Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Il presidente Weah ammette la sconfitta nel voto in Liberia. Eletto uno del giro amico di Soros

Pubblicato

il

Il presidente liberiano George Weah ha ammesso la sconfitta al suo rivale Joseph Nyuma Boakai dopo una dura competizione al secondo turno delle elezioni presidenziali.

 

La dichiarazione di Weah, ex campione di calcio noto per aver militato in Italia nel Milan, è stata salutata come un esempio storico di democrazia e una fonte di sollievo per la Liberia. Il Paese è stato segnato da una brutale storia di guerra civile e la regione dell’Africa occidentale ha vissuto sconvolgimenti politici e colpi di stato negli ultimi anni.

 

Il presidente Weah ha ottenuto il 49,11% dei voti nel ballottaggio del 14 novembre, mentre il leader dell’opposizione Boakai ha ricevuto il 50,9%, secondo i risultati del 99,58% dei seggi elettorali, ha annunciato venerdì la Commissione elettorale nazionale (NEC).

 

In un discorso trasmesso alla radio nazionale dopo l’annuncio della NEC, l’ex attaccante rossonero ha detto di aver parlato con il «presidente eletto» Boakai per congratularsi con lui per la sua vittoria.

 

«Questo è il momento della gentilezza nella sconfitta, il momento di porre il nostro Paese al di sopra dei partiti e il patriottismo al di sopra degli interessi personali», ha detto Weah, esprimendo il suo «sincero impegno a lavorare» con il Boakai per il «miglioramento» della Liberia.

 

«La vicinanza dei risultati rivela una profonda divisione all’interno del nostro Paese. Mentre passiamo alla nuova amministrazione Boakai, dobbiamo essere vigili rispetto ai pericoli della divisione e lavorare insieme per trovare un terreno comune», ha aggiunto l’ex milanista divenuto capo di Stato africano.

 

L’accettazione della sconfitta da parte di Weah pone le basi per il secondo trasferimento pacifico del potere da parte dello stato dell’Africa occidentale in più di 70 anni, il primo dei quali è avvenuto quando è stato eletto con una vittoria schiacciante sei anni fa.

 

L’ex calciatore diventato politico è stato eletto presidente nel 2017 durante la prima transizione democratica del governo della Liberia in settant’anni, ottenendo il 60% dei voti al secondo turno contro l’ex vicepresidente, lo stesso Joseph Boakai. Il Paese africano ha dovuto affrontare due devastanti guerre civili tra il 1989 e il 2003, che hanno ucciso 25.000 persone, nonché un’epidemia mortale di Ebola nel 2016.

Sostieni Renovatio 21

La presidenza dell’ex campione del Milan è stata segnata da accuse di corruzione, con i critici, compreso il suo avversario, che lo hanno accusato di non aver mantenuto le promesse chiave della campagna elettorale e di aver portato la Liberia in difficoltà economiche.

 

Boakai, che è stato vicepresidente sotto Ellen Johnson Sirleaf, la prima donna africana eletta capo di stato, dal 2006 al 2018, si è impegnato a mantenere le sue promesse durante una funzione religiosa domenica nella capitale della nazione, Monrovia.

 

«Questo è ciò che sto dicendo a questa congregazione e all’intera nazione: questo è ciò che sono chiamato a fare, e lo farò. Per la vostra attenzione e le vostre preghiere, voglio assicurarvi che i prossimi anni saranno un periodo di realizzazione e non più di speranza», ha detto, secondo il quotidiano Liberian Observer.

 

Il Boakai si era impegnato durante la sua campagna a formare un governo che rappresentasse veramente la diversità politica, sociale e religiosa della Liberia se fosse eletta presidente.

 

La Sirleaf, di cui il Boakai fu vice, è nota per i suoi contatti stretti con George Soros, al punto da essere tra gli invitati una diecina di anni fa del suo ultimo matrimonio, celebrato nella fastosa villa che lo speculatore acquistò dallo scrittore Michael Crichton. (Tra gli altri ospiti, Emma Bonino ed Edi Rama).

 

Il rapporto si è mantenuto negli anni, come testimonia un post su Twitter nel 2020.

 

 

«Il George Soros che conosciamo ha passato la vita a sostenere l’elevazione e la dignità delle persone svantaggiate ed emarginate attraverso una società aperta che promuove la libertà di espressione, la libertà di scelta e la giustizia per tutti. Il mondo è un posto migliore grazie a lui».

 

Il sito dell’ambasciata americana della Liberia riporta ancora un discorso fatto da Boakai il 5 agosto 2014 ad un pranzo delle Open Society Foundations (OSF) di George Soros, presente il Soros stesso.

 

«Signor Soros, l’OSF e le sue organizzazioni partner sono stati veri amici della Liberia, durante i nostri anni di lotta fino ad oggi. Le sue posizioni riguardo al buon governo, alla responsabilità e alla trasparenza – per non parlare di tutti i diritti umani – sono ben note. E ci sforziamo di lasciarci guidare da loro, nonostante le molteplici sfide che continuiamo ad affrontare come nazione post-conflitto».

 

Il sito dell’OSF contiene ancora pagine riguardanti eventi sulla «Trasparenza e responsabilità in Africa» in cui tra gli speaker, oltre allo stesso Soros, campeggia il Boakai.

 

La storia della Liberia iniziò all’inizio del XIX secolo come progetto dell’American Colonization Society (ACS), che credeva che i neri avrebbero avuto migliori possibilità di libertà e prosperità in Africa che negli Stati Uniti. Tra il 1822 e lo scoppio della guerra civile americana nel 1861, più di 15.000 afroamericani liberati e nati liberi, insieme a 3.198 afro-caraibici, si trasferirono in Liberia.

 

Sviluppando gradualmente un’identità americo-liberiana, i coloni neri portarono con sé la loro cultura e tradizione. La Liberia dichiarò l’indipendenza il 26 luglio 1847, ma gli Stati Uniti la riconobbero solo il 5 febbraio 1862. La capitale del nuovo Stato fu chiamata Monrovia in onore del 5° presidente americano James Monroe (1758-1831)

 

Nel 1980, le tensioni politiche derivanti dal governo di William R. Tolbert portarono a un colpo di stato militare durante il quale il Tolbert fu ucciso, segnando la fine del dominio del gruppo americo-liberiano nel Paese e dando inizio a oltre due decenni di instabilità politica.

 

Cinque anni di governo militare da parte del People’s Redemption Council («Consiglio popolare di Redenzione») e cinque anni di governo civile da parte del Partito nazionale democratico della Liberia furono seguiti dalla prima e dalla seconda guerra civile liberiana.

 

I conflitti civili hanno provocato la morte di 250.000 persone – circa l’8% della popolazione – e lo sfollamento di molte altre, con una contrazione dell’economia della Liberia del 90%. Le guerre intestine liberiane sono spesso ricordate per le loro estreme atrocità, tra cui spiccano l’uso di bambini soldato, la pratica delle mutilazioni e casi conclamati di cannibalismo.

 

Un accordo di pace nel 2003 aveva portato a elezioni nel 2005.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Oligarcato

«Epstein rap»: Puff Daddy avrebbe segreti su «politici» e «principi»

Pubblicato

il

Da

L’icona dell’hip-hop Sean «Diddy» Combs è stata accusata in un tribunale federale degli Stati Uniti dall’ex fidanzata Casandra Ventura di numerosi casi di stupro e traffico sessuale in quella che secondo lei è stata una campagna decennale di abusi e violenze contro di lei.   La causa, depositata giovedì presso il tribunale distrettuale federale di Manhattan, sostiene che l’artista rap e produttore ha ripetutamente violentato e abusato fisicamente di Ventura – una cantante che si esibiva sotto il nome di Cassie – per un periodo di dieci anni a partire da quando lei aveva 19 anni e lui aveva 37 anni. Ha aggiunto che Combs ha controllato ogni aspetto della sua vita sotto una costante minaccia di violenza fino alla fine della loro relazione nel 2018.   In una dichiarazione pubblicata giovedì dal New York Times, la Ventura ha affermato di essere «finalmente pronta a raccontare la mia storia e a parlare a nome mio e a beneficio di altre donne che affrontano violenza e abusi nelle loro relazioni».

Sostieni Renovatio 21

La causa descrive Combs come un «aggressore domestico seriale» che, a suo dire, avrebbe spesso abusato fisicamente di Ventura «lasciando occhi neri, lividi e sangue». Si sostiene inoltre che Combs «ha tormentato la vulnerabile signora Ventura» con droghe e alcol al punto che le sostanze «controllavano la sua vita».   Tra le varie altre accuse descritte nella causa, si aggiunge che Combs ha costretto Ventura a fare sesso con prostituti maschi mentre filmava gli incontri e che, nel 2018, è entrato con la forza nella sua casa e l’ha violentata. In un altro incidente, l’accusa dice che Combs ha fatto penzolare un socio di Ventura dal balcone di un grattacielo.   Le magioni del Combs in Florida e California sarebbero quindi state oggetto di un raid da parte del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, durante i quali gli agenti federali hanno sequestrato computer e altri dispositivi elettronici. Notizie per cui l’uomo sarebbe scappato all’estero con il suo jet privato si sono rivelate infondate. Il 54enne è stato visto in pubblico giovedì mentre andava in bicicletta a Miami e sembrava indifferente. Non è stato accusato di alcun crimine.   Quello che sta emergendo, tuttavia, è un quadro diverso rispetto ad un brutto conflitto legale tra due ex amanti. Secondo quanto pare emergere, Puff Dady avrebbe istituito una sorta di sistema à la Epstein dove avrebbe segretamente videoregistrato tanti personaggi di calibro che frequentavano i suoi party.   A sostenere questa tesi è l’ex guardia del corpo del Combs, il quale afferma che il magnate della musica aveva registrazioni di ricatti di politici, principi e altri personaggi importanti coinvolti nelle sue feste a sfondo sessuale.   Combs, che è stato colpito da una raffica di accuse di abusi fisici, stupri e traffico sessuale, il mese scorso ha subito un’irruzione nelle sue case di Miami e Los Angeles da parte del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale.   Il bodyguard Gene Deal, che era presente la notte in cui Notorious B.I.G. è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel 1997, ha fatto i commenti sensazionali durante un’intervista per un canale YouTube.  

Aiuta Renovatio 21

«Non penso che solo le celebrità saranno colpite. Lì c’erano dei politici, c’erano dei principi. C’erano anche un paio di predicatori lì», ha detto il Deal. «Puoi immaginare, aveva messo delle microspie in ogni stanza».   Quando gli è stato chiesto perché il dipartimento dei media di Combs fosse rimasto in silenzio sulle accuse contro di lui, Deal ha risposto: «o hanno preso parte ad alcune delle cose che sono accadute, o hanno paura che ciò possa rovinare il loro marchio».   Il conduttore di Fox News Jesse Watters ha ipotizzato che i nastri, se esistono, sono ora nelle mani dei federali e «questo equivale un sacco di ricatti».   I commenti del Deal fanno eco a quelli del rapper Rodney «Lil Rod» Jones, che affermava che Combs aveva telecamere nascoste in tutta la sua casa per registrare video porno che coinvolgevano celebrità durante le sue feste «fuori di testa».   Il Jones ha affermato che il Combs aveva «centinaia di telecamere» nelle sue case di Los Angeles, New York e Miami, che usava per registrare «celebrità, dirigenti di etichette musicali, politici e atleti» in atti sessuali con prostitute minorenni drogate.   Le affermazioni hanno alimentato paragoni con il defunto finanziere Jeffrey Epstein, caduto in disgrazia, che tendeva anche a intrattenere politici, magnati e celebrità nelle sue proprietà – con donne minorenni vittime di tratta, come si è scoperto. Epstein è stato trovato morto in una prigione di Nuova York nell’agosto 2019 e la spiegazione ufficiale del governo secondo cui si sarebbe suicidato è stata oggetto di alcune controversie.   Combs ha negato tutte le accuse contro di lui e non è stato ancora colpito da alcuna accusa penale.   La storia di questo incredibile «Epstein rap» si è infittita ulteriormente con le dichiarazioni dell’ex rivale di Puff Daddy, Marion «Suge» Knight, in un podcast fatto in prigione.   Il Knight, già fondatore della Death Row Records, ha inviato un avvertimento a Combs negli scorsi giorni. «Ti dico una cosa, Puffy, la tua vita è in pericolo perché conosci i segreti, chi è coinvolto in quella piccola stanza segreta a cui voi ragazzi state partecipando», ha detto Knight nel suo podcasto «Collect Call», registrato al telefono mentre è detenuto in un carcere californiano, dove sconta una pena di 28 anni per omicidio colposo.   «È un brutto giorno per l’hip-hop, per la cultura, per i neri, perché quando uno sembra brutto, sembriamo tutti cattivi», ha detto Knight nel podcasto. «Non c’è sicuramente niente di cui rallegrarsi».   Il Combs era conosciuto come «Puffy» e «Puff Daddy» durante la sua ascesa all’Olimpo dell’hip-hoppo negli anni ’90, quando fondò la Bad Boy Records e lavorò con artisti del calibro di Notorious BIG, Mary J. Blige e Lil’ Kim. Il soprannome artistico fu in seguito per qualche ragione abbreviato in «P. Diddy».   Il rapperro neoeboraceno aveva incuriosito molti per il fatto che mentre i suoi colleghi morivano in sparatorie (i casi Notorius B.I.G. e Tupac) o finivano nel dimenticatoio, lui era sempre riuscito a mantenersi sulla cresta dell’onda, e per decenni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Daniel Incandela via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic
Continua a leggere

Oligarcato

«Corruzione e conflitto di interessi»: la Procura Europea indaga su Von der Leyen e vaccini Pfizer

Pubblicato

il

Da

I procuratori dell’UE hanno preso in carico un’indagine di corruzione in corso sulla presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. Lo riporta il sito Politico, che cita un portavoce anonimo della procura di Liegi in Belgio.

 

L’indagine riguarda l’acquisto di quasi due miliardi di dosi di vaccino Pfizer COVID-19 per l’UE al culmine della pandemia di coronavirus. L’accusa sostiene che il capo della UE abbia negoziato l’accordo multimiliardario con l’amministratore delegato del colosso farmaceutico, Albert Bourla, in privato tramite messaggi di testo prima che gli studi clinici sul vaccino fossero completati.

 

La Von der Leyen si è rifiutata di rivelare il contenuto di quei messaggi, sostenendo di non riuscire a trovarli.

Sostieni Renovatio 21

Gli investigatori della Procura Europea (EPPO), che hanno lavorato sul caso negli ultimi mesi, ritengono che Von der Leyen possa essere colpevole di «interferenza nelle funzioni pubbliche, distruzione di SMS, corruzione e conflitto di interessi», scrive Politico citando i documenti legali che avrebbe visionato.

 

Nonostante le accuse e la stessa von der Leyen abbia ammesso di aver comunicato privatamente con Bourla per quasi un mese prima di firmare l’accordo da quasi 20 miliardi di euro (21,5 miliardi di dollari), nessuna accusa formale è stata ancora mossa contro il capo della Commissione Europea.

 

Il caso è stato sostenuto dai governi di Polonia e Ungheria, che hanno anche presentato denunce ufficiali sul ruolo di Von der Leyen nei negoziati sui vaccini, hanno detto fonti di Politico. Il quotidiano ha osservato, tuttavia, che Varsavia si è mossa per ritirare la denuncia dopo che il governo pro-UE del primo ministro Donald Tusk è salito al potere lo scorso anno.

 

Il New York Times, che per la prima volta nel 2021 riferì che conversazioni private tra Von der Leyen e Bourla erano effettivamente avvenute prima della firma dell’accordo sui vaccini, ha anche intentato una causa contro la CE per essersi rifiutata di rivelare il contenuto degli SMS e respingere una richiesta di accesso ai documenti.

 

Il caso contro il capo della Commissione europea ha raccolto «un interesse pubblico estremamente elevato», secondo i funzionari dell’UE, tra le preoccupazioni che il blocco abbia acquistato significativamente più vaccini COVID del necessario.

 

Nel dicembre dello scorso anno, Politico riferì che gli stati dell’UE avevano scaricato almeno 215 milioni di dosi, che erano costate ai contribuenti fino a 4 miliardi di euro. Nonostante ciò, i vaccini continueranno ad arrivare nell’UE secondo il contratto con Pfizer, almeno fino al 2027.

 

La presidenza Von der Leyen ha una storia carica di scandali, alcuni dei quali sembrano ripetere altre controversie che le erano capitate quando era in forze al governo della Repubblica Federale Tedesca.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, la Von der Leyen, quando era ministro della Difesa tedesco, era incappata in accuse dopo aver «ripulito» il suo cellulare che doveva divenire prova importante all’interno di uno scandalo di appalti militari. La medesima situazione pare esser capitata con i messaggini che si sarebbe scambiata con Albert Bourla, CEO di Pfizer, spariti nel nulla proprio quando le si chiede conto dei contratti per l’iniezione massiva di mRNA nei corpi di centinaia di milioni di europei. (Bourla ha riconosciuto la preparazione del presidente della Commissione sui sieri genici, ma non ha poi avuto il coraggio di presentarsi davanti ai deputati europei, mandando una sua sottoposta a fare l’ammissione sulla mancanza di test di trasmissibilità del COVID dopo il vaccino Pfizer).

 

L’Ursula è inoltre incappata in ulteriore scandalo famigliare basato riguardo proprio l’mRNA, quando è emerso un conflitto di interessi con il marito, che lavora presso un’azienda di terapia genica, partecipante ad una cordata di aziende-università che dovrebbe intercettare fondi europei.

 

La sua posizione di falco nella questione Ucraina ha visto, oltre ai continui inutili e dannosi round di sanzioni antirusse, con il programma di sequestro di 300 miliardi russi presenti su banche straniere nonché con l’esortazione al governo tedesco di «dare a Kiev tutte le armi di cui hanno bisogno».

 

Secondo alcune indiscrezioni, il presidente americano Joe Biden vorrebbe la Von der Leyen a capo della NATO – altra istituzione transnazionale che, guarda caso, sempre sta a Bruxelles…

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Kuhlmann/MSC via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Germany

Continua a leggere

Alimentazione

Bill Gates, patate OGM e patatine fritte di McDonald’s: quale verità?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   I fact-checker sono intervenuti dopo che i meme sui social media che sostenevano che Bill Gates possiede una fattoria che produce patate OGM per McDonald’s hanno iniziato a guadagnare terreno. Alcuni meme hanno sbagliato i fatti. Ma il fatto è che Gates sta rapidamente acquisendo terreni agricoli.   I fact-checker sono intervenuti dopo che i meme sui social media che sostenevano che Bill Gates possiede una fattoria che produce patate con organismi geneticamente modificati (OGM) per McDonald’s hanno iniziato a guadagnare terreno.   Un «fact-check» di Snopes del 25 marzo ha verificato che Gates possiede una fattoria a Washington che coltiva patate per McDonald’s. Ma Snopes ha detto che le affermazioni fatte da altri meme – sostenendo che Gates fornisce a McDonald’s tutte le sue patatine fritte e che sono coltivate in una «fattoria di patate geneticamente modificate» – non sono vere.   Nessuno dei meme – o dei verificatori di fatti – ha affrontato i crescenti investimenti di Gates nei terreni agricoli statunitensi o l’uso di pesticidi sulle patate non biologiche.   E nessuno si è chiesto perché qualcuno che si promuove come preoccupato per la salute globale – in gran parte attraverso campagne di vaccinazione globali – fornirebbe ingredienti per un prodotto noto per contribuire alle condizioni cardiovascolari e all’aumento di peso e che contiene 19 ingredienti, tra cui olio di canola, olio di soia, soia idrogenata. olio, dimetilpolisilossano , butilidrochinone terziario o TBHQ e acido citrico.

Sostieni Renovatio 21

Gates continua ad acquisire terreni agricoli attraverso 20 holding

Ma anche se Gates potrebbe non possedere le altre aziende agricole che forniscono patate a McDonald’s, nel 2021 è diventato il più grande proprietario di terreni agricoli negli Stati Uniti secondo The Land Report, anche se attraverso una rete di holding. A gennaio 2021, Gates possedeva 268.984 acri di terreni agricoli statunitensi in 18 stati.   Secondo VNExpress, queste proprietà rendono Gates anche il 42° più grande proprietario terriero negli Stati Uniti, «con la maggior parte di quelli al di sopra di lui che possiedono principalmente terreni boschivi».   Secondo il fact-checker britannico Full Fact:   «Le patate di McDonald’s provengono da coltivazioni di tutto il mondo. Un fornitore di patate elencato sul sito web di McDonald’s USA è di proprietà della società di investimento di Bill Gates, ma non è vero che tutte le patate utilizzate dalla catena di fast food provengano dal signor Gates».   Quel «unico» fornitore, 100 Circle Farms, «non è l’unico fornitore di patate di McDonald’s USA». L’azienda agricola «si trova vicino al fiume Columbia a Patteson, Washington, e coltiva patate in rotazione con altre colture come mais dolce e grano».   Secondo Snopes, 100 Circle Farms «fa parte di un ampio tratto di terreno agricolo a Washington, vicino al confine con l’Oregon, che Gates ha acquistato tramite holding nel 2018».   McDonald’s afferma che «100 Circle Farms coltiva patate in cerchi così grandi da essere visibili dallo spazio. Quindi il nostro fidato processore, Lamb Weston, le taglia in patatine fritte a 70 miglia all’ora».   Secondo The Land Report, la superficie di 100 Circle Farm comprende 10.500 acri di terreno agricolo irrigato, 3.900 acri di pascoli e 140 acri di altri terreni. Il tratto si trova in una “regione agricola altamente produttiva conosciuta come Horse Heaven Hills». Il precedente proprietario del terreno, John Hancock Life Insurance, ha pagato 75 milioni di dollari nel 2010 per il terreno.   Un rapporto del Tri-City Herald che evidenzia l’intricata rete di holding che offusca la proprietà dei terreni agricoli di Gates, 100 Circle Farm è stata venduta nel 2018 a una società della Louisiana, Angelina Agriculture Company.   Angelina Ag è una società controllata di Oak River Farms, una società che gestisce aziende agricole per Cascade Investment, che opera come società di investimento privata di Gates.   Secondo il Land Report:   «Sebbene abbia sede in Louisiana, la Angelina Ag Company condivide lo stesso indirizzo postale aziendale della Cottonwood Ag Management di Gates a Kirkland, Washington. Cottonwood Ag non ha risposto alle richieste di The Land Report».   «Cascade, secondo il suo sito web, non discute pubblicamente dei suoi beni», ha riferito Snopes. Full Fact «ha contattato sia la Cascade Asset Management Company che la Bill & Melinda Gates Foundation in merito a queste proprietà terriere» ma ha affermato che hanno rifiutato di commentare pubblicamente.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

La rete di holding di Gates è «intricata e opaca»

Gates ha continuato ad acquistare terreni agricoli da quando la storia di The Land Report è stata pubblicata nel 2021.   A gennaio, Investigate Midwest ha riferito che Gates «ha speso 113 milioni di dollari in terreni agricoli del Nebraska» tra il 2018 e il 2022.   Il rapporto Investigate Midwest fa anche più luce sulla rete di aziende collegate a Gates che hanno acquistato terreni agricoli negli Stati Uniti:   «I terreni agricoli di Gates sono detenuti da più di 20 società di comodo sparse in tutto il paese. Alcuni riconducono a una casella postale a Kirkland, Washington, la città dove ha sede Cascade Asset Management, che gestisce tutti gli investimenti di Gates».   «Altri sono collegati a Lenexa, Kansas, e Monterey, Louisiana, 371 abitanti, dove i giornalisti hanno precedentemente tracciato le operazioni di Gates».   «Queste società a responsabilità limitata, sepolte sotto strati di nomi commerciali, dipendenti e indirizzi sovrapposti in almeno tre stati, formano una rete più intricata e opaca di quella creata dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, che sta acquistando una quantità enorme di terreni ranch del Nebraska».   Secondo il rapporto, se Gates cedesse la proprietà del terreno a un’organizzazione no-profit – come la Fondazione Gates – potrebbe potenzialmente rendere il terreno «esente dalle tasse sulla proprietà».   Il senatore dello stato del Nebraska Tom Brewer, un repubblicano, ha detto a Investigate Midwest che se ciò dovesse accadere, «decimerebbe» le contee in cui si trovano le partecipazioni di Gates. «Costringerebbe l’azione legislativa a proteggere le contee», ha detto Brewer.

Aiuta Renovatio 21

Perché Gates sta acquistando terreni agricoli? «Perché può»

La controversia sulla crescente proprietà di terreni agricoli da parte di Gates non è nuova.   Durante una sessione Reddit AMA («Ask Me Anything») del marzo 2021, Gates ha spiegato perché stava «acquistando così tanti terreni agricoli»:   «Il mio gruppo di investimento ha scelto di farlo. Non è collegato al clima. Importante è il settore agricolo. Con sementi più produttive possiamo evitare la deforestazione e aiutare l’Africa ad affrontare le difficoltà climatiche che già affronta».   «Non è chiaro quanto possano essere economici i biocarburanti, ma se sono economici possono risolvere le emissioni del trasporto aereo e dei camion».   E in una sessione AMA Reddit del 2023, Gates ha fatto affermazioni simili:   «Possiedo meno di 1/4000 dei terreni agricoli negli Stati Uniti e ho investito in queste aziende agricole per renderle più produttive e creare più posti di lavoro. Non è coinvolto alcun grande schema. Di fatto, tutte queste decisioni vengono prese da un team di investimento professionale».   Mark Kastel, direttore di OrganicEye, non è convinto. Ha detto al Defender :   «Il pericolo è lo sfruttamento dell’ambiente e delle persone (lavoratori) coinvolte nelle operazioni. Potrebbero esserci degli svantaggi per la società se queste imprese fallissero dopo aver eliminato concorrenti più sostenibili. Esiste certamente il rischio di un deterioramento della sicurezza e/o della densità nutrizionale dei nostri alimenti».   Kastel ha affermato che la strategia di Gates sembra riflettere il desiderio di consolidare il controllo sulla proprietà terriera.   «L’umorista Will Rogers disse negli anni ’30: “Compra un terreno: non ne ricaveranno più nulla!” E il suo messaggio era rivolto ai singoli individui, non ai proprietari terrieri aziendali. È inquietante quando un settore industriale, così importante per il nostro benessere, viene visto come un “investimento”», ha detto Kastel.   Perché Gates sta comprando terreni agricoli ? «Perché può», ha detto Howard Vlieger, membro del consiglio di amministrazione di GMO/Toxin Free USA . «Il Dipartimento di Giustizia ha permesso che si verificassero troppi monopoli in numerosi mercati nel nostro Paese».   Vlieger ha affermato che il consolidamento del settore «favorisce pochi eletti e mette le carte in tavola contro coloro che credono nel rispetto delle regole. Coloro che tagliano ogni angolo e non hanno morale o etica sembrano essere premiati».   Kastel ha anche paragonato la crescente partecipazione di Gates nei terreni agricoli statunitensi al sistema agricolo centralizzato dell’ex Unione Sovietica:   «Il controllo centralizzato o corporativo dell’agricoltura si è rivelato un fallimento. Ciò fu sperimentato in Unione Sovietica e portò alla fame».   «Gli agricoltori hanno un insieme di competenze unico e ampio che non è facilmente replicabile. Il lavoro è arduo con lunghe ore. Ed è difficile compensare in modo equo e adeguato qualcuno quando non ha una partecipazione azionaria».   Secondo Kastel, la concentrazione di massa dei terreni agricoli va a scapito della cura e della gestione dei terreni agricoli.   «L’attaccamento alla terra promuove priorità di gestione a lungo termine e rischiamo di causare danni ecologici ed economici permanenti se i terreni agricoli vengono sfruttati», ha affermato.  
Vlieger ha fatto paragoni con l’industria dell’allevamento e della lavorazione della carne, che secondo lui è anch’essa concentrata nelle mani di un piccolo numero di proprietari.
 
«Le preoccupazioni sugli abusi di concentrazione del mercato e sul conseguente potere di mercato sono facili da vedere osservando il settore agricolo e della produzione alimentare nel suo complesso», ha affermato Vlieger. «L’85% del bestiame viene macellato da quattro imballatori. Ciò ha costretto migliaia di produttori di bestiame indipendenti a chiudere l’attività».
 
Ciò può portare a interruzioni della catena di approvvigionamento e carenze di mercato, ha aggiunto Vlieger. Ha citato come esempio gli scaffali vuoti dei negozi di alimentari all’inizio della pandemia.
 
«Se questo non è un ottimo esempio dei pericoli del consolidamento, non so cosa possa esserlo. Quanto più diversificata sarà la rete per il cibo prodotto localmente, tanto maggiore sarà la sicurezza alimentare per tutti», ha affermato.

Sostieni Renovatio 21

Patate non OGM di Gates «contaminate da residui agrochimici»

Full Fact afferma che i meme sulle patatine fritte di Gates-McDonald’s hanno sbagliato sulla questione delle patate geneticamente modificate. «Nessuna delle patate della 100 Circles Farm è geneticamente modificata», ha affermato Full Fact.
 
Ma il fact-checker ha anche affermato: «ci sono state segnalazioni di altri ingredienti geneticamente modificati utilizzati nella catena di approvvigionamento di McDonald’s , come la soia per l’olio o il mais per l’alimentazione degli animali».
 
Kastel sostiene che questa argomentazione è fuorviante, «perché le patate geneticamente modificate non sono comuni».
 
«Anche le colture non OGM, a meno che non siano certificate biologiche, in genere sono contaminate da residui agrochimici e potenzialmente altri composti: lo spargimento di fanghi di depurazione, contaminati da sostanze chimiche industriali , è vietato nella produzione biologica ma è una pratica comune nell’agricoltura convenzionale», ha affermato Kastel.
 
Vlieger consiglia ai consumatori di prestare molta attenzione alle etichette dei prodotti alimentari:
 
«Se i prodotti alimentari nel supermercato non contengono il sigillo di certificazione Non OGM, è meglio presumere che si tratti di OGM. Personalmente non mangerò alcun prodotto a base di patate a meno che non sappia dove e come viene prodotto. So come vengono coltivate le patate convenzionali e non mi interessa consumare proteine ​​estranee provenienti da OGM o i residui chimici che ne derivano. Le patate sono molto efficaci nel rimuovere i residui chimici dal terreno».
 
«Penso che potrebbe essere una buona idea se le persone leggessero l’elenco completo degli ingredienti prima di consumare qualsiasi alimento. C’è un detto degno di fiducia: se non puoi pronunciarlo o non sai di cosa si tratta, non mangiarlo».
 
Vlieger ha affermato che «la produzione di colture di base dipende dall’agricoltura industriale ad alta intensità chimica. Questo non fa bene alla salute dell’ambiente, delle piante, degli animali o delle persone».
  Michael Nevradakis Ph.D.   © 29 marzo 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Più popolari