Connettiti con Renovato 21

Militaria

Navy SEAL americano ucciso in Ucraina

Pubblicato

il

La Marina degli Stati Uniti ha confermato venerdì che un membro delle forze d’élite Navy SEAL è stato ucciso nell’Ucraina orientale. La Marina ha precisato che il militare speciale navale Daniel Swift era in «stato di disertore attivo»Lo riporta RT.

 

Swift è morto il 18 gennaio per le ferite riportate in combattimento con le forze russe, ha detto ai giornalisti un anonimo funzionario della Marina degli Stati Uniti durante un incontro con la stampa.

 

«Possiamo confermare la recente morte di un cittadino statunitense che combatte in Ucraina», ha dichiarato il Dipartimento di Stato in una nota. «Siamo in contatto con la sua famiglia e forniamo tutta l’assistenza consolare possibile. Per rispetto della privacy della famiglia in questo momento difficile, non abbiamo altro da aggiungere».

 

Il record di servizio di Swift mostra che il residente dell’Oregon si è arruolato nel 2005 e ha ricevuto medaglie per aver preso parte alla guerra globale al terrorismo e alle campagne sia in Afghanistan che in Iraq, secondo la rivista Time. È stato indicato come assente senza permesso (AWOL) nel marzo 2019.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ufficialmente scoraggiato gli americani dall’arruolarsi nelle formazioni di «legione straniera» istituite da Kiev. Almeno otto cittadini statunitensi che lo hanno fatto comunque sono stati uccisi nei combattimenti nell’ultimo anno. Uno dei ragazzi che invece è riuscito a tornare è il figlio di Robert F. Kennedy jr.

 

Ufficiosamente, le forze speciali statunitensi, britanniche e altre forze speciali della NATO sono attive in Ucraina da prima dell’escalation delle ostilità nel febbraio 2022.

 

I media francesi hanno testimoniato della presenza di operatori speciali britannici e americani ad aprile. Lo ha confermato a dicembre il generale Robert Magowan, ex comandante dei Royal Marines poi promosso al servizio di stato maggiore. Magowan ha affermato che i Royal Marines si sono impegnati in «operazioni discrete» in un «ambiente estremamente sensibile e con un alto livello di rischio politico e militare».

Ad agosto, i media britannici hanno rivelato l’esistenza del «Gruppo Mozart», un gruppo apparentemente privato e finanziato tramite crowdfunding guidato da Andrew Milburn, un colonnello in pensione del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Da allora Milburn ha inavvertitamente rivelato le massicce perdite dell’esercito ucraino nel Donbass e ha avuto alcune parole di rimprovero per la leadership a Kiev.

 

Washington sostiene che gli Stati Uniti non sono una parte del conflitto, sebbene abbiano impegnato miliardi di dollari in aiuti finanziari e forniture militari all’Ucraina e si siano pubblicamente impegnati a sostenere Kiev «per tutto il tempo necessario» affinché la Russia «perdere». Mosca ha avvertito l’Occidente che l’invio di armi e «mercenari» in Ucraina non farà che prolungare il conflitto e rischiare uno scontro diretto.

 

Come riportato da Renovatio 21, i foreign fighters arrivati in Ucraina avevano ricevuto un duro colpo con la distruzione da parte delle forze russe del centro di addestramento di Yavarov, a pochi chilometri dal confine polacco.

 

Alcuni di questi foreign fighters aveva espresso stupore e frustrazione per la disorganizzazione ucraina che, dissero, li voleva mandare al fronte praticamente disarmati. Alcuni di essi sono tornati immediatamente a casa, trovando però problemi a passare il confine ucraino.

 

A inizio conflitto la Repubblica Popolare di Donetsk annunciò che erano stati uccisi ben tre «istruttori» americani durante la battaglia di Marinka. Cinque mesi fa il Dipartimento di Stato USA aveva ammesso che almeno 7 «volontari» statunitensi erano morti in Ucraina.

 

Sulla crudeltà di alcuni elementi americani in forza alle milizie ucraine vi sono racconti agghiaccianti che spaventano anche il Dipartimento per la Sicurezza Interna americano, che teme disordini terroristici al loro ritorno in USA.

 

Truppe americane sono ufficialmente presenti in territorio ucraino per, in teoria, controllare finalmente dove finiscano le armi spedite al regime di Kiev.

 

Truppe britanniche, ed elementi del servizio segreto esterno di Londra MI6, sono invece impiegate apertamente in Ucraina per l’addestramento delle forze di Zelens’kyj.

 

 

 

 

Immagine Pubblico Dominio CC0 via Wikimedia

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Israele rifiuta la pressione degli Stati Uniti per fornire batterie di difesa aerea all’Ucraina

Pubblicato

il

Da

Gli Stati Uniti starebbero facendo pressione su Israele perché trasferisca i suoi vecchi missili antiaerei Hawk in Ucraina per favorire il regime di Kiev contro la Russia. Lo riporta la testata amercana Axios.

 

Israele ha 10 batterie Hawk, insieme a centinaia di intercettori per loro, che ha ritirato dieci anni fa e ha tenuto in deposito.

 

Inoltre, il funzionario israeliano sentito da Axios ha riferito che i sistemi Hawk di Israele sono «obsoleti» e disfunzionali per essere stati immagazzinati a lungo senza manutenzione.

 

Al contempo, i funzionari israeliani ribattono che mentre i lanciatori potrebbero essere completamente disfunzionali, le centinaia di intercettori Hawk che Israele ha in deposito possono essere rinnovati e utilizzati.

 

Tuttavia, il ministero della Difesa israeliano ha ribadito ad Axios in una dichiarazione che «la posizione dell’establishment della sicurezza israeliana [sulla concessione di aiuti militari all’Ucraina] non è cambiata. Ogni richiesta viene esaminata caso per caso».

 

Come riportato da Renovatio 21, le pressioni dell’amministrazione Biden su Tel Aviv per la fornitura di armi a Kiev risale ad inizio conflitto.

 

Tre mesi fa l’ex presidente russo e attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitrij Medvedev aveva messo in guardia Israele dal fornire armi all’Ucraina in risposta alle affermazioni secondo cui l’Iran sta vendendo missili balistici e droni da combattimento alla Russia.

 

Israele a inizio 2022 ha rifiutato la vendita di armi cibernetiche all’Ucraina o a Stati, come l’Estonia, che potrebbero poi rivenderle al regime Zelens’kyj.

 

Il ritorno al potere di Bibi Netanyahu, uomo con forti e pluriennali relazioni con Putin (che, si dice, andava a trovare a Mosca anche due volte al mese), parrebbe non favorire Kiev – o così sembra al momento, per lo meno.

 

Nel frattempo, è emerso che la guerra ha raddoppiato l’immigrazione in Israele da parte di cittadini ucraini di origine ebraica.

 

Continua a leggere

Geopolitica

La Turchia lascerà la NATO tra 5 o 6 mesi: politico turco

Pubblicato

il

Da

Ethem Sancak, vice leader del Vatan Partisi 0 il Partito patriottico di Turchia – ha suggerito che la Turchia potrebbe lasciare la NATO entro cinque o sei mesi.

 

«Gli sviluppi ci spingono a compiere tali passi. Ce lo fa fare la NATO con le sue provocazioni. La Turchia lascerà la NATO tra cinque o sei mesi. Hanno cercato di farci prendere dal fuoco incrociato in Medio Oriente. Infine, puoi vedere campagne contro il Corano in Svezia e nei Paesi Bassi», ha detto il quotidiano del partito Aydinlik facendo riferimento alle proteste viste in Svezia, con l’effige del presidente Erdogan calpestate e il Corano bruciato in pubblica piazza.

 

Il Sancak, un businessmen considerato vicino all’Erdogano, ha fatto poi riferimento a recenti sondaggi che mostrano che almeno l’80% della popolazione turca ritiene che «gli Stati Uniti siano un paese che conduce la politica più ostile e distruttiva» nei confronti della Repubblica – un sentimento strisciante non nuovissimo in Anatolia, riemerso anche dopo l’attentato terroristico a Costantinopoli dello scorso novembre.

 

«Il popolo turco ha recentemente mostrato simpatia per la Russia e Putin», ha concluso il politico. Come noto, la posizione di Ankara riguardo alla guerra in corso, è piuttosto anfibola: vende droni a Kiev (i Bayraktar, dell’azienda controllata dal genero di Erdogan) ma al contempo riesce a tenere tutte le porte aperte con la Russia di Putin.

 

Il 19 gennaio, il Vatan Partisi ha annunciato una campagna nazionale affinché la Turchia lasci la NATO.

 

Il Partito Patriottico si considera un partito nazionalista nella tradizione di Müstafa Keml Ataturk, il leader fondatore della Repubblica Turca. Il partito  sostenuto la politica del governo nei confronti di Russia e Ucraina, nonché la Belt and Road Initiative, cioè il colossale e controverso progetto di «Nuova via della Seta» intrapreso da Pechino, e ora, dopo il COVID e le tensioni internazionali, messo in forse.

 

Come riportato da Renovatio 21, ad aprile 2022 il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha accusato alcuni alleati della NATO di voler prolungare la guerra in Ucraina per indebolire la Russia.

 

I progetti di Erdogan, che confliggono con gli interessi russi in Azerbaigian/Armenia e in Libia e probabilmente in Siria e Iraq, potrebbero andare molto al di là delle questioni NATO, sognando l’instaurazione del «grande Turan», un’area di influenza turca che va dall’Oriente asiatico fino al Mediterraneo.

 

La Turchia sta vivendo in questo momento una crisi economica senza precedenti.

 

Come riportato da Renovatio 21, già un anno fa si vociferava che Ankara stesse reclutando jihadisti da mandare in Ucraina. I jihadisti, di fatto, avrebbero il motivo della vendetta per l’operazione russa in Siria. Il rapporto tra Turchia e ISIS è tuttora fonte di grandi dubbi ed imbarazzi internazionali.

 

È emerso che Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi, l’uomo definito dalla Casa Bianca come successore di al-Baghdadi a capo Stato Islamico e per questo eliminato con un raid delle forze speciali USA, di fatto abitava in una residenza a più piani ad Atmeh, nella città di Idlib, che si trova in un’area controllata dalla Turchia e da Hay’at Tahrir al-Sham («Organizzazione per la liberazione del Levante»), conosciuta anche come al-Qaeda in Siria, spesso abbreviata nell’acronimo HTS. È emerso altresì che a Istanbul miliziani ISIS ottengono passaporti falsi con i quali poi fuggono in Europa e in America.

 

La Turchia nel 2021 aveva arrestato un analista strategico locale accusandolo di spionaggio a favore dell’Italia, Paese considerato concorrente nell’area di influenza libica.

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

Dimissioni di massa nell’esercito britannico

Pubblicato

il

Da

Le forze armate britanniche stanno affrontando una carenza di 4.000 soldati dopo che oltre 16.000 militari si sono dimessi nel 2022, che è la più alta diminuzione del personale in sei anni, ha riferito un quotidiano britannico.

 

Per fare un confronto, lo scorso anno solo 12.000 sono stati reclutati nelle forze armate, 5.000 in meno rispetto al 2021, riferiscono quotidiani britannici.

 

Le dimissioni di massa sono arrivate sullo sfondo di numerose lamentele da parte del personale militare per la bassa retribuzione e le cattive condizioni di vita, tra cui muffa, umidità e perdite dal soffitto, secondo i media locali.

 

«I militari stanno sprecando milioni di reclutamenti mentre non riescono a sistemare le cose di base scoraggiando potenziali reclute», ha detto il colonnello Philip Ingram, un ex ufficiale dell’intelligence, virgolettato sul quotidiano Mirror.

 

Anche la situazione nella riserva dell’esercito è deplorevole, poiché solo 3.720 persone si sono arruolate nel 2022, mentre quasi 6.000 se ne sono andate.

 

Le riserve hanno attualmente 25.000 soldati, 5.000 in meno rispetto all’obiettivo, secondo il giornale.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche l’esercito tedesco sembra avere un problema con i numeri dei soldati: l’obiezione di coscienza, quintuplicata dall’inizio della guerra ucraina, è ora ai massimi storici. Parimenti unità d’élite delle forze armate (e non solo) sono state indagate e perfino dissolte per «estremismo».

 

Come riportato da Renovatio 21, l’esercito britannico si è trovato ad affrontare uno specioso scandalo l’anno passato, con un intero battaglione del reggimento paracadutisti penalizzato per un’orgia in caserma.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di DVIDSHUB via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari