Connettiti con Renovato 21

Internet

Bruxelles fa disinstallare TikTok ai suoi dipendenti

Pubblicato

il

La Commissione Europea ha ordinato ai propri dipendenti di disinstallare la popolare app di social media di proprietà cinese TikTok dai dispositivi aziendali, spiegando che la mossa è necessaria per rafforzare la sicurezza informatica.

 

Per proteggere i dati della Commissione Europea e aumentare la sua sicurezza informatica, il suo consiglio ha «deciso di sospendere l’applicazione TikTok sui dispositivi aziendali e sui dispositivi personali registrati nei servizi per dispositivi mobili della Commissione», secondo una dichiarazione pubblicata dall’ente lo scorso giovedì.

 

Il personale ha tempo fino a metà marzo per conformarsi, altrimenti perderà l’accesso alla propria posta elettronica EC e alle app Skype for Business, ha riferito EURACTIV, citando un’e-mail IT inviata al personale.

 

Un portavoce di TikTok ha dichiarato a EURACTIV che il divieto è «fuorviante e basato su idee sbagliate fondamentali» sulla piattaforma dei social media. Il portavoce ha affermato che la società ha «contattato la Commissione per mettere le cose in chiaro e spiegare come proteggiamo i dati dei 125 milioni di persone in tutta l’UE che vengono su TikTok ogni mese».

 

Il mese scorso, un gruppo di senatori repubblicani negli Stati Uniti ha introdotto il No TikTok on United States Devices Act, un disegno di legge che cerca di vietare la piattaforma su tutti i dispositivi nel Paese.

 

Come riportato da Renovatio 21, deputati e senatori americani erano arrivati a definire TikTok come «fentanil digitale», riferendosi alla tremenda droga decine di volte più potente dell’eroina responsabile di tante overdosi negli USA piagati dalla crisi degli oppiodi, una droga che si ritiene venga prodotta in Cina per essere poi trafficata attraverso il confine meridionale con il Messico totalmente «aperto» dall’amministrazione Biden.

 

Uno degli autori del disegno di legge, il senatore Josh Hawley, aveva sostenuto all’epoca che l’app «apre la porta al Partito Comunista Cinese per accedere alle informazioni personali, ai keystroke [sequenze di tasti premuti, ndr] e alla posizione degli americani attraverso una raccolta aggressiva di dati».

 

Nel dicembre 2022, il governatore del Texas Greg Abbott ha ordinato alle agenzie statali di «eliminare tutti i rischi di sicurezza informatica posti da TikTok» e ha vietato l’uso dell’app sui dispositivi forniti dal governo. I rapporti all’epoca suggerivano che anche i legislatori e il personale della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti fossero stati incaricati di disinstallare l’app da qualsiasi dispositivo aziendale.

 

Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha dichiarato lo scorso anno durante un’audizione del Comitato per la sicurezza interna della Camera che l’agenzia aveva «preoccupazioni per la sicurezza nazionale» su TikTok, inclusa la «possibilità che il governo cinese potesse usarlo per controllare la raccolta di dati su milioni di utenti o controllare la raccomandazione algoritmo».

 

Lo Wray aveva quindi dichiarato che la Cina avrebbe rubato più dati americani «di ogni altra Nazione messa insieme».

 

Commentando le accuse, la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning aveva accusato i funzionari statunitensi di «diffondere disinformazione» nel tentativo di screditare una grande azienda cinese in competizione con i giganti dei social media occidentali.

 

Anche ByteDance, la società madre di TikTok, ha respinto le affermazioni secondo cui avrebbe mai pianificato di rintracciare gli americani.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’India già tre anni fa, a seguito delle tensioni con la Repubblica Popolare Cinese sul confine himalayano, aveva messo al bando 59 app cinesi, tra cui anche TikTokko.

 

Il bando da parte della UE deve risultare molto amaro, visto che TikTok due settimane fa aveva promesso all’autorità europea di «combattere la disinformazione» sul territorio dell’Unione.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Solen Feyissa via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Internet

La Florida vieta i social media ai minori di 14 anni

Pubblicato

il

Da

La Florida ha appena approvato una nuova legge che vieta ai bambini sotto i 14 anni di avere account sui social media indipendentemente dal consenso dei genitori.

 

Secondo la legge che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2025, le società di social media devono chiudere gli account che ritengono siano utilizzati da minori di età inferiore a 14 anni e devono cancellare gli account su richiesta dei genitori o dei minori. Tutte le informazioni contenute nei conti dovranno poi essere cancellate, riferisce il Wall Street Journal.

 

I minori di 14 o 15 anni potranno ottenere un account sui social media con il consenso dei genitori. Se un genitore non acconsente, gli account già appartenenti ad adolescenti compresi in quella fascia di età dovranno essere cancellati.

Sostieni Renovatio 21

«Essere sepolti in quei dispositivi tutto il giorno non è il modo migliore per crescere, non è il modo migliore per ottenere una buona istruzione», ha detto lunedì il governatore Ron DeSantis durante un evento per celebrare la firma del disegno di legge.

 

La nuova legge non specifica a quali piattaforme si applica, tuttavia i siti di social media che fanno affidamento su funzionalità come avvisi di notifica e video a riproduzione automatica sono soggetti ad essa.

 

I sostenitori della legge hanno sottolineato studi recenti che collegano l’uso dei social media tra i giovani adulti a un rischio più elevato di depressione e problemi di salute mentale. Può anche renderli vulnerabili al bullismo e ai predatori online.

 

«Un bambino, nel suo sviluppo cerebrale, non ha la capacità di sapere che viene risucchiato da queste tecnologie che creano dipendenza, di vedere il danno e allontanarsene», ha detto il presidente della Camera della Florida Paul Renner all’evento. lo stesso evento. «E per questo motivo dobbiamo intervenire per loro».

 

Altri Stati americani hanno visto proposte di leggi simili, tuttavia le leggi si fermano tutte prima del divieto totale della Florida. In Arkansas, un giudice federale ha bloccato una legge sulla verifica dell’età per gli utenti dei social media e il consenso dei genitori per gli account dei minorenni.

 

In risposta alla legge dell’Arkansas, l’associazione di categoria dei social media NetChoice, di cui fanno parte Meta, TikTok e Snap, società madre di Facebook, ha citato in giudizio lo stato per sospendere la legge. Ha portato sfide legali simili in California e Ohio.

 

Secondo il vicepresidente di NetChoice e consigliere generale Carl Szabo, la legge della Florida «costringe gli abitanti della Florida a consegnare informazioni personali sensibili ai siti Web o a perdere l’accesso a canali di informazione critici», aggiungendo che «la sua violazione del diritto del Primo Emendamento degli abitanti della Florida di condividere e accedere ai discorsi online (…) Esistono modi migliori per mantenere gli abitanti della Florida, le loro famiglie e i loro dati al sicuro e protetti online senza violare le loro libertà», ha aggiunto, forse non coscio che i dati consegnati a Zuckerberg frequentando la sua piattaforma sono di quantità impressionante (e sempre più approfonditi: Facebook ha lavorato a lungo ad un dispositivo per leggere direttamente la mente dei suoi utenti).

 

La Florida si aspetta di essere citata in giudizio per la nuova legge, tuttavia il portavoce Renner si dice fiducioso che resisterà al controllo legale. «Li batteremo e non ci fermeremo mai e poi mai», ha detto.

 

All’inizio del 2023 il Wall Street Journal e ricercatori di due università statunitensi hanno rivelato che gli algoritmi di Instagram aiutavano a connettere account «dedicati alla creazione, all’acquisto e allo scambio di contenuti di sesso minorile». Meta ha risposto istituendo una task force per la sicurezza dei bambini e sviluppando strumenti software per affrontare il problema. Cinque mesi dopo, la società «sta lottando per impedire che i propri sistemi consentano o addirittura promuovano una vasta rete di account pedofili», ha osservato il Journal.

Aiuta Renovatio 21

La cosa impressionante, hanno notato alcuni osservatori, i pedofili potevano prosperare in rete mentre gli account di utenti conservatori (tra cui, magari, molti lettori nostri) venivano bannati o shadowbannati.

 

Come riportato da Renovatio 21, negli anni si sono accumulate accuse e rivelazioni su Facebook, tra cui accuse di uso della piattaforma da parte del traffico sessuale, fatte sui giornali ma anche nelle audizioni della Camera USA.

 

Come noto, i social media generano dipendenza e generalmente evidenti danni (come la depressione o l’inclinazione all’anoressia) nella psiche degli utenti. I colossi dei social sono spesse volte stati al centro di casi con gravissimi problemi etici con scoopscandali e pure di interrogazioni del Congresso USA. Difficile, tuttavia, che cambieranno le loro piattaforme e i loro sistemi di interfaccia, profondamente progettati per far restare le persone incollate allo schermo attraverso la stimolazione della dopamina.

 

Come riportato da Renovatio 21, il governatore della Florida Ron DeSantis ha ribadito più volte la sua proposta di pena di morte per i pedofili.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Matt Johnson via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons

 

Continua a leggere

Internet

Elon Musk contro l’ordine di censura ricevuto da Twitter dalla Corte Suprema brasiliana: il giudice De Moraes «dovrebbe dimettersi o essere messo sotto accusa»

Pubblicato

il

Da

Elon Musk ha respinto le richieste avanzate da un tribunale brasiliano di censurare alcuni account e ha chiesto l’impeachment di un importante giudice della Corte Suprema.   Sabato 6 aprile, X (precedentemente noto come Twitter) ha annunciato di essere «stato costretto dalle decisioni del tribunale a bloccare alcuni account popolari in Brasile» sotto la minaccia di multe giornaliere se la società non si conformasse.   Poco dopo l’annuncio, il proprietario di X, Elon Musk, ha affermato che la società avrebbe resistito a queste richieste, anche se avesse dovuto chiudere le sue attività in Brasile.

Sostieni Renovatio 21

«Stiamo revocando tutte le restrizioni», ha scritto il magnate di origine sudafricana. «Questo giudice ha applicato multe ingenti, ha minacciato di arrestare i nostri dipendenti e di impedire l’accesso a X in Brasile».   «Di conseguenza, probabilmente perderemo tutte le entrate in Brasile e dovremo chiudere il nostro ufficio lì. Ma i principi contano più del profitto”.   In un altro post su X, Musk ha annunciato che la sua piattaforma di social media pubblicherà le richieste avanzate dal giudice della Corte Suprema e capo della Corte Elettorale Superiore del Brasile Alexandre de Moraes. Musk ha anche chiesto l’impeachment di de Moraes e lo ha definito “Darth Vader del Brasile”.  

Aiuta Renovatio 21

«A breve, X pubblicherà tutto ciò che è stato richiesto da @Alexandre [de Moraes] e come tali richieste violano la legge brasiliana. Questo giudice ha sfacciatamente e ripetutamente tradito la Costituzione e il popolo brasiliano. Dovrebbe dimettersi o essere messo sotto accusa. Vergogna @Alexandre, vergogna».   Pochi giorni prima, il giornalista Michael Shellenberger aveva pubblicato i cosiddetti «Twitter Files Brazil», che mostrava come lo Stato profondo carioca, guidato da de Moraes, avesse interferito nelle elezioni presidenziali del 2022 facendo pressioni sulle piattaforme di social media per vietare gli account che sostenevano il presidente in carica Jair Bolsonaro o messo in discussione i sistemi elettorali.   «Il 30 marzo 2022, il giorno dopo l’insediamento di de Moraes come presidente del TSE, il TSE ha incaricato Twitter, entro una settimana e sotto la minaccia di una multa giornaliera di 50.000 BRL (10.000 dollari USA), di fornire dati sul mensile statistiche sull’andamento degli hashtag #VotoImpressoNAO (“PrinteVoteNo”) e #VotoDemocraticoAuditavel (“DemocraticAuditableVote”)» ha scritto lo Shelleberger.   Nel 2022, la corte ha costretto Twitter a censurare diversi account, tra cui due membri eletti della Camera, per presunta diffusione di “disinformazione” sotto la minaccia di pesanti multe. Twitter inizialmente ha respinto queste richieste e ha fatto appello contro gli ordini, ma ha finito per ottemperare ad alcune richieste a causa della pressione delle pesanti sanzioni.   Sotto la guida di Musk, la piattaforma di social media sembra respingere le richieste di censura avanzate da de Moraes e rischiare la chiusura dell’azienda in Brasile.   «In qualsiasi momento, la Corte Suprema del Brasile potrebbe chiudere ogni accesso a X/Twitter per il popolo brasiliano», ha scritto Shellenberger il 7 aprile mentre riferiva dal Brasile. «Non è un’esagerazione affermare che il Brasile è sull’orlo della dittatura per mano di un giudice totalitario della Corte Suprema di nome Alexandre de Moraes».   «Il presidente Lula da Silva partecipa alla spinta verso il totalitarismo», ha aggiunto il giornalista di sinistra. «Da quando è entrato in carica, Lula ha aumentato massicciamente i finanziamenti governativi ai principali mezzi di informazione, la maggior parte dei quali incoraggia una maggiore censura».   In risposta all’annuncio di Musk di disobbedire all’ordine del tribunale, il procuratore generale del Brasile Jorge Messias ha chiesto «norme urgenti» per le piattaforme di social media. Secondo il Financial Times, Messias ha affermato: «È urgente regolamentare i social network».   «Non possiamo vivere in una società in cui i miliardari domiciliati all’estero hanno il controllo dei social network e si mettono nella posizione di violare lo stato di diritto, non rispettando gli ordini dei tribunali e minacciando le nostre autorità», ha aggiunto.   Musk ha invitato gli utenti in Brasile a scaricare e utilizzare una VPN (rete privata virtuale) per poter utilizzare la piattaforma dei social media, nel caso in cui il governo limitasse l’accesso a X.   Come riportato da Renovatio 21, il giudice supremo De Moraes è da sempre considerato acerrimo nemico dell’ex presidente Jair Bolsonaro, che lo ha accusato di ingerenze in manifestazioni oceaniche plurime. Ad alcuni sostenitori di Bolsonaro, va ricordato, sono stati congelati i conti bancari, mentre ad altri è stata imposta una vera e propria «rieducazione».   Contro l’ex presidente di origini venete c’è ora un atto d’accusa per falsificazione di status vaccinale. Secondo quanto riferito, fa parte di una più ampia caccia alle streghe supervisionata da De Moraes, che sta esaminando il coinvolgimento di Bolsonaro nel provocare le proteste dell’8 gennaio 2023 che hanno visto migliaia di brasiliani prendere d’assalto gli edifici della capitale del paese in modo simile agli eventi del 6 gennaio 2021 a Washington.   La magistratura ha quindi interdetto Bolsonaro dal candidarsi fino al 2030. Sei mesi fa la commissione parlamentare brasiliana ha approvato un rapporto che accusa Bolsonaro di tentato colpo di Stato. La persecuzione di Bolsonaro in Brasile è arrivata al punto che lo hanno accusato persino di aver molestato una balena.   Vari commentatori conservatori brasiliani, magari con podcast YouTube estremamente seguiti, sono stati censurati e privati della piattaforma improvvisamente. Alcuni, come ha raccontato di recente Tucker Carlson, sono fuggiti negli USA.   Come riportato da Renovatio 21, anche la piattaforma video Rumble ha ricevuto pressione dallo Stato brasiliano per censurare i video, ma ha rifiutato di sottomettersi al diktat.   I rapporti tra i colossi tecnologici e la politica americana e brasiliana sono ora, grazie ad Elon Musk, comprovati.   E per quanto riguarda il governo italiano? C’è qualcosa che dobbiamo sapere su ciò che hanno fatto agli account dei cittadini italiani i governi pandemici di Roma? SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di UK Governement via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic  
Continua a leggere

Internet

Facebook censura la Via Crucis del Venerdì Santo di Radio Maria: «immagini di nudo»

Pubblicato

il

Da

Meta censura la Via Crucis del Venerdì Santo a Roma. Lo ha riportato Radio Maria, che la stava trasmettendo sulla sua pagina Facebook. La notizia ha fatto il giro di tutti i notiziari italiani.

 

Durante la serata del Venerdì Santo, mentre si svolgeva la Via Crucis al Colosseo, la trasmissione in diretta sulla pagina Facebook di Radio Maria è stata rimossa dal social network per «possibile condivisione di immagini di nudo o atti sessuali».

 

Radio Maria ha comunicato questo avvenimento tramite un altro post sulla propria pagina, scusandosi con i fedeli che stavano seguendo l’evento.

Sostieni Renovatio 21

L’emittente cattolica ha espresso la propria sorpresa per la decisione di Facebook, sottolineando che il Cristo durante la Passione fu spogliato delle vesti ma le parti intime erano coperte con panni, garantendo che riattiverà la diretta ogni volta e ha chiesto scusa agli spettatori per l’interruzione dell’evento religioso.

 

«Chiediamo scusa a tutti gli amici che seguivano la prima parte della Via Crucis in adorazione del Signore in Croce» scrive la pagina di Radio Maria. «Facebook ha eliminato il post per £contenuto immagini nudo. E ha ristretto i parametri di visualizzazione. Forse Facebook non sa che il Cristo fu spogliato delle vesti ma le parti intime coperte con panni. E pensare che è morto in croce anche per loro. Naturalmente riattiveremo la diretta ogni volta».

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo aver censurato il dibattito scientifico, audizioni in Senato (in Texas, ad esempio, qualcuno dice anche nelle aule italiane), i dati dello stesso ente sanitario CDC, Facebook arrivò a censurare anche le cipolle perché «troppo sexy».

 

Avevano ragione i talebani, quando, appena tornati al potere nel 2021 grazie a Joe Biden che li armò pure di tutto punto, ai giornalisti occidentali che li incalzavano sulla censura che stavano per imporre all’Afghanistan, risposero con sicumera «guardate alla censura di Facebook».

 

Tuttavia, mentre sorridiamo di questi accadimenti, dobbiamo pure tenere a mente delle accuse mosse a Meta riguardo la presenza di network pedofili sui suoi social, senza parlare di quelle riguardo ai cartelli e alle loro pubblicità del traffico di esseri umani.

 

Sta emergendo sempre più chiaramente come i social siano parte di un sistema statale-industriale di censura globale le cui radice arriverebbero sin dentro la NATO, un progetto che capovolge la democrazia grazie alla tecnologia per installare nel mondo occidentale quello che sembra a tutti gli effetti un regime militare.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, l’ex presidente statunitense Donaldo Trump due settimane fa ha definito Facebook come «nemico del popolo». Mosca ha invece inserito direttamente il portavoce di Meta Andy Stone in una lista di ricercati in Russia.

 

Amnesty International ha accusato Facebook di diffondere l’odio in Etiopia. Problemi con Facebook li ha avuti anche il premier cambogiano, mentre l’anno scorso è emerso che Facebook avrebbe rimosso i post sul COVID su pressione della Casa Bianca.

 

Secondo alcune indiscrezioni, il grande gruppo informatico starebbe sviluppando segretamente una nuova, potentissima Intelligenza Artificiale, che immaginiamo sia nutrita con i dati che tutti noi abbiamo assicurato alla piattaforma in questi decenni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari