Connettiti con Renovato 21

Economia

Anche la Banca Centrale Australiana sta per lanciare una valuta digitale

Pubblicato

il

La Reserve Bank australiana lancerà un programma pilota nel corso del prossimo anno in collaborazione con la Bank for International Settlements (Banca dei regolamenti internazionali, o BRI – una sorta di banca centrale delle banche centrali) per testare un sistema di valuta digitale basato su blockchain.

 

La Banca Centrale degli antipodi si aggiunge a un lungo elenco di partecipanti agli sforzi della BRI per introdurre le CBDC (valute digitali delle banche centrali) con l’obiettivo di lanciarle a livello globale entro il 2025-2030.

 

È importante notare che nei prossimi anni dovrebbero verificarsi sostanziali cambiamenti economici per rendere le CBDC un’opzione praticabile per il grande pubblico.

 

Sebbene molte persone utilizzino le transazioni elettroniche per comodità, gran parte della popolazione preferisce ancora i contanti. Negli Stati Uniti, i sondaggi degli ultimi anni mostrano che almeno il 37% degli americani sceglie ancora il contante rispetto ad altri metodi di pagamento come le carte di credito e di debito. In Australia, il numero si attesta intorno al 32% .  

Le CBDC, come tutti i meccanismi valutari basati su blockchain, prevedono intrinsecamente la distruzione della privacy.

 

La stessa architettura della tecnologia blockchain richiede un registro delle transazioni che può essere tracciato dai governi, se lo desiderano. L’esatto del contrario del contante, che è anonimo, cioè «pagabile al portatore».

 

«Con l’avvento delle CBDC diffuse, la nozione stessa di privacy nel commercio scomparirebbe completamente dalla società nel giro di una generazione» scrive Zerohedge.

 

«Non solo, ma se queste valute sono legate a un sistema di credito sociale come quello utilizzato nella Cina comunista (che peraltro ha i suoi pericolosi piani di moneta digitale), allora ci sono buone probabilità che i governi siano in grado di bloccare i conti o addirittura cancellare i tuoi risparmi con la semplice pressione di un pulsante. E senza denaro fisico non ci sarebbe ricorso al commercio. Una persona considerata “problematica” potrebbe essere esclusa dall’economia per un capriccio».

 

È la meccanica di emarginazione che abbiamo visto all’opera con il green pass, la cui struttura informatica, in Europa, è esattamente la stessa sulla quale correrà l’euro digitale, programmato ben prima della pandemia e ora dichiarato inevitabile.

 

Un sistema di controllo della società dove vige una meccanica premiale: ad un determinato comportamento conforme alle regole, corrisponde un premio, o il semplice usufruire di «diritti» che al momento sarebbero in teoria garantiti al cittadino dalla Costituzioni. Ad un determinato comportamento fuori dalle regole, corrisponde invece una punizione – anche se questo va contro le questioni costituzionali.

 

Su tutto, tasse e multe prelevate direttamente alla fonte., un vantaggio netto del «denaro programmabile» – oltre alla possibilità di decidere cosa può comprare l’utente, dove e quando, in che quantità.

    

Il fatto che anche la BRI sia così pesantemente coinvolta nei programmi nazionali di valuta digitale suggerisce che l’obiettivo finale delle CBDC sarà un’eventuale valuta digitale globale: un meccanismo di valuta mondiale in cui verranno infine assorbite tutte le altre valute digitali. Questa collaborazione si estende anche al Fondo Monetario Internazionale (FMI) e alla Banca mondiale. Abbiamo visto come le banche canadesi, citando esplicitamente il World Economic Forum, puntino verso il primo passo dell’ID digitale.

 

Come riportato da Renovatio 21 l’FMI ha già proposto di fornire credito ai cittadini in base alla cronologia del loro browser: possiamo darti danaro a seconda dei siti che visiti.

 

Un 30% di ogni Nazione occidentale preferisce ancora il contante. Ciò ci porta a pensare che serviranno shock programmati affinché  le Banche Centrali siano in emettano CBDC che vengano usati dalla popolazione.

 

Una recessione economica o un crash finanziario improvviso potrebbero servire all’uopo.

 

Ciò significa che le élite bancarie avranno bisogno di una crisi che danneggi il potere d’acquisto di più sistemi valutari per convincere le persone ad accettare un passaggio aggressivo a una società senza contanti prima del 2030.

 

Cosa significherà, il momento nel trapasso nella valuta digitale, lo sappiamo: il controllo definitivo dei governi sulle popolazioni sottomesse, pardon, «piattaformate».

 

Le CBDC darebbero alle banche e ai governi il massimo potere di influenza sulla popolazione, ispirando paura negli individui poiché considerano la minaccia che il loro accesso all’economia potrebbe essere interrotto in qualsiasi momento se dovessero dire o fare qualcosa a dispetto delle autorità.

 

«Banche e politici cercheranno di vendere CBDC come l’apice della convenienza e una transizione necessaria per stabilizzare l’economia. Quello che non menzioneranno è il livello pervasivo di controllo che guadagneranno nel processo» scrive Zerohedge.

 

Renovatio 21 ritiene che questo sia il vero tema fondamentale da discutere adesso: ovviamente nessun partito, nemmeno quelli antisistema che nemmeno riusciranno a raccogliere le firme, ci sta pensando davvero.

 

Il vero tema è la sottomissione bioelettronica che stiamo per subire. Tutto è già pronto. Anzi, abbiamo, senza troppo strepito, qualche esempio di sperimentazione partita in Francia, in Ucraina, e anche in Italia

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Goldman Sachs prevede un imminente aumento del prezzo del petrolio

Pubblicato

il

Da

Il petrolio tornerà a superare i 100 dollari al barile quest’anno, mentre la diminuzione della produzione globale e il calo della produzione in Russia a causa delle sanzioni occidentali potrebbero portare a problemi di approvvigionamento nel 2024. Lo sostiene la celebre banca d’investimento americana Goldman Sachs.

 

Secondo il principale analista di materie prime della banca di Wall Street Jeffrey Currie, che ha parlato domenica a margine di una conferenza in Arabia Saudita, le sanzioni occidentali dovrebbero innescare un crollo delle forniture di petrolio russo nello stesso momento in cui la ripresa della domanda in Cina spinge i prezzi del petrolio sopra i 100 dolllari. Il livello attuale è di circa 80 dollari, scrive il sito governativo russo RT.

 

«In questo momento, siamo ancora in equilibrio su un surplus perché la Cina deve ancora riprendersi completamente», ha detto Currie a Bloomberg. «Esauriremo la capacità produttiva inutilizzata? Potenzialmente entro il 2024 inizi ad avere un problema serio».

 

Secondo l’analista, la mancanza di investimenti nel settore, necessari per garantire la futura produzione di petrolio per soddisfare la crescente domanda, sarebbe un altro fattore che contribuisce all’aumento dei prezzi. Currie ha previsto che i produttori avrebbero sfruttato la loro capacità inutilizzata, lasciandola inferiore a quella precedente. Alla fine, ciò porterebbe a un grave squilibrio tra domanda e offerta.

 

«Il super ciclo delle materie prime è una sequenza di picchi di prezzo con ogni massimo più alto e ogni minimo più alto», ha detto Currie, sostenendo quindi i mercati petroliferi dovrebbero passare a un deficit di offerta rispetto alla domanda già entro maggio di quest’anno.

 

Facendo eco alle osservazioni di Currie, anche il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha avvertito dell’impatto negativo delle sanzioni occidentali contro la Russia sul mercato globale, ribadendo che l’OPEC+ rimarrà cauta nel decidere quando aumentare la produzione.

 

«Tutte quelle cosiddette sanzioni, embarghi, mancanza di investimenti, si trasformeranno in una cosa e una cosa sola, una mancanza di forniture energetiche di ogni tipo quando sono più necessarie», ha dichiarato  il principe dell’Energia saudita.

 

L’anno scorso, l’OPEC ha previsto che la domanda globale di petrolio continuerà a crescere nel medio e lungo termine, anche se il mondo si sposta verso le energie rinnovabili, e che l’industria richiederà migliaia di miliardi di dollari di investimenti per soddisfare la domanda.

 

Come riportato da Renovatio 21, il prezzo del petrolio si impennò sette mesi fa si impennarono dopo il viaggio fallito di Joe Biden a Ryadh. L’Arabia Saudita, come significato dal ministro delle Finanze del Regno Mohammed Al-Jadaan durante il World Economic Forum di Davos tre settimane fa, sta mollando il petrodollaro, scambiando ad esempio con la Cina barili contro yuan, e ha chiesto di entrare nel gruppo dei BRICS.

 

Aggiungiamo la rivelazione degli specifici investimenti del miliardario saudita principe Al Walid bin Talalal, tra gli uomini più ricchi del Regno (già azionista di Twitter, e socio di Berlusconi, tra le altre cose) che pochi giorni prima della guerra), ha investito poco prima dello scoppio dell’operazione militare speciale di Putin ben mezzo miliardo di dollari in aziende russe.

 

Un anno fa Renovatio 21 pubblicava un articolo illuminante dell’analista strategico William F. Engdahl intitolato «Biden ha perso l’Arabia Saudita»?

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Fallimento delle rinnovabili: il Texas in blackout ancora una volta

Pubblicato

il

Da

Il Texas, Stato USA ricco di petrolio, è ancora una volta sottoposto ad un letale blackout invernale.

 

Al picco durante la tempesta di ghiaccio in Texas all’inizio di questa settimana, ci sarebbero state oltre 400.000 persone senza elettricità in tutto lo stato.

 

Bisogna considerare – cosa che il legislatore e l’amministratore occidentali non sembran voler fare – che turbine eoliche non funzionano durante le tempeste di ghiaccio, e che parimenti l’energia solare non funziona nella nebbia.

 

Il governatore texano Greg Abbott ha insistito durante la crisi, tuttavia, che la generazione di energia elettrica non sarebbe stata un problema. «Eventuali interruzioni sono dovute a problemi locali come alberi caduti e linee elettriche abbattute», ha affermato l’Abbott, sostenendo che la rete elettrica del Texas ha energia sufficiente.

 

«Potrebbe essere vero fino a quando non lo è» scrive EIRN.

 

Il canale televisivo locale KXAS TV, l’affiliata della NBC a Dallas-Fort Worth, in Texas, ha riportato il 30 gennaio sull’imminente tempesta di ghiaccio, che «gli esperti di rete che hanno parlato con NBC 5 hanno avvertito che il ghiaccio potrebbe avere un impatto sulle turbine eoliche che producono energia nel Texas occidentale e nel Si prevede che la regione del Texas Panhandle e le condizioni nuvolose limiteranno la produzione di energia solare».

 

Finora, il tempo è finito in modo più favorevole rispetto al periodo della tempesta invernale del febbraio 2021, quando milioni di persone sono rimaste senza energia elettrica, grazie all’inadeguata capacità di potenza di base, data la quota significativa di eolico e solare inaffidabili. Tuttavia, a partire da ieri mattina, 260.000 nello stato sono rimasti al buio e al freddo.

 

Come riportato da Renovatio 21, il blackout in Texas di due anni fa provocò morti mentre, la città di Tyler una volta conosciuta come la «Capitale delle rose d’America», vedeva temperature vicine ai -20° centigradi.

 

È difficile non puntare il dito sulle rinnovabili. (Difficile, anche, parlare di riscaldamento globale…)

 

«Nella tragedia invernale estrema in corso in Texas e in molte altre regioni degli Stati Uniti non preparate per il rigido clima invernale, un punto notevole è che gran parte delle vaste batterie dei mulini a vento in tutto lo Stato, dovrebbero generare il 25% dell’energia elettrica statale griglia, si sono congelate e sono in gran parte inutili» scrisse William F. Engdahl in quei giorni.

 

Interessante notare gli effetti economico-energetici di questa crisi invernale subita dal Texas due anni fa. Gli impianti di trattamento del gas in tutto il Texas schiusero mentre i liquidi si congelano all’interno dei tubi riducendo ulteriormente la potenza proprio mentre la domanda di combustibile per riscaldamento esplode. I prezzi del combustibile per riscaldamento in Oklahoma aumentarono del 4000% in due giorni. I prezzi all’ingrosso per la consegna in Texas venivano scambiati fino al prezzo folle di 9000 dollari per mega-wattora. Due giorni prima delle tempeste il prezzo era di 30 dollari – in un picco di domanda estivo, un prezzo di 100 dollari è considerato alto.

 

La riduzione delle forniture di gas dal Texas alle compagnie elettriche messicane aveva inoltre portato a blackout nel nord del Messico, con quasi 5 milioni di famiglie e imprese rimaste senza elettricità il 15 febbraio.

 

Come riportato da Renovatio 21, un blackout della rete elettrica texana si è avuto anche nell’estate 2022.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Fredlyfish4 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Iran e Russia concordano su un sistema bancario separato fuori dallo SWIFT

Pubblicato

il

Da

L’Iran e la Russia hanno firmato un accordo di messaggistica finanziaria in base al quale le banche di questi due Paesi possono trasferire fondi tra loro al di fuori del sistema SWIFT controllato dalla finanza occidentale, dal quale entrambi sono in gran parte bloccati dalle sanzioni occidentali.

 

Il Memorandum of Understanding dell’accordo, che era in lavorazione da un anno, è stato firmato il 29 gennaio durante una cerimonia a Teheran, alla presenza di funzionari di entrambe le nazioni, riferisce la testata mediorientale Al-Monitor. Citando il sito web Tehran Bazaar, Al Monitor afferma che la banca iraniana Shahr e la banca russa VTB saranno coinvolte nel programma pilota iniziale.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’esclusione della Russia dal sistema interbancario SWIFT era ritenuta un anno una «bomba atomica finanziaria» talmente distruttiva che difficilmente sarebbe stata impiegata contro Mosca, tuttavia poco dopo ciò si è realizzato: ad esempio, è stata esclusa dallo SWIFT della più grande banca russa è divenuta realtà.

 

Tuttavia, le azioni di guerra economica contro il Cremlino non sembrano aver sortito l’effetto voluto: come ha sottolineato subito il consigliere presidenziale russo Maxim Oreshkin, ora «la Russia non è più ostaggio del sistema finanziario occidentale».

 

Il decoupling tra Mosca e l’Occidente ha fatto sì che ora molti altri Paesi (Algeria, Arabia Saudita, Argentina, etc.) si stiano orientando ad entrare nel gruppo BRICS, che prepara valute alternative al dollaro per il commercio internazionale.

 

India e Russia hanno lavorato su un meccanismo di scambio commerciale rupia-rublo. Anche lo Sri Lanka quattro mesi fa si è detto pronto ad aderire ad un sistema russo di pagamenti.

 

Procede quindi il processo di de-dollarizzazione innescatosi con le sanzioni anti-russe. Recentemente a Mosca si è cominciato a parlare di un rublo 3.0 basato sull’oro.

 

 

 

 

 

Immagine di Peruanec via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari