Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Le sostanze chimiche ormonali danneggiano i pesci e anche la loro discendenza non esposta

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Environmental Health News per gentile concessione del suo autore Brian Bienkowski.

 

 

Secondo un nuovo studio, i pesci esposti a composti che alterano il sistema endocrino trasmettono problemi di salute alle generazioni future, tra cui deformità, ridotta sopravvivenza e problemi riproduttivi.

 

Lo studio, pubblicato su Environmental Science and Technology, è il primo del suo genere in un pesce che può vivere in acqua dolce, acqua salmastra o acqua salata e suggerisce che i composti nei pesticidi e nel controllo delle nascite che inquinano i corsi d’acqua non stanno solo danneggiando i pesci che vivono lì ora, ma anche la loro prole e la generazione successiva.

 

Secondo un nuovo studio, i pesci esposti a composti che alterano il sistema endocrino trasmettono problemi di salute alle generazioni future, tra cui deformità, ridotta sopravvivenza e problemi riproduttivi

I risultati sono preoccupanti in quanto gli effetti negativi osservati nella prole di pesce, inclusi problemi di sopravvivenza e riproduzione ridotti, potrebbero portare a un calo del livello della popolazione nel tempo.

 

«Questi effetti possono trasferirsi nei pesci esposti indirettamente e in quelli non esposti affatto», ha detto a EHN Bethany DeCourten, autrice principale dello studio e consulente post-dottorato presso il Dipartimento di anatomia, fisiologia e biologia cellulare dell’Università della California Davis.

 

La ricerca offre le ultime prove dei problemi biologici profondamente radicati per gli esseri umani e gli animali esposti a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, che imitano gli ormoni naturali, che sono pervasivi nel nostro ambiente.

 

«Questi risultati suggeriscono che i test di tossicità su una singola generazione potrebbero non essere adeguati per determinare gli effetti di queste sostanze chimiche sulla vitalità della popolazione a lungo termine», hanno scritto gli autori.

 

 

I risultati sono preoccupanti in quanto gli effetti negativi osservati nella prole di pesce, inclusi problemi di sopravvivenza e riproduzione ridotti, potrebbero portare a un calo del livello della popolazione nel tempo

Livelli bassi portano a impatti generazionali

I ricercatori hanno esposto i pesci latterini orientali dell’entroterra al bifenthrin, levonorgestrel, etinilestradiolo e trenbolone a livelli attualmente trovati nei corsi d’acqua.

 

«Le nostre concentrazioni erano effettivamente nella fascia bassa» di ciò che si trova in natura, ha detto DeCourten, aggiungendo che si trattava di basse quantità di sostanze chimiche in parti per trilione.

 

Bifenthrin è un pesticida; levonorgestrel ed etinilestradiolo sono ormoni sintetici utilizzati nei controlli delle nascite; e il trenbolone è uno steroide sintetico spesso somministrato ai bovini per aumentarne la massa.

 

«Questi effetti possono trasferirsi nei pesci esposti indirettamente e in quelli non esposti affatto»

Tali interferenti endocrini sono già stati collegati a una serie di problemi di salute nei pesci esposti direttamente tra cui crescita alterata, ridotta sopravvivenza, ridotta produzione di uova, rapporti sessuali distorti e impatti negativi sul sistema immunitario. Ma ciò che rimane meno chiaro è come l’esposizione possa avere un impatto sulle generazioni future.

 

Per il loro studio, DeCourten e colleghi hanno iniziato l’esposizione quando i pesci erano embrioni e hanno continuato per 21 giorni.

 

Bifenthrin è un pesticida; levonorgestrel ed etinilestradiolo sono ormoni sintetici utilizzati nei controlli delle nascite; e il trenbolone è uno steroide sintetico spesso somministrato ai bovini per aumentarne la massa

Hanno quindi monitorato gli effetti sui pesci esposti e sulle due generazioni successive.

 

Hanno trovato:

  • Il pesce esposto ha avuto un impatto sull’espressione genica e sulla metilazione del DNA, aumento delle deformità e diminuzione della produzione di uova;

 

  • La prima generazione, che è stata indirettamente esposta all’interno dei loro genitori, ha avuto un ridotto successo di schiusa e deformità nello sviluppo delle larve;

 

Il pesce esposto ha avuto un impatto sull’espressione genica e sulla metilazione del DNA, aumento delle deformità e diminuzione della produzione di uova

  • E la seconda generazione, che non ha avuto esposizione, ha avuto la più grande diminuzione dei tassi di sopravvivenza e ha alterato la metilazione del DNA.

 

Guardando alle due generazioni successive, lo studio corrisponde all’incirca a tre anni in natura, ha detto DeCourten. «Abbiamo visto impatti sulla sopravvivenza nella seconda generazione”, ha detto. “Questo sicuramente potrebbe avere un impatto sulle popolazioni nel loro insieme. In questo momento, semplicemente non abbiamo idea di cosa esattamente potrebbe significare per le popolazioni selvatiche».

 

L’autrice senior dello studio Susanne Brander ha affermato che è ragionevole pensare che altre specie di pesci sarebbero influenzate in modo simile, in particolare altri estuari e pesci marini, poiché il contenuto di sale nell’acqua può cambiare il modo in cui i pesci rispondono a diversi fattori di stress, compreso l’inquinamento.

La prima generazione, che è stata indirettamente esposta all’interno dei loro genitori, ha avuto un ridotto successo di schiusa e deformità nello sviluppo delle larve

 

Brander, un assistente professore presso la Oregon State University, ha lavorato con il pesce latterino orientale dell’entroterra per poco più di un decennio.

 

Oltre al suo lavoro, il silverside è stato utilizzato per decenni nei test sugli effluenti delle acque reflue in tutto il paese.

 

È un «organismo modello per gli estuari e gli habitat marini e costieri», ha detto a EHN.

 

La seconda generazione, che non ha avuto esposizione, ha avuto la più grande diminuzione dei tassi di sopravvivenza e ha alterato la metilazione del DNA

Problemi ereditati

DeCourten ha affermato che la metilazione del DNA alterata è uno dei modi plausibili in cui le generazioni future subirebbero impatti sulla salute dall’esposizione delle generazioni precedenti. È stato dimostrato che i composti che alterano gli ormoni influenzano la metilazione del DNA, che è un indicatore importante di come si svilupperà un organismo.

 

«I gruppi metilici vengono aggiunti a siti specifici sul genoma, [l’esposizione] non sta cambiando il genoma stesso, ma piuttosto il modo in cui il genoma viene espresso», ha detto. «E questo può essere ereditato per generazioni».

 

Inoltre, Brander afferma che ci sono tag essenzialmente differenti che esistono sulle molecole di DNA, che dicono ai geni come accendersi e spegnersi. Egli afferma anche che l’esposizione a diversi composti potrebbe «influenzare quali tag metilici vengono assunti o disattivati ​​man mano che si procede attraverso le generazioni».

 

«I risultati… gettano un bastone contro l’attuale approccio alla regolazione delle sostanze chimiche, dove spesso si tratta di test a breve termine che esaminano cose semplici come la crescita, la sopravvivenza e forse l’espressione genica»

I ricercatori hanno affermato che lo studio dovrebbe indurre i futuri test tossici a considerare gli impatti sulle generazioni future.

 

«I risultati… gettano un bastone contro l’attuale approccio alla regolazione delle sostanze chimiche, dove spesso si tratta di test a breve termine che esaminano cose semplici come la crescita, la sopravvivenza e forse l’espressione genica», ha detto Brander.

 

«Questi risultati ci dicono che dobbiamo davvero almeno considerare» le prossime due generazioni, ha aggiunto.

 

 

Brian Bienkowski

Continua a leggere

Ambiente

Startup trasforma in vodka le emissioni di CO2

Pubblicato

il

Da

Una startup chiamata di Air Company sta producendo vodka a base di emissioni di anidride carbonica. Lo riferisce la CNBC.

 

Si tratta di una nuova frontiera dell’industria sostenibile: la giovane azienda utilizza le emissioni di CO2 delle industrie produttrici di carbonio, che trasforma in vari alcoli, tra cui vodka, profumi e disinfettanti per le mani.

 

Tale progetto alimentare è una svolta su una tendenza più ampia di catturare il carbonio e usarlo per produrre qualsiasi cosa, dal detersivo per bucato al carburante per missili, riporta Futurism.

 

Air Company utilizza prima l’elettrolisi per separare l’idrogeno e l’ossigeno dall’acqua, che viene poi trasformata in etanolo utilizzando un reattore di conversione del carbonio, che utilizza le emissioni di CO2 catturate. Quindi raffina l’etanolo in un liquore da bere.

 

Una bottiglia da 750 ml di Air Vodka costa circa $ 65, un costo ancora piuttosto proibitivo, ma avere la coscienza ambientalmente  pulita costa: non sappiamo se in un futuro superecobonus 110% includeranno anche l’ecovodka.

 

In pratica, ora sarà possibile imbriacarsi sentendosi assolti dal peccato carbonico. Il problema evidente ora è per coloro che «bevono per dimenticare» il climate changio.

 

Si apre un nuovo universo di soddisfazione, invece, per coloro che sono già ebbri del proprio virtuosismo ambientalista, tra raccolta differenziata, bicicletta e steroidi anticoncezionali: l’ebbrezza della propria superiorità eco-morale si assomma ora all’ubriachezza tout court, sempre attenti, però, a non esagerare, perché come noto da secoli, in vino veritas – si moltiplicano quindi le possibilità che al fedele ambientalista imbriaco scappi la verità intima della sua condizione:

 

«Siamo solo degli sfigati che non hanno alcuna idea di cosa stanno facendo ma credono di poter controllare il clima di un pianeta tramite la spazzatura; non avendo più religione ci siamo aggrappati a questa cosa qua; è il modo più economico per sentire che ho fatto qualcosa della mia vita, e poi di far figli ho paura, preferisco tenermi lo stipendio per me e il mio cane e i fine settimana liberi come l’aria».

 

Se capita, comunque, lo dicono solo perché confusi dai fumi dell’ecovodkazza. No?

 

Continua a leggere

Ambiente

Se l’ONU parla dell’umanità in una «spirale di autodistruzione»

Pubblicato

il

Da

Le Nazioni Unite hanno pubblicato il loro ennesimo rapporto disperato e terrificante.

 

Stavolta l’ONU parla dell’umanità intrappolata in una «spirale di autodistruzione».

 

E il lettore di Renovatio 21 sa bene perché le Nazioni Unite parlano così, e quale soluzione offrono.

 

Pubblicato ogni due anni, il rapporto di valutazione globale delle Nazioni Unite sulla riduzione del rischio di catastrofi ha il compito di delineare i modi in cui l’umanità può mitigare il rischio di catastrofe

 

Il rapporto non solo ha rilevato che negli ultimi due decenni si sono verificati circa 300 e 500 disastri di medie e grandi dimensioni all’anno, ma anche che il numero aumenterà a una media di 560 disastri all’anno entro il 2030, o all’incirca 1,5 disastri al giorno.

 

Tali disastri, scrive il rapporto ONU, sono spesse volte correlati al cambiamento climatico, la grande malattia del pianeta dove la correlazione mai è esclusa.

 

In una dichiarazione, l’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi (UNDRR) ha accusato «ottimismo, sottovalutazione e invincibilità» per il numero crescente e la gravità dei disastri globali.

 

In pratica, dice l’ONU, i vertici politici dei Paesiche la sostengono, quelli che rinchiudono le loro popolazioni per anni, le impoveriscono e le sottomettono a concetti imbecilli come quello della «transizione ecologica», sono troppo ottimisti.

 

Si può dare di più.

 

«Il mondo deve fare di più per incorporare il rischio di catastrofi nel modo in cui viviamo, costruiamo e investiamo, il che sta mettendo l’umanità in una spirale di autodistruzione», ha affermato nella dichiarazione il vicesegretario generale delle Nazioni Unite Amina Mohammed.

 

«Dobbiamo trasformare il nostro compiacimento collettivo in azione», ha aggiunto la Mohammed, che non si capisce di cosa sia autocompiaciuta. «Insieme possiamo rallentare il tasso di disastri prevenibili mentre lavoriamo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile per tutti, ovunque».

 

«La portata e l’intensità dei disastri sono in aumento, con più persone uccise o colpite da disastri negli ultimi cinque anni rispetto ai cinque precedenti».

 

La buona notizia, dice l’UNDRR nel suo rapporto, è che l’adozione e l’attuazione dei protocolli suggeriti in precedenza hanno già ridotto sia il numero di persone uccise che il numero totale di persone colpite da disastri negli ultimi dieci anni.

 

Conosciamo bene i protocolli ONU, specie quelli sulla vera causa dei problemi del pianeta, che – ci hanno raccontato per decenni e ancora ci raccontano ora – è la sovrappopolazione.

 

Incapaci di reiterare questa balla, che ha stufato e che di fatto infastidisce la gente che ad un certo punto della vita comincia a desiderare dei bambini da amare incondizionatamente, ora la chiamano «cambiamento climatico».

 

Dietro a qualsiasi operazione ONU sul clima, come a qualsiasi altra azione dell’ente, c’è l’imperativo della riduzione della popolazione terrestre.

 

Per comprenderlo a fondo, potete leggere i libri di mons. Michel Schooyans Il Complotto dell’ONU contro la vita e I volti nascosti dell’ONU.

 

O magari, basterebbe dare un’occhiata ai piani ONU per irrorare il cielo di solfato per ridurre le temperature: ma guarda che strano, proprio la geoingegneria solare promossa e finanziata da Bill Gates.

 

Il calcolo alla base del progetto degli aerei che diffondono sostanze che bloccare i raggi solari lo ha raccontato il professore harvardiano David Keith, il suo principale proponente, al New York Times.

 

«Le morti per inquinamento atmosferico dovute allo zolfo aggiunto nell’aria sarebbero più che compensate dalla diminuzione del numero di morti per caldo estremo, che sarebbe da 10 a 100 volte maggiore».

 

Sarebbe una bella ecatombe utilitarista che piacerebbe agli appetiti antiumani dell’ONU, così da farle scrivere, in futuro, rapporti di catastrofismo più mite.

 

Continua a leggere

Ambiente

Il clima di Nettuno è in disaccordo con gli ecologisti umani

Pubblicato

il

Da

I recenti cambiamenti nei modelli meteorologici estivi di Nettuno hanno sconcertato gli scienziati: si sta raffreddando, quando normalmente dovrebbe riscaldarsi.

 

Nettuno è circa 30 volte più lontano dal Sole di quanto lo sia la Terra, circa 2,8 miliardi di miglia, e dalla triste retrocessione astronomica di Plutone a  «pianeta nano», Nettuno è il pianeta più distante del nostro Sistema Solare.

 

L’atmosfera di Nettuno contiene circa l’80% di idrogeno, il 18,5% di elio e l’1,5% di metano; mentre l’atmosfera terrestre è 78% azoto, 21% ossigeno, 0,9% argon e il resto è una miscela di altri gas.

 

Proprio come ogni altro pianeta che ha un’inclinazione nel suo asse rispetto al piano della sua orbita, Nettuno ha le stagioni. Poiché impiega circa 165 anni per orbitare attorno al Sole, ogni stagione dura circa 40 anni: l’estate di Nettuno è iniziata intorno al 2005.

 

In uno studio pubblicato l’11 aprile 2022 sul Planetary Science Journal, i ricercatori hanno riferito che durante la sua estate, l’emisfero meridionale di Nettuno si è notevolmente raffreddato

 

Live Science ha riferito che in questo studio «i ricercatori hanno compilato immagini a infrarossi di Nettuno scattate da una varietà di telescopi terrestri e spaziali tra il 2003 e il 2020.

 

Il team inizialmente prevedeva che le temperature nell’emisfero meridionale di Nettuno sarebbero aumentate con l’arrivo dell’estate. Tuttavia, le immagini hanno rivelato che le temperature atmosferiche nell’emisfero australe erano scese di 8°C  tra il 2003 e il 2018.

 

«Inoltre, negli ultimi due anni dello studio, le temperature intorno al polo sud di Nettuno sono aumentate di 11° C tra il 2018 e il 2020. I ricercatori sono rimasti perplessi dal cambiamento di temperatura rapido e intenso e non riescono a spiegare perché questo calore sia in controtendenza l’andamento generale nell’emisfero Sud».

 

«Questa non è la prima volta che le temperature atmosferiche di Nettuno lasciano perplessi gli scienziati. Nel 1989, la sonda Voyager 2 della NASA è passata da Urano e Nettuno mentre usciva dal Sistema Solare e ha scoperto che Nettuno era più caldo del suo vicino più prossimo nonostante fosse più lontano dal Sole. Da allora gli scienziati hanno scoperto che ciò è probabilmente dovuto alle differenze gravitazionali tra i due pianeti».

 

Lo studio ipotizza cosa potrebbe spiegare i cambiamenti attuali, incluso il ciclo solare di 11 anni, in cui i poli magnetici del Sole si capovolgono, provocando un ciclo del numero di macchie solari e i successivi cambiamenti nella radiazione solare e nel vento solare.

 

L’attuale ciclo solare 25 è iniziato all’incirca alla fine del 2020 e il numero di macchie solari sta gradualmente aumentando, influenzando il clima spaziale e i satelliti a bassa orbita, la cui vita lavorativa è influenzata dall’aumento della radiazione.

 

L’autore principale Michael Roman, astronomo dell’Università britannica di Leicester, ha affermato:

 

«Penso che Nettuno sia di per sé molto intrigante per molti di noi perché ne sappiamo ancora così poco. Tutto ciò punta verso un’immagine più complicata dell’atmosfera di Nettuno e di come cambia nel tempo».

 

E lo stesso si potrebbe dire per l’atmosfera dinamica, il tempo e il clima della Terra. Per qualche motivo, tuttavia, riguardo al nostro pianeta la climatologia è fatta oggi di soli dogmi catastrofisti e (ovviamente) anti-umani.

 

Ci siamo chiesti su questo sito, varie volte, chi finanzia questi dogmi intrisi di morte e di odio per l’umanità. E a quali scopi essi possono servire.

 

Leggendo Renovatio 21, spesso troverete delle risposte. Mentre Nettuno continuerà tranquillo a aumentare e diminuire la temperatura, incurante di ecologisti, ambientalisti, climatologi, miliardari.

 

Joe Biden poco giorni fa ha detto di voler difendere gli «Uraniani» (sic), cioè gli abitanti di Urano. Ebbene, poco più in là, anche Nettuno merita la protezione della sua democratica libertà di avere il clima che vuole.

 

 

O no?

 

Nel frattempo, sentiamo cosa sull’argomento aveva da dire qualche anno fa uno che di spazio se ne intende, il dottor Spock, preparato abitanti del pianeta Vulcano.

 

Che non è esattamente attaccato a Nettuno, ma va bene così.

 

 

Continua a leggere

Più popolari