Connettiti con Renovato 21

Senza categoria

Pechino, crisi blackout: imprese UE e USA lanciano l’allarme. Taiwan pronta ad approfittarne

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Le improvvise interruzioni di elettricità minacciano la produzione e minano la fiducia degli investitori stranieri. Gli europei attaccano le misure estreme adottate dalle province per rientrare nei target ambientali fissati dal governo centrale. Chiesto un preciso piano d’intervento alle autorità. Taipei: molte imprese attive in Cina  potrebbero spostare la produzione sull’isola.

 

 

Le imprese europee attive in Cina avevano già lanciato l’allarme a maggio. Come quelle USA, ora sono in difficoltà per i continui – e spesso improvvisi – blackout elettrici che interessano 16 delle 31 province cinesi. Lo ha dichiarato oggi con una nota la Camera di commercio della UE in Cina.

 

Non solo le fabbriche, le sospensioni energetiche hanno colpito strutture strategiche come i porti e anche le abitazioni private.

 

Non solo le fabbriche, le sospensioni energetiche hanno colpito strutture strategiche come i porti e anche le abitazioni private.

I blocchi alle forniture elettriche sono dovuti ai controlli ambientali che le amministrazioni locali devono effettuare per rispettare i target di «decarbonizzazione» fissati dal governo centrale: l’anno scorso Xi Jinping ha annunciato che la Cina azzererà le emissioni inquinanti entro il 2060. Nella prima metà dell’anno solo 10 province hanno raggiunto gli obiettivi fissati dalla Commissione nazionale per la riforma e lo sviluppo.

 

Sulla crisi hanno influito anche i limiti alle forniture di carbone – ancora la principale fonte di produzione energetica del Paese – e la crescita del loro prezzo. Su quest’ultimo aspetto, alcune province hanno aumentato le tariffe elettriche del 10%, una mossa sostenuta dalle compagnie USA. Quelle europee domandano che i prezzi dell’energia elettrica riflettano dinamiche di mercato e non decisioni pianificate.

 

La Camera di commercio Ue fa notare anche che i sistemi energetici alternativi del Paese (eolico e solare) sono “instabili” e non possono compensare le quote prodotte dalle centrali idroelettriche e da quelle a carbone.

 

Le imprese europee e Usa chiedono al governo di mantenere un equilibrio tra sicurezza energetica e gli obiettivi sul taglio delle emissioni inquinanti. La Camera Ue critica le misure estreme adottate dai governi provinciali per rientrare nei parametri ambientali nazionali, considerate arbitrarie, oltre che prive di trasparenza, coerenza e base giuridica. Secondo gli imprenditori europei, le interruzioni d’energia mettono in pericolo le loro operazioni nel Paese; creano rischi immediati – soprattutto nei settori chimico e farmaceutico – e minano la fiducia degli investitori nel medio e lungo periodo.

 

Secondo gli imprenditori europei, le interruzioni d’energia mettono in pericolo le loro operazioni nel Paese; creano rischi immediati – soprattutto nei settori chimico e farmaceutico – e minano la fiducia degli investitori nel medio e lungo periodo

Le aziende europee temono che la crisi energetica possa peggiorare con l’arrivo dell’inverno. Per questo chiedono alle autorità un piano preciso d’intervento, che ad esempio esenti le imprese sostenibili da improvvisi razionamenti energetici.

 

La combinazione di blackout energetici, crescente costo delle materie prime, campagne pubbliche anti-monopoli e diffusione della variante Delta del Covid-19 inizia ad avere un impatto sull’economia cinese. Ieri l’Ufficio nazionale di statistica ha rivelato che l’indice delle attività manifatturiere è sceso dai 50,1 punti di agosto ai 49,6 di settembre: un livello sotto 50 segnala una contrazione economica.

 

C’è chi però è pronto ad approfittare dei problemi energetici della Cina. Yang Chin-long, governatore della Banca centrale taiwanese, ha detto ieri che se i limiti alla distribuzione elettrica in Cina porteranno a una riduzione dell’export nazionale, Taipei potrebbe guadagnare nuovi ordini dall’estero coperti in precedenza dalla produzione cinese. Secondo Yang, imprese attive in Cina potrebbero anche decidere di spostare la produzione sull’isola.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Militaria

Gli americani annunciano di avere batterie di missili ipersonici

Pubblicato

il

Da

 

Dopo che Russia, Cina e Corea del Nord hanno annunciato l’implementazione della tecnologia missilistica ipersonica, anche gli USA dichiarano di avere pronta una prima batteria di missili ipersonici superficie-superficie.

 

La batteria dell’Esercito USA sarebbe in preparazione nella base di Lewis-McChord nello stato di Washington. La avrebbe in consegna una Brigata di artiglieria, la 17th Field Artillery Brigade, schierata dal 2019 nel teatro Asia-Pacifico.

 

«I veicoli lanciatori sono stati consegnati fra il 14 e il 15 settembre, mentre una cerimonia ufficiale si è tenuta il 7 ottobre ed il missile, noto come Long Range Hypersonic Weapon, è stato da poco ribattezzato DARK EAGLE» scrive RID.

 

Il missile DARK EAGLE è detto poter viaggiare Mach 17 (20.825, 75 km/h)

«Il DARK EAGLE impiega il glider ipersonico Common Hypersonic Glide Body (C-HGB), frutto di una cooperazione con l’US Navy e destinato dunque ad equipaggiare anche i primi missili ipersonici lanciati da navi e sottomarini».

 

Il missile DARK EAGLE è detto poter viaggiare Mach 17 (20.825, 75 km/h), dopo cui esso comincia la picchiata sull’obbiettivo. La velocità terminale del glider ipersonico sarebbe invece di Mach 5 (6.125,22). Per la gittata si ipotizzano almeno 2.700 km.

 

«Oltre alla elevata velocità terminale, la pericolosità dei glider ipersonici viene dalla loro capacità di manovrare, rendendosi bersagli sfuggenti e meno prevedibili» scrive RID.

 

I lanciatori dovrebbero consentire l’addestramento del personale per il primo lancio, previsto per l’anno prossimo.

 

Gli USA avevano dichiarato due mesi fa di aver fallito per la seconda volta un test per un prototipo di arma ipersonica.

 

«Nell’ultimo anno, la Cina ha testato più armi ipersoniche di quante ne abbiamo fatte in un decennio. Dobbiamo aggiustare questa cosa» aveva detto nel 2018  Michael Griffin, Sottosegretario della Difesa USA per la Ricerca & Sviluppo.

 

Sia gli Stati Uniti che la Russia si sono ritirati dal Trattato sulle Forze Nucleari a Raggio Intermedio (INF) nel febbraio 2019. Ciò non può che stimolare lo sviluppo delle armi balistiche, comprese le armi ipersoniche.

 

Le armi ipersoniche, considerate non-difendibili, mettono a rischio l’equilibrio di deterrenza stabilito con fatica riguardo alle armi nucleari

Come riportato da Renovatio 21, nella competizione ipersonica si è aggiunta, imperiosamente la Cina (che sta ingegnerizzando anche droni ipersonici in grado di atterrare). La Nord Corea, da qualche settimana, ha fatto sapere di essere nel club ipersonico.

 

Le armi ipersoniche, considerate non-difendibili, mettono a rischio l’equilibrio di deterrenza stabilito con fatica riguardo alle armi nucleari.

 

Sono, a tutti gli effetti, una vera minaccia alla pace del pianeta.

 

 

 

Continua a leggere

Senza categoria

Green pass, lavoratori che pagano i danni alle aziende: sul serio?

Pubblicato

il

Da

 

 

Un piano per vaccinarli tutti. Appurato per stessa ammissione del Governo; il green pass serve a forzare le persone al vaccino. Si profilano all’orizzonte scenari di pura follia.


In questi giorni sta emergendo anche sui giornali mainstream come il 15 ottobre porterà verso il caos.

 

Il motivo è semplice, comprensibile con un calcolo da seconda elementare: ad oggi ci sono 3-4 milioni di lavoratori che hanno scelto di non vaccinarsi. Assumendo che costoro dal 15 ottobre per lavorare progettino di fare i tamponi, sono minimo 3 tamponi a settimana.

 

Il sistema sanitario italiano non può reggere 12 milioni di tamponi settimanali; il massimo numero di tamponi settimanali sostenibili è stimato a circa 2 milioni

Ora, il sistema sanitario italiano non può reggere 12 milioni di tamponi settimanali; il massimo numero di tamponi settimanali sostenibili è stimato a circa 2 milioni.



I governatori leghisti e la Confindustria  a pochi giorni dal D-Day hanno realizzato che subiranno danni economici enormi, avendo milioni di lavoratori che resterebbero sospesi poiché sprovvisti di tampone.

 

Una paralisi dell’economia; è come se l’obbligo di green pass sul lavoro causasse di fatto uno sciopero generale perenne.

 

Una paralisi dell’economia; è come se l’obbligo di green pass sul lavoro causasse di fatto uno sciopero generale perenne

Si consideri che anche nelle forze armate, il 20% è attualmente sprovvisto di vaccinazione, e dovrebbe fare affidamento sulla disponibilità dei tamponi per ottenere il green pass.

 

Non solo:, la sospensione dal lavoro per mancanza di green pass è giuridicamente un autogoal; infatti rende di fatto possibile una specie di sciopero generale anche per le categorie precettabili:  l’autista di mezzi pubblici o il poliziotto sprovvisti di green passs si farebbero sospendere dal lavoro, ma non sarebbero precettabili. Né, quindi, sanzionabili.

 

La situazione non cambierebbe nemmeno se la validità dei tamponi venisse estesa da 48 a 72 ore. Con buona pace di Zaia che probabilmente necessita  di un ripassino delle proporzioni.

 

Il punto nodale è che i lavoratori sospesi non potrebbero essere nemmeno forzati a farsi il tampone, perché mancano proprio i tamponi disponibili. Quindi si profila uno scenario dove la carenza di tamponi spinge di fatto verso un aut-aut: o ti vaccini o non lavori.  Ed è solo colpa tua.

 

I lavoratori sanno che potrebbero avere il coltello dalla parte del manico: se fossero disponibili a rinunciare a 2 settimane di stipendio, potrebbero semplicemente aspettare la paralisi dell’economia del Paese. O meglio, aspetterebbero di vedere il Governo che si dà la zappa sui piedi.

 

Ed ecco la mossa «geniale» della Confindustria che arriva in supporto all’autorete del governo Draghi: far pagare i «danni  aziendali» ai lavoratori sospesi

Ed ecco la mossa «geniale» della Confindustria che arriva in supporto all’autorete del governo Draghi. Introdurre sanzioni ai lavoratori, sanzioni che non sono previste –né potrebbero esserlo– dal decreto legge.

 

Sembrerebbe uno scherzo, ma nel parla Il Messaggero del 12 ottobre in prima pagina: far pagare i «danni  aziendali» ai lavoratori sospesi.

 

«I lavoratori del settore privato che non hanno il green pass saranno assenti ingiustificati. Resteranno a casa senza stipendio, ma non potranno essere sanzionati o licenziati. Eppure potrebbero essere chiamati a risarcire i danni eventualmente causati all’impresa dal loro comportamento. L’indicazione emerge dalle circolari operative inviate dalla Confindustria a tutti gli associati in vista dell’obbligo di green pass nel mondo del lavoro che scatterà venerdì prossimo». (corsivo nostro)

 

«Nelle circolari di Confindustria vengono anche citati una serie di esempi nei quali la mancanza del Green pass potrebbe causare dei problemi all’impresa. Come per esempio l’assenza di quei lavoratori che operano nella sicurezza degli impianti, dall’antincendio alla gestione dell’emergenza, che potrebbe creare il blocco di interi reparti produttivi».

 

Non resterebbe che morire di fame e vendersi la casa o farsi vaccinare

«Dopo aver chiarito che il lavoratore non è licenziabile, viene precisato comunque che “l’azienda si riserva di valutare le eventuali conseguenze negative delle scelte personali sull’organizzazione del lavoro e sull’attività produttiva”».



Quindi, se anche un lavoratore volesse farsi il tampone, ma non ne trovasse disponibili, verrebbe sospeso e – invenzione della Confindustria – gli verrebbero addebitati i danni produttivi all’azienda.

 

In tal caso non gli resterebbe che morire di fame e vendersi la casa o farsi vaccinare.

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Senza categoria

Il piano di Pfizer per produrre vaccini «specifici per le varianti» porterà a più varianti, avvertono gli esperti

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

L’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha dichiarato a Fox News che la società dispone di un sistema per creare un vaccino specifico della variante entro 95 giorni nella probabilità che emerga un ceppo COVID resistente al vaccino, ma gli esperti avvertono che la strategia si ritorcerà contro.

 

 

Il CEO di Pfizer, Albert Bourla, ha dichiarato a Fox News che la società ritiene che probabilmente un giorno emergerà una variante resistente al vaccino COVID, ma la società ha un sistema in atto per creare un vaccino specifico della variante entro 95 giorni se lo fa.

 

«Ogni volta che una variante appare nel mondo, i nostri scienziati la studiano», ha detto Bourla. «E fanno ricerche per vedere se questa variante può sfuggire alla protezione del nostro vaccino».

 

Il CEO di Pfizer, Albert Bourla, ha dichiarato che la società ritiene che probabilmente un giorno emergerà una variante resistente al vaccino COVID

Bourla ha affermato che Pfizer non ha ancora identificato alcuna variante che potrebbe sfuggire al vaccino.

 

Tuttavia, tale affermazione contraddice i risultati di numerosi studi dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che mostrano una diminuzione dell’immunità contro la variante Delta.

 

Pfizer e l’amministrazione Biden hanno citato gli studi CDC quando hanno chiesto una terza dose di richiamo per la popolazione immunocompromessa da estendere in seguito a tutti i cittadini.

 

Bourla ha affermato che Pfizer potrebbe produrre nuove versioni del suo vaccino per combattere una variante entro tre mesi dalla scoperta.

 

«Abbiamo costruito un processo che entro 95 giorni dall’identificazione di una variante ritenuta preoccupante, saremo in grado di avere un vaccino su misura», ha affermato Bourla.

 

I funzionari della sanità pubblica hanno affermato per mesi che la vaccinazione universale negli Stati Uniti e nella popolazione all’estero ridurrebbe le possibilità per il virus di mutare ulteriormente ed eludere i vaccini.

 

Come ha affermato il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walensky, durante una conferenza stampa del 27 luglio, la grande preoccupazione è che la prossima variante che potrebbe emergere – a poche mutazioni di distanza – potrebbe potenzialmente eludere i vaccini.

 

Il comitato consultivo del governo del Regno Unito, il Scientific Advisory Group for Emergencies, ha affermato che tassi più elevati di circolazione e trasmissione del virus stanno creando «più opportunità per l’emergere di nuove varianti».

 

Ma altri esperti sostengono che è la vaccinazione universale che sta creando mutanti di fuga altamente trasmissibili in grado di eludere i vaccini e infettare i non vaccinati.

 

Il Dott. Peter McCullough, specializzato in medicina interna, malattie cardiovascolari e lipidologia clinica, ha dichiarato in un recente podcast:

 

«Ci sono chiaramente fonti di informazioni che suggeriscono che, una volta che inizieremo la vaccinazione e avremo vaccinato più del 25% della popolazione, consentiremo a una delle varianti latenti di emergere perché resistente al vaccino».

 

McCullough: «Proprio come un antibiotico, una volta raggiunta una certa percentuale di copertura, consentiremo a un batterio resistente di avanzare»

«Quella [teoria] ha senso», ha detto McCullough. «Proprio come un antibiotico, una volta raggiunta una certa percentuale di copertura, consentiremo a un batterio resistente di avanzare».

 

McCullough ha spiegato:

 

«Se dovessimo tornare indietro nel tempo a sei mesi fa, avremmo avuto circa 14 ceppi o più negli Stati Uniti, tutte proporzioni relativamente piccole. Avevamo la variante inglese, quella brasiliana e c’era sempre un po’ di Delta, tra l’altro – era sempre latente. E c’era un articolo di Niessen e colleghi di Boston e Rochester Minnesota, un ottimo articolo – con oltre un milione di campioni sequenziati. Hanno esaminato i tassi di vaccinazione dappertutto e le proporzioni varianti e hanno concluso che con più del 25% della popolazione vaccinata, si incoraggia un ceppo dominante ad avanzare».

 

«In un certo senso abbiamo creato ora un ceppo superdominante, abbiamo incoraggiato un ceppo superdominante», sebbene McCullough abbia notato che la scienza ha mostrato che la variante Delta è più lieve».

 

In un’intervista su RFK, Jr. The Defender Podcast, McCullough ha citato uno studio del 10 agosto su The Lancet che ha mostrato che le persone vaccinate contro il COVID sono più suscettibili alla variante Delta.

 

Gli autori del documento hanno dimostrato un diffuso fallimento del vaccino e trasmissione del virus in circostanze strettamente controllate all’interno di un ospedale di Ho Chi Minh City, in Vietnam.

 

Gli autori del documento hanno dimostrato un diffuso fallimento del vaccino e trasmissione del virus in circostanze strettamente controllate all’interno di un ospedale di Ho Chi Minh City, in Vietnam

Geert Vanden Bossche è un virologo ed esperto di vaccini che ha lavorato con GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals, il team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle e GAVI Global Alliance for Vaccines and Immunization a Ginevra.

 

In un articolo del 12 agosto, Vanden Bossche ha affermato che la vaccinazione di massa universale incoraggerà la propagazione dominante di mutanti di fuga altamente infettivi e gli anticorpi neutralizzanti acquisiti naturalmente – o tramite il vaccino – non offriranno più alcuna protezione agli individui immunizzati, mentre l’alta pressione infettiva continuerà per sopprimere il sistema immunitario innato dei non vaccinati.

 

«Questo per dire che ogni aumento dei tassi di copertura vaccinale contribuirà ulteriormente a costringere il virus a resistere agli anticorpi neutralizzanti S-specifici. L’aumento dell’infettività virale, combinata con l’evasione dall’immunità antivirale, si tradurrà inevitabilmente in un ulteriore peso per la salute umana e le vite umane», ha affermato Vanden Bossche.

 

Già a marzo, Vanden Bossche disse:

 

Vanden Bossche: «ogni aumento dei tassi di copertura vaccinale contribuirà ulteriormente a costringere il virus a resistere agli anticorpi neutralizzanti S-specifici. L’aumento dell’infettività virale, combinata con l’evasione dall’immunità antivirale, si tradurrà inevitabilmente in un ulteriore peso per la salute umana e le vite umane»

«Non c’è dubbio che le continue campagne di vaccinazione di massa consentiranno a nuove varianti virali più infettive di diventare sempre più dominanti e alla fine si tradurranno in una drammatica inclinazione nei nuovi casi nonostante i maggiori tassi di copertura vaccinale. E indiscutibilmente questa situazione porterà presto alla completa resistenza delle varianti circolanti agli attuali vaccini».

 

Vanden Bossche ha affermato che una combinazione di lockdown, l’estrema pressione selettiva sul virus e la vaccinazione di massa globale potrebbe ridurre il numero di casi, ricoveri e decessi a breve termine, ma alla fine indurrebbe la creazione di più mutanti di fuga.

 

Ciò indurrà le aziende di vaccini a perfezionare ulteriormente i sieri che andranno ad aumentare la pressione selettiva, producendo varianti sempre più trasmissibili e potenzialmente letali.

 

Secondo il dottor Robert Malone, inventore dei vaccini mRNA e DNA, esperto mondiale di tecnologie RNA e medico formato ad Harvard, anche se avessimo un completo assorbimento dei vaccini e indossassimo sempre le mascherine, i dati del CDC chiariscono che nella migliore delle ipotesi possiamo rallentare la diffusione della variante Delta ma non possiamo fermarla.

 

Malone, che crede che la morte e la disabilità giustifichino ancora la vaccinazione nelle popolazioni ad alto rischio, sottoscrive la teoria del Dott. Geert Vanden Bossche secondo cui le continue campagne di vaccinazione di massa agevoleranno la formazione di nuove varianti virali più infettive.

 

«Geert Vanden Bossche – sono d’accordo con te», ha detto Malone, sul fatto «che non dovremmo vaccinare tutti perché genereremmo solo mutanti di fuga».

 

 

Cinque studi CDC mostrano una diminuzione dell’immunità vaccinale alla variante Delta

Due studi pubblicati il 24 agosto dal CDC hanno mostrato che l’immunità al COVID degli americani completamente vaccinati sta diminuendo poiché la variante Delta ora rappresenta il 98,8% dei casi COVID statunitensi.

 

Uno studio ha rilevato che l’efficacia del vaccino tra gli operatori sanitari è diminuita di quasi 30 punti percentuali da quando la variante Delta è diventata il ceppo dominante negli Stati Uniti. L’analisi ha anche concluso che i vaccini COVID erano efficaci solo per l’80% nel prevenire l’infezione tra gli operatori sanitari.

 

Il secondo studio ha esaminato 43.000 residenti di Los Angeles dai 16 anni in su. Tra il 1 maggio e il 25 luglio, il 25,3% delle infezioni da COVID si è verificato in persone completamente vaccinate e il 3,3% in persone parzialmente vaccinate.

 

«Non c’è dubbio che le continue campagne di vaccinazione di massa consentiranno a nuove varianti virali più infettive di diventare sempre più dominanti e alla fine si tradurranno in una drammatica inclinazione nei nuovi casi nonostante i maggiori tassi di copertura vaccinale. E indiscutibilmente questa situazione porterà presto alla completa resistenza delle varianti circolanti agli attuali vaccini»

Il CDC ha avvertito che l’efficacia del vaccino «potrebbe anche diminuire con il passare del tempo dalla vaccinazione e per la scarsa precisione nelle stime a causa del numero limitato di settimane di osservazione».

 

La pubblicazione dei nuovi studi arriva una settimana dopo che il CDC ha pubblicato i suoi primi tre rapporti sull’ efficacia del vaccino, che hanno anche mostrato una diminuzione della protezione del vaccino contro la variante Delta.

 

Come riportato da The Defender, i dati pubblicati il 18 agosto dal CDC hanno confermato che l ‘efficacia del vaccino COVID contro l’infezione è diminuita e che i vaccini sono meno efficaci nel combattere la variante Delta.

 

Walensky del CDC ha dichiarato durante una conferenza stampa del 18 agosto che i dati dimostrano che l’efficacia del vaccino contro l’infezione da SARS-CoV-2 sta diminuendo nel tempo contro la variante Delta.

 

Uno studio ha valutato l’efficacia di Pfizer e Moderna contro le infezioni tra i residenti delle case di cura e ha scoperto che è scesa dal 75% prima della variante Delta al 53% quando la variante Delta è diventata dominante. Lo studio non ha fatto distinzioni tra infezioni asintomatiche, sintomatiche e gravi.

 

Un altro studio ha raccolto i dati di 21 ospedali per stimare l’efficacia dei vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna nella riduzione delle ospedalizzazioni. Tra i 1.129 pazienti che hanno ricevuto due dosi di un vaccino mRNA, l’efficacia del vaccino è stata dell’86% da 2 a 12 settimane dopo la vaccinazione e dell’84% da 13 a 24 settimane.

 

Il terzo studio, utilizzando i dati dello Stato di New York, ha rilevato che l’efficacia di tutti e tre i vaccini contro l’infezione è scesa dal 92% all’inizio di maggio all’80% alla fine di luglio, ma l’efficacia contro il ricovero è rimasta relativamente stabile.

 

Come riportato da The Defender il 23 agosto, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso la piena approvazione al vaccino COVID di Pfizer per le persone di età pari o superiore a 16 anni, senza consentire discussioni pubbliche o tenere una riunione formale del comitato consultivo per discutere i dati.

 

Tuttavia, la documentazione ha mostrato che la FDA ha approvato una domanda di licenza biologica per il vaccino Pfizer Comirnaty, non il vaccino Pfizer-BioNTech in base all’attuale autorizzazione all’uso di emergenza (EUA).

 

La FDA ha riconosciuto che mentre Pfizer ha «scorte insufficienti» del vaccino Comirnaty appena approvato, c’è «una quantità significativa» del vaccino COVID Pfizer-BioNTech – prodotto sotto EUA – ancora disponibile per l’uso.

 

La FDA ha affermato che il vaccino Pfizer-BioNTech nell’ambito dell’EUA dovrebbe rimanere senza licenza ma può essere utilizzato «in modo intercambiabile» (pagina 2, nota8) con il prodotto Comirnaty di nuova licenza, pur rimanendo legalmente distinto.

 

Un vaccino approvato ai sensi dell’EUA fornisce alle aziende farmaceutiche una protezione generale della responsabilità ai sensi del PREP ACT dai potenziali danni causati dal loro vaccino. Almeno per il momento, il vaccino Pfizer Comirnaty non ha uno scudo di responsabilità.

 

«La chiara motivazione della FDA è quella di consentire a Pfizer di scaricare rapidamente gli inventari di un vaccino che la scienza e il Vaccine Adverse Events Reporting System hanno indicato come irragionevolmente pericoloso e che la variante Delta ha reso obsoleto», ha scritto il presidente di Children’s Health Defense Robert F. Kennedy, Jr. e la dottoressa Meryl Nass.

 

 

Megan Redshaw

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

© 25 agosto 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari