Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

In Australia stanno costruendo campi di quarantena per i non vaccinati

Pubblicato

il

 

 

 

Nonostante alcuni stati inizino provvisoriamente a revocare le restrizioni di blocco, le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantena c per prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione».

 

Secondo ABC Australia, una di queste strutture di quarantena da 1.000 posti letto all’aeroporto di Wellcamp, fuori Toowoomba, sarà completamente completata entro la fine di marzo 2022.

 

Le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantenaper prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione»

«In questa fase, le cabine saranno utilizzate dai viaggiatori nazionali di ritorno dagli hotspot COVID», afferma il rapporto.

 

I campi sono suddivisi in diverse zone e ospitano camere singole, doppie e familiari e saranno pattugliati dalla polizia e dalle guardie di sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

I campi non saranno pronti, secondo quanto riportato, fino al prossimo anno.

 

 

Parlando ancora di nuovi ceppi di COVID e persone «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione», il vice premier del Queensland, Steven Miles, ha dichiarato ai media: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena».

 

Il vice premier del Queensland, Steven Miles: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena»

Il governo sta affittando il terreno su cui è in costruzione il campo dalla Wagner Corporation per 12 mesi con un’opzione per altri 12.

 

 

Un’altra struttura di quarantena da 1.000 posti letto è in costruzione anche su una caserma dell’esercito di 30 ettari nella zona industriale di Pinkenba, vicino all’aeroporto di Brisbane.

 

Per quanto riguarda leggi e restrizioni anti COVID, l’Australia – come sa il lettore di Renovatio 21 – ha il primato di essere il paese più repressivo al mondo.  Strutture di quarantena, di fatto, già esistono in alcuni Stati del Paese

 

Tuttavia, gli antipodi non stanno agendo in solitaria. Pure le autorità statali in America (per esempio, lo Stato di Washington) stanno costruendo nuove «strutture di quarantena» per gli americani che «non sono in grado di mettersi in quarantena a casa propria».

 

Già dallo scorso anno le autorità di Quebec City, in Canada, hanno annunciato che isoleranno i cittadini «non collaborativi» in strutture apposite per il coronavirus, la cui location rimane un segreto.

 

La Nuova Zelanda ha anche annunciato l’intenzione di mettere i contagiati COVID e i loro familiari in «strutture di quarantena».

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

A gennaio, le autorità tedesche hanno anche annunciato che avrebbero trattenuto i dissidenti COVID che ripetutamente non rispettano correttamente le regole in quello che è stato descritto come un «campo di detenzione» situato a Dresda.

 

In Italia la situazione è sotto gli occhi di tutti, con l’obbligo unico al mondo di esibire l’infame lasciapassare persino per recarsi al lavoro – cosa che non accadeva né nel Sudafrica dell’Apartheid, né in Unione Sovietica. 

 

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Torna il lavaggio del cervello?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Immaginate questo scenario: l’esercito americano cattura un soldato fanatico dello Stato Islamico che è stato responsabile della morte di diversi americani. Quello che viene dopo? Giustiziarlo immediatamente? Illegale. Imprigionarlo finché non sarà più pericoloso? Potrebbe essere lì per il resto della sua vita. Disarmarlo e liberarlo? Troppo pericoloso: ucciderà di nuovo.

 

Un bioeticista dell’Università del Massachusetts Lowell, Blake Hereth, suggerisce un’altra opzione sulla rivista Neuroethics: il forcement moral neuroenhancement (MANE) [neuropotenziamento morale forzato, ndr]. Hereth sostiene che questo è del tutto legittimo per «i prigionieri di guerra (POW) che combattono ingiustamente».

 

Se sia anche possibile costringere le persone ad agire virtuosamente armeggiando con il cervello con impianti o sostanze chimiche è altamente speculativo. Ma supponiamo che lo sia. Hereth sostiene che potrebbe essere moralmente obbligatorio perché impedirebbe al terrorista di essere ucciso e gli impedirebbe di uccidere altri.

 

Naturalmente, questo sembra violare un punto chiave delle Convenzioni di Ginevra:

 

«Messun prigioniero di guerra può essere sottoposto a mutilazione fisica o a esperimenti medici o scientifici di qualsiasi tipo che non siano giustificati dalle cure mediche, dentistiche o ospedaliere del prigioniero in questione e svolte nel suo interesse».

 

Ma Hereth risponde che il MANE è nel suo interesse: diventerà un essere umano migliore. Diventerà un «combattente giusto» o un «civile innocuo».

 

«Il fatto sfortunato è che gli stati perseguiranno guerre indipendentemente dalla loro incapacità di sapere se quelle guerre sono giuste. Quando lo fanno, migliorare moralmente i combattenti nemici è meno male che ucciderli».

 

E se l’altra parte, i cattivi, tentassero di usare MANE per «convertire» i soldati dalla nostra parte, i buoni?

 

Hereth ha una soluzione a questo: un «Impianto di Direttiva Anticipata» che ucciderebbe il bravo ragazzo quando i suoi superiori scoprissero che è stato catturato.

 

Per Hereth, l’uso del neuro potenziamento morale in guerra è un banco di prova. Se funziona, le tecniche e la teoria potrebbero essere utilizzate in altre situazioni.

 

Questa proposta solleva una serie di questioni etiche. Una ovvia è: chi determina se una causa è giusta o ingiusta? I nazisti e l’ISIS credevano che la loro causa fosse così evidentemente giusta da permettere loro di violare i diritti umani.

 

E poi, è etico costringere le persone ad adottare un codice morale diverso? Durante l’era della Guerra Fredda, avevano un altro nome per questo.

 

Il neuropotenziamento morale è solo una forma rinominata di lavaggio del cervello?

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Green pass e nuove piattaforme comportamentali: comunicato CIEB

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

 

Nei suoi più recenti Pareri il CIEB ha messo in guardia dai rischi collegati e conseguenti all’accettazione acritica dell’approccio neo-paternalistico fatto proprio dal governo con la «spinta gentile» alla vaccinazione anti-COVID e con la pretesa valenza premiale del green pass.

 

Alla luce delle notizie che annunciano l’avvio in alcune città italiane di «progetti per la sperimentazione di sistemi legati al concetto di “comunità intelligente” promosso da AgID» (l’Agenzia per l’Italia digitale creata nel 2012 dal Governo tecnico allora in carica), il CIEB ritiene necessario richiamare ancora una volta l’attenzione sui rischi relativi all’instaurazione in Italia del modello di credito sociale fondato sulla digitalizzazione di ogni aspetto della vita quotidiana, da una parte, e sull’applicazione dei principi dell’economia comportamentale, dall’altra.

 

In questa prospettiva, un esempio è fornito dal sistema premiale avviato da Roma Capitale (la piattaforma «Citizen Wallet»), il cui scopo è indurre residenti e turisti ad assumere comportamenti definiti virtuosi sul piano ambientale allo scopo di ottenere punti convertibili in beni e/o servizi offerti dall’amministrazione comunale e dai suoi partners: i punti saranno accreditati a partire dalle 72 ore successive alla messa in atto dei comportamenti virtuosi, mentre il «borsellino elettronico» così creato sarà accessibile dalla «Casa Digitale del Cittadino – My Rhome» tramite le credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), della Carta d’Identità Elettronica (CIE) o della Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

 

Muovendosi nel solco tracciato da documenti programmatici che riscuotono consensi politici trasversali e che sono presentati all’opinione pubblica internazionale quali paradigmi di efficienza tali da far apparire superflua o pedante ogni analisi critica (come nel caso dell’Agenda 2030 dell’ONU sullo sviluppo sostenibile), i sostenitori dei sistemi premiali si avvalgono dei principi dell’economia comportamentale.

 

Quest’ultima utilizza metodi e criteri propri alla psicologia e alla sociologia per elaborare nuovi modelli economici, in base ai quali gli individui non sono più considerati decisori razionali: influenzati dal contesto di riferimento e dal modo in cui le informazioni vengono offerte, essi finiscono per compiere scelte irrazionali, che a loro volta conducono a conseguenze indesiderabili per il mercato e a possibili situazioni di crisi degli assetti sociali.

 

Per evitare ciò, i sostenitori dell’economia comportamentale – promuovendo il cosiddetto «paternalismo libertario» – invocano e legittimano l’intervento delle autorità regolatorie, pubbliche e private, affinché determinate scelte vengano presentate agli individui come necessarie per conseguire comportamenti virtuosi e socialmente utili.

 

È evidente che, al di là delle finalità dichiarate, l’applicazione dei principi dell’economia comportamentale può condurre alla limitazione e alla soppressione di diritti e libertà fondamentali in nome di pretese esigenze generali, emergenze o situazioni di crisi: quindi al soggiogamento dell’individuo.

 

Ciò è quanto è accaduto durante la cosiddetta emergenza sanitaria, che ha giustificato dapprima la «spinta gentile» alla vaccinazione, in seguito l’introduzione di un vero e proprio obbligo vaccinale e infine il monitoraggio dell’adempimento di detto obbligo mediante il possesso e l’esibizione di un certificato digitale (il green pass) che attesterebbe l’asserito comportamento virtuoso: certificato che, caso unico al mondo, ancora oggi condiziona in Italia – nel momento in cui gli stessi produttori dei cosiddetti vaccini anti-COVID ammettono le incertezze relative alla loro efficacia e sicurezza (1) – la titolarità e l’esercizio del diritto all’istruzione, all’assistenza sanitaria, alla libera circolazione, al lavoro, alla ricreazione.

 

Ciò è quanto sta accadendo nel campo della tutela dell’ambiente, dell’approvvigionamento energetico, del mantenimento della sicurezza internazionale, dell’ottimizzazione dei modelli urbani.

 

Sulla scorta di queste considerazioni, il CIEB rileva che l’adozione e il mantenimento del Green Pass fondato sull’obbligo vaccinale, come anche l’introduzione di altri sistemi premiali analoghi al Citizen Wallet, costituiscono l’obiettivo di politiche normative giustificate da pretese esigenze generali, emergenze o situazioni di crisi e in grado di instaurare una società digitale della sorveglianza, della discriminazione e della repressione, surrettiziamente proposta dal Governo quale modello sociale virtuoso.

 

Tutto ciò premesso, il CIEB:

 

1) Invita i cittadini a riflettere e a confrontarsi in merito all’opportunità che le autorità pubbliche applichino i principi dell’economia comportamentale con il rischio di instaurare un sistema di credito sociale che potrebbe produrre effetti discriminatori nella fruizione di beni e/o servizi pubblici essenziali;

 

2) Richiama l’attenzione dei cittadini contro il rischio di soggiogamento intellettuale e culturale derivante dall’impiego sempre più pervasivo della tecnologia digitale a fini di propaganda, creazione del consenso e manipolazione dell’opinione pubblica;

 

3) Mette in guardia i cittadini contro la tendenza a scoraggiare l’analisi critica della gestione del COVID in nome di altre emergenze che riproducono il medesimo cliché comunicativo secondo un approccio evidentemente pianificato e politicamente trasversale, come conferma la presentazione del disegno di legge di riforma costituzionale intitolato «Modifica all’art. 78 della Costituzione e altre disposizioni in materia di dichiarazione e disciplina dello stato di emergenza nazionale»; (2)

 

4) Auspica che la parte vigile del Paese si attivi al più presto per delegittimare l’azione del Governo e per non subire passivamente la crisi politica prospettata per il prossimo autunno quale probabile conseguenza della maturazione del vitalizio parlamentare.

 

 

CIEB

 

30 aprile 2022

 

La versione originale del Parere è pubblicata sul sito www.ecsel.org/cieb

 

 

NOTE

 

1 ) Cfr. https://investors.biontech.de/node/11931/html, dove si afferma espressamente: «We may not be able to demonstrate sufficient efficacy or safety of our COVID-19 vaccine to obtain permanent regulatory approval in jurisdictions where it has been authorized for emergency use or granted conditional marketing approval» (pag. 12).

 

2 ) Cfr. http://documenti.camera.it/leg18/pdl/pdf/leg.18.pdl.camera.3444.18PDL0171770.pdf.

 

 

 

 

 

Immagine di siulzz via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Macron lancia l’ID digitale: credito sociale in arrivo anche in Francia

Pubblicato

il

Da

A nemmeno una settimana dalla rielezione del presidente francese Emmanuel Macron,  Macron ha firmato un decreto per il «Servizio di Identità Digitale Garantita» (SGIN).

 

La spinta per il decreto dell’ID digitale è arrivata  il 26 aprile, a meno di 48 ore dalla vittoria elettorale su Marine Le Pen. Nel momento in cui il giovane presidente è stato oggetto di un lancio di pomodori pochi giorni fa, il decreto per il controllo digitale della popolazione era già imbastito.

 

SGIN è un progetto del governo francese per creare un’app mobile che consentirà ai cittadini francesi di accedere digitalmente alla propria carta d’identità.

 

Il progetto mira a rendere la Francia “conforme” al pacchetto di Identità Digitale Europea della Commissione Europea.

 

Sebbene il testo del decreto specifichi che l’uso dell’ID digitale «è completamente lasciato alla libera scelta degli utenti», alcuni politici lo vedono come uno strumento per inaugurare un sistema di credito sociale simile a quello cinese in Francia. «Subito dopo le elezioni, il governo ha annunciato il lancio di una ‘app di identificazione digitale’! L’obiettivo: introdurre un sistema di credito sociale di tipo cinese. Una società di controllo e sorveglianza» ha scritto su Twitter Floria Philippot del partito nazionalista Les Patriotes.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’avvento di sistemi di identificazione digitale dei cittadini sta avvenendo ad ogni latitudine. Il fine è, senza dubbio alcuno, la creazione di un Control Grid, una griglia di controllo sulla totalità della vita delle persone.

 

In Italia è stato lanciato a Bologna con lo «Smart Citizen Wallet» che premia i cittadini virtuosi tracciandone e computandone determinate azioni. Lo stesso sistema è partito sperimentalmente anche a Roma.

 

Abbiamo visto come la tendenza sia cavalcata anche in Canada dall’associazione delle banche in combutta con il governo di Ottawa. Come abbiamo visto, nel video di illustrazione del progetto di implementazione dell’ID digitale il World Economic Forum di Davos è citato apertamente.

 

Abbiamo poi l’esempio più succoso, quello dell’Ucraina, che poco prima della guerra aveva lanciato, con tanto di evento à la Steve Jobs condotto da Zelens’kyj, una app in grado di gestire l’identità del cittadino in rete e per i servizi erogati dallo Stato. Inoltre l’applicazione – chiamata Diia – consentiva di ricevere danaro, ad esempio un premio da 30 euro per la vaccinazione COVID.

 

Controllo economico, politico, biologico: le app sono solo l’inizio. Sappiamo tutti cosa viene dopo.

 

E nemmeno quello sarà la fine.

Continua a leggere

Più popolari