Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Il prossimo capo dell’OMC imporrà l’agenda Gates e Davos?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo su concessione di William F. Engdahl.

 

 

 

È quasi certo che il prossimo capo dell’influente Organizzazione mondiale del commercio (OMC) sarà un africano di nascita e una donna. Ma nessuna delle due cose è ciò che fa allarmare riguardo al nome tutt’altro che certo di Ngozi Okonjo-Iweala, nata in Nigeria. Piuttosto sono le persone a cui è attualmente legata per garantire che attuerà l’agenda in evoluzione della trasformazione del Great Reset dell’economia mondiale, utilizzando la pandemia di coronavirus come leva principale. Attualmente è a capo di un’organizzazione creata dall’apparente onnipresente (non onnisciente) Bill Gates insieme al Davos World Economic Forum – entrambi coinvolti nell’attuazione del Great Reset – ed è profondamente legata alle principali istituzioni della globalizzazione e della finanza internazionale. Qualche background che dovremmo conoscere.

 

 

 

 

Ngozi Okonjo-Iweala ha appena ottenuto il sostegno unanime delle 55 nazioni dell’Unione Africana, sconfiggendo un candidato egiziano. Nel momento in cui scrivo, deve affrontare l’ottenimento di una certa approvazione per superare il suo avversario sudcoreano.

 

Il 17 ottobre, i 55 paesi membri dell’Unione africana hanno votato per sostenere Okonjo-Iweala contro il suo unico avversario rimasto, Yoo Myung-hee della Corea del Sud, il loro attuale ministro del Commercio.

 

La candidata nigeriana afferma inoltre di avere il sostegno di un gruppo di Stati dei Caraibi e del Pacifico, portando il numero di paesi che approvano ufficialmente la sua candidatura a 79 dei 164 Stati che compongono l’OMC. Sembra un affare concluso.

 

 

Chi è Okonjo-Iweala?

Ngozi Okonjo-Iweala proviene da alti incarichi ministeriali in Nigeria, uno degli stati più corrotti del mondo con un indice di Transparency International 2019 di 146 su 180 stati valutati

 

In particolare, è stata due volte ministro delle finanze nel governo nigeriano, la prima sotto il presidente Olusegun Obasanjo dal 2003 al 2006. Poi di nuovo, dal 2011-2015 sotto il presidente Goodluck Jonathan, quando è stata nominata Ministro delle Finanze e Ministro dell’Economia.

 

Sebbene non sia mai stata accusata di corruzione, nel 2015 quasi 20 miliardi di dollari sono stati scoperti «persi» dopo una verifica da parte di PriceWaterhouseCoopers delle entrate petrolifere statali. Ha anche convinto Goodluck Jonathan a revocare i sussidi per la benzina nel 2012, innescando massicce proteste di strada poiché molti nigeriani vedono la benzina a buon mercato come l’unico vantaggio che ottengono dalla vasta ricchezza petrolifera del paese. Tagliare tali sussidi è la tariffa standard della Banca Mondiale.

 

In qualità di ministro delle finanze ha appoggiato le consuete richieste del FMI / Banca Mondiale di tagliare i sussidi statali per la benzina e la privatizzazione dell’elettricità

In qualità di ministro delle finanze ha appoggiato le consuete richieste del FMI / Banca Mondiale di tagliare i sussidi statali per la benzina e la privatizzazione dell’elettricità. Non è stata una sorpresa, poiché Okonjo-Iweala è stata con la Banca mondiale a Washington per 25 anni.

 

Dopo che Obasanjo ha terminato il suo primo incarico come ministro delle finanze, è tornata alla Banca mondiale per diventare amministratore delegato delle operazioni dal 2007 al 2011. Più volte ha chiarito la sua ambizione di diventare capo della Banca Mondiale, un incarico tradizionalmente ricoperto da un cittadino americano. In effetti, è arrivata al punto di prendere la cittadinanza americana nel 2019 quando il posto della Banca mondiale è diventato nuovamente vacante, ma senza successo.

 

La Banca Mondiale è uno degli strumenti fondamentali delle Nazioni Unite per far avanzare l’agenda economica delle multinazionali globaliste, insieme al FMI.

 

La Banca Mondiale è uno degli strumenti fondamentali delle Nazioni Unite per far avanzare l’agenda economica delle multinazionali globaliste, insieme al FMI

Come il FMI, la Banca Mondiale usa i suoi soldi come una carota per imporre condizioni draconiane ai governi beneficiari nei paesi in via di sviluppo. Questo si chiama «Washington Consensus» e impone un programma di «libero mercato» inadatto che include inevitabilmente richieste di tagliare i bilanci statali, tagliare i sussidi statali a cibo e carburante, rendere la valuta convertibile ed economica ed eliminare le barriere protezionistiche.

 

I programmi di aggiustamento strutturale della Banca mondiale e dell’FMI in Africa occidentale hanno portato i paesi a dare la priorità al pagamento del debito rispetto agli investimenti nei servizi pubblici, inclusi l’istruzione, le infrastrutture oi servizi sanitari di base. In breve, è una forma brutale di quello che è stato chiamato neo-colonialismo tecnocratico, molto più sinistro di quanto non siano mai riusciti ad essere  gli inglesi, i francesi oi belgi perché usano «facce» tecnocratiche africane o di altri paesi in via di sviluppo per imporre l’austerità draconiana che costringe i paesi ad aprirsi al saccheggio straniero, tipicamente da parte dei giganti aziendali occidentali.

 

 

GAVI e Gates

In breve, è una forma brutale di quello che è stato chiamato neo-colonialismo tecnocratico, molto più sinistro di quanto non siano mai riusciti ad essere  gli inglesi, i francesi oi belgi perché usano «facce» tecnocratiche africane o di altri paesi in via di sviluppo per imporre l’austerità draconiana che costringe i paesi ad aprirsi al saccheggio straniero, tipicamente da parte dei giganti aziendali occidentali

Okonjo-Iweala ha lasciato il governo corrotto del presidente Goodluck Jonathan nel 2015 per diventare presidente di GAVI-The Vaccine Alliance, dove siede fino ad oggi.

 

GAVI sta per Global Alliance for Vaccines and Immunization. È stata fondata nel 2000 con una sovvenzione iniziale di 750 milioni di dollari dalla Bill & Melinda Gates Foundation. A Gates si è aggiunta la Banca Mondiale, e il GAVI è stato tutto concordato al Forum Economico Mondiale di Davos, l’hub globalista al centro del Grande Reset.

 

GAVI afferma di aver speso più di 4 miliardi di dollari in vaccini. Il suo obiettivo principale è vaccinare ogni bambino in Africa, India e nei paesi in via di sviluppo. GAVI dichiara sul suo sito web: «Nell’ambito della sua missione di salvare vite umane, ridurre la povertà e proteggere il mondo dalla minaccia di epidemie, Gavi ha contribuito a vaccinare più di 822 milioni di bambini nei paesi più poveri del mondo».

 

Il consiglio di GAVI include, oltre al presidente Okonjo-Iweala, uno dei maggiori produttori di vaccini al mondo, GSK, nonché la Fondazione Gates, la Banca mondiale, l’OMS e l’UNICEF.

 

Sotto la presidenza di Okonjo-Iweala, GAVI è stata coinvolta nella scandalosa diffusione della poliomielite in Africa come risultato della loro strategia di vaccinazione contro la polio.

 

GAVI afferma di aver speso più di 4 miliardi di dollari in vaccini. Il suo obiettivo principale è vaccinare ogni bambino in Africa, India e nei paesi in via di sviluppo. GAVI dichiara sul suo sito web: «Nell’ambito della sua missione di salvare vite umane, ridurre la povertà e proteggere il mondo dalla minaccia di epidemie, Gavi ha contribuito a vaccinare più di 822 milioni di bambini nei paesi più poveri del mondo»

Anche in India GAVI e la Fondazione Gates sono stati citati in giudizio presso le High Courts indiane per «aver sperimentato con negligenza criminale i vaccini su una popolazione vulnerabile, non istruita e poco informata – amministratori scolastici, studenti e loro genitori – a cui non è stato fornito il consenso informato o consigliato di potenziali effetti avversi o che devono essere monitorati dopo la vaccinazione». Un certo numero di ragazze indiane vaccinate sarebbero morte dopo aver ricevuto vaccini contro l’HPV da GSK, un membro del consiglio di GAVI.

 

Più recentemente, sotto il mandato di Okonjo-Iweala come presidente della GAVI, casi di poliomielite paralitica hanno provocato bambini africani e indiani che erano stati vaccinati dai programmi GAVI e Gates Foundation di vaccino orale per la Polio (OPV).

 

GAVI e Gates lo hanno fatto nonostante sapessero che l’OPV era stato abbandonato dal CDC statunitense nel 1992 dal suo programma di vaccinazione negli Stati Uniti perché causava la polio.

 

Nell’ambito del programma di vaccinazione antipolio GAVI-Gates i casi di polio sono stati registrati in più di una dozzina di paesi africani tra cui Angola, Congo, Nigeria e Zambia e la Nigeria di Okono-Iweala. Ma la cosa scioccante è che i focolai sono tutti secondo quanto riferito causato dal vaccino antipolio orale sostenuto da Gates

Il consiglio di GAVI include, oltre al presidente Okonjo-Iweala, uno dei maggiori produttori di vaccini al mondo, GSK, nonché la Fondazione Gates, la Banca mondiale, l’OMS e l’UNICEF

 

GAVI e Gates si impegnano in un’impresa colossale in cui la Gates Foundation esentasse investe in società di vaccini come GSK e altre che poi vendono i loro vaccini a nuovi enormi mercati come l’Africa e l’India. Poiché i prezzi delle azioni in GSK aumentano a causa dell’aumento delle vendite di vaccini, aumenta anche il patrimonio netto della Fondazione Gates. La «carità» per il profitto è il modello.

 

In breve, il ruolo di Okonjo-Iweala come capo del GAVI, della Banca Mondiale e del Ministero delle Finanze nigeriano la rendono una candidata eccellente a capo della globalista Organizzazione Mondiale del Commercio. Esaminare ulteriormente i suoi legami aggiunge particolari a quell’immagine.

 

 

Rivelare i legami del consiglio

Mentre assumeva la carica di Presidente di GAVI Okonjo-Iweala è diventato anche «Senior Advisor» di Lazard Ltd., una banca di investimento statunitense che sostiene di essere la più grande banca di investimento indipendente del mondo, con i principali uffici esecutivi a New York City, Parigi e Londra.

In breve, il ruolo di Okonjo-Iweala come capo del GAVI, della Banca Mondiale e del Ministero delle Finanze nigeriano la rendono una candidata eccellente a capo della globalista Organizzazione Mondiale del Commercio

 

L’attuale consiglio di amministrazione di Lazard comprende, tra gli altri, Richard Haass, capo del New York Council on Foreign Relations. Il presidente di Lazard, Kenneth Jacobs, fa parte del Comitato direttivo del Gruppo Bilderberg. Poi nel 2018, mentre ancora consigliava Lazard e dirigeva il GAVI di Gates, è entrata a far parte del consiglio di Twitter di Jack Dorsey, famigerato in questi giorni per la massiccia censura politica.

 

Ha inoltre assunto una posizione nel 2018 nel Consiglio della principale banca internazionale Standard Chartered, il cui principale azionista è il fondo sovrano governativo di Singapore e le cui operazioni bancarie sono in Asia, Africa e Medio Oriente.

 

Nel 2012 il Dipartimento dei servizi finanziari di New York ha accusato Standard Chartered di aver nascosto 250 miliardi di dollari (!) In transazioni che coinvolgono l’Iran, etichettandolo come una «istituzione canaglia». La banca è stata coinvolta nel riciclaggio di denaro sporco, violazioni delle sanzioni statunitensi che coinvolgono anche Myanmar, Libia e Sudan e Hong Kong, dove ha importanti affari con la Cina. Il candidato nigeriano all’OMC è ben collegato al mondo delle potenze finanziarie globali, insomma.

 

L’ex ministro delle finanze nigeriano e funzionario della Banca Mondiale è anche esperto nell’agenda 2030 distopica globalista delle Nazioni Unite sostenuta dal WEF di Davos e da Gates.

 

È co-presidente della Commissione globale per l’economia e il clima, che chiede «un’azione coraggiosa per il clima», insieme al capo dell’FMI ed ex capo del gigante dell’agrobusiness Unilever, tra gli altri. Ha anche fatto parte del gruppo di alto livello del Segretario generale delle Nazioni Unite sull’agenda di sviluppo post-2015, il famigerato programma di «sviluppo sostenibile». Ed è elencata come «Agenda Contributor» al Forum economico mondiale di Davos.

L’ex ministro delle finanze nigeriano e funzionario della Banca Mondiale è anche esperto nell’agenda 2030 distopica globalista delle Nazioni Unite sostenuta dal WEF di Davos e da Gates

 

 

L’agenda dell’OMC

Se viene eletta, il che sembra quasi un affare fatto, sarà a capo di una delle istituzioni globaliste centrali.

 

L’OMC è stata creata nel 1995 per far avanzare l’agenda della globalizzazione di Davos, probabilmente una delle agende economicamente più distruttive della storia.

 

L’OMC è stata creata nel 1995 per far avanzare l’agenda della globalizzazione di Davos, probabilmente una delle agende economicamente più distruttive della storia

Le regole dell’OMC sul commercio agricolo sono state redatte dalle società del cartello agroalimentare guidate da Cargill per forzare i mercati agricoli aperti nei paesi in via di sviluppo ai prodotti dell’agrobusiness delle società del cartello alimentare globale.

 

Piuttosto che eliminare i sussidi alimentari nei paesi produttori del Nord America e dell’UE, i sussidi di oltre il 40% sui prodotti chiave hanno permesso a gigantesche società agroalimentari come Unilever di inondare i mercati locali in Africa e in Asia che mandano in bancarotta i piccoli produttori locali, costringendoli a inondare i centri urbani per manodopera a basso costo. Come ha detto un analista,

 

Con i suoi legami con Bill Gates, la Banca Mondiale, il Word Economic Forum, la finanza internazionale e persino Twitter, Ngozi Okonjo-Iweala è adatta a supervisionare la prevista imposizione dell’agenda totalitaria del Gates-WEF Great Reset. Il fatto che lei debba la sua elezione all’OMC al sostegno dei governi africani e di altri paesi in via di sviluppo è un amaro commento alle ciniche manipolazioni dei poteri forti nel mondo di oggi.

Con i suoi legami con Bill Gates, la Banca Mondiale, il Word Economic Forum, la finanza internazionale e persino Twitter, Ngozi Okonjo-Iweala è adatta a supervisionare la prevista imposizione dell’agenda totalitaria del Gates-WEF Great Reset

 

 

William Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

La pretesa emergenza idrica

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica il parere congiunto del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB) e dell’Osservatorio contro la Transizione Ecologica (OCTE)

 

 

 

Parere sulla pretesa emergenza idrica

 

«L’acqua non è un diritto». Questa singolare affermazione, che in altri tempi sarebbe stata giudicata da chiunque gravemente lesiva della dignità e dei diritti umani fondamentali, è stata recentemente pronunciata dal presidente della società a responsabilità limitata che gestisce il servizio idrico di una provincia italiana. (1)

 

In un qualsiasi Paese civile, l’ente pubblico competente avrebbe preteso e ottenuto le dimissioni dell’autore di una simile esternazione, procedendo ad accertarne le ulteriori, eventuali responsabilità civili e penali.

 

Nell’Italia post-COVID e pre-razionamenti da climate change e/o guerra in Ucraina, invece, chi pronuncia frasi del genere può contare non soltanto sull’ignavia delle istituzioni, ma anche sulla compiacenza dei media e soprattutto sulla complicità del governo in carica, che da oltre due anni sta meticolosamente spianando la strada all’accettazione acritica di affermazioni simili a quella riportata.

 

È infatti sotto gli occhi di molti che il green pass fondato sull’obbligo vaccinale, introdotto dalla divisiva gestione politica del COVID, ha sdoganato il criterio della negoziabilità di diritti e libertà che – fino alla cosiddetta pandemia – erano considerati fondamentali e inviolabili perché innati nell’essere umano, quali il diritto alla vita e alla tutela della salute.

 

Ed è altrettanto evidente che il continuo ricorso a stati di emergenza di natura diversa (sanitaria, strategica, climatica, ambientale, energetica), secondo il metodo del biopandemismo, giustifica e giustificherà ancor più in futuro l’estensione di meccanismi e strumenti «premiali», simili al green pass, per limitare la titolarità e l’esercizio di altri diritti e libertà fondamentali, a partire dal diritto all’acqua: diritto che anche l’ONU, nel 2010, ha riconosciuto quale «human right» nell’ambito del più generale diritto di accesso ai servizi igienico- sanitari di base. (2)

 

Le cause della pretesa emergenza idrica, enfatizzata dai media – ma è solo una coincidenza – nel periodo di abituale siccità dovuta alle alte temperature estive, sono coralmente imputate al climate change, all’aumento della popolazione mondiale, all’inquinamento, al fabbisogno energetico e a quello agricolo: ossia a problemi globali che, secondo alcuni, richiederebbero risposte globali concertate a livello internazionale.

 

Queste risposte, che fatalmente lasciano presagire ulteriori erosioni della sovranità degli Stati e conseguentemente dell’autonomia degli individui, sono precedute, accompagnate e seguite da un consenso mediatico e politico in grado di oscurare i paradossi e le contraddizioni da esse generati, senza peraltro favorire – anzitutto sul piano educativo e culturale – un’inversione degli stili di vita e delle tendenze di consumo.

 

Sotto quest’ultimo profilo, un esempio può essere offerto dall’alimentazione: è infatti evidente che una corretta educazione alimentare contribuirebbe all’uso responsabile delle risorse, comprese quelle idriche, ma finirebbe per scontrarsi, proprio per questo motivo, con gli interessi delle multinazionali agro-industriali, interessi che in genere sono tenuti in considerazione dagli stessi consessi internazionali in cui vengono elaborate le risposte globali sopra evocate.

 

Allo stesso modo media e politica tendono a liquidare sbrigativamente altre cause della crisi idrica, da taluni ritenute secondarie, quali ad esempio l’inefficienza strutturale della rete distributiva italiana, che nel solo settore civile comporta livelli di dispersione pari al 40% dell’acqua veicolata; l’inadeguatezza degli investimenti nella manutenzione e nel miglioramento dell’efficienza della rete medesima, posti in secondo piano dai più lucrosi investimenti nel campo della depurazione – e quindi dello smaltimento dei rifiuti – e comunque scoraggiati dall’assenza di ritorni significativi, tenuto conto dell’ancora basso costo dell’acqua in sé; l’assenza di strumenti, anche normativi, che incoraggino e incentivino la raccolta e la conservazione delle acque piovane; non ultimo, il saccheggio sistematico e incontrollato, anche su scala medio-piccola, delle falde freatiche, cui attingono una miriade di soggetti privati per ragioni eticamente discutibili.

 

Cause, tutte queste, che non sempre raggiungono la ribalta mediatica – e quindi l’attenzione del pubblico – e quasi mai vengono rappresentate nella complessità delle reciproche relazioni.

 

Alla luce di queste considerazioni, il CIEB e l’OCTE:

 

1) Richiamano l’attenzione sui rischi derivanti dall’interpretazione unilaterale e fuorviante generalmente fornita dai media e dalla politica alle evidenze scientifiche relative alla pretesa emergenza idrica;

 

2) Sollecitano il pubblico a una disamina approfondita delle cause e delle possibili soluzioni della crisi idrica, come anche delle altre situazioni di crisi che ormai accompagnano quotidianamente la vita degli italiani;

 

3) Sottolineano ancora una volta l’effetto discriminatorio di meccanismi e strumenti «premiali» simili al green pass fondato sull’obbligo vaccinale – che è bene ricordare è stato prorogato dall’Unione Europea fino al giugno 2023 e dal governo italiano, approfittando della distrazione di massa provocata dalla guerra in Ucraina, fino al gennaio 2025 – e invitano le istituzioni, con particolare riferimento alla Corte costituzionale, a valutare attentamente la legittimità di meccanismi e strumenti siffatti;

 

4) Evidenziano la previsione contenuta nel cosiddetto Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) – alla luce della quale dovrebbe essere riletta l’affermazione ricordata in apertura «L’acqua non è un diritto» – di procedere entro il mese di luglio 2022 alla valutazione della capacità degli enti locali di gestire la rete idrica e, in caso di valutazione negativa, di coinvolgere soggetti privati nella gestione della rete medesima, vanificando così l’esito del referendum popolare tenutosi nel 2011;

 

5) Evidenziano il rischio che la crisi economica che si prospetta per il prossimo autunno finisca per estendere l’applicazione dei meccanismi “premiali” alla fruizione delle due principali risorse degli italiani, ossia il risparmio privato e il patrimonio immobiliare, allo scopo – mai dichiarato ma ormai sotto gli occhi di tutti – di penalizzare ulteriormente il ceto medio e le piccole/medie imprese e, con essi, il tessuto sociale e produttivo d’Italia, nella prospettiva di un default pianificato dalle corporazioni finanziarie transnazionali e dalle organizzazioni internazionali che a dette corporazioni forniscono sostegno sul piano politico-istituzionale.

 

 

CIEB – OCTE

 

30 giugno 2022

 

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito: www.ecsel.org/cieb www.ecsel.org/octe

 

 

NOTE

1) Cfr. https://www.malpensa24.it/lacqua-non-e-un-diritto-e-polemica-sulle-parole-del-presidente-di-alfa/.

2) Cfr. la risoluzione dell’Assemblea generale dell’ONU del 28 luglio 2010, intitolata «Human right to water and sanitation» (document A/64/L.63/REV.1).

Continua a leggere

Ambiente

Osservatorio contro la Transizione Ecologica: parere sul Piano UE «Fit for 55»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo testo dell’ Osservatorio contro la Transizione Ecologica (OCTE)

 

 

È ormai sotto gli occhi di molti che i continui allarmi climatici, rilanciati di recente anche dai vertici delle agenzie dell’ONU e di altre organizzazioni internazionali, costituiscono il substrato ideologico e politico delle azioni condotte da alcuni Governi nazionali allo scopo di avviare una controversa transizione ecologica: transizione finalizzata, apparentemente, alla riduzione della CO2 antropica e del riscaldamento climatico che da essa deriverebbe, ma in realtà mirante alla riorganizzazione – prima di tutto sul piano culturale – di oltre un secolo di «progresso» fondato sulle fonti energetiche non rinnovabili.

 

Al di là di ogni analisi critica circa la nozione stessa e l’eticità del progresso finora perseguito, è evidente che il catastrofismo climatico di origine antropica resta un concetto molto dibattuto e controverso (1), almeno quanto la sostenibilità socio-economica della cosiddetta transizione ecologica.

 

Come diffusamente rilevato, infatti, i risultati attesi dalle azioni così poste in essere, tutti ancora da dimostrare sul piano scientifico, sembrano destinati a realizzarsi in un futuro così lontano da rendere ineludibili, oggi, analisi costi-benefici ben più articolate e rigorose di quelle finora condotte.

 

A ciò deve aggiungersi che il peso economico e sociale di queste azioni – che prevedono la rapida decarbonizzazione dei cicli produttivi su scala globale – finirà inevitabilmente per colpire, destabilizzandole, famiglie e imprese già impoverite dall’emergenza COVID-19.

 

Tralasciando per il momento fenomeni eclatanti e ben noti al pubblico – come ad esempio l’ipertrofica diffusione delle pale eoliche, che formerà oggetto di un futuro parere dell’OCTE – esempio paradigmatico di questa controversa transizione ecologica è costituito dal piano dell’Unione europea finalizzato all’attuazione del «Green Deal» (2) e denominato «Fit for 55» («Pronti per il 55») (3).

 

Come noto, il «Fit for 55» persegue la riduzione del 55% delle emissioni antropiche di CO2 entro il 2030 – in linea con quanto previsto dall’”Agenda 2030” dell’ONU – quale tappa fondamentale di quella «neutralità climatica» che deriverebbe, secondo alcuni, dal totale azzeramento delle emissioni antropiche di CO2 entro il 2050.

 

È tuttavia agevole rilevare che un piano del genere, fondato su misure a dir poco draconiane, appare non solo di difficile realizzazione, considerata l’assenza di adeguate fonti energetiche alternative e realmente sostenibili dal punto di vista ambientale, ma anche in grado di incidere profondamente sull’economia e sull’occupazione degli Stati europei, nonché di compromettere in modo significativo diritti e libertà individuali costituzionalmente garantiti in alcuni ordinamenti nazionali, tra cui la libertà d’iniziativa economica privata.

 

Ciò nonostante, e forse proprio per questo, le istituzioni dell’Unione europea proseguono imperterrite nella realizzazione del «Fit for 55», elaborato con il fattivo contributo degli stakeholders di settore e quindi in consessi spesso distanti dalle sedi istituzionali della democrazia.

 

Ma anche quando il dibattito sulla transizione ecologica riesce ad approdare nelle aule parlamentari, è facile assistere a forme singolari di suicidio politico da parte di chi, evidentemente teleguidato da una propaganda faziosa e fuorviante in materia di climate change, si sente addirittura più «realista del Re».

 

In tal senso va ricordata la votazione svoltasi l’8 Giugno 2022 al Parlamento europeo, dove il «Fit for 55» elaborato e proposto dalla Commissione europea è stato approvato con il voto favorevole dei partiti che più affermano di difendere diritti, sicurezze e libertà fondamentali, ossia i partiti di sinistra (4).

 

Può quindi apparire singolare che gli emendamenti votati dal Parlamento europeo (5) siano addirittura più stringenti del testo licenziato dalla Commissione, arrivando a chiedere di anticipare al 2022 la prevista riduzione del 55% delle emissioni antropiche di CO2 in linea con i contenuti del «Patto per il clima» adottato a Glasgow nel novembre 2021.

 

Il Parlamento europeo ha inoltre approvato:

 

1) lo stop alla costruzione e alla vendita, a partire dal 2035, di automobili dotate di motori a benzina e diesel, inclusi quelli ibridi;

 

2) lo stop all’inclusione dei biocarburanti tre le soluzioni alternative all’impiego di combustibili fossili;

 

3) lo stop alla riforma «morbida» del sistema Emissions Trading System (ETS), che finirà per scaricare sul prezzo finale di beni e servizi – e quindi sui consumatori – i costi delle speculazioni finanziarie relative alla compravendita dei permessi di emissione di CO2, che l’Unione europea può cedere alle industrie a più alto impatto climatico.

 

È agevole rilevare che le principali conseguenze dell’applicazione del piano «Fit for 55» sul piano tecnologico, produttivo ed economico consisteranno:

 

– nella creazione, secondo la stessa Commissione europea, di oltre 600.000 disoccupati nel solo settore automotive europeo (di cui circa 70.000 in Italia), senza considerare il numero imprecisato e imprecisabile di disoccupati nei settori a esso collegati, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese (PMI);

 

–  nella consegna de facto nelle mani dell’industria cinese dell’intera produzione automobilistica europea, in virtù: i) del monopolio globale che la Cina detiene sulle Terre Rare, ossia sugli elementi chimici necessari alla fabbricazione delle batterie dei motori elettrici; ii) della mole di investimenti che da tempo la Cina promuove nel campo della produzione e della commercializzazione delle auto elettriche;

 

–  nella grave e probabilmente definitiva perdita di competitività e di know how delle industrie dei Paesi europei, con drammatiche conseguenze occupazionali, reddituali e sociali di breve, medio e lungo periodo;

– nell’ulteriore impoverimento dei cittadini europei che saranno costretti a sopportare, tra l’altro, l’incremento delle tariffe di trasporto inevitabilmente conseguente all’aumento dei costi sostenuti dai vettori a causa della citata riforma dell’ETS.

 

Sul piano politico e strategico, inoltre, le conseguenze del «Fit for 55» consisteranno:

 

– nell’ulteriore svuotamento delle prerogative sovrane dei Parlamenti degli Stati membri dell’Unione, coerentemente con le dinamiche globaliste promosse dal capitalismo finanziario transnazionale;

 

– nella cessione delle strategie relative a mobilità e logistica a un Paese, come la Cina, che mostra una singolare concezione della concorrenza e della democrazia.

 

La valutazione di tale epocale autogol è sotto gli occhi e alla portata di chiunque e svela la strategia che si cela dietro il «Fit for 55»: utilizzare o sollecitare evidenze scientifiche controverse o funzionali per pianificare crisi di natura diversa (climatica, energetica, ambientale, strategica, alimentare, sanitaria), ma tutte volte a legittimare l’introduzione e il mantenimento di misure restrittive di diritti e libertà fondamentali, secondo un approccio paternalistico fondato sui principi dell’economia comportamentale.

 

Dopo l’affaire COVID, siffatto «biopandemismo» è in via di realizzazione anche in campo ambientale ed energetico con buona pace dei cittadini europei e di quelli italiani in particolare, tenuto conto delle peculiarità industriali e socio-economiche del nostro Paese.

 

A questo proposito vale la pena di fare un’ultima osservazione.

 

È singolare che una deroga al «Fit for 55» sia prevista per le aziende europee che producono meno di 1.000 veicoli «termici» l’anno, come è il caso, ad esempio, di alcuni marchi storici e prestigiosi (quali, ad esempio, Ferrari e Lamborghini). A meno di non volere ricavare da ciò un’analisi neo-malthusiana, che si innesta sul neo-darwinismo elitario promosso con ogni evidenza dalla CommissioneEuropea, non resta che prendere atto, maliziosamente, della logica sancita dal «Fit for 55»: ossia che il comportamento delle classi più abbienti produce sul clima effetti diversi da quelli prodotti dal comportamento delle classi meno abbienti.

 

Sulla base delle considerazioni esposte, l’OCTE:

 

A) denuncia la tendenza ad applicare diffusamente, tanto a livello nazionale quanto a livello internazionale, l’approccio fondato sulla presunta origine antropica dell’evoluzione climatica globale;

 

B) critica le strategie del Green Deal, in quanto basate su una mono-narrazione che scoraggia ogni dibattito relativo all’evoluzione climatica in corso e alle iniziative da intraprendere in merito;

 

C) stigmatizza l’applicazione del piano «Fit for 55» dell’Unione europea, che non tiene nella dovuta considerazione l’aggravamento della crisi economica ed energetica conseguente al conflitto in Ucraina;

 

D) chiede ai decisori politici europei e nazionali, nonché al mondo accademico, di liberarsi dai diktat imposti da evidenze scientifiche controverse, infondate o strumentali6 per tornare ad assumere il ruolo di effettivi rappresentanti, rispettivamente, della democrazia e del pensiero critico, anche in vista delle complesse scelte politiche che la congiuntura economica imporrà nel prossimo futuro.

 

 

OCTE

 

21 Giugno 2022

 

La versione originale del Parere è pubblicata sul sito: https://www.ecsel.org/octe/

 

 

NOTE

1) In proposito si veda, tra gli altri, R. Graziano, «I lotofagi climatici, il global warming e lo zeitgeist della “modernità”», in Rivista dell’OCTE, 2022, n. 0, https://www.ecsel.org/octe.
2) Cfr. https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/ip_21_3541.
3) Cfr. https://www.eesc.europa.eu/en/our-work/opinions-information-reports/opinions/fit-55-delivering-eus-2030-climate-target-way-climate-neutrality.
4) I voti favorevoli sono stati 339, a fronte di 249 voti contrari e 24 astensioni.
5) Cfr. https.//www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0234_EN.pdf.
6) In tal senso si veda il dossier approvato il 14 giugno 2022 dal Servizio studi del Senato della Repubblica e dall’Ufficio rapporti con l’Unione europea dalla Camera dei Deputati, il cui primo capitolo è dedicato a «Un Green Deal europeo».

 

 

Immagine di woodleywonderworks via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Ambiente

Gli aumenti di gas e benzina sono il giro di prova per la Carbon Tax

Pubblicato

il

Da

I mostruosi rincari subiti da tutta la popolazione occidentale non sarebbero altro che una prova di un mondo con tasse alle stelle per l’energia sotto l’imperativo ecologico della riduzione dei consumi energetici 0 cioè dei consumi, tout court; cioè dell’umanità stessa.

 

«I prezzi elevati del petrolio e del gas stanno dando un assaggio poco allettante di come potrebbe essere un prezzo globale del carbonio», scrive il Wall Street Journal l’11 giugno.

 

I politici si stanno affrettando a mitigare la reazione popolare contro i prezzi inarrivabili per la popolazione, mentre «i consumatori potrebbero guidare di meno e alcune aziende industriali hanno interrotto le linee di produzione diventate antieconomiche. Un’improvvisa carbon tax farebbe più o meno lo stesso».

 

L’articolo, intitolato sfacciatamente «Gli alti prezzi del petrolio e del gas mettono alla prova una tassa globale sul carbonio», non sostiene di mollare le folli prospettive di tassa sul carbonio, ma solo quelle che possono essere realizzate senza il sostegno dei politici, se necessario.

 

«Una tale tassa sull’inquinamento è stata a lungo il sogno di un economista, ma la recente stretta sui redditi dei consumatori evidenzia perché può essere anche l’incubo di un politico» scrive il WSJ.

 

Settantasette paesi e oltre 100 città si sono impegnati a raggiungere zero emissioni nette entro il 2050. A partire dal 2019, le tasse sul carbonio sono state implementate o programmate per l’attuazione in 25 Paesi, mentre 46 paesi stabiliscono una qualche forma di prezzo del carbonio, attraverso tasse sul carbonio o schemi di scambio di quote di emissione.

 

Nel 2010, la Commissione europea ha preso in considerazione l’attuazione di una tassa minima paneuropea sui permessi di inquinamento acquistati nell’ambito del sistema di scambio di emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea (EU ETS) in cui la nuova tassa proposta sarebbe stata calcolata in termini di contenuto di carbonio. Il tasso suggerito da 4 € a 30 € per tonnellata di CO2.

 

Solve et coagula. Il momento di distruggere e ricreare è questo: abituati all’idea di produrre, consumare, di spostarsi di meno – cioè di vivere di meno – da due anni di prigionia e spaventati da una guerra alle porte, i popoli accetteranno il Reset del loro stile di vita.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari