Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Il figlio di Robert Kennedy jr. è andato a combattere in Ucraina. La stampa curiosamente cita solo il nonno e mai il padre

Pubblicato

il

Conor Kennedy, 28enne figlio di Robert Francis Kennedy jr – considerato il dominus dell’antivaccinismo mondiale, e a ragione – è andato a combattere in Ucraina.

 

Ora il ragazzo è tornato, è ha pubblicato con un post su Instagram il suo accorato appello pro Kiev.

 

«Il mio tempo in Ucraina non è stato lungo, ma ho visto molto e ho sentito molto. Mi piaceva essere un soldato, più di quanto mi aspettassi. È pauroso. Ma la vita è semplice e le ricompense per aver trovato il coraggio e fare del bene sono sostanziali. I miei amici sanno perché dovevo tornare a casa. Gli sarò sempre debitore del loro esempio. So di essere fortunato di essere tornato, ma mi prenderei anche tutti i rischi che abbiamo preso di nuovo».

 

«Questa guerra plasmerà il destino della democrazia in questo secolo. C’è altro da dire sulla sua politica e sul ruolo dei governi occidentali lì. Per ora, ti esorto solo ad aiutare nella tua capacità personale. Unisciti alla legione, aiuta al confine o invia forniture mediche. Ogni giorno qualcuno lì sacrifica tutto per una pace duratura. Non si può chiedere loro di agire da soli».

 

Poi pubblica la foto del suo amico Nick in mimetica seduto su di un copertone in una qualche campagna a caso, zainetto con scritte a pennarello come neanche i vecchi Invicta, dove campeggia evidente la scritta «Slava Ukraini», gloria all’ucraina, saluti dei nazisti banderisti ora divenuto completamente mainstream.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Conor Kennedy (@jconorkennedy)

Non possiamo fare una colpa a Robert Kennedy se il suo ragazzo fa così. Del resto vale l’adagio antico: «i figli non si fanno con la testa».

 

Il ragazzo si vede su internet in foto con il padre, mentre esibisce un fisico da surfista notevole. A 18 anni i rotocalchi si occuparono delle voci di una relazione con la giovane cantante superfamosa Taylor Swift.

 

Cosa l’abbia spinto a fare una cosa del genere, partire per una zona calda senza nessuna esperienza militare pregressa e con davanti agli occhi l’immagine dei foreign fighter di Yaroviv polverizzati da un missile russo, non sappiamo saperlo.

 

Ancora meno, conosciamo il motivo del suo ritorno: in effetti, non lo scrive proprio nel suo accorato messaggio.

 

Tuttavia non è per parlare di lui che scriviamo questo articolo.

 

È per notare come scrive del caso la stampa italiana. La quale, ovviamente, non può non abboccare: insomma, un Kennedy – vera famigliare reale USA, dal prestigioso e dal fascino non intaccato da decenni di tremenda maledizione – che va in guerra a far l’eroe, come un principe dell’era passata che parte per le Crociate…

 

Il problema è che si può parlare di lui, del nonno, ma mai e poi mai citare il padre – che giustamente la giornalista Megyn Kelly, che ha avuto il coraggio di intervistarlo riuscendo a non farsi cancellare il video da YouTube, definisce «l’uomo più bannato d’America».

 

Prendiamo Il Messaggero, che parte descrivendocelo come il principe di nobile spirito di cui sopra: la prova è la fedina penale, sacrificata per la difesa di ambienti e LGBT.

 

«Conor ha alle spalle due arresti negli Stati Uniti. Uno per una rissa scatenata in un bar sei anni fa, a difesa di un amico gay che era stato preso d’assalto da quattro avventori; l’altra per le proteste ambientaliste davanti alla Casa Bianca nel 2013, per l’approvazione di un nuovo oleodotto in Alaska».

 

Ricordandoci sempre che siamo alle prese con materia da Hollywood, celebrità vera: «La cronaca rosa lo seguiva già all’età di 18 anni, quando Conor ebbe una breve storia d’amore con la cantante Taylor Swift».

 

Poi la prova finale del sangue democraticamente blu: «il ventottenne Conor è il pronipote dell’ex senatore Bob Kennedy, assassinato a Los Angeles nel 1968 durante la campagna elettorale che prometteva di portarlo alla Casa Bianca».

 

Eh? «Pronipote»?

 

Ma scusate, se è il figlio del figlio di Bob Kennedy, non è semplicemente il nipote del candidato presidente assassinato oscuramente a Los Angeles? Non è che hanno aggiunto una generazione di mezzo per non dover dire il nome di Robert F. Kennedy  jr, suo padre, oramai assurto per la stampa mainstream al ruolo di Voldemort globale, un colui-che-non-si-deve-nominare pandemico?

 

È ben strano. Anche perché sul sito della stessa testata, è ancora reperibile un articolo dell’11 febbraio 2021, intitolato «“Robert Kennedy è un no-vax. Instagram chiude l’account del nipote dell’ex presidente USA». Insomma: c’era proprio il padre di Conor, e per coincidenza si parlava proprio di Instagram: piattaforma che caccia il papà Kennedy antivaccinista ma invece tollera perfettamente il figlio Kennedy che va a combattere i russi. Un quadretto che ha pure una sua rilevanza: con evidenza, lo si è ignorato.

 

Tuttavia, sempre il Messaggero in archivio – recente – ci ha anche un altro articolo, con tanto di video di RFK a Milano lo scorso autunno: «Bufera su Robert Kennedy Jr: “Green pass come il passaporto razziale del terzo Reich”».

 

Anche qui, curioso: tempesta, stigma sul padre che ha osato paragonare il lasciapassare verde a quelli dei nazisti; il figlio qualche mese dopo va a combattere fisicamente tra le fila di gente con svastiche tatuate ovunque, ma nessuna «bufera» su di lui, così come mai vi è stata per il Battaglione Azov.

 

Sono cortocircuiti che mettono simpatia. Li capiamo in pochi: di sicuro, gli happy few che leggono Renovatio 21.

 

Ciò detto, siccome noi stiamo con questo e pure altri Voldemort, non abbiamo paura di fare il suo nome, a differenza perfino dei famigli che ora lo attaccano.

 

Robert Kennedy. Robert Kennedy. Robert Kennedy.

 

Robert Francis Kennedy jr., figlio di Robert Francis Kennedy, padre di sei figli. Che, ribadiamo, non si fanno con la testa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da Instagram

 

 

Continua a leggere

Vaccini

Vaccini contro l’influenza aviaria «pronti per la produzione di massa». Un altro virus fuggito da un laboratorio Gain of Function?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Il dottor Richard Bartlett, direttore del pronto soccorso ed ex membro del consiglio consultivo del Dipartimento della salute e dei servizi umani del Texas, si è unito a «The Defender In-Depth» questa settimana per discutere della ricerca Gain of Function [«guardagno di funzione», ndr] sull’influenza aviaria, sui vaccini contro l’influenza aviaria e sul perché Il governo degli Stati Uniti ha stanziato 1 miliardo di dollari per un’infezione zoonotica e una pandemia influenzale.

 

Il dottor Richard Bartlett, direttore del pronto soccorso ed ex membro del consiglio consultivo del Dipartimento della salute e dei servizi umani del Texas, si è unito a «The Defender In-Depth» questa settimana per discutere gli ultimi resoconti dei media e del governo sull’influenza aviaria, in seguito al rilevamento del virus H5N1. virus dell’influenza aviaria – noto anche come «influenza aviaria altamente patogena (HPAI) A».

 

L’H5N1 e i ceppi correlati sono stati identificati negli uccelli, nel pollame, nei bovini, nei mammiferi inclusi gatti e delfini e negli esseri umani in Texas e Vietnam.

 

Il New York Times ha riferito che esiste il rischio che il virus possa mutare e diventare trasmissibile tra gli esseri umani, e il Daily Mail ha affermato che una nuova epidemia di influenza aviaria potrebbe essere «100 volte peggiore del COVID».

 

La dottoressa Mandy Cohen , direttrice dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha affermato che la sua agenzia sta prendendo la situazione «molto sul serio». Suresh Kuchipudi, Ph.D., presidente del dipartimento di malattie infettive e microbiologia dell’Università di Pittsburgh, ha dichiarato: «Stiamo pericolosamente avvicinandoci» a una pandemia di influenza aviaria.

 

Secondo Bartlett, l’ultima epidemia di influenza aviaria segue «modelli» simili a quelli osservati durante la pandemia di COVID-19.

 

Bartlett ha affermato che i vaccini contro l’influenza aviaria esistono già e altri sono in fase di sviluppo. Ha inoltre suggerito che la ricerca Gain of Function sui virus dell’influenza aviaria potrebbe essere responsabile dell’epidemia e/o potrebbe causare una futura pandemia.

Sostieni Renovatio 21

La ricerca Gain of Function può portare allo sviluppo di un ceppo letale di influenza aviaria

In qualità di medico del pronto soccorso, Bartlett ha detto che sta vedendo alcuni schemi. «Abbiamo anche ricevuto qualche telegrafia su ciò che accadrà».

 

Ha citato una previsione fatta nel 2022 dall’ex direttore del CDC Robert Redfield secondo cui la prossima pandemia sarà causata da un’influenza aviaria con un tasso di letalità del 10-15%. «Ce l’ho in mente mentre guardo la narrazione che viene raccontata in questo momento dai media mainstream… che c’è un’influenza aviaria che è stata rilevata per la prima volta in Antartide».

 

Bartlett ha detto che «sembra che ci sia un biolaboratorio nelle vicinanze del luogo in cui è stata rilevata l’influenza aviaria», il che implica che il virus potrebbe aver avuto origine o essere fuggito da quel laboratorio.

 

Ma secondo Bartlett, tali incidenti potrebbero essere utilizzati per creare la narrazione secondo cui una potenziale epidemia di influenza aviaria ha un’origine zoonotica, o animale, simile alle narrazioni secondo cui il COVID-19 sarebbe emerso da animali e non come risultato di una fuga dal laboratorio dell’ Istituto di Virologia di Wuhan in Cina.

 

«Sto iniziando a vedere lo schema di una narrazione sull’origine naturale che si sta creando… di un’origine naturale dell’influenza aviaria che diventerà una pandemia», ha detto Bartlett.

 

Bartlett ha osservato che, contrariamente a quanto pubblicizzato dai media, la persona infettata dall’influenza aviaria in Texas aveva semplicemente una lieve congiuntivite. Ma Bartlett si è chiesto in primo luogo come sia stata determinata una diagnosi del genere.

 

«Mi vengono in mente molte domande», ha detto Bartlett. «Dove hanno preso questo test? Il test è accurato? Una delle cose che abbiamo imparato con il COVID è che c’erano molti falsi positivi nei test che stavano effettuando». Ciò si è aggiunto al conteggio complessivo dei casi e ha contribuito alla paura.

 

«Mi preoccupa… l’evidenza che nei laboratori si effettuano ricerche sul guadagno di funzione… che potremmo vedere qualcos’altro che in realtà proviene da un laboratorio in seguito. E forse ci verrà detto che è venuto dalla natura e poi scopriremo più tardi che proviene da un laboratorio», ha detto Bartlett.

 

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) collabora dal 2021 con scienziati cinesi nella ricerca sul guadagno di funzione sul virus dell’influenza aviaria H5N1. Bartlett ha affermato che molte delle persone coinvolte nella ricerca sul guadagno di funzione sui coronavirus negli Stati Uniti e in Cina stanno anche conducendo ricerche sul guadagno di funzione con i ceppi di influenza aviaria.

 

«Continuiamo a sentire certi nomi emergere ancora e ancora con questa ricerca sul guadagno di funzione e il suo finanziamento, come la EcoHealth Alliance, come Peter Daszak», ha detto.

 

«Dopo tutto quello che abbiamo appena vissuto e tutte le perdite di vite umane, i fallimenti e i danni all’economia, le famiglie distrutte dal COVID, perché dovresti continuare la ricerca sul guadagno di funzione?» chiese Bartlett. «Penso che dopo quello che è successo con il COVID, penseresti che avremmo imparato la lezione».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Sostieni Renovatio 21

«Non saltare la fila per fare un’iniezione di terapia genetica» contro l’influenza aviaria

Bartlett ha consigliato al pubblico di resistere ai tentativi di generare paura, aggiungendo che esistono già trattamenti non vaccinali che potrebbero affrontare con successo i sintomi causati da una potenziale epidemia di influenza aviaria.

 

«Ci sono alcune precauzioni basate sul buon senso che possono essere adottate, e sono sicuro che non ne sentiremo parlare dal CDC», ha detto Bartlett. «Ci sono cose che possiamo fare per prevenire l’influenza aviaria, anche se proviene da un laboratorio».

 

Bartlett ha citato la budesonide, uno steroide inalabile poco costoso e ampiamente disponibile, che secondo lui sarà “uno strumento molto prezioso se dovessimo affrontare una pandemia di influenza aviaria». L’antivirale Xofluza può anche agire come un trattamento efficace, mentre il collutorio e lo spray nasale allo iodio possono aiutare a prevenire o sopprimere le infezioni virali, ha aggiunto.

 

«Ora che hanno finanziato una pandemia di influenza zoonotica, si può essere certi che alcune persone vogliono che ciò accada», ha detto Bartlett. «Non rimboccarti le maniche, non tagliare la fila e fare un’iniezione di terapia genica che non ha dati di sicurezza a lungo termine».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 11 aprile 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine su licenza Envato; modificata.

Continua a leggere

Alimentazione

Stato USA approva un disegno di legge contro i vaccini mRNA negli alimenti

Pubblicato

il

Da

A seguito delle preoccupazioni sulla ricerca per incorporare i vaccini nei prodotti agricoli, il Senato del Tennessee ha approvato un disegno di legge che richiederebbe che qualsiasi alimento contenente vaccini o materiale vaccinale sia etichettato come farmaco.   Il disegno di legge, HB 1894, è stato approvato dal Senato con un voto di 23-6 il 28 marzo, dopo che la Camera statale lo ha approvato con 73-22 il 4 marzo. Attende la firma del governatore.   Il disegno di legge arriva in risposta a un progetto di ricerca dell’Università della California-Riverside che esamina se l’mRNA che prende di mira gli agenti patogeni potrebbe essere impiantato in piante commestibili, che verrebbero poi consumate. La ricerca è stata finanziata con una sovvenzione di 500.000 dollari da parte della National Science Foundation.

Sostieni Renovatio 21

«Dovresti ottenere una prescrizione per assicurarti di sapere quanta lattuga devi mangiare in base al tuo tipo di corpo in modo da non sotto-vaccinarti, il che porta alla possibilità dell’efficacia di il farmaco viene compromesso, oppure ti viene data un’overdose in base alla quantità di lattuga» che viene mangiata, ha detto il deputato repubblicano Scott Cepicky durante una riunione della commissione della Camera a febbraio, riferisce WKRN-TV.   Cepicky ha affermato che il disegno di legge, che i media locali hanno descritto come una mossa contro la «lattuga vaccinale», classificherebbe gli alimenti modificati per fungere da vaccini, come prodotti farmaceutici. «Quindi se vuoi consumarli dovresti andare dal tuo medico e farti prescrivere», ha detto.   In un comunicato stampa del 2021, Juan Pablo Giraldo, professore associato di botanica e scienze vegetali dell’UC Riverside, ha dichiarato: «stiamo testando questo approccio con spinaci e lattuga e abbiamo obiettivi a lungo termine che le persone lo coltivino nei propri orti», aggiungendo «gli agricoltori potrebbero alla fine coltivarne anche interi campi».   Secondo il professore, «idealmente, una singola pianta produrrebbe abbastanza mRNA per vaccinare una singola persona».   Un’altra ricercatrice, Nicole Steinmetz, ha affermato nello stesso comunicato che hanno pianificato di utilizzare nanoparticelle o «virus vegetali, per il trasferimento dei geni alle piante».   Interrogato da WKRN-TV sullo stato della ricerca, un portavoce dell’UC Riverside ha affermato che il progetto non è ancora completo. «La ricerca sul processo attraverso il quale i cloroplasti vegetali esprimono la chimica del vaccino è in corso. Non ci sono risultati definitivi da riportare», ha detto Jules Berinstein dopo l’approvazione della legge del Tennessee.   Durante il dibattito al Senato del Tennessee, alcuni senatori democratici hanno messo in dubbio la necessità del disegno di legge.   «Lo sponsor è a conoscenza di casi in cui nello stato del Tennessee è stato offerto cibo contenente vaccini in una sorta di forum pubblico o di vendita al dettaglio?» ha chiesto la senatrice Heidi Campbell.   Il rappresentante Cepicky ha risposto sostenendo che a febbraio che un’azienda del Kentucky ha già «infettato le piante di tabacco in crescita con un coronavirus geneticamente modificato» per vedere se può produrre anticorpi per un potenziale vaccino, aggiungendo che l’azienda «può già farlo adesso».   Nel 2023, il rappresentante repubblicano del Kentucky Thomas Massie ha espresso preoccupazione per l’uso del denaro federale per creare «vaccini commestibili transgenici», che trasformerebbero piante commestibili come spinaci e lattuga in veicoli per la somministrazione di vaccini mRNA.   Nel settembre 2023, durante un dibattito su un disegno di legge sugli stanziamenti, Massie ha evidenziato un incidente in cui un vaccino commestibile è stato introdotto in un raccolto di mais utilizzato per nutrire i maiali per mitigare la diarrea. Il raccolto di mais, tuttavia, si è mescolato con quello di soia, contaminando 500.000 staia che hanno dovuto essere ritirati.   «Vogliamo che gli esseri umani mangino vaccini coltivati ​​nel mais destinati a impedire ai maiali di prendere la diarrea? Non penso che vogliamo che ciò accada. Eppure è quasi successo, e potrebbe succedere», ha detto Massie. «C’è un altro caso in cui il polline ha contaminato un altro raccolto di mais e 155 acri di mais hanno dovuto essere bruciati. Quali sono i casi in cui non lo stiamo scoprendo? Penso che sia pericoloso giocare a fare Dio con il nostro cibo».   Come riportato da Renovatio 21, negli USA già si sostiene che, in un modo o nell’altro, l’mRNA sia entrato nella catena alimentare umana.   L’avvocato attivista Thomas Renz ha rivelato che i maiali americani hanno già iniziato le iniezioni di RNA messaggero nel 2018, mentre a breve dovrebbe essere sottoposti all’mRNA anche i bovini e il pollame. Secondo quanto sostiene, le aziende farmaceutiche avevano già sviluppato un vaccino a mRNA per i maiali in uso dal 2018.   «In questo momento, abbiamo confermato che questa roba di mRNA è nelle scorte di cibo. Sappiamo che Merck ha un prodotto chiamato Sequivity. Iniettano mRNA nei maiali dal 2018», ha dichiarato il Renz al canale Real America’s Voice.  

Aiuta Renovatio 21

«Sappiamo che possono effettivamente produrre quello che viene chiamato mRNA trasmissibile. E ciò significa che possono mettere questa roba in un animale in modo che trasmetta a chiunque stia ingerendo qualunque cosa stia ingerendo e venga vaccinato».   «Quindi potrebbero ingegnerizzarlo nelle piante, negli animali, in varie cose», ha detto Renz, che in pratica sta suggerendo che la tecnologia genica sperimentale potrebbe presto estendersi all’intero approvvigionamento alimentare per vaccinare in massa la popolazione americana.   L’idea di un programma di vaccinazione attraverso la contaminazione di alimenti non è nuova, ed era alla base di popolari tentativi di bioingegneria dei vegetali negli anni novanta e primi duemila che avanzano ancora oggi ma falliscono per l’incapacità di ottenere un’espressione genica costante dagli organismi geneticamente alterati.   Un esempio fu dato dall’Università di Tokyo, che inserì nel DNA i alcuni geni derivanti dal batterio del colera, per creare così un riso OGM in grado di indurre una risposta immunitaria contro il patogeno. Sì: un riso vaccino transgenico.   Cibo contaminato da vaccini è già servito ad animali selvatici tramite lanci da elicotteri.   La vaccinazione per via alimentare si avvicina alla teoria dei cosiddetti «vaccini autopropaganti», ossia vere e proprie «epidemie vaccinali» fatte con sistemi contagiosi rilasciati sulla popolazione dalle autorità, vaccini in grado di diffondersi da soli – ovviamente a discapito totale del principio di consenso informato, che con la vaccinazione COVID ha dimostrato – come gli stessi diritti costituzionali – la sua pragmatica irrilevanza.   L’idea che l’mRNA possa passare dai vaccinati ai non vaccinati – e cioè che potremmo essere di fatto già dinanzi all’innesto della popolazione mondiale di un vaccino genico autopropagante – è stata discussa in questi mesi dal cardiologo texano Peter McCullough. SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Big Pharma

Affermazioni fuorvianti sul vaccino Pfizer «hanno portato discredito» a Big Pharma: parla un autorità di autoregolamentazione britannica

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

La Prescription Medicines Code of Practice Authority, un organismo indipendente e di autoregolamentazione istituito dall’Associazione dell’industria farmaceutica britannica, ha stabilito che l’azienda ha violato cinque regole del suo Codice di condotta per la pubblicità.

 

Un’agenzia di regolamentazione del Regno Unito ha scoperto che i migliori dipendenti Pfizer «hanno portato discredito» all’industria farmaceutica quando hanno fatto affermazioni fuorvianti che promuovevano un «medicinale senza licenza» nei tweet sul vaccino COVID-19, ha riferito domenica The Telegraph.

 

La Prescription Medicines Code of Practice Authority (PMCPA), un organismo indipendente e di autoregolamentazione istituito dall’Associazione dell’industria farmaceutica britannica, ha stabilito che l’azienda avrebbe violato cinque regole del suo Codice di condotta per la pubblicità.

 

L’organismo di vigilanza dell’industria farmaceutica britannica UsForThem ha presentato un reclamo al PMCPA nel febbraio 2023. Il reclamo riguardava i tweet del 2020 dei massimi dirigenti Pfizer, tra cui il direttore medico britannico Berkeley Phillips. I tweet erano ancora visibili sui social al momento della presentazione della denuncia.

Sostieni Renovatio 21

L’organizzazione ha affermato che Pfizer «ha promosso in modo fuorviante e illegale il suo vaccino contro il COVID-19» riportando tassi di efficacia relativa molto elevati senza fornire informazioni sui tassi di efficacia assoluta o informazioni richieste sulla sicurezza.

 

UsForThem ha affermato che era importante presentare questa denuncia due anni dopo perché «tale comportamento scorretto era ancora più diffuso» di quanto si pensasse in precedenza, estendendosi «fino ai vertici» delle attività di Pfizer nel Regno Unito e «apparentemente continuando fino ad oggi».

 

Commentando l’importanza dei risultati, Daniel O’Conner di Trial Site News, che ha anche trattato la storia, ha dichiarato a The Defender: «il comportamento di Pfizer durante la pandemia è stato davvero scandaloso. E ovviamente l’obiettivo: grandi soldi».

 

O’Connor ha affermato che il «comportamento aziendale di Pfizer durante la pandemia», come rivelato da questa e altre sentenze del PMCPA, è «altrettanto insidioso» quanto i problemi con i percorsi normativi per i farmaci e i principali difetti negli stessi studi clinici che Trial Site News ha monitorato.

 

Pfizer ha una chiara esperienza di agire come «impresa di profitto inaccettabile durante la peggiore pandemia del secolo», ha aggiunto. «La domanda che abbiamo è chi ha dato loro potere nel governo».

 

Grave censura per aver portato «discredito su» Big Pharma

La denuncia si concentrava su un tweet che Phillips di Pfizer ha condiviso su Twitter, ora X, originariamente realizzato da un dipendente Pfizer con sede negli Stati Uniti.

 

Il tweet affermava:

 

«Il nostro vaccino candidato è efficace al 95% nella prevenzione del COVID-19 e al 94% nelle persone di età superiore ai 65 anni. Archivieremo tutti i nostri dati presso le autorità sanitarie entro pochi giorni. Grazie a tutti i volontari della nostra sperimentazione e a tutti coloro che combattono instancabilmente questa pandemia».

 

Il comitato investigativo della PMCPA ha scoperto che quattro dipendenti di Pfizer UK avevano ritwittato il post e altri lo avevano messo «mi piace». Hanno detto che probabilmente il pubblico e gli operatori sanitari avrebbero visto il tweet.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

La giuria ha concordato con le accuse di UsForThem secondo cui il messaggio conteneva informazioni limitate sull’efficacia e nessuna informazione sulla sicurezza, in violazione delle regole sull’inganno del pubblico e sulla fornitura di dati accurati sulla sicurezza.

 

Il panel ha inoltre sottolineato che i codici di condotta esistenti vietano la promozione dei medicinali prima della loro autorizzazione all’immissione in commercio. Tuttavia, in diretta violazione dei codici, i tweet dei dipendenti Pfizer hanno portato alla «diffusione proattiva di un farmaco senza licenza su Twitter agli operatori sanitari e al pubblico nel Regno Unito», ha rilevato la commissione.

 

I tweet violavano anche la politica stessa di Pfizer che vieta ai dipendenti Pfizer di interagire con i social media relativi ai medicinali e ai vaccini dell’azienda.

 

Il comitato PMCPA ha concluso che «Pfizer ha portato discredito e ridotto la fiducia nell’industria farmaceutica», il che, secondo lui, è una seria censura che riserva a gravi violazioni come quella in cui un’azienda ha promosso un farmaco prima ancora che fosse stato autorizzato.

 

I casi che si ritiene abbiano portato discredito all’industria vengono pubblicizzati sulla stampa medica, farmaceutica e infermieristica.

 

Un portavoce di Pfizer UK ha affermato che la società «riconosce e accetta pienamente le questioni evidenziate da questa sentenza PMCPA» e che è «profondamente dispiaciuta», secondo The Telegraph.

 

Pfizer ha inoltre affermato che esaminerà l’uso dei social media da parte dei propri dipendenti per garantire che rispettino i codici attuali e per prevenire tali problemi in futuro.

 

Il giornale ha anche riferito che Phillips, il cui re-tweet era principalmente in questione, ha affermato che il post era «accidentale e non intenzionale». «Detto questo, abbiamo immediatamente accettato la sentenza del caso e facciamo tutto il possibile per garantire che i nostri dipendenti aderiscano alla nostra rigorosa politica sui social media e al Codice di condotta del settore quando utilizzano i loro social media personali» ha aggiunto.

 

Altri cinque rimproveri legati alla promozione del vaccino anti-COVID

Pfizer è stata rimproverata sei volte dall’autorità di regolamentazione per la sua promozione non etica del vaccino COVID-19.

 

Il 4 marzo, pochi giorni dopo che la PMCPA aveva annunciato la sua sentenza sui tweet del 2020 che promuovevano il vaccino, l’agenzia ha anche annunciato una seconda sentenza , rilevando che Pfizer aveva violato un’altra clausola del codice di condotta in un tweet del 2022 di Pfizer UK che «non è riuscita a mantenere standard professionali».

 

Tale sentenza, emessa anche in risposta a una denuncia presentata da UsForThem, riguardava una serie di tre tweet pubblicati sul feed Twitter di Pfizer UK che includevano un collegamento a un articolo di Pulse Today.

Aiuta Renovatio 21

Quel tweet diceva:

 

«Mentre il Regno Unito entra nel suo primo «inverno sbloccato» dal 2019, il nostro [dichiarato dipendente medico senior di Pfizer] spiega l’impatto devastante che le malattie respiratorie possono avere durante i mesi più freddi. Leggi di più @PulseToday 👇#WinterPressures».

 

Il tweet rimandava a un articolo promozionale — ripubblicato qui — commissionato da Pfizer su un sito web per operatori sanitari, ma non era chiaramente contrassegnato come contenuto promozionale pagato da Pfizer.

 

Il PMCPA in questo caso ha affermato di essere preoccupato che i tweet fossero disponibili al grande pubblico mentre il materiale nell’articolo di PulseToday era destinato agli operatori sanitari. Ciò ha violato gli elevati standard creati dai codici di condotta, hanno affermato le autorità di regolamentazione.

 

Nel febbraio 2023, l’agenzia ha scoperto che il CEO di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., ha rilasciato commenti «fuorvianti» e «non qualificati» promuovendo l’uso dei vaccini mRNA contro il COVID-19 per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC.

 

In quel caso, UsForThem ha accusato il redattore medico della BBC, Fergus Walsh, di aver condotto l’intervista «come un’amichevole chiacchierata davanti al caminetto», dando a Bourla «un’opportunità promozionale gratuita che il denaro non può comprare» permettendogli di promuovere la diffusione del vaccino, in particolare tra i giovani. bambini per i quali il vaccino non era stato nemmeno autorizzato.

 

All’epoca, nessun vaccino contro il Covid-19 era stato approvato dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito per i bambini sotto i 12 anni, quindi la commissione ha ritenuto che i commenti di Bourla violassero il codice.

 

Due delle altre sentenze del PMCPA su Pfizer riguardavano i post di LinkedIn e una riguardava affermazioni fatte in un comunicato stampa.

 

La sanzione per la serie di violazioni, ha riferito The Telegraph, è una multa di 34.800 sterline.

 

Ben Kingsley, responsabile degli affari legali di UsForThem, ha dichiarato al Telegraph che «è sorprendente quante volte i dirigenti senior di Pfizer siano stati ritenuti colpevoli di gravi violazioni normative, in questo caso incluso il reato più grave di tutti ai sensi del Codice di condotta del Regno Unito».

 

«Tuttavia le conseguenze per Pfizer e le persone interessate continuano ad essere ridicole. Questo sistema di regolamentazione senza speranza per un’industria della vita e della morte multimiliardaria è diventato una farsa, che ha un disperato bisogno di riforme», ha affermato Kingsley.

 

«È assolutamente necessaria una radicale revisione del quadro normativo e legale in base al quale questo settore distrutto e corrotto può operare», ha twittato UsForThem.

 

I critici negli Stati Uniti hanno chiesto che i regolatori nazionali ritengano Pfizer responsabile in questo caso. In un tweet, Jay Bhattacharya, MD, Ph.D. di Stanford., ha invitato la Food and Drug Administration statunitense a farlo.

 

James Lyons-Weiler, Ph.D., ha scritto che la Federal Trade Commission e la Security and Exchange Commission intraprendono azioni simili.

 

Brenda Baletti

Ph.D.

 

©8 aprile 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di U.S. Secretary of Defense via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic; immagine modificata.

Continua a leggere

Più popolari