Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Chi è Tedros, il direttore generale dell’OMS?

Pubblicato

il

 

 

Chi è Tedros Adhanom, diretto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità?

 

All’apparenza sembra che il direttore generale dell’OMS abbia agito prontamente e seriamente all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del coronavirus in Cina. Ha incontrato i leader cinesi per discutere della situazione e il 30 gennaio, dopo il suo discorso a Pechino e le riunioni con il corpo consultivo, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato che il coronavirus è un’«Emergenza per la Salute Pubblica Mondiale» (PHEIC, Public Health Emergency of International Concern).

Esistono molte questioni ancora aperte sulla diffusione del nuovo Coronavirus (COVID-19)

 

Quello che l’OMS ha fatto, e in particolare le affermazioni del Direttore Generale, lasciano intendere che sia mosso motivazioni ben diverse dalla tutela della salute mondiale.

 

Esistono molte questioni ancora aperte sulla diffusione del nuovo Coronavirus (COVID-19), notato per la prima volta nel dicembre 2019 nella città di Wuhan, Cina centrale.

Oggi, i principali finanziatori dell’OMS sono la Fondazione Gates e la Gavi Alliance per i vaccini. Con le spalle coperte da personaggi del calibro di Gates e Clinton, non sorprende che Tedros sia riuscito, dopo una parentesi come Ministro degli Esteri etiope, ad ottenere la posizione di Direttore Generale dell’OMS, nonostante fosse il primo non medico a ricoprire tale ruolo

 

Intorno al 20 gennaio, gravi casi di disturbi respiratori si erano diffusi a tale velocità da costringere Pechino a prendere decisioni drastiche, tra cui la cancellazione della principale festività, il Capodanno Cinese, e imporre un cordone sanitario intorno a Wuhan, città che conta 11 milioni di abitanti, nel disperato tentativo di arginare qualunque cosa si stesse diffondendo. La quarantena è stata imposta dopo che almeno 5 milioni di residenti erano già in viaggio per far visita ad amici e parenti per la lunga vacanza.

 

Il 28 gennaio Tedros ha incontrato a Pechino il presidente Xi Jinping per discutere la situazione.

 

Il 30 gennaio Tedros ha dichiarato che la situazione del Coronavirus in Cina era da considerarsi una «Emergenza per la Salute Pubblica Mondiale» (PHEIC), ma è trascorsa un’intera settimana prima che fosse decretata la chiusura di Wuhan.

 

Un tale isolamento non si era mai verificato nella storia moderna.

 

Nel giorno in cui Wuhan è stata sigillata dalle autorità, Gauden Galea, rappresentante cinese dell’OMS, ha dichiarato a Reuters: «Il blocco di 11 milioni di persone non ha precedenti nella storia della salute pubblica, quindi per certo non si tratta di una raccomandazione dell’OMS».

«Il blocco di 11 milioni di persone non ha precedenti nella storia della salute pubblica, quindi per certo non si tratta di una raccomandazione dell’OMS»

 

Quando Tedros arrivò in Cina, il Direttore Generale aveva solo parole di encomio per le straordinarie misure adottate dal governo di Pechino per arginare i contagi.

 

Nel quartier generale dell’OMS a Ginevra, Tedros annunciò che la Cina aveva «stabilito un nuovo standard» nella gestione dell’epidemia. «Stanno facendo molto di più di quanto sia richiesto», affermò.

 

Tedros ha asserito che i paesi non possono vietare i viaggi aerei in Cina come precauzione

Poi, inspiegabilmente, ha asserito che i paesi non possono vietare i viaggi aerei in Cina come precauzione. Ha dichiarato: «Non è il momento di giudicare … è il momento della solidarietà, non della stigmatizzazione», rifiutando di appoggiare le limitazioni ai viaggi e ai commerci verso la Cina.

 

Cosa possa significare non è del tutto chiaro, ma stava chiaramente cercando di frenare la risposta mondiale in un momento critico. In qualità di principale autorità sanitaria internazionale, l’OMS influenza in modo considerevole le risposte dei paesi a simili minacce per la salute della popolazione. Questa considerazione rende degna di nota la condanna delle restrizioni dei viaggi aerei verso la Cina. Tutto questo solleva questioni sull’agenda nascosta dell’OMS.

L’OMS influenza in modo considerevole le risposte dei paesi a simili minacce per la salute della popolazione

 

Chi è Tedros dell’OMS

Tedros Adhanom Ghebreyesus venne eletto Direttore Generale dell’OMS nel 2017 al posto della controversa Dr.ssa Margaret Chan di Hong Kong.

 

È il primo africano a dirigere l’agenzia sanitaria e il primo a non essere un medico. Secondo Wikipedia, ha una laurea in biologia conseguita all’Università di Asmara, Eritrea. Dopo la laurea aveva servito in ruoli minori all’interno del Ministero della Sanità durante la dittatura marxista di Mengistu. Dopo la caduta del dittatore nel 1991, Tedros si trasferì nel Regno Unito dove conseguì la specializzazione in Salute delle Comunità all’Università di Nottingham nel 2000 con una dissertazione intitolata «Gli effetti delle dighe nella trasmissione della malaria nella regione del Tigray, Etiopia del nord».

 

Divenne poi Ministro della Salute dal 2005 al 2012 sotto il Primo Ministro Meles Zenawi. Ebbe l’occasione di incontrare l’ex presidente americano Bill Clinton e iniziò una stretta collaborazione con la Clinton Foundation e la Clinton HIV/AIDS Initiative (CHAI). Sviluppò anche una stretta relazione con la Fondazione Bill e Melinda Gates. In qualità di Ministro della Salute, Tedros presiedeva anche il Fondo Globale per la Lotta ad AIDS, Tubercolosi e Malaria, creato insieme alla Fondazione Gates. La storia del Fondo Globale è costellata da scandali di frode e corruzione.

Tedros bbe l’occasione di incontrare l’ex presidente americano Bill Clinton e iniziò una stretta collaborazione con la Clinton Foundation e la Clinton HIV/AIDS Initiative (CHAI). Sviluppò anche una stretta relazione con la Fondazione Bill e Melinda Gates

 

Oggi, i principali finanziatori dell’OMS sono la Fondazione Gates e la Gavi Alliance per i vaccini. Con le spalle coperte da personaggi del calibro di Gates e Clinton, non sorprende che Tedros sia riuscito, dopo una parentesi come Ministro degli Esteri etiope, ad ottenere la posizione di Direttore Generale dell’OMS, nonostante fosse il primo non medico a ricoprire tale ruolo.

 

Nei tre anni di campagna per ottenere il ruolo all’OMS, venne accusato di aver nascosto tre gravi epidemie di colera mentre era Ministro della Salute in Etiopia, minimizzando i casi come “dissenteria liquida acuta” (AWD) – sintomo del colera – nel tentativo di sminuire la portata dell’epidemia, accuse che ha respinto in toto.

 

In qualità di Ministro della Salute, Tedros presiedeva anche il Fondo Globale per la Lotta ad AIDS, Tubercolosi e Malaria, creato insieme alla Fondazione Gates

«Non stigmatizzare … »

Mentre i casi confermati o sospetti di Nuovo Coronavirus negli altri paesi sono aumentati nelle ultime settimane, diverse compagnie aeree hanno adottato precauzioni e temporaneamente cancellato voli da e per la Cina.

 

Tedros, dichiarando ufficialmente che il Nuovo Coronavirus uscito da Wuhan è una “Emergenza per la Salute Pubblica Mondiale” (PHEIC) – nel 2009 l’OMS l’aveva definita una pandemia globale di livello 6 – ha ripetutamente e aspramente criticato i paesi che limitavano o proibivano i viaggi verso la Cina.

 

Il 7 febbraio il China Peoples’ Daily riportava le affermazioni di Tedros, la sua disapprovazione dei divieti di viaggio in Cina, evidenziando che «tali restrizioni possono avere l’effetto di aumentare le paure e le stigmatizzazioni, senza avere effetti benefici sulla salute pubblica

 

La cosa più importante per contenere un’epidemia è riconoscere quanto prima la malattia.

 

Ethiopian Airlines

Ma c’è un paese che non ha cancellato i voli per la Cina: l’Etiopia di Tedros.

 

L’Ethiopian Airlines mantiene le tratte giornaliere provenienti dalle principali città cinesi. All’aeroporto di Addis Abeba ai passeggeri viene effettuato un superficiale controllo della temperatura, misura insufficiente per limitare la diffusione in Africa di un virus patogeno con un periodo di incubazione di 14 giorni. Mentre 59 vettori aerei hanno sospeso i voli per la Cina, l’Ethiopian Airlines insiste nel seguire le direttive dell’OMS e mantiene regolari i voli verso la Cina.

 

Mentre 59 vettori aerei hanno sospeso i voli per la Cina, l’Ethiopian Airlines insiste nel seguire le direttive dell’OMS e mantiene regolari i voli verso la Cina

L’ingresso principale per l’Africa è l’Etiopia. I cinesi hanno costruito un nuovo aeroporto ad Addis Abeba ed è il «collegamento» per i viaggiatori tra paesi africani come lo Zambia e la Cina. Il Bole International Airport in Etiopia conta almeno 1500 passeggeri al giorno provenienti dalla Cina. Si stima che i lavoratori cinesi che lavorano in Africa, tra Zambia e Nigeria, siano circa un milione, e l’Etiopia di Tedros è l’entrata principale.

 

Il problema è che l’Etiopia è un paese estremamente povero e, come la maggior parte del continente africano, non è preparato a gestire la diffusione del coronavirus.

I cinesi hanno costruito un nuovo aeroporto ad Addis Abeba ed è il «collegamento» per i viaggiatori tra paesi africani come lo Zambia e la Cina

 

Nonostante i cittadini abbiano protestato contro la prosecuzione dei rischiosi viaggi da e verso la Cina, il governo continua a usare le affermazioni dell’OMS e di Tedros per restare in affari.

 

Un segnale allarmante è che il primo caso confermato di cCoronavirus in Botswana è uno studente africano proveniente dalla Cina su in volo della Ethiopian Airlines.

 

Con 1500 passeggeri cinesi che transitano ogni giorno dall’aeroporto internazionale di Bole, il sistema sanitario dell’Etiopia non è in grado di adottare le dovute precauzioni. È uno dei paesi più poveri dell’Africa uscito da decenni di guerra civile. Il principale investitore è la Cina, che considera l’Etiopia come il fulcro africano della strategia di investimenti per la nuova Via della Seta.

 

Il principale investitore è la Cina, che considera l’Etiopia come il fulcro africano della strategia di investimenti per la nuova Via della Seta

È per non mettere a repentaglio le relazioni economiche che Tedros, come direttore dell’OMS, non fa pressione sulla compagnia di bandiera affinché adotti precauzioni a breve termine dichiarando la sospensione dei voli da e verso la Cina? Quando venne eletto all’OMS, Tedros era membro dell’ufficio politico del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray, che aveva governato l’Etiopia con il pugno di ferro dal 1991. Oggi è più preoccupato della salute finanziaria dell’Ethiopian Airlines e del futuro degli investimenti cinesi nel suo paese per i suoi alleati di partito che dei principi preventivi a tutela della salute pubblica durante una crisi internazionale che è fuori controllo?

 

Nei giorni scorsi, comunque, Tedros ha mostrato segni di preoccupazione, notando che l’OMS ha registrato «eventi preoccupanti» di diffusione del virus tra persone che non avevano viaggiato in Cina, asserendo che «potrebbe trattarsi della scintilla che scatena un incendio». Dobbiamo vedere da vicino se questo si tradurrà in un cambiamento delle politiche dell’OMS, non solo per i voli da e per la Cina dell’Ethiopian Airlines.

 

 

William Engdahl

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo , tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Balle sui tamponi? Quanti lavoratori sono senza green pass?

Pubblicato

il

Da

 

Si potrebbe avere l’idea che stiano prendendo in giro. Si potrebbe pensare che, sul serio, non abbiano nulla sotto controllo. 

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino.

 

Ma secondo i report del  Ministero della Salute pubblicati da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000.

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino. Da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000

Quindi – se la matematica non è un’opinione – oggi 15 ottobre, circa  3 milioni di lavoratori non vaccinati sono andati al lavoro senza green pass  o non sono andati: perché non si sono nemmeno tamponati.

 

Questo nella migliore delle ipotesi: assumendo cioè che in Italia da mercoledì 13 abbiano fatto tamponi solo i lavoratori. Altrimenti i numeri scendono ulteriormente.



Sappiamo inoltre dai giornali che il 23% dei lavoratori in più della norma oggi si è messo in malattia. Non è certo una sfortunata coincidenza, si potrebbe pensare.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.

Ricordatevelo quando al TG – inevitabilmente – vi diranno che fila tutto liscio.

 

Vi stanno prendendo in giro.

 

Si contraddicono con gli stessi numeri che pubblicano sulle prime pagine.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.





Continua a leggere

Epidemie

COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Fauci

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il 23 settembre 2021 The Intercept ha pubblicato una richiesta di sovvenzione, presentata nel 2018 da EcoHealth Alliance alla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) (1), ove si legge che l’intento della società è creare in laboratorio un virus artificiale partendo dai coronavirus dei pipistrelli. (2)

 

L’ex consigliere economico del presidente Donald Trump, Peter Navarro, ha peraltro rivelato che EcoHealth Alliance è servita al dottor Anthony Fauci per dirottare denaro pubblico sul finanziamento di ricerche da svolgere nel laboratorio P4 di Wuhan perché illegali negli Stati Uniti.

 

Il direttore di EcoHealth Alliance, Peter Daszak, è il principale promotore della petizione, pubblicata da The Lancet (3), a sostegno del personale sanitario di Wuhan, ingiustamente accusato di essere responsabile dell’epidemia di COVID-19. Daszak è stato altresì membro della missione d’indagine dell’OMS a Wuhan.

 

Il 4 settembre 2021 Alex Jones (InfoWars) ha divulgato due estratti del video, diffuso a ottobre 2019 dalla rete pubblica statunitense CSPAN, di una tavola rotonda sulla creazione di un vaccino universale contro l’influenza (4).

 

Gli esperti vi discutono la necessità:

 

  • di modificare la procedura di autorizzazione dei vaccini contro l’influenza;
  • di cambiare modalità di produzione dei vaccini anti-inflluenzali, sostituendoli con sistemi a RNA messaggero


I partecipanti convengono sul fatto che l’industria farmaceutica non potrà fare il gran passo perché l’influenza non è malattia che faccia paura.

 

Durante la riunione il dottor Anthony Fauci dichiara, in sostanza, che per fare avanzare l’industria farmaceutica e l’umanità occorrerebbe uno choc, un’epidemia influenzale molto più mortale.

 

Anthony Fauci è dal 1984 direttore dell’Istituto Nazionale statunitense per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases). È stato collaboratore del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, di cui nel 2004 ha appoggiato il progetto d’isolamento di persone sane.

 

È altresì membro di Alba Rossa (5), il gruppo che nel 2020, durante l’epidemia COVID, si è speso per l’applicazione del piano d’isolamento Rumsfeld.

 

È stato chiamato dal presidente Trump a dirigere la cellula di crisi COVID-19. Il presidente Joe Biden l’ha confermato nell’incarico.

 

 

NOTE

1) «Leaked Grant Proposal Details High-Risk Coronavirus Research», Sharon Lerner & Maia Hibbett, The Intercept, 23 settembre 2021.

5) «Il COVID-19 e l’Alba Rossa», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 28 aprile 2020.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Anthony Fauci», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Più popolari