La politica dell’eroina e il ritiro afghano degli Stati Uniti

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl apparso su New Eastern Outlook.

 

 

 

 

L’amministrazione Biden ha annunciato una data di ritiro delle truppe statunitensi in Afghanistan l’11 settembre 2021, simbolicamente esattamente due decenni dopo gli attacchi rivoluzionari dell’11 settembre a New York e Washington. Tuttavia il Pentagono e la Casa Bianca non dicono nulla su uno dei motivi principali per cui i poteri che controllano Washington sono rimasti in Afghanistan dopo la falsa ricerca di un ex dipendente a contratto della CIA di nome Osama bin Laden.

 

 

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro.

 

La data del 1 ° maggio concordata in precedenza rispetto all’11 settembre non riguarda chiaramente un’uscita più aggraziata dopo una guerra di due decenni che è costata ai contribuenti statunitensi più di 2 trilioni di dollari.

 

L’argomentazione di alcuni Democratici statunitensi indica un ritiro totale come un pericolo per i diritti delle donne afghane davanti alla brutale cultura talebana della misoginia, ma questo non è chiaramente ciò che i soldati USA e NATO hanno protetto con la loro presenza.

 

Sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata»

Allora che cosa è in gioco?

 

 

Occupazione mercenaria privata

Mentre il Pentagono è stato furbo nel dare una risposta diretta, sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata».

 

Secondo un rapporto di Jeremy Kuzmarov, «oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine».

«Oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine»

 

Ci sono già sette contractor militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano .

 

L’uso di contractor militari privati ​​consente al Pentagono e alle agenzie di intelligence statunitensi di evitare una seria supervisione del Congresso.

 

In genere sono veterani delle forze speciali che guadagnano molto di più come contractor o mercenari della sicurezza privata. Il loro lavoro è semplicemente secretato, quindi non c’è quasi nessuna responsabilità.

 

Il New York Times riporta, citando gli attuali ed ex funzionari degli Stati Uniti, che Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti» per condurre operazioni all’interno dell’Afghanistan.

 

Ci sono già sette appaltatori militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano

L’attuale governo afghano guidato da Ashraf Ghani, come quello di Hamid Karzai, è una creazione degli Stati Uniti. Ghani rimarrà il delegato di Washington a Kabul. Il suo esercito è finanziato dagli Stati Uniti per un costo di circa 4 miliardi di dollari all’annoPer cosa?

 

Quello che manca alla discussione pubblica sulla presenza delle truppe afghane è il gorilla da 800 libbre nella stanza: la droga, in particolare l’eroina.

 

 

Il gorilla da 800 libbre

Alcuni di questi soldati di ventura privati ​​non stanno facendo cose carine.

Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti»

 

DynCorp è uno dei maggiori appaltatori lì. A partire dal 2019 DynCorp aveva ottenuto oltre 7 miliardi di dollari in contratti governativi per addestrare l’esercito afghano e gestire basi militari in Afghanistan.

 

Uno dei compiti pubblicizzati della DynCorp e di altro personale mercenario statunitense in Afghanistan è stato quello di «sorvegliare» la distruzione dei campi di papaveri afgani che forniscono circa il 93% dell’eroina mondiale. Eppure la prova evidente è che quell’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina.

 

DynCorp ha poco da mostrare per l’eradicazione della droga, o stavano facendo qualcos’altro?

L’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina

 

 

CIA, Mujahideen e oppio afghano

Quando gli Stati Uniti occuparono per la prima volta l’Afghanistan, rivendicando la punizione per il ruolo dei talebani nell’aiutare Osama bin Laden negli attacchi statunitensi dell’11 settembre, una severa politica anti-oppio dei talebani aveva ridotto i raccolti quasi a zero.

 

Nell’ottobre 2001, appena prima dell’invasione degli Stati Uniti, le Nazioni Unite hanno riconosciuto che i talebani hanno ridotto la produzione di oppio in Afghanistan da 3300 tonnellate nel 2000 a 185 tonnellate nel 2001.

 

Secondo l’economista e storico canadese Michel Chossudovsky, «immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga. Il Guardian ha riferito che: «Nel 2007 l’Afghanistan aveva più terra coltivata di droga di Colombia, Bolivia e Perù combinati». Erano passati sei anni dall’occupazione militare statunitense.

«Immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga

 

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai.

 

Nel 2009 il New York Times, citando funzionari statunitensi anonimi, ha scritto che «Ahmed Wali Karzai, fratello del presidente afghano e sospettato attore del fiorente commercio illegale di oppio nel paese, riceve pagamenti regolari dalla Central Intelligence Agency, e lo ha fatto per gran parte degli ultimi otto anni».

 

Nel 2011 Ahmed Karzai è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso, nella sua casa di Helmand da una delle sue guardie del corpo. Helmand è la più grande provincia dell’oppio in Afghanistan. Se Helmand fosse un paese, sarebbe il più grande produttore di oppio al mondo. È stato un caso che la CIA abbia pagato soldi a Karzai per almeno otto anni o la Compagnia aveva una partecipazione negli affari di Karzai?

 

Mentre Washington e la CIA hanno negato di sostenere l’enorme commercio di oppio afghano, la storia della CIA dalla guerra del Vietnam con i signori della guerra della droga suggerisce il contrario.

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai, ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso

 

Come Alfred W. McCoy ha documentato durante l’era della guerra del Vietnam nel suo libro rivoluzionario, The Politics of Heroin in Southeast Asia, la CIA era profondamente coinvolta con le tribù Hmong in Laos che erano coinvolte nel commercio di oppio. Hanno affermato che era necessario gemellare il loro sostegno. Successivamente si è scoperto che la CIA Air America era coinvolta nel trasporto segreto di oppio dal Triangolo d’Oro.

 

Durante la guerra dei Mujahideen finanziata dagli Stati Uniti contro l’Armata Rossa sovietica in Afghanistan, la CIA avrebbe chiuso un occhio su Osama bin Laden e migliaia di «arabi afghani» che aveva aveva reclutato.

 

I signori della guerra afgani come Gulbuddin Hekmatyar si stavano arricchendo insieme all’intelligence pakistana dell’ISI con enormi profitti del traffico di droga. Immaginare che la CIA e gli eserciti mercenari privati ​​come DynCorp strettamente legati all’agenzia siano oggi coinvolti nella più grande fonte di oppio ed eroina del mondo non richiede un grande atto di fede.

 

Nel 2018 Alfred McCoy ha accusato la guerra degli Stati Uniti in Afghanistan. Ha chiesto: “Come ha potuto l’unica superpotenza del mondo aver combattuto ininterrottamente per più di 16 anni – dispiegando più di 100.000 truppe al culmine del conflitto, sacrificando la vita di quasi 2.300 soldati, spendendo più di 1 trilione di dollari per le sue operazioni militari, prodigando un record di 100 miliardi di dollari in più per la “costruzione della nazione”, aiutando a finanziare e addestrare un esercito di 350.000 alleati afgani – a non essere ancora in grado di pacificare una delle nazioni più povere del mondo?».

La presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007»

 

La sua risposta è stata che la presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «durante i suoi tre decenni in Afghanistan, le operazioni militari di Washington sono riuscite solo quando si adattano abbastanza comodamente al traffico illecito di oppio dell’Asia centrale», ha accusato. Dopo l’invasione  «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007».

 

Nel 2017 la produzione di oppio ha raggiunto il record di 9.000 tonnellate. Dopo più di 16 anni di occupazione militare statunitense. Da qualche parte qui c’è una storia molto sporca e criminale e la CIA e i contractor  militari privati ​​correlati come DynCorp sembrano essere nel mezzo di essa.

 

Questa è forse la vera ragione per cui Washington si rifiuta di lasciare onestamente l’Afghanistan.

 

Come sottolinea Pepe Escobar, contrariamente alla narrativa dei media occidentali secondo cui i talebani controllano il commercio di oppio afghano, «questa non è un’operazione talebana afgana. Le domande chiave – mai poste dai circoli atlantisti – sono chi compra i raccolti di oppio; li raffina in eroina; controlla le rotte di esportazione; e poi venderli per un profitto enorme». Escobar punta il dito contro la NATO, sottolineando che i cittadini russi sono «danni collaterali» della rotta dell’eroina afghana quanto lo sono gli americani.

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma

«Il ministero degli Esteri russo sta monitorando il modo in cui tonnellate di sostanze chimiche vengono importate illegalmente in Afghanistan, tra gli altri, da “Italia, Francia e Paesi Bassi”, e come gli Stati Uniti e la NATO non stanno facendo assolutamente nulla per contenere il limite di eroina».

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl