Connettiti con Renovato 21

Droga

La politica dell’eroina e il ritiro afghano degli Stati Uniti

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl apparso su New Eastern Outlook.

 

 

 

 

L’amministrazione Biden ha annunciato una data di ritiro delle truppe statunitensi in Afghanistan l’11 settembre 2021, simbolicamente esattamente due decenni dopo gli attacchi rivoluzionari dell’11 settembre a New York e Washington. Tuttavia il Pentagono e la Casa Bianca non dicono nulla su uno dei motivi principali per cui i poteri che controllano Washington sono rimasti in Afghanistan dopo la falsa ricerca di un ex dipendente a contratto della CIA di nome Osama bin Laden.

 

 

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro

Ciò che è chiaro è che l’amministrazione americana non è onesta con i suoi piani per l’Afghanistan e il cosiddetto ritiro.

 

La data del 1 ° maggio concordata in precedenza rispetto all’11 settembre non riguarda chiaramente un’uscita più aggraziata dopo una guerra di due decenni che è costata ai contribuenti statunitensi più di 2 trilioni di dollari.

 

L’argomentazione di alcuni Democratici statunitensi indica un ritiro totale come un pericolo per i diritti delle donne afghane davanti alla brutale cultura talebana della misoginia, ma questo non è chiaramente ciò che i soldati USA e NATO hanno protetto con la loro presenza.

 

Sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata»

Allora che cosa è in gioco?

 

 

Occupazione mercenaria privata

Mentre il Pentagono è stato furbo nel dare una risposta diretta, sembra che ciò che i neocon del Team Biden stiano pianificando sia una presenza militare statunitense «privatizzata».

 

Secondo un rapporto di Jeremy Kuzmarov, «oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine».

«Oltre 18.000 contractor del Pentagono rimangono in Afghanistan, mentre le truppe ufficiali sono 2.500. Joe Biden ritirerà questo piccolo gruppo di soldati lasciandosi alle spalle le forze speciali statunitensi, i mercenari e gli agenti dell’intelligence, privatizzando e ridimensionando la guerra, ma non ponendole fine»

 

Ci sono già sette contractor militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano .

 

L’uso di contractor militari privati ​​consente al Pentagono e alle agenzie di intelligence statunitensi di evitare una seria supervisione del Congresso.

 

In genere sono veterani delle forze speciali che guadagnano molto di più come contractor o mercenari della sicurezza privata. Il loro lavoro è semplicemente secretato, quindi non c’è quasi nessuna responsabilità.

 

Il New York Times riporta, citando gli attuali ed ex funzionari degli Stati Uniti, che Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti» per condurre operazioni all’interno dell’Afghanistan.

 

Ci sono già sette appaltatori militari privati ​​in Afghanistan per ogni singolo soldato americano

L’attuale governo afghano guidato da Ashraf Ghani, come quello di Hamid Karzai, è una creazione degli Stati Uniti. Ghani rimarrà il delegato di Washington a Kabul. Il suo esercito è finanziato dagli Stati Uniti per un costo di circa 4 miliardi di dollari all’annoPer cosa?

 

Quello che manca alla discussione pubblica sulla presenza delle truppe afghane è il gorilla da 800 libbre nella stanza: la droga, in particolare l’eroina.

 

 

Il gorilla da 800 libbre

Alcuni di questi soldati di ventura privati ​​non stanno facendo cose carine.

Washington «molto probabilmente farà affidamento su un’oscura combinazione di forze operative speciali clandestine, appaltatori del Pentagono e agenti segreti»

 

DynCorp è uno dei maggiori appaltatori lì. A partire dal 2019 DynCorp aveva ottenuto oltre 7 miliardi di dollari in contratti governativi per addestrare l’esercito afghano e gestire basi militari in Afghanistan.

 

Uno dei compiti pubblicizzati della DynCorp e di altro personale mercenario statunitense in Afghanistan è stato quello di «sorvegliare» la distruzione dei campi di papaveri afgani che forniscono circa il 93% dell’eroina mondiale. Eppure la prova evidente è che quell’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina.

 

DynCorp ha poco da mostrare per l’eradicazione della droga, o stavano facendo qualcos’altro?

L’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina

 

 

CIA, Mujahideen e oppio afghano

Quando gli Stati Uniti occuparono per la prima volta l’Afghanistan, rivendicando la punizione per il ruolo dei talebani nell’aiutare Osama bin Laden negli attacchi statunitensi dell’11 settembre, una severa politica anti-oppio dei talebani aveva ridotto i raccolti quasi a zero.

 

Nell’ottobre 2001, appena prima dell’invasione degli Stati Uniti, le Nazioni Unite hanno riconosciuto che i talebani hanno ridotto la produzione di oppio in Afghanistan da 3300 tonnellate nel 2000 a 185 tonnellate nel 2001.

 

Secondo l’economista e storico canadese Michel Chossudovsky, «immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga. Il Guardian ha riferito che: «Nel 2007 l’Afghanistan aveva più terra coltivata di droga di Colombia, Bolivia e Perù combinati». Erano passati sei anni dall’occupazione militare statunitense.

«Immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000». L’invasione angloamericana dell’Afghanistan ha ripristinato con successo il traffico di droga

 

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai.

 

Nel 2009 il New York Times, citando funzionari statunitensi anonimi, ha scritto che «Ahmed Wali Karzai, fratello del presidente afghano e sospettato attore del fiorente commercio illegale di oppio nel paese, riceve pagamenti regolari dalla Central Intelligence Agency, e lo ha fatto per gran parte degli ultimi otto anni».

 

Nel 2011 Ahmed Karzai è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso, nella sua casa di Helmand da una delle sue guardie del corpo. Helmand è la più grande provincia dell’oppio in Afghanistan. Se Helmand fosse un paese, sarebbe il più grande produttore di oppio al mondo. È stato un caso che la CIA abbia pagato soldi a Karzai per almeno otto anni o la Compagnia aveva una partecipazione negli affari di Karzai?

 

Mentre Washington e la CIA hanno negato di sostenere l’enorme commercio di oppio afghano, la storia della CIA dalla guerra del Vietnam con i signori della guerra della droga suggerisce il contrario.

Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai, ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso

 

Come Alfred W. McCoy ha documentato durante l’era della guerra del Vietnam nel suo libro rivoluzionario, The Politics of Heroin in Southeast Asia, la CIA era profondamente coinvolta con le tribù Hmong in Laos che erano coinvolte nel commercio di oppio. Hanno affermato che era necessario gemellare il loro sostegno. Successivamente si è scoperto che la CIA Air America era coinvolta nel trasporto segreto di oppio dal Triangolo d’Oro.

 

Durante la guerra dei Mujahideen finanziata dagli Stati Uniti contro l’Armata Rossa sovietica in Afghanistan, la CIA avrebbe chiuso un occhio su Osama bin Laden e migliaia di «arabi afghani» che aveva aveva reclutato.

 

I signori della guerra afgani come Gulbuddin Hekmatyar si stavano arricchendo insieme all’intelligence pakistana dell’ISI con enormi profitti del traffico di droga. Immaginare che la CIA e gli eserciti mercenari privati ​​come DynCorp strettamente legati all’agenzia siano oggi coinvolti nella più grande fonte di oppio ed eroina del mondo non richiede un grande atto di fede.

 

Nel 2018 Alfred McCoy ha accusato la guerra degli Stati Uniti in Afghanistan. Ha chiesto: “Come ha potuto l’unica superpotenza del mondo aver combattuto ininterrottamente per più di 16 anni – dispiegando più di 100.000 truppe al culmine del conflitto, sacrificando la vita di quasi 2.300 soldati, spendendo più di 1 trilione di dollari per le sue operazioni militari, prodigando un record di 100 miliardi di dollari in più per la “costruzione della nazione”, aiutando a finanziare e addestrare un esercito di 350.000 alleati afgani – a non essere ancora in grado di pacificare una delle nazioni più povere del mondo?».

La presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007»

 

La sua risposta è stata che la presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «durante i suoi tre decenni in Afghanistan, le operazioni militari di Washington sono riuscite solo quando si adattano abbastanza comodamente al traffico illecito di oppio dell’Asia centrale», ha accusato. Dopo l’invasione  «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007».

 

Nel 2017 la produzione di oppio ha raggiunto il record di 9.000 tonnellate. Dopo più di 16 anni di occupazione militare statunitense. Da qualche parte qui c’è una storia molto sporca e criminale e la CIA e i contractor  militari privati ​​correlati come DynCorp sembrano essere nel mezzo di essa.

 

Questa è forse la vera ragione per cui Washington si rifiuta di lasciare onestamente l’Afghanistan.

 

Come sottolinea Pepe Escobar, contrariamente alla narrativa dei media occidentali secondo cui i talebani controllano il commercio di oppio afghano, «questa non è un’operazione talebana afgana. Le domande chiave – mai poste dai circoli atlantisti – sono chi compra i raccolti di oppio; li raffina in eroina; controlla le rotte di esportazione; e poi venderli per un profitto enorme». Escobar punta il dito contro la NATO, sottolineando che i cittadini russi sono «danni collaterali» della rotta dell’eroina afghana quanto lo sono gli americani.

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma

«Il ministero degli Esteri russo sta monitorando il modo in cui tonnellate di sostanze chimiche vengono importate illegalmente in Afghanistan, tra gli altri, da “Italia, Francia e Paesi Bassi”, e come gli Stati Uniti e la NATO non stanno facendo assolutamente nulla per contenere il limite di eroina».

 

Le operazioni statunitensi in Afghanistan, il più grande produttore mondiale di oppio, sono lungi dall’essere terminate. Stanno semplicemente cambiando forma.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Droga

Decine di nuove droghe proliferano in Europa

Pubblicato

il

Da

Secondo l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) la produzione di droghe è alle stelle in tutta Europa.

 

L’Osservatorio ha rivelato in un rapporto che nel 2021 sono state scoperte circa 52 nuove sostanze psicoattive vendute illegalmente sul territorio europeo, riporta RT.

 

«I farmaci affermati non sono mai stati così accessibili e nuove potenti sostanze continuano ad emergere (…) tutti possono essere colpiti, direttamente o indirettamente», ha affermato il direttore dell’OEDT Alexis Goosdeel.

 

Secondo il rapporto OEDT tra le droghe che escono dai laboratori europei ci sono anfetamine e metanfetamine, oppioidi sintetici e cannabinoidi sintetici.

 

L’agenzia sostiene che circa 350 laboratori di produzione di droga sono stati trovati e distrutti nel 2020, principalmente nei Paesi Bassi e in Belgio, e un record di 213 tonnellate di cocaina sono state confiscate nell’UE.

 

Il rapporto rilevava che il conflitto in Ucraina e il ritiro della NATO dall’Afghanistan avrebbero probabilmente avuto un impatto sul traffico di droga, creando «nuove vulnerabilità» esponendo popolazioni più ampie alle droghe illegali, in particolare coloro che hanno subito «un grave stress psicologico». Dato il flusso di rifugiati fuori dall’Ucraina, è probabile che i servizi sanitari nei paesi confinanti siano al limite, è scritto nel paper.

 

Secondo lo studio il conflitto ucraino creerà nuove rotte di contrabbando poiché i trafficanti cercheranno di «evitare le aree con una maggiore presenza di forze di sicurezza», mentre in Afghanistan, è probabile che la crescente «crisi economica e umanitaria» contribuisca a un aumento produzione e traffico di droghe illegali, in particolare i papaveri da oppio e l’efedra precursore della metanfetamina già lì coltivati ​​in notevole volume.

 

L’OEDT ha sede in Portogallo, Paese che ha depenalizzato l’uso personale e il possesso di droghe precedentemente illecite nel 2001 riducendoli quindi a reati amministrativi.

 

Anche Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Svizzera hanno depenalizzato il possesso di droga per uso personale. La Germania si sta muovendo verso la legalizzazione della vendita di cannabis per scopi ricreativi.

 

Come riportato da Renovatio 21, in Nord America, invece, si è notata di una nuova potentissima droga sul mercato, i nitazeni, una nuova classe di oppioidi sintetici più potente del fentanil e ritrovata inaspettatamente anche  in partite di droga che si presume contenessere altri tipi di oppioidi come il fentanil, l’ossicodone o le benzodiazepine non mediche.

 

La cosiddetta crisi degli oppioidi in corso in USA arriva ora ad  uccidere in un anno più di 100 mila persone.

Continua a leggere

Droga

CIA e controllo mentale, la storia degli esperimenti LSD su cittadini inconsapevoli

Pubblicato

il

Da

Nei decenni del dopoguerra, la CIA ha largamente fatto uso di LSD in esperimenti volti a determinare le possibilità di controllo della mente umana.

 

L’idea delle spie di Langley era quella di ottenere la verità durante gli interrogatori, ma anche di distruggere la personalità di un soggetto e sostituirla con un’altra personalità.

 

Si trattava insomma dello studio del controllo totale dell’essere umano, a partire dalla sua psiche.

 

Un dettagliato resoconto della storia dell’uso dell’LSD presso la CIA per studiare il controllo mentale è stato di recente pubblicato dalla testata russa in lingue inglese RT. Come noto, RT, che dipende dal governo di Mosca, è attualmente inaccessibile dall’Italia e da molto dell’Occidente.

 

Nel 1979, l’ex ufficiale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti John Marks aveva pubblicato un libro intitolato The Search for the “Manchurian Candidate” («In cerca del candidato della Manciuria»), basato su documenti dell’agenzia rilasciati ai sensi del Freedom of Information Act (FOIA).

 

L’espressione «candidato della Manciuria» derica dal titolo di un romanzo di Richard Condon, pubblicato per la prima volta nel 1959 e poi divenuto pellicola hollywoodiana con Frank Sinatra, che narrava la storia di un soldato americano a cui veniva fatto il lavaggio del cervello per essere trasformato in un assassino pronto ad eseguire ipnoticamente gli ordini dei vertici del comunismo mondiale.

 

 

La Commissione Church

Nel 1975, una commissione ristretta del Senato degli Stati Uniti, presieduto dal senatore democratico dell’Idaho Frank Church, esaminò i possibili abusi dell’intelligence commessi in passato.

 

Faceva parte del cosiddetto «Anno dell’Intelligence», una serie di indagini sulle operazioni che includevano «attività illegali, improprie o non etiche», come afferma la risoluzione che istituisce la Commissione Church.

 

In realtà, c’erano ragioni per cui il pubblico statunitense metteva in dubbio i metodi dei servizi segreti.

 

Dopo lo scandalo Watergate, era stato rivelato che la CIA aveva un ruolo diretto in quello che è successo. Nel descrivere le attività della CIA nel suo articolo per il New York Times, il giornalista Seymour Hersh aveva menzionato le operazioni di altre agenzie che prendono di mira i cittadini americani.

 

La stessa CIA ha rilasciato i documenti sulla questione solo nel 2007.

 

I membri della Commissione Church hanno tenuto 126 riunioni di commissione complete, 40 audizioni di sottocommissioni e hanno intervistato circa 800 testimoni. Dopo aver perquisito 110.000 documenti, la Commissione pubblicò il suo rapporto finale nell’aprile 1976.

 

La Commissione pubblicò anche un documento intitolato «Presunti complotti di assassinio che coinvolgono leader stranieri»,  descrivendo in dettaglio i piani dell’Intelligence per uccidere diverse figure di spicco come Patrice Lumumba e Fidel Castro.

 

Il rapporto principale contiene un enorme capitolo dedicato all’uso di agenti chimici e biologici da parte delle agenzie di intelligence.

 

«La paura che i paesi ostili agli Stati Uniti usino agenti chimici e biologici contro gli americani o gli alleati americani hanno portato allo sviluppo di un programma difensivo progettato per scoprire tecniche per le agenzie di intelligence americane per rilevare e contrastare agenti chimici e biologici» , afferma il rapporto, indicando che l’arma difensiva si trasformò presto in offensiva.

Il rapporto prosegue spiegando che i programmi erano così delicati che «poche persone, anche all’interno delle agenzie» sapevano della loro esistenza e «non ci sono prove che né il ramo esecutivo né il Congresso siano mai stati informati”». Di conseguenza, decine di persone hanno subito alcuni danni e almeno due di loro sono morte a causa degli esperimenti.

 

Un triste esempio è il caso del tennista americano Harold Blauer. Nel 1952 entrò volontariamente al New York State Psychiatric Institute perché soffriva di depressione aggravata dal divorzio. L’istituto aveva un contratto riservato con l’esercito per la ricerca di potenziali agenti di guerra chimica. Come parte di un esperimento di cui non sapeva nulla, Blauer ricevette una serie di derivati ​​di una sostanza psichedelica chiamata mescalina e morì. Nel 1987, un tribunale degli Stati Uniti ha stabilito che il governo aveva nascosto il suo ruolo nella morte dell’uomo. Un giudice ha ordinato alle autorità di pagare 700.000 dollari alla famiglia di Blauer.

 

 

«Tecniche offensive di interrogatorio»

Dalla fine degli anni ’40, la CIA conduceva diversi progetti che coinvolgono agenti chimici e biologici. Dal 1947 al 1953, un progetto chiamato CHATTER ha ricercato «droghe della verità» – qualcosa che, secondo il rapporto della Commissione Church, era una risposta ai «rapporti di “risultati sorprendenti” raggiunti dai sovietici».

 

Animali e esseri umani sono stati sottoposti a test che hanno coinvolto una pianta chiamata anabasis aphylla, l’alcaloide scopolamina e la mescalina.

 

Nel 1950 fu approvato un progetto chiamato BLUEBIRD. Il suo scopo era indagare sui metodi di controllo mentale che impediscono al personale di «estrapolare informazioni non autorizzate» e che forniscono all’utente i mezzi per controllare un individuo utilizzando speciali tecniche di interrogatorio.

 

Un anno dopo, il progetto è stato rinominato ARTICHOKE. Oltre ai suoi scopi difensivi, ora includeva la ricerca sulle «tecniche offensive di interrogatorio» che coinvolgevano l’ipnosi e le droghe.

 

Non ci sono informazioni certe su quando il progetto è terminato. Secondo il rapporto della Commissione Church, la CIA ha insistito sul fatto che ARTICHOKE fosse stato abolito nel 1956, tuttavia, ci sarebbero prove che le tecniche di «interrogatorio speciale » che erano state studiate fossero state utilizzate per molti altri anni.

 

C’era quindi il progetto MKNAOMI, che ha studiato gli agenti di guerra biologica, la loro conservazione e i dispositivi per la loro diffusione. Fu terminato dopo che il presidente Richard Nixon pose fine al programma offensivo di armi biologiche americane nel 1969.

 

 

Progetto MKULTRA

Il principale programma di ricerca sul controllo mentale della CIA, che si è rivelato un vero shock quando è stato scoperto, è stato MKULTRA, guidato dal dottor Sidney Gottlieb.

 

Lanciato nel 1953 e interrotto un decennio dopo, il programma prevedeva di testare il controllo del comportamento umano con elementi del calibro di radiazioni, elettroshock, strumenti psicologici e psichiatrici, sostanze moleste e dispositivi paramilitari.

 

Il progetto aveva una filiale speciale, MKDELTA, per supervisionare i test condotti all’estero.

 

Per la maggior parte, le persone ora conoscono MKULTRA perché riguardava l’LSD, una droga psichedelica creata nel 1938 dal chimico svizzero Albert Hofmann presso i laboratori Sandoz di Basilea, in Svizzera.

 

Il 19 aprile 1943, Hofmann prese accidentalmente l’LSD e scoprì quanto potesse essere forte l’effetto (questo giorno è ora noto come «Giorno della bicicletta», poiché Hofmann stava andando in bicicletta quando ha vissuto il primo «viaggio» in assoluto con LSD,). I laboratori Sandoz iniziarono a commercializzare il farmaco con il nome di «Delysid» quattro anni dopo e nel 1948 arrivò negli Stati Uniti.

 

La CIA conosceva gli effetti dell’LSD e vi faceva così tanto affidamento che, nel 1953, c’era un piano per l’acquisto di 10 chilogrammi di LSD, circa 100 milioni di dosi del valore di 240.000 dollari, per esperimenti.

 

La CIA, fingendosi una fondazione di ricerca, fece accordi con università, ospedali e altre istituzioni per ottenere i materiali e le sostanze di cui aveva bisogno.

 

I test sono stati eseguiti su soggetti umani, con o senza la loro conoscenza. Anche coloro che si sono offerti volontari per prendere parte alla ricerca non erano a conoscenza del vero scopo dietro di essa. La CIA ha ritenuto che l’aspetto della segretezza fosse necessario poiché, in una potenziale operazione, il soggetto preso di mira sarebbe stato sicuramente inconsapevole.

 

Nell’esercito sono stati condotti diversi test che coinvolgono l’LSD. La sostanza veniva utilizzata anche all’estero durante gli interrogatori di presunte spie straniere.

 

L’allucinogeno è stato testato anche sui prigionieri, a volte su quelli con tossicodipendenze. Diversi detenuti volontari del Lexington Rehabilitation Center – una prigione per tossicodipendenti che scontano pene per violazioni di droga – ricevevano droghe allucinogene in cambio di droghe da cui erano dipendenti.

 

Il boss della criminalità organizzata americana James «Whitey» Bulger ha preso parte a MKULTRA nel 1957, mentre era detenuto in prigione ad Atlanta. Nel 2017, ha descritto la sua esperienza in un articolo per OZY. Secondo Bulger, si rese conto di aver preso parte agli esperimenti della CIA solo anni dopo, quando lesse The Search for the “Manchurian Candidate” .

 

Whitey Bulger è stato reclutato per l’esperimento insieme a molti altri detenuti. Secondo il suo articolo, gli è stato detto che si trattava di un progetto medico volto a trovare una cura per la schizofrenia.

 

«Per la nostra partecipazione, avremmo ricevuto tre giorni di tempo per ogni mese dedicato al progetto», scrive Bulger. «Ogni settimana venivamo rinchiusi in una stanza sicura nel seminterrato dell’ospedale carcerario, in una zona dove erano ospitati i malati di mente». A tutti i candidati sono state somministrate dosi massicce di LSD e quindi testate per le loro reazioni.

 

«Otto detenuti in preda al panico e allo stato paranoico. Perdita totale di appetito. Allucinante. La stanza cambierebbe forma. Ore di paranoia e di sentimenti violenti. Abbiamo vissuto periodi orribili di incubi viventi e persino sangue che usciva dalle pareti. Ragazzi che si trasformano in scheletri di fronte a me. Ho visto una telecamera trasformarsi nella testa di un cane. Mi sentivo come se stessi impazzendo» scrive l’ex mafioso irlandese, dichiarando che gli esperimenti gli hanno causato problemi di sonno e incubi di lunga durata.

 

 

La strana morte del dottor Olson

Nel novembre 1953, un gruppo di impiegati della CIA (tra cui Sidney Gottlieb), insieme a scienziati del centro di ricerca biologica statunitense chiamato Camp Detrick, si riunì in una capanna nel Maryland per una conferenza.

 

Il gruppo includeva il dottor Frank Olson, un esperto di aerobiologia. Ad un certo punto, i membri della CIA decisero di condurre un esperimento su candidati inconsapevoli, quindi il vice di Gottlieb, Robert Lashbrook, aggiunse l’LSD a una bottiglia di liquore Cointreau, che fu servita dopo cena. Olson assaggiò.

 

Quando Olson tornò a casa, i membri della famiglia notarono che era depresso. Due giorni dopo, Olson si lamentò con il suo capo Vincent Ruwet per le sue cattive condizioni e per ciò che aveva vissuto. Ruwet contattò Lashbrook e portarono Olson a New York, per incontrare un medico vicino alla CIA, che era esperto di LSD.

 

A New York, Olson si sentì così male che si rifiutò persino di tornare a casa per trascorrere il Giorno del Ringraziamento con la sua famiglia. Più tardi, Lashbrook affermò che durante l’ultima cena che avevano insieme, l’uomo sembrava «quasi il dottor Olson… prima dell’esperimento».

 

Secondo la testimonianza di Lashbrook, alle 2:30 del mattino fu svegliato da un forte «crollo di vetri» e vide che Olson era caduto dalla finestra della loro stanza al 10° piano. La famiglia di Olson, tuttavia, ha rifiutato di credere che fosse un suicidio e ha affermato che l’esperto di aerobiologia era stato assassinato.

 

La storia degli Olson è ben descritta nel docu-drama Netflix del documentarista premio Oscar Errol Morris, Wormwood, dove si avanzano ipotesi inquietanti sull’accaduto che vanno ben oltre la consumazione sperimentale di LSD e coinvolgono l’emersione di possibili programmi biologici attivati dagli USA nella guerra di Corea.

 

Nonostante scandali e tensioni, gli esperimenti che hanno coinvolto persone inconsapevoli sono continuati.

 

Il progetto fu terminato nel 1963. Un decennio dopo, Gottlieb distrusse la maggior parte dei documenti relativi a MKULTRA, quindi la sua reale portata non sarà mai nota.

 

 

 

 

Immagine di schizo604 via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)

 

 

Continua a leggere

Droga

Nuova potentissima droga sul mercato nordamericano

Pubblicato

il

Da

Un nuovo tipo di oppioide ha colpito il mercato della droga in Canada.

 

Si tratterebbe di una droga «molte volte più potentedel fentanil»  secondo il Canadian Center on Substance Use and Addiction (CCSA), un centro di ricerca sull’abuso di sostanze.

 

Si tratterebbe di una nuova classe di oppioidi sintetici denominati «nitazeni», sostanze sviluppate 60 anni fa come potenziali farmaci antidolorifici, ma mai approvati dalle autorità per l’uso clinico. Più di un nitazene può essere identificato in un singolo campione: nel 2021, circa il 14% dei campioni positivi al nitazene ne conteneva due o più.

 

I nitazeni di solito compaiono inaspettatamente in partite di droga che si presume contengano altri tipi di oppioidi come il fentanil, l’ossicodone e le benzodiazepine non mediche, ha affermato il CCSA. La sostanza è stata identificata per la prima volta nella fornitura non regolamentata di farmaci del Canada nel 2019.

 

Questa nuova sostanza sarebbe aumentata di 4 volte nei confronti della quantità rilevata nel 2020. I ricercatori sostengono tuttavia che la presenza di questa sostanza nelle sostanze illegali scambiate è probabilmente sottovalutata, in quanto non tutte le forze dell’ordine impegnate nel contrasto della droga hanno strumenti adeguati per il rilevamento.

 

Secondo alcuni commentatori, si tratta di un déjà vu: il centro ha emesso un avviso simile quando il fentanil è apparso per la prima volta in Canada nel 2013. La prevalenza del fentanil nell’offerta di farmaci del Canada ha iniziato a crescere nel 2015.

 

Nell’aprile 2016, la regione canadese della Columbia Britannica ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica a causa del significativo aumento dei decessi per overdose da oppioidi segnalati nella provincia dall’inizio di quell’anno.

 

I nitazeni sono più potenti delle già molto potenti droghe oppiodi sul mercato aumericano. Questo non può che aumentare il rischio di avvelenamento da oppioidi.

 

L’Agenzia per la salute pubblica del Canada ha riferito che circa 26.690 canadesi sono morti per un’apparente overdose da oppioidi tra gennaio 2016 e settembre 2021, nel suo ultimo aggiornamento di marzo.

 

Negli USA, la pandemia ha portato le morti per overdose a livelli record. Nel 2020 sono morte a causa della crisi degli oppioidi quasi 100 mila persone.

 

La crisi degli oppioidi, iniziata a causa dell’avidità assassina di Big Pharma (in particolare, della famiglia Sackler, ma non solo) e della compiacenza delle autorità regolatorie, è oggi una delle principali cause di decesso per la popolazione americana.

 

Come riportato da Renovatio 21 già 3 anni fa, la catena dell’orrore non si ferma con il decesso della povera persona morta dopo indicibili sofferenze esistenziali: in America un trapianto di cuore su sei proviene da overdose da oppioidi.

 

 

Continua a leggere

Più popolari