Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

I profughi ucraini circoleranno senza super green pass. La discriminazione contro il cittadino è ormai intollerabile

Pubblicato

il

«È vero che altri Paesi hanno regole diverse in merito, ma questo vale anche per altri ambiti: chi è ospite di un Paese, anche se da rifugiato di guerra, deve rispettere le regole di quel Paese» aveva detto due settimane fa il sottosegretario grillino Sileri. Sembrava insomma che anche gli ucraini in arrivo sarebbero stati tenuti all’iniezione di mRNA sintetico a cui si sono sottomesse le masse italiane.

 

La realtà è che non è così.

 

«Per i quasi 50 mila ucraini arrivati non c’è obbligo di super green pass» scrive il quotidiano La Verità. «Abbiamo visto profughi alloggiati in hotel, che affermavano di non essere vaccinati e di non avere il super green pass».

 

Ricapitoliamo: gli italiani, che se non si sottopongono alla diktat biomolecolari del potere perdono il lavoro, pagheranno agli ucraini il soggiorno in Italia, liberi di fare come se le restrizioni pandemiche non li riguardassero.

 

L’italiano non vaccinato vive l’apartheid biotica, peggiore di quella sudafricana: il razzismo lì proibiva ai neri di prendere gli autobus dei bianchi, ma almeno qualche autobus per loro c’era. Per il no vax, niente. Perché costui, disse il premier Draghi, dà la morte: «non ti vaccini, contagi, lui o lei muoiono». A meno che non sia ucraino, certo. Pardon, ucraina: sappiamo che stanno arrivando solo donne e bambini, perché, nel più totale silenzio dei media venduti, ai maschi dai 18 ai 60 anni è proibito di espatriare, vanno utilizzati come carne da cannone (come, è emerso, avviene con gli stessi foreign fighters mandati al fronte senza armi) per istigare la Terza Guerra Mondiale, l’unico modo di tenere al potere il regime corrotto di Kiev le sue orde di nazisti.

 

È l’ennesimo schiaffo che dobbiamo ricevere.

 

È l’ennesima umiliazione. Che dimostra come le regole pandemiche siano puro arbitrio politico: i non vaccinati italiani sono un pericolo sanitario, i non vaccinati ucraini no.

 

E che dimostra, soprattutto, il disprezzo che il potere ha del popolo, nell’inversione metapolitica realizzata definitivamente dal COVID: non il potere esiste per espressione del popolo (come prevede l’idea di democrazia, e la stessa Costituzione italiana), ma il popolo esiste solo perché glielo concede il potere – cioè, nel contrario della democrazia, cioè, la tirannia. Lo Stato è oggi una piramide più estrema di qualsiasi monarchia assoluta vista nei millenni, una teocrazia faraonica.

 

La realtà è che non si tratta del primo schiaffo che riceviamo dallo Stato infeudato al Piano Kalergi.

 

Ci siamo dimenticati degli immigrati africani, arrivati in numeri da vera invasione (altro che i 130 mila soldati russi!) dopo l’assassinio di Gheddafi e l’elezione (che sembra sempre meno casuale) del loro testimonial numero uno Giorgio Mario Bergoglio?

 

Noi no. Sono passati quasi dieci anni, ma nessuno ha capito ancora cosa stiano facendo.

 

Di certo, a differenza delle ucraine, non «scappano dalla guerra», secondo la favoletta che ci raccontarono anni fa.

 

Di certo, possono rappresentare, più delle ucraine, un problema sanitario: essi arrivano da Paesi dove la percentuale di infetti dal virus HIV è ordini di grandezza superiore ai numeri nostrani, eppure nessuno si è mai posto il problema ad alta voce, neanche per tentare una qualche oscena politica di prevenzione via preservativo. E l’AIDS non è l’unica malattia di cui è infestata l’Africa (alcune delle quali, portate dai vaccini di Gates), e che giocoforza si sta trasferendo qui.

 

Ci lamentiamo delle ucraine senza green pass, tuttavia guardiamo gli immigrati africani, e non possiamo vedere che hanno vestiti più nuovi dei nostri, telefonini migliori, hanno il monopattino elettrico, la mountain bike, hanno tanto tempo libero, figliano alla stragrande (qualcuno gli ha sussurrato che arriverà lo ius soli?) hanno un buonumore invidiabile. C’è da capirli: non hanno perso il lavoro, non hanno lottato per pagare le tasse, non sono stati umiliati nei luoghi pubblici, non hanno sentito la sensazione di sentirsi stranieri nel proprio Paese – anzi, diciamo che con il nostro danaro di contribuenti dissanguati si è fatto di tutto per farli sentire a casa propria.

 

Abbiamo perso ogni sensibilità davanti a questa enigmatica, patente ingiustizia. Abbiamo accettato anche questo.

 

Abbiamo accettato la discriminazione programmatica dell’onesto cittadino, che paga le tasse, che cerca di far valere i suoi diritti, che mai ha chiesto qualcosa.

 

Abbiamo accettato lo stupro della cittadinanza, della logica, della giustizia sociale. Ci hanno preso per i fondelli, con i nostri soldi, e continuano a farlo.

 

Quante famiglie devastate dalla pandemia potrebbero aiutare i miliardi spesi per gli immigrati?

 

Manda giù tutto, onesto cittadino. Ora i tuoi rappresentanti stanno mandando armi in Ucraina; se tutto va bene, le armi italiane finiranno a bande di neonazisti e di criminali, che magari scapperanno dai russi venendo, armati da noi stessi, proprio qui dalla zia badante.

 

In compenso, continueranno a denunciare il cacciatore trovato nel bosco con un coltellino comprato in libera vendita magari su Amazon.

 

Quanto ancora dovremo sentirci sputare in faccia? Quanto ancora potremo sopportare tutto questo?

 

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

500 bancomat distrutti dalle bande di immigrati: record in Germania

Pubblicato

il

Da

Bande criminali organizzate attive nei Paesi Bassi e in Francia, composte principalmente da migranti marocchini, stanno facendo saltare in aria bancomat in Germania a un ritmo record in operazioni di rapina altamente professionali. Lo riporta RMX news.

 

Nel 2022, le statistiche del governo indicano che hanno fatto saltare in aria 500 sportelli automatici, con statisticamente più di una macchina fatta esplodere ogni giorno.

 

Il contante rimane popolare tra i tedeschi e, per soddisfare questa domanda, le banche gestiscono quasi 100.000 sportelli bancomat dislocati in tutto il paese, con le macchine che normalmente contengono tra 50.000 e 100.000 euro. Le bande criminali ne stanno approfittando e sono disposte a utilizzare metodi estremi per ottenere l’accesso a questo denaro.

 

Infatti, queste bande di migranti stanno facendo saltare in aria banche con esplosivi così potenti da distruggere interi edifici. In alcuni casi, hanno fatto saltare le porte del caveau di una banca fino a 30 metri di distanza, sottolineando quanto possano essere potenti queste esplosioni.

 

«La polizia afferma che il pericolo che devono affrontare i tedeschi non ha precedenti, poiché molte di queste banche si trovano in edifici residenziali» scrive RMX News.

 

 

Sebbene il numero definitivo di tali rapine in banca non sia ancora stato rilasciato per il 2022, secondo fonti della polizia della testata tedesca Welt Am Sonntag, ci sono stati 500 attacchi di questo tipo, raggiungendo un livello record.

 

Il ministero dell’Interno tedesco sta ora tenendo riunioni ad alto livello sulla questione, ma sembra che le squadre di rapina non mostrino segni di rallentamento. Nel 2021, la Polizia criminale federale ha riferito che ci sono stati 414 casi di demolizioni tentate o riuscite, mentre il 2020 ha visto numeri simili.

 

Le autorità descrivono come le bande siano più attive nell’ovest della Germania, con lo stato più popoloso, la Renania settentrionale-Vestfalia, insieme alla Bassa Sassonia, gli obiettivi più popolari. Per prima cosa, queste regioni sono gli stati più vicini ai Paesi Bassi, dove le bande sono più attive, sebbene alcune bande operino anche fuori dalla Francia, anch’essa vicina.

 

 

Il criminologo olandese Cyrille Fijnaut, professore emerito, osserva queste squadre di rapinatori di bancomat da 20 anni e fornisce consulenza attiva al governo olandese. Ha detto che la rete di criminali è composta da circa 200-400 giovani e che “molti di loro hanno radici marocchine”. Ha detto che spesso seguono le orme dei ragazzi più grandi nei loro quartieri, che sfoggiano orologi costosi e auto sportive.

 

Alcuni anni fa, uno dei capi di una banda di spicco ha creato il proprio centro di formazione per le squadre di demolizione di bancomat. Ha semplicemente affittato un edificio industriale, ordinato online bancomat scartati e ha iniziato ad addestrare i membri in quella che fungeva da scuola per membri di gang.

 

Tuttavia, queste reti criminali sono attive anche in città come Amsterdam e Alkmaar.

 

 

Un famoso avvocato difensore olandese, Vito Shukrula, ha anche affermato che questi tipi di rapine sono effettivamente usati come «seme» per entrare nel commercio di cocaina olandese. Lo ha descritto come “soldi facili” per queste ghenghe.

 

Alcuni autori sono stati arrestati, spesso a causa di errori piccoli ma legalmente devastanti. Ad esempio, alcuni hanno lasciato impronte sulla scena, altri sono stati catturati da autovelox mentre cercavano di allontanarsi di corsa dalla scena, e talvolta vengono fermati con i loro smartphone, che forniscono dati di movimento. Tuttavia, un arresto sulla scena del crimine è molto raro, poiché le squadre si muovono così velocemente e, nonostante alcuni arresti, ci sono abbastanza squadre attive che le demolizioni continuano ad aumentare.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Olanda vive sotto il terrore di una spietata, spudorata mafia marocchina che chiamano «Mocro Mafia» e che si occupa, tra una violenza e l’altra, precipuamente di traffico di droga, con bande che agiscono con un’impunità da rendere l’Olanda, come dice il presidente del sindacato di polizia nazionale Jan Struijs, un «narco-Stato 2.0».

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Sospetto capo ISIS viveva come rifugiato in Olanda

Pubblicato

il

Da

Un uomo siriano che si ritiene abbia prestato servizio come «funzionario» di alto rango in gruppi terroristici islamici è stato arrestato questa settimana dopo aver vissuto per anni come «rifugiato» nei Paesi Bassi. Lo riportano vari media locali.

 

Il sospetto, un uomo di 37 anni, è stato arrestato martedì in una residenza nel villaggio di Arkel, dove è stato sistemato dal governo olandese nel 2020.

 

Secondo quanto riferito, le autorità hanno avviato un’indagine dopo aver ricevuto informazioni preoccupanti sul passato dell’uomo, che apparentemente non erano state scoperte quando ha presentato domanda di asilo nel 2019.

 

«Si dice che abbia ricoperto una posizione dirigenziale presso IS [lo Stato Islamico, ndr] tra il 2015 e il 2018. Prima di allora, avrebbe ricoperto la stessa posizione presso Jabhat al-Nusra per due anni», riferisce il quotidiano neerlandese De Telegraaf. «Era capo della sicurezza nel campo profughi di Yarmouk, vicino alla capitale siriana Damasco».

 

Alcuni articoli della stampa indicano che anche la famiglia del presunto terrorista è stata portata nei Paesi Bassi dopo che gli è stato concesso lo status di rifugiato.

 

L’arresto ha fatto seguito a una soffiata sul precedente presunto coinvolgimento del sospettato con i gruppi terroristici alla squadra speciale della polizia olandese per i crimini di guerra. A seguito di un’indagine, le autorità avrebbero scoperto prove che suggerivano che avesse guidato il servizio di sicurezza dello Stato islamico dal 2015 al 2018, quando ha lasciato l’organizzazione ed è fuggito in Europa in cerca di rifugio.

 

«I Paesi Bassi sono stati spesso un obiettivo per numerosi ex estremisti islamici in fuga dalla Siria dopo la fine dello Stato islamico» scrive Remix NewsDe Telegraaf ha evidenziato altri «due esempi di leader jihadisti che si sono infiltrati nel Paese tra le molte migliaia di rifugiati siriani, evidenziando i processi di screening incredibilmente lassisti dell’Europa sopraffatti dai numeri che sono arrivati ​​e stanno ancora arrivando dal Medio Oriente».

 

Un esempio citato dal giornale è quello di A. al-H., noto come «Balie jihadi» che è entrato in Olanda nel settembre 2017 con documenti falsi e ha vissuto ad Amsterdam per oltre un anno. I compagni siriani lo hanno riconosciuto come un capobanda terrorista una volta che ha iniziato a presentarsi in un centro di dibattito ad Amsterdam, dove è stato successivamente arrestato dalle autorità. Il migrante jihadista è stato condannato a 16 anni di carcere.

 

Un altro esempio riguardava un cittadino siriano arrestato a Kapelle, in Zelanda, nel 2019, il quale conduceva una vita poco appariscente come autista di autobus. Sono state presentate prove alle autorità a dimostrazione che dimostravano il suo coinvolgimento personale nell’esecuzione di un colonnello siriano sulle rive del fiume Eufrate. Quest’altro migrante della jihad è stato condannato a 20 anni di reclusione.

 

Tali casi mettono in luce la pazzesca mancanza di controlli condotti dalle autorità responsabili dello screening di milioni di «rifugiati» arrivati ​​in Europa negli ultimi anni.

 

I gruppi terroristici islamici hanno apertamente promesso di inviare agenti che si atteggiano a rifugiati in Europa. «Abbiamo inviato molti agenti in Europa con i rifugiati”, si era vantato in precedenza sempre secondo De Telegraaf un comandante dell’ISIS.  «Alcuni dei nostri fratelli hanno completato la loro missione, ma altri attendono ancora di essere attivati».

 

 

 

 

 

 

Immagine di Jan dijkstra via Wikimedia pubblicata su licenza Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Quasi 8 milioni di ucraini sono rifugiati o emigranti. Potrebbero diventare molti di più

Pubblicato

il

Da

Un totale di 7.915.287 rifugiati ucraini sono arrivati ​​nei paesi europei dall’inizio della guerra, secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) in una dichiarazione del 4 gennaio.

 

Il numero è aumentato di 18.462 nell’ultima settimana.

 

Il maggior numero, 2.852.395, è fuggito in Russia, mentre 1.553.707 sono fuggiti in Polonia; seguita dalla Germania, 1.021.667; e Repubblica Ceca, 476.025, tra gli altri Paesi.

 

Tali numeri sono da considerarsi come l’effetto di una guerra che non ha ancora cominciato a fare stragi di civili sistematiche massive, come, ad esempio, l’invasione dell’Iraq da parte degli angloamericani.

 

L’ultima fase dell’operazione di Mosca prevede infatti la distruzione di sistemi di distribuzione dell’energia. Gli oltre 80 missili lanciati su tutta l’Ucraina nel primo giorno della fase 2 ad ottobre, all’indomani del bombardamento del ponte di Crimea, hanno prodotto una decina di morti. Numeri assai lontani dalle stragi ai matrimoni afghani, dove un drone Raptor poteva sparare un singolo missiletto Hellfire per uccidere magari qualche centinaio di persone (donne, vecchi, bambini), sperando che l’obbiettivo avesse accettato l’invito alle nozze del cugino di terzo grado.

 

È chiaro tuttavia che il flusso in uscita dall’Ucraina aumenterà grandemente una volta che la guerra si incrudelirà.

 

Come noto, ai maschi ucraina tra i 18 anni e l’età pensionabile è proibito ora l’espatrio – alla faccia dell’obiezione di coscienza militare, tanto cara alle sinistre dei «diritti» e della «pace» che ora però, chissà perché tifano ed armano i nazisti del battaglione Azov.

 

Come scritto da Renovatio 21, l’afflusso in Europa dei veterani alla fine del conflitto potrebbe aprire a situazioni di violenza persistente. Secondo l’Europol, le armi mandate al fronte dall’Occidente (che ha pericolosamente svuotato i suoi magazzini) stanno già filtrando nella criminalità organizzata europea.

 

Armi «ucraine» sarebbero state già trovate anche in Siria a Idlib (zona dove ancora operano sigle del fondamentalismo terrorista) e persino in Africa, secondo quanto lamentato dal presidente della Nigeria Muhammadu Buhari.

 

È stato calcolato che solo il 30% della armi inviate a Kiev raggiunge i combattimenti, il resto sparisce nel mercato nero e sul dark web.

 

 

 

 

 

Immagine di Silar via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari