Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

Dissidente PCC: la Cina ha liberato il COVID ai Giochi mondiali militari 2019

Pubblicato

il

 

 

In una rivelazione scioccante che solleva serie dubbi sulla narrativa ufficiale sulle origini di COVID in Cina, nuove rivelazioni di un informatore del PCC in esilio affermano che gli agenti cinesi hanno diffuso il COVID durante un evento sportivo internazionale tenutosi a Wuhan nell’ottobre 2019.

 

Secondo questa timeline epidemica, esso è  considerabile il primo evento super-spreader. Vi parteciparono migliaia e migliaia di persone da una vastità di Paesi del mondo.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del luogo e del momento ideale per lo scatenamento di una pandemia.

 

«Penso che il governo cinese avrebbe colto l’occasione per diffondere il virus durante i Giochi militari, poiché molti stranieri si sarebbero presentati lì»

Il dissidente del Partito Comunista Cinese Wei Jingsheng ha proposto una tesi davvero estrema. Egli afferma che gli agenti cinesi hanno deliberatamente diffuso il COVID durante questi giochi militari. La gola profonda PCC ha anche affermato di aver cercato di avvertire l’amministrazione Trump del COVID cinque mesi prima dell’inizio della pandemia.

 

Il torneo internazionale per atleti militari si è tenuto esattamente Wuhan, proprio dove i pazienti malati avrebbero iniziato a travolgere gli ospedali e, a guardare le immagini che arrivavano dalla cina, a morire in strada. Tutto questo nemmeno tre mesi dopo che Pechino aveva notificato l’epidemia all’OMS a Capodanno.

 

Dopo i giochi, sostiene Wei, alcuni dei 9.000 atleti che hanno partecipato si sono ammalati di una misteriosa malattia, inclusi atleti francesi, americani e tedeschi.

 

L’Italia ha forse dimenticato il caso dello schermidore Tagliariol. Lo spadista trevigiano, già oro a Pechino, era i Mondiali militari come aviere capo dell’Aeronautica militare distaccato nel gruppo sportivo. Nel maggio 2020 dichiarò: «ci siamo ammalati tutti, 6 su 6 nell’appartamento e moltissimi anche di altre delegazioni. Tanto che al presidio medico avevano quasi finito le scorte di medicine». «Ho avuto febbre e tosse per 3 settimane – dice lo spadista azzurro – e gli antibiotici non hanno fatto niente; poi è toccato a mio figlio e alla mia compagna. Non sono un medico, ma i sintomi sembrano quelli del COVID-19». Poi vi furono ritrattazioni e smentite.

 

«Penso che il governo cinese avrebbe colto l’occasione per diffondere il virus durante i Giochi militari, poiché molti stranieri si sarebbero presentati lì», ha detto Wei nel documentario di Sky News Australia intitolato «Cosa è successo davvero a Wuhan?».

 

«Sapevo della possibilità che il governo cinese utilizzasse alcune strane armi, comprese le armi biologiche, perché sapevo che stavano facendo esperimenti di quel tipo»

Il Jingsheng dice che sapeva «della possibilità che il governo cinese utilizzasse alcune strane armi, comprese le armi biologiche, perché sapevo che stavano facendo esperimenti di quel tipo».

 

La competizione sportiva in questione si è svolta a Wuhan dal 19 al 27 ottobre 2019.

 

Wei afferma di essere andato da figure di spicco dell’amministrazione Trump nel novembre 2019, ma è stato ignorato. Ora sappiamo che i casi di COVID potrebbero essersi diffusi negli Stati Uniti in quel momento e sicuramente prima del Natale 2019. Anche se non ha voluto dire con quale funzionario ha parlato, afferma che era un «funzionario di alto livello» dell’amministrazione Trump.

 

Per News.au, David Asher, un ex investigatore COVID per il Dipartimento di Stato, afferma nel documentario che i Giochi erano «sospetti».

 

«Vediamo alcune indicazioni nei nostri dati… che c’era COVIDin circolazione negli Stati Uniti già all’inizio di dicembre, forse prima» ha detto.

 

«Alcune delle persone che sono tornate da questi Giochi erano malate di qualcosa».

«Alcune delle persone che sono tornate da questi Giochi erano malate di qualcosa».

 

Essendo stato esiliato negli Stati Uniti anni prima, Wei ha detto di essere stato informato di ciò che stava accadendo attraverso gli addetti ai lavori del PCC che condividevano le loro paure sulla situazione e descrivevano l’insabbiamento da parte del governo centrale.

 

Ma alla fine dell’autunno, le lamentele sul COVID avevano già iniziato a spuntare sui social media in Cina, dove sono state immediatamente censurate dal PCC, aggiunge Wei.

 

Alla fine, quando il virus si è diffuso e i primi sforzi per coprirlo e contenerlo sono falliti, a Pechino non è rimasta altra scelta che rivolgersi all’OMS. Anche a quel punto, Pechino ha continuato a negare le prove della diffusione da uomo a uomo, fino a quando non è diventato ovvio nei giorni a seguire.

 

Sebbene non ci siano prove concrete che la Cina abbia usato il COVID come arma biologica, ci sono molti elementi che suggeriscono che il laboratorio di Wuhan stava lavorando su un virus che assomigliava molto al COVID-19

Come riporta il documentario TV della giornalista Sharri Markson, non ci sono prove concrete che la Cina abbia usato il COVID come arma biologica, tuttavia ci sono molti elementi che suggeriscono che il laboratorio di Wuhan stava lavorando su un virus che assomigliava molto al COVID-19.

 

Recentemente sono stati condivisi documenti che mostrano un’agenzia statunitense – il celebre e misterioso braccio ricerca e sviluppo dell’esercito, la DARPA – che rifiuta una proposta di Peter Daszak che chiede soldi per finanziare la ricerca per infettare i pipistrelli con coronavirus da un pipistrello manipolato.

 

L’offerta è stata presentata da Daszak, che lavora per conto della EcoHealth Alliance con sede negli Stati Uniti (che è stata avvolta nella controversia del dottor Fauci e dei suoi alleati per aggirare un divieto statunitense sulla ricerca gain of function che potrebbe o meno aver contribuito alla pandemia globale di COVID), e Daszak sperava di utilizzare l’ingegneria genetica per mettere «siti di scissione specifici per l’uomo» sul COVID dei pipistrelli «che avrebbe reso più facile per il virus entrare nelle cellule umane», un metodo che per coincidenza risponderebbe a una domanda precisa che circola nella comunità scientifica: come il SARS-CoV-2 si è evoluto per diventare così contagioso per l’uomo?

 

Questi ricercatori stavano inavvertitamente aiutando i cinesi a sviluppare l’arma biologica più potente dell’era moderna?

 

Armi biologiche

L’ONU riconosce i cristiani iracheni vittime di crimini contro l’umanità e di guerra ISIS

Pubblicato

il

Da

In un rapporto diffuso il 1° dicembre, una squadra di investigatori ONU ha affermato che le prove raccolte in Iraq rafforzano le conclusioni preliminari secondo cui gli estremisti dello Stato Islamico hanno commesso crimini contro l’umanità e crimini di guerra contro la comunità cristiana dopo che si era impadronito di circa un terzo del Paese nel 2014.

 

Il rapporto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite afferma che i crimini includevano il trasferimento forzato e la persecuzione dei cristiani, il sequestro delle loro proprietà, la violenza sessuale, la riduzione in schiavitù e altri «atti disumani», come le conversioni forzate e la distruzione di siti culturali e religiosi.

 

Il team ONU ha inoltre affermato di aver identificato leader e membri di spicco del gruppo estremista dello Stato Islamico che hanno partecipato all’attacco e alla conquista di tre città prevalentemente cristiane nella pianura di Ninive a Nord della seconda città più grande dell’Iraq, Mosul, a luglio e agosto 2014 – Hamdaniyah, Karamlays e Bartella.

 

La squadra ha anche iniziato a raccogliere prove sui crimini commessi contro la comunità cristiana di Mosul.

 

Il rapporto di 26 pagine è stato presentato dalla squadra investigativa delle Nazioni Unite per promuovere la responsabilità per i crimini commessi dal gruppo dello Stato Islamico, noto anche come IS, ISIS, ISIL o Daesh.

 

Il team ha aggiornato le sue indagini sullo sviluppo e l’uso di armi chimiche e biologiche da parte degli estremisti, attacchi alle comunità yazide e sunnite, esecuzioni di massa di prigionieri e detenuti nella prigione di Badush vicino a Mosul nel giugno 2014 e crimini a Tikrit e dintorni.

 

Nel dicembre 2021, il capo della squadra delle Nazioni Unite, Christian Ritscher, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che gli estremisti dello Stato islamico hanno commesso crimini contro l’umanità e crimini di guerra nella prigione di Badush.

 

Nel maggio 2021, il predecessore di Ritscher, Karim Khan, ha dichiarato al consiglio che gli investigatori avevano trovato «prove chiare e convincenti» che gli estremisti dello Stato Islamico avevano commesso un genocidio contro la minoranza yazida nel 2014. Khan anche affermato che il gruppo militante ha sviluppato con successo armi chimiche e usato iprite.

 

Il nuovo rapporto afferma che il team di Ritscher ha trovato prove di pagamenti alle famiglie dei membri dello Stato Islamico uccisi con armi chimiche e registrazioni di pagamenti per l’addestramento di agenti di alto livello sull’uso di armi chimiche e dispositivi per disperdere tali armi. Il team ha affermato che sta ancora valutando le prove dell’uso di agenti.

 

«Le prove suggeriscono che l’ISIL abbia fabbricato e prodotto razzi e mortai chimici, munizioni chimiche per granate con propulsione a razzo, testate chimiche e ordigni esplosivi improvvisati», afferma il rapporto. «Inoltre, il programma ISIL prevedeva lo sviluppo, la sperimentazione, l’armamento e il dispiegamento di una serie di agenti, tra cui fosfuro di alluminio, cloro, clostridium botulinum, cianuro, nicotina, ricina e solfato di tallio».

 

Per quanto riguarda la distruzione di siti culturali e religiosi da parte dei combattenti dello Stato islamico, il team ha affermato di aver ampliato le proprie indagini su diverse comunità irachene e di essersi concentrato su diverse aree a Ninive e Mosul.

 

Ciò ha portato a un inventario preliminare di oltre 150 siti Kaka’i, Shabak e Shia Turkmen «sospettati di essere stati distrutti dall’ISIL, insieme a sfollamenti forzati, sparizioni e talvolta uccisioni di membri di quelle comunità», ha detto il team. Ha inoltre identificato luoghi di culto e siti del patrimonio a Tikrit che sono stati gravemente danneggiati o distrutti dall’ISIL.

 

«Le prove ottenute finora mostrano che i siti religiosi e culturali sono stati intenzionalmente distrutti o rilevati e occupati dall’ISIL, a volte per scopi militari, il che ha provocato il loro grave danno o distruzione», ha affermato. «Mentre le motivazioni e i metodi adottati dall’ISIL sono ancora in fase di revisione, sembra che per distruggere molti dei siti siano stati utilizzati esplosivi e attrezzature pesanti».

 

Per quanto riguarda gli attacchi alla comunità yazida a Sinjar, il gruppo di investigatori ha affermato di aver ampliato l’elenco degli autori identificati per includere attualmente i nomi di 2.181 persone, inclusi 156 combattenti stranieri. «Sono stati sviluppati fascicoli approfonditi in relazione a 30 principali persone di interesse», ha affermato.

 

La squadra ONU ha dichiarato di aver ampliato le sue indagini sui crimini dello Stato islamico contro la comunità sunnita di Anbar, citando i progressi nella sua indagine sull’esecuzione di centinaia di membri della tribù Albu Nimr tra il 2014 e il 2016.

 

L’indagine delle Nazioni Unite sull’esecuzione di massa dei detenuti nella prigione di Badush il 10-11 giugno 2014 continua, dice il gruppo, includendo interviste con altri testimoni e sopravvissuti.

 

Ciò avrebbe prodotto «nuove e corroboranti prove sulle circostanze in cui circa 1.000 prigionieri prevalentemente sciiti sono stati presi di mira e giustiziati dall’ISIL all’interno della prigione e in vari altri luoghi».

 

Il team ha anche continuato a indagare sui crimini contro i civili a Tikrit e Alam nel 2014 e nel 2015 e sta raccogliendo ulteriori prove sull’uccisione di massa di cadetti militari disarmati e personale dell’Accademia aerea di Tikrit nel giugno 2014.

 

Nei prossimi mesi, gli investigatori hanno affermato di voler concentrarsi sulla transizione dalle indagini alla costruzione di casi e alla condivisione di informazioni con l’Iraq per stimolare azioni penali e responsabilità.

 

I casi di cristiani massacrati dell’ISIS non riguarda solo Siria e Iraq: pensiamo al caso del cristiano copto giustiziato dall’ISIS due anni fa per aver finanziato la costruzione di una chiesa.

 

Come riportato da Renovatio 21, i cristiani sono un gruppo sempre più perseguitato; in particolare, bisogna sottolineare come il mondo si sia dimenticato della persecuzione e dell’esodo della un tempo fiorente comunità cristiana in Medio Oriente, vittima del caos sanguinario portato nei Paesi che la ospitavano dalle infernali guerre dei neocon USA.

 

 

 

 

 

Immagine di David Stanley via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Osama Bin Laden testava armi chimiche sui miei cani, dice il figlio. La nipote è Ultra-MAGA

Pubblicato

il

Da

Omar bin Laden, figlio maggiore del fondatore ed emiro generale di Al Qaeda Osama Bin Laden, in un’intervista con i media britannici ha rivelato i dettagli della sua infanzia traumatica.

 

Bin Laden jr. lamenta un’educazione includeva percosse regolari; più in linea con il personaggio, ecco che spunta fuori la storia di papà Osama testava armi chimiche sui suoi cuccioli.

 

Quando la sua famiglia è fuggita in Sudan, suo padre avrebbe vietato tutto ciò che era americano, dall’aria condizionata agli inalatori per l’asma, nonostante i suoi figli soffrissero di questa condizione.

 

Lo sceicco saudita li avrebbe quindi costretti a sottoporsi a un duro addestramento di sopravvivenza nel deserto dove non avevano praticamente cibo né acqua e dovevano dormire in buche nel terreno.

 

Quando l’Omar aveva 15 anni, suo padre lo scelse per raggiungerlo in Afghanistan e lo nominò suo erede. Lo ha portato al campo dove addestravano i futuri terroristi.

 

Qui Omar avrebbe scoperto che i suoi cani da compagnia erano stati usati per testare armi chimiche ed è morto in agonia. Il figlio di Osama avrebbe pianificato la fuga quando suo padre emanò l’ordine che gli altri suoi figli diventassero attentatori suicidi. «Odiava i suoi nemici più di quanto amasse i suoi figli» ha dichiarato il Bin Laden junior ai media britannici. Scappò nell’aprile 2001, meno di sei mesi prima dell’11 settembre.

 

L’uomo, che afferma di non aver mai più parlato con il padre da allora, ora soffre di disturbo bipolare e dice che sentiva persino la voce di suo padre nella sua testa.

 

Quando gli è stato chiesto perché suo padre lo avesse scelto come suo erede, Omar ha suggerito che era perché era «più intelligente» dei suoi fratelli, motivo per cui probabilmente è «vivo oggi».

 

Un altro membro della famiglia Bin Laden si sta facendo invece conoscere negli USA. Noor Bin Laden, una delle (tante) nipoti di Osama, si presenta al pubblico americano come alfiere dell’Ultra MAGA, e afferma di far parte di una «maggioranza silenziosa» che si sta levando contro le élite globali.

 

 

«È per questo che il presidente Trump è stato una così grande spina nel fianco e l’intero movimento Ultra MAGA è una spina nel fianco così grande per loro», ha detto la Noor Bin Laden, che risiede per lo più in Svizzera, nel podcast di Steve Bannon War Room. «Lo penso giudicando l’intensificarsi dell’attacco e il palese, palese furto farsesco delle elezioni del 2020 e tutti i diversi sforzi”.

 

Nella sua prima apparizione il mese scorso, la 35enne ereditiera del casato Bin Laden (il nonno, padre di Osama, partito da facchino all’hotel divenne un ricchissimo appaltatore ed ebbe 54 figli) ha difeso i partecipanti all’insurrezione del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti, definendoli «prigionieri politici» ed elogiando quei legislatori che li hanno difesi.

 

«Possiamo essere davvero grati per i rappresentanti Marjorie Taylor Greene, [Matt] Gaetz, il senatore Ron Johnson… [sono] tra i pochi che difendono, si alzano e parlano di questi prigionieri politici».

 

A undici anni dall’assassinio (presunto) di Osama da parte delle forze speciali USA, la famiglia Bin Laden, numerosa e complicata com’è, non smette mica di stupire. Del resto, diceva Leone Tolstoj, «Tutte le famiglie felici sono uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo»

 

 

 

 

 

Immagine di Hamid Mir via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

La Russia torna a parlare dei laboratori di armi biologiche USA vicino ai suoi confini

Pubblicato

il

Da

La Russia ritiene che gli Stati Uniti stiano ricercando agenti patogeni vicino al confine russo da utilizzare nel suo programma di armi biologiche, ha detto giovedì il vice ministro degli Esteri russo incaricato del controllo degli armamenti. Lo riporta il sito governativo russo Sputnik.

 

«La Russia ha tutte le ragioni per ritenere che componenti di armi biologiche siano state sviluppate nelle immediate vicinanze dei confini russi. In particolare, abbiamo osservato gli Stati Uniti e i suoi alleati condurre ricerche sulla guerra biologica oltre i loro confini nazionali, anche sul territorio dei nostri vicini», ha dichiarato Sergej Rjabkov  ai giornalisti a Mosca.

 

La Russia trova «inaccettabile», ha aggiunto, che funzionari militari stranieri che lavorano in Paesi confinanti con la Russia abbiano campionato agenti patogeni umani ed esportato collezioni nazionali di malattie infettive, inclusi ceppi estremamente pericolosi e resistenti ai vaccini.

 

L’alto diplomatico russo è intervenuto a un briefing in vista della nona conferenza di revisione della Convenzione sulle armi biologiche, che si terrà in Svizzera dal 28 novembre al 16 dicembre.

 

La convenzione vieta lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di armi biologiche e tossiche e sostiene la loro distruzione.

 

Rjabkov ha detto che la Russia presenterà la prova che gli Stati Uniti conducono tali ricerche in Ucraina a margine della prossima conferenza di Ginevra. Washington ha negato la ricerca sul campo in violazione della convenzione sulle armi biologiche, che ha firmato e ratificato negli anni ’70.

 

«La delegazione russa terrà un evento separato a porte aperte alla prossima conferenza di revisione durante la quale i nostri esperti presenteranno nuovamente le prove a loro disposizione e solleveranno le attività di guerra biologica in Ucraina», ha affermato il viceministro russo.

 

La Russia ha diffuso le sue scoperte sulla ricerca sui patogeni del Pentagono in Ucraina da marzo, ma le autorità ucraine e i loro sponsor statunitensi hanno ripetutamente negato, ha affermato il diplomatico.

 

La Russia cercherà ora di migliorare le misure di costruzione della fiducia nella convenzione per ritenere i firmatari responsabili dello svolgimento di ricerche illecite all’estero.

 

Dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, le forze russe hanno scoperto diverse strutture finanziate dagli Stati Uniti con prove di studi sulla guerra biologica.

 

Inizialmente, la Casa Bianca ha negato tali attività, ma nel giugno 2022 il Pentagono ha ammesso di aver finanziato 46 laboratori biologici in Ucraina.

 

Tuttavia, sia Washington che Kiev negano che i laboratori servissero a scopi militari, sostenendo che venivano utilizzati solo per ricerche pacifiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, nella storia dei biolaboratori USA in Ucraina sembra coinvolto il figlio del presidente in carica, il perverso e drogato Hunter Biden, e altre realtà, tra cui nomi di Big Pharma e nomi legati al Partito Democratico USA. Si è fatto anche riferimento a una cointeressenza della Repubblica Federale Tedesca.

 

Qualcuno è arrivato a parlare di una possibile connessione tra le strutture ucraine finanziate dagli Stati Uniti e il COVID-19. Il generale russo Igor Konashenkov ha parlato di esperimenti del Pentagono in Ucraina a base di coronavirus di pipistrello.

 

Politici e militari russi lanciano accuse gravi a questi laboratori e a lori sponsores, tra cui quella di fare esperimenti con malattie estremamente pericolose, se non di addirittura attacchi biologici alla popolazione delle repubbliche separatesi da Kiev. Accuse riguardo la rete di laboratori di bio-guerra sono arrivati dal presidente Putin stesso.

 

La Duma, il Parlamento della Federazione Russa, ha invitato Victoria Nuland – che aveva ammesso le «preoccupazioni» americane per i laboratori durante una deposizione alla Commissione Relazioni Estere del Senato USA – a spiegare la questione dei laboratori a Mosca.

 

Non risulta che la Nuland, ritenuta vero puparo di tutto il caos ucraino dal 2014 a oggi (e anche prima, a dir il vero), abbia accettato l’invito.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari