Connettiti con Renovato 21

Militaria

L’esercito americano sta sviluppando il primo vaccino «universale» contro il COVID

Pubblicato

il

 

 

L’esercito USA sta lavorando ad un vaccino COVID universale in grado presumibilmente di prevenire tutte le varianti future. Gli studi clinici si concluderanno nelle prossime settimane.

 

Lo rivela un comunicato stampa dell’US Army Walter Reed Army Institute of Research, uno dei principali, storici ospedali militari del Paese che prende il nome dal medico dell’esercito Walter Reed (1851-1902) che confermò che la febbre gialla è trasmessa dalle zanzare piuttosto che dal contatto diretto.

 

 

Il nuovo super-vaccino si chiama SpFN, cioè Spike Ferritin Nanoparticle (nanoparticelle ferritina spike) è già stato testato sulle scimmie. I risultati sui test umani dovrebbero arrivare entro questo mese.

 

«L’accelerazione dell’emergere di coronavirus umani negli ultimi due decenni e l’aumento delle varianti di SARS-CoV-2, incluso il più recente Omicron, sottolineano la continua necessità di vaccini preventivi di prossima generazione che conferiscano un’ampia protezione contro le malattie del coronavirus», afferma il dottor Kayvon Modjarrad, direttore del ramo malattie infettive emergenti presso WRAIR, co-inventore del vaccino e capo dell’esercito americano per il vaccino SpFN.

 

«La nostra strategia è stata quella di sviluppare una tecnologia vaccinale “pan-coronavirus” che potrebbe potenzialmente offrire una protezione sicura, efficace e duratura contro più ceppi e specie di coronavirus»

«La nostra strategia è stata quella di sviluppare una tecnologia vaccinale “pan-coronavirus” che potrebbe potenzialmente offrire una protezione sicura, efficace e duratura contro più ceppi e specie di coronavirus».

 

Il vaccino SpFN è entrato nella fase 1 degli studi sull’uomo nell’aprile 2021. Le prime analisi, che dovrebbero concludersi questo mese, forniranno informazioni sull’efficacia sugli esseri umani del vaccino SpFN.

 

Questo vaccino si distingue nel panorama dei vaccini COVID-19», dice Modjarrad. «La visualizzazione ripetitiva e ordinata della proteina spike del coronavirus su una nanoparticella multiforme può stimolare l’immunità in modo tale da tradursi in una protezione significativamente più ampia».

 

La ricerca di un super-vaccino è ben avviata anche nel mondo civile, con i grandi enti miliardari di Gates (CEPI, ad esempio) a finanziare la creazione di sieri che sulla carta sarebbero efficaci «contro tutti i coronavirus»

Come riportato da Renovatio 21, la ricerca di un super-vaccino è ben avviata anche nel mondo civile, con i grandi enti miliardari di Gates (CEPI, ad esempio) a finanziare la creazione di sieri che sulla carta sarebbero efficaci «contro tutti i coronavirus».

 

L’interesse dell’esercito di Washington per i vaccini è risalente e molto solido. La Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), il reparto ricerca & sviluppo del Pentagono, sta lavorando da tempo a un vaccino COVID che funzionerà su tutte le varianti. La DARPA avrebbe sviluppato un microchip impiantabile che monitorerà continuamente il corpo umano per i segni del virus.

 

 

Il Pentagono gode di un’immensa banca dati epidemiologica, avendo centinaia di campioni di tessuto di soldati e marinai infettati da agenti patogeni in tutto il mondo, inclusa l’influenza spagnola del 1918 che uccise milioni di persone in tutto il mondo.

 

Sul dual use (cioè l’utilizzo della conoscenza virologica come cura ma anche come bioarma di offesa) il dibattito pubblico, come abbiamo stigmatizzato tante volte, è completamente inesistente, se non censurato attivamente da media e social media

Sul dual use (cioè l’utilizzo della conoscenza virologica come cura ma anche come bioarma di offesa) il dibattito pubblico, come abbiamo stigmatizzato tante volte, è completamente inesistente, se non censurato attivamente da media e social media.

 

«Dovete capire che tutto ciò che riguarda la biologia e le tecnologie molecolari è a duplice uso: gli stessi materiali possono essere utilizzati per la diagnostica di un ospedale o possono essere inclusi in un programma di armamento» aveva dichiarato il dottor Martin Zizi, un ex ispettore di armi biologiche per l’esercito belga, che era, nel 2010, professore di scienze presso la Vrije Universiteit Brussel (VUB), quando mesi fa emerse il caso del possibile «biospionaggio» perpetrato dalla Cina ai danni del Belgio.

 

Quello che sappiamo oramai con sempre crescente certezza è il coinvolgimento dell’esercito cinese nel laboratorio di Wuhan.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso vaccino mRNA è una tecnologia militare sviluppata dal Pentagono. Come il GPS ed internet (un tempo chiamata dai soldati ARPANET), il vaccino mRNA è un trasferimento tecnologico che dai militari arriva alla società civile.

 

 

 

 

Immagine di Lowpower12 via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Carrarmati diretti in Ucraina multati in autostrada in Campania

Pubblicato

il

Da

Un convoglio di carrarmati diretti in Ucraina è stato fermato e multato dalla polizia stradale sull’autostrada A30 (Salerno-Caserta). Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

 

Si trattava di cinque Panzerhaubitze  2000  che provenivano dalla base militare di Persano (in provincia di Salerno) e transitavano in direzione della guerra in ex-URSS.

 

I PZH 2000 sono obici semovente da 155/52 mm prodotti in Germania  considerati il mezzo più moderno della loro categoria. I PZH sono in dotazione di Paesi Bassi, Grecia e Italia, la quale ne possiede 68 esemplari costruiti su licenza dal consorzio IVECO-OTO Melara.

 

Secondo quanto si apprende, alcuni dei trattori e i semirimorchi utilizzati da imprese private per il trasporto dei tanki sono risultati sprovvisti di carta circolazione e con revisione scaduta.

 

È stato inoltre riferito che uno dei conducenti non aveva l’autorizzazione per i trasporti eccezionali.

 

I panzer destinati alle forze di Kiev sono dunque stati rispediti alla basa di Persano, con l’eccezione di due, che, avendo i documenti in regola, hanno proseguito oltre, verso Zelens’kyj e il conflitto.

 

La situazione è bellissima e verrebbe voglia di ridere ma si tratta pur sempre della guerra.

 

La tentazione di pensare che sia la prima volta che si esulta per la pervicace volontà multatoria degli agenti italiani per alcuni è fortissima.

 

L’art. 11 della Costituzione («l’Italia ripudia la guerra…») salvato dalle more.

 

Multe che tecnicamente hanno fatto di più per la pace che tutto il Parlamento italiano messo insieme.

 

 

 

 

Immagine di Sonaz via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

 

Continua a leggere

Geopolitica

Le forze russe intrappolano 2.000 soldati ucraini

Pubblicato

il

Da

Il portavoce del ministero della Difesa russo, il tenente generale Igor Konashenkov, ha riferito mattina che le forze russe hanno completato l’accerchiamento di quattro battaglioni di truppe ucraine insieme a una formazione armata di Pravij Sektor e un gruppo di mercenari stranieri dentro e intorno alle comunità di Gorskoye e Zolotoye nel regione di Lugansk.

 

Gorskoye e Zolotoye si trovano entrambi a sud di Lisichansk sul lato meridionale del saliente che è ancorato a est da Severodonetsk.

 

Il gruppo ucraino è stato completamente isolato, ha sottolineato il generale.

 

In tutto, fino a 2.000 soldati ucraini sono rimasti intrappolati, ha detto Konashenkov, ha riferito l’agenzia russa TASS.

 

«Circa 1.800 militari, 120 nazisti del settore destro, fino a 80 mercenari stranieri e anche oltre 40 veicoli corazzati da combattimento e circa 80 pistole e mortai», ha detto, aggiungendo che 41 soldati ucraini si erano arresi volontariamente in quella zona nelle ultime 24 ore.

 

«Come dicono i prigionieri di guerra, il gruppo ucraino accerchiato è esausto e con meno del 40% del personale. Il comando militare ucraino superiore ha perso il comando e il controllo delle truppe. Le forniture di armi, munizioni, carburante e altro inventario sono state completamente sospese», ha affermato il portavoce militare russo.

 

Le truppe russe stanno stringendo la presa attorno alle comunità di Gorskoye e Zolotoye, infliggendo continuamente danni al nemico con la potenza di fuoco.

 

Le forze russe hanno ottenuto il controllo di metà della comunità di Zolotoye il 23 giugno, ha spiegato il generale.

 

Il governatore del regime di Kiev della regione di Lugansk, Serhiy Haidai, ha dichiarato oggi all’Associated Press che alle truppe ucraine è stato ordinato di lasciare Severodonetsk per posizioni meglio fortificate più indietro.

 

«Purtroppo, dovremo ritirare le nostre truppe da Severodonetsk», ha detto. «Non ha senso rimanere nelle posizioni distrutte e il numero di uccisi in azione è cresciuto».

 

 

 

Immagine da Telegram

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Le forze ucraine ancora una volta falliscono la riconquista dell’Isola dei Serpenti

Pubblicato

il

Da

Il 21 giugno, il portavoce del ministero della Difesa russo, il Maggior Generale Igor Konashenkov, ha riferito che le forze ucraine avevano tentato di impadronirsi dell’Isola dei Serpenti, occupata sin dall’inizio dell’operazione militare speciale russa, ma hanno ancora una volta fallito miseramente.

 

«Il 20 giugno, intorno alle 5:00, il regime di Kiev ha fatto un altro folle tentativo di impadronirsi dell’Isola dei Serpenti», ha detto Konashenkov.

 

«I sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto tutte le armi nemiche: 13 velivoli senza pilota, 4 missili Tochka-U e 21 missili del sistema missilistico a lancio multiplo Uragan. Nessuna delle armi ucraine ha raggiunto l’obiettivo sull’isola di Zmeiny [isola dei serpenti, ndr]».

 

La mancata sconfitta del fuoco ha costretto il nemico ad abbandonare l’idea lo sbarco sull’isola.

 

Il generale Konashenkov ha anche notato che i sistemi di difesa aerea russi hanno rilevato un drone RQ-4 «Global Hawk» dell’aeronautica statunitense nello spazio aereo sopra il Mar Nero, a sud dell’Ucraina.

 

Non è noto se il Global Hawk sia stato coinvolto nell’operazione ucraina, ma sono spesso visibili sui siti web di monitoraggio dei voli disponibili al pubblico.

 

Si tratta almeno la seconda volta che le forze ucraine hanno cercato di riconquistare l’Isola dei Serpenti.

 

La testata governativa russa Sputnik ha riferito il 10 maggio che in quella precedente occasione, le forze ucraine avevano perso dieci elicotteri, due aerei ad ala fissa, tre barche d’assalto e 30 droni.

 

Una fonte del ministero della Difesa russo disse all’epoca a Sputnik che l’idea di attaccare l’isola era stata del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sulla base dei suggerimenti dei «suoi consiglieri britannici».

 

Come noto, l’Isola dei Serpenti è stata il teatro di una delle prime grandi fake news emanate da Kiev: quella del personale militare ucraino morto eroicamente mentre mandava a quel Paese una nave russa. Si apprese che nulla di tutto ciò era vero, e tutte le persone erano state fatte prigioniere e rifocillate per poi essere liberate in successivi scambi prigionieri.

 

Il regime Zelens’skyj, invece, voleva celebrare il funerale mediatico di quei poveri soldati assegnando loro il titolo postumo di Eroi dell’Ucraina.

 

Questo è il regime armato, finanziato e coccolato dall’occidente: una banda di drogati e neonazisti, e mentitori spudorati.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari