Connettiti con Renovato 21

Bizzarria

Senatore USA contro gli UFO: «volano sulle basi statunitensi e nessuno sa cosa siano»

Pubblicato

il

 

 

 

I discorsi sugli UFO tra gli attuali ed ex funzionari del governo sembrano aumentare in vista del rilascio del 1 giugno di un rapporto sugli UFO da parte del Pentagono e delle agenzie di spionaggio.

 

Un giornalista della testata scandalistica americana TMZ si è imbattuto nel senatore repubblicano della Florida Marco Rubio all’aeroporto nazionale Reagan e lo ha interrogato sugli UFO.

 

«Ci sono cose che volano sopra installazioni militari, e nessuno sa cosa sia e non sono nostre»

Rubio, che è anche un membro della commissione del Senato per l’Intelligence, ha rivelato di essere preoccupato per gli UFO che svolazzano sulle basi militari statunitensi.

 

«Ci sono cose che volano sopra installazioni militari, e nessuno sa cosa sia e non sono nostre», ha detto, aggiungendo che è logico voler identificare questi oggetti volanti non identificati. «È buon senso, vero?».

 

«Penso che la preoccupazione sia che ci siano cose che volano sopra le nostre strutture, e non sappiamo cosa siano», ha detto il senatore. «Sai cosa intendo? Quindi questa è la preoccupazione. Forse è l’altra spiegazione logica».

 

«Non sappiamo cosa sia quella roba che sta volando sopra le nostre installazioni, scopriamolo. Forse è un altro Paese, e anche questa sarebbe una cattiva notizia»

Il giornalista di TMZ ha chiesto a Rubio se gli alieni di un’altra galassia o i cinesi possiedono una minaccia più significativa per le installazioni militari statunitensi. Il senatore ha risposto di non conoscere l’origine degli oggetti non identificati.

 

«Ci sono cose che volano sopra le nostre installazioni militari e non sanno chi la stia pilotando, non sanno nemmeno chi sia», ha aggiunto Rubio. «Quindi questo è un problema. Dobbiamo scoprire se possiamo».

 

«Non sappiamo cosa sia quella roba che sta volando sopra le nostre installazioni, scopriamolo» ha aggiunto. «Forse è un altro Paese, e anche questa sarebbe una cattiva notizia».

 

L’ex direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe – quello che aveva pubblicamente parlato di supersoldati cinesi creati con l’ingegneria genetica CRISPR – aveva rilasciato a Fox News un’intervista su UFO e avvistamenti inspiegabili

Poco prima, l’ex direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe – quello che aveva pubblicamente parlato di supersoldati cinesi creati con l’ingegneria genetica CRISPR – aveva rilasciato a Fox News un’intervista su UFO e avvistamenti inspiegabili.

 

 

La conversazione sugli UFO tra gli attuali ed ex funzionari governativi è aumentata negli ultimi mesi da quando il progetto di legge sui sussidi COVID-19 e sul finanziamento del governo dell’ex presidente Trump ha iniziato un conto alla rovescia di 180 giorni per il Pentagono e le agenzie di spionaggio per rilasciare ciò che sanno sugli UFO.

Il rapporto completo dovrebbe essere pubblicato il 1 giugno. Alcuni sostengono che si tratti di un’arma di distrazione di massa: mentre avanza la devastazione post-pandemica con le agende oscure di governi ed enti più o meno occulti

 

Il rapporto completo dovrebbe essere pubblicato il 1 giugno. Alcuni sostengono che si tratti di un’arma di distrazione di massa: mentre avanza la devastazione post-pandemica con le agende oscure di governi ed enti più o meno occulti, danno in pasto alla società un tema che gli riempia la mente, dimodoché i cittadini pensino ad altro rispetto alla loro miseria e a come l’élite li stia rovinando.

 

Lo stesso Rubio non è esente da sospetti. Candidato alle primarie contro Trump (che lo prendeva in giro perché sudava moltissimo) era nella rosa dei preferiti dall’establishment neocon. Il Venezuela lo ha accusato di essere dietro, con la CIA, ai tentavi di golpe a Caracas, dove Rubio sosteneva l’autoproclamato presidente filo-Washington Guaidò. Cubano-americano, è uno stranissimo caso di mormone latino che torna cattolico – magari passando per altre esperienze. Il Rubio fu poi invischiato, durante la candidatura 2016, in una storia torbida, quando uscì un’immagine che secondo alcuni lo ritraeva ad uno schiuma-party gay negli anni Ottanta. Molte speculazioni vennero fatte sulle sue amicizie dell’epoca.

 

Rimane il fatto che l’Air Force USA, in questi anni, ha già fatto uscire diversi documenti enigmatici, come video di piloti da caccia che inquadrano e «agganciano» oggetti volanti la cui forma e velocità sono totalmente inspiegabili.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Signore biellese si presenta con un braccio di silicone all’hub vaccinale: denunciato

Pubblicato

il

Da

 

 

Tardo pomeriggio di giovedì 2 dicembre 2021: il secondo anno pandemico è agli sgoccioli. La fantasia delle persone in cerca di una via di fuga dal totalitarismo vaccinale, no.

 

Leggiamo così la storia di un anonimo 50enne che si sarebbe presentato presso un hub vaccinale a Biella con un «finto avambraccio». Lo riporta il sito Notizieoggi.it., che si occupa delle cronache locali di quelle parti.

 

Apprendiamo che la protesi che sarebbe stata impiegata consta in un «deltoide in silicone».

 

«Nonostante l’applicazione in silicone fosse molto simile alla vera pelle, il colore e la percezione al tatto hanno insospettito l’operatrice sanitaria impegnata nella vaccinazione, che ha chiesto quindi alla persona di mostrare per intero il proprio braccio» scrive Notizieoggi. «Una volta scoperto, il soggetto ha cercato di convincere l’operatrice a chiudere un occhio. Verrà invece denunciato ai carabinieri e l’Asl segnalerà il caso anche in Procura».

 

Vi sono le reazioni di politici e amministratori.

 

«Il caso rasenta il ridicolo, se non fosse che parliamo di un gesto inaccettabile di fronte al sacrificio che la pandemia sta facendo pagare a tutta la nostra comunità, in termini di vite umane e di costi sociali ed economici» hanno dichiarato il presidente della Regione Piemonte e l’assessore alla Sanità Luigi, lodando l’eroismo della vaccinatrice che ha sventato il piano diabolico a base di finto deltoide. «La prontezza e la bravura dell’operatrice hanno rovinato i piani di questo soggetto che ora ne risponderà alla giustizia».

 

Giù duri.

 

Vi era un tempo in cui una parte della società tendeva a dare dei reati una giustificazione sociologica: se ha rapinato una banca è perché aveva fame. In questo caso non vediamo la fila di pensatori che si pongono le domande sul perché di questo gesto.

 

Facciamo noi qualche domanda: potrebbe essere che il signore in questione è incensurato? Non lo sappiamo, ma per qualche motivo lo potremmo immaginare , come potremmo immaginare che potrebbe non aver ingannato nessuno in vita sua.

 

Magari potrebbe avere comprato il deltoide di silicone su Amazon il giorno prima?

 

Deltoidi in silicone, ma esistono? Mai sentiti. Anzi, adesso andiamo a vedere… ecco, sì, in effetti ne vendono, non costano nemmeno poco. Questo che vediamo qui non ci sembra convincentissimo…


 

Immaginiamo i sudori freddi del 50enne, dall’apertura del pacco, alla vestizione, sino al viaggio nel centro di siringamento mRNA.

 

Così come immaginiamo che potrebbe trattarsi di una persona spaventata dalla nuova stretta draghiana – il nuovo obbligo – in arrivo tra due settimane, il super green pass. Forse che la sua vita si complicherà all’inverosimile, sino a magari mettere in discussione la sua forma di sostentamento – il lavoro? Potrebbe essere.

 

E se fosse che aveva solo paura del vaccino? E se fosse che si tratta di una cosa che non vuole fare, ma che di fatto lo Stato (e i comuni, e le aziende, e qualche famigliare stronzo) lo stanno obbligando a farlo, pena la distruzione della sua vita?

 

Non possiamo sapere cosa avesse in mente.

 

Il problema è che quello che aveva in mente questo povero signore non vuole saperlo nessuno.

 

La sua volontà, la sua persona, non contano nulla.

 

Il mondo moderno ha un cuore di silicone, o forse proprio non ce lo ha, non ce lo deve avere programmaticamente. Altrimenti non sarebbe capace delle paure e delle violenze a cui stiamo assistendo nell’ora presente.

 

 

 

Link in affiliazione Amazon

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

La scienza sta lavorando al water che identifica il vostro ano

Pubblicato

il

Da

 

Il Wall Street Journal riporta che dei ricercatori della Stanford School of Medicine stanno sviluppando uno scanner in grado di riconoscere l’«impronta anale» unica dell’utente o le «caratteristiche distintive del loro anoderma», ovvero la pelle del retto perineale.

 

Per riuscire in questo importante intento hanno installato una telecamera all’interno di un water e hanno utilizzato algoritmi di machine learning per abbinare i campioni di feci a specifici utenti.

 

Il sistema potrebbe persino calcolare «la portata e il volume dell’urina utilizzando la visione artificiale come un uroflussometro», stando a quanto scritto in un recente paper prodotto dal team scienziati.

Per riuscire in questo importante intento hanno installato una telecamera all’interno di un water e hanno utilizzato algoritmi di machine learning per abbinare i campioni di feci a specifici utenti

 

Se per caso vi venissero alla mente problemi legati alla privacy, state sereni, perché gli scienziati affermano che i dati del vostro orifizio anale saranno tutti «memorizzati e analizzati in un server cloud crittografato».

 

Sonia Grego, co-fondatrice di Coprata – una startup di monitoraggio fisiologico affiliata alla Duke University – vuole rivoluzionare il modo in cui conduciamo la nostra attività scansionando campioni di feci e di urine e utilizzandoli come indicatori della nostra salute, comprese malattie croniche e persino cancro, e aggiungerei perché non anche il COVID.

 

Un’altra azienda, chiamata Toi Labs, ha portato quell’idea a un ulteriore passo avanti con il suo sedile del water intelligente TrueLoo, che raccoglie una selezione ancora più ampia di dati biometrici: «Quanto pesano? Come stanno seduti sul sedile?» si domanda il fondatore Vik Kashyap in un articolo del Guardian

 

La tazza può quindi analizzare campioni di feci «usando metodi ottici, osservando cose come il volume, la chiarezza, la consistenza, il colore»

La tazza può quindi analizzare campioni di feci «usando metodi ottici, osservando cose come il volume, la chiarezza, la consistenza, il colore».

 

Questi prodotti pare siano principalmente rivolti alle persone anziane.

 

«Si tratta essenzialmente di capire quando qualcuno ha schemi anormali e quindi è in grado di documentare tali schemi e fornire rapporti che possono essere utilizzati dai medici per aiutare nel trattamento di una varietà di condizioni», ha detto Kashyap sempre al giornale inglese.

 

Ma, come la maggior parte dei dispositivi Internet of Things, sorge una domanda importante: dove vanno a finire i dati? Molti utenti «non lo farebbero, per ottime ragioni, come le telecamere puntate verso l’alto», ha detto al The Guardian Phil Booth, il coordinatore di MedConfidential.

 

La raccolta di dati su campioni di feci e urine fornisce molte informazioni personali, fino all’uso di droghe – illecite o prescritte – e ai dettagli sulla salute intima.

 

Uno scenario preoccupante è che le compagnie di assicurazione potrebbero entrare in possesso di quei dati e iniziare a offrire un trattamento particolari e specifici in base alla salute anale ed escrementizia dei propri clienti. 

 

«Una volta che inizi a misurare qualcosa che appartiene al corpo, la linea della privacy viene scavalcata», ha detto Booth al Guardian.

 

Come riportato da Renovatio 21, in era pandemica questa sensibile parte dell’anatomia umana è stata oggetto «ispezioni intime invasive», in ispecie in Cina. Essa è, come noto, una delle base organiche della rivoluzione dei costumi in corso. 

 

Ora subentra la scansione della sua intimità.

 

Forse tutto ciò rappresenta solo un altro fisiologico passo avanti v erso il famoso microchip sottopelle, che forse non sarà sottopelle, ma applicato, più simbolicamente, laggiù.

 

Chissà, ma visto l’andazzo, come disse il grande caratterista romano Franco Lechner (1931-197), conosciuto dai più come «Bombolo» in una gag di un film poliziottesco con Tomas Milian-Commissario Monnezza, per combattere con questi «bisogna mettésse le mutande de bandone!».

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Liceali travestiti eseguono danze erotiche per il preside. Ma potrebbe essere una tradizione goliardica

Pubblicato

il

Da

 

 

Durante i festeggiamenti della settimana di homecoming (celebrazione scolastica, a base di balli e sport, dove tornano a scuola vecchi studenti)  della High School – cioè, scuola superiore, liceo – di Hazard nello Stato del Kentucky, gli studenti e il personale hanno preso parte a un «Man Pageant» (concorso di bellezza per gli uomini) e a un «Costume Day» (una giornata in costume) lo scorso martedì, secondo la pagina Facebook della scuola.

 

Le foto che sono state successivamente rimosse dalla pagina Facebook del dipartimento di atletica leggera mostravano studenti in biancheria intima che facevano lap dance a docenti e personale, tra cui il preside della Hazard High School Donald «Happy» Mobelini, che è anche sindaco della città della contea di Perry.

 

 

Altre foto  sulla pagina dell’atletica  che sono state successivamente rimosse mostravano studentesse vestite con abiti stile cameriere di Hooters (catena di ristoranti dove le ragazze che servono ai tavoli sono formose ed in abiti discinti).

 

Secondo alcuni genitori degli alunni della scuola, il «Man Pageant» è una tradizione di lunga data del homecoming scolastico

 

I giornali americani stanno scoprendo che non si tratta della prima volta che accade. La testata USA Today ha trovato almeno altri due video che ha ricondotto agli stessi spazi e alle stesse persone.

 

Un video, pubblicato per la prima volta su Instagram nell’ottobre 2017 e condiviso di nuovo nel gennaio 2018, mostra uno studente maschio – vestito con reggiseno, pantaloncini e parrucca – che si strofinava su altri due studenti maschi che sedevano su delle sedie nel mezzo della palestra, mentre un il quarto studente lancia contemporaneamente in aria una mazzetta di quelli che sembrano contanti.


Un altro video mostra uno studente maschio con un lungo abito bianco e una parrucca che balla Like a Virgin di Madonna, nel mezzo della palestra della scuola. Lo studente si rotola ripetutamente sul pavimento e striscia verso la folla.

 

 

Secondo alcuni genitori degli alunni della scuola, il «Man Pageant» è una tradizione di lunga data del homecoming scolastico.

 

Le foto hanno fatto il giro del mondo. Le autorità statali e scolastiche stanno stabilendo indagini e eventuali punizioni.

 

Potrebbe di fatto essere il contrario di quel che si pensa: non un indottrinamento al travestitismo e al gender, ma la prova che la comunità del Kentucky (Stato riconosciuto per essere piuttosto religioso) considera ancora che gli uomini si possano vestire da donna solo in situazioni comiche e carnevalesche

Pare che i ragazzi si siano invece schierati tutti con il preside Happy.

 


Potrebbe di fatto trattarsi di una celebrazione goliardica, che in altri anni non faceva notizia mentre ora – con le paura che vi sono tra i genitori americani riguardo la scuola – può divenire il simbolo dell’inquietudine enorme dei tempi che viviamo.

 

Potrebbe di fatto essere il contrario di quel che si pensa: non un indottrinamento al travestitismo e al gender, ma la prova che la comunità del Kentucky (Stato riconosciuto per essere piuttosto religioso) considera ancora che gli uomini si possano vestire da donna solo in situazioni comiche e carnevalesche.

 

 

Continua a leggere

Più popolari