Connettiti con Renovato 21

Droga

Dietro al rave dello scandalo: l’opportunismo, le politiche di Soros e i traffici internazionali di pastiglie

Pubblicato

il

 

 

Il rave in Toscana è finito. Il più grande pugno tirato nella faccia della popolazione internata dal COVID – dai gestori di discoteche chiuse, agli attivisti ora denunciati perché scesi in piazza a protestare contro il green pass – si è spento.

 

La faccenda in apparenza ha dell’incredibile. Un gruppo franco-spagnolo organizza una mega-festa con 15 palchi e almeno 10 mila partecipanti su di una proprietà privata – un altro diritto che probabilmente è evaporato nel bienni pandemico.

 

Di più: lo fanno su un campo dell’ex sindaco del Paese, un uomo di destra che assiste stupefatto allo svolgersi degli eventi. C’è scappato il morto, forse due. Una ragazza ha avuto le doglie e partorito. I cani hanno ucciso le pecore che pascolavano, ma si parla anche di vari poveri fido morti di caldo. Chetamina a 5 euro, LSD a 10. Le farmacie della zona, hanno detto, hanno finito le siringhe. Ricoveri per coma etilico e overdose. Due presunti stupri denunciati.

 

Non vogliamo nemmeno immaginare cosa il povero proprietario – un allevatore – si troverà a dover pulire. Vetri, preservativi usati, qualche siringa. La bonifica potrebbe non finire mai. Gli animali dovrebbero tornare a pascolare lì?

 

Tuttavia, le domande che premono sono altre.

Il ministero degli Interni potrebbe aver scelto di non interrompere la festa perché i possibili conseguenti tafferugli, cioè l’ultima cosa che vuole un governo  in questo preciso momento

 

Soprattutto, perché non è stato fermato con la forza? Di rave bloccati dalla polizia si ha memoria. Questa volta non è successo, e i raver sono andati avanti indisturbati – come zombie, a vedere dalle foto – a ballare drogati per giorni anche dopo che lo scandalo era sui telegiornali delle otto. È la TAZ – la zona temporaneamente autonoma teorizzata dal filosofo anarco-pedofilo Hakim Bey – realizzata nell’estate 2021. Tunz-tunz-tunz

 

Ci sono diverse risposte a questa domanda.

 

La prima: il ministero degli Interni potrebbe aver scelto di non interrompere la festa perché i possibili conseguenti tafferugli. Cioè, l’ultima cosa che vuole un governo, e specie un ministro apertamente schierato con le politiche sociali e migratorie di sinistra,  in questo preciso momento.

 

Il lettore che segue Renovatio 21 sa che un esempio di recente c’è già stato, in Francia, due mesi fa: la battaglia al rave di Ille-et-Vilaine, in Bretagna, dove negli scontri «di estrema violenza» tra la polizia e i festaioli ad un ragazzo è stata mozzata la mano.

 

 

Il bagno di sangue, così poco telegenico, è stato risparmiato

Per fronteggiare una massa di 10 mila persone ci vogliono quantità di manganelli poco fotogeniche, soprattutto di questi tempi, dove in molti sta montando l’idea di vivere in una società repressiva. Creare nel cuore di agosto una Tien’An Men techno non è l’ideale per la carriere di molti, e la tenuta del governo (nonostante abbiamo visto che siano proprio talvolta i «sinceri democratici» delle testate dell’oligarcato chiedere il golpe militare).

 

Che il ministro e la sua cintura di decisori abbia preso nota? Difficile a dirlo, considerando la superficialità con cui ha trattato la questione del green pass, passando da mezzi avvertimenti a frasi confusionarie in pochi giorni..

 

Tuttavia, il bagno di sangue, così poco telegenico, è stato risparmiato.

 

Un’altra risposta potrebbe essere che si tratti di un favore elettorale: anche i techno-fattoni, pensano i ministri di area PD, votano, come votavano i centri sociali, che talvolta sono perfino riusciti a mandare in Parlamento qualche loro non indimenticabile sgherro.

 

Eppure, sarebbe anche questo un errore. Chi conosce il mondo dei Technival sa quanto siano apolitici, perché il nichilismo neuronale risultante dalla combo anfetamina più musica elettronica occupa tutta la loro vita, e non hanno davvero tempo di pensare a cose complicate come le elezioni, le leggi, il futuro, la famiglia, etc. Ma tant’è: i no-vax in piazza (che, invece, votano eccome) si possono reprimere, i raver smandibolatori no.

 

Quindi: non hanno caricato per l’illusione ottica di un possibile opportunismo politico?

 

Quindi: non hanno caricato per l’illusione ottica di un possibile opportunismo politico?

La verità è che ci sarebbe un’altra domanda da farsi. Che è forse ancora più basilare.

 

Chi c’è dietro ai rave? Sono davvero un fenomeno spontaneo, senza padroni, senza finanziatori?

 

Difficile dirlo, perché si tratta di eventi ed organizzazioni di per sé davvero opache, nomadi, chiuse – segrete al punto che anche i luoghi delle feste . Tuttavia, ci ha colpita una delle descrizioni del rave finita sui giornali: «c’erano i “laboratori” della riduzione del danno dove le sostanze venivano preventivamente analizzate per non correre rischi inutili» scrive il Corriere di oggi.

 

Cioè, vi erano  dei banchetti dove testavano la droga che si acquistava, con «opuscoli con informazioni di base diffusi fra i presenti per evitare comportamenti dannosi». Cioè, ripetiamo l’espressione, quella che si chiama «riduzione del danno».

 

Qui bisogna alzare le antenne: la «riduzione del danno» è da sempre uno dei cavalli di battaglia di George Soros, per i cui programmi ha versato miliardi. La gente oggi tende a dimenticarlo, ritenendolo solo il miliardario dietro a certe rivoluzioni colorate, all’attacco alla lira e alla sterlina, e all’immigrazione totale che stiamo vivendo: no, Soros è stato anche uno dei più grandi sostenitori globali della droga libera.

 

Anni fa Soros scrisse di suo pugno un articolo per il Financial Times in cui ricordava come il suo approccio fosse diverso da quello dei governi nazionali:

 

Chi c’è dietro ai rave? Sono davvero un fenomeno spontaneo, senza padroni, senza finanziatori?

«La guerra alla droga è stata un fallimento da mille miliardi di dollari… Per oltre quarant’anni i governi di tutto il mondo hanno speso enormi somme su politiche repressive. Questo a discapito di programmi che funzionano». L’allusione è alle politiche della cosiddetta riduzione del danno, delle quali il Soros è munifico sostenitore. «Non è stato solo uno spreco di danaro: è stato controproducente»

 

«Il proibizionismo e la lotta alle droghe hanno fatto più male che bene… Per anni, la mia Open Society Foundation ha supportato programmi di riduzione del danno come lo scambio di siringhe…»

 

Insomma, dietro all’idea che la droga sia inarrestabile, e quindi non vada in alcun modo combattuta, ma ne vadano solo mitigati gli effetti, ci sono i miliardi del solito miliardario Soros.

 

Al momento, non sappiamo quale associazione che si interessa di «riduzione del danno» abbia stampato i dépliant in libera distribuzione al rave della Tuscia, né se quei «volontari» ai banchetti fossero in qualche modo stipendiati…

 

Sappiamo però che l’interesse delle forze globaliste per l’argomento c’è – eccome. Un mondo con la droga libera è un mondo di intossicati; un mondo di intossicati è davvero più facile da comandare (e anche: più economico) rispetto ad uno fatto di famiglie e cittadini responsabili…

 

Un altra domanda che nessuno si fa è: da dove viene quella immane quantità di droga consumata nei rave, così come nelle discoteche italiane dove ogni anno, in genere, ci scappa il morto con relativo e transeunte scandalo?

 

«Il proibizionismo e la lotta alle droghe hanno fatto più male che bene… Per anni, la mia Open Society Foundation ha supportato programmi di riduzione del danno come lo scambio di siringhe…» George Soros

Negli anni Novanta si bisbigliava che a produrla fossero le stesse farmaceutiche: del resto, come l’eroina fu inventata e commercializzata dalla Bayer, l’ecstacy, o MDMA – cioè la droga principalmente consumata con la musica elettronica – fu sintetizzata dalla Merck. Non c’è prova del fatto che Big Pharma produca oggi queste droghe e le smerci sottobanco: si tratta di una sorta di cospirazionismo drogastico-farmaceutico, che si diffonde tra le chiacchiere notturne di ragazzini storditi.

 

Tuttavia, ci sono invece prove del fatto che nel traffico di pastiglia siano attivi cittadini di un determinato Paese mediorientale, lo Stato di Israele.

 

Il quotidiano francese Liberation scriveva il 23 luglio 2001 che la mafia israeliana «ha dirottato il mercato delle droghe sintetiche». L’11 agosto dello stesso anno, anche Le Figaro confermava che «l’Ecstasy è il campo di caccia privato del sottobosco criminale israeliano».

 

«Gli Israeliani sono al centro del commercio dell’ecstasy» scrive il 1 novembre 2009 Haaretz analizzando un documento dello U.S. State Department. «Negli anni recenti, il crimine organizzato israeliano, con qualche legame presso le organizzazioni criminali della Russia, hanno preso controllo della distribuzione della droga in Europa, secondo un documento del Bureau for International Narcotics and Law Enforcement Affairs». Lo stesso documento mostra pure come «gruppi criminali israeliani hanno le mani sulla distribuzione di ecstasy in Nordamerica»

 

Grazie alla multinazionalità israeliana – i cittadini dello stato ebraico hanno in genere più di un passaporto, e legami con USA, Russia, Europa – la rete di traffico messa in piedi dagli israeliani e vastissima e profonda

 

Sono coinvolte diverse famiglie, coinvolte in faide con autobombe, esecuzioni,  e omicidi vari.

 

Una delle principali famiglie, Abergil sono oggetto negli USA di ogni capo di imputazione: assassinii, riciclaggio, estorsioni, frode, controllo di casinò illegali, collusione con una gang di Latinos (i Vineland Boyz) nella sua guerra criminale contro un cartello di rivali messicani.

«Gli Israeliani sono al centro del commercio dell’ecstasy» scrive il 1 novembre 2009 Haaretz

 

L’Olanda è uno degli snodi principali per gli israeliani, con milioni di pasticche spedite ovunque, dall’Europa a ogni Stato degli USA.

 

Perfino in luoghi dove i tentacoli della diaspora non dovrebbero arrivare compaiono kapò dello smercio israeliano di metanfetamina: nel settembre del 2000, la polizia giapponese arresta un cittadino israeliano per lo smuggling di almeno 25.000 pastiglie su suolo nipponico.

 

Se non credete alla vastità del fenomeno, è sufficiente rammentare il caso del ministro Gonen Segev, un pediatra della zona di Haifa che fu non solo deputato alla Knesset (il parlamento israeliano), ma pure ministro dell’energia e delle infrastrutture  1995 sia sotto il governo di Yitzhak Rabin e sotto il successivo governo presieduto da Shimon Peres. Non un politico qualsiasi: si considera che il suo voto fu fondamentale per il passaggio degli accordi di Oslo presso la Knesset.

 

Ebbene, nel 2004 l’ex-ministro di Tel Aviv viene arrestato all’aeroporto di Amsterdam mentre si imbarca su di un volo per Israele. Dice alle autorità aeroportuali che quelle pillolette colorate che gli hanno trovato siano delle M&Ms, avete presente, i variopinti cioccolatini che piacciono ai bambini. Invece erano migliaia e migliaia di pasticche di ecstasy.

 

Non fermare il rave, indirettamente, corrisponde al non fermare questa marea di psicofarmaci illegali che infiltrano il cervello della nostra gioventù

Insomma, l’onorevole, già ministro di un Paese che dispone di almeno 200 testate atomiche non dichiarate», trasportava ecstasy in quantità.

 

Ora, sarebbe bello capire quali percorsi hanno seguito le pastiglie consumate per istupidire e tenere in piedi i 10 mila raver del viterbese. Sarebbe bello sapere questo, e tante altre cose.

 

Del resto, attraverso i confini italiani, con gli ultimi governi, sono entrati milioni di clandestini – figuriamoci dunque quante pasticchette potrebbero essere passate.

 

Non fermare il rave, indirettamente, corrisponde al non fermare questa marea di psicofarmaci illegali che infiltrano il cervello della nostra gioventù.

 

E chi si droga ad una festa d’estate con psicofarmaci legali, mai dirà di no a quelli legali, soprattutto in annate in cui il lockdown ne ha moltiplicato il consumo – in perfetta legalità civile ed etica medica.

Per noi, da dovunque la si guardi, si tratta di un unico fenomeno, una vera catastrofe cerebrale generazionale, con i ragazzi trasformati sempre più consapevolmente in zombie assuefatti a sostanze sintetiche.

 

Altro che «riduzione del danno».

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Bizzarria

Papa Tequila: Bergoglio dice di voler curare il ginocchio con i superalcolici

Pubblicato

il

Da

È divenuta virale la clip di Papa Francesco che afferma di voler curare il dolore al ginocchio con la Tequila, un potente superalcolico messicano.

 

Il video, che originariamente sembra essere stato postato sul social cinese TikTok, mostra Bergoglio in Piazza San Pietro intento a parlare dalla papamobile con un gruppo di seminaristi della Legione di Cristo, movimento fondato dal molto controverso sacerdote messicano Maciel Degollado.

 

Usando la lingua spagnuola,  il Bergolio ha detto ai praticanti messicani che, sebbene possa essere un «capriccio», ciò che realmente sarebbe necessario per lenire il suo dolore articolare sarebbe «un po’ di tequila».

 

 

 

Sarebbe comodo dire che tutti gli orrori visti nel mondo cattolico questi anni, quindi, potrebbero essere dettati da uno stato di ebbrezza. Non ci risulta che nessun papa, neanche per ischerzo, abbia mai parlato di superalcolici.

 

Purtroppo, non è così: non è l’ubriachezza, che ha distrutto la chiesa, ma il modernismo, ossia la trasformazione del Vaticano in un ente in via di programmatica autodemolizione.

 

Mentre Bergoglio ride, e parla di Tequila, il cardinale Zen, novantenne, sta affrontando la Cina comunista, che pochi giorni fa lo ha arrestato.

 

Mentre Bergoglio ride, sacerdoti vengono torturati all’ombra del suo accordo sino-vaticano.

 

Mentre Bergoglio scherza, la fede viene erosa e distrutta – in ogni angolo della terra. Chi si può ancora fidare di una chiesa di fatto atea, anzi, guardando a Pachamama et similia, completamente paganizzata, satanizzata?

 

Bergoglio può tentare di essere simpatico (non lo è, non lo era prima, non lo sarà mai) parlandoci di Tequila come farmaco. La realtà è che egli ha imposto a tutto il suo Paese, e a miliardi di cattolici, un farmaco genetico sperimentale mRNA.

 

Renovatio 21 è stata tra i primi a parlare dell’effetto dell’obbligo vaccinale in Vaticano, intervistando una guardia svizzera che per non sottomettersi al siero genico si è, con grande dolore, allontanato da Roma.

 

Il tutto mentre Bergoglio incontra segretamente il CEO di Pfizer.

 

Ecco, la voglia di ridere ci è passata completamente.

 

Ricordiamo che il primo volo interamente vaccinato – cioè, sierizzato mRNA – della storia umana lo inventò il Bergoglio per la sua visita in Iraq: i giornalisti potevano essere ammessi in aereo solo se vaccinati.

 

Chissà se in volo la tequila la servivano.

 

 

Continua a leggere

Droga

Un nuovo Pablo Escobar: il «trafficante di droga più pericoloso» al mondo estradato negli USA

Pubblicato

il

Da

Il narcotrafficante omicida e signore della guerra colombiano Dairo Antonio Usuga David, noto anche come «Otoniel», è stato estradato mercoledì negli Stati Uniti per scontare la pena per traffico di droga, nonostante le obiezioni delle sue vittime.

 

«Voglio segnalare che Dairo Antonio Usuga alias “Otoniel” è stato estradato; trafficante di droga più pericoloso del mondo, assassino di leader sociali e agenti di polizia, abusatore di bambini e adolescenti. Oggi trionfano la legalità, lo stato di diritto, la forza pubblica e la giustizia», ​​ha scritto su Twitter il presidente colombiano Ivan Duque.

 


I familiari delle vittime di Otoniel si erano opposti all’estradizione, chiedendo di mantenere il boss in Colombia in modo che potesse essere processato per crimini contro l’umanità in un tribunale nazionale.

 

Il presidente Duque ha affermato che il trafficante di droga dovrà ancora affrontare la giustizia in Colombia.

 

«Questo criminale è stato estradato per scontare condanne per traffico di droga negli Stati Uniti», ha detto. «Ma voglio essere chiaro che una volta che saranno serviti, tornerà in Colombia per pagare i crimini commessi contro il nostro Paese».

 

Non ci è quindi immediatamente chiaro cosa succederà in caso i giudici USA dovessero comminare l’ergastolo.

 

Dopo una caccia all’uomo durata sette anni, Otoniel è stato  catturato vicino al confine con Panama in ottobre. L’operazione ha coinvolto 500 soldati e 22 elicotteri. Il rilevamento della sua posizione è stato facilitato dal rilevamento dei membri del cartello che gli stavano portando un tipo specifico di farmaco per curare la sua malattia renale.

 

Prima del suo arresto, Washington aveva offerto una taglia di 5 milioni di dollari per la posizione del potente narcotrafficante, mentre Bogotà ne offriva 800 mila. Al momento della sua cattura erano stati emessi 132 mandati di cattura. Tra le accuse, l’aver inviato dozzine di carichi di cocaina negli Stati Uniti, l’aver ucciso agenti di polizia nonché l’aver reclutato minori e abusato sessualmente di bambini, riporta Reuters.

 

Otoniel era leader del famigerato Clan del Golfo, ritenuto uno dei più grandi esportatori di cocaina al mondo. È stato accusato di aver portato negli Stati Uniti almeno 73 tonnellate di cocaina tra il 2003 e il 2012.

 

Usuga era un membro dell’Ejército Popular de Liberación («Esercito popolare di liberazione»), un gruppo di guerriglia comunista, fino allo scioglimento nel 1991. Si è poi unito all’AUC (Autodefensas Unidas de Colombia), un gruppo paramilitare di estrema destra colombiano legato al narcotraffico.

 

Secondo alcuni, l’arresto di Otoniel è il più grande colpo per il traffico di droga della Colombia dall’assassinio di Pablo Escobar nel 1993.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

Ecco i droni dei cartelli della droga messicani: 9.000 incursioni di droni nello spazio aereo statunitense

Pubblicato

il

Da

I cartelli della droga messicani hanno condotto oltre 9.000 incursioni di droni nello spazio aereo statunitense nel solo 2021.  Lo ha riferito il sito del gruppo attivista Judicial Watch la scorsa settimana. 

 

Judicial Watch ha parlato con un alto funzionario della sicurezza interna, ha intervistato funzionari federali della Customs and Border Protection (CBP) del settore della Rio Grande Valley in Texas, e ha persino presentato una richiesta al Freedom of Information Act (FOIA) alla CBP per indagare sull’uso di droni da parte dei cartelli della droga messicani per sorvegliare le agenzie federali, statali, di contea e cittadine e condurre attività nefaste al confine.

 

I funzionari del CBP sul campo hanno detto al gruppo di attivisti conservatori che i cartelli hanno utilizzato droni per la sorveglianza durante il traffico di esseri umani e le operazioni di traffico di droga negli Stati Uniti. Hanno inoltre detto che i droni, molti dei quali possono essere facilmente acquistati su Internet o presso un grande rivenditore, vengono utilizzati per individuare le lacune nella copertura dei confini, oltre a creare deviazioni in alcune aree per confondere gli agenti del CBP mentre i trafficanti si muovono verso altre località.

 

Vi è inoltre un uso ulteriore per i droni: il trasporto di droghe letali.

 

Brandon Judd, il presidente del sindacato che rappresenta 20.000 agenti del CBP, ha detto a Judicial Watch che i droni stanno anche «lasciando cadere pacchi di fentanil» negli Stati Uniti.

 

«Volano in determinati luoghi, li lasciano cadere a terra il fentanil e tornano in Messico», ha detto Judd.

 

Judd ha detto che i droni non sono «di livello militare» e «possono essere acquistati ovunque». Non ha menzionato quali marchi di droni sono ampiamente utilizzati dai cartelli, ma si può solo presumere che sia il produttore cinese di droni DJI, popolarissimo anche qui da noi, e ben visibile anche nelle immagini del conflitto ucraino. Donald Trump fu il primo presidente USA a mettere al bando i droni cinesi per usi pubblici.

 

Il fentanil è una droga mortale che sta mietendo centinaia di migliaia di vittime: si tratta di un oppioide 50 volte più potente dell’eroina. In USA, da qualche lustro oramai, i morti di fentanil (come il musicista Prince, ad esempio) non si contano; molti sono reduci della crisi degli oppiodi, che divenuti dipendenti dalle sostanze a causa di prescrizioni mediche di Big Pharma (in particolare, l’oppioide a lento rilascio chiamato Oxycontin), trovano poi in strada il fentanil, che li uccide.

 

Come riportato da Renovatio 21, in USA si ritiene che il principale luogo di produzione del fentanil sia la Cina, che si serve poi dei cartelli messicani per far entrare la droga nel Paese, e devastare così il tessuto sociale americano. Si tratta, a guardarla di una prospettiva storica, di una bella vendetta sull’Occidente anglofono che umilià Pechino con le due Guerre dell’Oppio…

 

I cartelli della droga messicani già hanno usato i droni di recente, militarizzandoli: si sono viste immagini di un drone di un cartello che bombarda un cartello rivale.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso tipo di uso assassino dei droni è stato visto negli ultimi mesi in Siria e in Iraq.

 

Nel frattempo, gli USA scatenano sul confine robocani a caccia di immigrati clandestini. Mentre i narcotrafficanti gli volano sulla testa portando la sostanza della morte o magari anche vere e proprie bombe.

 

Così è l’America di Biden. Ritardata, inefficace, imbelle fino al grottesco.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari