Connettiti con Renovato 21

Politica

Zelens’kyj, villa da 4 milioni di euro a Forte dei Marmi. Con tante trame dietro

Pubblicato

il

Il presidente-attore ucraino, l’«eroe» celebrato dall’Occidente che lo blandisce, lo finanzia e arma i suoi battaglioni (anche quelli apertamente neonazisti, si deve pensare) ha una villa milionaria in una delle spiagge più chic d’Italia, Forte dei Marmi.

 

Proprio così: come un oligarca russo qualunque. La zona, infatti, è ricchissima di miliardari russi che amano la Versilia e la Toscana, per la felicità dei camerieri che ricevono talvolta mance da sogno.

 

La villa, costata circa 4 milioni di euro, si compone di 15 stanze, tra cui sei camere da letto, più ampio giardino con piscina.

 

Secondo il sito Slidstvo.Info l’ora presidente di Kiev «non avrebbe dichiarato questo immobile».  Secondo altre fonti citate dal sito Primal Information «risulta che i coniugi Zelensky sarebbero proprietari di Kvartal95 Studio, Zelari fish, Aldorante Limited a Cipro, Film Heritage inc in Belize e la San Tommaso srl in Italia» riporta Libero.

 

Il quotidiano La Verità ricostruisce la storia intricata di una villa a Forte dei Marmi, sempre curiosamente da 15 stanze. Viene citato nell’articolo del quotidiano di Belpietro (e di Libero) il nome di un altro oligarca russo-ucraino, Dmitrij Gerasimenko, miliardario dell’acciaio di Volgograd (ex Stalingrado) già noto in Italia per aver rilevato le quote della nota squadra di pallacanestro di Cantù, dove aveva comprato anche il Palazzetto.

 

Leggiamo sull’enciclopedia online che nel 2016 Gerasimenko dopo essere stato arrestato all’aeroporto di Mosca perché accusato di appropriazione indebita di 5 milioni di euro in un business di gas, è arrestato nuovamente a Cipro su mandato di cattura russo, ma è poi rilasciato per decisione delle stesse autorità russe che rinunciano all’estradizione, scegliendo così di vivere a Lugano.

 

Il Cantù venne messo in vendita «a costo zero».

 

Tuttavia, a Cantù prende sede un’azienda immobiliare, la San Tommaso srl di cui sopra, che nel 2015 era «detenuta da una società cipriota, che aveva in dote come capitale sociale una lussuosa villa da 15 stanze a Forte dei Marmi» scrive La Verità.

 

L’amministratore della società cipriota «secondo un pool di giornalisti d’inchiesta denominato Slidstvo, altri non era che l’ucraino Ivan Bakanov, amico, socio e coordinatore della campagna elettorale di Zelens’kyj.

 

La società cipriota invece era «di Zelens’kyj stesso, anche se dietro a i nomi e alle schermature societarie ci sono pochi dubbi che ci fosse il miliardario Igor Kolomojskij» scrive il quotidiano milanese.

 

Come sa il lettore di Renovatio 21, Kolomojskij è l’oligarca ebreo ucraino (ma con tre passaporti: ucraino, israeliano, cipriota), già governatore dell’oblast’ di Dnipropetrovsk, considerato la terza fortuna del Paese.

 

Kolomjskij è da molti ritenuto il puparo dietro a Zelens’kij, al quale ha assicurato l’ascesa grazie al serial Sluha Narodu («Servitore del popolo»), popolare telefilm dove lo Zelens’kij interpretava il ruolo di un uomo comune che viene eletto alla presidenza per far pulizia della corruzione a Kiev lottando contro gli oligarchi. Il canale TV che trasmise la serie, decisiva per l’emersione di Zelens’kyj come attore politico, fu la 1+1, una rete di proprietà di Kolomojskij.

 

Kolomojskij è altresì noto per aver finanziato varie formazioni ucraine di estrazione apertamente neonazista, tra cui il noto Battaglione Azov.

 

Anche Kolomojskij vive in Svizzera.

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Conte va dai massoni. Che difendono il reddito di cittadinanza

Pubblicato

il

Da

L’ex premier pandemico ora leader del M5S Antonio Conte è andato a far visita agli Asili Notturni Umberto I, che il Corriere della Sera definisce «storica istituzione torinese legata alla massoneria».

 

«Ad accogliere Conte in una sorta di alleanza in difesa del reddito, Sergio Rosso, gran maestro onorario del Grande Oriente d’Italia e tra i fondatori della Federazione Italiana Solidarietà Massonica, di cui è presidente onorario» scrive il Corriere, che d’un tratto sembra trovare la voglia di parlare di cappucci e grembiulini, cosa che in altri momenti non era accaduta – ricordiamo che si tratta la testata, nei secoli appartenente alla «borghesia illuminata» meneghina, ebbe come direttore un nome finito nelle liste della P2.

 

Tuttavia, il Corriere non può non cogliere l’importanza del segno dato da Conte nel capoluogo piemontese: il grillismo partiva da un rifiuto netto dell’Italia esistente come frutto di politiche occulte attuate da poteri invisibili più o meno fantomatici. Noto è il post del blog di Beppe Grillo sul Club Bilderberg. Meno noti i riferimenti di Casaleggio al Club di Roma di Aurelio Peccei, di fatto organizzazione parallela del consesso dei superpotenti, che erano in genere più o meno gli stessi.

 

Ricordate? Il grillismo dei primi anni 2010, quello dei «tutti a casa», del potere italiano da aprire come «una scatola di sardine», dei sospetti contro chiunque (il «Vaticano», magari) finito poi con Di Maio incravattato che pranza con i vertici della Trilaterale.

 

È un bel cambio di marcia.

 

«Il Movimento però ha fatto della presa di distanza dalla massoneria uno dei suoi tratti distintivi. Una caratteristica che è rimasta costante nel tempo nonostante le molteplici evoluzioni dei Cinque Stelle» ricorda il quotidiano di via Solferino. «Per esempio: è vietato per i massoni candidarsi tra le fila stellate». Viene fatto l’esempio di un ex deputato cacciato dal partito per questo motivo. «Tra le regole per le autocandidature del Movimento contiano alle Politiche 2022 il no secco ai massoni rimane un dogma inviolabile. Non a caso, l’articolo 3 comma h recita che ogni candidato “non dovrà essere iscritto ad associazioni massoniche”»

 

Ma non è che il M5S ora vada dalla massoneria; è la massoneria stessa che muove verso il grillismo.

 

Qui il giornalista strabuzza gli occhi. È riportato che il gran maestro onorario del Grande Oriente d’Italia dichiari che «ad oggi sono circa il 20-25% i percettori di reddito che si rivolgono a noi per usufruire dei nostri servizi, che sono anche di natura sanitaria, per esempio l’odontoiatria. Senza questo strumento non potrebbero sopravvivere e noi non saremmo in grado con le nostre mense di far fronte a tutti i bisogni perché i numeri si moltiplicherebbero in misura esponenziale».

 

È il canto di Conte, all’unisono: «A Torino ho toccato con mano le difficoltà economiche di tanti cittadini che nella struttura di “Asili notturni” trovano una speranza e un sostegno irrinunciabile. Chi ogni giorno affronta e combatte la povertà in prima persona conferma che tagliare il Reddito di cittadinanza vuol dire abbandonare alla disperazione intere famiglie».

 

C’è da dire che in tanti magari non se l’aspettavano dall’«avvocato di Padre Pio», quello con l’immagine del Santo di Pietrelcina nel portafogli.

 

Altri invece possono vedere una volta di più la parabola dei 5 stelle: presentatisi come forza rigeneratrice del sistema, tra gaffe e figuri impresentabili sono finiti al tavolo dei potenti, da cui si sono fatti ammansire a suon di poltrone e stipendi, arrivando a fare governi con le forze politiche di cui si dichiaravano nemici giurati.

 

Forse rammentavate l’onorevole Paola Taverna che dava degli zozzoni a quelli del PD, anzi no: «ve immaginate io che me giro e je dico “zozzoni”… no, rettifichiamo, jò detto mafiosi, schifosi, siete delle merde, ve ne dovete andare, dovete morire»…

 

 

Embè, finire con il PD non era ancora niente. Eccoti ora il M5S che va con la massoneria. Che aiuta: difende l’unica raison d’etre elettorale dei Pentastelle: il reddito di cittadinanza, che va fortissimo in certe zone del Sud.

 

SCB. Sono cose belle.

 

Al lettore che li ha votati, nel 2013 e magari pure nel 2018 – non crediamo che tra chi segue Renovatio 21 vi siano elettori che hanno perseverato a farlo alle elezioni 2022 – vogliamo dire una volta di più: ma cosa ci avevate in testa?

 

Tante cose, anche occulte, anche esoteriche, erano note. Da anni. Il fondatore di Renovatio 21 sull’argomento aveva scritto otto anni fa un librone, Incubo a 5 Stelle. Grillo, Casaleggio e la Cultura della Morte. Tante cose erano già chiare.

 

Tuttavia, la figura di Conte, enigmaticamente emersa dal nulla per metterci in lockdown con l’aiuto di un ex partecipante del Grande Fratello, ancora sa stupirci.

 

Va così. È bellissimo. Squadra e compasso, il reddito è uno spasso.

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di


In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Politica

Cristina Kirchner condannata al carcere. «Stato mafioso parallelo»

Pubblicato

il

Da

Un giudice federale argentina ha condannato la vicepresidente Cristina Fernández de Kirchner a sei anni di carcere nel caso di falsa corruzione per presunta irregolarità nel finanziamento dei lavori pubblici nella provincia di Santa Cruz durante il periodo in cui è stata presidente (2007-2015).

 

La condanna per «amministrazione fraudolenta» prevede anche l’interdizione a vita dai pubblici uffici. Anche altri dodici imputati hanno ricevuto pene detentive da tre a sei anni. La sentenza non sarà eseguita fino a quando tutti i ricorsi non saranno esauriti, il che potrebbe richiedere anni. Per il momento, gode dell’immunità per la sua posizione di vicepresidente, e può anche candidarsi alla presidenza o a qualsiasi altro incarico, qualora decidesse di farlo alle elezioni del prossimo anno.

 

La scorsa settimana, la Kirchner aveva descritto il processo di condanna come «un plotone di esecuzione», il cui verdetto era stato «scritto molto tempo fa», basato non sulla Costituzione ma sulle macchinazioni di giudici, pubblici ministeri e avvocati corrotti che risponderebbero al l’ex presidente Mauricio Macri.

 

Queste reti proteggono anche «coloro che hanno cercato di uccidermi», ha detto, riferendosi all’attentato contro di lei il 1° settembre, quando un tizio tatuato con il sonnenrad (il «sole nero» simbolo di mistica del III Reich caro un tempo alle SS e oggi al Battaglione Azov) le aveva puntato la pistola a bruciapelo facendo però incredibilmente cilecca.

 

«Esto es un Estado paralelo y mafia judicial» ha dichiarato: «Questo è uno Stato parallelo e una mafia giudiziaria». Quindi, ha parlato della necessaria «complicità dei media». In particolare, la Kirchner ha attaccato il Gruppo Clarin.

 

«Preferisco andare in prigione che essere una marionetta di questa mafia e di questo Stato parallelo e questo sempre e quando a qualcuno non gli venga in mente di provare a spararmi di nuovo, perché è così che vogliono vedermi: in prigione o morta».

 

Nel 2019 la Kirchner aveva critica il processo perché, secondo lei, vedeva impegnati giudici strumentalizzati dalla destra del liberale Mauricio Macri.

 

Nel fine settimana erano uscite una serie di chat hackerate sui social media riguardanti i membri del supposto «partito giudiziario» dell’odiato Macri, che avrebbero partecipato a un viaggio di metà ottobre interamente pagato nella tenuta di lusso del multimiliardario britannico Joe Lewis in Patagonia, che sarebbe un caro amico personale di Macri.

 

Ieri il presidente Alberto Fernández è andato alla TV nazionale, riferendosi alla «promiscuità antirepubblicana» rappresentata da tale raduno, e ha chiesto al suo ministro della Giustizia di avviare un’indagine penale, in particolare sul finanziamento del viaggio, che potrebbe aver implicato illegalità «donazioni» (tangenti) e traffico di influenza.

 

Il presidente stabilito le misure legali da adottare per indagare sulla condotta dei funzionari del governo della città di Buenos Aires e, se necessario, avviare una procedura di impeachment contro di loro; e ha chiesto all’organo competente della magistratura di aprire un’indagine sulla condotta dei quattro magistrati che facevano parte del viaggio alla villa di Lewis.

 

La Kirchner, che si è paragonata a Ignacio Lula da Silva, il presidente americano messo in galera per corruzione e ora vittorioso contro Jair Bolsonaro in elezioni ancora contestatissime, non è la prima volta che parla di «mafia». Due anni fa la vicepresidente, senza citare Macri per nome, aveva fatto riferimento ad articoli che ipotizzavano legami tra la famiglia dell’avversario politico di origine calabrese e il crimine organizzato.

 

Alla Fiera del Libro dell’Havana la Kirchner aveva sostenuto che «in Argentina il lawfare [neologismo in uso in Argentina per indicare un uso del sistema giudiziario contro gli avversari politici, ndr] ha avuto una componente mafiosa», che «ha portato alla persecuzione dei miei figli. Una componente mafiosa che deve essere probabilmente causata dagli antenati di chi è stato presidente proprio come ha denunciato un noto giornalista del giornale Pagina 12 [giornale da sempre vicino alle sue posizioni politiche, ndr] quando ha parlato della ‘Ndrangheta. Devono essere quegli antenati».

 

All’epoca si scandalizzarono tutti: l’ambasciatore italiano, l’antimafia, e il governatore della Sicilia Musumeci, che disse che avrebbe denunziato.

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di Presidencia de la N. Argentina via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Politica

David Brock, lo specialista di agit-prop dei Clinton, in soccorso dei Biden

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo di Réseau Voltaire. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

David Brock, uomo dei Clinton ritiratosi per problemi cardiaci, è di nuovo sulla breccia. A capo di Facts First USA, nei prossimi due anni avrà a disposizione dieci milioni di dollari per screditare i parlamentari intenzionati di far luce sull’affare Hunter Biden.

 

A febbraio 2017 Thierry Meyssan rivelò gli strumenti e la campagna di David Brock contro Donald Trump (1): bisognava screditare il presidente eletto ancor prima che entrasse alla Casa Bianca, facendolo passare per suprematista bianco, sotto l’influenza della Russia. La gigantesca campagna internazionale è parzialmente riuscita: il Congresso ha avviato due procedure per destituire Trump.

 

Il metodo di Brock è molto pericoloso: moltiplicando le accuse, generalmente inventate di sana pianta, i Clinton vogliono destare sospetti su qualunque persona in grado di nuocere al presidente Biden.

 

Così facendo, corrono il rischio di minare l’autorità delle istituzioni, senza che poi qualcuno sia in grado di ripristinarle.

 

Fu in questo modo che i socialisti tedeschi distrussero la Repubblica di Weimar (1918-1933): pensando di proteggerla, aprirono la strada all’ascesa del nazismo.

 

 

 

NOTE

1) «Il dispositivo Clinton per screditare Donald Trump», di Thierry Meyssan, Traduzione Matzu Yagi, Megachip-Globalist (Italia) , Rete Voltaire, 4 marzo 2017.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari