Connettiti con Renovato 21

Arte

Il futuro e la punizione dei nostri corpi: piccolo film

Pubblicato

il

Oats Studios è un ensemble di cineasti guidati dal talentuoso sudafricano Neil Blomkamp (District 9, Elysium).

 

Nel loro canale YouTube caricano corti sperimentali di estremo pregio, taluni apparentemente con ampio budget e financo con la partecipazione di stelle di Hollywood (Sigourney Weaver, Dakota Fanning).

 

ADAM: Episode 2 è forse l’opera che più colpisce. Soprattutto oggi.

 

Totalmente realizzato in grafica digitale sulla piattaforma Unity con render in tempo reale, il breve film mostra le lande deserte e post-industriali di un mondo venturo, dove girano raminghi masse di robot tristi, organizzati in una sortà di tribù.

 

Con il dipanarsi della storia, apprendiamo tuttavia che non si tratta di androidi comunemente detti.

 

Ascoltate le parole del capo-tribù dinanzi all’esile fiammella.

 

 

«Tutti voi siete abituati a vivere nella città murata del Consorzio. Siete stati portati via dai vostri corpi. Non riuscite a ricordarlo perché il Consorzio ha ripulito le vostre menti. Una condanna penale salva la vita di decine di cittadini. Solo il vostro cervello non è utile al Consorzio, perché il vostro cervello è contaminato…»

 

«Non sappiamo perché ci tengono vivi, a che scopo, ma è stato così per generazioni…»

 

«Vi ho dovuto sbloccare, altrimenti avreste vagato senza una meta fino all’esaurimento delle batterie e il vostro cervello… sarebbe soffocato. Ho scelto la vita per voi. Sceglierò sempre la vita. Ma per quelli di voi intrappolati nelle illusioni del passato…»

 

Questo cortometraggio è del 2017, anno in cui è stato per la prima volta visto da chi scrive.

 

Rivederlo oggi nel 2022, dopo l’avvento del green pass, assume un senso profondissimo.

 

I nostri corpi ci sono stati portati via – molti di noi hanno dovuto cedere la loro integrità, oltre che morale, genomica.

 

Le nostre menti sono ancora oggi oggetto di una immane operazione di ripulitura da parte del «Consorzio» di politica, industrie, media e militari allineati.

 

Il «Consorzio» reputa le nostre menti «contaminate», perché abbiamo idee che divergono da ciò che esso ha stabilito.

 

Ci hanno cacciato dalle nostre case, ci hanno distrutto.

 

Di fatto, nemmeno noi sappiamo bene come mai oggi ci sia ancora permesso di vivere.

 

Tuttavia, anche noi, siamo stati «sbloccati». Svegliàti, redpillati, chiamate il fenomeno come volete. Nessuno di noi vagola per le lande del nulla presente senza conoscere almeno una parte del disegno della Necrocultura.

 

E anche noi, sia pur subendo la violenza sull’anima e sul corpo della Cultura della Morte, sceglieremo sempre la vita.

 

In realtà, la vita nemmeno la scegliamo: essa esiste in noi e intorno a noi anche qualora non la volessimo, essa ci è stata infusa da mano non umana, quindi non soggetta alle nostre scelte, né a quelle dello Stato moderno.

 

Guardate questo piccolo film, ha i sottotitoli in italiano.

 

Potenza della verità: in pochi anni, la storia umana ha trasformato questo spezzone in un vero capolavoro che ci parla dentro.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Arte

Il vero volto del rock: sul palco del Festival di Glastonbury ecco Greta e Zelen’skyj

Pubblicato

il

Da

Ci siamo occupati spesso su queste colonne della questione della musica rock e delle sue stelle, finalmente smascherate dal biennio pandemico.

 

Abbiamo ringraziato il COVID per averci fatto vedere come tanti rocker famosi, di fronte al diktat del virus, si siano rivelati non dei coraggiosi ribelli, ma dei conformisti osceni, pronti a predicare di rintanarsi in casa perché lo ordina lo Stato (loro hanno le ville, sì), a mandare i fan a farsi iniettare il farmaco genetico sperimentale, pena l’esclusione dai loro concerti e perfino l’allontanamento dalle band dei componenti non sierati – fino all’insulto della popolazione non vaccinata. (Poi qualche vedette si ammala, qualcuna muore d’improvviso… è la vita)

 

Tutti, con pochissime eccezioni (che Dio ci conservi Eric Clapton), hanno dimostrato incontrovertibilmente la realtà della grande truffa morale del rock’n’roll: finta trasgressione, finta passione, finta umanità.

 

Ora, ciliegina sulla torta di questi due anni di sottomissione biotica, ci tocca vedere anche cosa succede sul palco del più importante Festival rock inglese, quello di Glastonbury, un tempo noto per le sue follie, con i migliori musicisti del mondo a suonare dinanzi a migliaia e migliaia di ascoltatori spalmati di fango.

 

Quest’anno a Glasto il pubblico dai microfoni ha sentito le prediche di Greta Thunberg e dell’immancabile Zelens’kyj.

 

Potete vedere voi stessi questo momento orwelliano servito ai fan della musica ribelle ammassati sotto il cielo bigio.

 

 

Da non credere, ma è così: il popolo del rock sottomesso al conformismo eco-NATO più trito, piegato al dogma della lagna ecologica antiumanista nonché alla posizione bellica del Patto Atlantico.

 

Sul serio, incredibile: anche perché non risulta che il pubblico abbia protestato.

 

Questa è la degna fine del rock, che si rivela per quello che è sempre stato sin dall’inizio: uno strumento di controllo ordito dal potere costituito, che con gli stili di vita propalati dalle band di capelloni ha di fatto sterilizzato una generazione facendo crollare la demografia dell’intero occidente, li ha resi stupidi ed obbedienti (dei consumatori: di dischi, droga, di idee politiche precotte), condannando la generazione dei (pochi) figli residui.

 

Vomitiamo sul rock.

 

Vomitiamo sulla Generazione dei Baby Boomer (sul palco, quest’anno, anche Paul McCartney, che pensavamo esposto al museo egizio di Torino) e sulla Generazione X (con il cantante dei Green Day ad annunziare che rinunzierà alla cittadinanza americana a causa della sentenza della Corte Suprema sull’aborto).

 

Si sono fatti imbrigliare da questa schifezza musicale ed antropologica.

 

Ora l’umanità ne paga le conseguenze.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Arte

L’Ucraina manda al macero 100 milioni di libri russi, compresi i classici

Pubblicato

il

Da

Libri e classici russi banditi in Ucraina. Lo scrive EIRN.

 

Secondo un’intervista con Interfax, Oleksandra Koval, il capo dell’Istituto Ucraino del Libro, ha annunciato che oltre 100 milioni di copie di «libri di propaganda» russi «compresi libri per bambini, romanzi rosa e gialli», come così come i classici come Pushkin e Dostoevskij, devono essere rimossi dalle biblioteche pubbliche ucraine.

 

A proposito di quanto tempo durerà questo processo di rimozione la Koval ha detto:

 

«Certo, vogliamo farlo più velocemente, ma sarebbe positivo se almeno la letteratura dannosa pubblicata in epoca sovietica, così come la letteratura russa di contenuto anti-ucraino, fossero completamente ritirate entro la fine dell’anno».

 

Secondo Interfax, la rimozione dalle biblioteche pubbliche riguarda «libri con contenuti anti-ucraini con narrazioni imperiali e propaganda di violenza, politiche filo-russe e scioviniste».

 

Quindi, «il secondo round di sequestro includerà libri di autori russi contemporanei pubblicati in Russia dopo il 1991. E, probabilmente, generi diversi, inclusi libri per bambini, romanzi rosa e gialli. Questa è una ovvia esigenza dei tempi. Anche se capisco che possono essere richiesti», ha dichiarato a Interfax, la principale agenzia di stampa del Paese.

 

Interfax ha quindi domandato se il processo prevede la rimozione dei classici russi.

 

Risposta: «Tutti leggiamo questi libri, nei miei anni scolastici c’era un solido classico russo, che era considerato l’apice della scrittura mondiale. A causa del fatto che avevamo una conoscenza abbastanza media dei classici del mondo, molti sono rimasti con la convinzione che questo è davvero il tipo di letteratura senza la quale è impossibile sviluppare una comprensione intellettuale ed estetica, essere una persona colta. In realtà, non è così».

 

Secondo lei, sono proprio scrittori russi come il poeta Alexander Pushkin e Fyodor Dostoevskij a gettare le basi del «mondo russo» e del suo senso messianico.

 

«Questa è davvero una letteratura molto dannosa, può davvero influenzare le opinioni delle persone. Pertanto, la mia opinione personale è che questi libri dovrebbero essere rimossi anche dalle biblioteche pubbliche e scolastiche. Probabilmente dovrebbero rimanere nelle biblioteche universitarie e scientifiche affinché gli specialisti studino le radici del male e del totalitarismo», ha sottolineato Koval.

 

Interfax riferisce anche che l’ex manager dei media ucraino Oleksandr Tkachenko, che dal 2020 è ministro della Cultura e della politica dell’informazione dell’Ucraina, ha suggerito che i «libri di propaganda» russi ritirati dagli scaffali delle biblioteche ucraine «potrebbero essere usati come carta straccia».

 

Dov’è che avevamo già visto questa cosa degli attacchi ai libri? Ah già.

 

A questo punto è utile ricordare che il poeta tedesco Heinrich Heine commentò l’incendio della letteratura ebraica in Germania nel 1821: «Dove bruciano libri, alla fine bruceranno anche le persone».

 

 

 

Continua a leggere

Arte

Renovatio 21 recensisce «Il Normanno»

Pubblicato

il

Da

Il film The Northman è uscito da qualche settimana. Non abbiamo idea se sia stato distribuito in Italia, né se sia su qualche piattaforma digitale. Noi lo abbiamo visto e basta, e non chiedeteci altro.

 

Lo abbiamo visto in lingua originale, quindi non sappiamo quale macelleria il doppiaggio italiano farà dell’inglese para-elisabettiano parlato nella storia insieme a qualche gargarismo antico-norvegese e paleoslavo.

 

Si tratta di un filmazzo ambiziosissimo, e noi lo chiameremo Il Normanno. Perché, come sa il lettore accanito, avevamo chiamato The BatmanIl Batmanno, quindi Northman diviene giocoforza Il Normanno (Herman->Ermanno), che ci sta pure bene, anche se filologicamente e antropologicamente non sappiamo quanto corretto.

 

 

La pellicola vuole essere un adattamento kolossal del mito dell’Amleto prescespiriano, cioè puro-nordico, dove l’eroe non si chiama Hamlet ma Amleth (l’acca in fondo, tipo Deborah), e il senso di vendetta – Conte di Montecristo ante litteram – è espresso nel modo più sanguinolento possibile.

 

Apprendiamo dunque che Amleto non è un’invenzione del Bardo, ma un mito cantato da generazioni di bardi – quelli veri.

 

Amleto è il principe di un regno nordico. Il padre, re Aurvandill, è tradito da suo fratello Fjölnir, che lo uccide e ne prende il trono, nonché la moglie, Gudrun, madre di Amleth.

 

Il bambino fugge, e si rifugia in terra di Rus’ – i primordi della Russia, impestata da vichinghi, nel territorio che dal Baltico va fino al Mar Nero. Qui diviene vichingo razziatore, in particolare, fa il berserker: guerriero inarrestabile che arriva sulla scena con la pelle dell’orso per poi denudarsi e pugnare all’ultimo sangue piuttosto ignudo.

 

 

Tuttavia, egli brama la vendetta. I dettagli del suo destino sono lui snocciolati in un tempio di Svetovit, il dio paleoslavo dell’abbondanza, dove incontra una sibilla che ha le fattezza della cantante islandese Björka, che è anche antica collaboratrice dello sceneggiatore della pellicola Sjón, lungamente paroliere dell’ugola di Reikiavik.

 

Egli scopre che lo zio e la madre, dopo aver perso il trono sconfitti dal re Haraldo I di Norvegia, sono riparati in Islanda, dove comandano una piccola comunità servita da schiavi trattati crudelmente.

 

L’Amleto vi si infiltra per consumare la retribuzione finale, innamorandosi nel processo della strega slava Olga, fatta schiava dagli stessi vichinghi per cui lavorava come bersekerro e quindi venduta allo zio.

 

 

Quest’opera va rispettata assai: è il primo esempio di psichedelia norrena, con scene lisergiche a base di deità nordiche e cascami artici vari. Una menziona la merita la scena del rito di iniziazione del giovane Amleto, che si risolve in un trip drogastico allucinatorio condotto dal padre e da un buffone dove ricopre una certa importanza lo scorreggiare ed il ruttare.

 

Non si resta impassibili dinanzi ai sessanta e passa milioni di dollari spesi per riprodurre serate sciamaniche pre-razzia, vulcani incazzati, fantasmi mostruosi, e titoli in runico vero, come nemmeno nelle basi del Battaglione Azov.

 

 

Sottolineaimo inoltre la volontà del regista Robert Eggers e dello sceneggiatore islandese di raccontare l’era di fine del paganesimo (slavo, nordico) con il subentrante ruolo dei cristiani, qui rappresentati come schiavi degli islandesi che tanti segni della croce si fanno quando si trovano dinanzi ai massacri che combina l’Amleto furioso.

 

Parimenti, Renovatio 21 loda la volontà, senza tanti infingimenti, di rappresentare l’orrore gratuito e meschino del paganesimo come culto del sacrifizio umano, qui rappresentato con estrema dovizia di particolare rituale, e in tutta la sua ripugnanza fisica e morale.

 

Insomma, tantarobba.

 

E un cast mica male.

 

Ethan Hawke finalmente può fare la parte del vecchio; cionondimeno una certa faccia da topolone rimane.

 

Nicole Kidman, dopo Dogville di Von Trier, trova un altro ambiente scandinavo in grado di rivelare che l’espressione che ha addosso, sì, è proprio un’espressione da stronza, tanto che lo spettatore tende a rivalutare lo scientologo ex marito, che è bravo e a differenza di lei non affitta uteri.

 

Il cittadino dell’Esquilino Willem Defoe non delude mai, e di fatto sembra non essere in grado di invecchiare.

 

Il figlio di Stellan Skarsgård si è preparato per il ruolo mettendo su addominali forse con l’aiuto di qualche sostanza hollywoodiana.

 

Tuttavia, ed è qui che volevamo arrivare, il lungo piano-sequenza (inquadratura unica e continua, tipica dei film che se la tirano) in cui Amleto fa il Vichingo assaltando il povero villaggio russo (cioè, ucraino, cioè, russo), ha un precedente incontrovertibile: il cosiddetto «Techno-Viking», antico meme videografico dagli sviluppi controversi (partirono querele da parte dello stesso vichingo) che a guardarsi ancora oggi è particolarmente irresistibile, e nordico, normannico, assai.

 

 

Insomma si tratta di un filmone d’autoreh di cui Renovatio 21 caldeggia la visione.

 

Abbiamo capito, è un momento di revival nordico importante, il battaglione Azov applaudito dai giornali di tutto l’Occidente ci racconta proprio questo.

 

Ecco la pellicola giusta per farci la mano, che però non deve scapparci, la mano.

 

Anche perché adesso in Rus’ c’è uno che i vichinghi che assaltano i villaggi li fa scappare, li stana, e poi li processa e forse li condanna a morte – beninteso, quei vichinghi che non sono stati sterminati prima, quando urlando e battendosi il petto pensavano di razziare come ai tempi di Amletoh, ma invece delle valchirie nel Walhalla hanno trovato la Babushka Z.

 

Maddeché essere o non essere. In Rus’, oggi, stravince l’essere. E poche storielle.

 

 

 

 

Immagine utilizzata su dottrina del Fair Use dal sito Universal

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari