Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

Vaccini COVID e fertilità, prove di effetti devastanti su maschi e femmine

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da Lifesitenews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

 

I primi vaccini di COVID sono stati lanciati a dicembre 2020 e non ci è voluto molto prima che medici e scienziati iniziassero a mettere in guardia sui possibili effetti riproduttivi.

 

Tra questi c’era Janci Chunn Lindsay, Ph.D., direttore di tossicologia e biologia molecolare per Toxicology Support Services LLC, che nell’aprile 2021 ha presentato un commento pubblico al Comitato consultivo dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti su Pratiche di immunizzazione (ACIP), evidenziando l’alto potenziale di effetti avversi sulla fertilità.

 

In precedenza ho intervistato Lindsay nel 2021. Quell’articolo non è aggiornato con le nuove informazioni, ma l’intervista è un buon manuale per le informazioni che condivide di seguito. In molti modi, ha predetto ciò che ora stiamo osservando. 

 

Ha sottolineato che ci sono prove credibili che i vaccini COVID possono reagire in modo incrociato con la sincitina e i geni riproduttivi nello sperma, negli ovuli e nella placenta in modi che potrebbero compromettere i risultati riproduttivi. «Potremmo potenzialmente sterilizzare un’intera generazione», aveva avvertito.

 

Lindsay aveva anche sottolineato che le segnalazioni di irregolarità mestruali significative ed emorragie vaginali nelle donne che avevano ricevuto le iniezioni erano già migliaia, e che anche questo era un segnale di sicurezza che non doveva essere ignorato.

 

 

4 donne su 10 vaccinate dal COVID segnalano irregolarità mestruali

A quanto pare, le prime segnalazioni di irregolarità mestruali non erano un colpo di sfortuna. Indagini più recenti hanno confermato che, infatti, molte donne sperimentano irregolarità mestruali dopo le vaccinazioni.

 

Come riportato da NBC News a metà luglio 2022:

 

«Un’analisi pubblicata sulla rivista Science Advances ha rilevato che il 42% delle persone con cicli mestruali regolari ha affermato di sanguinare più pesantemente del solito dopo la vaccinazione. Nel frattempo, il 44% non ha segnalato alcun cambiamento e circa il 14% ha segnalato un periodo più leggero».

 

«Tra le persone senza mestruazioni, ad esempio quelle post-menopausa o che usano determinati contraccettivi a lungo termine, lo studio suggerisce che molte persone hanno sperimentato una svolta o un’emorragia inaspettata dopo i loro vaccini COVID».

 

Altre categorie di persone che hanno riportato emorragie da rottura anormali includevano il 39% di quelle in trattamento con ormoni di affermazione del genere, il 71% delle donne che assumevano contraccettivi a lunga durata d’azione e il 66% delle donne in postmenopausa.

 

Le donne anziane, quelle che usavano la contraccezione ormonale, erano state incinte in precedenza o avevano diagnosi di endometriosi, fibromi o sindrome dell’ovaio policistico avevano maggiori probabilità di sperimentare un’emorragia più pesante del normale dopo le loro vaccinazioni.

 

 

Le irregolarità mestruali sono irrilevanti?

Vale la pena notare che gli studi COVID non hanno chiesto alle partecipanti informazioni sulle loro mestruazioni e non hanno raccolto alcun dato sull’impatto riproduttivo. 

 

Eppure, nonostante questa chiara mancanza di raccolta di dati, la narrativa ufficiale è che tutto va bene: i vaccini sono sicuri e non influiranno sulla fertilità.

 

Come fanno a saperlo? Non lo sanno, ed è questo che rende tali affermazioni così eclatanti. A peggiorare le cose, i media che riportano questi risultati continuano a insistere sul fatto che le irregolarità mestruali post- vaccini sono «normali» e non un segno che la capacità riproduttiva sia stata influenzata. 

 

Ad esempio, Science scrive:

 

«Chiarire la questione è fondamentale. “È importante sapere”, afferma Victoria Male, immunologa riproduttiva presso l’Imperial College di Londra. “Diciamo che hai ricevuto il vaccino e il giorno dopo ti sei sentito davvero male come capita ad alcune persone”».

 

«Se non fossi stata informata della possibilità di febbre, dolori muscolari e altri effetti che si dissipano rapidamente, “saresti davvero preoccupata”, ha detto». 

 

Illuminare la possibilità di irregolarità mestruali e confermare che non rappresentano un rischio per la salute aiuta anche a combattere la diffusa disinformazione che i vaccini COVID-19 compromettono la fertilità, affermano Victoria Male e altri.

 

Ancora una volta, nessuno sa se i vaccini influiscano sulla fertilità o meno per il semplice fatto che non è stato studiato. Nessuno studio significa nessun dato, il che significa nessuna conoscenza. È così semplice. Qualsiasi affermazione contraria si basa su pura congettura e supporre non è scienza.

 

E, mentre il ciclo mestruale di una donna può fluttuare, i cambiamenti improvvisi storicamente non sono stati spazzati via come irrilevanti. 

 

Al contrario, le mestruazioni improvvisamente anormali sono state elencate come un potenziale segno di cose come:

 

  • Cancro dell’utero e/o del collo dell’utero

 

 

  • Disfunzioni tiroidee e/o disturbi dell’ipofisi che influiscono sull’equilibrio ormonale

 

  • Infezione e/o malattia

 

 

 

Anche la durata del ciclo mestruale è influenzata

La ricerca pubblicata il 1 aprile 2022 sulla rivista Obstetrics and Gynecology ha anche trovato un’associazione tra il vaccino COVID e i cambiamenti nella durata del ciclo mestruale. 

 

Il cambiamento è stato minimo – circa un giorno in meno rispetto alla pre-iniezione dopo la seconda dose – e non è stato ritenuto di grande preoccupazione.

 

Tuttavia, nella mia mente, il cambiamento indica che qualcosa sta accadendo. La domanda è cosa?

 

 

L’infezione può sopprimere la funzione ovarica

Alcuni ricercatori hanno suggerito che le irregolarità mestruali osservate nelle pazienti di sesso femminile con COVID e vaccinate COVID allo stesso modo possono essere attribuite a una risposta immunitaria alla proteina spike.

 

Nel gennaio 2021, uno studio cinese pubblicato su Reproductive BioMedicine Online ha rilevato che il 28% delle donne in età riproduttiva non vaccinate con diagnosi di COVID-19 ha avuto un cambiamento nella durata del ciclo, il 19% ha avuto cicli prolungati e il 25% ha avuto un cambiamento nel volume del sangue mestruale.

 

I ricercatori hanno ipotizzato che «i cambiamenti delle mestruazioni di queste pazienti potrebbero essere la conseguenza di cambiamenti transitori degli ormoni sessuali» causati da una temporanea soppressione della funzione ovarica durante l’infezione.

 

La dott.ssa Natalie Crawford, specialista della fertilità, ha suggerito che le irregolarità mestruali osservate nelle pazienti di sesso femminile con COVID-19 possono essere collegate a una risposta immunitaria cellulare e poiché l’iniezione COVID indica al tuo corpo di produrre la proteina spike SARS-CoV-2, a cui risponde il tuo sistema immunitario, gli effetti del vaccino possono essere simili all’infezione naturale. 

 

In un editoriale del BMJ del 2021, Male, citata da Science sopra, ha presentato un punto di vista simile:

 

 «Sono stati segnalati cambiamenti mestruali dopo che sia l’mRNA che l’adenovirus hanno portato i vaccini COVID-19, suggerendo che, se esiste una connessione, è probabile che sia il risultato della risposta immunitaria alla vaccinazione piuttosto che di un componente specifico del vaccino. Anche la vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) è stata associata a cambiamenti mestruali».

 

«I meccanismi biologicamente plausibili che collegano la stimolazione immunitaria con i cambiamenti mestruali includono influenze immunologiche sugli ormoni che guidano il ciclo mestruale o effetti mediati dalle cellule immunitarie nel rivestimento dell’utero, che sono coinvolte nell’accumulo ciclico e nella rottura di questo tessuto. La ricerca che esplora una possibile associazione tra i vaccini COVID-19 e i cambiamenti mestruali può anche aiutare a capire il meccanismo».

 

Ciò non significa che le irregolarità mestruali non abbiano conseguenze, però. Dopotutto, sembra che abbiamo a che fare con un virus artificiale e l’mRNA nei vaccini che programmano la produzione di proteine ​​spike è geneticamente ingegnerizzato su di esso.

 

Forse è per questo che una percentuale maggiore di donne segnala irregolarità mestruali a seguito del vaccino COVID, rispetto alla percentuale di donne che subiscono irregolarità a seguito di infezione naturale?

 

Potrebbe anche valere la pena esaminare i parallelismi tra i disturbi della coagulazione del sangue segnalati – sia in alcuni casi COVID-19 che post-vaccinazione COVID-19 – e la malattia di Von Willebrand, una condizione cronica che impedisce la normale coagulazione del sangue, che induce così mestruazioni eccessivamente pesanti. 

 

 

Aborti spontanei, morti fetali e nati morti sono saliti alle stelle

Le irregolarità mestruali non sono l’unico segnale di sicurezza. 

 

Anche gli aborti spontanei, le morti fetali e i nati morti sono aumentati dopo il lancio dei vaccini COVID. Nel novembre 2021, il Lions Gate Hospital di North Vancouver, British Columbia (BC), ha partorito 13 sorprendenti bambini nati morti in un periodo di 24 ore e tutte le madri avevano ricevuto il vaccino COVID.

 

In un mese tipico, potrebbe esserci un bambino nato morto in ospedale, quindi 13 nati morti in 24 ore sono qualcosa di molto insolito. La Scozia ha anche registrato un aumento insolito dei tassi di mortalità infantile. Nel mese di settembre 2021 sono morti almeno 21 bambini di età inferiore alle 4 settimane, un tasso di 4,9 ogni 1.000 nascite. 

 

Storicamente, il tasso di mortalità medio tra i neonati in Scozia è di circa 2 per 1.000 nascite.

 

Eppure, nonostante i nati morti siano aumentati dopo l’introduzione dei vaccini COVID – invece di aumentare in anticipo – gli studi che collegano i nati morti all’infezione da SARS-CoV-2 sono stati utilizzati per incoraggiare le donne incinte a farsi vaccinare.

 

Quindi, fondamentalmente, è stato scoperto che l’infezione stessa può causare mortalità (e sappiamo che la proteina spike del virus è la parte che causa la maggior parte dei problemi), eppure vogliono che tu creda che la proteina spike prodotta dall’iniezione in qualche modo ha un impatto protettivo sulla gravidanza.

 

Questa linea di ragionamento si sgretola ulteriormente se si considera che gli scienziati ora affermano che le irregolarità mestruali post-vaccini sono probabilmente dovute a risposte immunitarie che sorgono in risposta sia al virus che ai vaccini.

 

Se è vero, allora perché il vaccino contro il COVID non dovrebbe essere in grado di causare anche nati morti in misura uguale o maggiore rispetto al virus?

 

 

Non ci sono dati a supporto dei vaccini COVID per le donne in gravidanza

I funzionari sanitari sono fermamente convinti che le donne incinte ricevano un’iniezione di COVID-19, ma i dati non supportano la sua sicurezza. 

 

Lo studio sponsorizzato dal CDC pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) che è stato ampiamente utilizzato per supportare la raccomandazione degli Stati Uniti per l’iniezione alle donne in gravidanza è stato corretto nell’ottobre 2021, con la correzione che afferma:

 

 «Nelle note a piè di pagina della tabella, il seguente contenuto avrebbe dovuto essere aggiunto alla nota a piè di pagina: “Non era disponibile alcun denominatore per calcolare una stima del rischio per gli aborti spontanei, perché al momento della presente relazione non era ancora disponibile un follow-up di 20 settimane per 905 delle 1224 partecipanti vaccinate entro 30 giorni prima del primo giorno dell’ultima mestruazione ciclo o nel primo trimestre. Inoltre, qualsiasi stima del rischio dovrebbe tenere conto del rischio specifico della settimana gestazionale di aborto spontaneo”».

 

 

Il vaccino COVID colpisce anche la fertilità maschile

Altre ricerche recenti hanno scoperto che il vaccino Pfizer COVID «altera temporaneamente la concentrazione dello sperma e il conteggio della motilità degli spermatozoi» negli uomini.

 

Come notato dagli autori:

 

«Lo sviluppo delle vaccinazioni COVID-19 rappresenta un notevole risultato scientifico. Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni riguardo al loro possibile impatto negativo sulla fertilità maschile…»

 

«Trentasette SD [donatori di sperma] provenienti da tre banche del seme che hanno fornito 216 campioni sono stati inclusi in quello studio di coorte multicentrico longitudinale retrospettivo. La vaccinazione BNT162b2 includeva due dosi e il completamento della vaccinazione era programmato 7 giorni dopo la seconda dose».

 

«Lo studio comprendeva quattro fasi: T0 – controllo basale pre-vaccinazione, che comprendeva 1–2 campioni iniziali per SD; T1, T2 e T3: valutazioni rispettivamente a breve, medio e lungo termine. Ciascuno includeva 1–3 campioni di sperma per donatore forniti rispettivamente 15–45, 75–125 e oltre 145 giorni dopo il completamento della vaccinazione…»

 

«Le misurazioni ripetitive hanno rivelato una diminuzione della concentrazione spermatica del -15,4% su T2 (CI -25,5%–3,9%, p = 0,01) portando a una riduzione della conta mobile totale del 22,1% (CI -35% – -6,6%, p = 0,007) rispetto a T0».

 

«Allo stesso modo, l’analisi del solo primo campione di sperma e della media dei campioni per donatore ha portato a riduzioni della concentrazione e della conta mobile totale (TMC) su T2 rispetto a T0 – declino mediano rispettivamente di 12 milioni/ml e 31,2 milioni di spermatozoi mobili, … alla prima valutazione del campione e declino mediano di 9,5 × 106 e 27,3 milioni di spermatozoi mobili … all’esame medio dei campioni. La valutazione T3 ha dimostrato un recupero globale senza…

 

«Questo studio longitudinale incentrato sulla SD dimostra la concentrazione temporanea selettiva degli spermatozoi e il deterioramento del TMC 3 mesi dopo la vaccinazione, seguiti da un successivo recupero verificato da diverse analisi statistiche».

 

Come per i problemi mestruali delle donne, gli autori attribuiscono questi effetti negativi negli uomini a una «risposta immunitaria sistemica» al vaccino COVID. Tuttavia, mentre affermano che la capacità riproduttiva degli uomini si riprenderà in circa tre mesi, questo potrebbe comunque essere un enorme problema.

 

Ricorda, i vaccini mRNA sono raccomandati a intervalli di tre mesi per la serie originale e da allora in poi i booster vengono raccomandati a intervalli variabili. Se distruggi lo sperma di un uomo per tre mesi ogni volta che riceve un vaccino COVID, riduci significativamente la probabilità che abbia un figlio per buona parte di un dato anno.

 

 

In corso un massiccio spopolamento

Che sia accidentale o intenzionale, il fatto è che ora stiamo assistendo a un brusco calo dei nati vivi insieme a un altrettanto improvviso aumento delle morti in eccesso tra gli adulti. Il risultato finale sarà una riduzione della popolazione mondiale.

 

Sembra inevitabile a questo punto e la tempistica di queste tendenze corrisponde al rilascio di queste iniezioni sperimentali di trasferimento genico COVID. Ad esempio, la Germania ha recentemente pubblicato dati che mostrano un calo del 10% del tasso di natalità durante il primo trimestre del 2022.

 

 

Il grafico del tasso di natalità in tempo reale per la Svezia sembra più o meno lo stesso:

 

 

Anche altri Paesi stanno assistendo a riduzioni inaspettate del tasso di natalità, a nove mesi dall’inizio della campagna di vaccinazione di massa contro il COVID. 

 

Tra gennaio e aprile 2022, il tasso di natalità della Svizzera è stato del 15% inferiore al previsto, quello del Regno Unito del 10% e quello di Taiwan del 23%.

 

In un articolo di Counter Signal del 5 luglio 2022, Mike Campbell ha riportato le preoccupazioni espresse dal deputato ungherese Dúró Dóra durante un discorso parlamentare:

 

«A gennaio di quest’anno è successo qualcosa che non accadeva da decenni. Il tasso di natalità è diminuito del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E ciò che è ancora più preoccupante è che anche la fertilità è diminuita, cosa che non si vedeva dal 2011…»

 

«[Un] ricercatore presso il KRTK Institute of Economics sottolinea che questo drastico calo è avvenuto solo nove mesi dopo l’inizio delle vaccinazioni di massa COVID in Ungheria».

 

Dopo aver approfondito la questione, Campbell ha scoperto che nei cinque Paesi con la più alta assunzione di vaccini COVID, la fertilità è diminuita in media del 15,2%, mentre i cinque paesi con la più bassa assunzione del vaccino COVID hanno visto una riduzione media di appena il 4,66%. 

 

Anche gli Stati Uniti mostrano segni di un calo dei nati vivi.

 

I dati provvisori del North Dakota mostrano un calo del 10% a febbraio 2022, una riduzione del 13% a marzo e una riduzione dell’11% ad aprile, rispetto ai mesi corrispondenti del 2021.

 

Di seguito è riportato un grafico di Birth Gauge su Twitter che confronta i dati sulla nascita dal vivo per 2021 e 2022 in un gran numero di Paesi.

 

Assumiti la responsabilità della tua salute

In questo momento, le donne non vengono avvertite dei rischi di aborto spontaneo, irregolarità mestruali e potenziali problemi di fertilità e nati morti, anche se tutti questi segnali di sicurezza sono palesemente evidenti. 

 

Come specialista ostetrico-ginecologo, il dottor James Thorp, ha dichiarato a The Epoch Times nell’aprile 2022:

 

«Ho visto molte, molte, molte complicazioni nelle donne in gravidanza, nelle mamme e nei feti, nei bambini, nella prole, nella morte del feto, nell’aborto spontaneo, nella morte del feto dentro la mamma… Quello che ho visto negli ultimi due anni è senza precedenti».

 

Tragicamente, i medici sono sottoposti a un ordine di bavaglio in tutto il mondo. Allontano i pazienti dai vaccini COVID rischiando di perdere la licenza medica. Questo mette i pazienti in una situazione incredibilmente rischiosa, poiché la maggior parte si affida ai loro medici per dire loro la verità. 

 

Pochi si aspettano che i medici mentano o nascondano loro informazioni salvavita semplicemente per proteggere la propria carriera. Quindi, siamo in tempi senza precedenti in più di un modo.

 

Ciò significa che non hai scelta, in realtà, se non quella di fare le tue ricerche e valutare i rischi nel miglior modo possibile. Ci sono tonnellate di dati là fuori: dati che i media mainstream non toccheranno e, se lo fanno, insistono ancora che gli eventi avversi non sono un segno di pericolo. In tali situazioni, devi semplicemente indossare il tuo limite di pensiero e pensarci bene.

 

Al 15 luglio 2022, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) statunitense aveva registrato 1.350.947 segnalazioni di eventi avversi a seguito del vaccino COVID, inclusi 29.635 decessi, e ci sono prove che le segnalazioni vengono cancellate dal sistema a migliaia. Puoi saperne di più leggendo «Migliaia di morti e reazioni avverse cancellate da VAERS».

 

I segnali di sicurezza provenienti dai vaccini COVID superano qualsiasi altra cosa nella storia medica. Nessun farmaco o vaccino è mai stato associato a tante lesioni e decessi, inclusi danni ai nascituri.

 

A questo punto, sembra che stiamo assistendo a un certo evento di spopolamento.

 

La domanda allora è: sei disposto ad accettare i rischi?

 

Sei disposto a rischiare la tua fertilità, anche se solo temporaneamente?

 

Sei disposto a rischiare la vita del tuo bambino?

 

Sei disposto a rischiare la tua stessa vita?

 

In caso contrario, la risposta è semplice. Non fare il vaccino e se ne hai già fatti uno o due (o tre), non farne mai più un altro.

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Controllo delle nascite

Natalità, il premier giapponese afferma che il suo Paese sta precipitando da un precipizio demografico

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge

 

 

 

Il primo ministro giapponese ha avvertito che il suo paese cadrà in un precipizio economico e sociale a meno che non riesca a invertire il declino della sua popolazione.

 

«Il nostro paese è sull’orlo dell’incapacità di mantenere le funzioni della società», ha affermato Fumio Kishida all’inizio della sessione della Dieta di quest’anno.

 

Il numero di nascite nel 2022 è inferiore a 800.000. Nel 1973, al culmine del baby boom, nacquero 2,09 milioni di bambini.

 

La popolazione del Giappone continua a diminuire. Nel 2020, i ricercatori hanno previsto che la popolazione del Giappone sarebbe diminuita da 128 milioni nel 2017 a meno di 53 milioni nel 2100.

 

Più bambini saranno la «massima priorità» per la sua amministrazione, ha affermato Kishida. Ha in programma di spendere soldi per «creare un’economia e una società incentrate sui bambini».

 

«Le politiche sui bambini e sull’assistenza all’infanzia sono l’investimento più efficace per il futuro”» ha detto alla Dieta. Fornirà altri 80.000 yen (592 dollari USA) all’anno alle coppie che hanno un figlio.

 

«Questo non risolverà magicamente i problemi che il Giappone, come nazione, deve affrontare», ha detto a Deutsche Welle Noriko Hama, economista della Doshisha University di Kyoto. «Non si tratta solo di buttare soldi alle giovani coppie e aspettarsi che abbiano più figli. È una questione di scarsa infrastruttura sociale che consente alle persone di sentirsi abbastanza sicure da avere figli».

 

«Al momento, le persone non sono contente dell’ambiente in cui dovranno crescere un bambino e fino a quando non migliorerà, il tasso di natalità non si riprenderà», ha detto.

 

È improbabile che l’immigrazione fermi il declino del Giappone xenofobo. Il corrispondente giapponese della BBC, Rupert Wingfield-Hayes, è sposato con una donna giapponese e ha tre figli. Osserva caustico: «Se vuoi vedere cosa succede a un paese che rifiuta l’immigrazione come soluzione al calo della fertilità, il Giappone è un buon punto di partenza. I salari reali non crescono qui da 30 anni. I redditi in Corea del Sud e Taiwan hanno raggiunto e persino superato il Giappone».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Contraccezione

Ecco il Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria

Pubblicato

il

Da

Il massimo quotidiano del pianeta, il New York Times, ha dedicato un lungo articolo alla figura di Les Knight, 75 anni, il fondatore del movimento Voluntary Human Extinction («Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria»), che è meno un movimento che un libero consorzio di persone che credono che la cosa migliore che gli esseri umani possano fare per aiutare la Terra sia smettere di avere figli.

 

Il Knight ha aggiunto la parola «volontaria» decenni fa per chiarire che gli aderenti non supportano l’omicidio di massa o il controllo delle nascite forzato, né incoraggiano il suicidio. Il loro ethos è ripreso nel loro motto, «Possiamo vivere a lungo e morire», e in un altro dei loro slogan, che Knight appende a vari convegni e fiere di strada: «Grazie per non aver fatto figli».

 

L’articolo è scattato quando lo scorso 15 novembre il pianeta avrebbe raggiunto, otto miliardi di esseri umani. Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, il trend è comunque di implosione demografica, visto il rapporto numerico tra vecchiaia e gioventù.

 

Il tizio è ovviamente tra coloro che credono che la sovrappopolazione sia un fattore principale nella crisi climatica.

 

«L’idea che la popolazione debba essere controllata ha portato anche a sterilizzazioni forzate e misure che si sono dimostrate disumane o sono state collegate a teorie razziste come l’eugenetica» si ricorda improvvisamente il New York Times.

 

Il Knight a sterilizzarsi ci ha pensato da sé nel 1973, all’età di 25 anni. Non ha quindi avuto figli. Oltre a sostenere l’accesso universale al controllo delle nascite – che significa, nel gergo angloide, contraccezione e aborto – e opporsi a quello che chiama fascismo riproduttivo, «la mancanza di libertà di non procreare», il personaggi  afferma che, nonostante i nostri numerosi successi, gli esseri umani costituiscono nettamente un danno per la Terra.

 

«Guarda cosa abbiamo fatto a questo pianeta», ha detto il Knight durante una chiacchierata con l’inviato del NYT nel suo cortile. «Non siamo una buona specie».

 

Non è chiaro quanti aderenti ci siano nel gruppo del signor Knight, o quale sia l’estensione della sua portata. Dopo essere stato in gran parte clandestino, il gruppo è diventato popolare quando Mr. Knight ha creato un sito web nel 1996. Ricco di testi ma disinvolto, il sito include citazioni del filosofo pessimista Schopenhauer e vignette varie, nonché argomenti contro la procreazione e per adozione. È stato tradotto in circa 30 lingue, tra cui spicca la presenza, che sa di utopismo stantio ed impenitente quasi commovente, di lingue artificiali come l’Esperanto, l’Interlingua, l’Ido e perfino la «lingua franca».

 

Insegnante in pensione, arruolato durante la Guerra del Vietnam ma non andato al fronte, al College il Knight ha trovato un gruppo chiamato Zero Population Growth, il quale «ha cementato la sua determinazione a non avere figli». «È sempre stato a causa dell’ecologia, a causa del danno che gli umani fanno all’ambiente», racconta ora il vecchio.

 

È l’idea, oramai mainstream, dell’uomo come cancro del pianeta. «Le sue convinzioni sarebbero radicate nell’ecologia profonda, che sfida i presupposti del dominio umano e sostiene che altre specie sono altrettanto significative. Il signor Knight è arrivato a vedere gli umani come la più distruttiva delle specie invasive e come super predatori».

 

L’articolo scrive che «gli Stati Uniti hanno registrato un aumento delle nascite durante la pandemia di coronavirus , invertendo il calo del tasso di natalità del Paese, un sondaggio del 2020 ha rilevato che un americano su quattro che non aveva avuto figli ha citato il cambiamento climatico come motivo», una questione di cui tempo fa ha dato conto Renovatio 21.

 

Il New York Times tuttavia ci tiene a sottolineare  che «la ricerca ha dimostrato che avere un figlio in meno è forse il modo più significativo per ridurre la propria impronta di carbonio». Questa puntualizzazione, in linea con gli ESG ONU e lo stakeholder capitalism promosso dal Grande Reset del World Economic Forum (che, come riportato da Renovatio 21, ha origine negli ambienti che proponevano e propongono il controllo della popolazione), mica poteva mancare.

 

I pensieri mostruosi non si fermano qui. «Al signor Knight non piace spingere le sue convinzioni sulle persone, tuttavia gli piace pensare che ci siano alcuni esseri umani che non esistono perché dei suoi sforzi».

 

Se ci si fa un giro sul sito del Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria (VHEMT), si resta basiti. Innanzitutto, per la forma: se diciamo che pare un sito internet del 1995 non scherziamo, anzi, può fungere tranquillamente come macchina del tempo per chi per ragioni anagrafiche non può ricordare come era fatto il web una volta.

 

Il sito è una grande serie di FAQ, di domande con risposte. Alcuni esempi interessanti.

 

Domanda: «È possibile l’estinzione umana volontaria?» Risposta: «La nostra estinzione non è solo possibile, è inevitabile: miliardi di specie sono già andate e venute».

 

Domanda: «Cosa c’è che non va nei bambini? Non vi piacciono i bambini?» Risposta: «La scelta di astenersi dal produrre un’altra persona dimostra un profondo amore per tutta la vita»

 

Domanda: «Staremmo meglio se non fossimo mai nati?» Risposta: «La filosofia dell’antinatalismo è una delle vie principali verso l’estinzione umana volontaria. L’idea è che non abbiamo il diritto di far esistere qualcuno dove sicuramente soffrirà. Non stanno soffrendo nella non esistenza».

Domanda: «Essere genitori fa male all’ecologia della Terra?» Risposta: «La scelta di astenersi dall’aggiungere un altro di noi riduce notevolmente le nostre potenziali emissioni di gas serra»

 

E via così. Menzione speciale ai discorsi su nuovi virus, guerre, fame e rifiuti tossici che potrebbero aiutare l’estinzione umana: in realtà nemmeno questi sono sufficienti, anzi potrebbero in alcuni casi addirittura fortificare la specie.

 

Da notare come la morte, chiamata Grim Reaper («il tristo mietitore») e  rappresentata nelle vignette  del sito come il classico scheletro con mantello, cappuccio e falce, è qui considerata come un «supereroe».

 

Quella del Knight non è l’unica spaventosa iniziativa di terminazione della specie: anzi, è la più borghese, presentabile – e per questo finisce sui giornali. Maggiormente preoccupante è la Chiesa dell’Eutanasia fondata negli anni Novanta a Boston, una sedicente «fondazione educativa senza scopo di lucro dedicata al ripristino dell’equilibrio tra gli esseri umani e le restanti specie sulla Terra». Ciò sarebbe possibile, dicono i membri del culto, solo tramite una riduzione massiva volontaria della popolazione terrestre

 

Si tratterebbe, secondo il suo fondatore Chris Korda (musicista e sviluppatore di software nato in una famiglia di importanti scrittori e registi), forse dell’unica religione completamente e programmaticamente antiumana del mondo.

 

Uno degli slogan per cui il gruppo è noto è «Save the Planet, Kill Yourself», cioè «Salva il pianeta, ucciditi». Ma c’è anche «Eat a Queer Fetus for Jesus», «Mangia un feto strano per Gesù».

 

Il gruppo si è inevitabilmente scontrato con i gruppi antiabortisti cristiani d’America, per poi generare scandalo quando, dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, la Chiesa dell’Eutanasia ha pubblicato sul suo sito web un video musicale di quattro minuti intitolato Mi piace guardare, che combinava pornografia hardcore con filmati del crollo del World Trade Center, inclusa musica elettronica in sottofondo mentre erano scandite le parole «La gente si tuffa in strada / mentre io gioco con la mia carne». Il riferimento era con probabilità alle povere persone imprigionate nell’incendio delle Torri Gemelle che tragicamente si buttarono dai piani alti del palazzo. La clip mostrava anche un uomo che si masturbava e poi si puliva con una bandiera americana.

 

Secondo Wikipedia, le istruzioni della Chiesa dell’Eutanasia su «come uccidersi» per asfissia con l’elio sono state rimosse dal suo sito web nel 2003 dopo che una donna di 52 anni le aveva usate per suicidarsi in Missouri, con conseguenti minacce legali contro l’organizzazione.

 

C’è da considerare che, sia i moderati del VHEMT che gli estremisti della Chiesa dell’Eutanasia, sono sinceri nel portare avanti (solo in modo «teatrale», certo: perché quelli seri là fuori fanno ben altro) il programma della Cultura della Morte, che è il sistema operativo del mondo moderno. Un mondo dove l’essere umano è visto come nemico, e quindi la sua riproduzione va impedite, e i numeri della popolazione vanno ridotti.

 

Tuttavia, costoro non capiscono che il programma è un altro. È leggermente diverso, più complesso, più sottile.

 

Il vero manovratore della Necrocultura non vuole solo l’assassinio della massa umana. No. Vuole che sia l’uomo stesso a implementarla: vuole cioè, la perversione. Non vuole eliminare del tutto gli uomini: deve conservarne una parte, per offenderli ed umiliarli, perché essi sono a immagine del vero avversario del manovratore della morte.

 

Una parte degli uomini, secondo questo disegno, sarà poi necessaria affinché si adori il manovratore nei tempi ultimi. Come sa il lettore di Renovatio 21, non è improbabile che quantomeno una parte di tali adoratori possano essere creature prodotte in laboratorio, figli della provetta, cioè coloro, dice l’Apocalisse di San Giovanni, « il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo» (Ap 13, 8)

 

Quindi: la riduzione della popolazione terrestre è realtà. Tuttavia, la sua completa estinzione, non è nei piani del Male.

 

Nei piani del Male c’è molto di peggio.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La Silicon Valley convertita al natalismo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questo mese è venuto al mondo l’8 miliardesimo bambino. I demografi ritengono che la popolazione mondiale si stia muovendo verso i 10 miliardi. Ma a un certo punto, la curva inizierà a muoversi verso il basso. Le persone ovunque (eccetto l’Africa sub-sahariana) diventeranno sempre più anziane, comportando enormi oneri per i servizi sociali del governo.

 

Il problema è che la maggior parte dei paesi ha tassi di natalità inferiori al livello di sostituzione. E nessuno sa come convincere le donne ad avere più figli, come ha scoperto la Cina, con suo sgomento.

 

Che cosa si deve fare? Una soluzione arriva da una fonte improbabile: attivisti pro-natalismo facoltosi, fanatici della tecnologia e venture capitalists.

 

 

Capitolo 1: Elon Musk twitta ossessivamente sul crollo della popolazione

L’eccentrico miliardario è stato sposato due volte ma ora si definisce single. Ha avuto almeno nove figli con una combinazione di mogli, fidanzate e surrogate. Ecco alcuni dei suoi ultimi tweet.

 

 

  • «Contrariamente a quanto molti pensano, più qualcuno è ricco, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un figlio». Elon Musk su Twitter, 25 maggio 2022.

 

 

 

Capitolo 2: Malcolm e Simone Collins fanno qualcosa.

Malcolm e Simone irradiano una potente fiducia in se stessi. Come coppia hanno gestito società in cinque continenti che complessivamente hanno raccolto 70 milioni di dollari ogni anno; lui ha raccolto un fondo di private equity; strategia diretta alle migliori società di capitale di rischio in fase iniziale; ha scritto tre libri bestseller; è stato amministratore delegato di Dialog, un ritiro per leader globali fondato da Peter Thiel; e ha conseguito lauree in neuroscienze, economia e politica tecnologica a St Andrews, Stanford e Cambridge.

 

In un servizio su Business Insider, spiegano che vogliono salvare il mondo dal diventare un’idiocrazia nella vita reale. A cominciare da se stessi. Prima di sposarsi, si sono impegnati ad avere tra i 7 ei 13 figli. Dato che Simone era più grande, ha congelato i suoi ovuli per assicurarsi che l’età non fosse un ostacolo. Hanno già 3 figli. Nel 2018, che chiamano l’anno del raccolto, hanno prodotto e congelato quanti più embrioni possibile. Selezionano gli embrioni per l’alto QI e altri tratti preziosi. Si definiscono «hipster eugenetici».

 

«Finché ciascuno dei loro discendenti può impegnarsi ad avere almeno otto figli per sole 11 generazioni, la linea di sangue dei Collins alla fine supererà l’attuale popolazione umana», dicono a Business Insider.

 

 

Capitolo 3: Scopri tutto sull’imminente implosione della popolazione su pronatalist.org .

Dalla loro casa nella Pennsylvania rurale, la coppia Collins, altamente collegata, predica il vangelo del pro-natalismo, che è l’ultima moda tra i super ricchi della Silicon Valley.

 

Negli ultimi 20 anni circa, i miliardari sono stati ossessionati dalla longevità, aumentando la durata della vita a centinaia di anni. La ricerca su questo continua, ma alcuni hanno rivolto le loro menti alla demografia. «La persona di questa sottocultura vede davvero il percorso verso l’immortalità attraverso l’avere figli», afferma Simone.

 

Pronatalist.org, creato da Malcolm e Simone, avvisa i lettori della crisi e propone una soluzione:

 

«I tassi di natalità stanno diminuendo precipitosamente in tutto il mondo, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Se non verranno intraprese azioni drammatiche, assisteremo all’estinzione di intere società, all’espansione di governi totalitari e all’ascesa incontrollata del tribalismo».

 

Il tasso di natalità della Corea del Sud è di circa 0,81 , molto al di sotto del livello di sostituzione. I Collins lo chiamano «genocidio per inerzia». «Questo equivale a una malattia che spazza via il 94% della popolazione. Abbiamo bisogno di soluzioni radicali per salvare i gruppi etnici in via di estinzione».

 

Vedono la politica contemporanea attraverso una lente demografica:

 

«Se ti sei mai chiesto perché diverse fazioni ideologiche in politica sembrano essere sempre meno d’accordo con il passare del tempo, perché stanno diventando più autoritarie e perché il tribalismo sembra aumentare: stai assistendo alla mano invisibile del collasso demografico al lavoro».

 

«I numeri della popolazione alla fine rimbalzeranno entro poche centinaia di anni, ma i progressi che il mondo ha fatto in termini di diritti delle donne, libertà di parola, ambientalismo, uguaglianza razziale, diritti degli omosessuali, ecc. corre il rischio di una cancellazione sistematica se non interveniamo».

 

Qual è la risposta? Solo un cambiamento culturale ci salverà, sostengono. I crediti d’imposta e i bonus bebè non funzioneranno:

 

«Solo le culture con una forte motivazione esterna ad avere figli sono al momento ben al di sopra del tasso di ripopolamento; tutti gli altri entreranno nella pattumiera della storia. In sostanza, ogni cultura mondiale che non ha forti convinzioni religiose o educa e tratta le donne da pari a pari viene sistematicamente cancellata».

 

Una singola famiglia con otto figli che passa con successo quella pratica ai propri figli può salvare il loro intero gruppo etnico. (Una famiglia con otto figli per dieci generazioni porta a oltre un miliardo di discendenti)

 

 

Capitolo 4: networking per il natalismo

I Collins vogliono che tu ti unisca a loro.

 

«Stiamo costruendo attivamente una rete diversificata di famiglie con la grinta per superare questo vortice. Se ti impegni per un alto tasso di natalità e per costruire una cultura sana per la tua famiglia, vogliamo parlarti!»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari