Connettiti con Renovato 21

Misteri

Hanno appena insinuato pubblicamente che Obama è gay?

Pubblicato

il

Tucker Carlson, il giornalista TV più seguito d’America, ha appena lanciato il secondo episodio della sua nuova serie, Tucker on Twitter, un «programma» caricato direttamente ed esclusivamente sul social media che rappresenta la sua risposta a Fox News che, senza dare alcuna spiegazione, lo ha tolto dal palinsesto, nonostante il suo programma fosse il più seguito dell’intera TV via cavo.

 

Il primo episodio ha totalizzato al momento in cui scriviamo 110 milioni di visualizzazioni. Il secondo viaggia verso i 5 milioni, dopo nemmeno 24 ore. Per fare i raffronti: come giornalista di canale all-news più seguito d’America totalizzava 15 milioni di spettatori.

 

Risulta quindi oggi assolutamente rilevante ciò che Carlson dice nei suoi monologhi, considerando quanta parte dell’opinione pubblica statunitense e mondiale gli dia ascolto.

 

Nel primo episodio ha parlato della diga di Kakhovka, sottolineando come sia improbabile che a farla saltare siano stati i russi.

 

Nel secondo episodio appena caricato, in una tirata di qualità retorica ed argomentativa eccelsa, si è occupato dell’erosione dei tabù della società americana come forma di controllo mentale della popolazione – con ampio passaggio sulla normalizzazione della pedofilia in corso.

 

È nel mezzo di questo discorso che il Carlson ha infilato un accenno che a molti ha fatto drizzare le antenne.

 

Parlando di come sono cambiati negli anni i costumi americani, Tucker ha ricordato il senso di oltraggio che ancora provocavano le scappatelle di Bill Clinton negli anni Novanta. Tuttavia, tale sentimento del pubblico è andato scemando, e già «nel 2008, era ovvio per chiunque prestasse attenzione che Barack Obama avesse una vita personale strana e molto inquietante. Eppure nessuno glielo ha mai chiesto».

 

«A quel punto, il comportamento di un leader all’interno del proprio matrimonio, la relazione fondamentale della sua vita, era stato dichiarato irrilevante. Erano affari di Barack Obama, non tuoi».

 

 

Eh?

 

Nel mondo mainstream – di cui Tucker fa parte per carriera e pure per nascita, pure essendosene allontanato – nessuno aveva mai osato mettere in dubbio la vita privata del primo presidente «nero».

 

Ma come: il quadretto familista presidenziale? La storia d’amore con Michelle? Questa coppia dove lui è esilino mentre lei ha un braccio due volte più muscoloso di quello del marito? Le dichiarazioni contenute nel libro biografico, quando ammette che le figlie sono prodotte in laboratorio?

 

Barack Obama avrebbe una vita personale «creepy», dice Carlson, cioè «losca», «raccapricciante»?

 

Nel sottomondo che i giornaloni e i benpensanti definiscono «complottista», certo questa non è una novità.

 

In rete per anni si era sparsa la voce che Michelle Obama fosse in realtà… un uomo. Cioè, un transessuale. Tonnellate di materiale sull’argomento sono state postate nel tempo da quantità di utenti che credono a questa storia – un’illazione che peraltro subisce anche la First Lady di Francia, che ha minacciato di querelare chi la porta avanti.

 

 

La voce era così insistente che perfino l’attrice Joan Rivers la ripeté in pubblico, non si sa se scherzando o meno. Alla Rivers, considerata un’icona gay, qualcuno aveva chiesto in video se vi sarebbe stato un presidente gay.

 

«Lo sapete che lo abbiamo già avuto con Obama… quindi calmiamoci… Lo sapete che Michelle è un trans» disse la Rivers, che pare perfino seria.

 

 

Le precise parole di Carlson riguardo all’anno 2008 potrebbero riferirsi alle accuse pubbliche dell’ex prostituto omosessuale Larry Sinclair, che il 18 giugno 2008 – pochi mesi prima delle elezioni presidenziali del 2008 – ha tenuto un discorso al National Press Club descrivendo in dettaglio come lui e l’allora senatore Obama ha comprato e fumato cocaina e ha fatto sesso con lui nel 1999.

 

I dettagli sono contenuti in un libro scritto da Sinclair intitolato Barack Obama & Larry Sinclair: Cocaine, Sex, Lies & Murder?, ora terribilmente difficile da reperire.

 

 

Il giornalista investigativo Wayne Madsen ha sostenuto la tesi per cui Obama, nato in una famiglia bianca e benestante alle Hawaii e considerato «effemminato» al liceo (dove lo ricorda un’attrice di Beautiful), sia stato «trasformato» nel comportamento – vestiario, camminata, tono, accento, appeal – per procedere nella carriera politica, dove si è presentato invece come solido attivista sociale di Chicago.

 

A Chicago Obama avrebbe quindi conosciuto il suo futuro capo di Gabinetto, Rahm Emanuel, figlio del terrorista sionista dell’Irgun ed esperto in balletto. Emanuel, come i suoi fratelli che occupano posti di estrema rilevanza sia nella Bioetica che a Hollywood, dopo Obama (pure lasciato prima della fine del mandato) ha fatto quindi una carriera inarrestabile, divenendo sindaco di Chicago e attualmente ambasciatore USA a Tokyo.

 

La vicenda chicaghese andrebbe più a fondo ancora. Secondo alcuni, bisognerebbe indagare sulla questione del coro della Trinity United Church of Christ, la chiesa si Obama a quel tempo. Donald Young, il maestro del coro, fu trovato crivellato di colpi di arma da fuoco nel suo appartamento il giorno di Natale del 2007. Sulla questione vi sono speculazioni assai selvagge da parte dei nemici di Obama.

 

Madsen, forte probabilmente di un giro di fonti dell’Intelligence che lo hanno indirizzato, ritiene che Obama sia in realtà una creatura della CIA, costruita per essere piazzata alla presidenza. La madre cooperante giramondo (che porta il figlio piccolo in zone di guerra come l’Indonesia e il Pakistan), secondo la ricostruzione del giornalista, sarebbe stata nei servizi americani, come probabilmente anche i nonni materni, coinvolti anche in banche che finanziavano gli alleati americani nel Pacifico come Chiang Kai-Scek.

 

Il padre di Obama era invece uno studente alle Hawaii – che all’epoca non erano un paradiso del surf ma una grande installazione militare – dove gli USA accoglievano studenti internazionali sulla scorta di ciò che faceva Mosca con l’Università Lumumba – dove praticamente si creavano agenti di Paesi del Terzo Mondo affiliati alla superpotenza.

 

Curiosamente, il padre e la madre di Obama si conobbero in un corso di russo – una materia che non serve moltissimo tra le pianure nel Kenya, a meno che non si debba, magari, ascoltare qualche conversazione particolare nella lingua di Dostoevskij.

 

La CIA, di fatto, uscirà estremamente rafforzata dall’era Obama: il programma di attacco via droni, iniziato con il predecessore Bush jr, verrà potenziato sino a cagionare migliaia e migliaia di morti in Afghanistan e non solo. Di fatto tale programma, assegnato alla CIA e rodato ad abundantiam su talebani e sospetti terroristi, potrebbe ora essere impiegato per il nuovo vero nemico numero uno degli USA, ossia il «terrorista domestico», cioè chiunque non sia allineato alla narrativa di Washington. In una sempre più possibile Seconda Guerra Civile Americana, saranno i droni – letali ed invisibili – a sistemare le sacche di resistenza in qualsiasi landa desertica dello Utah o fattoria dell’Ohio si possano nascondere.

 

Secondo una serie di scoop del Washington Post, sotto Obama il programma di assassinio via drone era chiamato Disposition Matrix, «matrice di eliminazione» – una vera kill list, non lontana da quelle che vediamo stilare oggi, magari con aiuto americano, per i nemici internazionali dell’Ucraina.

 

Gli anni di Obama sono quelli in cui la CIA è stata lasciata libera di torturare senza pietà, e con metodi sempre più allucinanti, nei suoi black sites, in quelle che chiamano orwellianamente «extraordinary renditions» («restituzioni straordinarie»): il caso dell’«Imam rapito» di viale Jenner a Milano Abu Omar ne è un esempio.

 

Con Obama – e con Biden vicepresidente – si sarebbe avuta quindi l’esecuzione di Bin Laden, con il corpo «gettato in mare» secondo una supposta usanza islamica (così disse la narrativa), una storia a cui tanti, anche fra i militari americani, non hanno creduto – e nemmeno ci ha creduto il reporter premio Pulitzer Seymour Hersh, quello che ora accusa Biden di aver fatto saltare il Nord Stream 2, che la definiva «un’enorme bugia» di cui «nemmeno una parola è vera». Hersh vi scrisse un libro intitolato The Killing of Osama Bin Laden, dalla cui lettura emerge come tutta la storia, che ci era stata venduta con tanto di foto di Obama con i militari che assiste in diretta all’assassinio di Osama a fianco di Biden che sgrana un rosario, sia falsa.

 

Obama fu il presidente sotto cui si vide l’ascesa nella CIA di John O. Brennan, a cui si fanno risalire tante nefandezze di cui stiamo scrivendo. Brennan, come noto, divenne un nemico acerrimo di Trump ancora prima della sua elezione, e capeggiò le cinquanta firme di agenti dell’Intelligence che nel 2020 vergarono la lettera che assicurava che la storia del laptop del figlio di Biden era disinformazione russa. Come noto, la storia fu soppressa sia sui media che sui social media, facendo un grande favore alla campagna di Biden, secondo alcuni spostando pure una certa percentuale di voti.

 

Per anni molta parte dell’opinione pubblica conservatrice radicale – capeggiata allora dal personaggio TV Donald Trump – ha ritenuto che Obama avesse mentito sulla sua nascita: sarebbe nato in Kenya, per cui, secondo la Costituzione USA, non avrebbe mai potuto divenire presidente.

 

La storia dei cosiddetti Birthers – coloro che credevano che il certificato di nascita del presidente fosse un falso – fu stranamente mandata in onda, con dettagli davvero inquietanti (documenti dubbi, morti improvvise, incidenti aerei di persone coinvolte) dalla TV inglese a pochi giorni dalle elezioni 2016.

 

Tuttavia la realtà, come qualcuno può immaginare, potrebbe essere ben più spaventosa di un certificato falso.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

 

 

 

 

 

Misteri

Agente di polizia keniota trovato morto a Washington

Pubblicato

il

Da

Un agente di polizia keniota che faceva parte di una squadra a Washington per i colloqui su una missione di sicurezza pianificata ad Haiti è stato trovato morto in una stanza d’albergo, hanno detto le autorità della capitale degli Stati Uniti.

 

Walter Nyamato, 39 anni, è stato trovato privo di sensi nel suo alloggio nel centro di Washington martedì mattina ed è stato dichiarato morto sul posto, ha detto la polizia metropolitana in un comunicato giovedì, citato da Reuters. È in corso un’indagine sulla causa della morte.

 

Secondo i media locali, Nyamato faceva parte di un gruppo di alti funzionari di Nairobi e Haiti riuniti negli Stati Uniti per redigere un memorandum d’intesa e fissare una data per lo spiegamento della missione di sicurezza approvata dalle Nazioni Unite nella nazione caraibica.

 

Haiti, una nazione di 11,4 milioni di abitanti, ha assistito a un’allarmante ondata di criminalità e disordini, inclusi rapimenti, rapine e omicidi, con bande armate che hanno preso il controllo di alcuni dei suoi porti principali e hanno provocato carenza di beni chiave. L’isola è stata pesantemente colpita da un terremoto nel 2010.

 

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, solo nel mese di gennaio più di 800 persone sono state uccise a causa di violenze legate alle bande, più di tre volte il numero registrato nello stesso periodo dell’anno scorso.

Sostieni Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, tra gli episodi drammatici vi sono anche il rapimento di religiosi e le mitragliate alla stessa ambasciata USA a Port-au-Prince, mentre nelle città si consumano linciaggi, roghi, decapitazioni. Michelle Bachelet, Alto Commissario ONU per i Diritti Umani ha definito due anni fa la situazione della violenza armata come di livello «inimmaginabile ed intollerabile».

 

L’impegno del Kenya di contribuire con 1.000 agenti di polizia alla missione di Haiti è stato bloccato da un tribunale del Paese dell’Africa orientale, che lo ha dichiarato incostituzionale il mese scorso. Il presidente keniano William Ruto ha insistito sul fatto che il piano andrà avanti indipendentemente dalla decisione della corte.

 

Il governo non eletto di Port-au-Prince ha inizialmente richiesto il dispiegamento «immediato» di una forza armata internazionale specializzata per sedare il peggioramento dei disordini un anno dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise nel 2021.

 

Anche se non è stata fissata alcuna data per la missione guidata dal Kenya, il governo di Haiti ha annunciato mercoledì che sta negoziando un accordo ufficiale con Nairobi per garantire lo spiegamento.

 

Si prevede che anche altri Paesi contribuiranno con personale e risorse. Washington ha promesso 200 milioni di dollari per il progetto, nonostante alcuni haitiani si oppongano a qualsiasi coinvolgimento delle truppe occidentali.

 

Come riportato da Renovatio 21, Haiti è considerabile un vero feudo dei Clinton. Dall’Ucraina al Kosovo ai Caraibi, tutto il mondo disegnato negli anni Novanta da Bill e Hillary sta andando in pezzi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Nuno Cardoso via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

Continua a leggere

Misteri

Uomo cade in una voragine e scompare

Pubblicato

il

Da

Le squadre di ricerca e soccorso sono alla frenetica ricerca di un uomo che, secondo quanto riferito, è caduto in una fessura della Terra che si è aperta in seguito all’eruzione di un vulcano a Sud-Ovest della capitale islandese Reykjavík.   Alla fine dello scorso anno, decine di migliaia di terremoti hanno scosso la penisola di Reykjanes, culminando nell’eruzione di un enorme vulcano che ha eruttato giganteschi pennacchi di lava nel cielo.   Ora, secondo il quotidiano islandese Morgunbladid, un uomo che stava lavorando su un crepaccio nella città di pescatori costiera di Grindavik, è caduto nell’apertura, innescando un’operazione di ricerca e salvataggio che ha coinvolto 200 persone.  

Sostieni Renovatio 21

«Siamo venuti a cercarlo finché non lo troviamo», ha detto al giornale il capo della polizia locale Úlfar Lúðvíksson. Peggio ancora, non è ancora chiaro quanto sia profonda o lunga la fessura stessa, «ma la crepa è profonda», ha aggiunto Lúðvíksson. Alcuni hanno stimato che potrebbe essere profondo fino a trenta metri.   I soccorritori si sono calati lentamente nella fessura all’interno di uno speciale cestello.   «Dove è caduto, c’è solo un piccolo buco, ma quando arrivi laggiù, c’è molto più spazio», ha detto a Morgunbladid il membro della squadra di soccorso Jón Þór.   L’intera città di Grindavik ha dovuto essere evacuata all’inizio di novembre dopo che si erano formate enormi crepe nel terreno, rilasciando inquietanti quantità di vapore. Le autorità hanno anche isolato la città e la vicina centrale elettrica.   Come noto, l’Islanda, ora preda di continui fremiti vulcanici, in questi anni ha raggiunto il triste primato di prima Nazione terrestre senza bambini down, perché sono stati tutti eliminati con l’aborto selettivo via diagnosi prenatale.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Misteri

Nuova foto dell’autopsia di Jeffrey Epstein dimostra che non si è ucciso

Pubblicato

il

Da

Il fratello di Jeffrey Epstein, il pedofilo e trafficante sessuale condannato che si sarebbe ucciso in prigione in attesa del processo, ha pubblicato una foto dell’autopsia precedentemente non dichiarata, che, a suo avviso, sfata la versione ufficiale secondo cui il suicidio era la causa della morte.

 

Mark Epstein ha discusso della foto e di altre prove in un’intervista venerdì con la conduttrice del podcast statunitense Megyn Kelly. L’ immagine grafica mostra una grande cicatrice rossa al centro del collo del pedofilo deceduto, che secondo suo fratello non era coerente con i rapporti delle autorità secondo cui si sarebbe impiccato nella sua cella di prigione di New York City.

 

Se Jeffrey Epstein fosse stato trovato appeso alla cuccetta superiore, come riportato, i segni delle legature avrebbero dovuto andare sotto il mento e dietro le orecchie, ha detto suo fratello. «Da quella foto, il segno della legatura sul collo è più al centro del collo e va dritto indietro», ha detto. «In un’impiccagione, arriva molto in alto nella parte anteriore del collo perché sprofondi in quel cappio».

Sostieni Renovatio 21

Jeffrey Epstein è stato trovato morto nella sua cella al Metropolitan Correctional Center di New York nel 2019, mentre era in attesa del processo con l’accusa di traffico sessuale. La sua morte è stata giudicata un suicidio dal capo medico legale della città. Un medico assunto dalla famiglia di Epstein che era presente per l’autopsia ha affermato che alcune prove, comprese fratture multiple al collo, suggerivano che fosse stato assassinato.

 

I dubbi espressi sui risultati ufficiali hanno alimentato la speculazione secondo cui Epstein sarebbe stato ucciso per impedire la possibile esposizione delle persone ricche e politicamente potenti nella sua lista di clienti. I documenti giudiziari precedentemente sigillati di un caso che coinvolgeva una delle presunte vittime del pedofilo sono stati rilasciati il ​​mese scorso ma non contenevano nessuna delle informazioni bomba che alcuni osservatori si aspettavano.

 

Mark Epstein ha ipotizzato che un altro detenuto nella sezione della prigione dove era detenuto suo fratello lo avesse ucciso. La telecamera in quella sezione non funzionava la notte della morte di Epstein, secondo le autorità governative, che si sono rifiutate di rilasciare le riprese di una telecamera fuori dall’ala o di rivelare l’identità degli altri detenuti.

 

«Tutto quello che ho ottenuto da loro, per ogni domanda che ho posto, è stato: “Dopo un’indagine approfondita, abbiamo stabilito che si trattava di un suicidio”», ha detto Mark Epstein. «Questa è stata la risposta che ho ricevuto a ogni domanda». Ha affermato che non sono state seguite le normali pratiche investigative, come lasciare il corpo sul posto fino all’arrivo del medico legale.

 

Mark Epstein ha anche sollevato dubbi sulla foto dell’autopsia delle gambe di suo fratello, che non presentava segni di livido, contrariamente alle affermazioni ufficiali sulla posizione del suo corpo.

 

«Se fosse appeso come hanno detto, ci sarebbero prove di livido nelle gambe e nelle natiche», ha detto.

 

L’uomo aveva mosso le stesse accuse anche in un’intervista a Tucker Carlson un mese fa, mostrando anche un video di come le sue richieste di visura della documentazione pubblica venissero respinte senza motivazioni.

Aiuta Renovatio 21

I misteri attorno alla morte e alla vita di Epstein invece che diradarsi sembrano addensarsi sempre più.

 

Come riportato da Renovatio 21, è emerso che la top model russa Ruslana Korshunova si sarebbe suicidata lanciandosi dal suo appartamento di Nuova York nel 2008, dopo aver visitato la famigerata «pedo-isola» epsteiniana quando aveva solo 18 anni.

 

Due anni fa Jean-Luc Brunel, socio parigino di Epstein esperto in modelle, fu trovato pure lui impiccato in cella.

 

Un anno fa Steven Hoffenberg, finanziere considerato mentore di Epstein, è stato trovato morto nel suo appartamento.

 

Come riportato da Renovatio 21, il caso più inquietante è tuttavia quello di Mark Middleton, ex consigliere di Bill Clinton considerato filo conduttore tra l’ex presidente e il miliardario pedofilo, trovato appeso a un albero con un colpo di fucile al petto all’inizio di maggio 2022 fuori da un ranch in Arkansas.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari