Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

93.000 morti per overdose nel 2020, il tasso più alto nella storia degli Stati Uniti

Pubblicato

il

 

 

 

I nuovi dati provvisori rilasciati dal CDC indicano che più di 93.000 americani sono morti per overdose durante i lockdown 2020.

 

Si tratta di una cifra senza precedenti, dovuta, è pensabile, alla perdita di posti di lavoro e all’assistenza medica ritardata. Un numero che è il più alto registrato nella storia americana.

 

Secondo il CDC (l’ente americano per il controllo delle epidemie), circa 93.331 americani sono morti per overdose tra gennaio e dicembre 2020, rispetto ai circa 72.000 riportati l’anno scorso, con un aumento di quasi il 30%.

 

Come riportato dal sito Breitbart, i dati si traducono in 256 morti al giorno, o 11 morti ogni ora.

 

Secondo il CDC (l’ente americano per il controllo delle epidemie), circa 93.331 americani sono morti per overdose tra gennaio e dicembre 2020, rispetto ai circa 72.000 riportati l’anno scorso, con un aumento di quasi il 30%

Secondo l’analisi di Breitbart dei dati CDC, «solo due stati, New Hampshire e South Dakota, hanno sperimentato meno overdose di droga lo scorso anno rispetto all’anno precedente. Nel frattempo, il Vermont ha subito un aumento di quasi il 60% delle overdose da droga nel 2020 rispetto al 2019, insieme a un aumento del 52% nella Carolina del Sud e un aumento del 54% nel Kentucky».

 

I dati preliminari pubblicati dall’Office of the Chief Medical Examiner di San Francisco lo scorso anno hanno rilevato che, rispetto al numero di morti per  COVID-19, sono più del doppio quelli morti per overdose di droga nel 2020, con 708 decessi per overdose registrati e 254 decessi correlati al coronavirus.

 

Si tratta di una tendenza, quelle delle morti per oppioidi che superano perfino quelle per coronavirus (che ha numeri che talvolta qualcuno crede vengano gonfiati) che Renovatio 21 aveva segnalata a inizio anno, e che è destinata a proseguire: il prodotto diretto della pandemia è morte e disperazione, e non da COVID.

 

Il CDC ha riscontrato un «aumento dell’accelerazione» dei decessi per overdose tra marzo 2020 e maggio 2020, quando negli Stati Uniti hanno iniziato a essere imposti blocchi, licenziamenti, requisiti di distanziamento sociale e altre restrizioni.

 

«Questa è una perdita sbalorditiva di vite umane», ha detto Brandon Marshall, un ricercatore di salute pubblica della Brown University all’Associated Press (AP).

 

I dati si traducono in 256 morti al giorno, o 11 morti ogni ora

Marshall, che tiene traccia delle tendenze dell’overdose nel suo lavoro professionale, ha affermato che «il COVID ha notevolmente esacerbato la crisi».

 

L’AP ha citato esperti che hanno concluso che «lockdown e altre restrizioni pandemiche hanno isolato le persone con tossicodipendenze e hanno reso le cure più difficile da ottenere».

 

Un documento di lavoro pubblicato nel dicembre 2020 da Casey Mulligan, Ph.D., professore di economia all’Università di Chicago che è stato capo economista per il Council of Economic Advisers durante l’amministrazione Trump, ha suggerito che i lockdown e i requisiti di distanziamento sociale potrebbero aver contribuito al forte aumento delle «morti per disperazione» lo scorso anno, compresi i suicidi e le overdose di droga.

 

Rispetto al numero di morti per  COVID-19, sono più del doppio quelli morti per overdose di droga nel 2020

Secondo Mulligan, «i dati locali sulle overdose da oppiacei supportano ulteriormente l’ipotesi che la pandemia e la recessione siano state associate a un aumento del 10-60% dei decessi per disperazione al di sopra dei già alti livelli pre-pandemia».

 

Come notato da Breitbart, il virologo ed ex direttore del CDC Robert Redfield, M.D., ha anche identificato «l’interruzione della vita quotidiana dovuta alla pandemia di COVID-19» come un fattore significativo che porta ad un aumento dei decessi per overdose.

 

«Mentre continuiamo la lotta per porre fine a questa pandemia, è importante non perdere di vista i diversi gruppi colpiti in altri modi», ha affermato Redfield.

 

«Dobbiamo prenderci cura delle persone che soffrono di conseguenze indesiderate».

 

I farmaci identificati in caso di morte per overdose includono fentanil, eroina e cocaina, con il fentanil identificato in oltre il 60% dei decessi per overdose dello scorso anno secondo i dati del CDC.

 

Il fentanil è una sostanza decine di volte più potente dell’eroina, basta una dose microscopica per provocare un’overdose. Il cantante Prince è morto per un’overdose di fentanil.

 

Il fentanil è in gran parte prodotto in Cina che compie la nemesi storica della Guerra dell’Oppio nella quale degli anglofoni imposero con le armi la dipendenza dalla droga dei cinesi per arricchire smoderatamente le compagnie di mercanti

Rispetto ai decessi registrati misurati da giugno 2018 a giugno 2019, i decessi per overdose da oppiacei, in particolare quelli che coinvolgono il fentanil illecito, sono aumentati del 38% da giugno 2019 a giugno 2020, secondo quanto riportato dal CDC.

 

Secondo la NBC, il fentanil, che è un oppioide sintetico 50 volte più potente dell’eroina, sta rapidamente diventando una «droga preferita» per i contrabbandieri che portano droghe illegali attraverso il confine degli Stati Uniti. Gli agenti federali di El Paso, in Texas, hanno riferito che i sequestri di fentanil sono aumentati del 4.000 percento negli ultimi tre anni.

 

Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha dichiarato a giugno che «non c’è dubbio» che l’attività del cartello della droga dal Messico si stia riversando negli Stati Uniti nel corso della crisi di confine in corso. 

 

Sotto l’amministrazione Biden gli attraversamenti illegali delle frontiere sono saliti alle stelle del 674% rispetto allo scorso anno, con un aumento mensile del numero di attraversamenti illegali.

 

Secondo l’AP, alcuni esperti suggeriscono che, data la proliferazione di oppioidi sintetici, in particolare il fentanil illecito, il tasso record di decessi per overdose registrato lo scorso anno non dovrebbe diminuire sostanzialmente quest’anno.

 

Il fentanil, come riportato da Renovatio 21, è in gran parte prodotto in Cina. Avvelenando la popolazione anglofona, si può pensare, il Dragone produttore della sostanza compie la nemesi storica della Guerra dell’Oppio nella quale gli inglesi imposero con le armi la dipendenza dalla droga dei cinesi per arricchire smoderatamente le compagnie di mercanti (le multinazionali dell’epoca).

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il giudice fallimentare degli Stati Uniti interrompe 40.000 cause contro Johnson & Johnson per il talco e il cancro

Pubblicato

il

Da

Un giudice fallimentare federale ha fermato circa 40 mila cause legali secondo cui il talco per bambini di Johnson & Johnson (J&J) e altri prodotti a base di talco hanno causato il cancro. Lo riporta CNBC.

 

La decisione fa parte del secondo tentativo di J&J di risolvere migliaia di casi di talco in procedure fallimentari.

 

J&J nel 2021 ha scorporato la sua controllata, LTL Management, per sostenere le sue passività relative al talco e presentare istanza di protezione dal fallimento secondo il Chapter 11, la principale norma fallimentare del Codice degli Stati Uniti che consente alle imprese che lo utilizzano una ristrutturazione a seguito della dichiarazione di fallimento.

 

Il giudice Michael Kaplan durante un’udienza presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti a Trenton, nel New Jersey, ha sospeso temporaneamente le cause che dureranno fino a metà giugno.

 

La J&J non dovrà essere processata per altre rivendicazioni di talco durante la pausa, ma è comunque possibile intentare nuove azioni legali contro la società.

 

La pausa darà a J&J il tempo di raggiungere un accordo definitivo con i querelanti nei casi di talco. La società ha recentemente proposto un accordo da 8,9 miliardi di dollari per reclami attuali e futuri relativi al talco e ha affermato che prevede di portare tale piano in tribunale fallimentare a metà maggio.

 

Come riportato da Renovatio 21, Johnson & Johnson era ricorsa alla procedura fallimentare nel tentativo di evitare la responsabilità nelle cause per il talco già due anni fa.

 

Tre anni fa J&J era stata condannata da una corte d’appello del Missouri a pagare oltre 2 miliardi di dollari alle donne che hanno accusato dei loro tumori ovarici i  prodotti di talco dell’azienda, compresa la sua iconica polvere per bambini. Il giudice aveva affermato che la compagnia sapeva che c’era amianto nel suo talco per bambini, riportava il New York Times.

 

Il colosso Big Pharma non è nuovo a grandi controversie – tuttavia gli Stati si sono fidati comunque dell’azienda sottoponendo al suo vaccino a vettore virale COVID milioni di cittadini.

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Lo spot del vaccino mRNA lo avete visto?

Pubblicato

il

Da

Moderna, la prima azienda con Pfizer a realizzare sieri genici sperimentali anti-COVID, ha pubblicato un video pubblicitario che promuove i vaccini mRNA.

 

I sieri a mRNA messaggero sono, del resto, il suo core business, iscritto persino nel nome: come sottolinea il filmato celebrativo, Moderna sta per «Mode RNA».

 

Si tratta del lancio di una campagna mondiale volta a far conoscere al pubblico le potenzialità dei sieri genici. La creatività della campagna è basata sul concetto di un nastro rosso che rappresenta l’mRNA sintetico che consegna messaggi alle cellule del corpo per combattere le malattie.

 

Nella réclame, la ditta di sieri genici afferma che la tecnologia mRNA ha cambiato il modo in cui viene condotta la ricerca clinica sulle malattie e la velocità con cui i trattamenti vengono testati e immessi sul mercato.

 

«Un filamento di mRNA potrebbe cambiare la vita in meglio, ovunque. E la società che ci sta portando lì? Moderna. Questo cambia tutto», si sente dire nella pubblicità.

 

«Vogliamo che tutti capiscano che crediamo che la tecnologia mRNA curerà una serie di altre malattie e impedirà ad altri virus di infettare il corpo», ha dichiarato Kate Cronin, Chief Brand Officer di Moderna al sito Medical Media Marketing. «Vogliamo condividere con tutti l’energia e l’entusiasmo per il futuro di Moderna ed è quello che stiamo cercando di fare con questa campagna».

 

«L’obiettivo principale è che vogliamo che le persone capiscano cosa intendiamo quando diciamo “Questo cambia tutto”. Non è solo uno slogan, è qualcosa in cui crediamo davvero. Crediamo che la nostra piattaforma tecnologica mRNA cambierà tutto quando arriva all’assistenza sanitaria», ha continuato la Cronin.

 

Lo spot, della durata di 1 minuto e 25 secondi, si chiama «Welcome to the mRNAge», ossia «Benvenuti nell’era mRNA».

 

Pensiamo sia il caso che gli diate un’occhiata.

 

 

Notate come nel video non siano risparmiati bambini, e di tutte le razze, donne incinte, figure che non sappiamo se definire androgine o con un’altra parola.

 

Automobili, laboratori, treni, periferie africane, intere città. Il mondo interno e tutto il suo contenuto sono colpiti dal filamento rosso di mRNA. È un’immagine, ammettiamo, molto rivelatrice.

 

Come riportato da Renovatio 21, il CEO di Moderna, Stephane Bancel, ha avuto un’audizione movimentata con il Comitato del Senato USA sugli aumenti dei prezzi del vaccino COVID- 19, dove il senatore Rand Paul gli ha fatto domande precise sulla miocardite.

 

«I dati che ho mostrato… in realtà, che ho visto, mi dispiace, dal CDC, in realtà hanno dimostrato che c’è meno miocardite per le persone che ricevono il vaccino rispetto a chi riceve l’infezione da COVID» risponde Bancel ad una domanda del Senatore Paul.

 

«Questo non è vero», aveva ribattuto Paul.  «Ho parlato con il suo presidente proprio la scorsa settimana e ha prontamente riconosciuto, in privato, che sì, c’è un aumento del rischio di miocardite. Il fatto che non si possa dirlo in pubblico è abbastanza inquietante».

 

Nella feroce audizione condotta da Paul sembra non esserci traccia di una notizia che ad alcuni può sembrare al limite del grottesco: ha annunciato la prima fase della sperimentazione umana per un vaccino mRNA per il trattamento di coloro che hanno sofferto di attacchi di cuore.

 

 

Moderna a fine estate ha fatto causa a Pfizer per violazione di brevetto. La società era già in una lotta con il governo USA per il brevetto del vaccino mRNA. Parallelamente, esisterebbe un contratto stipulato dall’ente per le malattie infettive NIAID (quello diretto sino a poco fa da Anthony Fauci) che avrebbe obbligato il Pentagono ad acquistare 500 mila dosi del vaccino, per un totale di 9 miliardi di dollari.

 

Due mesi fa è emerso che l’azienda, che come noto prima del COVID mai aveva venduto un prodotto, sta costruendo la prima fabbrica di mRNA al mondo a Melbourne, in Australia.

 

Come raccontato da Renovatio 21, il Bancel ha una storia speciale, con una gargantuesca coincidenza cosmica nel suo percorso professionale. Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visitò il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014. Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004: si, stiamo parlando proprio di lui, il biolaboratorio del pipistrello cinese.

 

Il finanziere francese Patrick Degorce, fondatore di hedge fund e mentore dell’attuale primo ministro britannico Rishi Sunak, fu nel 2011 uno dei primi investitori in quella piccola azienda farmaceutica chiamata Moderna (cioè «Mode» «RNA»), che all’epoca aveva circa dieci dipendenti e un modo di operare molto discreto.

 

La carriera del Bancel è quindi segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts a inizio anni ’10 nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino. I risultati di questa prestigiosa carriera sono quanto mai proficui. Secondo la rivista Forbes, disponendo dell’8% delle azioni di Moderna (che, ripetiamo, prima del COVID non aveva mai portato sul mercato un prodotto), Bancel è ora tecnicamente un billionaire, un miliardario. Secondo Business Insider, il fortunato francese ha dichiarato che darà via la maggior parte della sua fortuna, stimata in 4,1 miliardi di dollari.

 

Come riportato da Renovatio 21, Moderna e Merck sarebbero vicine alla fase 3 per un vaccino per il cancro alla pelle. Un anno fa è stato invece detto che la società aveva iniziato la sperimentazione umana per un vaccino mRNA per l’AIDS. Due mesi fa è stato annunciato lo sviluppo di un vaccino combinato mRNA COVID-Omicron e influenza; il Bancel ha dichiarato ai media che il vaccino mRNA COVID di fatto diventerà come un’antinfluenzale, con alcuni gruppi di individui vulnerabili che dovranno farlo ciclicamente.

 

Al World Economic Forum di Davos l’anno passato il Bancel lamentò che «nessuno più vuole» i vaccini, per cui era pronto a gettare «30 milioni di dosi nella spazzatura».

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

Continua a leggere

Big Pharma

Farmaceutiche della morte: il CEO di Pfizer e 200 altri dirigenti Big Pharma firmano la lettera pro pillola abortiva

Pubblicato

il

Da

Più di 200 dirigenti farmaceutici, tra cui il CEO di Pfizer Albert Bourla, hanno firmato una lettera aperta in cui condannano la sentenza di un giudice federale americano contro l’approvazione da parte dell’ente regolatore farmaceutico Food & Drug Administration (FDA) del farmaco abortivo mifepristone, più conosciuto con il nome di RU486.

 

Il 7 aprile, il giudice Matthew Kacsmaryk aveva emesso un ordine di sospensione dell’approvazione da parte della FDA del farmaco abortivo, ritenendo che l’agenzia non avesse indagato adeguatamente sui suoi effetti a lungo termine. Lo stesso giorno, il giudice Thomas Rice aveva stabilito che la pillola feticida dovrebbe rimanere sul mercato in 15 stati più il Distretto di Columbia.

 

L’amministrazione Biden ha impugnato la sentenza e mercoledì sera un collegio di tre giudici della Corte d’appello del quinto circuito ha parzialmente bloccato la decisione di Kacsmaryk, stabilendo che il mifepristone dovrebbe rimanere disponibile ma mantenendo sospesa l’approvazione dell’amministrazione alla sua erogazione per posta. Venerdì, l’amministrazione ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di intervenire.

 

La lettera aperta dei massimi dirigenti Big Pharma sottolinea che il giudice Kacsmaryk non ha «alcuna formazione scientifica» e afferma che il mifepristone «è stato dimostrato da decenni di dati di essere più sicuro del Tylenol, di quasi tutti gli antibiotici e dell’insulina» e lamenta che la sentenza «ha stabilito un precedente per aver diminuito l’autorità della FDA sulle approvazioni dei farmaci e, così facendo, crea incertezza per l’intera industria biofarmaceutica».

 

I firmatari includono Albert Bourla, CEO di Pfizer, che è responsabile di uno dei controversi vaccini COVID-19 a RNA messaggero e che si è rifiutato di testimoniare a riguardo dinanzi al Parlamento Europeo. Altri a firmarlo includono funzionari di Merck, Genentech e Biogen.

 

In particolare, i capi degli sviluppatori di vaccini COVID Moderna e Johnson & Johnson non hanno firmato la lettera e non hanno risposto alle richieste di commento della CNBC.

 

Come scrive Lifesitenews, nonostante l’adozione da parte di Big Pharma e della FDA del mifepristone , le prove dimostrano che le pillole abortive comportano rischi specifici per le madri che le assumono – oltre, ovviamente, ad essere letali per i loro bambini non nati. Cioè è particolarmente vero quando gli standard per assumerle continuano ad essere allentati.

 

Uno studio del novembre 2021 condotto dagli studiosi del Charlotte Lozier Institute è apparso sulla rivista peer-reviewed Health Services Research and Managerial Epidemiology, analizzando dati pubblici Medicaid di oltre 400.000 aborti da 17 Stati che finanziano gli aborti elettivi attraverso i loro programmi, scrive che il tasso di visite al pronto soccorso legate alla pillola abortiva è aumentato di oltre il 500% dal 2002 al 2015. Anche il tasso di visite al pronto soccorso per aborti chirurgici è aumentato durante lo stesso periodo di tempo, ma con un margine molto inferiore.

 

Dopo la sentenza della Corte Suprema Dobbs che ha di fatto negato che l’aborto sia un diritto federale, molta della battaglia dei pro-feticidio si è spostata sull’aborto farmacologico, che promette di far da sé a casa senza passare per strutture sanitarie. Alcuni giornali americani – gli stessi che hanno negato l’efficacia di idrossiclorochina e ivermectina e imposto i vaccini mRNA, in sprezzo al diritto di curarsi da sé – sono arrivati addirittura a promuovere pillole abortive fai-da-te.

 

L’aborto domestico-biochimico aveva avuto una grande spinta in pandemia, con le pillole della morte ottenibili per via postale in Gran Bretagna: una gran idea che la sanità di Sua Maestà ha deciso di estendere anche nel periodo post pandemico.

 

In Italia l’era dell’aborto chimico fai-da-te fu annunciata, sempre in pandemia, dal ministro della Salute Roberto Speranza, che cambiò la direttiva per rendere il suo uso possibile anche senza ricovero.

 

La verità sulla pillola abortiva l’ha detta ad una convention dei conservatori americani il mese scorso l’attivista Abby Johnson, un tempo manager di una clinica per aborti, ora convertitasi alla difesa della vita umana. Le donne che prendono la pillola dell’aborto «stanno mettendo questi bambini nel water, bambini completamente formati – 12, 14, 16 settimane di gravidanza – forse hanno un’emorragia nel loro bagno, incapaci di raggiungere una struttura di pronto soccorso, guardano nella toilette e vedono il bambino loro completamente formato che galleggia lì nella water» ha dichiarato la Johnson.

 

Questa è la cruda realtà dell’aborto domestico reso da ciò che il premio Nobel Jerome Lejeune definiva «il pesticida umano». Un farmaco che, ricorda il caso delle email trapelate recentemente dalla sanità britannica, può avere conseguenze mortali: si può chiedere, al di là delle statistiche e degli episodi che potete vedere negli articoli linkati, nel caso dell’attivista abortista argentina 23enne morta pochi giorni dopo aver assunto il farmaco per uccidere il figlio concepito nel suo grembo – certo, magari, anche qui, non c’è nessuna correlazione.

 

In realtà, alla storia della Johnson manche una parte. Quel «bambino pienamente formato», una volta scaricato tirando l’acqua, finisce nelle fogne. E qui, oltre agli escrementi di altri esseri umani e ad ogni altra sozzura, troverà delle creature ben felici di incontrarlo – per divorarlo. Topi, rane, pesci… festeggiano la RU486, che tanta carne umana tenere e prelibata fa giungere loro senza che facciano alcuno sforzo, nella plastica immagine della catena alimentare ribaltata: le bestie mangiano gli esseri umani.

 

Un po’ come succede con gli orsi in Trentino, solo moltiplicato per migliaia di volte, nella tenebra della casa e delle sue tubature, della fogna, della vita innocente massacrata, vilipesa e divorata.

 

Sì, è il mondo alla rovescia. È il mondo dove i dottori che salvano i bambini dall’aborto chimico – perché alcune donne si pentono, ed entro un certo lasso di ore è possibile invertire il processo figlicida – vengono radiati dall’ordine dei medici.

 

È un mondo dove la vita viene abbattuta, per far trionfare la morte e la sua cultura. È il mondo della Necrocultura: combatterlo è la missione che ogni uomo dovrebbe avere nel XXI secolo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari