Connettiti con Renovato 21

Militaria

Il Pentagono nomina Michael Bloomberg nel comitato per l’Innovazione

Pubblicato

il

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha annunciato ieri che il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha scelto l’ambientalista miliardario Michael Bloomberg per presiedere il Defense Innovation Board, il consiglio per l’innovazione della difesa.

 

Kirby ha affermato che Austin avrebbe nominato Bloomberg per «sfruttare la sua esperienza e le sue intuizioni strategiche su innovazione, affari e servizio pubblico».

 

Kirby ha aggiunto che Bloomberg porterà «una vasta esperienza nell’innovazione tecnologica, negli affari e nel governo al Defense Innovation Board».

 

«La sua leadership sarà fondamentale per garantire che il dipartimento abbia accesso alle menti migliori e più brillanti nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione attraverso il team di diversi esperti che guiderà come presidente di quel consiglio», ha affermato Kirby.

 

«Ovviamente il segretario è molto grato che il signor Bloomberg sia stato disposto ad assumersi questa responsabilità aggiuntiva e molto grato di essere disposto a servire in tale veste», ha continuato.

 

La testata The Hill riferisce che il Defense Innovation Board è un comitato consultivo istituito nel 2016 per fornire al dipartimento raccomandazioni sulle tecnologie emergenti e approcci innovativi allo sviluppo.

 

In altre parole, è stato creato come parte della terza strategia di compensazione dell’allora vice segretario alla Difesa Robert Work per «sfruttare» la Silicon Valley al fine di rendere l’esercito statunitense tecnologicamente superiore ai concorrenti geopolitici

 

«L’innovazione e l’adattabilità sono assolutamente fondamentali in qualsiasi grande organizzazione e non esiste un’organizzazione più grande o più complessa del Dipartimento della Difesa», ha affermato Bloomberg in una nota.

 

«Sono onorato di lavorare con il segretario Austin, il vicesegretario Hicks, altri alti dirigenti del Dipartimento della Difesa e innovatori del governo e delle imprese per aiutare a portare nuove idee e prospettive esterne che possono aiutare a proteggere gli americani e i nostri valori, interessi e alleati Intorno al mondo».

 

Si tratta di una scelta certamente controversa.

 

Prima di essere sindaco di Nuova York nel dopo-Giuliani, Bloomberg era conosciuto come miliardario della finanza, con un patrimonio stimato attorno ai 70 miliardi di dollari, cifra che fa di lui uno degli uomini più ricchi al mondo. Ebbe l’intuizione di creare un sistema-terminale per gli operatori di Borsa, che ancora oggi è lo standard globale. Il successo strepitoso dei suoi prodotti informatico-finanziari lo ha portato poi a creare una testata economica di grande influenza, l’omonima Bloomberg.

 

Bloomberg, afferente al Partito Repubblicano durante elezione e mandato a Nuova York, è tornato al Partito Democratico nel 2020 per correre alle primarie con l’intento di vincerle per poi battere Donald Trump. Investì nella corsa 676 milioni di dollari, adottando tattiche talvolta grottesche. Tuttavia, la sua candidatura non andò da nessuna parte, e il supermiliardario si risolse ad appoggiare Joe Biden.

 

I lettori di Renovatio 21 lo conoscono perché fu segnalato due anni fa come il candidato più anti-vita di tutte le primarie democratiche 2020. Quando si candidò la prima volta a sindaco di New York nel 2001, promise di obbligare tutti a seguire corso di ginecologia e ostetricia negli ospedali cittadini per essere in grado di effettuare un aborto. Nel 2012, i ricavi di sue manovre sulle obbligazioni vennero utilizzati per rinnovare i 10 chilometri quadrati dell’edificio che ospitava il colosso abortista Planned Parenthood, inclusi arredamento e attrezzature.

 

Non sono mancati i suoi attacchi alla religione cattolica: nel 2007, quando un hotel volle esporre nella vetrata all’ingresso una statua di cioccolato alta un metro e ottanta raffigurante Gesù Cristo, anatomicamente perfetta, durante la Settimana Santa, Bloomberg si limitò ad affermare che la statua doveva semplicemente essere ignorata. Nel 2005 dichiarò di voler marciare durante la tradizionale parata neoeboracena del giorno di San Patrizio, in modo da fare pressione sugli organizzatori per autorizzare gli omosessuali a marciare insieme a loro. Quando il proprietario dell’Empire State Building rifiutò di illuminare l’edificio in blu e bianco per commemorare il centenario della nascita di Madre Teresa di Calcutta nel 2010, Bloomberg non disse nulla. Nel 2011, vietò ogni addobbo natalizio al terminal dei traghetti di Staten Island.

 

Durante le celebrazioni per il decimo anniversario dell’11 settembre, il sindaco Bloomberg vietò la partecipazione a tutti gli uomini di chiesa, di qualsiasi religione; non permise a nessun prete, pastore, rabbino, imam di tenere un discorso.

 

Bloomberg non è il solo magnate finito a discettare di tecnologia al Pentagono. Egli è in compagnia dell’ex CEO Google Eric Schmidt, 55a persona più ricca del pianeta (secondo il Bloomberg Index), che da diversi anni ha lasciato la Silicon Valley per i piani altissimi dell’Esercito USA. Dal 2019 al 2021, Schmidt ha presieduto la Commissione per la sicurezza nazionale sull’Intelligenza Artificiale. In questi giorni è in uscita un libro scritto da Schmidt con il 99enne Henry Kissinger.

 

L’innovazione dell’esercito americano passa materialmente attraverso la DARPA, che da decenni costituisce il ramo ricerca e sviluppo del Pentagono.

 

La DARPA produce ogni sorta di tecnologia avveniristica – Internet (un tempo chiamata ARPANET) e il GPS sono invenzioni DARPA poi civilizzate. Alcune sue ricerche sono davvero di avanguardia (antigravità, soldati che non invecchiano, insetti militarizzati, agenti di mutazione genetica spruzzati nell’ambiente), altre si sono dimostrate molto più concrete. Ora, ad esempio, DARPA sta alacremente lavorando a sistemi di interfaccia cervello umano – chip.

 

Di recente è emerso come la tecnologia mRNA usata nei vaccini COVID abbia radici nelle ricerche DARPA. Parimenti, sempre lo stesso ente scientifico militare sta progettando un microchip-vaccino anti COVID.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’esercito USA starebbe ora lavorando ad un vaccino universale contro il COVID.

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Donbass, la Casa Bianca dice che l’Ucraina sta per perdere la città di Avdeeka

Pubblicato

il

Da

Le forze russe si stanno preparando a catturare la roccaforte di Avdeevka nel Donbass dopo combattimenti «particolarmente intensi». Lo ha dichiarato ai giornalisti il ​​portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, l’ammiraglio John Kirby.

 

La battaglia attorno ad Avdeevka è «particolarmente intensa», ha detto il Kirby in una conferenza stampa. «Riceviamo rapporti dagli ucraini secondo cui la situazione è critica, i russi continuano a premere sulle posizioni ucraine ogni giorno (…) Avdeevka rischia di cadere sotto il controllo russo».

 

Situata a soli 10 chilometri a nord di Donetsk, Avdeevka è stata utilizzata dall’esercito ucraino come base di lancio per gli attacchi alla città dal 2014, molti dei quali hanno preso di mira i civili. Le forze ucraine hanno costruito profondi bunker ad Avdeevka, e i blogger militari russi hanno paragonato la città a una «fortezza».

 

Sostieni Renovatio 21


Non è chiaro quante truppe Kiev abbia perso nel tentativo di mantenere il controllo di Avdeevka.

 

Kirby ha collegato l’imminente caduta della città alla carenza di munizioni, un problema ben documentato dai media occidentali negli ultimi mesi. Il portavoce della Casa Bianca ha invitato il Congresso ad approvare un disegno di legge che darebbe all’Ucraina un’infusione di 60 miliardi di dollari in aiuti militari, affermando che ciò «fornirebbe all’Ucraina i proiettili di artiglieria di cui ha un disperato bisogno per fermare questi assalti russi».

 

Anche se il Senato degli Stati Uniti ha approvato il disegno di legge all’inizio di questa settimana, esso rimane un fallimento alla Camera dei Rappresentanti, dove la sottile maggioranza repubblicana ha chiesto che includesse un maggiore inasprimento della legge statunitense sull’immigrazione e «reali disposizioni sulla sicurezza delle frontiere», secondo l’House Speaker Mike Johnson.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Militaria

I socialisti tedeschi vogliono la rimilitarizzazione della Germania e la bomba atomica per l’UE

Pubblicato

il

Da

L’imminente evento del Consiglio di Sicurezza di Monaco avrà all’ordine del giorno molte proposte che richiedono importanti cambiamenti nella posizione della NATO, compreso un ripensamento approfondito della Germania.   Dopo l’annuncio alla fine della settimana scorsa da parte del presidente della commissione per le relazioni estere del Bundestag, Michael Roth (SPD), secondo cui la Germania dovrà spendere molto più dei 100 miliardi di euro aggiuntivi previsti per potenziare la propria difesa, il politico della difesa della CDU Roderich Kiesewetter ha dimostrato si è detto aperto ad un aumento significativo del fondo speciale di 100 miliardi di euro per la Bundeswehr.   «Non escluderei un aumento del fondo speciale per la Bundeswehr», ha detto al quotidiano Süddeutsche Zeitung. «È abbastanza chiaro che abbiamo bisogno di 300 miliardi anziché di 100 miliardi per rendere la Bundeswehr adatta alla guerra».

Sostieni Renovatio 21

Sono arrivate quindi le incredibili dichiarazioni della candidata principale dell’SPD alle elezioni europee, Katarina Barley, la quale dice di dubitare – addirittura – che l’Europa possa concentrarsi solo sulle armi convenzionali. Barley ha dichiarato al quotidiano Tagesspiegel, quando gli è stato chiesto se l’UE abbia bisogno di proprie bombe nucleari: «nel cammino verso un esercito europeo, anche questo potrebbe diventare un problema».   Per la socialista tedesca infatti gli alleati degli Stati Uniti in Europa non dovrebbero continuare a fare affidamento su Washington per un deterrente nucleare, ha detto martedì.   Alla Barley, la principale eurodeputata del Partito socialdemocratico (SPD) del cancelliere Olaf Scholz, era è stato chiesto di commentare le recenti osservazioni del candidato alla presidenza degli Stati Uniti Donald Trump secondo cui Washington non dovrebbe difendere gli alleati della NATO che non riescono a raggiungere i loro obiettivi di pagamento.   «Alla luce delle recenti dichiarazioni di Donald Trump non possiamo più fare affidamento» sul fatto che gli Stati Uniti forniscano il proprio ombrello nucleare ai membri europei della NATO, ha dichiarato Barley al Tagesspiegel. Una «bomba europea» potrebbe diventare un passo avanti verso un «esercito europeo», ha aggiunto, di fatto aprendo l’inimmaginabile escalation atomica anche sul tranquillo suolo del vecchio continente.   Se gli Stati Uniti smetteranno di fornire armi all’Ucraina, l’UE «dovrà assumersi questa responsabilità» perché «dobbiamo prendere sul serio le minacce di Putin e comportarci di conseguenza» ha continuato l’eurodeputata del SPD, accusando il presidente russo di «mettere pubblicamente in dubbio l’integrità territoriale di Polonia e Lituania».   Le incredibili dichiarazioni delle Barley sono state condannate da Martin Schirdewan, il principale candidato al Parlamento europeo del partito della sinistra tedesca Die Linke, il quale ha detto all’AFP come la risposta appropriata alle «sciocchezze» provenienti da Trump non sia la proliferazione nucleare, ma la de-escalation.     «Sarebbe più sensato avere un’UE impegnata in una politica di riconciliazione, disarmo e giustizia sociale oltre i confini», ha detto lo Schirdewan, accusando l’SPD di «tintinnio di sciabole».

Aiuta Renovatio 21

«Più bombe atomiche non renderanno il mondo più sicuro», ha aggiunto Schirdewan, sottolineando che l’attuale arsenale globale può distruggere il pianeta 50 volte. Invece di sognare armi nucleari, la SPD dovrebbe spingere la Germania a «firmare finalmente il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari», ha affermato il leader di Die Linke.   I commenti di Trump erano stati fatti durante un comizio elettorale, affrontando il fallimento di una dozzina di membri della NATO nello spendere la quota concordata del 2% del PIL per i propri eserciti.   Un osservatore statunitense ha chiesto di dotare la Polonia di armi nucleari per rendere «a prova di Trump» la politica di Washington in Europa. Varsavia deve ancora commentare ufficialmente l’idea.   Come riportato da Renovatio 21, l’ex ministro polacco Radoslaw Sikorski, marito della neocon Anne Applebaum, due anni fa aveva lanciato l’idea di dotare Kiev di armi atomiche. A luglio l’allora primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, appartenente ad un altro partito rispetto a Sikorski, aveva avanzato la richiesta che la Polonia sia inclusa nel programma di condivisione nucleare della NATO, in modo che le armi nucleari tattiche statunitensi siano stazionate in Polonia.   Come noto, il programma NATO consente il dispiegamento di bombe nucleari statunitensi sul territorio di altre nazioni NATO non nucleari. L’utilizzo di una simile strategia di condivisione transnazionale delle testate programmata ora dalla Russia con la Bielorussia, tuttavia, suscita le ire del Patto Atlantico, e le richieste allucinanti di Paesi come la Polonia, che sull’argomento in realtà insiste da tempo.   L’ex presidente russo Demetrio Medvedev ha avvertito l’Occidente che qualsiasi confronto diretto con la Russia finirebbe rapidamente per diventare nucleare, esortando i leader degli Stati Uniti e dell’UE ad essere onesti con i loro cittadini al riguardo invece di «trattarli come idioti senza cervello».   Lo stesso Medvedev l’anno passato aveva avvertito che nel caso l’Occidente fornisca armi atomiche all’Ucraina potrebbero scattare attacchi preventivi da parte dei russi.   Lo scorso autunno il viceministro della Difesa Marcin Ociepa ha dichiarato che la Polonia sarà in guerra con la Russia tra 3 o 10 anni massimo. Pochi mesi dopo Polonia ha emanato lo scorso mese un bizzarro comunicato congiunto con il Dipartimento di Stato USA per «la sconfitta strategica della Russia».   Come riportato da Renovatio 21, un recente studio dell’Istituto per lo studio degli armamenti SIPRI ha scoperto un cospicuo aumento degli arsenali nucleari nel mondo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Europea Parliament via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic
Continua a leggere

Militaria

Il sito Politico dice che il rimpiazzo del generale Zaluzhny è un «macellaio impopolare»

Pubblicato

il

Da

Il nuovo capo delle forze armate ucraine, il generale Aleksandr Syrsky, è profondamente impopolare tra gli uomini che comanda, con i ranghi dell’esercito ucraino che lo vedono come un «macellaio» disposto a sacrificare ondate di truppe. Lo ha scritto ieri il sito americano Politico.

 

Giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj ha nominato Syrsky nuovo capo delle forze armate, dopo aver licenziato dall’incarico il generale Valery Zaluzhny. Il passaggio era stato oggetto di voci nei media per diverse settimane, e Zelens’kyj in un’intervista della scorsa settimana aveva lasciato intendere che avrebbe fatto parte di un più ampio «reset» della leadership militare e civile del Paese.

 

Il Syrsky è una scelta controversa, meglio conosciuta per aver «guidato le forze in un tritacarne a Bakhmut, inviando ondate di truppe per affrontare il fuoco dell’opposizione», scrive Politico.

 

La fallita difesa di Bakhmut l’anno scorso è costata cara all’Ucraina e ha fatto guadagnare a Syrsky il soprannome di «macellaio», ha detto a Politico una fonte anonima all’interno dell’esercito ucraino.

Sostieni Renovatio 21

Una fonte con il grado di capitano ha definito la nomina di Syrsky una «pessima decisione», dicendo a Politico che i soldati ucraini si riferiscono a lui come «Generale200», un soprannome che secondo la testata si riferisce alla morte di 200 dei suoi uomini, ma potrebbe anche riferirsi a «Cargo 200», un codice militare sovietico e russo utilizzato per descrivere i cadaveri rimossi dal campo di battaglia.

 

«La leadership del generale Syrsky è in bancarotta, la sua presenza o gli ordini che provengono dal suo nome sono demoralizzanti e lui mina la fiducia nel comando in generale», ha scritto su Twitter un anonimo ufficiale militare ucraino, con conseguenti progressi tattici come la cattura di linee di alberi o piccoli villaggi, senza obiettivi operativi in ​​​​mente».

 

«Questo approccio crea un ciclo infinito di assalti infruttuosi che drenano personale», ha detto l’ufficiale.

 

In una chat di gruppo dei veterani di Bakhmut, un soldato ha scritto «siamo tutti fottuti» dopo aver appreso della nomina di Syrsky, ha dichiarato Politico.

 

Come scrive RT, il Syrsky assume il comando di un esercito impoverito, con Kiev che ha perso più di 383.000 uomini dall’inizio delle ostilità nel febbraio 2022, secondo il ministero della Difesa russo. Prima del suo licenziamento, Zaluzhny aveva avvertito Zelens’kyj che un rapido miglioramento della posizione dell’Ucraina sul campo di battaglia era improbabile, indipendentemente da chi avrebbe preso il suo posto, ha riferito la settimana scorsa il Washington Post.

 

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha detto venerdì che la campagna della Russia contro l’Ucraina non sarà influenzata dalla nomina di Syrsky e che Mosca continuerà finché i suoi obiettivi non saranno raggiunti.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari