Putin prepara il «passaporto immunitario». L’ascesa della «geopolitica della vaccinazione»

 

 

 

 

Mentre proseguono le vaccinazioni con il farmaco inventato all’Istituto Gamaleya – il cosiddetto vaccino Sputnik – il presidente della Federazione Russa ha negli scorsi giorni parlato della possibilità di distribuire «passaporti dell’immunità», un’idea che ha preso piede in tutto il mondo dagli albori della pandemia.

 

Secondo un articolo di Russia Today, il governo russo sta valutando lo sviluppo e la distribuzione di documenti per verificare se le persone sono state vaccinate. La Cina ha già una tecnologia testata su strada che trasmette lo stato COVID delle persone tramite app per smartphone. È ampiamente prevedibile che Pechino imporrà qualche versione di passaporti immunità, se non l’hanno già fatto.

 

Il governo russo sta valutando lo sviluppo e la distribuzione di documenti per verificare se le persone sono state vaccinate

Come ricorda RT, e come riportato a suo tempo da Renovatio 21, la IATA è già in pista:

 

«L’International Air Transport Association, che rappresenta 290 compagnie aeree in tutto il mondo, ha sostenuto l’idea dei passaporti vaccinali e sta sviluppando un proprio sistema digitale per monitorare chi è stato immunizzato contro il virus. È possibile che i passeggeri presentino documenti equivalenti prima di poter salire a bordo di aerei in futuro».

 

«Le vaccinazioni con il vaccino Sputnik V di fabbricazione russa, il primo ad essere registrato per la prevenzione del COVID-19 in qualsiasi parte del mondo, sono state effettuate in numero crescente nella capitale e in tutto il paese. Più di 70 centri a Mosca stanno ora offrendo jab e almeno 800.000 persone hanno ricevuto la loro prima dose».

 

È piuttosto probabile (se non certo) che una volta introdotti, le persone potrebbero presto scoprire che i «passaporti dell’immunità» diventeranno un aspetto permanente della loro vita: anche dopo la fine della pandemia COVID-19, potrebbero essere utilizzati per offrire prove che un viaggiatore è stato vaccinato, non solo per COVID -19, ma per qualsiasi altra malattia, o forse anche per le famose forme mutate di COVID-19

È piuttosto probabile (se non certo) che una volta introdotti, le persone potrebbero presto scoprire che i «passaporti dell’immunità» diventeranno un aspetto permanente della loro vita: anche dopo la fine della pandemia COVID-19, potrebbero essere utilizzati per offrire prove che un viaggiatore è stato vaccinato, non solo per COVID -19, ma per qualsiasi altra malattia, o forse anche per le famose forme mutate di COVID-19.

 

Fondamentalmente, come ha notato Zerohedge, se vivremo in un mondo in cui i vaccini sono obbligatori per i viaggi, chi può dire che ogni nazione sulla Terra riconoscerà la validità di ogni altro vaccino. I media mainstream fanno sembrare che il solo fare il vaccino comprovandolo con una scartoffia dovrebbe essere abbastanza facile. Ciò è altamente improbabile.

 

Sebbene con abbastanza tempo e denaro si possa probabilmente ottenere qualsiasi tipo di vaccino ovunque, per la stragrande maggioranza della popolazione si potrebbe creare una nuova cortina di ferro invisibile: i vaccini occidentali da un lato e quello russo (con altre possibili versioni anomale) dall’altro.

 

C’è una reale possibilità che nel 2021 assisteremo all’ascesa della geopolitica della vaccinazione.

 

C’è una reale possibilità che nel 2021 assisteremo all’ascesa della geopolitica della vaccinazione.

Come riportato da Renovatio 21, anche il vaccino Sputnik, come i principali omologhi americani, è stato ottenuto con l’uso di linee cellulari da feto abortito HEK293.