Funghi mangia-cervello: 11.000 casi in India, specialmente tra i pazienti COVID trattati con steroidi

 

 

Il Ministero della Sanità indiano ha dichiarato ufficialmente un’epidemia di mucormicosi, un’infezione mortale da funghi neri.

 

Martedì il governo ha registrato 11.717 casi in corso di infezione fungina, secondo New Delhi Television (NDTV), spingendo il Ministero della Salute del Paese a dichiarare un’epidemia ufficiale e ad adottare misure di emergenza.

 

Quando prende piede, la mucormicosi uccide la metà delle persone che infetta

Il fungo nero, che attacca il cervello, i polmoni e i seni paranasali, è in realtà comune in natura: un sistema immunitario sano può facilmente respingerlo. Ma quando prende piede, la mucormicosi uccide la metà delle persone che infetta.

 

Rispetto alla manciata di casi segnalati in India e poi in Pakistan all’inizio di questo mese, si tratta di un allarmante aumento di nuove infezioni.

 

Parte del motivo di questo significativo aumento potrebbe derivare dai medici che tengono d’occhio i casi che in precedenza potrebbero essere passati sottotraccia. Ma con alcuni stati indiani che segnalano migliaia di nuovi casi di mucormicosi, NDTV riferisce che il governo si sta mobilitando per distribuire decine di migliaia di dosi di farmaci per le infezioni.

 

I casi di mucormicosi sono particolarmente comuni tra i pazienti diabetici COVID-19 che hanno avuto infezioni gravi trattate con steroidi

I casi di mucormicosi sono particolarmente comuni tra i pazienti diabetici COVID-19 che hanno avuto infezioni gravi trattate con steroidi. La combinazione di diabete e regimi steroidei aggressivi può indebolire il sistema immunitario, consentendo al fungo di prendere piede.

 

Ora che conoscono meglio i segni e i rischi della mucormicosi, i medici potrebbero avere maggiori possibilità di individuare e curare l’infezione prima che vada fuori controllo.

 

Tuttavia molte persone acquistano e si autosomministrano da sole alte dosi di steroidi, secondo NDTV, il che probabilmente sta esacerbando il problema.