Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

La più grande cooperativa agricola USA: le sanzioni potrebbero causare carenze di fertilizzanti

Pubblicato

il

Lo scorso mercoledì, la più grande cooperativa di agricoltori d’America ha lanciato l’allarme su possibili interruzioni delle forniture di fertilizzanti dalla Russia a causa delle sanzioni occidentali contro Mosca.

 

CHS Inc., la maggiore cooperativa del settore primario statunitense, ha dichiarato in un  documento depositato alla SEC (l’ente di controllo della borsa di Wall Street) di essere preoccupata per l’ottenimento di fertilizzanti russi a causa delle sanzioni che rendono «più costoso e difficile fare affari con la Russia».

 

La CHS ha dichiarato che le sanzioni potrebbero «causare ritardi rispetto a, o impedire, le spedizioni di fertilizzanti a noi , causare pressioni inflazionistiche sulla nostra capacità di acquistare fertilizzanti e influire sulla nostra capacità di acquistare fertilizzanti, interrompere l’esecuzione di transazioni bancarie con alcune istituzioni finanziarie russe e provocare volatilità in valuta estera tassi di cambio e tassi di interesse, che potrebbero avere un effetto negativo materiale sulla nostra attività e operazioni».

 

La cooperativa ha affermato di non avere operazioni in Russia. Tuttavia, ha 30 milioni di dollari in scorte di grano in silos ucraini e dovrà accusare una svalutazione a causa della sua impossibilità di accedere a quelle scorte.

 

La CHS avverte che esiste il rischio che il conflitto in Ucraina «potrebbe portare a un conflitto molto più ampio e/o sanzioni aggiuntive imposte dal governo degli Stati Uniti e da altri governi che limitano gli affari con persone, organizzazioni o Paesi specifici o in relazione a determinati prodotti o servizi».  La cooperativa ha quindi affermato che se si verificasse un evento del genere, ciò distruggerebbe più catene di approvvigionamento globali e «potrebbe influenzare negativamente le nostre operazioni commerciali e le nostre prestazioni finanziarie».

 

Per un certo contesto, la Russia è una delle maggiori esportazioni mondiali di fertilizzanti. I Paesi già afflitti dall’insicurezza alimentare, come le economie di mercato emergenti , sperimenteranno prima alcuni dei primi fertilizzanti e carenze alimentari. L’esempio è quello del Perù dove, come riportato da Renovatio 21, stanno già iniziando  violente proteste contro l’inflazione.

 

La situazione presente ha fatto saltare la filiera agricola internazionale: le sanzioni fanno salire i prezzi dei fertilizzanti e i prezzi del carburante. Inoltre, le compagnie di navigazione internazionali stanno alla larga dal commercio con la Russia, rendendo persino difficile l’acquisizione di prodotti fertilizzanti.

 

Il conflitto ucraino e le conseguenti  sanzioni rendono totalmente sicura la filiera alimentare, e proiettano sul mondo lo spettro della fame.

 

L’arrivo di carenze alimentari è oramai ammesso ovunque, dentro e fuori dalla burocrazia ONU, è annunciato da Putin ed ammesso da Biden.

 

È bene che ciascuno di noi inizi a prepararsi all’evenienza.

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Atroce inverno in Afghanistan

Pubblicato

il

Da

Un altro inverno massacratore in Afghanistan, a ennesima dimostrazione della catastrofe portata dagli USA in quelle terre.

 

In seguito alla recente sospensione dell’attività delle ONG e degli aiuti umanitari all’Afghanistan, presumibilmente in risposta a un giro di vite talebano contro le donne, il brutale inverno in Afghanistan è ora diventato un vero e proprio genocidio.

 

Le temperature a Kabul sono scese fino a -21° Celsius, (-6° F), con grandi tempeste di neve e vento che hanno colpito parti del paese.

 

A causa delle sanzioni occidentali applicate all’Afghanistan, il carburante è difficile da trovare, e ancora più difficile da permettersi.

 

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, ora ci sono oltre 28 milioni di afghani, più della metà della popolazione, in qualche forma di bisogno, in aumento anche rispetto allo scorso anno. Come ha detto un residente ad Al Jazeera: «Se compriamo carbone e legna, non saremo in grado di comprare cibo».

 

Al Jazeera illustra la crisi con video e interviste ai cittadini che quest’inverno stanno lottando per l’acquisto di combustibile per il riscaldamento. Invece di combustibili costosi (legna o carbone) cercano rifiuti da bruciare in casa per riscaldare le loro case.

 

L’intervistato dal canale qatariota dice che la stufa «non si scalda mai abbastanza perché non possiamo permetterci nemmeno un po’ di legna. Di solito uso plastica e carta scartate, che non durano molto a lungo», ha detto la madre di due figli.

 

«Questo è l’inverno più freddo della mia vita e non so come sopravviveremo senza cibo o calore».

 

Come riportato da Renovatio 21, gli Stati Uniti di Biden stanno trattenendo 7 miliardi di fondi propri degli afghani.

 

Secondo quanto riportato da grandi testate americane vi sarebbe inoltre un traffico di organi, oltre che di figli, con famiglie disperate che vendono per comprare legna e cibo e resistere all’inverno.

 

A inizio 2022 si scrisse che c’erano già 14 mila morti per mancanza di cibo, mentre l’UNICEF denunciava un «mercato di spose bambine di 20 giorni», parte di una tratta di «schiave sessuali» divenuta fiorente.

 

Nell’Emirato degli studenti coranici continua copiosa l’attività violenta della branca locale dell’ISIS, chiamata ISIS-K, che ha bombardato un hotel cinese lo scorso mese.

 

Un mese fa è stato riportato che un patogeno sconosciuto aveva infettato 80 persone uccidendo due bambini nella provincia di Zabul, a Sud del Paese. Bill Gates si è tuttavia offerto di incontrare i vertici talebani per parlare di vaccini.

 

Secondo l’ONU, dall’avvento dei talebani vi sono migliaia di morti e feriti.

 

Nel frattempo, il portavoce dell’Emirato va sui social glorificando la prima supercar talebana, costruita con probabilità coi pezzi di una Toyota Corolla.

 

 

 

 

Immagine da Pxhere

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

In Medio oriente crescono i timori di una crisi alimentare «senza precedenti»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

È quanto emerge dai dati di un sondaggio di al-Monitor e Premise Data in Turchia, Yemen, Iraq, Tunisia ed Egitto. Il 68% dei rispondenti dice di essere in qualche modo «preoccupato» di trovare cibo entro i prossimi sei mesi. I timori maggiori fra i turchi dove il dato sale al 75%. Pesa la guerra russa in Ucraina.

 

 

Crescono i timori di una crisi senza precedenti fra gli abitanti della regione che, mai come oggi, guardano al futuro con incertezza e la paura di non avere denaro sufficiente per l’acquisto di alimenti e materie prime.

 

Almeno questo è quanto emerge da una inchiesta commissionata e pubblicata da Al-Monitor in cinque Paesi arabi sparsi fra Medio Oriente e Nord Africa, secondo cui il 68% degli interpellati si dice «preoccupato» circa la propria capacità di «accesso al cibo».

 

Inflazione e costo delle derrate sono temi sensibili per le popolazioni locali e la ragione principale dietro l’ondata di proteste che hanno contraddistinto le cosiddette Primavere arabe nel 2011. Oggi, secondo gli esperti, a pesare è la guerra russa in Ucraina.

 

L’inchiesta ha riguardato Egitto, Turchia, Yemen, Tunisia e Iraq e ha preso in esame le prospettive nel breve-medio periodo, proiettando lo sguardo ai prossimi mesi in una fase storica in cui secondo la FAO (agenzia ONU per il cibo e l’agricoltura) i prezzi nel 2022 sono cresciuti del 14,3%. Per gli esperti si tratta dell’aumento più consistente mai registrato dagli anni ‘90 ad oggi.

 

Il sondaggio di Al-Monitor e Premise Data ha preso in esame quasi 4.500 intervistati, con un margine di errore del 3% circa, fra il 15 dicembre 2022 e il 10 gennaio 2023. Se finora la maggioranza (62%) ha detto di essere in grado di trovare cibo per fronteggiare le necessità, guardando al futuro cresce la preoccupazione: il 41% è in qualche modo preoccupato e il 27% manifesta «profonda preoccupazione» di riuscire a mettere cibo in tavola entro i prossimi sei mesi.

 

I timori maggiori vengono dai cittadini turchi, dove il 75% nutre una qualche forma di timore più o meno profonda (44% e 31%). A seguire la Tunisia con il 73%, ma la situazione non è certo di molto migliore altrove.

 

Interpellati sull’aumento dei prezzi di cibo e bevande, la grande maggioranza conferma l’escalation con un 46% che parla di prezzi «molto più alti» e il 36% secondo cui sono «in qualche modo più elevati».

 

Da notare il caso dell’Egitto in cui per il 75% dei rispondenti i prezzi sono «molto più alti» e per il 25% sono «un po’ più elevati»; del resto nel Paese dei faraoni l’inflazione a dicembre ha fatto registrare un più 21,9%, in aumento rispetto al 19,2% del mese precedente. E agli aumenti nei generi alimentari si sommano quelli del gas, dell’elettricità e degli alloggi per un quadro complessivo che desta più di un timore per i suoi abitanti, anche per la forte dipendenza (80% circa) dal mercato russo.

 

In Turchia l’inflazione annuale ha raggiunto il massimo degli ultimi 24 anni toccando quota 84,4% a novembre, per scendere al 64,27% a dicembre, ma si tratta di un rallentamento parziale per una congiunzione favorevole legata alla fine dell’anno. I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati di quasi l’1,9% a dicembre rispetto al mese precedente, mentre l’inflazione su base annua per i generi alimentari è del 78% circa secondo i dati dell’Istituto di statistica turco.

 

In Iraq, dove lo scorso anno soprattutto al sud si sono registrate proteste per l’aumento dei generi alimentari, l’aumento dei prezzi sarebbe da imputare all’invasione russa dell’Ucraina. Per lo Yemen, devastato da una guerra sanguinosa, le organizzazioni internazionali parlano di condizioni che rasentano la carestia mentre il Paese dipende per oltre il 40% dalle forniture di Mosca e Kiev in tema di grano.

 

Non sorprende che la maggior parte dei partecipanti al sondaggio abbia registrato un aumento più significativo nei prezzi del pane proprio nell’ultimo mese, con l’Egitto nella situazione peggiore tanto che il 54% parla di crescita «consistente» dei prezzi.

 

Negli altri Paesi presi in esame questo dato è sempre inferiore al 50% e ciò può essere in parte attribuito al fatto che il consumo pro capite di pane al Cairo oscilla tra 150 e 180 kg, più del doppio della media globale di 70-80 kg.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da Envato

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Cosa realmente guida il piano del governo olandese per chiudere 3.000 fattorie?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il governo olandese ha detto che prevede di acquistare e chiudere con la forza fino a 3.000 aziende agricole che ritiene «grandi inquinatrici» per ridurre le emissioni di ammoniaca e protossido di azoto, ma i critici mettono in dubbio le motivazioni del governo.

 

 

Il governo olandese ha dichiarato di voler acquistare e chiudere con la forza fino a 3.000 aziende agricole che ritiene «grandi inquinatrici» al fine di dimezzare le emissioni di ammoniaca e protossido di azoto entro il 2030, come richiesto dalle normative ambientali dell’UE.

 

Il parlamentare Johan Remkes, che ha negoziato con gli agricoltori per il governo, ha affermato che gli agricoltori hanno opzioni: possono innovare drasticamente le pratiche agricole, passare a un diverso tipo di attività, trasferirsi o interrompere volontariamente l’attività agricola.

 

Christianne van der Wal-Zeggelink, ministro per la natura e le politiche sull’azoto, ha affermato che il governo si offrirà di acquistare aziende agricole a oltre il 100% del loro valore, ma se gli sforzi volontari falliranno, gli agricoltori dovranno affrontare acquisizioni forzate.

 

L’annuncio segue mesi di proteste degli agricoltori in tutto il Paese contro le politiche climatiche che, secondo loro, li costringeranno a uccidere il bestiame e li spingeranno fuori dal mercato – politiche che secondo alcuni aumenteranno anche i prezzi dei prodotti alimentari al consumo e contribuiranno alla crisi della fame globale.

 

Durante le proteste, i cittadini olandesi hanno espresso un forte sostegno agli agricoltori, adornando le loro case e auto con bandiere olandesi capovolte e dichiarando il loro sostegno nei sondaggi della scorsa estate.

 

Le proteste sono state accompagnate da un forte sostegno a un nuovo partito pro-agricoltori.

 

Gli agricoltori sono furiosi per il fatto che il governo stia offrendo regolamenti più indulgenti ad altri principali inquinatori industriali, tra cui le aziende Tata Steel, l’aeroporto di Schiphol, le raffinerie di proprietà di Shell, BP ed Esso, i prodotti chimici Dow e le società industriali come Olam Cacoa e Cargill Cacoa, secondo il Guardian.

 

«Per gli imprenditori agricoli, ci sarà uno schema di chiusura che sarà il più allettante possibile», ha affermato van der Wal-Zeggelink in una serie di briefing parlamentari, ha riferito il  Guardian. «Per i picchi industriali di inquinamento, lavoreremo con un approccio su misura e con permessi più severi. Dopo un anno, vedremo se questo ha raggiunto abbastanza».

 

Mark van den Oever, leader di un’organizzazione politica di agricoltori olandesi, Farmers Defence Force, ha dichiarato in risposta che se il governo è serio nel dire che «600 belle fattorie» verranno chiuse, «allora salteremo sulle barricate».

 

I Paesi Bassi sono uno dei paesi più intensamente coltivati ​​dell’UE. Possiedono l’1,1% di tutti i terreni agricoli dell’UE e produce il 6% del cibo. Il settore agricolo emette circa il 45% dei gas serra.

 

La nuova politica olandese deriva da una sentenza del tribunale del 2019 secondo cui i Paesi Bassi avevano violato gli standard ambientali dell’UE, ordinando loro di ridurre l’inquinamento da composti azotati del 70-80%.

 

Il governo olandese ha iniziato ad attuare nuove regole sull’attività dell’azoto sugli agricoltori che hanno fermato l’espansione delle operazioni lattiero-casearie, suine e pollame.

 

A giugno, i funzionari hanno annunciato ulteriori piani per ridurre le emissioni. Il dipartimento olandese per l’agricoltura, la natura e la qualità degli alimenti ha pubblicato una mappa che mostra quali aree dovevano ridurre le emissioni e di quanto. In alcune zone, ciò significava che il 95% dell’attività agricola doveva cessare entro un anno.

 

Gli agricoltori che protestavano sono stati in trattative con il governo, ma senza alcun accordo.

 

 

Proteggere la natura? O il controllo d’élite del sistema alimentare?

Nonostante gli evidenti impatti sui mezzi di sussistenza degli agricoltori, un forte movimento di resistenza e l’argomento secondo cui diverse politiche potrebbero aiutare gli agricoltori olandesi a ridurre sostanzialmente le emissioni, il governo insiste sul fatto che le acquisizioni devono andare avanti per proteggere la natura.

 

«La natura è sotto pressione e dobbiamo agire rapidamente per ripristinarla», ha detto a NBC News Lisanne de Roos, addetta stampa del ministro per la natura e le politiche sull’azoto , facendo eco alle osservazioni di Remkes secondo cui la natura deve essere al centro dei negoziati tra agricoltori.

 

I media mainstream hanno ritratto gli agricoltori come anti-ambientalisti e teorici della cospirazione. Ma gli agricoltori affermano che le nuove politiche non riguardano semplicemente la protezione della natura.

 

L’agricoltore olandese e organizzatore nazionale di agricoltori Erik Luiten ha dichiarato a Nigel Farage:

 

«Ci sono agricoltori che vivono letteralmente lì da secoli… lavorando sempre con la natura, e all’improvviso ora devono scomparire a causa di questa ammoniaca. E i contadini non sono contro la natura mai. Devono vivere nella natura e… devono lavorare con la natura. Ma è incredibile che… ora devono andarsene… così vicini alla natura e gli agricoltori non sono convinti che questo aiuterà la natura».

 

«L’Europa dice che devi preservare la natura… Il governo olandese ha fatto solo azoto, ossigeno e ammoniaca come gli unici … elementi che ti diranno se la natura è ben conservata, e questo è assolutamente pazzesco».

 

Gli agricoltori sostengono che la posta in gioco nell’acquisizione è maggiore del futuro dell’agricoltura olandese.

 

Organismi e programmi globali, come l’ iniziativa Climate-Smart Agriculture and Protected Areas della Banca Mondiale , la Commissione Europea e le ONG, come il World Wide Fund For Nature, che sostengono questa «transizione agricola» stanno attuando una politica globale rivolta agli agricoltori olandesi, e gli agricoltori di tutto il mondo, usando la «biodiversità» e la protezione del «clima» come pretesto per prendere la terra come parte di un progetto più ampio per rifare l’agricoltura, secondo un recente articolo di Grayzone.

 

Il governo dello Sri Lanka ha condotto un esperimento simile all’inizio di quest’anno, eliminando i fertilizzanti a base di azoto, che ha portato a una carestia che ha rovesciato il governo. Il governo irlandese ha anche avvertito gli agricoltori che devono ridurre le emissioni o affrontare le conseguenze.

 

Il ricercatore agricolo, permaculturalista e autore Christian Westbrook, noto anche come «l’ agricoltore dell’era glaciale», ha spiegato in un episodio di «RFK Jr. The Defender Podcast», come la Rockefeller Foundation e la Bill & Melinda Gates Foundation abbiano a lungo promosso l’idea di una cosiddetta Rivoluzione Verde.

 

Westbrook ha avvertito che le narrazioni create per fare appello ai «consumatori verdi» nascondono un intento più nefasto da parte dell’élite globale che, di fatto, è in procinto di lanciare una «scalata ostile» del sistema alimentare globale.

 

Le élite globali hanno usato la loro influenza sulle istituzioni multilaterali per proporre una serie di trasformazioni tecnocratiche dall’alto verso il basso del sistema alimentare globale che consolideranno il loro controllo sull’agricoltura globale e limiteranno l’autonomia degli agricoltori in nome della protezione del pianeta dalla distruzione ambientale e climatica.

 

Il World Economic Forum (WEF) – un partenariato pubblico-privato neoliberista che cerca di «definire, discutere e portare avanti questioni chiave nell’agenda globale» – ha proposto che gli agricoltori adottino metodi «intelligenti per il clima» per trasformare completamente l’agricoltura in «net-zero, sistemi alimentari positivi per la natura» entro il 2030.

 

Sieta van Keimpema, portavoce della Farmers Defence Force, ha discusso dei legami tra il WEF e i politici olandesi con Grayzone:

 

«Parti di sinistra come i Democratici 66 [promettono che] lavoreremo per ridurre della metà la popolazione bovina… sono molto vicini a Klaus Schwab [fondatore del WEF]…»

 

«Vanno a Davos e non lo negano. È un dato di fatto che il WEF stia spingendo su una legislazione che non è decisa in modo democratico».

 

«Gli agricoltori hanno visto cosa sta succedendo con il World Economic Forum, con Bill Gates, etc… ecco perché sono così attivi…»

 

«Sanno che quello che stanno combattendo è una fortissima lobby di multinazionali che vogliono davvero controllare il cibo».

 

 

A cosa serviranno i terreni sequestrati? 

Commentando l’espropriazione della fattoria, l’agricoltore rigenerativo Will Harris ha dichiarato a The Defender:

 

«Ho avuto grandi preoccupazioni per molto tempo su Bill Gates e altri tecnocrati che si impossessano della terra senza sapere cosa farne [per la gestione ecologica], i governi che si impossessano della terra senza sapere cosa farne, il governo cinese che acquista atterrare in questo Paese».

 

«Sono rimaste pochissime persone che sanno davvero come gestire la terra che sanno come mantenere i cicli naturali».

 

L’attivista olandese Will Engel ha sostenuto che la terra attualmente occupata dalle fattorie è strategicamente importante per l’industria e l’edilizia abitativa e che la «crisi dell’azoto» viene utilizzata per attuare politiche che renderanno possibile una riorganizzazione totale del paesaggio olandese , ha riferito OffGuardian.

 

Un rapporto ambientale olandese indica che il terreno sarà utilizzato per alloggi per migranti e per persone ad alto reddito che vogliono vivere più vicino alla natura, ha riferito Grayzone.

 

Un altro possibile piano propone di costruire una nuova metropoli che comprenda parti dell’Olanda, della Germania e del Belgio chiamata «Tristate-City», per creare aree urbane verdi unificate in tutta Europa, «una metropoli organicamente verde in cui lo spazio urbano e rurale rimangono in equilibrio».

 

 

Il passaggio all’agricoltura rigenerativa «non è facile e veloce» ma si può fare 

I movimenti popolari e i gruppi della società civile di tutto il mondo hanno sostenuto che l’agricoltura industriale genera gravi impatti ambientali, ma la visione UN-WEF di « agricoltura di precisione», ingegneria genetica, meno agricoltori e fattorie e cibo sintetico prodotto in laboratorio – che consolidano le aziende il controllo sull’alimentazione e sull’agricoltura non dovrebbe essere l’alternativa.

 

Sebbene l’agricoltura industriale utilizzi risorse sostanziali, i piccoli agricoltori nutrono la maggior parte del mondo .

 

«La risposta scientifica e giusta al problema dell’azoto è passare dall’agricoltura chimica basata sui combustibili fossili all’agricoltura ecologica basata sulla biodiversità e all’agricoltura rigenerativa e creare strategie di transizione affinché gli agricoltori passino all’agricoltura ecologica, che rigenera l’azoto del suolo liberando gli agricoltori da dannosi e costosi prodotti chimici», secondo Vandana Shiva .

 

«La risposta non scientifica, ingiusta e antidemocratica al problema dell’azoto creato dall’industria chimica è quella di ridurre gli agricoltori invece di ridurre la dipendenza dai fertilizzanti chimici come sta accadendo nei Paesi Bassi», ha scritto.

 

Lei e altri sostengono che dovrebbero essere create politiche per ridurre l’uso di fertilizzanti chimici e far pagare all’industria chimica l’inquinamento da azoto, invece di criminalizzare gli agricoltori intrappolati in un tapis roulant chimico dal modello di agricoltura industriale.

 

 

Anche Oxfam, in un comunicato stampa del 6 luglio, ha criticato i tentativi di combattere l’inquinamento prendendo di mira gli agricoltori. Secondo il comunicato stampa:

 

«I governi devono smetterla di fare promesse vuote o creare processi più burocratici».

 

«Invece, devono investire in piccoli produttori alimentari e lavoratori del settore alimentare. Devono riutilizzare la nostra agricoltura globale e il nostro sistema alimentare per servire meglio la salute delle persone, del nostro pianeta e delle nostre economie».

 

Harris, che ha trasferito la sua fattoria familiare di quarta generazione in Georgia da pratiche agricole industriali a pratiche agricole rigenerative, ha commentato la proposta olandese di chiudere le fattorie, dicendo a The Defender:

 

«Tutta questa faccenda mi sembra una reazione così istintiva. Si sta davvero buttando via il bambino con l’acqua sporca. Sembra che abbia più senso isolare il problema».

 

Harris ha spiegato come lui e altri sono passati dall’agricoltura industriale a quella rigenerativa.

 

«Quali sono i problemi? Quali sono le tecnologie che causano questo problema? E poi smetti di usare le tecnologie. Questo è esattamente quello che ho fatto lì».

 

«È facile e veloce? No non lo è. Si può fare? Sì. Alcuni di noi l’hanno capito: come farlo senza le tecnologie dannose. E stiamo producendo cibo davvero buono in un modo davvero sano in un modo che è perpetuo, resistente e gentile con la terra e gentile con le comunità rurali».

 

«Penso che se a quegli agricoltori olandesi fosse data la possibilità di convertirsi a un sistema olistico di gestione del territorio… riavviare la scienza della natura per produrre abbondanza, trasformarla e commercializzarla, potrebbe funzionare. Le persone, i consumatori, hanno ancora da mangiare e molte persone potrebbero scegliere di non mangiare proteine ​​vegetali o grilli o altro».

 

Gli agricoltori olandesi hanno segnalato la loro volontà di trasformare le loro pratiche agricole. Tra il 1990 e il 2015, hanno ridotto il consumo di fertilizzanti azotati del 50% e l’escrezione animale è diminuita del 40%.

 

«Abbiamo un milione di mucche in meno rispetto al 1991, quando è arrivato [il trattato ambientale globale] Natura 2000 … Abbiamo già ridotto del 70% le emissioni», secondo Sieta.

 

 

Lo Staff di The Defender

 

 

 

© 13 dicembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari