Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Fertilizzanti, attacco organizzato alle forniture globali?

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Le carenze energetiche globali che hanno portato i prezzi del carbone, del petrolio e del gas naturale a livelli esplosivi negli ultimi mesi sono una prevedibile conseguenza della folle ricerca di politiche economiche «Zero Carbon» che hanno visto governi sciocchi sovvenzionare una quota crescente di elettricità generata dagli inaffidabili solare ed eolico. Una conseguenza è stata un aumento di cinque volte del prezzo del gas naturale o del metano in tutto il mondo. Ciò si estende dalla Cina all’UE, agli Stati Uniti e oltre. Una conseguenza successiva di tale carenza di gas naturale e dell’esplosione dei prezzi è una crisi crescente nella produzione mondiale di fertilizzanti per l’agricoltura. Tutto questo potrebbe non essere un caso. Si adatta all’agenda del WEF Great Reset delle Nazioni Unite 2030.

 

 

 

I fertilizzanti a base di ammoniaca a base di azoto (la maggior parte della nostra aria, quindi mai in carenza) e gas naturale o metano (CH4) costituiscono quasi il 70% di tutti i fertilizzanti utilizzati per sostenere le principali colture agricole come grano, mais, riso e persino caffè.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale

Quando l’uragano Ida ha colpito la Louisiana il 25 agosto, il più grande complesso industriale di ammoniaca del mondo, di proprietà di CF Industries, è stato chiuso per motivi di sicurezza e riaperto solo dieci giorni dopo.

 

Curiosamente a quel punto altre due fabbriche della stessa CF Industries, quelle nel Regno Unito, hanno annunciato che avrebbero chiuso altri due impianti di fertilizzanti il ​​22 settembre, adducendo come causa gli alti prezzi del gas naturale, nonostante il loro impianto in Louisiana fosse fermo da appena dieci giorni.

 

I due impianti forniscono circa i due terzi della domanda nazionale di fertilizzanti del Regno Unito. Il governo è stato costretto a concedere sussidi di emergenza a CF Industries per riaprire temporaneamente uno dei due impianti per allentare le pressioni.

 

L’effetto combinato delle tre principali chiusure da parte dello stesso gruppo si è aggiunto alla crisi dell’offerta mondiale di fertilizzanti. Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock.

Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock

 

Questa è una crisi a valanga. All’inizio di ottobre è stata annunciata la chiusura della produzione di fertilizzanti con ammoniaca da parte della gigantesca azienda chimica tedesca, BASF, in Belgio e Germania, a tempo indeterminato. Influisce anche sulla produzione di additivo per carburante diesel a base di ammoniaca, AdBlue.

 

Ulteriori chiusure sono in corso ad Achema in Lituania, OCI in Olanda.

 

Yara International sta riducendo del 40% la sua produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca nell’UE.

 

Fertiberia in Spagna sta chiudendo un impianto insieme a OPZ in Ucraina, un importante produttore di fertilizzanti.

 

In Austria Borealis AG ha chiuso la produzione e il più grande produttore tedesco di ammoniaca, SKW Piesteritz, ha ridotto la produzione del 20%.

 

Ad aggravare la crisi globale dei fertilizzanti, l’amministrazione Biden ad agosto ha imposto sanzioni al governo bielorusso, nominando esplicitamente Belaruskali OAO, il quarto produttore mondiale di fertilizzanti, il «sostegno al regime bielorusso a spese del popolo bielorusso». Belaruskali controlla circa un quinto del mercato mondiale dei fertilizzanti a base di potassio.

 

 

Il cuore della sicurezza alimentare globale

I fertilizzanti a base di azoto sono di gran lunga i più utilizzati nell’agricoltura globale, circa tre quarti di tutti i fertilizzanti commerciali.

 

Dallo sviluppo del processo Haber-Bosch in Germania poco prima della prima guerra mondiale, la produzione artificiale di fertilizzanti azotati ha sostenuto l’enorme espansione della produttività agricola. I fertilizzanti azotati sono costituiti da ammoniaca (NH3) prodotta dal processo Haber-Bosch. È ad alto bisogno energetico se si utilizza gas naturale (CH4) che è metano, per fornire idrogeno.

 

Questo NH3 o ammoniaca viene utilizzato come materia prima per altri fertilizzanti azotati, come il nitrato di ammonio anidro (NH4NO3) e l’urea (CO(NH2)2). I raccolti a partire dalla Seconda Guerra Mondiale sono diventati fortemente dipendenti dai fertilizzanti a base di azoto.

 

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati. Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati.

 

Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati.

 

Secondo studi pubblicati sulla rivista scientifica Nature, il 48 per cento della popolazione mondiale nel 2008 dipendeva dai fertilizzanti azotati per l’accesso quotidiano al cibo.

 

«Ciò significa che i fertilizzanti azotati nel 2015 hanno fornito sicurezza alimentare a 3,5 miliardi di persone che altrimenti sarebbero morte di fame».

 

 

Shock cinese

Ad aggiungere un enorme shock alla crescente carenza globale di fertilizzanti è la decisione di Pechino nelle ultime settimane di tagliare o congelare drasticamente le esportazioni di fertilizzanti per una serie di motivi, tra cui la carenza di carbone e gas naturale per l’energia elettrica e un tentativo di panico di controllare l’inflazione interna.

 

La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato

Le inondazioni estive record nella provincia di Henan hanno colpito il cuore della regione cerealicola cinese e il governo ha avviato una campagna per far sottoporre i cittadini a una «Campagna Clean Plate 2.0» per fermare lo spreco alimentare, che alcuni ritengono sia un modo per mascherare i gravi fallimenti del raccolto .

 

Cina, India e Stati Uniti sono di gran lunga i maggiori utilizzatori al mondo di fertilizzanti azotati in tonnellate per acro.

 

La Cina è anche uno dei maggiori esportatori di fertilizzanti e lì il governo a settembre ha annunciato il divieto di esportazione di fertilizzanti a base di azoto e fosfato fino a giugno 2022. Con l’aumento dei prezzi globali del gas naturale e del carbone importato dalla Cina, il Paese ha visto una significativa energia elettrica blackout a causa della chiusura delle aziende elettriche piuttosto che della vendita di energia in perdita.

 

Una conseguenza della complessa crisi è il divieto di esportazione di fertilizzanti. La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato.

 

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato

In Baviera, nel sud della Germania, gli agricoltori non sono in grado di acquistare fertilizzanti almeno fino alla prossima estate.

 

La diffusione della crisi globale dei fertilizzanti comporterà una forte riduzione di mais, grano, riso, caffè e altre colture nel 2022. Ciò colpisce a causa della più alta inflazione dei prezzi alimentari degli ultimi decenni, ulteriormente aggravata dalle misure COVID e dalle interruzioni del commercio marittimo globale.

 

 

L’attacco al metano di COP26

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato.

 

Ciò ha le sue origini nelle deliberate politiche verdi «anti-carbon» dell’amministrazione Biden e dell’Unione Europea con il suo programma «Fit for 55» per ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030, incluso il metano o il gas naturale.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale

L’amministrazione Biden ha forzato il disinvestimento nel gas di scisto USA e l’espansione forzata dell’energia verde altamente sovvenzionata come l’eolico e il solare ha creato una rete elettrica inaffidabile. Quando non soffia il vento o non c’è il sole, manca l’energia elettrica alternativa. L’archiviazione è un problema enorme.

 

Non era così importante quando il solare o l’eolico costituivano una piccola percentuale della rete. Ma oggi in Paesi come la Germania che è energeticamente dipendente, le fonti alternative possono costituire il 42% del consumo elettrico lordo. Mentre le centrali nucleari e a carbone vengono tassate fino all’estinzione per la follia Zero Carbon, i prezzi del petrolio e del gas naturale stanno esplodendo. Di conseguenza, i nuovi investimenti nello sfruttamento degli idrocarburi stanno crollando e le forniture sono limitate proprio quando tutti ne hanno bisogno.

 

La crescente crisi della produzione mondiale di fertilizzanti si inserisce bene nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l’agricoltura «sostenibile» (sic) con cui i globalisti come il World Economic Forum di Klaus Schwab e BlackRock di Wall Street, il più grande fondo di investimento privato del mondo con segnalati 9 trilioni di dollari di risorse in gestione, puntano ad una drastica riduzione della produzione di carne, sostituendola con carni finte coltivate in laboratorio o addirittura insetti come fonte di proteine.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il metano è ora uno dei principali obiettivi dell’agenda verde degli Stati Uniti e dell’UE. In particolare, al recente raduno delle Nazioni Unite COP 26 sul riscaldamento globale, circa 100 nazioni hanno firmato una proposta congiunta UE-USA per ridurre le emissioni di gas metano del 30% entro il 2030.

 

Possiamo aspettarci di vedere un aumento degli attacchi del governo e delle ONG al nostro sistema alimentare utilizzando l’impennata dei prezzi dei fertilizzanti, le campagne contro la carne e la richiesta di un’agricoltura «sostenibile» per aumentare ulteriormente il nostro costo del cibo, ora in aumento.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Mucche con il pannolone contro il riscaldamento globale?

Pubblicato

il

Da

L’emittente Fox News ha mandato in onda un servizio che sostiene che potrebbero essere in programma mascherine e pannoloni per i bovini, i cui gas, come noto, sono considerati uno dei driver del Cambiamento Climatico – e di qui la spinta ad abbandonare l’alimentazione a basa di manzo per passare a quella a base di insetti.

 

«Non indosserò una mascherina. Non permetterò alle mie mucche di indossare una maschera» diceva in un collegamento TV un’allevatrice del Tennessee, la quale aveva sperimentalmente piazzato una mascherina su una delle sue mucche durante l’intervista per testare la teoria, ma spiegava «non ce l’ha» e «fa fatica a respirare».

 

Secondo Fox sarebbe coinvolto un grande gruppo caseario internazionale, tuttavia nel documento di impegno di riduzione delle emissioni di metano scritto pubblicato a gennaio dalla multinazionale non si fa menzione di sistemi di contenimento di rutti e venti prodotti dai ruminanti. La notizia quindi viene rubricata da Renovatio 21 sotto la categoria «Satira», ma fino ad un certo punto.

 

Il bestiame, in particolare mucche e bovini, produce metano, ritenuto dalla vulgata mainstream un pericoloso gas serra che riscalda l’atmosfera, come parte del loro normale processo digestivo.

 

Il conduttore della trasmissione Tucker Carlson ha quindi chiesto alla mandriana se sarebbe stato fattibile mettere un pannolino su una mucca e si è chiesto se l’intera faccenda fosse uno scherzo. «Penso che queste persone siano andate fuori. Non è possibile che io metta un pannolino sulla mia mucca», replicava la cowgirla.

 

Ad ogni modo qui a Renovatio 21 avevamo preparato l’immagine, che vedete qui sopra. Ne siamo abbastanza fieri.

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Atroce inverno in Afghanistan

Pubblicato

il

Da

Un altro inverno massacratore in Afghanistan, a ennesima dimostrazione della catastrofe portata dagli USA in quelle terre.

 

In seguito alla recente sospensione dell’attività delle ONG e degli aiuti umanitari all’Afghanistan, presumibilmente in risposta a un giro di vite talebano contro le donne, il brutale inverno in Afghanistan è ora diventato un vero e proprio genocidio.

 

Le temperature a Kabul sono scese fino a -21° Celsius, (-6° F), con grandi tempeste di neve e vento che hanno colpito parti del paese.

 

A causa delle sanzioni occidentali applicate all’Afghanistan, il carburante è difficile da trovare, e ancora più difficile da permettersi.

 

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, ora ci sono oltre 28 milioni di afghani, più della metà della popolazione, in qualche forma di bisogno, in aumento anche rispetto allo scorso anno. Come ha detto un residente ad Al Jazeera: «Se compriamo carbone e legna, non saremo in grado di comprare cibo».

 

Al Jazeera illustra la crisi con video e interviste ai cittadini che quest’inverno stanno lottando per l’acquisto di combustibile per il riscaldamento. Invece di combustibili costosi (legna o carbone) cercano rifiuti da bruciare in casa per riscaldare le loro case.

 

L’intervistato dal canale qatariota dice che la stufa «non si scalda mai abbastanza perché non possiamo permetterci nemmeno un po’ di legna. Di solito uso plastica e carta scartate, che non durano molto a lungo», ha detto la madre di due figli.

 

«Questo è l’inverno più freddo della mia vita e non so come sopravviveremo senza cibo o calore».

 

Come riportato da Renovatio 21, gli Stati Uniti di Biden stanno trattenendo 7 miliardi di fondi propri degli afghani.

 

Secondo quanto riportato da grandi testate americane vi sarebbe inoltre un traffico di organi, oltre che di figli, con famiglie disperate che vendono per comprare legna e cibo e resistere all’inverno.

 

A inizio 2022 si scrisse che c’erano già 14 mila morti per mancanza di cibo, mentre l’UNICEF denunciava un «mercato di spose bambine di 20 giorni», parte di una tratta di «schiave sessuali» divenuta fiorente.

 

Nell’Emirato degli studenti coranici continua copiosa l’attività violenta della branca locale dell’ISIS, chiamata ISIS-K, che ha bombardato un hotel cinese lo scorso mese.

 

Un mese fa è stato riportato che un patogeno sconosciuto aveva infettato 80 persone uccidendo due bambini nella provincia di Zabul, a Sud del Paese. Bill Gates si è tuttavia offerto di incontrare i vertici talebani per parlare di vaccini.

 

Secondo l’ONU, dall’avvento dei talebani vi sono migliaia di morti e feriti.

 

Nel frattempo, il portavoce dell’Emirato va sui social glorificando la prima supercar talebana, costruita con probabilità coi pezzi di una Toyota Corolla.

 

 

 

 

Immagine da Pxhere

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

In Medio oriente crescono i timori di una crisi alimentare «senza precedenti»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

È quanto emerge dai dati di un sondaggio di al-Monitor e Premise Data in Turchia, Yemen, Iraq, Tunisia ed Egitto. Il 68% dei rispondenti dice di essere in qualche modo «preoccupato» di trovare cibo entro i prossimi sei mesi. I timori maggiori fra i turchi dove il dato sale al 75%. Pesa la guerra russa in Ucraina.

 

 

Crescono i timori di una crisi senza precedenti fra gli abitanti della regione che, mai come oggi, guardano al futuro con incertezza e la paura di non avere denaro sufficiente per l’acquisto di alimenti e materie prime.

 

Almeno questo è quanto emerge da una inchiesta commissionata e pubblicata da Al-Monitor in cinque Paesi arabi sparsi fra Medio Oriente e Nord Africa, secondo cui il 68% degli interpellati si dice «preoccupato» circa la propria capacità di «accesso al cibo».

 

Inflazione e costo delle derrate sono temi sensibili per le popolazioni locali e la ragione principale dietro l’ondata di proteste che hanno contraddistinto le cosiddette Primavere arabe nel 2011. Oggi, secondo gli esperti, a pesare è la guerra russa in Ucraina.

 

L’inchiesta ha riguardato Egitto, Turchia, Yemen, Tunisia e Iraq e ha preso in esame le prospettive nel breve-medio periodo, proiettando lo sguardo ai prossimi mesi in una fase storica in cui secondo la FAO (agenzia ONU per il cibo e l’agricoltura) i prezzi nel 2022 sono cresciuti del 14,3%. Per gli esperti si tratta dell’aumento più consistente mai registrato dagli anni ‘90 ad oggi.

 

Il sondaggio di Al-Monitor e Premise Data ha preso in esame quasi 4.500 intervistati, con un margine di errore del 3% circa, fra il 15 dicembre 2022 e il 10 gennaio 2023. Se finora la maggioranza (62%) ha detto di essere in grado di trovare cibo per fronteggiare le necessità, guardando al futuro cresce la preoccupazione: il 41% è in qualche modo preoccupato e il 27% manifesta «profonda preoccupazione» di riuscire a mettere cibo in tavola entro i prossimi sei mesi.

 

I timori maggiori vengono dai cittadini turchi, dove il 75% nutre una qualche forma di timore più o meno profonda (44% e 31%). A seguire la Tunisia con il 73%, ma la situazione non è certo di molto migliore altrove.

 

Interpellati sull’aumento dei prezzi di cibo e bevande, la grande maggioranza conferma l’escalation con un 46% che parla di prezzi «molto più alti» e il 36% secondo cui sono «in qualche modo più elevati».

 

Da notare il caso dell’Egitto in cui per il 75% dei rispondenti i prezzi sono «molto più alti» e per il 25% sono «un po’ più elevati»; del resto nel Paese dei faraoni l’inflazione a dicembre ha fatto registrare un più 21,9%, in aumento rispetto al 19,2% del mese precedente. E agli aumenti nei generi alimentari si sommano quelli del gas, dell’elettricità e degli alloggi per un quadro complessivo che desta più di un timore per i suoi abitanti, anche per la forte dipendenza (80% circa) dal mercato russo.

 

In Turchia l’inflazione annuale ha raggiunto il massimo degli ultimi 24 anni toccando quota 84,4% a novembre, per scendere al 64,27% a dicembre, ma si tratta di un rallentamento parziale per una congiunzione favorevole legata alla fine dell’anno. I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati di quasi l’1,9% a dicembre rispetto al mese precedente, mentre l’inflazione su base annua per i generi alimentari è del 78% circa secondo i dati dell’Istituto di statistica turco.

 

In Iraq, dove lo scorso anno soprattutto al sud si sono registrate proteste per l’aumento dei generi alimentari, l’aumento dei prezzi sarebbe da imputare all’invasione russa dell’Ucraina. Per lo Yemen, devastato da una guerra sanguinosa, le organizzazioni internazionali parlano di condizioni che rasentano la carestia mentre il Paese dipende per oltre il 40% dalle forniture di Mosca e Kiev in tema di grano.

 

Non sorprende che la maggior parte dei partecipanti al sondaggio abbia registrato un aumento più significativo nei prezzi del pane proprio nell’ultimo mese, con l’Egitto nella situazione peggiore tanto che il 54% parla di crescita «consistente» dei prezzi.

 

Negli altri Paesi presi in esame questo dato è sempre inferiore al 50% e ciò può essere in parte attribuito al fatto che il consumo pro capite di pane al Cairo oscilla tra 150 e 180 kg, più del doppio della media globale di 70-80 kg.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da Envato

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari