Connettiti con Renovato 21

Economia

Blackout in Turchia

Pubblicato

il

Un’interruzione delle importazioni di gas naturale dall’Iran ha causato un livello senza precedenti di interruzioni di corrente in Turchia.

 

Le interruzioni di corrente hanno in gran parte colpito le principali zone industriali, con alcune aziende costrette a interrompere la produzione di conseguenza. L’Iran afferma che i flussi di gas naturale sono stati ripristinati, ma la Turchia ha affermato che le sue forniture e la pressione del gas rimangono molto basse.

«Il sistema è stato interrotto a causa della bassa quantità e pressione. Le stazioni di compressione sul lato turco sono pronte, operative e non ci sono problemi tecnici sul lato turco», ha detto venerdì scorso all’agenzia Reuters un funzionario turco.

 

La Turchia entra nel variegato gruppo di Paesi che sta sperimentando o teme di sperimentare a breve blackout energetici

A partire da lunedì, la produzione industriale turca si fermerà completamente per almeno tre giorni, ha riportato l’altro ieri la testata Daily Sabah.

 

Per la Turchia, il gas rappresenta più della metà della produzione di elettricità. L’arresto dei flussi dell’Iran arriva in un momento in cui le importazioni di gas in aumento per la Turchia, che sono diventate molto più costose a causa della crisi della lira turca.

 

La Renault ha già annunciato che interromperà la produzione nel suo stabilimento di Bursa per 15 giorni, secondo quanto riportato dai media turchi citati dal giornale economico americano Bloomberg.

 

La Turchia entra quindi nel variegato gruppo di Paesi che sta sperimentando o teme di sperimentare a breve blackout energetici.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Germania – a causa di una improvvida politica di privatizzazioni delle forniture – ha poc’anzi evitato di un soffio un blackout del gas. Non che la cosa non sia prevista, dato che i cittadini tedeschi sono da mesi destinatari di apocalittiche campagne di sensibilizzazione su cosa fare in caso di interruzione dell’energia. La Germania il mese scorso non aveva abbastanza vento per far girare le pale eoliche, aumentando di conseguenza l’uso del carbone.

 

Per la Turchia, il gas rappresenta più della metà della produzione di elettricità. L’arresto dei flussi dell’Iran arriva in un momento in cui le importazioni di gas in aumento per la Turchia, che sono diventate molto più costose a causa della crisi della lira turca

La Cina sta sperimentando blackout, che spaventano i partner commerciali internazionali. Anche le autorità del Dragone stanno cominciando a dare «consigli» sulle provviste da fare per l’inverno.

 

L’Indonesia, nel timore delle interruzioni di corrente, ha vietato l’export del carbone.

 

Austria e Romania sono state teatro di comunicazioni pubbliche riguardo al rischio di vedere l’elettricità sparire di colpo.

 

In Italia a parlare apertamente di rischio blackout fu il ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti.

 

C’è una relazione tra il programma ecologista (con la «transizione ecologica» di cui tanto ciancia il governo italiano) e l’agenda della de-industrializzazione, che altro non è che una forma di realizzazione del pensiero eugenetico

Del rischio blackout ha trattato lo scorso 13 gennaio il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica – l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti italiani, che ha trasmesso alle presidenze una Relazione sulla sicurezza energetica. «L’Italia potrebbe, comunque, subire indirettamente gli effetti di razionamenti energetici condotti a livello europeo ovvero di fenomeni di blackout in uno dei Paesi dell’Unione che inciderebbero sugli scambi commerciali intra UE e quindi sulla tenuta del sistema produttivo nazionale» dice il documento.

 

Ma le industrie non si fermano solo a causa di blackout. In Francia, dove inaspettati danni a quattro reattori nucleari hanno fatto schizzare il prezzo dell’elettricità, ha dovuto chiudere la più grande raffineria di zinco del Paese. I costi dell’energia erano divenuti tecnicamente insostenibili.

 

Sull’«harakiri energetico» dei governi, Renovatio 21 ha pubblicato un approfondimento dell’analista William F. Engdahl, che mette in relazione il programma ecologista (con la «transizione ecologica» di cui tanto ciancia il governo italiano) con l’agenda della de-industrializzazione, che altro non è che una forma di realizzazione del pensiero eugenetico.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

I sindacati britannici chiedono la nazionalizzazione dell’energia

Pubblicato

il

Da

Il British Trades Union Congress, l’unione dei sindacati britannici, ha rivelato in un rapporto che una società energetica nazionalizzata potrebbe far risparmiare alle famiglie britanniche fino a 4.400 sterline all’anno, mentre il governo potrebbe ricevere tra 63 miliardi e 122 miliardi di sterline di entrate nei prossimi due anni.

 

Il rapporto dei sindacati, che è stato visto dal Guardian e successivamente pubblicato più tardi il 24 settembre, chiede al governo di istituire un «campione dell’energia pubblica» che potrebbe possedere progetti energetici a basse emissioni di carbonio dall’eolico e solare alle maree e all’energia nucleare.

 

Il rapporto suggerisce che i profitti in eccesso realizzati da questa società pubblica potrebbero essere impiegati per tagliare le bollette e isolare le case, migliorandone l’efficienza energetica.

 

L’azienda potrebbe essere modellata sull’EDF francese. Lo studio dimostra che un mercato della generazione di energia completamente privatizzato è responsabile delle bollette più elevate mentre le infrastrutture energetiche non vengono rinnovate e vi è una carenza e mancanza di investimenti nella forza lavoro.

 

La segretaria generale del British Union Congress Frances O’Grady ha dichiarato che «la privatizzazione ha portato a bollette più alte e case più fredde. Abbiamo bisogno di un approccio più equo e più ecologico che impedisca alle società energetiche di utilizzare famiglie britanniche come i bancomat»

 

«Se istituiamo il nostro campione di energia pubblica del Regno Unito, possiamo avere bollette più basse, miglioramenti domestici gratuiti per ridurre il nostro fabbisogno energetico e un ambiente più sicuro clima per le generazioni future».

 

Il rapporto mira a sostenere la proposta del TUC avanzata lo scorso luglio di nazionalizzare cinque delle più grandi compagnie energetiche, tra cui E.ON, EDF, Scottish Power e Ovo, per un costo stimato di 2,85 miliardi di sterline. Sarebbe molto più economico che salvare le società private.

 

Come riportato da Renovatio 21, quasi 11 milioni di cittadini britannici non hanno pagato le ultime bollette.

 

Mentre il partito laburista deve ancora dire la sua sullo studio, il piccolo partito dei Verdi e il suo co-leader Adrian Ramsay ha affermato: «È importante che ci sia più proprietà del governo in tutte le parti del mercato energetico in modo da poter garantire una rapida transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e garantire il nostro fabbisogno energetico per il futuro».

 

Nazionalizzazioni dei colossi energetici sono in corso in tutta Europa.

 

La Francia ha nazionalizzato EDF, che peraltro è padrone di una centrale atomica inglese in dismissione, Hinkley Point B, che per qualche motivo rifiuta di tenere aperta nonostante le pressione del governo di Londra. Anche la fornitura di elettricità verso l’Italia sarebbe a rischio.

 

Anche Uniper, colosso del gas tedesco, è stato appena ri-nazionalizzato dal governo di Berlino.

 

Ci chiediamo cosa abbiano intenzione di fare gli italiani con ENI e ENEL, colossi semipubblici con gittata internazionale. Da quel che accadrà loro capiremo molto, se non tutto, riguardo alle intenzioni del governo uscito dalle elezioni del 25 settembre.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Russia si avvicina all’uso dei Bitcoin per il commercio internazionale

Pubblicato

il

Da

Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa e la Banca Centrale russa hanno concordato una bozza di legge che consente pagamenti in bitcoin e criptovalute per accordi commerciali internazionali, secondo un rapporto dell’agenzia governativa TASS.

 

Il disegno di legge «nel suo insieme scrive come è possibile acquistare la criptovaluta, cosa si può fare con essa e come si possono o non possono essere effettuati accordi transfrontalieri», ha dichiarato il viceministro delle finanze Alexeij Moiseev.

 

L’accordo fa seguito a precedenti dichiarazioni in cui il viceministro  Moiseev affermava che era impossibile per la Russia condurre il commercio internazionale senza l’uso di bitcoin e criptovalute a causa delle attuali circostanze relative alle sanzioni.

 

Tuttavia, come scrive Bitcoin Magazine, la Banca di Russia si oppone ancora alla legalizzazione degli scambi di criptovalute e all’interno della Federazione Russa.

 

«Il sentimento della Banca Centrale continua a illustrare la divergenza di opinioni tra autorità di regolamentazione e funzionari di governo in Russia».

 

Il disegno di legge iniziale che proponeva un framework per le risorse digitali è stato presentato all’inizio di quest’anno dal governo russo che ha incoraggiato il divieto di mining di Bitcoin.

 

Tuttavia, il ministero delle Finanze ha respinto questo disegno di legge con uno proprio che chiedeva solo una regolamentazione più rigorosa . Il presidente Vladimir Putin ha quindi annunciato il suo sostegno al disegno di legge del ministero citando il vantaggio competitivo della Russia rispetto alle risorse naturali.

 

Da allora, il Ministro dell’Energia e il Servizio fiscale federale hanno cominciato a spiegare come il Bitcoin possa aiutare le piccole imprese o alluso a conversazioni interdipartimentali in materia di commercio internazionale.

 

Ivan Chebeskov, direttore del mercato della stabilità finanziaria per il Ministero delle finanze russo ha spiegato in precedenza che ci sono molte più «persone che la pensano allo stesso modo» sulla questione.

 

«Inoltre, so che ci sono deputati alla Duma di Stato che sono attivamente impegnati in questo argomento, forse sarà una loro iniziativa», ha spiegato Chebeskov.

 

Come riportato da Renovatio 21, da settimane la ri-legalizzazione dei Bitcoin è nell’aria, dopo un periodo di aperta ostilità verso la criptovaluta da parte delle autorità finanziarie russe, e non solo.

 

Infatti la inizio anno la Russia aveva «imbrigliato» i Bitcoin con manovre della Banca Centrale di Mosca; il discorso che si sentiva a quel tempo era che le criptovalute erano uno strumento di riciclaggio.

 

Secondo alcuni osservatori, il Bitcoin potrebbe aver giocato un ruolo nella posizione di Mosca verso il Kazakistan colpito da  rivolte per il prezzo del gas già a gennaio, prima del disastro euro-ucraino. Il Paese centrasiatico era infatti uno dei più crypto-friendly del pianeta.

 

Anche India e Cina si erano espresse ufficialmente contro le criptovalute, definendole uno «schema Ponzi».

 

Come riportato da Renovatio 21, il crollo delle criptovalute a fine primavera 2022 permise di calcolare che la «bolla» crypto era più grande di quella dei mutui subprime che portò alla catastrofe finanziaria del 2008.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Deutsche Bank: contrazione economica del 3% in Europa

Pubblicato

il

Da

Secondo Deutsche Bank, in Europa c’è ora una previsione di profonda recessione con una contrazione economica del 3% da qui a metà del 2023 in tutto il continente. Lo segnala da Fortune il 23 settembre.

 

«La richiesta di riferimento che abbiamo fatto a luglio per una lieve recessione quest’inverno è ora troppo favorevole», ha affermato in una nota di ricerca il capo economista della banca di investimento per l’Europa Mark Wall.

 

«Ora prevediamo una recessione più lunga e più profonda». Wall e il suo team prevedono che il prodotto interno lordo reale nell’area dell’euro diminuirà di circa il 3% anno su anno tra la metà del 2022 e la metà del 2023.

 

Tuttavia ammettono anche che «non si può escludere una recessione invernale ancora più marcata».

 

A fine aprile la Germania aveva preso in prestito altri 40 miliardi di euro per per attutire il contraccolpo della sua economia causato dalla guerra in Ucraina. Ora un pacchetto di aiuti finanziari da 65 miliardi di euro è stato adottato da Berlino come ultimo tentativo di allentare la pressione inflazionistica

 

Tuttavia, alcuni osservatori ritengono la recessione «inevitabile».

 

La Germania, come l’Italia, è Paese dipendente per oltre il 40% dal gas russo. In settimana il principale gasdotto dalla Russia, il Nord Stream 1, è stato chiuso da Mosca.

 

L’industria tedesca ha già annunciato più volte invece che senza il gas russo vi saranno chiusure. L’economia teutonica ha già dato pesanti segni di contrazione, con una perdita calcolata per almeno 200 miliardi di euro e crollo del PIL di almeno il 12,7%.

 

Come riportato da Renovatio 21, Deutsche Bank – sulla scorta di Paesi come la Polonia e la Moldavia – ha dichiarato di considerare il legno come combustibile per il prossimo inverno.

 

 

 

Immagine di Alexander Johmann via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

Continua a leggere

Più popolari