Connettiti con Renovato 21

Bioetica

CIEB: Parere sulla fine apparente dell’emergenza sanitaria

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

Negli stessi giorni in cui l’opinione pubblica è polarizzata dalla guerra in Ucraina, il CIEB richiama l’attenzione sulla disciplina introdotta dal Decreto-Legge n. 24/22 (cosiddetto Decreto-Legge Riaperture) che – contrariamente a quanto annunciato a più riprese dal Governo e dai media – estende oltre il 31 marzo 2022, in alcuni casi a tempo indeterminato, le misure connesse allo stato di emergenza sanitaria.

 

Infatti, pur essendo formalmente volto a «superare lo stato di emergenza dettando le disposizioni necessarie alla progressiva ripresa di tutte le attività in via ordinaria», il Decreto-Legge Riaperture disciplina:  

 

  • la facoltà per le Amministrazioni di adottare fino al 31 dicembre 2022 «ordinanze» recanti «misure derogatorie» alla disciplina e alla ratio stessa del Decreto-Legge Riaperture; 

 

  • il potere del Ministero della Salute, in relazione «all’andamento epidemiologico», di «adottare e aggiornare linee guida e protocolli connessi alla pandemia da COVID-19» volti a regolare, tra l’altro, «lo svolgimento in sicurezza dei servizi e delle attività economiche, produttive e sociali»;

 

  • la proroga al 30 aprile 2022, al 30 giugno 2022 o al 31 dicembre 2022, secondo i casi, del complesso delle misure connesse all’emergenza, tra cui l’adempimento dell’obbligo vaccinale per talune categorie professionali, nonché l’introduzione di nuove e ulteriori sanzioni ad hoc per i soggetti inadempienti, quali il demansionamento e la sostituzione con soggetti vaccinati;

 

  • la raccolta, il trattamento e la condivisione, anche su piattaforme telematiche internazionali, dei dati relativi, tra l’altro, alla sorveglianza epidemiologica e microbiologica del virus SARS-CoV-2 e al numero dei tamponi antigenici rapidi effettuati;

 

  • il trasferimento delle competenze e delle funzioni attribuite al Commissario straordinario per la gestione dell’emergenza COVID ad una struttura denominata «Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l’adozione di altre misure di contrasto alla pandemia» destinata a operare fino al 31 dicembre 2022

 

L’analisi dei contenuti sostanziali della disciplina introdotta dal Decreto-Legge Riaperture deve procedere congiuntamente alla valutazione di elementi ulteriori, quali:

 

 

1.

La formale adozione del Decreto-Legge Riaperture è stata espressamente annunciata dal Presidente del Consiglio dei Ministri durante la conferenza stampa del 17 marzo 2022.

 

È quindi singolare che la pubblicazione del Decreto sia avvenuta il 24 marzo 2022, dopo un intervallo di tempo idoneo a valutare il grado di accettabilità sociale del provvedimento, a dirottare l’attenzione del più vasto pubblico dalle disposizioni volte a penalizzare singole categorie professionali, nonché a modificare il testo del Decreto medesimo, ove necessario, prima della sua pubblicazione e della sua entrata in vigore.  

 

 

2.

Sotto quest’ultimo aspetto va rilevato che il testo del Decreto-Legge entrato in vigore ridimensiona alcuni sviluppi prospettati dalla relativa bozza diffusa al momento della conferenza stampa del 17 marzo 2022.

 

Il riferimento va, in particolare, alla citata «Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l’adozione di altre misure di contrasto alla pandemia», di cui la bozza prevedeva l’istituzione presso il Ministero della Difesa, nonché la sua sostituzione, entro il 1° gennaio 2023, con una ulteriore «Unità di gestione delle emergenze», emergenze non altrimenti specificate.

 

 

3.

Il mantenimento dell’obbligo vaccinale e di green pass era stato prospettato, già prima dell’adozione del Decreto-Legge Riaperture, dalle dichiarazioni rilasciate dal consulente del Commissario straordinario dell’emergenza COVID, secondo cui entro il mese di giugno 2022 gli organi competenti avrebbero deciso se «fare una nuova vaccinazione di massa a tutta la popolazione generale» degli italiani, precisando al riguardo che «la questione non è tanto che faccia male fare la quarta o la quinta dose» del cosiddetto vaccino anti-COVID, quanto la sua «fattibilità e accettabilità sociale».

 

Nello stesso senso si era espresso, con specifico riferimento al Green Pass, il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri (FNOMCEO), il quale aveva auspicato che «non si smantelli il green pass dopo la fine dello stato di emergenza», trattandosi «di un diritto degli italiani».

 

Sul piano normativo va inoltre rilevato che:

 

i) nel febbraio 2022 la Commissione europea ha presentato una proposta di regolamento volta a prorogare la validità del «Certificato COVID digitale dell’UE» fino al 30 giugno 2023, trattandosi, secondo le dichiarazioni rese dal Commissario europeo per il Mercato Interno, di «uno standard globale»;

 

ii) nel febbraio 2022 il Governo italiano, regolando la materia per la quinta volta in sei mesi, ha esteso «a tempo indeterminato» la validità del Green Pass di alcune categorie di soggetti. 

 

 

4.

Se il Decreto-Legge Riaperture motiva formalmente la disciplina da esso introdotta in base alla constatazione che «persistano comunque esigenze di contrasto del diffondersi della pandemia da COVID-19», sul piano della comunicazione istituzionale ulteriori motivazioni si ricavano dalle dichiarazioni rese dal Presidente del Consiglio nella citata conferenza stampa del 17 marzo 2022, secondo cui:

 

1) «grazie ai vaccini sono stati evitati quasi 80.000 decessi in più nel solo 2021»;

 

2) «l’anno scorso l’economia italiana è cresciuta al 6,5% grazie al Green Pass»;

 

3) «stiamo valutando l’ipotesi di una quarta dose a fasce generazionali più avanzate»;

 

4) «un’altra pandemia potrebbe rivelarsi importante tra qualche tempo»;

 

5) «vogliamo costruire una struttura permanente di preparazione a reagire a questi fenomeni»;

 

6) «gradualmente questa struttura perde il carattere di emergenza, acquista quello di ordinarietà»

 

Sulla scorta di queste considerazioni, e tenuto conto che le dichiarazioni del Presidente del Consiglio poc’anzi riportate si pongono in evidente contrasto con i dati pubblicati su riviste scientifiche internazionali e ripresi anche dalla giurisprudenza italiana, il CIEB non può fare a meno di evidenziare

 

i) il progressivo rafforzamento e ampliamento dell’approccio neo-paternalistico avviato dal Governo con la «spinta gentile» alla vaccinazione nell’ambito della gestione del COVID;

 

ii) il rischio che la fine apparente dell’emergenza sanitaria distragga l’opinione pubblica dalla trasformazione delle misure restrittive imposte in forza del COVID da eccezionali e temporanee a strutturali e permanenti, quale preludio di nuove forme di normalità e di socialità.

 

Tutto ciò premesso, il CIEB:

 

  • invita a prendere coscienza del deficit democratico derivante dall’impianto normativo volto a trasformare il metodo emergenziale in normale metodo di governo destinato a soggiogare permanentemente i cittadini anche mediante il ricorso a strumenti di pretesa «premialità» quale è il green pass fondato – allo stato attuale – sull’obbligo vaccinale;

 

  • richiama l’attenzione, nella prospettiva appena evidenziata, sui rischi della futura militarizzazione del metodo emergenziale, già prospettata dalla bozza di Decreto-Legge Riaperture;

 

  • auspica che il Parlamento riprenda a esercitare le proprie prerogative sovrane adottando quanto prima una legge che abolisca definitivamente e senza infingimenti il Green Pass, nonché sfiduciando qualsiasi tentativo volto a introdurre e/o mantenere forme analoghe di certificazione di dati sensibilissimi quali sono i dati sanitari dei cittadini;

 

  • mette in guardia dal rischio che il nuovo stato di emergenza adottato in ragione della guerra in Ucraina possa giustificare l’introduzione di «una logica di razionamenti» che potrebbero essere gestiti secondo criteri «premiali». 

 

 

CIEB

 

25 marzo 2022

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito www.ecsel.org/cieb

 

Renovatio 21 offre questo comunicato per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Il Tempio Satanico afferma che l’aborto fa parte della loro religione. Cosa potrebbe pensarne il governo italiano?

Pubblicato

il

Da

Il gruppo gruppo noto come Satanic Temple sta continuando i tentativi di revocare il divieto di aborto negli stati pro-vita intentando azioni legali sostenendo che l’aborto è parte della loro religione.

 

Il Tempio Satanico (noto anche con l’acronimo TST), è un’organizzazione no-profit con sede a Salem, Massachusetts, nota per le sue iniziative di grande visibilità.

 

Il Tempio Satanico ora ha intentato cause legali negli Stato del Missouri, Indiana, Texas e Idaho, ma finora esse non hanno avuto successo. Ciò non ha impedito all’organizzazione, che ha fatto notizia, di cercare nuove cause legali sulla libertà religiosa per fermare il divieto di aborto, secondo il suo sito web.

 

Il gruppo non evita le polemiche. Recentemente ha fatto notizia per aver allestito per Natale, nel Campidoglio dell’Iowa un altarino satanico con una testa di capra montata sopra vesti rosso sangue – una rappresentazione del demonio-Bafometto che ha condiviso lo spazio con un’esposizione natalizia finché non è stata decapitata da un veterano dell’esercito USA, ora accusato di crimine d’odio.

Sostieni Renovatio 21

Il Tempio Satanico ha creato un rituale di aborto che, a suo avviso, esenterà le donne dalle leggi dei loro Stati, riporta Epoch Times. Il rituale, insieme alla nuova clinica per aborti della TST nel Nuovo Messico, è stato presentato con entusiasmo sulla rivista Cosmopolitan di novembre.

 

La clinica del Tempio Satanico è stata chiamata Samuel Alito’s Mom’s Satanic Abortion Clinic, una presa per i fondelli del giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha scritto l’opinione della maggioranza nel caso Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization che ha ribaltato la controversa sentenza Roe v. Wade che più di cinquanta anni fa aveva dato il via all’era dell’aborto libero in America, e ai conseguenti milioni di bambini assassinati nel grembo materno, un vero genocidio spacciato come «diritto della donna»..

 

Il rituale dell’aborto del Satanic Temple prevede la recitazione di due principi del gruppo e rafforza l’idea di «autonomia corporea» cara alle femministe e al goscismo generico, anche se ne sono totalmente dimenticati al momento dell’obbligo vaccinale mRNA. Del resto, ricordiamo en passant, agli incontri del Tempio Satanico si entra solo se plurivaccinati, mascherinati e greenpassati: è ci mancherebbe che non fosse così.

 

Il sito web del TST afferma che esso si basa su diversi argomenti legali: negare ai membri l’accesso all’aborto viola il loro diritto religioso di partecipare a un rituale di aborto satanico; che costringere qualcuno a portare in grembo un figlio non desiderato equivale a confiscare l’utero di una donna senza compenso; e che la gravidanza forzata è simile alla servitù, in violazione del 13° Emendamento, che abolisce la schiavitù.

 

Nel caso dell’Indiana, il gruppo sostiene che le restrizioni sull’aborto criminalizzano gli aborti derivanti dal sesso protetto e creano una classe di persone discriminate perché viene loro negato l’aborto.

 

«Il rituale satanico dell’aborto è un rituale di distruzione che funge da rito protettivo», afferma il sito web del gruppo satanista. «Il suo scopo è quello di eliminare le nozioni di colpa, vergogna e disagio mentale che una paziente potrebbe provare a causa della scelta di sottoporsi a un aborto legale e sicuro dal punto di vista medico».

 

Un’idea non dissimile a quella che, in ambito femminista, veniva praticata anche dalle attiviste nostrane prima della legge 194/78.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Nel libro Aborto, facciamolo da noi (Napoleone editore, 1975), si racconta che durante gli aborti clandestini e illegali, alla donna le femministe fornivano uno specchio con il quale ella deve assistere all’operazione di aborto; alla figlicida non era poi risparmiato lo scempio della visione dei resti della sua discendenza squartatale in grembo.

 

Sono infatti citati, tra i «materiali annessi», «UNO SPECCHIO, permette alla donna che abortisce di vedere la propria vagina e il collo dell’utero; ciò è estremamente importante perché la donna può conoscere la sua anatomia interna e liberarsi dal complesso di dover pensare ai suoi organi come a qualcosa di misterioso e in fondo di sporco; in questo modo può anche capire e seguire meglio l’intervento» e quindi «UN PASSINO (colino) grande in metallo; serve per esaminare ciò che si è aspirato nel boccale versando in esso il contenuto e facendovi scorrere sopra dell’acqua: il sangue coagulato cola via e rimangono solo residui di membrana, di placenta e di embrione» (p.80).

 

Poi «si versa il contenuto del boccale in un colino (passino) e vi si fa scorrere sopra dell’acqua per eliminare i coaguli di sangue, si rimesta bene con le mani per cercare eventuali pezzetti di cartilagine che si distinguono dalla membrana e dalla placenta per essere duri al tatto e lucidi. (…) Si versano poi membrane e placenta nel boccale pieno di acqua e lo si fa vedere alla donna» (pp.81-86)

Aiuta Renovatio 21

Erano previste quindi riunioni dove «le donne socializzano le loro esperienze, discutono insieme, prendono coscienza, cambiano atteggiamento nei confronti dell’aborto, non più vissuto come angoscioso problema «privato», e si crea molto spesso tra tutte, chi lo “esegue” e chi lo “subisce” una solidarietà e una collaborazione tra donne» (p.96).

 

Insomma, una pratica con una sua determinata ritualità.

 

L’autrice del testo, Eugenia Roccella, un passato tra i radicali, PDL e il partito scissionista biodegradabile NCD, rieletta in Parlamento per Fratelli d’Italia nel 2022, ora è diventata, in quota network democristiano cooptato dal nuovo potere, ministro della Famiglia per il governo di Giorgia Meloni.

 

La posizione abortista della Meloni, che viene da un partito che a suo tempo avversò l’aborto di Stato nel 1978, è stata notificata al pubblico in più occasioni, anche per interposta persona, e in maniera solenne nel suo discorso alle Camere allo start del suo governo: è il momento che su Renovatio 21 abbiamo chiamato «inchino a Moloch».

 

Moloch, Satana: di quello si parla.

 

L’aborto in Italia è divenuto e resta un «diritto» senza bisogno di Tempio Satanico. Forse perché abbiamo un Tempio di Moloch installato nel governo?

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Bioetica

La Bioetica discute del sesso come di un «diritto umano» che lo Stato dovrebbe sovvenzionare

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Negli ultimi anni alcuni bioeticisti hanno affrontato il tema spinoso del diritto al piacere sessuale. Le persone con disabilità spesso non possono sperimentarlo. Si tratta di una violazione dei loro diritti umani?   Recentemente il Journal of Medical Ethics ha pubblicato un articolo di un accademico svedese, Jon Wittrock, che ha creato una struttura per risolvere questo problema. Egli presuppone che la dignità umana sia grosso modo sinonimo di autonomia.   Quindi esamina quattro dimensioni dell’autonomia: «libertà (libertà dalla minaccia e dalla coercizione), opportunità (opzioni tra cui scegliere), capacità (ciò che un agente è capace di fare) e autenticità (la misura in cui le scelte sono autentiche)».   L’autenticità sessuale è il fine ultimo del diritto al piacere sessuale.   Wittrock raccomanda una serie di strategie egualitarie per aiutare le persone con disabilità a esercitare il loro diritto al piacere sessuale, tutte piuttosto controverse:  
  • Distribuzione di informazioni di base standardizzate a tutti gli alunni di una determinata fascia di età
 
  • Diritto all’educazione sessuale, alla consulenza sovvenzionata e alla terapia di coppia
 
  • Assistenza nello sviluppo delle capacità sessuali da parte di doule sessuali o surrogati sessuali
 
  • Campagne che promuovono il piacere condiviso, diffondendo ampiamente le informazioni attraverso la radiodiffusione pubblica
 
  • Sussidi per l’assistenza sessuale per tutti gli adulti; può essere utilizzata per consulenza, terapia, consulenza sanitaria e, se legalmente appropriato e ritenuto moralmente accettabile, lavoro sessuale retribuito
 
  • Sovvenzionare l’accesso all’assistenza meccanica o a operatori sanitari qualificati che aiutano la masturbazione
 
  • Accesso a rappresentazioni realistiche di una gamma più ampia di norme ed esperienze sessuali attraverso la radiodiffusione pubblica; sovvenzionare e regolamentare app di incontri giuste e accessibili
    Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Bioetica

Bioeticisti tedeschi: abolire l’obiezione di coscienza per tutelare il diritto all’aborto

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

La battaglia contro l’obiezione di coscienza (CO) continua. Sul sito web di BMC Medical Ethics è appena stato pubblicato un articolo di tre bioeticisti dell’Università di Aquisgrana in Germania che sostengono che la CO2 deve essere bandita.

 

Hanno esaminato le esperienze delle donne in una città tedesca di circa 250.000 abitanti. Hanno scoperto che le donne che cercavano di abortire spesso incontravano difficoltà nel procedere con l’aborto, soprattutto dopo il primo trimestre. Raccomandano che «sia istituito un quadro normativo per monitorare la pratica della CO e limitarne la pratica, se necessario».

 

I ricercatori ritengono che il rinvio obbligatorio sia inefficace. Solo la rimozione del diritto alla CO, come è successo in Bulgaria, Repubblica Ceca, Finlandia e Svezia, risolverà il problema.

 

Concludono: «l’obiezione di coscienza forse impone ostacoli sia alla fornitura dell’aborto precoce che tardivo e soprattutto nelle ultime fasi procedurali, il che da un punto di vista etico è particolarmente problematico. Obbligare gli ospedali a partecipare ai servizi di aborto in Germania ha il potenziale per prevenire gli impatti negativi dell’obiezione di coscienza sui diritti delle donne a livello individuale e strutturale».

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari