Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Fertilizzanti, attacco organizzato alle forniture globali?

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Le carenze energetiche globali che hanno portato i prezzi del carbone, del petrolio e del gas naturale a livelli esplosivi negli ultimi mesi sono una prevedibile conseguenza della folle ricerca di politiche economiche «Zero Carbon» che hanno visto governi sciocchi sovvenzionare una quota crescente di elettricità generata dagli inaffidabili solare ed eolico. Una conseguenza è stata un aumento di cinque volte del prezzo del gas naturale o del metano in tutto il mondo. Ciò si estende dalla Cina all’UE, agli Stati Uniti e oltre. Una conseguenza successiva di tale carenza di gas naturale e dell’esplosione dei prezzi è una crisi crescente nella produzione mondiale di fertilizzanti per l’agricoltura. Tutto questo potrebbe non essere un caso. Si adatta all’agenda del WEF Great Reset delle Nazioni Unite 2030.

 

 

 

I fertilizzanti a base di ammoniaca a base di azoto (la maggior parte della nostra aria, quindi mai in carenza) e gas naturale o metano (CH4) costituiscono quasi il 70% di tutti i fertilizzanti utilizzati per sostenere le principali colture agricole come grano, mais, riso e persino caffè.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale

Quando l’uragano Ida ha colpito la Louisiana il 25 agosto, il più grande complesso industriale di ammoniaca del mondo, di proprietà di CF Industries, è stato chiuso per motivi di sicurezza e riaperto solo dieci giorni dopo.

 

Curiosamente a quel punto altre due fabbriche della stessa CF Industries, quelle nel Regno Unito, hanno annunciato che avrebbero chiuso altri due impianti di fertilizzanti il ​​22 settembre, adducendo come causa gli alti prezzi del gas naturale, nonostante il loro impianto in Louisiana fosse fermo da appena dieci giorni.

 

I due impianti forniscono circa i due terzi della domanda nazionale di fertilizzanti del Regno Unito. Il governo è stato costretto a concedere sussidi di emergenza a CF Industries per riaprire temporaneamente uno dei due impianti per allentare le pressioni.

 

L’effetto combinato delle tre principali chiusure da parte dello stesso gruppo si è aggiunto alla crisi dell’offerta mondiale di fertilizzanti. Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock.

Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock

 

Questa è una crisi a valanga. All’inizio di ottobre è stata annunciata la chiusura della produzione di fertilizzanti con ammoniaca da parte della gigantesca azienda chimica tedesca, BASF, in Belgio e Germania, a tempo indeterminato. Influisce anche sulla produzione di additivo per carburante diesel a base di ammoniaca, AdBlue.

 

Ulteriori chiusure sono in corso ad Achema in Lituania, OCI in Olanda.

 

Yara International sta riducendo del 40% la sua produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca nell’UE.

 

Fertiberia in Spagna sta chiudendo un impianto insieme a OPZ in Ucraina, un importante produttore di fertilizzanti.

 

In Austria Borealis AG ha chiuso la produzione e il più grande produttore tedesco di ammoniaca, SKW Piesteritz, ha ridotto la produzione del 20%.

 

Ad aggravare la crisi globale dei fertilizzanti, l’amministrazione Biden ad agosto ha imposto sanzioni al governo bielorusso, nominando esplicitamente Belaruskali OAO, il quarto produttore mondiale di fertilizzanti, il «sostegno al regime bielorusso a spese del popolo bielorusso». Belaruskali controlla circa un quinto del mercato mondiale dei fertilizzanti a base di potassio.

 

 

Il cuore della sicurezza alimentare globale

I fertilizzanti a base di azoto sono di gran lunga i più utilizzati nell’agricoltura globale, circa tre quarti di tutti i fertilizzanti commerciali.

 

Dallo sviluppo del processo Haber-Bosch in Germania poco prima della prima guerra mondiale, la produzione artificiale di fertilizzanti azotati ha sostenuto l’enorme espansione della produttività agricola. I fertilizzanti azotati sono costituiti da ammoniaca (NH3) prodotta dal processo Haber-Bosch. È ad alto bisogno energetico se si utilizza gas naturale (CH4) che è metano, per fornire idrogeno.

 

Questo NH3 o ammoniaca viene utilizzato come materia prima per altri fertilizzanti azotati, come il nitrato di ammonio anidro (NH4NO3) e l’urea (CO(NH2)2). I raccolti a partire dalla Seconda Guerra Mondiale sono diventati fortemente dipendenti dai fertilizzanti a base di azoto.

 

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati. Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati.

 

Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati.

 

Secondo studi pubblicati sulla rivista scientifica Nature, il 48 per cento della popolazione mondiale nel 2008 dipendeva dai fertilizzanti azotati per l’accesso quotidiano al cibo.

 

«Ciò significa che i fertilizzanti azotati nel 2015 hanno fornito sicurezza alimentare a 3,5 miliardi di persone che altrimenti sarebbero morte di fame».

 

 

Shock cinese

Ad aggiungere un enorme shock alla crescente carenza globale di fertilizzanti è la decisione di Pechino nelle ultime settimane di tagliare o congelare drasticamente le esportazioni di fertilizzanti per una serie di motivi, tra cui la carenza di carbone e gas naturale per l’energia elettrica e un tentativo di panico di controllare l’inflazione interna.

 

La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato

Le inondazioni estive record nella provincia di Henan hanno colpito il cuore della regione cerealicola cinese e il governo ha avviato una campagna per far sottoporre i cittadini a una «Campagna Clean Plate 2.0» per fermare lo spreco alimentare, che alcuni ritengono sia un modo per mascherare i gravi fallimenti del raccolto .

 

Cina, India e Stati Uniti sono di gran lunga i maggiori utilizzatori al mondo di fertilizzanti azotati in tonnellate per acro.

 

La Cina è anche uno dei maggiori esportatori di fertilizzanti e lì il governo a settembre ha annunciato il divieto di esportazione di fertilizzanti a base di azoto e fosfato fino a giugno 2022. Con l’aumento dei prezzi globali del gas naturale e del carbone importato dalla Cina, il Paese ha visto una significativa energia elettrica blackout a causa della chiusura delle aziende elettriche piuttosto che della vendita di energia in perdita.

 

Una conseguenza della complessa crisi è il divieto di esportazione di fertilizzanti. La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato.

 

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato

In Baviera, nel sud della Germania, gli agricoltori non sono in grado di acquistare fertilizzanti almeno fino alla prossima estate.

 

La diffusione della crisi globale dei fertilizzanti comporterà una forte riduzione di mais, grano, riso, caffè e altre colture nel 2022. Ciò colpisce a causa della più alta inflazione dei prezzi alimentari degli ultimi decenni, ulteriormente aggravata dalle misure COVID e dalle interruzioni del commercio marittimo globale.

 

 

L’attacco al metano di COP26

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato.

 

Ciò ha le sue origini nelle deliberate politiche verdi «anti-carbon» dell’amministrazione Biden e dell’Unione Europea con il suo programma «Fit for 55» per ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030, incluso il metano o il gas naturale.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale

L’amministrazione Biden ha forzato il disinvestimento nel gas di scisto USA e l’espansione forzata dell’energia verde altamente sovvenzionata come l’eolico e il solare ha creato una rete elettrica inaffidabile. Quando non soffia il vento o non c’è il sole, manca l’energia elettrica alternativa. L’archiviazione è un problema enorme.

 

Non era così importante quando il solare o l’eolico costituivano una piccola percentuale della rete. Ma oggi in Paesi come la Germania che è energeticamente dipendente, le fonti alternative possono costituire il 42% del consumo elettrico lordo. Mentre le centrali nucleari e a carbone vengono tassate fino all’estinzione per la follia Zero Carbon, i prezzi del petrolio e del gas naturale stanno esplodendo. Di conseguenza, i nuovi investimenti nello sfruttamento degli idrocarburi stanno crollando e le forniture sono limitate proprio quando tutti ne hanno bisogno.

 

La crescente crisi della produzione mondiale di fertilizzanti si inserisce bene nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l’agricoltura «sostenibile» (sic) con cui i globalisti come il World Economic Forum di Klaus Schwab e BlackRock di Wall Street, il più grande fondo di investimento privato del mondo con segnalati 9 trilioni di dollari di risorse in gestione, puntano ad una drastica riduzione della produzione di carne, sostituendola con carni finte coltivate in laboratorio o addirittura insetti come fonte di proteine.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il metano è ora uno dei principali obiettivi dell’agenda verde degli Stati Uniti e dell’UE. In particolare, al recente raduno delle Nazioni Unite COP 26 sul riscaldamento globale, circa 100 nazioni hanno firmato una proposta congiunta UE-USA per ridurre le emissioni di gas metano del 30% entro il 2030.

 

Possiamo aspettarci di vedere un aumento degli attacchi del governo e delle ONG al nostro sistema alimentare utilizzando l’impennata dei prezzi dei fertilizzanti, le campagne contro la carne e la richiesta di un’agricoltura «sostenibile» per aumentare ulteriormente il nostro costo del cibo, ora in aumento.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Ambasciatore russo dimostra come la crisi alimentare è iniziata prima del conflitto ucraino

Pubblicato

il

Da

«La sicurezza alimentare è stata rovinata per diversi anni da imprudenti passi macroeconomici della collettività dell’Occidente alimentati dalle conseguenze della pandemia di COVID-19. In altre parole, i problemi sono emersi molto prima dell’inizio dell’operazione speciale della Russia in Ucraina», ha affermato l’ambasciatore russo a Washington Anatolij Antonov, secondo il servizio stampa dell’ambasciata sul suo canale Telegram, in una chiara risposta al ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

 

La Baerbock, assieme al Segretario di Stato Blinken, ad una due giorni «Global Food Security» organizzata dal Dipartimento di Stato USA aveva accusato Putin di star utilizzando un’«arma alimentare». «La Russia non sta solo conducendo la sua guerra brutale con carri armati, missili e bombe», ha dichiarato la Baerbock, appartenente al grottesco e potente partito dei Gruenen (i «Verdi»), che tuttavia, in quanto ecologista, non può non vedere la crisi come una grande opportunità per l’imposizione di regole antiumane.

 

«La Russia sta conducendo questa guerra con un’altra arma terribile ma più silenziosa: fame e privazione» ha comunque dichiarato il ministro tedesco, sprezzante del senso del ridicolo di una Germania deindustrializzata, impoverita e possibilmente barbarizzata dalla crisi economica autoinflitta tramite le sanzioni.

 

L’ambasciatore Antonov ricorda invece quello che tutti – in ispecie i lettori di Renovatio 21 – possono ricordare personalmente senza troppo sforzo: inflazione e sconquasso programmatico della filiera industriale, energetica, finanziaria, logistica e alimentare mondiale erano partiti da mesi e mesi, con sullo sfondo agende sinistre di controllo della popolazione che si dipanano nei decenni. e che sembrano ora aver preso nuova linfa e nuove forme puntando in modo sempre più specifico sull’agricoltura.

 

La crisi alimentare, ha detto il diplomatico di Mosca, è peggiorata dopo un’ondata di «sanzioni unilaterali e illegittime contro la Russia che hanno minato la credibilità dei governi occidentali a causa dell’imprevedibilità delle loro azioni, nonché rotto le catene di approvvigionamento e interrotto i flussi finanziari internazionali», ha affermato l’Antonov.

 

L’ambasciatore ha sottolineato che le dichiarazioni rese dalle nazioni occidentali secondo cui «i loro divieti non coprono le forniture di cibo e fertilizzanti» sono «un inganno» poiché «le sanzioni nelle aree finanziarie e dei trasporti influenzano direttamente la situazione sui mercati alimentari globali».

 

Ciò detto, «la Russia rimane impegnata a rispettare i suoi obblighi sui contratti internazionali relativi alle forniture di esportazione di prodotti agricoli, fertilizzanti, energia e altri beni importanti», ha sottolineato Antonov.

 

Come riportato da Renovatio 21, il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin aveva accusato la «frenesia delle sanzioni» occidentali come radice della crisi economica globale attuale, la crisi alimentare dell’Ovest porterà ad una nuova crisi migratoria.

 

Putin si è quindi più volte rivolto all’uomo comune che vive in Occidente, indicando chi davvero lo ha messo in difficoltà, e cioè le élite politiche e finanziarie al potere.

 

«Ora stanno costantemente cercando di convincervi che tutte le vostre difficoltà sono il risultato di una serie di azioni ostili della Russia, che devi pagare con il tuo stesso portafoglio per la lotta contro la mitica minaccia russa.

 

«Tutto questo è una bugia. E la verità è che i problemi attuali affrontati da milioni di persone in Occidente sono il risultato di molti anni di azione delle élite dominanti dei loro Stati, dei loro errori, della miopia e delle loro ambizioni.

 

«Queste élite non stanno pensando a come migliorare la vita dei loro cittadini nei paesi occidentali».

 

Da notare, a latere, la strana sequela di incendi e incidenti che hanno colpito vari impianti di produzione alimentare in tutti gli USA.

Continua a leggere

Alimentazione

Il presentatore di Top Gear dice che la crisi alimentare porterà al cannibalismo

Pubblicato

il

Da

Il presentatore televisivo Jeremy Clarkson, noto per la conduzione del popolarissimo programma Top Gear, ha affermato che la carenza di cibo globale causata dalla guerra in Ucraina potrebbe alla fine portare al cannibalismo.

 

Il Clarkson, proprietario di una famosafattoria nelle colline Cotswolds, ha descritto questa fosca prospettiva nel suo ultimo pezzo sul quotidiano britannico Sunday Times.

 

Il presentatore scrive che la situazione causata dalla guerra in Ucraina lo starebbe portando a notti insonni e «alcuni momenti di disperazione da grattarsi il mento».

 

L’ex presentatore di Top Gear (che qualcuno considera il miglior programma della storia della TV),  possiede anche una fattoria che è stata la base della sua serie di successo su Amazon Prime Clarkson’s Farm. Ora afferma che sempre più suoi colleghi agricoltori nel Regno Unito stanno lasciando i loro campi a riposo a causa dell’aumento dei costi dei fertilizzanti.

 

Immagine della fattoria del Clarkson scattata da un lettore di Renovatio 21

 

«Il problema è che l’anno prossimo molti agricoltori decideranno che, a causa dei costi, utilizzeranno meno fertilizzanti», ha scritto. «Alcuni cercheranno senza dubbio di non usarne affatto. Altri cercheranno invece di utilizzare cartone o erba tagliata o letame. In ogni caso produrranno meno cibo. Alcuni agricoltori – ne conosco tre solo nella mia zona – hanno già deciso di arare i loro campi l’anno prossimo e di non coltivare proprio niente».

 

«E questo non sta accadendo solo nel Regno Unito. È un fenomeno globale e potrebbe comportare che ci sia forse il 20% in meno di cibo nei negozi del necessario. Questo è male. E poi peggiora perché, tra loro, Russia e Ucraina hanno più di un quarto delle esportazioni globali di grano». Clarkson dimentica di includere tra i grandi produttori di fertilizzante la Bielorussia, che epperò sta dall’altra parte della nuova Cortina di ferro calata sul mondo.

 

La Russia, come noto, ha sospeso le esportazioni di fertilizzanti causano la sospensione dell’export alimentare di varie nazioni.

 

Clarkson teme che il mondo «sta precipitando da uno scivolo ben annaffiato nella fossa della fame, della miseria e della morte».

 

Il riccioluto anziano appassionato d’auto ha anche criticato il governo per non aver risposto adeguatamente alla crisi del costo della vita e ha avvertito che le persone possono «vivere senza riscaldamento, vestiti o persino sesso», ma che «non possono vivere senza cibo».

 

L’agricoltore britannico ex Top Gear non è l’unico ad essere preoccupato. Come riportato da Renovatio 21, la più grande cooperativa agricola USA ha dichiarato che le sanzioni alla Russia potrebbero causare catastrofiche carenze di fertilizzanti.

 

Il costo dei fertilizzanti, assieme a quello del cibo e del carburante, ha causato rivolte in Perù. In Sri Lanka l’interruzione alla filiera agricola, causata  anche dall’implementazione di regole di cosiddetta «agricoltura biologica», ha prodotto una crisi alimentare ora sfociata in aperta rivolta che ha fatto cadere il governo dei fratelli Rajapaksa.

 

Renovatio 21 già sei mesi fa, ben prima del conflitto ucraino, riportava di un possibile attacco organizzato alle forniture globali.

 

Casi di cannibalismo, come noto, stanno avvenendo, sia pur per ragioni «militari», in Ucraina: Renovatio 21 ha pubblicato il video del cittadino ucraino che sostiene di mangiare la carne dei soldati russi morti dopo averla cotta in stile barbecue. Un passo avanti nella finestra di Overton dell’antropofagia?

 

Come riportato da Renovatio 21, concettualmente il cannibalismo può tornare anche con la questione dei fertilizzanti: sono giù più d’uno gli Stati americani che consentono di trasformare i cadaveri in fertilizzanti, di fatto reimmettendo il corpo umano nella catena alimentare.

 

Il concime a base di resti umani è realtà, è legge.

 

Il Clarkson Top Cannibal non sa quanto ha già ragione. E a cosa potrebbe trovarsi dinanzi fra pochissimo.

 

 

 

 

Immagine di Petr Mager via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Carenza di latte in polvere, Bill Gates ha investito nel latte artificiale «umano»

Pubblicato

il

Da

Il «latte umano» prodotto in un laboratorio da una società sostenuta da Bill Gates potrebbe essere disponibile in tre o cinque anni. Lo riporta CNN Business.

 

BIOMILQ mira a creare cellule per la produzione di latte umano più o meno allo stesso modo in cui alcune aziende producono carne coltivata in laboratorio, che come sa il lettore di Renovatio 21 è un ulteriore investimento di Bill Gates.

 

La startup sta lavorando alla produzione di latte umano artificiale utilizzando tessuto mammario umano e latte donato da donne locali. Secondo quanto riportato, BIOMILQ deve ancora ottenere l’approvazione normativa che dimostri che il prodotto è sicuro per i bambini.

 

La società con sede nella Carolina del Nord ha ricevuto un investimento di 3,5 milioni di dollari da Breakthrough Energy Ventures, un fondo avviato da Bill Gates, secondo quanto riportato dal Times nel giugno 2020. I membri del consiglio di Breakthrough Energy includono il CEO di Amazon Jeff Bezos, Mark Zuckerberg di Facebook e il fondatore di Virgin Richard Branson.

 

La notizia, pubblicata dalla CNN come da varie testate internazionali come Al Arabya, ha fatto il giro della rete, lasciando le persone perplesse: proprio mentre si verifica in America una tragica carenza di latte in polvere, emerge anche stavolta la soluzione di Bill Gates?

 

Colpisce anche la presenza degli altri enormi nomi di Big Tech coinvolti nel fondo Venture Capital interessato.

 

Forse per questo, se provate a cercare la notizia su Google (magari con la semplice stringa «Gates+artificial+milk») otterrete come risultati in larga parte articoli di fact-checker che smentiscono l’idea che Bill Gates sia dietro anche alla carenza di latte in polvere negli Stati Uniti. In effetti, nessuno sosteneva una cosa del genere, e noi nemmeno ci avevamo pensato… ma allora perché tirare fuori l’argomento?

 

Semplice, è proprio il lavoro dei fact checker: si smentisce una menzogna grande nella speranza che la smentita si attacchi anche in una piccola verità. Che qui è il fatto innegabile che Gates, tra i tanti suoi pazzeschi investimenti tra il profetico e il distopico (vaccini, carne artificiale, terreni agricoli, OGM, geoingegneria solare, bioingegneria) ha proprio investito anche sul latte artificiale, che ora scarseggia pericolosamente nella prima economia mondiale.

 

Sullo sfondo, la crisi della filiera alimentare americana in toto, con l’enigmatico blocco governativo del trasporto dei fertilizzanti e i misteriosi incendi e incidenti che stanno sconvolgendo gli impianti di produzione…

 

Siamo davanti al sabotaggio dell’alimentazione umana – cioè alla reintroduzione della fame – nell’intento di sostituirla con un’alimentazione riprogrammata?

 

Si tratta del Grande Reset alimentare?

 

Continua a leggere

Più popolari