Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

La distruzione del Nord Stream sarà la fine della NATO: parla Seymour Hersh

Pubblicato

il

Continua la serie di interviste con i media mondiali del premio Pulitzer Seymour Hersh, autore dell’incredibile scoop che dettaglia il piano americano che ha distrutto il gasdotto russo-tedesco Nord Stream 2.

 

In un’intervista al Western Standard News con sede a Calgary, un’agenzia di stampa indipendente del Canada occidentale, Hersh ha ribadito che gli Stati Uniti hanno ordinato il sabotaggio degli oleodotti Nord Stream e che il presidente Joe Biden ha commesso un «grave errore».

 

Secondo Hersh, Biden «ha commesso un grave errore. Ha fatto un casino».

 

Il presidente USA «ha detto alla Germania e alla NATO “Quando arriverà il momento critico, ti getterò oltre il muro. Puoi avere freddo, non mi interessa. Se non dai abbastanza soldi all’Ucraina, fottiti”» ha dichiarato il giornalista investigativo all’intervistatore David Krayden.

 

«Questo è quello che ha fatto. Ha fondamentalmente mentito. Ora sta mentendo per spingerci in guerra, come Johnson ha mentito per spingerci in guerra”, ha detto riferendosi a Johnson che ha usato un fittizio attacco militare del Vietnam del Nord contro navi statunitensi nel Golfo del Tonchino per giustificare la guerra del Vietnam».

 

Quando Krayden ha suggerito a Hersh che «la distruzione degli oleodotti potrebbe essere vista come un parallelo storico con l’assassinio dell’arciduca austro-ungarico Francesco Ferdinando, l’evento precipitante della prima guerra mondiale, il reporter ha risposto: «indovina, penso che tu abbia assolutamente ragione».

 

Sebbene Hersh abbia affermato che non c’è «nulla di virtuoso» nell’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin, «non l’ha fatto senza essere spinto», osservando che gli Stati Uniti hanno promesso di non espandere la NATO dopo il crollo dell’Unione Sovietica, ma l’organizzazione continua ad aggiungere nuovi membri.

 

Hersh afferma che la NATO ha persino dispiegato missili in Polonia «che possono essere facilmente resi nucleari»: «pensate cosa succederebbe se la Russia mettesse missili in Messico… o in Canada».

 

Hersh crede che l’azione dell’America sul Nord Stream possa aver avuto l’effetto contrario dell’intenzione di Biden di tenere unita la NATO.

 

«La domanda ora è chi sarà il primo paese a lasciare la NATO?», ha chiesto. La Germania potrebbe essere il primo Paese a de-atlantizzarsi.

 

Come scrive EIRN, la Germania è stata particolarmente colpita dall’inflazione, soprattutto dall’esplosione del 26 settembre 2022 dei gasdotti Nord Stream, secondo il rapporto di gennaio sul sito web Trading Economics, «il costo dell’energia è aumentato del 23,1% e i prezzi dell’energia domestica del 36,5%, vale a dire naturale gas (51,7%) e teleriscaldamento (26%). I prezzi della legna da ardere, dei pellet di legno e degli altri combustibili solidi sono aumentati del 49,6% e quelli del gasolio da riscaldamento del 30,6%. Il costo dell’elettricità è aumentato del 25,7% nonostante il blocco dei prezzi dell’elettricità e l’abolizione della sovrattassa EEG. Il costo dei carburanti è aumentato del 7%. Nel frattempo, il costo del cibo è aumentato del 20,2%, guidato da latticini e uova (35,8%), grassi e oli commestibili (33,8%) e pane e cereali (22,7%)».

 

Come riportato da Renovatio 21, Hersh ha recentemente ribadito anche alla TV cinese che la NATO ha provocato la guerra e la distruzione del Nord Stream serviva a tenere la Germania incollata alla guerra in Ucraina.

 

Hersh ha parlato a diversi giornali tedeschi. Gli effetti sull’opinione pubblica di queste rivelazioni non sono ancora chiari, tuttavia pare che qualche timido cenno di volontà di discussione sia emerso al Bundestag.

 

In Italia questa storia, che riguarda anche il Paese visto il coinvolgimento di aziende italiane nella costruzione della grande infrastruttura sottomarina, non ha mai preso quota davvero sui media.

 

Continua a leggere

Geopolitica

459° giorno di guerra

Pubblicato

il

Da

– Lukashenko: è cominciato il trasferimento di armi nucleari dalla Russia alla Bielorussia. Ieri i ministri della Difesa di Russia e Bielorussia hanno firmato documenti sul dispiegamento delle armi nucleari non strategiche russe sul territorio della Repubblica di Bielorussia. Questa è stata la conferma ufficiale del precedente accordo tra Putin e Lukashenko, ha affermato il presidente della Bielorussia.

 

– Medvedev ritiene che il conflitto ucraino si protrarrà «per molto tempo, forse per decenni»

 

– Gli Stati Uniti hanno fatto sapere all’Ucraina che si oppongono all’uso di attrezzature americane per gli attacchi al territorio russo, ha detto il portavoce della Casa Bianca Kirby. Kiev in risposta ha assicurato che «rispetterà questi consigli», ha detto Kirby. Le autorità dei due paesi hanno discusso la questione «di recente, proprio ieri o giù di lì».

 

– Zelens’kyj ha incaricato il ministero della giustizia di preparare un disegno di legge per introdurre l’ istituto delle unioni civili omosessuali.

 

– Ospedale ucraino colpito a Dnipropetrovsk

 

 

 

– Attacco con droni all’amministrazione di un oleodotto nella regione di Pskov. Pskov è a circa 800 km dal confine ucraino.

 

– Un frammento di un razzo cade su una strada trafficata a Kiev.

 

 

Daily Telegraph: Le autorità ucraine sono passate a metodi aggressivi di mobilitazione, cercando di compensare le perdite tra i militari in vista della controffensiva.

 

Bloomberg: i caccia americani F-16 sono vulnerabili alle ultime attrezzature militari russe. Gli F-16 che Kyiv intende ricevere dall’Occidente hanno radar meno potenti e missili a raggio più corto rispetto ai moderni caccia e sistemi di difesa aerea russi. A causa di queste limitazioni, l’esercito ucraino dovrà probabilmente ripensare le proprie aspettative di superiorità aerea. Gli interlocutori di Bloomberg notano che questi F-16, molto probabilmente, non saranno in grado di modificare in modo significativo l’equilibrio di forze nella regione o dare a Kiev un vantaggio sulla Russia. Nonostante ciò, l’F-16 fornirà comunque all’Ucraina «capacità aggiuntive che attualmente non ha».

 

– La nave da ricognizione e intelligence “Ivan Khurs” è stata attaccata da alcuni droni navali mentre si trovava a circa 140 chilometri a nord-est del Bosforo, nella zona economica esclusiva della Turchia. Ignoto il risultato dell’attacco ma non si segnalano richieste di soccorso.

 

 

 

– Le imprese italiane rimangono e rimarranno in Russia, ha dichiarato il presidente dell’Associazione degli imprenditori Italiani in Russia, Vittorio Torrembini. «Siamo sotto pressione da tutte le direzioni. Ma negli ultimi decenni le imprese italiane sono penetrate profondamente nell’economia russa, hanno investito miliardi di euro in essa, decine di aziende sono presenti qui. Non lasceremo un mercato così attraente».

 

– Il senatore Lindsey Graham va Kiev a dire a Zelensky che i soldi per uccidere i Russi sono quelli meglio spesi.

 

 

 

– Una delle condizioni per raggiungere la pace in Ucraina è la rinuncia di Kiev ad aderire a NATO e UE e il ritorno dell’Ucraina a uno status neutrale non di blocco, ha detto a TASS il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin.

 

– Lukashenko ieri (a Tokaev che aveva espresso timori per l’acquisito status nucleare della Bielorussia): se il Kazkhistan entra nello Stato Riunito ci saranno atomiche per tutti.

 

– Raffineria petrolifera di Kharkov colpita da un drone suicida Geran

 

 

 

– Putin: ho deciso di ripristinare i collegamenti aerei con la Georgia per le persone di quel paese che vogliono rapporti normali con la Russia e per i nostri cittadini che ci vogliono andare in vacanza.

 

– Nell’ultimo anno, le consegne indiane di prodotti petroliferi alla UE sono aumentate del 70% a 15 miliardi di dollari, sullo sfondo di una forte crescita di esportazioni di greggio dalla Russia all’India da 2,5 a 31 miliardi di dollari.

 

Newsweek ritiene che le elezioni turche abbia vinto Putin.

 

– Missili su Zhytomir.

 

 

 

– Il ministro degli interni russo Kolokol’zev ha visitato l’Arabia Saudita ed ha trovato affinità con la Russia: in entrambi i paesi, dice, si intende resistere alla cultura dell’occidente, dove presto si potranno sposare gli animali.

 

– Trattative fra Arabia Saudita e New Development Bank in vista di un ingresso dei sauditi nell’istituto finanziario dei BRICS con sede in Cina.

 

– Antiaerea in azione nella zona russa di Rostov

 

 

 

– La Cina potrebbe ritardare la costruzione del gasdotto Power of Siberia-2, preferendo dare la precedenza a Linea D, progetto di un gasdotto dell’Asia centrale per le forniture di gas dal Turkmenistan. riferisce Reuters citando fonti.

 

– Pashinyan ha affermato che ad oggi non esiste una bozza di trattato di pace concordato con Baku che possa essere firmata. In precedenza, in un incontro a Mosca, Aliyev aveva annunciato la possibilità di raggiungere un accordo di pace tra Baku e Yerevan, dal momento che l’Armenia ha riconosciuto il Karabakh come parte dell’Azerbaigian.

 

– Scontri in Kosovo

 

 

 

–  Zelens’kyj propone di imporre sanzioni contro l’Iran per 50 anni, secondo una bozza di risoluzione da lui presentata sabato alla Rada.

 

Financial Times: «L’Ucraina ha bisogno di fondi. È giunto il momento per le obbligazioni popolari europee. La stragrande maggioranza degli europei sostiene l’assistenza finanziaria all’Ucraina e, con l’aumentare delle esigenze di Kiev, la UE e un certo numero di paesi europei dovrebbero utilizzare direttamente la buona volontà delle loro popolazioni nei confronti dell’Ucraina. L’Europa deve emettere gli eurobond per l’Ucraina. Gli Stati Uniti forniscono il maggior supporto militare e la maggior parte dei costi futuri della ricostruzione dell’Ucraina dovrebbero essere sostenuti dall’UE e dagli Stati membri».

 

– La presidente moldava Sandu: l’idea di unirci alla Romania non riscuote grande consenso, per cui abbiamo deciso di puntare tutto sull’integrazione europea.

 

– Guerra di trincea

 

 

 

– Il ministero dell’interno russo ha inserito il senatore americano Lindsey Graham nella lista dei ricercati.

 

Politico: Ungheria e Grecia stanno bloccando l’undicesimo pacchetto di sanzioni alla Russia. Pretendono che Kiev rimuova loro società da un elenco di entità che «favoriscono la guerra».

 

– I militari russi avrebbero fatto saltare la diga Karlovka

 

 

 

– Dichiarazioni del capo di stato maggiore degli Stati Uniti Milley sulla guerra:
– Obiettivi strategici ucraini – liberare tutto il territorio occupato dai russi – «possono essere raggiunti con mezzi militari, ma probabilmente non nel prossimo futuro»;
– in Ucraina ci sono «diverse centinaia di migliaia di truppe russe»;
– «Cosa significa? I combattimenti continueranno, saranno sanguinosi e duri. E ad un certo punto, entrambe le parti avvieranno i negoziati. Oppure arriveranno a una soluzione militare in futuro e noi continueremo a sostenere l’Ucraina nella lotta per la libertà»

 

– Elezioni turche, festa per dei supporter di Erdogan dinanzi alla sua residenza

 

 

 

 

– Lukashenko ha dichiarato di aver concordato con Putin che l’introduzione di una moneta unica per il momento non è all’ordine del giorno.

 

– Il Pakistan ha ricevuto accesso diretto al mercato russo, con i collegamenti commerciali marittimi con la Repubblica islamica. All’inizio di giugno è previsto l’arrivo in Pakistan della prima petroliera con il petrolio russo nell’ambito di un accordo raggiunto ad aprile. Le autorità pakistane hanno annunciato la spedizione della prima partita di petrolio russo di 100 mila tonnellate, con uno sconto di 16-18 dollari al barile dai prezzi Platts. I pagamenti saranno effettuati in yuan cinesi

 

– Esplosioni a Berdjansk: potrebbero essere i missili britannici Storm Shadow lanciati dall’Ucraina nell’area di Zaporiggia

 

 

 

– Rapporto riassuntivo della Wagner sulle perdite dell’esercito ucraino sul fronte di Bakhmut:
Militari dell’esercito ucraino uccisi – 72.095
Catturati – 509
Carri armati distrutti – 309
Veicolo da combattimento della fanteria – 566
Veicolo trasporto truppe – 131
Automobili blindate – 1134
Auto distrutte – 2075
Mortai e cannoni distrutti – 3155
Cannoni anticarro – 300
Cannoni semoventi – 124
MLRS – 83
Sistemi di difesa aerea distrutti – 45
UAV distrutti – 282
Aerei distrutti – 5
Elicotteri distrutti – 4
Sistemi di guerra elettronica/radar distrutti – 149

 

 

 

– Il patriarca Kirill ha destituito l’ arciprete Leonid Kalinin, che aveva sollevato delle obiezioni tecniche al trasferimento della Trinità di Rublev dalla galleria Tret’jakov al Monastero di San Sergio di Sergeev Posad.

 

– Atroci filmati GoPro dei combattimenti a Bakhmut.

 

 

 

– Prigozhin dice che se non impegnata in Ucraina, Wagner può liberare in due mesi un quinto dell’Africa.

 

– Spot di reclutamento delle Forze Ucraine

 

 

 

Bloomberg: il gruppo BRICS dei mercati emergenti – Brasile, Russia, India e Cina, con il Sudafrica aggiunto in seguito – è passato da uno slogan inventato in una banca d’investimento a un club del mondo reale che controlla anche un’importante banca di sviluppo. Ora paesi di tutte le tendenze politiche, tra cui Iran e Arabia Saudita, chiedono a gran voce di aderire, creando potenziali attriti al vertice del club del 22-24 agosto a Johannesburg.

 

– Lavrov è in Kenia, impegnato nel quarto viaggio diplomatico in Africa dall’inizio dell’anno.

 

– La Repubblica Centrafricana (RCA) è interessata ad ospitare una base militare russa sul proprio territorio. Lo ha detto l’Ambasciatore della Repubblica Centrafricana a Mosca, Leon Dodon.

 

 

 

 

Rassegna tratta dal canale Telegram La mia Russia e Intel Slava Z.

 

 

Immagine da Telegram

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Lavrov: gli USA si stanno preparando a portare il mondo sull’orlo della Terza Guerra Mondiale

Pubblicato

il

Da

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha parlato al programma televisivo «Mosca. Cremlino. Putin», secondo un estratto pubblicato il 26 maggio sul canale Telegram del giornalista Pavel Zarubin.

 

«Per ora, Washington sta istigando i suoi satelliti europei [ad inimicarsi] la Federazione Russa, pensando di poter farla franca con qualsiasi cosa», ha dichiarato Lavrov.

 

«Washington ritiene che la sua autoconservazione sia assicurata dall’Oceano Atlantico. Questo rappresenta anche un grave errore se si stanno preparando a portare il mondo sull’orlo della Terza Guerra Mondiale».


Lo scorso venerdì è stata una giornata trafficata per il ministero degli Esteri russo.

 

In primo luogo, ha rilasciato una dichiarazione in cui avverte che Mosca potrebbe interrompere le relazioni diplomatiche con Londra a causa del ruolo del Regno Unito negli attacchi terroristici ucraini all’interno della Russia, come riportato dall’articolo del Wall Street Journal. L’avvertimento agli Stati Uniti è implicito in questa dichiarazione.

 

Più tardi, nello stesso giorno, il ministero degli Esteri ha anche convocato i diplomatici statunitensi per presentare una «forte protesta» contro le «dichiarazioni provocatorie» e le «osservazioni inaccettabili» del consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan, che aveva rilasciato una dichiarazione che dava di fatto il via libera all’Ucraina per lanciare attacchi contro il territorio russo, compresa la Crimea e la regione di Belgorod, ha affermato il ministero in una nota.

 

Nel resoconto di TASS, le «parole di Sullivan dimostrano che le precedenti dichiarazioni degli Stati Uniti che suggerivano che Washington non approva alcun attacco ucraino sul territorio russo sono ipocrite e false», afferma la dichiarazione del ministero degli Esteri russo.

 

Le armi e le attrezzature fornite dagli Stati Uniti, aggiunge la nota, vengono utilizzate dall’Ucraina per «atti terroristici… Le azioni ostili degli Stati Uniti, che da tempo sono diventati parte del conflitto, hanno fatto precipitare le relazioni USA-Russia in crisi pericolosa carica di conseguenze imprevedibili».

 

Il comunicato del dicastero diplomatico del Cremlino inoltre afferma che «qualsiasi forma di aggressione contro la Russia sarebbe sempre stata accolta con una risposta risoluta».

 

Lo scorso 21 maggio, Sullivan aveva dichiarato alla CNN: «non abbiamo posto limiti alla capacità dell’Ucraina di colpire il suo territorio all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale… crediamo che la Crimea sia l’Ucraina». Di fatto, Sullivan ripete la linea già dettata da Victoria Nuland che ha dichiarato che la Crimea è un «obiettivo legittimo» di Kiev.

 

Sullivan, che il reporter premio Pulitzer Seymour Hersh ritiene essere tra le persone coinvolte nella distruzione del gasdotto Nord Stream 2, potrebbe essere coinvolto anche nella destabilizzazione della Georgia e del Caucaso meridionale, i cui effetti sono sotto i nostri occhi nell’ora presente.

 

Lavrov l’anno scorso aveva dichiarato che gli anglosassoni non avrebbero permesso all’Ucraina di negoziare la pace, e la storia gli ha dato ragione.

 

Sempre un anno fa, il ministro degli Esteri russi aveva parlato di una prospettiva di Terza Guerra Mondiale che potrebbe essere «nucleare» e «distruttiva».

 

«Salvate l’umanità dall’inferno» aveva detto Lavrov alla plenaria ONU lo scorso 24 settembre.

 

Continua a leggere

Geopolitica

Boris Johnson ha cercato di convincere Trump a sostenere l’Ucraina

Pubblicato

il

Da

Boris Johnson ha incontrato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha cercato di convincerlo della «vitale importanza della vittoria ucraina», ha detto venerdì ai giornalisti un portavoce dell’ex primo ministro britannico. Trump ha rifiutato di sostenere gli obiettivi militari di Kiev, chiedendo invece una soluzione diplomatica al conflitto con la Russia.

 

Johnson ha cenato con Trump giovedì, ha detto il suo portavoce a diverse testate statunitensi e britannici: «il deputato Boris Johnson ha incontrato il presidente Donald J. Trump per discutere della situazione in Ucraina e dell’importanza vitale della vittoria ucraina».

 

Johnson è stato in tournée negli Stati Uniti la scorsa settimana nel tentativo di raccogliere il sostegno per l’Ucraina da parte di un partito repubblicano la cui base elettorale è sempre più scettica nei confronti dei continui aiuti statunitensi a Kiev. «Vi esorto solo a mantenerlo», ha detto lunedì a una folla di lobbisti e donatori conservatori in Texas, aggiungendo che il loro sostegno «sarà ripagato in modo massiccio nel lungo periodo».

 

Dall’inizio dell’operazione militare russa in Ucraina lo scorso febbraio e dopo le sue dimissioni da primo ministro la scorsa estate, Johnson è stato costantemente uno dei più ferventi sostenitori dell’Ucraina e del suo presidente, Vladimir Zelensky.

 

Johnson è stato uno dei primi leader occidentali a incontrare Zelens’kyj a Kiev e, secondo quanto riferito, ha spinto la sua controparte ucraina a ritirarsi da un accordo di pace mediato dalla Turchia lo scorso aprile.

 

Trump, d’altra parte, ha ripetutamente chiesto la pace. Accusando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden di rischiare una terza guerra mondiale incanalando decine di miliardi di dollari di armi in Ucraina, Trump ha promesso di risolvere il conflitto “in un giorno” se eletto presidente il prossimo anno.

 

Alla domanda della CNN se vuole che «l’Ucraina vinca questa guerra», Trump ha detto all’inizio di questo mese che pensa “in termini di risoluzione, quindi smettiamo di uccidere tutte queste persone».

 

Pressato sulla questione dalla giornalista CNN, Trump non si impegnerebbe a sostenere Kiev. «Stanno morendo, russi e ucraini. Voglio che smettano di morire».

 

Il portavoce di Johnson non ha detto quale sia stata la risposta di Trump falle pressioni dell’ex premier britannico.

 

Come riportato da Renovatio 21, ad aprile 2022, a pochi giorni dallo scoppio del conflitto, Johnson volò a Kiev e fece saltare un accordo di pace tra Russia e Ucraina. Al G7 di un anno fa, ancora premier, insisteva forsennatamente per la fornitura di armi a Kiev e per il boicottaggio petrolifero antirusso.

 

Fu emblematico quando all’Italia che si apprestava ad andare al voto Johnson disse, parafrasando, che sì, potevamo cambiare il governo, ma non la politica di sostegno totale all’Ucraina. Bisogna dire che è andata proprio come voleva lui.

 

Nel frattempo, continuano in patria gli scandali sui festini suoi e del successore Liz Truss quando erano premier, con tracce di cocaina trovate nelle loro residenze.

 

Durante questi anni il Johnson, passato dall’essere un avversario dei lockdown («preparatevi a veder morire i vostri cari») ad un accanito sostenitore delle clausure totale che hanno di fatto bloccato il Regno Unito per quasi tutto il 2021, ha incontrato multiple volte Bill Gates.

 

 

Continua a leggere

Più popolari