Connettiti con Renovato 21

Ambiente

La crisi energetica in arrivo. Intervista al professor Pagliaro

Pubblicato

il

 

 

Il momento di caos internazionale che stiamo vivendo tocca anche gli approvvigionamenti di materie prime e di combustibili. Il frastuono della pandemia ha coperto questa crisi che sta montando e che rischia di cambiare la vita quotidiana per come la conosciamo.

 

Renovatio 21 ha cercato delle risposte intervistando il professor Mario Pagliaro, uno dei massimi esperti di solare in Italia.

 

Il professor Mario Pagliaro, Chimico al CNR ISM (Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati) e docente di nuove tecnologie dell’energia al Polo Fotovoltaico della Sicilia.

«Da solo, il prezzo del gas russo nei primi 3 mesi dell’anno è aumentato del 40%»

 

Il professor Pagliaro guida a Palermo un Gruppo di ricerca i cui risultati sono riflessi in oltre 250 pubblicazioni scientifiche internazionali e in 22 libri, molti dei quali poi divenuti testi di riferimento nel loro settore. È fra gli scienziati maggiormente citati a livello internazionale nel campo della chimica (top 1%). Nel 2013, Silicon ha pubblicato un ampio articolo dedicato alle sue attività scientifiche e formative.

 

Fortemente consigliata è la lettura del suo libro Helionomics, snella e approfondita opera di divulgazione sulla rivoluzione socio-economica che porterà l’energia solare in tutto il mondo.

 

 

Professor Pagliaro, cosa sta accadendo nelle forniture di gas?

Il prezzo del gas naturale in forte crescita trascina con sé il prezzo dell’elettricità in Italia, dove accanto alla produzione via acqua, sole, e vento e all’energia nucleare importata da Francia e Svizzera, la produzione termoelettrica va ormai in larga parte a gas naturale. Da solo, il prezzo del gas russo nei primi 3 mesi dell’anno è aumentato del 40%, raggiungendo quasi i $6 ($5.57) per MBTU (il BTU è una vecchia unità di misura dell’energia). Il risultato è che i prezzi dell’energia elettrica in borsa (aggregazione dei prezzi orari su tutte e 3 le fasce orarie) fa segnare una variazione tendenziale maggiore del 200%. Installare a casa e in azienda il fotovoltaico diventa cruciale anche per contrastare simili aumenti.

«Il risultato è che i prezzi dell’energia elettrica in borsa (aggregazione dei prezzi orari su tutte e 3 le fasce orarie) fa segnare una variazione tendenziale maggiore del 200%»

 

Questo incide sulla vita quotidiana dei cittadini italiani?
Molto. Anche considerando che sulla bolletta elettrica gravano numerose imposte, oneri e tariffe, dal canone della televisione pubblica, agli incentivi alle fonti rinnovabili agli oneri di trasporto dell’energia elettrica. Nelle grandi città del Sud la morosità si estende decine di migliaia di utenti. Tanti Comuni meridionali spesso non riescono a pagare nei termini previsti i costi della pubblica illuminazione, divenendo morosi. Quando poi riescono a pagare le bollette, si ritrovano extra costi che inevitabilmente sottraggono risorse finanziarie ad altri settori.

 

Qual è la soluzione?
Ricorrere in modo massiccio all’autoproduzione dell’energia elettrica con il fotovoltaico. Ricordo con particolare soddisfazione il supporto di conoscenze e attenzione dato all’associazione che a Palermo gestisce il bellissimo Parco della Salute, sul lungomare del centro storico. Da oltre 5 anni, l’illuminazione è fornita da lampioni fotovoltaici tanto efficienti ed affidabili, che eleganti. Non ricevono alcuna bolletta. L’energia generata durante il giorno è accumulata nelle batterie che la sera alimentano moderne luci a LED. Lo stesso oggi può essere fatto per interi centri abitati.

«Tanti Comuni meridionali spesso non riescono a pagare nei termini previsti i costi della pubblica illuminazione, divenendo morosi»

 

Dove andrebbero installati i pannelli?
Su tetti di qualsiasi edificio. Inclusi i centri storici di Venezia e Roma, sostituendo le tegole con altrettanto splendide tegole in cotto come quelle prodotte nella splendida Possagno, in Veneto. Rese fotovoltaiche dell’integrazione di moderne celle solari in silicio monocristallino. Nei giorni scorsi ne sono state installate migliaia su molti edifici di Roma. Funzionano con la stessa efficienza ed affidabilità delle analoghe celle solari con cui si realizzano i pannelli. Naturalmente, negli edifici con tetti non realizzati in cotto, oggi è semplice ed immediato integrare i pannelli fotovoltaici in modo non invasivo ed efficace. Come fatto ad esempio nei mesi scorsi sui tetti di piccoli hotel ed abitazioni di Salina.

 

Nella produzione di impianti fotovoltaici l’Italia ha un ruolo rilevante?
L’unica azienda che produce moduli fotovoltaici in quantità significativa appartiene all’ex azienda pubblica dell’elettricità, che assembla in un impianto molto avanzato alle porte di Catania le celle solari in eleganti moduli fotovoltaici. L’Italia non produce però né silicio né celle solari: una carenza del sistema produttivo nazionale cui occorre ovviare. Noi riteniamo che ciò potrà avvenire solo ricostituendo l’Istituto per la ricostruzione industriale. La nuova IRI dovrà puntare proprio sulle nuove tecnologie dell’energia. Silicio, celle solari, batterie al litio, elettrolizzatori e celle elettrochimiche ad idrogeno.

«L’Italia non produce però né silicio né celle solari: una carenza del sistema produttivo nazionale cui occorre ovviare. Noi riteniamo che ciò potrà avvenire solo ricostituendo l’Istituto per la ricostruzione industriale. La nuova IRI dovrà puntare proprio sulle nuove tecnologie dell’energia. Silicio, celle solari, batterie al litio, elettrolizzatori e celle elettrochimiche ad idrogeno»

 

È possibile pensare al fotovoltaico come ad uno strumento per una maggiore autarchia energetica del nostro Paese?
È già così. E vale per tutte le fonti di energia autenticamente rinnovabili, cioè sole, acqua e vento. Da cui l’Italia ottiene ogni anno quasi un terzo dei quasi 300 miliardi di chilowattora che consuma. Ogni singolo kWh prodotto con la caduta dell’acqua, la luce solare, e il vento è un kWh che non è stato prodotto bruciando gas o carbone o scindendo atomi di uranio. Infatti, sono decine le centrali termoelettriche chiuse in Italia negli ultimi dieci anni. Mentre quelle rimaste funzionano ad una frazione delle ore annue cui erano esercite appena 15 anni fa.

 

La stretta sulle materie prime inficerà la produzione di pannelli solari?
Lo sta già facendo. Il prezzo degli impianti fotovoltaici, che fino a pochi mesi fa non faceva che scendere mese dopo mese, da alcuni mesi è in forte crescita in tutta Italia.

 

Di chi è la colpa?
In questo caso, non della carenza di silicio o di celle solari. Ma dal forte aumento dei noli per il trasporto dei pannelli dal Sud Est asiatico. La quasi totalità dei pannelli installati in Europa viene dalla Cina, e in piccola parte da Filippine, Vietnam e Malesia. Il costo del trasporto a bordo delle portacontainer è esploso. Gli importatori europei non possono che scaricare gli aumenti sui clienti.

«Il prezzo degli impianti fotovoltaici, che fino a pochi mesi fa non faceva che scendere mese dopo mese, da alcuni mesi è in forte crescita in tutta Italia»

 

Lei ha parlato di «idrogeno solare». Cos’è esattamente? Vi sono già degli esempi?
È l’idrogeno ottenuto dall’acqua usando l’energia elettrica generata da sole, vento e caduta dell’acqua. A far muovere l’aria dei venti e a riempire di acqua le dighe con le piogge e la neve è sempre l’energia del sole. Ecco perché è corretto parlare di idrogeno solare, e non di idrogeno «verde». L’idrogeno è un gas incolore, leggerissimo con un enorme quantità di energia chimica contenuta all’interno, molto maggiore di quella della benzina o del kerosene. Solo il metano vi si approssima.

 

Riguardo al litio, qual è la sua necessità in questo momento?
La duplice urgente necessità è quella di costruire gli impianti chimici per la produzione di idrossido di litio o di carbonato di litio di elevata purezza da fornire ai nuovi impianti di produzione delle batterie al litio. In Europa occidentale sono virtualmente assenti. Alcuni sono in costruzione in Svezia, e altri in Germania. Il ritardo dei Paesi mediterranei poi è così grave che solo lo Stato, ricostituendo l’IRI, potrà sostenere la costruzione degli impianti sulla scala richiesta dalla transizione energetica.

«La duplice urgente necessità è quella di costruire gli impianti chimici per la produzione di idrossido di litio o di carbonato di litio di elevata purezza da fornire ai nuovi impianti di produzione delle batterie al litio»

 

Qual è la situazione geopolitica attuale sull’approvigionamento del litio?
È meno grave di quella della carenza di impianti. Basta attraversare l’Adriatico per trovare in Serbia grandi giacimenti di jadarite, un minerale ricco di litio scoperto nei primi anni 2000 vicino il fiume Jadar. Idem con il quarzo della Libia o con gli scarti del riso ricchissimi di silicio, con cui produrre silicio usando la nuova tecnologia chimica che ne abbatte i costi produttivi del 90%. Ma se mancano gli impianti nell’Europa crollata nell’obsolescenza industriale, disporre delle materie prime non servirà a nulla.

 

Come è posizionata l’Italia a riguardo?
L’Italia soffre di un grave ritardo in tutti i settori industriali di punta in cui invece eccellenza fino all’esistenza dell’IRI e le sue formidabili aziende. Il Paese si trovava in una situazione analoga alla fine della Prima Guerra Mondiale, quando arrivarono tecnologie rivoluzionarie come il telefono, l’energia elettrica, l’aeroplano, le navi a petrolio e la petrolchimica. Quando il governo si accorse che i privati non riuscivano ad intraprendere in nessuno di questi settori, costituì l’Istituto per la Ricostruzione Industriale. Lo stesso accadrà adesso e nei prossimi anni. L’alternativa, infatti, è l’uscita dai Paesi industriali avanzati e la trasformazione in un Paese periferico buono solo per passarvi le vacanze.

 

«L’alternativa, infatti, è l’uscita dai Paesi industriali avanzati e la trasformazione in un Paese periferico buono solo per passarvi le vacanze»

Il caos globale può intaccare anche la produzione alimentare?
Più che di caos, parlerei di difficoltà nella produzione agricola dovute al freddo e alle piogge che da tempo investono molte aree geografiche. D’altra parte, regioni come la Sicilia o Paesi come la piccola Grecia beneficiano ad esempio del fortissimo rialzo dei corsi del grano, che sta portando al recupero dei terreni e al ritorno all’agricoltura di migliaia di giovani. Quanto ai Paesi del Nord Africa come l’Algeria o la Libia, solo chi non li conosce pensa che non abbiano enormi potenzialità agricole. Basta conoscere la storia dei Berberi e dei loro scambi agricoli con la Sicilia. E proprio da agricoltura e nuove tecnologie dell’energia dovrà partire la nuova cooperazione fra Italia e Paesi della sponda Sud del Mediterraneo.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Banca lancia una carta di credito legata alle emissioni di carbonio

Pubblicato

il

Da

Una banca canadese ha lanciato una carta di credito che tiene traccia della cosiddetta «impronta carbonica» di un cliente.

 

La banca Vancity offrirà una carta di credito che collega gli acquisti alle emissioni di carbonio, consentendo ai clienti di confrontare la loro impronta di carbonio mensile con la media nazionale.

 

La banca consiglierà inoltre i clienti su come limitare la loro impronta di carbonio. «In qualità di cooperativa finanziaria di proprietà dei soci, riteniamo che sia nostro compito fare tutto il possibile per aiutare, soprattutto quando si tratta delle decisioni che le persone prendono con i loro soldi» ha dichiarato ha affermato Jonathan Fowlie, Chief External Relations Officer di Vancity.

 

«Questo strumento fornirà ai titolari di carte di credito Vancity Visa preziose informazioni sui loro acquisti e consentirà loro di collegare le loro decisioni di spesa quotidiane al cambiamento che vogliono vedere nel mondo».

 

Secondo una ricerca condotta da Visa, oltre il 50% dei canadesi è interessato a monitorare la propria impronta di carbonio.

 

L’idea che si sta facendo qualcuno, tuttavia, è che questo sistema verrà utilizzato per limitare gli acquisti una volta superate soglie stabilite. Stabilite da chi, poi, è un’altra questione – la stessa banca? Lo Stato? Che differenza c’è a questo punto?

 

Come riportato da Renovatio 21, una banca australiana, la Commonwealth Bank (CBA), ha iniziato a collegare le transazioni dei clienti all’impronta di carbonio.

 

Si tratta, in pratica, del nuovo green pass, quello per l’emergenza ambientale. Ed esso, stavolta, andrà a pescarvi direttamente nelle tasche, e a inibirvi ulteriori libertà fondamentali, come quelle di acquistare quel che si vuole (per esempio, una bistecca invece che una busta di farina di grillo).

 

Abbiamo imparato il funzionamento di questa ingegneria sociale dal COVID, una volta accettata l’esistenza dell’emergenza, ogni limitazione, sia pur apertamente incostituzionale, diviene legittima. Di qui l’implementazione di una meccanica «premiale» per i vostri comportamenti, in modo completamente sganciato da diritti e leggi precedenti.

 

Qui il vostro conto in banca diventa non solo un sistema di sorveglianza, ma anche di controllo e punizione. Questo è il destino di tutto il danaro – dall’euro digitale allo yuan digitale a quelle che chiamano CBDC (valute digitali delle banche centrali) i cui progetti sono ovunque, dall’Australia all’Ucraina, dallo Sri Lanka alla Svizzera – divenire software, divenire danaro programmabile, in grado di guidare e inibire le scelte del cittadino.

 

Renovatio 21 ha da diverso tempo sottolineato come, non per nulla, il sistema su cui si basa il green pass è il medesimo sul quale correrà l’euro digitale, considerato «inevitabile». Un sistema informatico iniziato, casualmente, ben prima della pandemia, ma al quale quest’ultima ha dato finalmente concrezione definitiva.

 

Per quanto riguarda la questione ambientale, anche qui già tutto è stato scritto. Di tracciamento dei consumi attraverso sensori e computer si è parlato apertamente quest’anno al World Economic Forum di Davos, la base dichiarata del Grande Reset.

 

Quivi si è avuto il caso del presidente del gruppo cinese Alibaba Group, J. Michael Evans, che durante un panel del WEF si è vantato dello sviluppo di un «tracker individuale dell’impronta di carbonio» per monitorare ciò che fa il cittadino: viaggi, acquisti, cibo ogni attività finisce «nella piattaforma».

 

 

Chiediamo al lettore che si dice o si diceva ambientalista: avete capito, una volta per tutte, cosa significa la «questione ambientale», il «cambiamento climatico», lo «zero-carbonio» etc.?

 

Avete capito che tramite l’emergenza ambientale vi rinchiuderanno in casa, affameranno e sottometteranno come pare a loro?

 

Avete compreso, una volta per tutte, che l’ambientalismo è uno strumento della Necrocultura?

 

 

 

 

 

Immagine di Rod Raglin via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

La verità ultima sulla questione ambientale: l’uomo si adatta ai cambiamenti climatici

Pubblicato

il

Da

Qualcosa si muove nel dogma globale del cambiamento climatico.

 

In un articolo intitolato «L’ovvia strategia per il clima di cui nessuno parla», apparso sulla rivista americana di politica estera Foreign Policy, i tre autori, membri del Breakthrough Institute, sottolineano che il più grande fattore determinante di un cambiamento climatico sulla vita umana non è il clima stesso, ma piuttosto il livello di sviluppo messo in atto per rendere le società indipendenti dalle variazioni meteorologiche.

 

«Il mondo, negli ultimi decenni, non ha fatto molti progressi nella riduzione delle emissioni complessive», scrivono gli autori. «Ma è diventato molto più resistente a tutti i tipi di estremi climatici».

 

«L’abitante medio della Terra oggi ha più del 90% di probabilità in meno di morire a causa di inondazioni, siccità, tempeste o altri eventi climatici estremi oggi rispetto agli anni ’20, e questo è quasi interamente il risultato di un fenomenale calo del numero di persone che vivono in povertà senza accesso a cose come alloggi sicuri, infrastrutture funzionanti e buone istituzioni».

 

«L’adattamento climatico, le azioni che le società intraprendono per proteggere le loro popolazioni da condizioni meteorologiche estreme, come tempeste, inondazioni, siccità, ondate di calore e ondate di freddo, funzionano. Comprende tutte le cose che le persone nei Paesi ricchi danno per scontate: edifici ben costruiti che resistono ai disastri, dighe e dighe che proteggono dalle inondazioni, aria condizionata e celle frigorifere per cibo e medicinali, sistemi di allerta precoce, pronto intervento ben attrezzato e percorsi di evacuazione lungo strade ben asfaltate».

 

Come ricalcola EIRN, se si tiene conto della crescita della popolazione mondiale dal 1920, la riduzione è più simile al 95%. Si pensi alla Cina, per esempio. Le inondazioni nel 1887 hanno causato fino a 2 milioni di vittime e le inondazioni del 1931 hanno ucciso fino a 4 milioni di persone. Le carestie hanno ucciso milioni di persone in Cina. Ma oggi i morti per inondazione in Cina sono meno di 500 e non c’è stata carestia da decenni.

 

Come mai? Semplice: con lo sviluppo. Con il vero progresso materiale di una società che ha cura dell’essere umano e della sua dignità innegabile.

 

«La resilienza di una società agli estremi climatici è strettamente legata, ovviamente, allo sviluppo economico» scrivono i tre autori. «Ciò include l’accesso a un’abbondante energia, una migliore tecnologia, una migliore agricoltura e la possibilità di pagare per case e infrastrutture migliori. Anche uno sguardo superficiale ai dati rende ampiamente chiaro che lo sviluppo ha salvato milioni di vite nell’ultimo secolo».

 

Anche in presenza di catastrofi, «i costi umani ed economici di un disastro naturale non sono quasi mai determinati principalmente dall’intensità del clima estremo. Piuttosto, quei costi sono in gran parte determinati da quante persone sono in pericolo e da quanto si adattano bene al pericolo quelle popolazioni.

 

Al Gore, vicepresidente di Bill Clinton poi divenuto zelota globale del global warming (riuscendo a vincerci, caso unico, Nobel per la Pace e Oscar per un documentario) ha liquidato l’adattamento climatico nel suo libro del 1992, Earth in the Balance(«la terra in equilibrio»), come una «sorta di pigrizia, una fede arrogante nella nostra capacità di reagire in tempo per salvare la nostra pelle».

 

«In gran parte dei due decenni che seguirono, molti attivisti per il clima consideravano “adattamento” una parolaccia: una forma di negazione del clima che distraeva dagli sforzi per tagliare le emissioni e vietare i combustibili fossili. Gli echi di quelle affermazioni rimangono oggi. Per molti ambientalisti, parlare troppo di adattamento ai cambiamenti climatici solleva lo spettro dell’azzardo morale: la preoccupazione che concentrarsi sull’adattamento distoglierà risorse e attenzione dagli sforzi per tagliare le emissioni».

 

In pratica, pur di perseguire la sua agenda (che ha, ovviamente, ampie motivazioni di potere e di profitto economico per certuni), l’ambientalismo nega la natura umana, il suo essere in grado di adeguarsi a qualsiasi cosa.

 

La cosa non ci stupisce: l’ambientalismo è semplicemente un neopaganesimo che affligge il mondo moderno, che vuole gli uomini in sottomissione cruenta agli dèi (Gaia, etc.), o meglio, che vede l’uomo non come il fine da innalzare, ma come il problema da risolvere.

 

 

 

 

 

Immagine di Chesapeake Bay Program via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

L’India ordina agli agricoltori e alle aziende agricole di smettere di usare diserbanti a base di glifosato

Pubblicato

il

Da

Il governo indiano ha limitato l’uso di erbicidi a base di glifosato a causa dei rischi per la salute umana e animale. Lo riporta il sito Sustainable Pulse.

 

Martedì il ministero dell’Agricoltura ha dichiarato in una notifica che «l’uso del glifosato è vietato e nessuna persona, ad eccezione degli operatori di controllo dei parassiti (PCO), può utilizzare il glifosato».

 

Il comunicato del governo ha aggiunto che tutte le aziende agrochimiche sono state invitate a restituire al comitato di registrazione il certificato di registrazione concesso per il glifosato e i suoi derivati ​​in modo che l’avvertenza in maiuscolo possa essere incorporata su etichette e volantini. L’autorizzazione sarà quindi concessa solo per le formulazioni di glifosato tramite PCO.

 

Alle società sono stati concessi tre mesi per restituire il certificato, altrimenti verranno presi provvedimenti severi secondo le disposizioni dell’Insecticides Act, 1968 .

 

La notifica finale che limita l’uso del glifosato in tutta l’India arriva due anni dopo che il ministero dell’Agricoltura ha emesso una bozza di notifica il 2 luglio 2020. La bozza è stata pubblicata a seguito della decisione del governo del Kerala di vietare la distribuzione, la vendita e l’uso del diserbante più usato al mondo.

 

Kerala, Punjab, Telangana e Andhra Pradesh sono tra i principali Stati di importanza agricola che hanno vietato l’uso del glifosato citando il suo impatto negativo sulla salute umana, secondo la testata Business Standard .

 

I punti principali della notifica del governo indiano sono:

  • Nessuna persona deve utilizzare il glifosato se non attraverso operatori di controllo dei parassiti.

 

  • Tutti i titolari di certificato di registrazione concesso per il glifosato e suoi derivati ​​devono restituire il certificato di registrazione al Comitato di registrazione per l’incorporazione dell’avvertenza in grassetto «L’USO DELLA FORMULAZIONE DI GLIFOSATO DA CONSENTIRE ATTRAVERSO GLI OPERATORI DI CONTROLLO DEI PEST (PCO)» sul etichetta e volantini.

 

  • Qualora una persona in possesso del certificato di registrazione non restituisca il certificato al Comitato di registrazione, di cui al comma (3), entro un termine di tre mesi, si procede secondo le disposizioni contenute nella detta legge.

 

  • Ogni governo statale prenderà tutte queste misure in base alle disposizioni della suddetta legge e alle regole in essa stabilite, in quanto ritiene necessarie per l’esecuzione del presente decreto nello Stato.

 

La mossa per limitare il glifosato è probabilmente in parte mirata a controllare la diffusione del cotone illegale tollerante agli erbicidi , che negli ultimi anni più agricoltori in alcune regioni dell’India sono stati sorpresi a piantare.

 

Essendoci pochissimi operatori di disinfestazione nelle aree rurali dell’India, la bozza di ordinanza è vista come un tentativo del governo indiano di fermare l’uso del glifosato utilizzando un regolamento che rende quasi impossibile per gli agricoltori spruzzare il glifosato.

 

Come riportato da Renovatio 21, la tossicità del glifosato è conosciuta dagli anni Ottanta, tuttavia nessuna vera contromisura è stata presa – magari perché la sostanza in questione fu spinta dai piani globali delle immense potenze chimico-industriali-finanziarie come quelle dei Rockefeller.

 

Secondo William F. Engdahl, dietro alla riforma agraria dell’India, fatta fallire a suon di manifestazioni, ci sarebbe l’agenda del World Economic Forum e di altri oligarchi mondialisti sempre più interessati al tema delle coltivazioni.

 

Pesticidi mortali sono stati introdotti dal governo tedesco due anni fa utilizzando il lockdown.

 

Nel 2020 un tribunale aveva stabilito che per i danni biologici cagionati dal Roundup il produttore Bayer dovrà pagare 10 miliardi. Nel 2021 alcuni genitori della California fecero causa a Dow Chemicals sostenendo che «i pesticidi comuni causano danni cerebrali ai bambini».

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari