati “è simile o migliore di immunità indotta dal vaccino,” condannano anche (FDA) della US Food and Drug Administration consiglio contro l’uso di test degli anticorpi, invece sollecitando il seguente:

 

«I responsabili delle politiche dovrebbero includere l’immunità naturale come determinato da un test anticorpale accurato e affidabile o dalla documentazione di un’infezione precedente… come prova di immunità pari a quella della vaccinazione [grassetto aggiunto]. Tale immunità dovrebbe ricevere lo stesso status sociale dell’immunità indotta dal vaccino [sic]. Tale politica ridurrà notevolmente l’ansia e aumenterà l’accesso a viaggi, eventi, visite familiari e altro ancora … consentendo [a coloro che si sono ripresi] di gettare in sicurezza le proprie mascherine, mostrare i propri volti e unirsi alle legioni di quelli vaccinati».

 

Nelle sue dichiarazioni pubbliche, Makary è stato ancora più schietto, descrivendo l’emarginazione dell’immunità naturale COVID – che crede duri «probabilmente per tutta la vita» – come «[uno] dei più grandi fallimenti della nostra attuale leadership medica».

L’attenzione incessante del CDC sull’immunità indotta dal vaccino e la sua «demonizzazione» degli individui che scelgono di non fare un vaccino COVID rende l’agenzia «il CDC più lento, reazionario e politico nella storia americana»

 

Secondo Makary, l’attenzione incessante del CDC sull’immunità indotta dal vaccino e la sua «demonizzazione» degli individui che scelgono di non fare un vaccino COVID rende l’agenzia «il CDC più lento, reazionario e politico nella storia americana».

 

Makary, i cui altri ruoli professionali includono professore di medicina e sanità pubblica presso la Johns Hopkins University e l’elezione alla National Academy of Medicine, ha anche osservato: “Non avrei mai pensato di dirlo, ma per favore ignora la guida del CDC “.

 

Makary ha anche espresso dissenso sul tema dei vaccini COVID e dei bambini. In un editoriale su MedPage il 10 giugno, Makary ha detto ai genitori di «pensarci due volte prima di dare il vaccino COVID a bambini sani», che caratterizza il rischio di un bambino sano muore di COVID come «tra zero e infinitamente rara». (Sfumando la forza di questa affermazione, tuttavia, Makary ha segnalato il suo sostegno alla vaccinazione COVID-19 in «qualsiasi bambino con una condizione medica, incluso il sovrappeso┌ – il che significa almeno il 54% dei bambini americani).

 

In un’apparizione televisiva del 13 giugno, Makary ha continuato a criticare il CDC, accusandolo di «essere seduto su molti dati», comprese importanti informazioni sulle gravi complicazioni cardiache che ora stanno vivendo gli adolescenti destinatari delle iniezioni di COVID. Secondo un resoconto di notizie, Makary ha suggerito che il «fanatismo» governi la spinta aggressiva per la vaccinazione COVID, citando ancora «la follia di insistere su un vaccino per immunizzare coloro che sono già immuni».

Il «fanatismo» governiala spinta aggressiva per la vaccinazione COVID:  «la follia di insistere su un vaccino per immunizzare coloro che sono già immuni»

 

 

Push backbenvenuto

All’inizio di giugno, Children’s Health Defense ha chiesto l’ interruzione immediata della vaccinazione COVID dei minori, indicando il rischio significativo di eventi avversi, inclusi coaguli di sangue e infiammazione cardiaca, e gli effetti a lungo termine sconosciuti dei vaccini.

 

Gli scienziati hanno recentemente offerto una spiegazione drammatica per alcuni di questi esiti avversi, rivelando che la proteina spike nelle iniezioni di Pfizer e Moderna è in realtà una tossina patogena che si accumula negli organi e nei tessuti e attraversa la barriera emato-encefalica.

 

In questo contesto, i promemoria sul ruolo e sui benefici dell’immunità naturale possono controbilanciare la retorica pericolosa e falsa dell’immunità di gregge che cerca di giustificare i vaccini COVID per i bambini.

Gli scienziati hanno recentemente offerto una spiegazione drammatica per alcuni di questi esiti avversi, rivelando che la proteina spike nelle iniezioni di Pfizer e Moderna è in realtà una tossina patogena che si accumula negli organi e nei tessuti e attraversa la barriera emato-encefalica.

 

I lettori di The Defender probabilmente hanno anche familiarità con i numerosi conflitti di interesse che rendono così difficile fidarsi dei consigli dei funzionari di agenzie asservite come il CDC e la FDA. Quando gli addetti ai lavori ammantati di titoli e prestigio da parte dell’establishment della sanità pubblica criticano queste agenzie, saremmo sciocchi a non prestare attenzione.

 

Nel contesto della crescente censura di qualsiasi informazione che contrasti con le affermazioni del governo e dell’industria, il rifiuto da tutti gli angoli è benvenuto, in particolare quando è fondato sia sull’evidenza che sul buon senso.

 

 

Il Team di Children’s Health Defense

 

 

 

© 16 giugno 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.