Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

Vaccino Pfizer, impatti sulla fertilità sconosciuti

Pubblicato

il

 

 

 

Le istruzioni di sicurezza prodotte dal governo britannico per un nuovo vaccino contro il coronavirus indicano che non dovrebbe essere usato da madri e bambini in gravidanza o che allattano. Inoltre, affermano che non è noto quale effetto avrà il vaccino mRNA COVID-19 sulla fertilità.

 

Le  dieci pagine del «Reg 174 Information for UK Healthcare Professionals» descrivono il vaccino, come deve essere conservato, diluito e somministrato e gli studi di prova effettuati per testarlo.  Per essere efficace, il vaccino dovrebbe essere somministrato due volte.

 

La guida dice che riguardo al vaccino «dati non ne esistono o sono limitati». Pertanto, non se ne consiglia l’uso per le donne in gravidanza

In una sezione chiamata «Fertilità, gravidanza e allattamento», la guida dice che riguardo al vaccino «dati non ne esistono o sono limitati». Pertanto, non se ne consiglia l’uso per le donne in gravidanza.

 

«Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza», afferma la guida nella sezione 4.6.

 

«Per le donne in età fertile, la gravidanza dovrebbe essere esclusa prima della vaccinazione».

«Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza»

 

La guida consiglia inoltre alle donne di evitare di rimanere incinte per i primi due mesi dopo i loro colpi di COVID-19.

 

«Inoltre, le donne in età fertile dovrebbero essere avvisate di evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo la loro seconda dose», dice.

 

Poiché non è ancora noto se il vaccino possa essere trasmesso a un lattante attraverso il latte materno, le istruzioni affermano che «un rischio per i neonati / bambini non può essere escluso». Pertanto, la guida specifica che il vaccino «non deve essere utilizzato durante l’allattamento».

«Per le donne in età fertile, la gravidanza dovrebbe essere esclusa prima della vaccinazione».

 

Come riporta Lifesite, è allarmante che la guida inglese ha solo una cosa da dire sull’impatto del vaccino sulla fertilità: non sanno se lo fa o no.

 

«Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità», afferma.

«Le donne in età fertile dovrebbero essere avvisate di evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo la loro seconda dose»

 

La guida rileva che la sicurezza del vaccino è stata testata in due studi clinici.

 

Il primo studio ha arruolato 60 persone di età compresa tra 16 e 55 anni e il secondo ha coinvolto «circa» 44.000 persone di età pari o superiore a 12 anni. Gli effetti negativi più comuni del vaccino nelle persone di età superiore ai 16 anni sono stati«”dolore al sito di iniezione» (un muscolo), sperimentato da oltre l’80%, affaticamento (oltre il 60%), mal di testa (oltre il 50%), dolore muscoli (oltre il 30%), brividi (oltre il 30%), dolori articolari (oltre il 20%) e febbre (oltre il 10%).

 

Le istruzioni affermano che «un rischio per i neonati / bambini non può essere escluso». Pertanto, la guida specifica che il vaccino «non deve essere utilizzato durante l’allattamento»

Secondo la guida, questi effetti collaterali «erano generalmente di intensità lieve o moderata» e scomparivano dopo pochi giorni.

 

 

Vaccino sterilizzante?

All’inizio di questa settimana, due importanti medici hanno scritto  all’Agenzia europea per i medicinali, responsabile della sicurezza dei vaccini, nel tentativo di interrompere le sperimentazioni sull’uomo di tutti i vaccini Covid-19, in particolare il vaccino mRNA Pfizer / BioNtech COVID-19 BNT162b2 descritto sopra.

 

Il dottor Michael Yeadon, un ex capo della ricerca respiratoria di Pfizer, e il  dottor Wolfgang Wodarg , un consulente per le politiche sanitarie, pensano che i test sull’uomo non siano ancora etici.

 

«Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità»

Tra le altre preoccupazioni, Yeadon e Wodart avvertono che alcuni dei vaccini possono impedire lo sviluppo sicuro della placenta nelle donne in gravidanza, con il risultato che «le donne vaccinate diventano essenzialmente sterili».

 

«Non ci sono indicazioni se gli anticorpi contro le proteine ​​spike dei virus della SARS agiscano anche come anticorpi anti-Syncytin-1. Tuttavia, se così fosse, ciò impedirebbe anche la formazione di una placenta che porterebbe le donne vaccinate a diventare essenzialmente sterili».

 

I medici suggeriscono che poiché il protocollo di sperimentazione Pfizer / BioNTech afferma che «le donne in età fertile» possono partecipare solo se non sono in gravidanza o allattano al seno e utilizzano metodi contraccettivi, e potrebbe essere necessario «un tempo relativamente lungo prima che un numero notevole di potrebbero essere osservati casi di infertilità post-vaccinazione».

I dottori Yeadon e Wodart avvertono che alcuni dei vaccini possono impedire lo sviluppo sicuro della placenta nelle donne in gravidanza, con il risultato che «le donne vaccinate diventano essenzialmente sterili»

 

Pfizer non può essere citata in giudizio per danni

Secondo il  quotidiano britannico Indipendent, Pfizer, il proprietario del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 ha ricevuto un’indennità nel Regno Unito, il che significa che le persone che subiscono danni dal vaccino non potranno citare in giudizio l’azienda.

 

«Anche il personale del NHS (National Health Service) che fornisce il vaccino, così come i produttori del farmaco, sono protetti», ha riferito l’Independent.

 

Potrebbe essere necessario «un tempo relativamente lungo prima che un numero notevole di potrebbero essere osservati casi di infertilità post-vaccinazione»

Il giornale ha anche riferito che il vaccino Pfizer / BioNTech è stato autorizzato martedì dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari ai sensi della sezione 174 del Regolamento sulla medicina umana del 2012.

 

Il regolamento , che è stato modificato dal governo britannico questo autunno, attualmente afferma che i «divieti» ordinari nei requisiti britannici per l’autorizzazione «non si applicano quando la vendita o la fornitura di un medicinale è autorizzata dall’autorità di rilascio delle licenze su base temporanea in risposta alla diffusione sospetta o confermata di: (a) agenti patogeni; (b) tossine; (c) agenti chimici; o (d) radiazioni nucleari, che possono causare danni agli esseri umani».

 

Pfizer, il proprietario del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 ha ricevuto un’indennità nel Regno Unito, il che significa che le persone che subiscono danni dal vaccino non potranno citare in giudizio l’azienda

The Independent ha osservato che in una conferenza stampa mercoledì, l’amministratore delegato di Pfizer nel Regno Unito si è rifiutato di spiegare perché la società avesse bisogno di questa protezione legale.

 

«In realtà non stiamo rivelando nessuno dei dettagli su nessuno degli aspetti di tale accordo e in particolare sulle clausole di responsabilità», ha detto Ben Osborn di Pfizer.

 

Curiosamente, a ottobre l’Agenzia governativa britannica per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), ha pubblicato una richiesta di offerta affermando che «per motivi di estrema urgenza», stavano cercando «uno strumento software di Intelligenza Artificiale (AI) per elaborare il volume elevato previsto di reazione avverse al vaccino e ai farmaci COVID- 19 reazioni avverse ai farmaci da vaccino (ADR)».

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Commenti «fuorvianti» del CEO Pfizer sulle iniezioni di COVID per i bambini: lo dice un ente di controllo britannico

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il CEO di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., avrebbe  fatto commenti «fuorvianti» e «non qualificati» promuovendo l’uso di vaccini a mRNA COVID-19 per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC, dice un’ente di controllo del Regno Unito.

 

 

Il CEO di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., avrebbe fatto commenti «fuorvianti» e «non qualificati» promuovendo l’uso di vaccini a mRNA COVID-19 per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC, ha scoperto un ente di controllo del Regno Unito.

 

La Prescription Medicines Code of Practice Authority (PMCPA), un organismo indipendente di autoregolamentazione istituito dall’Associazione dell’industria farmaceutica britannica (ABPI), ha riscontrato che Bourla avrebbe violato diverse regole nel suo Code of Practice per la pubblicità.

 

L’associazione di controllo dell’industria farmaceutica britannica UsForThem ha presentato la denuncia al PMCPA.

 

In un post di Substack dopo la sentenza, UsForThem ha accusato l’editore medico della BBC, Fergus Walsh , di aver condotto l’intervista «come una chiacchierata amichevole davanti al fuoco», dando a Bourla «un’opportunità promozionale gratuita che il denaro non può comprare» permettendogli di promuovere l’adozione del vaccino , in particolare tra i bambini piccoli per i quali il vaccino non era stato nemmeno autorizzato.

 

In qualità di emittente del servizio pubblico nazionale del Regno Unito, la BBC dovrebbe seguire rigide linee guida in materia di pubblicità commerciale o posizionamento di prodotti, che UsForThem ha affermato che l’intervista a Bourla non è riuscita a seguire.

 

La BBC ha pubblicato l’intervista con Bourla nel dicembre 2021 sul suo sito web, sulla sua app di notizie e nel programma BBC News at One, come videointervista e articolo di accompagnamento, «Pfizer boss: Annual COVID jabs for years to come» [«Il boss di Pfizer: vaccini COVID annuali per gli anni a venire»].

 

L’intervista sarebbe andata in onda due giorni dopo che il governo del Regno Unito ha annunciato di aver accettato di acquistare 54 milioni di dosi in più di vaccini a mRNA da Pfizer-BioNTech e altri 60 milioni da Moderna.

 

Il PMCPA potrebbe multare Bourla solo per i costi amministrativi. Non ha l’autorità per imporre altre sanzioni.

 

La BBC è il membro fondatore della Trusted News Initiative (TNI). Il mese scorso Children’s Health Defense ha citato in giudizio la BBC e altri tre membri di TNI, sostenendo di aver collaborato con diverse aziende Big Tech per «censurare collettivamente le notizie online», compresegli articoli sul COVID-19 che non erano allineati con le narrazioni ufficiali su tali questioni.

 

 

Bourla: vaccinare i bambini piccoli «sarebbe un’ottima idea»

Nell’intervista alla BBC, Bourla ha affermato che spetta alle agenzie di regolamentazione determinare se approvare e distribuire i vaccini ai bambini sotto gli 11 anni, ma ha pensato che «immunizzare quella fascia di età nel Regno Unito e in Europa sarebbe un’ottima idea», secondo al case report PMCPA pubblicato la scorsa settimana.

 

A quel tempo, nessun vaccino COVID-19 era stato approvato dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito (MHRA) per i bambini sotto i 12 anni, quindi il panel ha ritenuto che i commenti di Bourla violassero il codice.

 

Citando possibili interruzioni nella scuola e il potenziale per il lungo COVID , Bourla aveva anche affermato: «Quindi, non avevo dubbi che i vantaggi fossero completamente a favore di farlo [vaccinare i bambini contro COVID-19]».

 

«Credo che sia una buona idea» aveva aggiunto.

 

Il panel ha scoperto che queste forti dichiarazioni di opinione potrebbero indurre il pubblico a dedurre che non c’era bisogno di preoccuparsi dei potenziali effetti collaterali o che i benefici della vaccinazione superano i rischi, che non erano stati determinati dalle autorità sanitarie.

 

L’11 dicembre 2021, UsForThem ha presentato la sua denuncia al PMCPA citando la natura promozionale dei rapporti della BBC e il mancato rispetto da parte di Bourla delle norme del Regno Unito che disciplinano la promozione dei medicinali.

 

Dopo che il PMCPA ha stabilito che le dichiarazioni di Bourla violavano una serie di regole nel codice di condotta dell’ABPI, Pfizer ha presentato ricorso, includendo che le sue dichiarazioni erano di «natura forte e non qualificata».

 

L’ente di controllo ha anche affermato che le dichiarazioni implicavano che «non c’era bisogno di preoccuparsi dei potenziali effetti collaterali della vaccinazione nei bambini sani di età compresa tra 5 e 11 anni» e che l’implicazione era «fuorviante e incapace di essere comprovata».

 

La commissione di appello ha confermato cinque conteggi di violazione di tre codici ABPI che richiedono che informazioni e affermazioni «siano accurate, equilibrate, suscettibili di fondamento, non sollevino speranze infondate di successo del trattamento e non siano fuorvianti rispetto alla sicurezza del prodotto», riporta Epoch Times.

 

Il PMCPA ha pubblicato la sua sentenza definitiva il 27 gennaio, più di un anno dopo la presentazione della denuncia iniziale.

 

Durante quel periodo, nel febbraio 2022, il comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione del Regno Unito ha stabilito che ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni poteva essere offerto il vaccino, ma il comitato ha affermato che la raccomandazione era «non urgente».

 

UsForThem celebrato su Twitter:

 

 

Né Pfizer né Bourla hanno commentato pubblicamente la sentenza.

 

The Epoch Times ha riferito che in una dichiarazione del novembre 2022 sul caso, un portavoce di Pfizer ha affermato che la società era «impegnata ai massimi livelli di integrità in qualsiasi interazione con il pubblico».

 

A partire dal 12 febbraio, il Regno Unito non consiglierà più i booster COVID-19 per le persone sane di età inferiore ai 50 anni e interromperà la distribuzione gratuita della serie primaria a due colpi, ha riferito The Defender.

 

 

Brenda Baletti

Ph.D.

 

 

 

 

© 3 febbraio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Mutazioni del virus COVID, Pfizer risponde a Project Veritas

Pubblicato

il

Da

Il colosso farmaceutico Pfizer, produttore del vaccino mRNA con cui sono inoculati miliardi di individui, risponde al servizio di Project Veritas, dove, dinanzi ad una telecamera nascosta, un dipendente parlava di un possibile coinvolgimento dell’azienda in esperimenti di mutazione del virus (chiamati «evoluzione diretta») e di altri fatti rilevanti, come il ruolo delle «porte girevoli» per cui il personale dell’ente regolatore viene poi assunto dalle stesse aziende da regolare.

 

Il comunicato intitolato «Pfizer Responds to Research Claims», datato 27 gennaio e uscito sul sito in lingua inglese di Pfizer, non fa il nome di Project Veritas, ma parla di «recenti accuse relative al Gain of Function e alla ricerca sull’evoluzione diretta presso Pfizer». «La società vorrebbe mettere le cose in chiaro», scrive la nota.

 

«Nello sviluppo in corso del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, Pfizer non ha condotto ricerche sul guadagno di funzione o diretto sull’evoluzione. Lavorando con i collaboratori, abbiamo condotto una ricerca in cui il virus SARS-CoV-2 originale è stato utilizzato per esprimere la proteina spike da nuove varianti preoccupanti. Questo lavoro viene intrapreso una volta che una nuova variante di preoccupazione è stata identificata dalle autorità sanitarie pubbliche».

 

«Questa ricerca ci fornisce un modo per valutare rapidamente la capacità di un vaccino esistente di indurre anticorpi che neutralizzano una variante di preoccupazione appena identificata. Quindi rendiamo disponibili questi dati attraverso riviste scientifiche sottoposte a revisione paritaria e li utilizziamo come uno dei passaggi per determinare se è necessario un aggiornamento del vaccino» afferma Pfizer.

 

Il comunicato prosegue parlando, per qualche ragione, del Paxlovid il farmaco anti-COVID targato sempre Pfizer, che non ci sembrava nominato nel servizio di Project Veritas, ma sul quale il colosso di Big Pharma vuole fare delle precisazioni.

 

«Inoltre, per soddisfare i requisiti normativi statunitensi e globali per il nostro trattamento orale, PAXLOVID™ – continua la nota, mettendo il simbolo di marchio registrato dopo il nome del suo prodotto – Pfizer intraprende un lavoro in vitro (ad esempio, in un vetrino di coltura da laboratorio) per identificare potenziali mutazioni di resistenza a nirmatrelvir, uno dei due componenti di PAXLOVID».

 

«Con un virus in evoluzione naturale, è importante valutare regolarmente l’attività di un antivirale. La maggior parte di questo lavoro viene condotta utilizzando simulazioni al computer o mutazioni della proteasi principale, una parte non infettiva del virus».

 

Poi la precisazione:

 

«In un numero limitato di casi in cui un virus completo non contiene alcuna mutazione con Gain of Function noto, tale virus può essere ingegnerizzato per consentire la valutazione dell’attività antivirale nelle cellule. Inoltre, vengono condotti esperimenti di selezione della resistenza in vitro in cellule incubate con SARS-CoV-2 e nirmatrelvir nel nostro laboratorio sicuro di livello di biosicurezza 3 (BSL3) per valutare se la proteasi principale può mutare per produrre ceppi resistenti del virus».

 

«È importante notare che questi studi sono richiesti dalle autorità di regolamentazione statunitensi e globali per tutti i prodotti antivirali e sono condotti da molte aziende e istituzioni accademiche negli Stati Uniti e in tutto il mondo» sottolinea Pfizer.

 

La paginata prosegue, per qualche ragione con una sfilza di dati «indicazioni per gli USA e uso autorizzato», dove non mancano gli effetti collaterali possibili del vaccino Comirnaty, anche quello scritto con la ® di marchio registrato: «gravi reazioni allergiche, reazioni allergiche non gravi come eruzione cutanea, prurito, orticaria o gonfiore del viso, miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco), pericardite (infiammazione del rivestimento esterno del cuore), dolore al sito di iniezione, stanchezza, male alla testa, dolore muscolare, brividi, dolori articolari, febbre, gonfiore al sito di iniezione, arrossamento al sito di iniezione, nausea , Sentirsi poco bene, Linfonodi ingrossati (linfoadenopatia), diminuzione dell’appetito, diarrea, vomito, dolore al braccio, svenimento associato all’iniezione del vaccino, irritabilità insolita e persistente, cattiva alimentazione insolita e persistente, fatica insolita e persistente o mancanza di energia, insolita e persistente pelle fredda e pallida, vertigini». Ma è solo il nostro occhio che cade lì: sono segnate molte altre informazioni che non sembrano pertenere all’argomento.

 

Su Twitter sono già iniziate le reazioni al comunicato.

 

Robert Malone, scienziato pioniere dei vaccini mRNA dà un’analisi per cui «1) Gli avvocati Pfizer non hanno scaricato il loro direttore delle operazioni di ricerca e sviluppo e della pianificazione scientifica. 2) Non c’è smentita di quanto ha detto. 3) Nessuna smentita che non sia nello staff di Pfizer. 4) Lo scambio di nuove sequenze di picchi nel Wuhan-1 originale è tecnicamente un Gain of Function funzionale.

 

 

Un altro utente Twitter osserva che «il comunicato stampa di Pfizer affronta solo le azioni e le dichiarazioni dell’azienda in merito al Gain of Function e alla ricerca sull’evoluzione diretta. Non menziona specificamente appaltatori o partner con cui l’azienda potrebbe lavorare».

 

 

«Rapida analisi di Pfizer dichiarazione di in risposta a Project Veritas segnalazione di virus mutanti a scopo di lucro» twitta Kimdotcom. «Pfizer ammette che sta esternalizzando il lavoro ad appaltatori per progettare virus per valutare l’attività antivirale. I dettagli di questo devono essere studiati. Oh!»

 

 

«La risposta di Pfizer non contiene l’ammissione che effettivamente fanno ciò che viene rivelato da Project Veritas?» scrive il dottor Eli David sottolineando una parte del comunicato.

 

 

Non si ha ancora notizia di una risposta di Albert Bourla, CEO del colosso farmaceutico, alla lettura preoccupata del senatore Marco Rubio.

 

Nella missiva del senatore della Florida si facevano al vertice Pfizer sei domande precise:

 

«1. In quali sforzi Pfizer si sta attualmente impegnando, o sta pianificando, per mutare il virus SARS-CoV-2?

 

2. Pfizer intende continuare a mutare il virus SARS-CoV-2 attraverso la ricerca sul guadagno di funzione o sull’evoluzione diretta, allo scopo di creare nuovi vaccini prima che la variante sia presente nella popolazione più ampia?

 

3. Pfizer si è impegnata con i funzionari federali coinvolti in merito ai loro piani per supervisionare questa ricerca? Si prega di fornire i nomi e le agenzie di queste persone.

 

4. Quali misure ha adottato Pfizer per garantire che il virus mutato non fuoriesca dal laboratorio e infetti la popolazione più ampia?

 

5. Pfizer si è impegnata con altre aziende biofarmaceutiche per collaborare a questo sforzo di ricerca? Elenca le entità con cui sei stato in contatto.

 

6. Vi impegnerete a fermare qualsiasi ricerca futura che muti il ​​vaccino SARS-CoV-2 poiché prove sostanziali hanno indicato che simili ricerche pericolose presso l’Istituto di virologia di Wuhan molto probabilmente hanno portato all’emergenza iniziale e alla diffusione globale del virus?»

 

 

Nel frattempo, YouTube ha rimosso il video di Project Veritas per «una violazione delle linee guida della comunità». Al canale è stato assegnato un cosiddetto strike: con tre strike verrà chiuso permanentemente. Ad ogni modo, con lo strike assegnato non sarà possibile per Project Veritas pubblicare alcunché.

 

 

 

 

 

 

Immagine di János Korom via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Esperimenti di Pfizer sulle varianti del virus COVID? Le accuse in un video a telecamera nascosta

Pubblicato

il

Da

Un dipendente Pfizer di alto livello è stato ripreso da una telecamera nascosta da Project Veritas – un progetto giornalistico votato alla trasparenza, che conduce indagini sotto copertura – fare dichiarazioni di grande peso riguardo al suo datore di lavoro così come al sistema sanitario di Washington.

 

Il protagonista del video è tale Jordon Trishton Walker, il quale secondo Project Veritas, che mostra qualche documento interno, sarebbe  Direttore della Ricerca e Sviluppo e delle Operazioni strategiche di Pfizer e pianificatore scientifico mRNA.

 

Lo Walker è filmato mentre afferma  che la grande società farmaceutica sta esplorando un modo per «mutare» il virus COVID tramite un processo che chiama «directed evolution», cioè «evoluzione diretta» al fine di anticipare nuovi ceppi per il loro vaccino COVID-19.

 

«Una delle cose che stiamo esplorando è come, perché non lo mutiamo noi stessi in modo da poter creare, sviluppare preventivamente nuovi vaccini, giusto? Quindi, dobbiamo farlo (…) Tuttavia, c’è il rischio che, come puoi immaginare, nessuno voglia che ci sia un’azienda farmaceutica che muti fottuti virus», dice Walker nel video, aggiungendo che crede che lo si stia facendo lentamente «perché ovviamente non vuoi pubblicizzare che stai scoprendo mutazioni future».

 

 

Nel suo racconto al giornalista di Project Veritas, che lo ascoltava fingendosi un «date» – c’è una persona con cui si esce allo scopo di avere poi magari una relazione – Walker afferma che questa «evoluzione diretta» è diversa dalla ricerca sul Gain of Function, ossia la tecnica di manipolazione genetica dalla quale si sospetta provenga il virus di Wuhan.

 

«Non dirlo a nessuno. Promettimi che non lo dirai a nessuno. Il modo in cui funzionerebbe è che mettiamo il virus nelle scimmie, e successivamente facciamo in modo che continuino a infettarsi a vicenda, e raccogliamo campioni seriali», dice il Walker, prima di definire la teoria delle origini naturali del COVID-19 «una stronzata»:

 

«Devi essere molto controllato per assicurarti che questo virus che muta non crei qualcosa che vada ovunque. Che, sospetto, è il modo in cui il virus è iniziato a Wuhan, ad essere onesti. (…) Non ha senso che questo virus sia saltato fuori dal nulla. È una stronzata».

 

«Non dovresti fare ricerche Gain of Function con i virus (…) Possiamo fare queste mutazioni di strutture selezionate per cercare di vedere se possiamo renderle più potenti. C’è una ricerca in corso su questo. Non so come funzionerà. È meglio che non ci siano più epidemie» continua Walker.

 

 

L’uomo prosegue quindi a definire la questione delle mutazioni del virus come una cash-cow («mucca da mungere»), termine dell’inglese americano che indica un affare che dà guadagni costanti e facili.

 

«Parte di ciò che vogliono fare è, in una certa misura, cercare di capire, sai, come ci sono tutti questi nuovi ceppi e varianti che saltano fuori. Quindi, è come cercare di catturarli prima che compaiano e possiamo sviluppare un vaccino profilattico, tipo, per nuove varianti. Quindi, è così che la pensano, se lo fai in modo controllato in un laboratorio, dove dicono che questo è un nuovo epitopo [in immunologia, la parte di antigene che lega l’anticorpo specifico, ndr], e quindi se in seguito viene fuori nella popolazione, abbiamo già un vaccino che funziona».

 

Il giornalista di Project Veritas gli chiede se questo non sia il miglior modello di business. «Basta controllare la natura prima ancora che la natura stessa accada? Giusto?», domanda il reporter con telecamera nascosta.

 

«Sì. Se funziona» risponde lo Walker. «Alcune volte ci sono mutazioni che compaiono per le quali non siamo preparati. Come con Delta e Omicron. E cose così. Chissà? In ogni caso, sarà una cash-cow. COVID sarà una vacca da mungere per noi per un po’ di tempo in futuro».

 

Ulteriori rivelazioni vengono fatte riguardo al sistema delle «porte girevoli» che uniscono il personale degli enti regolatori e le grandi aziende farmaceutiche.

 

Big Pharma, viene detto nella conversazione ripresa all’insaputa di Walker, «è una porta girevole per tutti i funzionari governativi».

 

«Nell’industria farmaceutica, tutte le persone che revisionano i nostri farmaci, alla fine la maggior parte di loro verrà a lavorare per le aziende farmaceutiche».

 

Alla domanda su cosa pensi di questa «porta girevole», Walker risponde che «a essere onesti, è abbastanza buono per l’industria. È un male per tutti gli altri in America (…) Perché quando le autorità di regolamentazione che esaminano i nostri farmaci sanno che una volta che smetteranno di regolamentare, lavoreranno per l’azienda, non saranno così dure nei confronti dell’azienda che darà loro un lavoro».

 

Come ha notato il giornalista TV Tucker Carlson, unico a parlare di questo sconvolgente video, si tratta di una meccanica che a Washington funziona anche in altri ambiti, come per l’industria militare con generali che poi salgono sul board dei produttori di armi, o nella finanza, con i dipendenti degli enti di controllo che poi vanno a lavorare proprio per le banche che prima, in teoria, controllavano.

 

 

Al termine dell’incontro il fondatore di Project Veritas James O’Keefe si palesa nel ristorante per fare domande dirette a Walker, che ha una reazione isterica e financo violenta: spinge O’Keefe e i cameraman, chiama la polizia (dicendo di essere in presenza di «persone bianche»), filma con il telefonino urlando (riprendendo, per qualche motivo, anche i gestori del locale), va dietro il bancone, distrugge un iPad, pretende che nessuno esca dal locale, infine cerca perfino di fermare una macchina in mezzo alla strada credendo che si tratti della troupe di Project Veritas.

 

 

Soprattutto, una volta vistosi scoperto, dichiara di essere «letteralmente un bugiardo», dice che stava mentendo al «terzo appuntamento», «come un uomo normale».

 

Sui media mainstream, americani e internazionali, c’è un silenzio assoluto. A parlarne, nel suo programma televisivo su Fox News – il più seguito della TV via cavo degli USA – è stato Tucker Carlson, che ha invitato a commentare il pioniere delle tecnologie vaccinali mRNA Robert Malone.

 

Il Daily Mail, testata britannica che mai pare tirarsi indietro negli scandali, secondo Paul Joseph Watson avrebbe cancellato l’articolo.

 

 

In Italia, al momento in cui scriviamo, la notizia delle accuse al colosso farmaceutico è stata data solo dall’Agenzia NOVA.

 

Qualche dubbio viene comunicato da O’Keefe anche riguardo alla copertura sul motore di ricerca Google.

 

 

Il Google italiano, poche ore fa, dava questa schermata se si faceva una richiesta per “Pfizer directed evolution”. Notate l’appello a «controllare la fonte», perché forse, per questa particolare chiave di ricerca, potrebbe non essere «attendibile».

 

 

 

Di fronte all’enormità del tema, tuttavia qualcosa si muove. Il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio ha immediatamente scritto una lettera al CEO di Pfizer Albert Bourla, che di recente ha subito un’altra débacle giornalistica a Davos.

 

«Caro dottor Bourla», dice la lettera del senatore Rubio «scrivo in risposta a resoconti preoccupanti sull’intenzione di Pfizer di mutare il virus SARS-CoV-2 (COVID) attraverso il guadagno di funzione, o “evoluzione diretta”, come dettagliato dal direttore della ricerca e dello sviluppo di Pfizer, Jordan Walker. Come è stato dimostrato più e più volte, i tentativi di mutare un virus, in particolare uno potente come COVID, sono pericolosi. Se le affermazioni dettagliate nel video sono vere, Pfizer ha anteposto il suo desiderio di profitto alla preoccupazione della salute nazionale e globale e deve ritenersi responsabile».

 

La lettera del senatore al capo di Pfizer prosegue con domande molto franche, alle quali esige risposta. «In qualità di leader nella salute pubblica globale e nello sviluppo del vaccino COVID, con i dollari dei contribuenti americani, è fondamentale che Pfizer sia responsabile delle proprie azioni e sia trasparente con il pubblico sulla sostanza e sull’intento della propria ricerca».

 

La rete, nel frattempo è scatenata, in una tempesta di indignazione e meme irresistibili.

 

 

 

L’investitore e podcaster scientifico Eric Weinstein scrive su Twitter: «Hai perso qualcuno insostituibile a causa del COVID? Alla miocardite? Hai il Brain Fog? Hai perso un anno o due della tua vita? Non riesci a partecipare a un funerale? Ti chiedi come siano apparsi i vaccini così in fretta? La tua reputazione è stata distrutta per complottismo? Essere chiamato razzista sinofobo? Guarda».

 

 

Il popolarissimo imprenditore tedesco-finnico Kimdotcom ha promesso di raddoppiare ogni donazione verrà fatta a Project Veritas e parla iperbolicamente di «Gain of Function come Business model».

 

 

Qualcuno ringrazia Grindr, l’applicazione per incontri gay, che, presumono i commentatori, potrebbe essere alla base del contatto tra lo Walker e il giornalista sotto copertura di Project Veritas. A quanto sembra, Grindr non mette nei guai solo preti e funzionari vaticani vari.

 

 

Qualcuno si chiede come sia possibile: com’è possibile che un alto funzionario di una grande farmaceutica parli così in libertà, facendo ammissioni sconvolgenti?

 

In realtà, se ci pensiamo, c’è un precedente: la responsabile per i mercati internazionali di Pfizer Janine Small che ammette che il vaccino Pfizer non era testato per fermare la trasmissione del virus.

 

 

Quanto emerso da Project Veritas è talmente grande da non essere di primo acchito credibile. Si tratta di una storia che smuove un colosso economico e pure la politica internazionale. Sono necessarie ulteriori verifiche, approfondimenti di sorta. Per esempio, questi supposti esperimenti sulle varianti, dove verrebbero fatti? Il dottor Robert Malone, ospite di Tucker Carlson, dice che il trattato sulla guerra biologica è «pieno di buchi», e che ad ogni modo, Israele – Paese che ha risaputamente una forte relazione con Pfizer, dice Malone – non è firmatario.

 

 

Immaginate quali finestrelle possono aprirsi da qui: finestrelle che divengono voragini.

 

Il problema è che non sappiamo se i giornali, i giudici, i politici vorranno davvero seguire questa traccia, e vederci più chiaro.

 

È possibile ignorare il tutto, e lasciare che passi.

 

Lo abbiamo visto tante volte, tante che, purtroppo, ora ci siamo praticamente assuefatti.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari