Connettiti con Renovato 21

Droga

La politica dell’eroina e il ritiro afghano degli Stati Uniti

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl apparso su New Eastern Outlook.

 

 

 

 

L’amministrazione Biden ha annunciato una data di ritiro delle truppe statunitensi in Afghanistan l’11 settembre 2021, simbolicamente esattamente due decenni dopo gli attacchi rivoluzionari dell’11 settembre a New York e Washington. Tuttavia il Pentagono e la Casa Bianca non dicono nulla su uno dei motivi principali per cui i poteri che controllano Washington sono rimasti in Afghanistan dopo la falsa ricerca di un ex dipendente a contratto della CIA di nome Osama bin Laden.

 

 

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro.

 

La data del 1 ° maggio concordata in precedenza rispetto all’11 settembre non riguarda chiaramente un’uscita più aggraziata dopo una guerra di due decenni che è costata ai contribuenti statunitensi più di 2 trilioni di dollari.

 

L’argomentazione di alcuni Democratici statunitensi indica un ritiro totale come un pericolo per i diritti delle donne afghane davanti alla brutale cultura talebana della misoginia, ma questo non è chiaramente ciò che i soldati USA e NATO hanno protetto con la loro presenza.

 

Sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata»

Allora che cosa è in gioco?

 

 

Occupazione mercenaria privata

Mentre il Pentagono è stato furbo nel dare una risposta diretta, sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata».

 

Secondo un rapporto di Jeremy Kuzmarov, «oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine».

«Oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine»

 

Ci sono già sette contractor militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano .

 

L’uso di contractor militari privati ​​consente al Pentagono e alle agenzie di intelligence statunitensi di evitare una seria supervisione del Congresso.

 

In genere sono veterani delle forze speciali che guadagnano molto di più come contractor o mercenari della sicurezza privata. Il loro lavoro è semplicemente secretato, quindi non c’è quasi nessuna responsabilità.

 

Il New York Times riporta, citando gli attuali ed ex funzionari degli Stati Uniti, che Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti» per condurre operazioni all’interno dell’Afghanistan.

 

Ci sono già sette appaltatori militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano

L’attuale governo afghano guidato da Ashraf Ghani, come quello di Hamid Karzai, è una creazione degli Stati Uniti. Ghani rimarrà il delegato di Washington a Kabul. Il suo esercito è finanziato dagli Stati Uniti per un costo di circa 4 miliardi di dollari all’annoPer cosa?

 

Quello che manca alla discussione pubblica sulla presenza delle truppe afghane è il gorilla da 800 libbre nella stanza: la droga, in particolare l’eroina.

 

 

Il gorilla da 800 libbre

Alcuni di questi soldati di ventura privati ​​non stanno facendo cose carine.

Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti»

 

DynCorp è uno dei maggiori appaltatori lì. A partire dal 2019 DynCorp aveva ottenuto oltre 7 miliardi di dollari in contratti governativi per addestrare l’esercito afghano e gestire basi militari in Afghanistan.

 

Uno dei compiti pubblicizzati della DynCorp e di altro personale mercenario statunitense in Afghanistan è stato quello di «sorvegliare» la distruzione dei campi di papaveri afgani che forniscono circa il 93% dell’eroina mondiale. Eppure la prova evidente è che quell’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina.

 

DynCorp ha poco da mostrare per l’eradicazione della droga, o stavano facendo qualcos’altro?

L’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina

 

 

CIA, Mujahideen e oppio afghano

Quando gli Stati Uniti occuparono per la prima volta l’Afghanistan, rivendicando la punizione per il ruolo dei talebani nell’aiutare Osama bin Laden negli attacchi statunitensi dell’11 settembre, una severa politica anti-oppio dei talebani aveva ridotto i raccolti quasi a zero.

 

Nell’ottobre 2001, appena prima dell’invasione degli Stati Uniti, le Nazioni Unite hanno riconosciuto che i talebani hanno ridotto la produzione di oppio in Afghanistan da 3300 tonnellate nel 2000 a 185 tonnellate nel 2001.

 

Secondo l’economista e storico canadese Michel Chossudovsky, «immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga. Il Guardian ha riferito che: «Nel 2007 l’Afghanistan aveva più terra coltivata di droga di Colombia, Bolivia e Perù combinati». Erano passati sei anni dall’occupazione militare statunitense.

«Immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga

 

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai.

 

Nel 2009 il New York Times, citando funzionari statunitensi anonimi, ha scritto che «Ahmed Wali Karzai, fratello del presidente afghano e sospettato attore del fiorente commercio illegale di oppio nel paese, riceve pagamenti regolari dalla Central Intelligence Agency, e lo ha fatto per gran parte degli ultimi otto anni».

 

Nel 2011 Ahmed Karzai è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso, nella sua casa di Helmand da una delle sue guardie del corpo. Helmand è la più grande provincia dell’oppio in Afghanistan. Se Helmand fosse un paese, sarebbe il più grande produttore di oppio al mondo. È stato un caso che la CIA abbia pagato soldi a Karzai per almeno otto anni o la Compagnia aveva una partecipazione negli affari di Karzai?

 

Mentre Washington e la CIA hanno negato di sostenere l’enorme commercio di oppio afghano, la storia della CIA dalla guerra del Vietnam con i signori della guerra della droga suggerisce il contrario.

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai, ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso

 

Come Alfred W. McCoy ha documentato durante l’era della guerra del Vietnam nel suo libro rivoluzionario, The Politics of Heroin in Southeast Asia, la CIA era profondamente coinvolta con le tribù Hmong in Laos che erano coinvolte nel commercio di oppio. Hanno affermato che era necessario gemellare il loro sostegno. Successivamente si è scoperto che la CIA Air America era coinvolta nel trasporto segreto di oppio dal Triangolo d’Oro.

 

Durante la guerra dei Mujahideen finanziata dagli Stati Uniti contro l’Armata Rossa sovietica in Afghanistan, la CIA avrebbe chiuso un occhio su Osama bin Laden e migliaia di «arabi afghani» che aveva aveva reclutato.

 

I signori della guerra afgani come Gulbuddin Hekmatyar si stavano arricchendo insieme all’intelligence pakistana dell’ISI con enormi profitti del traffico di droga. Immaginare che la CIA e gli eserciti mercenari privati ​​come DynCorp strettamente legati all’agenzia siano oggi coinvolti nella più grande fonte di oppio ed eroina del mondo non richiede un grande atto di fede.

 

Nel 2018 Alfred McCoy ha accusato la guerra degli Stati Uniti in Afghanistan. Ha chiesto: “Come ha potuto l’unica superpotenza del mondo aver combattuto ininterrottamente per più di 16 anni – dispiegando più di 100.000 truppe al culmine del conflitto, sacrificando la vita di quasi 2.300 soldati, spendendo più di 1 trilione di dollari per le sue operazioni militari, prodigando un record di 100 miliardi di dollari in più per la “costruzione della nazione”, aiutando a finanziare e addestrare un esercito di 350.000 alleati afgani – a non essere ancora in grado di pacificare una delle nazioni più povere del mondo?».

La presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007»

 

La sua risposta è stata che la presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «durante i suoi tre decenni in Afghanistan, le operazioni militari di Washington sono riuscite solo quando si adattano abbastanza comodamente al traffico illecito di oppio dell’Asia centrale», ha accusato. Dopo l’invasione  «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007».

 

Nel 2017 la produzione di oppio ha raggiunto il record di 9.000 tonnellate. Dopo più di 16 anni di occupazione militare statunitense. Da qualche parte qui c’è una storia molto sporca e criminale e la CIA e i contractor  militari privati ​​correlati come DynCorp sembrano essere nel mezzo di essa.

 

Questa è forse la vera ragione per cui Washington si rifiuta di lasciare onestamente l’Afghanistan.

 

Come sottolinea Pepe Escobar, contrariamente alla narrativa dei media occidentali secondo cui i talebani controllano il commercio di oppio afghano, «questa non è un’operazione talebana afgana. Le domande chiave – mai poste dai circoli atlantisti – sono chi compra i raccolti di oppio; li raffina in eroina; controlla le rotte di esportazione; e poi venderli per un profitto enorme». Escobar punta il dito contro la NATO, sottolineando che i cittadini russi sono «danni collaterali» della rotta dell’eroina afghana quanto lo sono gli americani.

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma

«Il ministero degli Esteri russo sta monitorando il modo in cui tonnellate di sostanze chimiche vengono importate illegalmente in Afghanistan, tra gli altri, da “Italia, Francia e Paesi Bassi”, e come gli Stati Uniti e la NATO non stanno facendo assolutamente nulla per contenere il limite di eroina».

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

Narcos messicani, scontri sanguinari nello Stato di Michoacan

Pubblicato

il

Da

 

 

 

È di questi giorni la notizia che gruppi armati – con uniformi e blindati propri – del Cártel de Jalisco Nueva Generación (CJNG), il cartello più potente e militarizzato del narcotraffico messicano, hanno scatenato un’offensiva armata contro esercito e forze di polizia nello Stato di Michoacán, dagli anni ’90 una delle aree del Messico più colpite da rapimenti, omicidi e violenze ad opera dei trafficanti di droga contro popolazione civile e politici locali.

 

Un breve video messo sulla rete in questi giorni mostra un attacco del CJNG contro un convoglio dell’esercito.

 

I cinque, appartenenti alla medesima famiglia, venivano poi decapitati dai criminali che ne portavano via le teste come trofeo

 

Molti appartenenti al narcotraffico messicano praticano culti para-satanici che prevedono sacrifici umani e l’utilizzo di parti delle vittime durante riti per propiziare il favore delle entità demoniache durante le attività criminali

Già a metà settembre i narcos avevano preso d’assalto la città di Tepalcatepec (sede di una gang rivale «Los Viagras») al confine con lo stato di Jalisco venendo respinti dalla Guardia Nazionale e da civili armati.

 

Dopo il lancio di esplosivi per mezzo di un drone attaccavano poi il villaggio di Estanzuela uccidendo cinque civili che presidiavano un check point creato ai fini di bloccare l’ingresso ai sicarios del CJNG. 

 

I cinque, appartenenti alla medesima famiglia, venivano poi decapitati dai criminali che ne portavano via le teste come trofeo.

«La quantità di metanfetamine e fentanil che sta entrando è senza precedenti»

 

È noto infatti come molti appartenenti al narcotraffico messicano pratichino culti para-satanici che prevedono sacrifici umani e l’utilizzo di parti delle vittime durante riti per propiziare il favore delle entità demoniache durante le attività criminali.

 

Oltre al culto della Santa muerte – che avremo modo di approfondire in futuri articoli – spicca il cosiddetto Palo mayombe un tipo di stregoneria di origine afro-caraibica collegata alla santeria cubana, che sembra essersi diffuso in Messico a partire dagli anni ’80.

 

È inoltre risaputo come sanguinosi sacrifici umani siano stati per secoli al centro della vita politica e sociale delle popolazioni del Messico precolombiano che in alcuni casi scatenavano guerre per catturare nuove vittime da offrire agli idoli.

 

I narcos messicani sono inoltre sempre più implicati nel traffico verso gli Stati Uniti di fentanil e metanfetamine rispetto alle droghe più «classiche», un vero e proprio flagello per la popolazione americana, tema di di cui Renovatio 21 si è già più volte occupata.

 

Una guerra di confine tra gruppi criminali ben addestrati potrebbe avere conseguenze negative per la già compromessa stabilità politica degli Stati Uniti

Proprio in queste ore Kyle Williamson, ex capo neopensionato dellufficio DEA (Drug Enforcement Administration, l’agenzia antidroga USA) della città texana di El Paso al confine col Messico ha dichiarato ad un giornale locale che si tratta «la peggior situazione che ci sia mai stata. Non ci sono buone notizie. E la quantità di metanfetamine e fentanil che sta entrando è senza precedenti».

 

Williamson, grande oppositore della legalizzazione di ogni tipo di droga, teme anche una nuova guerra tra cartelli messicani al confine con gli Stati Uniti come accadde nel 2010-2011, data la presenza del CJNG a Ciudad Juárez, città messicana alla frontiera con gli States, da oltre trent’anni funestata da massacri, rapimenti e cruente sparizioni.

 

Facciamo notare come in questi tempi di fratture sociali, politiche e culturali ormai portate all’estremo sul suolo americano – anche grazie alla molto ben finanziata attività di gruppi come BLM e Antifa – una guerra di confine tra gruppi criminali ben addestrati potrebbe avere conseguenze negative per la già compromessa stabilità politica degli Stati Uniti.

 

 

Nicolò Volpe

 

Continua a leggere

Droga

Quando Angela Merkel venne distrutta da Nina Hagen

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 saluta la fine dell’era Merkel tirando fuori dall’archivio, e sottotitolando in lingua italiana, questo filmato del 1992.

 

Ad una trasmissione TV, una ancora sconosciuta Merkel – strano caso di cittadino ex DDR inseritasi subito bene nel partito democristiano di potere CDU – parla della questione delle droghe, terapia e liberalizzazione.

 

Un’altra invitata alla trasmissione è Nina Hagen, cantante non conosciutissima fuori dalla Germania, ma che all’epoca già era percepita come una veterana del mondo della musica punk e della trasgressione.

 

Vedere rinfacciata alla Merkel la sua mesta ipocrisia è qualcosa di estremamente salutare

 

La Merkel non dice nulla, agisce solo come mesto distributore, con voce bassa e moderazione inscalfibile, di decisioni già prese. Di fatto, la Merkel non discute: elargisce, in modo opaco, quello che è già deciso

Praticamente coetanee, entrambe sono cittadine DDR, anche se di origine diversa: in uno strano chiasmo, la Merkel è nata ad Ovest (Amburgo) per poi emigrare misteriosamente ad Est; la Hagen è nata a Berlino Est ed è emigrata adolescente ad Ovest con l’espatrio del patrigno.

 

Nella clip, vediamo la Merkel prodursi un bla-bla politichese tipico della democristianeria. Non dice nulla, agisce solo come mesto distributore, con voce bassa e moderazione inscalfibile, di decisioni già prese. Di fatto, la Merkel non discute: elargisce, in modo opaco, quello che è già deciso.

 

E quello che aveva  deciso, la democristianità tedesca già ad inizio anni Novanta, era che le droghe leggere potevano essere liberalizzate.

 

L’Europa è territorio conquistato dai tedeschi senza manovre militari. Un continente intero a cui Berlino ha dato la sua moneta, il marco, mettendogli il nome di «euro»

La Hagen, giustamente, la aggredisce, riconoscendone l’ipocrisia e la falsità. Pare, ad un certo punto, chiamarla pure mutti («mammina»), che sarebbe il nome affibbiatole poi dai tedeschi negli interminabili 16 anni del suo dominio.

 

La Hagen pare propendere per la soluzione del metadone, che Renovatio 21 aborre in maniera assoluta. Tuttavia vedere rinfacciata alla Merkel la sua mesta ipocrisia è qualcosa di estremamente salutare.

 

L’era Merkel ha condizionato non solo la Germania, ma l’Unione Europea, che della Germania è l’estroflessione politico-economica. L’Europa è territorio conquistato dai tedeschi senza manovre militari. Un continente intero a cui Berlino ha dato la sua moneta, il marco, mettendogli il nome di «euro».

 

La Germania, sotto la democristianeria subdola della Merkel, si è arricchita, rafforzata. L’Italia è ridotta a macerie. Gratta il nulla della CDU, e ci puoi trovare un piano imperiale di controllo e rapina

Ricordiamo in particolare come non siano poche le voci che sussurrino quale sia stato il vero trofeo dell’Europa germanizzata via Bruxelles: far pagare all’Italia le spese della riunificazione con la DDR. La nostra economia è stata distrutta dall’euro – pensiamo solo alla competizione che con i tedeschi vi era nell’industria di precisione: a parità di moneta, chi viene avvantaggiato?

 

La Germania, sotto la democristianeria subdola della Merkel, si è arricchita, rafforzata. L’Italia è ridotta a macerie. Gratta il nulla della CDU, e ci puoi trovare un piano imperiale di controllo e rapina. Del resto le voci sul fatto che la Merkel fosse un agente della STASI non mancano: si sussurra perfino che spiasse il marito, e che il padre, bizzarro pastore protestante passato dall’Ovest alla Germania Est, fosse pure lui una spia DDR.

Le voci sul fatto che la Merkel fosse un agente della STASI non mancano

 

Tuttavia, la storia non è finita. I fondamenti stessi della società tedesca – come stiamo vedendo in questi mesi – potrebbero essere più barcollanti di quello che i sorrisi delle elezioni politiche di ieri vogliono far sembrare.

 

Renovatio 21 avrà modo di scriverne.

 

 

 

 

 

Immagine di TSCA via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Cina

La Cina verso i trilioni dei minerali afghani

Pubblicato

il

Da

 

 

 

L’investitore texano Kyle Bass, noto per le sue posizioni anticinesi,  ha messo in guardia rispetto alle mosse di Pechino in Afghanistan. Per Bass la Cina popolare starebbe per «trasferirsi sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche» per rubare i trilioni di dollari costituiti dalle risorse minerarie afghane.

 

La Cina, come riportato, aveva sin da subito messo in chiaro che ci teneva ai buoni rapporti con la Kabul degli studenti coranici.

 

«Sulla base del pieno rispetto della sovranità dell’Afghanistan e della volontà di tutte le fazioni del paese, la Cina ha mantenuto contatti e comunicazioni con i talebani afghani e ha svolto un ruolo costruttivo nel promuovere la soluzione politica della questione afghana», aveva affermato la portavoce Hua Chunying in una conferenza stampa.

«La Cina si sposterà sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche»

 

E ricorda che i funzionari di Pechino hanno ospitato i leader talebani, quando l’amministrazione Biden ha intrapreso il suo “precipitoso ritiro” dall’Afghanistan che ha portato al suo “precipitoso” crollo.

 

«L’Afghanistan è afflitto dalla maledizione dell’abbondanza. Riteniamo che abbiano minerali per un valore di oltre 3 trilioni di dollari. Il Pentagono degli Stati Uniti crede che una provincia… abbia il più grande deposito di litio del mondo», ha affermato Bass.

 

In pratica, dice il fondatore del fondo Hayman Capital, «la Cina si sposterà sotto spoglie di sicurezza e diplomatiche». 

 

Bass, un appassionato di storia, ha scritto in un breve thread su Twitter – osservando la storia di uno dei «più grandi scontri a fuoco delle forze speciali statunitensi di tutti i tempi» verificatosi nella valle di Shok – il tutto per rimuovere un signore della guerra terrorista che stava costruendo il suo impero attraverso il funzionamento di miniere illegali di terre rare.

 

«Assicuratevi di guardare questa feroce battaglia mentre 15 Berretti Verdi e 65 commando afgani hanno combattuto un’imboscata di oltre 250 terroristi e non un solo americano degli Stati Uniti è morto quel giorno in uno scontro a fuoco di 6 ore che ha sopportato 70 bombardamenti ravvicinati con 1000 libbre JDAMS. Anche se alcuni dei nostri più coraggiosi non avranno le braccia o le gambe che ricrescono, hanno combattuto per la pace, la stabilità e la prosperità economica a lungo termine dell’Afghanistan. Con la Cina che si è trasferita per violentare la campagna e la gente dell’Afghanistan, quel sogno non si realizzerà mai».

 

«Anche se alcuni dei nostri più coraggiosi non avranno le braccia o le gambe che ricrescono, hanno combattuto per la pace, la stabilità e la prosperità economica a lungo termine dell’Afghanistan. Con la Cina che si è trasferita per violentare la campagna e la gente dell’Afghanistan, quel sogno non si realizzerà mai»

Pochissimi sanno che la battaglia di Shok Valley riguardava l’architettura economica a lungo termine dell’Afghanistan e dei metalli delle terre rare.

 

Secondo la portavoce Hua, i talebani hanno «più volte» affermato di «aspettare la partecipazione della Cina alla ricostruzione e allo sviluppo dell’Afghanistan».

 

«Siamo pronti a continuare a sviluppare il buon vicinato e la cooperazione amichevole con l’Afghanistan e a svolgere un ruolo costruttivo nella pace e nella ricostruzione dell’Afghanistan», ha aggiunto Hua.

 

Bass non è stato l’unico a sottolineare il colpo di fortuna della Cina.

 

Come riconosciuto sin 2010, in Afghanistan sono stati identificati almeno 1 trilione di dollari di giacimenti minerari non sfruttati, molto più di qualsiasi riserva precedentemente nota. La cifra è aumentata negli ultimi anni a più di 3 trilioni. come riportato dalla testata USA The Hill.

 

Pochissimi sanno che la battaglia di Shok Valley riguardava l’architettura economica a lungo termine dell’Afghanistan e dei metalli delle terre rar

L’Afghanistan ha elementi di terre rare come lantanio, cerio, neodimio e vene di alluminio, oro, argento, zinco, mercurio e litio. Le terre rare sono utilizzate in tutto, dall’elettronica ai veicoli elettrici, dai satelliti agli aerei.

 

Nel 2017, il presidente afghano appena fuggito Ashraf Ghani era in trattative con la Germania sui giacimenti di litio nella provincia di Helmand, che potrebbero essere estratti dai paesi europei per produrre batterie per smartphone, veicoli elettrici e altre tecnologie.

 

Nel frattempo, funzionari del governo afghano hanno affermato che il Paese ha rescisso i contratti petroliferi e del gas con la Cina e sta cercando di rinegoziare i termini di una massiccia concessione mineraria che è rimasta quasi inattiva da quando è stata firmata dalla Cina più di dieci anni fa.

 

I funzionari afghani hanno affermato di aver sgominato un presunto giro di spionaggio cinese che opera a Kabul per dare la caccia ai musulmani uiguri con l’aiuto della rete Haqqani, un clan terroristico legato ai talebani. 

 

Le autorità afgane hanno collaborato con la Cina in passato alla detenzione e alla deportazione di uiguri sospettati di attività terroristica, ma i funzionari si sono detti scioccati dalla doppiezza della Cina.

L’Afghanistan ha elementi di terre rare come lantanio, cerio, neodimio e vene di alluminio, oro, argento, zinco, mercurio e litio. Le terre rare sono utilizzate in tutto, dall’elettronica ai veicoli elettrici, dai satelliti agli aerei.

 

Gli arresti  hanno spinto Kabul, che sta cercando di mettere ordine nella sua economia di fronte a un futuro incerto con il processo di pace in corso, a usare l’incidente come «leva» contro Pechino, ha detto un funzionario, soprattutto in termini di rinegoziazione di svariati milioni di dollari concessioni minerarie.

 

Quindi, non dovrebbe sorprendere il fatto che la Cina, che domina i mercati delle terre rare a livello globale (producendo 120.000 tonnellate o il 70% del totale di terre rare nel 2018 secondo CNBC), sia più che entusiasta di «fare a modo suo» con il redditizio Afghanistan.

 

Anche le riserve statunitensi impallidiscono rispetto alla Cina. Gli Stati Uniti hanno un totale di 1,4 milioni di tonnellate di riserve, contro 44 milioni di tonnellate di riserve in Cina.

 

La Cina ha usato le terre rare come minaccia durante la sua guerra commerciale con gli Stati Uniti nel 2019, quando Pechino ha minacciato di interrompere le forniture agli Stati Uniti. I minerali delle terre rare sono comunemente usati in dispositivi ad alta tecnologia, automobili, energia pulita e difesa.

 

Secondo l’U.S. Geological Survey, gli Stati Uniti dipendevano fortemente dalla Cina per le terre rare nel 2019, quando il paese asiatico esportava l’80% del fabbisogno degli Stati Uniti. 

 

E non dimentichiamo il lucroso commercio di papaveri in Afghanistan abilitato dalla CIA.

 

Come ha osservato MintPressNews a giugno, «l’anno scorso la coltivazione del papavero da oppio afghano è cresciuta di oltre un terzo mentre le operazioni antidroga sono precipitate. Si dice che il paese sia la fonte di oltre il 90% di tutto l’oppio illegale del mondo, da cui si producono eroina e altri oppioidi. In Afghanistan si coltiva più terra per l’oppio di quanta ne viene utilizzata per la produzione di coca in tutta l’America Latina, con la creazione della droga che si dice darebbe lavoro diretto a circa mezzo milione di persone».

 

Sulla questione dello strano ritiro americano dall’Afghanistan, che pare di fatto aver favorito la Cina (che è Paese confinante) Renovatio 21 ha scritto qualche ipotesi settimane fa.

 

Continua a leggere

Più popolari