La Cina nega nuovamente l’accesso all’OMS per indagare sulla pandemia

 

 

 

 

 

 

È passato ormai più di un anno dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Cina, e ancora una volta a un team di investigatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è stato negato l’accesso al paese per indagare da dove provenisse.

 

Dieci funzionari dell’OMS sarebbero dovuti entrare in Cina questa settimana per iniziare finalmente le indagini, con la promessa di esaminare l’Istituto di virologia di Wuhan come potenziale fonte della pandemia, tuttavia, al team è stato negato l’ingresso

Dieci funzionari dell’OMS sarebbero dovuti entrare in Cina questa settimana per iniziare finalmente le indagini, con la promessa di esaminare l’Istituto di virologia di Wuhan come potenziale fonte della pandemia.

 

Tuttavia, al team è stato negato l’ingresso a causa di problemi di visto, secondo il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan.

 

Tedros Adhanom Ghebreyesus, il capo dell‘Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato di essere «deluso» dal fatto che il governo cinese abbia nuovamente bloccato l’ingresso agli investigatori.

 

«Mi è stato assicurato che la Cina sta accelerando la procedura interna» ha detto Tedros. «Siamo ansiosi di avviare la missione il prima possibile».

 

«Mi è stato assicurato che la Cina sta accelerando la procedura interna» ha detto Tedros. «Siamo ansiosi di avviare la missione il prima possibile».

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha detto alla BBC «potrebbero esserci dei malintesi» e «non c’è bisogno di leggervi troppe cose», scrive Summit News.

I funzionari cinesi in precedenza si erano rifiutati di confermare qualsiasi data per l’arrivo della squadra.

 

L’OMS in precedenza si era lamentata di non  essere stata «invitata»  dalla Cina a indagare sull’epidemia ed è stata continuamente criticata per aver  sostenutogli argomenti del Partito Comunista Cinese.

 

I funzionari cinesi in precedenza si erano rifiutati di confermare qualsiasi data per l’arrivo della squadra.

Una precedente «missione di esplorazione» dell’OMS in Cina durante l’estate ha visto arrivare in Cina una squadra di investigatori, ma non è nemmeno riuscita a visitare Wuhan.

 

Dave Sharma, un parlamentare australiano, ha  dichiarato al Financial Times: «È un altro incidente preoccupante dell’OMS – incaricato di salvaguardare la salute pubblica globale – che pone le sensibilità politiche di uno stato membro al di sopra degli interessi di salute pubblica del mondo».

 

Ad agosto, l’OMS aveva annunciato  che non avrebbe visitato l’Istituto di virologia di Wuhan durante le sue indagini sulle origini del coronavirus, nonostante i ripetuti richiami degli esperti che dovrebbero essere presi seriamente in considerazione.

 

«È un altro incidente preoccupante dell’OMS – incaricato di salvaguardare la salute pubblica globale – che pone le sensibilità politiche di uno stato membro al di sopra degli interessi di salute pubblica del mondo»

Il corpo sanitario ha quindi fatto un’inversione di rotta e ha  detto che dopo tutto avrebbe effettivamente visitato il laboratorio , dopo che ne è seguita una reazione.

 

Tuttavia, l’indagine ancora  non è stata avviata , a quasi un anno dall’inizio dell’epidemia.

 

L’OMS ha notoriamente ripetuto le affermazioni cinesi secondo cui il coronavirus non veniva trasmesso tra esseri umani fino a metà gennaio dello scorso anno, poiché la pandemia si diffondeva in tutto il mondo.

 

L’OMS ha notoriamente ripetuto le affermazioni cinesi secondo cui il coronavirus non veniva trasmesso tra esseri umani fino a metà gennaio dello scorso anno, poiché la pandemia si diffondeva in tutto il mondo.

L’organismo sanitario ha invertito la sua retorica solo quando i funzionari sono riusciti a entrare in Cina e gli operatori sanitari hanno detto che il virus si stava diffondendo rapidamente.

 

L’OMS ha praticamente ripetuto a pappagallo le affermazioni della Cina, almeno  fino a quando non è stata in grado di inviare una squadra a Wuhan il 20 gennaio, dopodiché un operatore sanitario ha  immediatamente detto all’organizzazione  che il virus era contagioso per gli esseri umani. Anche allora, l’OMS non ha dichiarato una pandemia  fino al 12 marzo .

 

L’OMS aveva bloccato i medici dall’esortare i paesi a imporre controlli alle frontiere per fermare la diffusione del coronavirus e ha ripetutamente detto ai paesi di non chiudere i confini, nonostante questo sia un modo efficace per controllare la diffusione del virus.

 

La Cina ha mentito sull’entità dell’epidemia nel paese, tentando di nascondere ogni dettaglio e persino di trarre profitto dalla limitazione delle esportazioni di dispositivi di protezione individuale.

La Cina ha mentito sull’entità dell’epidemia nel paese, tentando di nascondere ogni dettaglio e persino di trarre profitto dalla limitazione delle esportazioni di dispositivi di protezione individuale.

 

Ora, l’OCSE ha rivelato che la Cina è destinata a godere di una ripresa economica post-COVID che supera ogni altro grande paese, la maggior parte dei quali vedrà cali debilitanti del proprio PIL.

 

Come emerso in settimana , i massimi funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti credono ancora che la teoria più credibile sull’origine del COVID-19 sia che sia fuggito dal laboratorio di Wuhan, con un informatore dell’istituto di Wuhan che ha recentemente fornito ulteriori informazioni al team statunitense.

 

Il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era del 96,2% uguale a COVID-19 per quasi un decennio

In precedenza era emerso che il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era del 96,2% uguale a COVID-19 per quasi un decennio. Ciò ha spinto a speculare sull’origine del virus. Diversi  importanti ricercatori  e scienziati  hanno anche notato  che il laboratorio deve essere studiato dato questo fatto.

 

Inoltre,  rapporti precedenti  hanno suggerito che l’Istituto abbia preso una spedizione di alcuni degli agenti patogeni più mortali del mondo poche settimane prima dello scoppio del coronavirus. È anche noto che il laboratorio stava manomettendo agenti patogeni naturali e li stava mutando per diventare più contagiosi.

 

Le figure dell’intelligence di  tutto il mondo  hanno anche  chiesto che il laboratorio di Wuhan venga indagato .

Virologi cinesi sono recentemente  fuggiti da Hong Kong  e hanno effettivamente  chiesto asilo in Occidente, con prove contro il Partito Comunista Cinese riguardo al suo ruolo nella pandemia COVID-19.

 

Alcuni virologi cinesi sono recentemente  fuggiti da Hong Kong  e hanno effettivamente  chiesto asilo in Occidente, con prove contro il Partito Comunista Cinese riguardo al suo ruolo nella pandemia COVID-19.

 

Il direttore del laboratorio di Wuhan si è  lamentato del fatto che gli scienziati della struttura siano diventati capri espiatori sulla scia della pandemia di coronavirus e che il laboratorio sia stato ingiustamente reso al centro di pericolose «teorie del complotto».