Connettiti con Renovato 21

Internet

Google News ha alterato il suo algoritmo contro il presidente Trump, dice un informatore

Pubblicato

il

 

 

 

Google ha cambiato i suoi algoritmi di ricerca delle notizie per prendere di mira Donald Trump, stando a quanto dice Zach Vorhies, un informatore proveniente Google e autore di un nuovo libro intitolato Google Leaks.

 

In questi mesi di tormento, Trump non è stato certo a guardare e ha cercato di reagire alle censure 2.0 come costantemente  riportato da Renovatio 21 qualche settimana fa. 

 

Il nuovo libro Google Leaks: A Whistleblower’s Exposé of Big Tech Suppression indaga su come Big Tech sopprima le opinioni contrarie alla narrativa mainstream.

 

Google è divenuta nel giro di due decenni uno snodo fondamentale per tutto il pianeta, in grado di dirigere le informazioni – e quindi anche danari e opinioni – secondo le sue istruzioni. Come riportato da Renovatio 21, Google è già stata definita da un senatore USA come «l’azienda più pericolosa sulla faccia del pianeta».

 

Durante la sua carriera come sviluppatore di software, Vorhies ha lavorato sia per YouTube che per Google,  ma si è dimesso dopo aver appreso della soppressione delle voci dei conservatori.

 

Utilizzando il motore di ricerca interno di Google, Vorhies ha scoperto 950 pagine di questi piani e le ha rese pubbliche su Project Veritas.

«Era chiaro che Google stava tentando niente di meno che una riscrittura senza soluzione di continuità del codice funzionante della realtà a cui a molti non sarebbe stato permesso di partecipare»

 

Nel suo libro, il Vorhies fornisce un resoconto di prima mano di questi eventi e aiuta a immaginare cosa potrebbe diventare la società americana sotto il tallone delle giga-aziende della Silicon Valley.

 

La testimonianza di Zach Vorhies illustra la natura dei Big Tech e il loro tentativo di trasformare la nostra realtà in una che rispecchia esclusivamente la loro prospettiva di visione del mondo.

 

Vorhies è stato un programmatore senior di Google per molti anni e conosce bene i loro pregiudizi, ma vedeva con terrore come la vittoria di Donald Trump nel 2016 minacciasse di portarli in conflitto.

 

La pagina di descrizione del libro recita: «Era chiaro che Google stava tentando niente di meno che una riscrittura senza soluzione di continuità del codice funzionante della realtà a cui a molti non sarebbe stato permesso di partecipare». 

 

L’idea di una lotta di idee leale e combattuta, seguita da strette di mano e risoluzione dei problemi insieme, è stata sostituita da un’etica che non era familiare alla storia della nazione americana.

 

Il suo studio, secondo Vorhies, ha trasformato «teorie del complotto bei fatti di una vera cospirazione».

 

Il whistleblower afferma che l’algoritmo di Google ha incollato diversi titoli negativi, non solo su quelli nuovi ma anche su quelli vecchi, per mantenerli per periodi più lunghi.

 

«Hanno permesso ai media mainstream di strutturare le loro storie in modo che potessero rimanere in cima alla loro ricerca e all’indice delle notizie» spiega Vorhies.

 

I giganti della comunicazione e dei social hanno tentacolari quasi onnipotenti che arrivano dritti fin dentro le menti della popolazione.

 

Essi hanno giocato senza vergogna anche con la pandemia, veicolando solo alcune delle informazioni riguardo al COVID, come scritto già varie volte nel nostro sito, e quindi censurando tutti coloro che promuovevano cure alternative ai cosiddetti protocolli ufficiali. 

 

Si tratta di qualcosa di gravissimo, di fatto si tratta di attentati alla salute della democrazia così come della salute biologica stessa dei cittadini, a cui viene di fatto preclusa una cura che potenzialmente può guarirli.

 

Quasi nessuno in Occidente, con l’eccezione di Trump, pare volere fermare lo strapotere di Big Tech.

 

Del resto, se pensiamo all’Italia, Salvini deve il suo successo a Facebook (disse pure «viva Facebook!» in un discorso all’Europarlamento), la Meloni sta ripercorrendo le orme di Salvini, tutto il resto dei politici sono collusi o insignificanti.

 

 

Eppure, oggi come non mai, il popolo avrebbe bisogno di qualcuno che lo difenda quando delle multinazionali negano loro molteplici diritti costituzionali, distruggendo una dopo l’altra sovranità nazionali inderogabili.

 

Della censura diretta ha una multipla esperienza Renovatio 21, che ancora lotta con delazioni, ban e shadow ban di ogni tipo.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di


In affiliazione Amazon

 

 

 

Continua a leggere

Internet

Washington criminalizza i siti web russi che rivelano abusi statunitensi in tutto il mondo

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo di Réseau Voltaire

 

 

Secondo un rapporto di Avril Haines, il direttore dell’intelligence nazionale statunitense, datato 15 marzo 2021 (1), Russia e Iran, così come Hezbollah, Cuba e Venezuela libanesi hanno interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi a scapito del candidato Joe Biden.

 

Secondo una dichiarazione del Dipartimento del Tesoro americano (2), i quattro siti russi SouthFront , NewsFront , Strategic Culture Foundation e InfoRos sono «punti di disinformazione dei servizi segreti russi» (sic).

 

Di conseguenza, gli agenti dell’FBI hanno visitato personalmente ciascuno dei giornalisti americani impiegati da questi siti di notizie per informarli che sarebbero stati passibili di sequestrare i loro compensi più una multa di $ 311.562 qualora avessero continuato la loro collaborazione con questi «nemici d’America» ​​(sic ).

 

In pratica, questi siti spesso pubblicano informazioni sugli abusi commessi dall’amministrazione statunitense nel mondo che vengono loro rivelate dai servizi segreti russi. Tutte quelle che siamo stati in grado di verificare erano corrette, ma finora ignorate dai media occidentali.

 

 

 

NOTE

1) «Foreign Threats to the 2020 US Federal Elections », Director of National Intelligence, desegretato il 15 marzo 2021.

2) «Treasury Escalates Sanctions Against the Russian Government’s Attempts to Influence U.S. Elections», US Tresury Department, Voltaire Network, 15 aprile 2021.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Economia

Blockchain, il governo USA ha dichiarato illegali alcuni NFT

Pubblicato

il

Da

 

I Non-Fungible Token, meglio conosciuti come NFT, hanno fatto notizia quest’anno mettendo a soqquadro il mondo dell’arte e quello della blockchain.

 

Novità emersa nel mondo delle criptovalute, gli NFT possono assicurare la proprietà dei diritti di un’opera – o anche solo di un’immagine Jpeg, o di un post su Twitter – e sono state accusati da più parte di poter dar vita a schemi per il riciclaggio di danaro.

 

L’Office of Foreign Assets Control del governo degli Stati Uniti ha ora dichiarato che numerosi NFT, e persino un’intera piattaforma di scambio, sono ora illegali

L’Office of Foreign Assets Control del governo degli Stati Uniti ha ora dichiarato che numerosi NFT, e persino un’intera piattaforma di scambio, sono ora illegali.

 

L’ elenco delle cose vietate include un marketplace NFT lettone e dozzine di opere d’arte digitale specifiche, tra cui, in modo intrigante, alcune risorse quotate su una piattaforma di scambio con sede negli Stati Uniti.

 

«In altre parole, è una collisione tra il dramma mondiale dell’arte, il dramma del governo federale, il dramma della blockchain e il dramma delle sanzioni internazionali – una polpetta piccante di imbrogli legali, tecnici e finanziari che potrebbero far luce sugli aspetti più esplosivi della cultura NFT» scrive Futurism.

 

Secondo quanto emerso, parrebbe che gli agenti federali americani ritengano che queste piattaforme usino le vendite di risorse digitali per riciclare denaro proveniente da attacchi ransomware o da altre attività illegali presente sul dark web.

 

Parrebbe che gli agenti federali americani ritengano che queste piattaforme usino le vendite di risorse digitali per riciclare denaro proveniente da attacchi ransomware o da altre attività illegali presente sul dark web

Come riportato da Renovatio 21, a fine estate un ransomware ha tenuto sotto scacco l’intera sanità della Regione Lazio per giorni. I dati «rubati» potrebbero essere di vitale importanza: vi erano le liste di tutti i vaccinati.

 

Quanto alla tecnologia blockchain, fino a poco fa era ritenuta «inhackerabile»: ora è stato dimostrato che invece si può hackerare. Perché non esiste, in informatica, una vera possibilità di sicurezza.

 

Molto si sta muovendo in questi mesi anche attorno al mondo delle criptovalute. Un miliardario in Bitcoin romeno è stato trovato affogato quattro mesi fa, mentre l’inventore di PayPal e primo investitore di Facebook Peter Thiel dichiara che il Bitcoin «potrebbe essere un’arma finanziaria della Cina contro gli Stati Uniti».

 

Di recente Thiel pare aver cambiato idea mostrando rimorso per non aver acquistato, quando il prezzo era più basso, più bitcoin.

 

La tecnologia blockchain, fino a poco fa era ritenuta «inhackerabile»: ora è stato dimostrato che invece si può hackerare

Anche la famiglia Rothschild di recente ha triplicato il loro investimento in bitcoin.

 

L’amministrazione Biden aveva segnalato a inizio mandato di voler dare una stretta significativa alla questione della criptovaluta.

 

La Cina la ha già data a settembre, dichiarando le transazioni di criptovalute illegali e attivando una vera repressione del settore.

 

Continua a leggere

Internet

Che cos’è il metaverso? Incubo e realtà dell’evoluzione di Facebook e di internet

Pubblicato

il

Da

 

 

Sarebbe emerso in queste ore che Mark Zuckerberg sarebbe intenzionato a «cambiare» nome al gruppo Facebook. Non al social col logo blu – che è di gran lunga il suo prodotto di punta – ma alla società che lo possiede, oltre a possedere Whatsapp, Instagram, Oculus. tutte società promettenti fagocitate durante la loro crescita dai miliardi messi sul piatto da Zuckerberg.

 

L’operazione non sarebbe differente, pare di capire, da quella con cui nel 2015 Google istituì una società più grande – cioè una holding che contenesse tutte le aziende del gruppo – chiamata Alphabet. Sul nuovo nome sono partite le scommesse, e qualcuno fa già notare che meta.org è un dominio della fondazione del CEO di Facebook e della moglie.

 

Zuckerberg è certo fiaccato da mesi, anni di rivelazioni e scandali riguardo Facebook – un nome che ad alcuni può sembrare sul punto di divenire quello di una toxic company.

 

Tuttavia, ci potrebbe essere un altro fattore a spingere la società verso una definizione: l’ambizione, ora esposta a chiare lettere, di essere la prima società al mondo del «metaverso». O meglio: l’ambizione di creare il primo (e, nei piani, probabilmente, unico, o comunque maggioritario) «metaverso».

 

L’oligarcato tecnologico della Silicon Valley afferma da tempo che a breve saremo tutti in un mondo di realtà virtuale (VR) interattivo, completo di giochi, avventure, shopping, offerte, lavori – il tutto in una simulazione che sostituisce la realtà e la dematerializza elettronicamente

Il metaverso (parola usata per la prima volta dal seminale autore di fantascienza Neal Stephenson, che qualcuno sostiene avesse pure preconizzato con anni di anticipo le criptovalute, nel romanzo del 1992 Snow Crash) è uno spazio cibernetico che è al contempo denso e navigabile per ogni questione umana. Il metaverso è la digitalizzazione delle attività, delle transizioni, della vita della popolazione.

 

L’oligarcato tecnologico della Silicon Valley afferma da tempo che a breve saremo tutti in un mondo di realtà virtuale (VR) interattivo, completo di giochi, avventure, shopping, offerte, lavori – il tutto in una simulazione che sostituisce la realtà e la dematerializza elettronicamente. 

Potete pensare alla VR vista nel film di Stephen Spielberg Ready Player One, tuttavia, quello è un gioco – come lo è il mondo virtuale visto recentemente nel film Free Guy: quest’ultimo è un caso più realistico, perché ispirato a Fortnite, gioco di estremo successo che per alcuni è già un abbozzo del metaverso. L’azienda che produce il gioco, Epic, ha dichiarato i aver raccolto 1 miliardo di dollari da spendere per i suoi piani sul metaverso. Anche il grande produttore di schede grafiche Nvidia e la piattaforma di gioco Roblox stanno lavorando in questo ambito.  Il CEO di Microsoft Satya Nadella ha dichiarato che la società sta lavorando per costruire un «metaverso aziendale»

 

Tuttavia, il metaverso è diverso dalla realtà virtuale di oggi, dove i visori ingombranti offrono esperienze isolate e poche possibilità di incrocio con persone che possiedono dispositivi di marche diverse. Il metaverso sarebbe qualcosa di più: un enorme ciberspazio comune, che collega insieme realtà aumentata e realtà virtuale, consentendo agli avatar di saltare senza problemi da un’attività all’altra.

 

Facebook dovrebbe essere riconosciuta come «società del metaverso», dove la parola «società» non significa solo «azienda»

Si può pensarlo come a come un «Internet incarnato» in cui sei dentro piuttosto che guardare. Gli avatar (cioè i personaggi che rappresentano gli utenti) potrebbero camminare e interagire con il mondo elettronico in modo simile a come le persone manovrano il mondo fisico, consentendo agli utenti di interagire con persone dall’altra parte del pianeta come se si trovassero nella stessa stanza.

 

Come scrive il Washington Post, si tratta di un’impresa enorme che richiederebbe la standardizzazione e la cooperazione tra i giganti della tecnologia, che non sono inclini a collaborare con i concorrenti, anche se non ha impedito a molti di dire che il metaverso è dietro l’angolo.

 

Facebook, avendo digitalizzato l’identità di miliardi di persone del pianeta, parte ovviamente in vantaggio. E lo sa.

 

La filosofia economica è chiarissima: un nuovo mercato già popolato di consumatori in grado di generare economie di scala.

In una conferenza con gli azionisti dello scorso luglio Mark Zuckerberg lo ha detto apertis verbis: Facebook dovrebbe essere riconosciuta come «società del metaverso», dove la parola «società» non significa solo «azienda».

 

L’obiettivo, ha affermato Zuckerberg nella conferenza, è popolare questo mondo virtuale attirando nuovi utenti con visori VR economici: e anche qui Facebook parte molto avanti rispetto ai concorrenti, avendo investito nell’acquisto e nello sviluppo della visiera da realtà virtuale stand-alone (senza cavi, ora) Oculus.

 

Alla fine, ha dichiarato Zuckerberg, questa solida base di utenti si rivelerà come un vantaggio pubblicitario: «centinaia di milioni di persone» nel metaverso «compongono le dimensioni dell’economia digitale al suo interno».

 

La filosofia economica è chiarissima: un nuovo mercato già popolato di consumatori in grado di generare economie di scala.

 

Si badi che non si tratta più solo di giuochi. Negli ultimi mesi, con la spade di Damocle dei lockdown ancora parzialmente attiva, Facebook ha lanciato uno spazio di lavoro in realtà virtuale per chi lavora da casa – in Italia, una porzione immensa dei dipendenti pubblici.

 

È chiaro a tutti che, qualora il metaverso diventasse mainstream, chi controlla la piattaforma controllerebbe il mondo.

L’azienda di Menlo Park sta anche lavorando su un braccialetto intelligente e occhiali VR che proiettano negli occhi di chi lo indossa. L’investimento su questo sforzo è da miliardi di dollari.

 

Il metaverso non esiste oggi e non esiste una data chiara per il suo arrivo. La realtà aumentata e la realtà virtuale devono ancora conquistare le masse e rimangono un interesse di nicchia. Tuttavia Zuckerberg, tra i primi dieci uomini più ricchi della terra e (in teoria…) padrone del maggiore canale di comunicazione globale (quindi, dei contenuti mentali dell’umanità) nel 2017 aveva promesso di portare il numero di utenti del suo device per la realtà virtuale Oculus a un miliardo.

 

È chiaro a tutti che, qualora il metaverso diventasse mainstream, chi controlla la piattaforma controllerebbe il mondo.

 

Capitelo: l’inquisizione si basava su processi, Facebook no.

E un assaggio di quale sarebbe la legge, in questo mondo 2.0 dominato dal titano tecnologico, ce lo abbiamo già avuto.

 

Utenti espulsi per le proprie idee personali, le proprie opinioni, le proprie propensioni politiche, ideologiche, espressive.

 

Politici, partiti, persino il presidente degli USA bandito – mentre magari pedofili e narcotrafficanti usano indisturbati la piattaforma. Censura, repressione della libertà di parola e delle realtà scientifiche.

 

Punizioni che non prevedono possibilità di difendersi: cioè un mondo senza giusto processo, senza stato di diritto, senza diritti in generale, in cui non sai nemmeno di cosa ti accusano.

 

A Renovatio 21, lo sapete, è capitato. Se vi chiedete perché la pagina Facebook sia stata rimossa dalla piattaforma, non siete soli, non lo sappiamo neanche noi. E non abbiamo avuto modo di chiederlo a nessuno, anche solo per capire in dettaglio cosa non andasse (anche se immaginiamo).

 

Riusciamo a immaginarci benissimo, quindi, come sarà il metaverso di Facebook. E chi vi regnerà esercitando un terrificante potere totale sulle vite degli altri

Capitelo: l’inquisizione si basava su processi, Facebook no.

 

La giustizia, la politica, i diritti, sono disrupted, disintermediati. Già ora è così.  Del resto era il motto di Zuckerberg: move fast, break things. Muovendosi veloce, ha rotto tante cose, tra cui, c’è chi sostiene, i diritti umani, la libertà di espressione, la democrazia così come la conoscevamo, il tessuto umano della società di ogni nazione.

 

Riusciamo a immaginarci benissimo, quindi, come sarà il metaverso di Facebook. E chi vi regnerà esercitando un terrificante potere totale sulle vite degli altri.

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari