Il lato oscuro della donazione di sperma

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge

 

 

Un’articolo del New York Times di questa settimana mostra un lato molto oscuro della donazione di sperma contemporanea.

 

Esamina il caso di Jonathan Jacob Meijer, un musicista olandese sulla trentina, che potrebbe aver avuto 200 figli – finora. Grazie alle donazioni alle cliniche IVF nei Paesi Bassi, ne ha circa 100; tramite accordi privati, altri 80.

Jacob Meijer, un musicista olandese sulla trentina, che potrebbe aver avuto 200 figli

 

Anche il New York Times suggerisce che è necessaria almeno una maggiore regolamentazione:

 

«Come industria, tuttavia, è scarsamente regolamentata. Un mosaico di leggi si rivolge apparentemente a chi può donare, dove e con quale frequenza, in parte per evitare di introdurre o amplificare le disabilità genetiche in una popolazione. In Germania, un donatore di una clinica del seme non può produrre più di 15 bambini; nel Regno Unito il limite è di 10 famiglie di bambini illimitati. Nei Paesi Bassi, la legge olandese vieta la donazione in forma anonima e le linee guida non vincolanti limitano i donatori di cliniche a 25 bambini e di donare in più di una clinica nel paese. Negli Stati Uniti non ci sono limiti legali, solo linee guida dell’American Society for Reproductive Medicine: 25 bambini per donatore su una popolazione di 800.000».

 

La triste verità è che alcuni maschi si divertono a diffondere i loro geni in lungo e in largo. Un membro di Donor Offspring Europe ha detto al Times che alcuni uomini viaggiano in Europa cercando di avere più figli possibile

La triste verità è che alcuni maschi si divertono a diffondere i loro geni in lungo e in largo. Un membro di Donor Offspring Europe ha detto al Times che alcuni uomini viaggiano in Europa cercando di avere più figli possibile.

 

«È un po’ disgustoso in un modo narcisistico», ha detto. «Nessuna persona sana di mente vorrebbe 100 bambini o più. La grande domanda è perché? Questi uomini vogliono la conferma che sono bravi ragazzi e tutti li vogliono».

 

Il signor Meijer, a quanto pare, ha donato anche a numerose banche del seme al di fuori dei Paesi Bassi. Ties van der Meer, il direttore della Dutch Donor Child Foundation, ha detto al Times che la sua prole potrebbe essere di diverse centinaia o addirittura di migliaia.

 

La sua prole potrebbe essere di diverse centinaia o addirittura di migliaia

Il Meijer dice che questo è «ridicolo» e invoca un’interpretazione dell’amore finta, mistica flower-power. «Sono deluso dall’ossessione dei numeri», dice. «Sono diventato un donatore non per numero, ma per amore, per aiutare i genitori a realizzare il loro sogno. Non riesco a capire come qualcuno possa concentrarsi solo sui numeri e vedere i miei i figli della mia donazione come un numero».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.