Connettiti con Renovato 21

Epidemie

L’Europa sta preparando un trattato sulle pandemie. E il green pass eterno per dominare le vostre vite

Pubblicato

il

L’Unione Europea sta pianificando di avviare negoziati su una nuova iniziativa per la prevenzione delle pandemie.

 

Si parla di un nuovo trattato che potrebbe introdurre un divieto graduale sui mercati della fauna selvatica e premi per i Paesi che segnalano nuovi virus o varianti, secondo un anonimo funzionario dell’UE  che ha parlato con l’agenzia Reuters.

 

Un incontro per i colloqui iniziali dovrebbe essersi tenuto oggi mercoledì 9 settembre. I funzionari mirano a produrre una prima bozza dell’accordo entro agosto.

 

Le prossime discussioni richiederanno la presenza di delegati di sei grandi Paesi nelle principali regioni del mondo, tra cui Giappone, Brasile, Egitto, Thailandia, Sud Africa e UE, che sarà rappresentata da un delegato dei Paesi Bassi.

Si parla di un nuovo trattato che potrebbe introdurre un divieto graduale sui mercati della fauna selvatica e premi per i Paesi che segnalano nuovi virus o varianti

 

L’iniziativa riguardante la chiusura dei wet market sorprende – e fa un po’ sorridere. Perché non è che in Europa vi siano tanti bazar dove si trovano pipistrelli e pangolini vivi. E soprattutto perché l’ipotesi dell’origine del coronavirus al mercato di Wuhan – non troppo distante da uno dei laboratori di virologia – oramai ha perso terreno. E il wet market di Wuhano, ad ogni modo, è stato raso al suolo dalle autorità cinesi quasi subito (chi sa perché, alzi la mano).

 

È pure interessante l’altra iniziativa proposta, quella che prevede incentivi per chi segnala nuovi virus o varianti, con l’obiettivo di evitare insabbiamenti e garantire la tempestiva prevenzione della proliferazione delle malattie. Secondo il funzionario dell’UE citato da Reuters, potrebbero garantire l’accesso a farmaci e vaccini, oltre ad altre misure di supporto per i Paesi che rilevano e condividono nuove informazioni su possibili focolai.

 

Apparentemente, i funzionari dell’UE hanno anche in programma di introdurre obblighi giuridicamente vincolanti per segnalare focolai di virus. Tuttavia, non passa loro per la testa neanche per sogno che questo meccanismo possa essere abusato, magari da un Paesino-Pierino che grida al lupo senza che poi il lupo ci sia.

 

Secondo quanto detto a Reuters, nella proposta sarebbe previsto i Paesi potrebbero anche negoziare una revisione delle norme sanitarie globali e modifiche ai regolamenti sanitari internazionali, una serie di linee guida per prevenire la diffusione di malattie infettive.

Apparentemente, i funzionari dell’UE hanno anche in programma di introdurre obblighi giuridicamente vincolanti per segnalare focolai di virus

 

Se le parti raggiungeranno un accordo, la nuova iniziativa sulla prevenzione della pandemia dovrebbe essere completata entro maggio 2024. Bruxelles ha proposto l’avvio dei negoziati sulla nuova iniziativa di prevenzione della pandemia sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2021.

 

Tuttavia, da allora l’UE ha lottato per ottenere l’approvazione di altri grandi Paesi, in particolare Brasile, India e Stati Uniti, che volevano che l’accordo fosse non vincolante.

 

È stato rivelato di recente che il green pass europeo sarà attivo fino al 2023, grazie ad una proroga della Commissione. Il cui presidente, ricordiamo così en passant, è sposata con un signore attivo nell’ambito dell’industria della terapia genica. Come noto, i messaggi tra la Von der Leyen e Albert Bourla, CEO Pfizer, non sono ancora stati resi pubblici dalla Commissione, che ha rifiutato la pubblicazione nonostante le richieste.

 

Come riportato da Renovatio 21, il sistema del green pass europeo, basato sulla tecnologia blockchain, è partito ben prima della pandemia. Sul suo impianto correrà la moneta elettronica della UE, l’euro digitale già annunciato dalla BCE e prossimo al lancio.

 

A breve il sistema del green pass potrebbe servire per il pagamento delle tasse, per esempio scorporando l’IVA al pagamento e inviandola direttamente al fisco.

 

La realtà è che tramite il sistema del green pass ogni forma di sorveglianza è possibile, e tramite l’euro digitale – «denaro programmabile» – ogni forma di controllo è realizzata. Con la piena accettazione del cittadino sinceramente democratico, europeista e triplovaccinato.

Quindi, la prossima pandemia, scappata magari da qualche esperimento Gain of Function, troverà gli eurosudditi preparatissimi: il loro danaro, contenuto nel wallet digitale del green pass, potrà essere speso solo nei luoghi stabiliti dal potere costituito e per acquistare quello che è deciso o per non acquistare nulla di nulla, perché il denaro programmabile si può spegnere del tutto

 

Quindi, la prossima pandemia, scappata magari da qualche esperimento Gain of Function, troverà gli eurosudditi preparatissimi: il loro danaro, contenuto nel wallet digitale del green pass, potrà essere speso solo nei luoghi stabiliti dal potere costituito (per esempio, il supermercato a 200 metri da casa, non quello a 500) e per acquistare quello che è deciso dal potere costituito (la pasta e il pollo sì, i libri e il salmone no) o per non acquistare nulla di nulla, perché il denaro programmabile si può, ovviamente, spegnere del tutto.

 

Anche le multe, per essere usciti di casa quando non potevate, per aver violato il coprifuoco, per esservi spostati nonostante l’emergenza (magari messa in combo con quella climatica…) verranno prelevate direttamente dal vostro portafogli digitale, cioè dal vostro green pass.

 

Non dovrete fare nulla: il sistema si prenderà da solo la mora che ritiene gli si deva. Vi lasceranno il potere di protestare la multa? Magarì sì, ma dopo. Perché lo stato di diritto è oramai rovesciato.

 

Siete colpevoli fino a prova contraria. Questo il green pass ve lo certifica ogni giorno.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Robert Kennedy, la guerra psicologica del COVID e il suo impatto sulla democrazia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da LifesitenewsLe opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Robert F. Kennedy Jr. dice la verità sulla risposta autoritaria alla pandemia che continua a minacciare la democrazia e la libertà così come le conosciamo. Gli è costato amicizie e 40 anni di contatti politici, per non parlare della perdita di guadagni e rapporti d’affari.

 

Ma le minacce alla sua reputazione e credibilità, poiché i media hanno attaccato lui e il suo messaggio, non sembrano un sacrificio, dice Kennedy, poiché si sente chiamato a difendere questo problema.

 

In un’intervista con la giornalista Kim Iversen, Kennedy spiega: «lo considero un regalo. Sono cresciuto in un ambiente, in una famiglia, in cui presumiamo che le nostre vite sarebbero consumate in qualche controversia e che sarebbe un privilegio se potessimo assumere un ruolo significativo in questo».

 

 

Vivere in un esperimento di Milgram nel mondo reale

Kennedy fa parte del 30% stimato della popolazione che è rimasta scettica nei confronti della narrativa mainstream durante la pandemia. La maggior parte, tuttavia, non stava accettando pienamente la paura e la propaganda che veniva loro venduta.

 

Fa riferimento all’ormai famigerato esperimento condotto dallo psicologo della Yale University Stanley Milgram nel 1962, durante il quale ha testato i limiti dell’obbedienza umana all’autorità. L’esperimento di Milgram è stato condotto dopo il processo al nazista Adolf Eichmann, che ha utilizzato la difesa di Norimberga, o «befehl ist befehl», che si traduce in «un ordine è un ordine».

 

L’esperimento di Milgram ha mostrato chiaramente che le persone agirebbero contro il proprio giudizio e danneggerebbero un’altra persona a lunghezze estreme semplicemente perché gli veniva detto di farlo. Era associato al progetto top secret MKULTRA della CIA, che si occupava di esperimenti di controllo mentale, torture umane e altri studi medici, inclusa la quantità di LSD necessaria per «frantumare la mente e spazzare via la coscienza».

 

MKULTRA era solo uno dei numerosi esperimenti di controllo mentale condotti dalla CIA negli anni ’60 e ’70. Secondo Kennedy:

 

«La CIA ha fatto molti esperimenti con le università, quasi 200 università in tutto il Paese con scienziati sociali per studiare gli esseri umani, il comportamento umano, e stavano sperimentando ogni genere di cose come droghe psichiatriche, droghe psichedeliche, LSD, etc., con la tortura , con privazione sensoriale, e tutti i tipi di mezzi per controllare non solo gli individui, ma intere popolazioni con la propaganda, la paura, tutte queste cose».

 

«Quindi tutte queste università ricevevano centinaia di migliaia e milioni di dollari dalla CIA o da gruppi di facciata della CIA per programmi chiamati MKULTRA. Il motivo per cui si chiama MK è che è il codice per il controllo mentale. Quindi MK Dietrich, MKULTRA, MK Naomi, Operazione Artichoke, Operazione Bluebird, molti, molti altri, riguardavano l’inoltro di denaro alle università per studiare il controllo del comportamento umano».

 

Eppure, anche durante l’esperimento di Milgram, il 33% delle persone si è alzato e se n’è andato, rifiutandosi di violare la propria etica.

 

«Possono provenire da un’intera gamma di background e partiti politici, che semplicemente… mantengono quella capacità di pensiero critico e non sono soggetti a… che prevalgono sull’autorità», ha detto Kennedy. «E mi sembra… che ora siamo tutti nelle grinfie di questo enorme esperimento di Milgram, dove abbiamo un dottor Anthony Fauci, che è questa autorità fidata, che ci dice di fare cose che sappiamo essere sbagliate, come censurare discorso».

 

 

La paura è il nemico

La paura è il nemico, poiché consente ai sistemi totalitari di prendere il controllo delle persone, distruggendo la democrazia nel processo, afferma Kennedy. È comunemente usato dalle persone autorevoli per esercitare un ulteriore controllo, come obblighi vaccinali e lockdown. Children’s Health Defense, fondata da Kennedy, ha intentato più di 50 cause legali, molte delle quali riguardanti mandati COVID.

 

All’inizio, anche i giudici erano troppo spaventati per pronunciarsi contro i dettami dello stato, portando a «decisioni davvero folli che … non avevano senso», afferma Kennedy. Da allora hanno fatto dei progressi, anche a New York, dove un giudice ha detto che poiché lo sparo non impedisce la trasmissione, non puoi avere un mandato per farlo.

 

Ma sottolinea che un governo non solo non rinuncerà al potere, ma abuserà anche di qualsiasi potere che ha nella massima misura possibile. Solo perché la pandemia è finita, la voglia di controllare non se ne va. 

 

«Le persone dovrebbero tenere presente che nessuno ha mai rispettato le regole del regime totalitario. Quindi, se pensi di sapere, abbandonando queste regole, che in qualche modo le cose miglioreranno o che si sazierà il bisogno di controllarti, non è così. Li incoraggerà solo a fare qualcosa di peggio».

 

 

Tempi senza precedenti, la tecnologia minaccia la democrazia

Kennedy afferma anche che stiamo affrontando una situazione in cui non ci siamo mai trovati prima. Non è che la democrazia non sia stata minacciata e persa in passato, ma ora sono disponibili gli strumenti tecnologici per una sorveglianza diffusa:

 

«Ci sono state molte volte in cui abbiamo perso la democrazia. C’è stata una polarizzazione che era così brutta prima, in particolare durante la Guerra Civile. Ma altre volte nella nostra storia, c’è stata una polarizzazione molto, molto tossica».

 

«Ci sono stati momenti in cui abbiamo perso la democrazia e le grandi società, in particolare durante l’età dell’oro negli anni 1880 e 1890… – sai, le grandi compagnie petrolifere come la Standard Oil – gestivano il nostro paese, e noi non avevamo davvero una democrazia funzionante».

 

La differenza era che, allora, «abbiamo iniziato a tagliare questo monolite di potere corporativo e governativo, la fusione del potere corporativo che aveva abolito la democrazia» e siamo stati in grado di ripristinarlo. Ciò che è diverso oggi è che ora abbiamo la tecnologia disponibile per controllare il comportamento umano su larga scala:

 

«Il problema è che ora abbiamo questi strumenti, queste tecnologie, per il controllo del comportamento umano che non avevamo mai avuto prima. L’ambizione, l’intenzione di ogni regime totalitario nella storia è di controllare ogni aspetto del comportamento umano – le nostre parole, i nostri pensieri, le nostre transazioni, i nostri movimenti, tutto ciò che facciamo – ma non sono mai stati in grado di farlo, perché nessuno , nessun governo, ha mai avuto quella portata».

 

«Ma oggi abbiamo sistemi di riconoscimento facciale ovunque. Abbiamo sistemi satellitari. Bill Gates afferma che il suo sistema satellitare, che è di 61.000 satelliti… sarà in grado di guardare ogni centimetro quadrato della Terra 24 ore al giorno. Ora stiamo iniziando la strada verso l’adozione delle valute digitali, che è schiavitù economica. Non appena ciò accade, perdiamo tutti i diritti perché potranno farti morire di fame».

 

«E ne abbiamo già un esempio con uno sciopero dei camionisti, e nella nostra manifestazione a Toronto, Trudeau ha mandato la gente a guardare le targhe di questi camionisti e poi ha congelato i loro conti bancari. Quindi non potevano pagare il mutuo, non potevano mandare i figli a scuola, non potevano comprare cibo per la loro famiglia. Nessuno di loro è stato accusato di un crimine».

 

 

Non c’è alcuna «esenzione pandemica» nella Costituzione

Kennedy sottolinea anche che gli autori della Costituzione non hanno aggiunto alcuna esenzione dovuta alle pandemie. Ne erano ben consapevoli, avendo sperimentato molteplici epidemie durante la guerra rivoluzionaria. Ma la Costituzione è stata protetta e ha permesso di funzionare come previsto. L’aggiunta di eccezioni è qualcosa di nuovo.

 

Kennedy osserva:

 

«Ci sono state epidemie in ogni città che hanno ucciso decine di migliaia di persone: febbre gialla, colera, vaiolo e molti altri. Quindi, i corniciai sapevano tutto. Ma non hanno inserito un’eccezione epidemica o pandemica nella Costituzione degli Stati Uniti. È una cosa nuova… abbiamo avuto una guerra civile e Lincoln – in un momento in cui il nostro Paese era davvero “non così lontano” dall’essere distrutto, 669.000 americani sono morti. Oggi sono morte 20 milioni di persone».

 

«Eppure, quando ha cercato di sbarazzarsi dell’Habeas Corpus, la Corte Suprema ha detto: “Non puoi farlo”. Non c’è eccezione per la guerra… non c’è eccezione per le pandemie. Abbiamo avuto una pandemia di influenza spagnola nel 1918 che ha ucciso 50 milioni di persone. Eppure, non abbiamo impedito alla Costituzione di funzionare».

 

 

La censura distrugge la democrazia

Kennedy dice che il rimedio per fermare il controllo totalitario è la democrazia. Tuttavia, «mio padre diceva sempre che la democrazia dipendeva completamente dal libero flusso di informazioni». Il dibattito aperto, consentito dalla libertà di parola, porta alle migliori idee e soluzioni che consentono a un paese e alla sua popolazione di prosperare.

 

«Se interrompi il libero flusso di informazioni e inizi a censurare le cose», dice Kennedy, «perdiamo l’unico vantaggio che abbiamo. E, naturalmente, una volta che inizi a fare la censura, sei sulla china scivolosa del totalitarismo». In questo momento, stiamo affrontando la corruzione istituzionale, con il complesso industriale militare al timone.

 

«Penso che se rimuovi Anthony Fauci… sarà sostituito da un altro Anthony Fauci», spiega Kennedy. Nel frattempo, dice, è dal complesso industriale militare, che possiede anche la stampa, che dobbiamo riprenderci la democrazia:

 

«Viviamo nell’era contro la quale Dwight Eisenhower ci ha messo in guardia il 17 gennaio 1960… nel suo discorso di addio, Eisenhower ha tenuto probabilmente il discorso più importante… nella storia americana, dove ha messo in guardia gli americani contro l’emergere del complesso industriale militare – le agenzie di intelligence, il Pentagono e le industrie associate, e ha incluso la burocrazia scientifica».

 

«Nello specifico, in quel discorso ha trascorso molto tempo a discutere sulla burocrazia scientifica federale, intendendo il NIH [l’istituto sanitario federale USA, ndt], che sarebbero stati gli autori della distruzione della democrazia americana se avessimo permesso loro di farlo… E poi l’11 settembre… ha trasformato l’America davvero in l’inizio di uno stato di sorveglianza. E il COVID ha completato il compito… e il compito della CIA è sviluppare una pipeline di nuove guerre che l’America potrebbe combattere per alimentare questa macchina, gli appaltatori militari, e guarda cosa è successo in COVID: 138 aziende sono state coinvolte nella produzione e distribuzione del vaccino».

 

«Sono tutti appaltatori militari. Il Pentagono e la National Security Agency hanno gestito l’intera risposta alla pandemia. Pfizer e Moderna non possiedono realmente quei vaccini. Hanno messo le loro etichette su di loro, ma era un progetto del Pentagono. E quindi, sai, abbiamo a che fare con un complesso industriale militare».

 

 

La democrazia può resistere al totalitarismo chiavi in ​​mano?

Con le forze totalitarie che puntano a controllare ogni aspetto del comportamento umano, il momento del dissenso è adesso. Il primo passo è svegliarsi alla verità. Il prossimo è difendere ciò in cui credi. Il risultato finale, tuttavia, resta da vedere. Secondo Kennedy:

 

«I livelli di controllo che hanno ora sul comportamento umano sono maggiori di quanto abbiamo mai visto. È quello che io chiamo totalitarismo chiavi in ​​mano… stiamo cercando di educare il pubblico e costruire il nostro esercito per ripristinare la democrazia».

 

«E allo stesso tempo si stanno alzando per mettere in atto questa infrastruttura che darà loro il controllo totale, distruggerà il dissenso e disabiliterà qualsiasi tipo di insurrezione o sovversione o qualsiasi differenza con la narrativa ufficiale del governo e le ortodossie … quando inseriranno questo sistema, è davvero difficile prevedere se la democrazia avrà la resilienza per ripristinare quelle istituzioni».

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Fungo mortale si diffonde negli USA: «grave minaccia per la salute globale»

Pubblicato

il

Da

Il CDC, l’ente per il controllo delle epidemie USA, ha lanciato l’allarme riguardo un fungo emergente sempre più farmaco-resistente che, secondo l’agenzia sanitaria americana, rappresenterebbe una.

 

La Candida auris è una rara malattia fungina che si diffonde facilmente attraverso il contatto con superfici contaminate o da persona a persona e può causare gravi malattie nei pazienti ospedalizzati e in quelli con un sistema immunitario indebolito, secondo i funzionari sanitari.

 

In alcuni rari casi, il lievito può entrare nel flusso sanguigno dei pazienti e diffondersi in tutto il corpo, causando gravi infezioni invasive da candidosi, che possono colpire il sangue, il cuore, il cervello, gli occhi, le ossa e altre parti del corpo e possono rivelarsi fatali.

 

I dati di un numero limitato di brevetti mostrano che dal 30% al 60% delle persone a cui è stata diagnosticata la malattia fungina è morto. Tuttavia, riporta Epoch Times, le persone sane in genere non si ammalano a causa di tale malattia fungina.

 

Il CDC ha affermato di essere preoccupato per la Candida auris per tre motivi principali: è spesso multiresistente ai farmaci, è difficile da identificare utilizzando metodi di laboratorio standard e ha rapidamente causato focolai nelle strutture sanitarie.

 

Inoltre, le persone che sono state ricoverate in strutture sanitarie per lunghi periodi di tempo, in particolare quelle che hanno tubi di respirazione, tubi di alimentazione e cateteri venosi centrali che entrano nel loro corpo, sembrano essere a più alto rischio di contrarre la Candida auris.

 

Altri fattori di rischio sono generalmente simili ai fattori di rischio per altri tipi di infezioni da Candida e includono recenti interventi chirurgici, diabete e uso recente di antibiotici o farmaci antimicotici, mostrano i dati iniziali.

 

Infezioni di Candida auris, nota anche come C. auris, sono state riscontrate in pazienti di tutte le età, dai neonati pretermine agli anziani, affermano i funzionari sanitari.

 

Secondo i dati del CDC, negli ultimi anni il fungo farmaco-resistente, rilevato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2016, si è diffuso «a un ritmo allarmante» tra i pazienti ospedalizzati, con casi clinici del fungo che sono quasi raddoppiati nel 2021 e continuano salire nel 2022.

 

Ci sono stati almeno 2.377 casi clinici confermati di Candida auris negli Stati Uniti nel 2022, secondo le statistiche del CDC, da 1.474 casi nel 2021 e 757 casi nel 2020.

 

I dati mostrano che la malattia fungina è ora presente in più della metà degli stati degli Stati Uniti.

 

Il CDC ha affermato di essere preoccupato per la triplicazione nel 2021 del numero di casi resistenti alle echinocandine, farmaci antifungini che sono in genere la prima linea di trattamento per la Candida auris.

 

Ospite della trasmissione Tucker Carlson Tonight, il dottor Marc Siegel, medico noto della TV, ha dapprima minimizzato dicendo che il problema riguarda soprattutto gli immunocompromessi negli ospedali, specificando che le persone in salute possono prenderlo ma non ammalarsi. Tuttavia, la farmaco-resistenza del fungo preoccupa, visto comunque che arriva ad uccidere il 60% degli infetti immunocompromessi.

 

 

Siegel ricorda quindi il caso delle fungo delle formiche-zombi: una volta infettate, cominciano ad attarsi l’una con l’altro.

 

Il dottore infine tira fuori la prospettiva che lo preoccupa di più: «se il fungo arriva in un laboratorio, e qualcuno ci gioca, eccoci ancora qui… è possibile che divenga qualcosa che si diffonda, muti e provochi una pandemia»

 

«Quello di cui ho più paura è che ci giochino in un laboratorio» continua il dottor Siegel. «È probabile? No. È possibile ancora? Sì».

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

La ricerca Gain of Function causerà una prossima pandemia «molto più brutale»: parla l’ex capo del CDC

Pubblicato

il

Da

L’ex direttore dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie USA (CDC), Robert Redfield, ha avvertito che l’epidemia di COVID è stata solo una prova generale per una pandemia molto più mortale che sarà causata dalle ricerche Gain of Function, ossia la bioingegneria di «guadagno di funzione» fatta sui patogeni.

 

«Credo che la prossima pandemia, e ne avremo un’altra e penso che sarà la grande pandemia, considero COVID una pandemia minore, la grande pandemia arriverà», ha detto il dottor Redfield alla trasmissione Rising della testata americana The Hill.

 

«Normalmente, verrebbe da uno spillover … l’influenza aviaria che impara a trasmettersi agli umani e poi a passare da uomo a uomo» dice Redfield. «Tuttavia penso che le barriere di specie siano molto reali. Ma è molto più probabile che accada a causa del guadagno di una ricerca funzionale in un laboratorio e poi della fuga e poi avremo una pandemia… che sarà molto più brutale per il mondo di quanto lo sia stato il COVID».

 

Redfield anche affermato che se il guadagno di funzione non è la causa della prossima pandemia, sarà il bioterrorismo.

 

«Ve l’avevo detto che sta arrivando la grande pandemia. Penso che arriverà, non dallo spillover, verrà dalla ricerca sul guadagno di funzione o dal bioterrorismo intenzionale», ha detto.

 

«Sarà un virus dell’influenza aviaria manipolato per essere in grado di trasmettersi da uomo a uomo, molto simile a quello che abbiamo visto con il COVID».

 

Redfield aveva fatto notizia all’inizio di questo mese dopo aver contraddetto l’ex direttore del NIAID, il dottor Anthony Fauci, in una testimonianza al Congresso secondo cui il governo degli Stati Uniti ha finanziato la ricerca sul Gain of Function presso l’Istituto di Virologia di Wuhan. Quello che era allora direttore del CDC ha lamentato di essere stato messo in disparte dalla banda di Fauci, che poi ha perseguito aggressivamente la tesi dell’origine naturale del COVID, dando inizio ad un sistema, poi ossificatosi tra Stato americano e grandi piattaforme (Twitter, Facebook), per censurare ogni parola riguardo la possibile origine laboratoriale del coronavirus.

 

Come noto, e ribadito sin dai primi mesi del 2020 da Robert F. Kennedy jr., gli enti controllati da Fauci avrebbero finanziato ricerche presso l’Istituto virologico di Wuhano.

 

Come riportato da Renovatio 21, le prime esternazioni sulla natura artificiale del virus COVID erano state fatte da Redfield già due anni fa. Un anno fa Redfield aveva dichiarato pubblicamente che la versione di Fauci sull’origine del COVID era «antitetica alla realtà».

 

Renovatio 21 per aver all’epoca riportato parole come quelle di Redfield è stata bannata da Facebook, prima temporaneamente, poi definitivamente. Il tribunale ci ha fatto riavere la pagina, che rimane limitata. Ora sembra che anche la Storia cominci a darci ragione.

 

 

Continua a leggere

Più popolari