Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Fertilizzanti, attacco organizzato alle forniture globali?

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Le carenze energetiche globali che hanno portato i prezzi del carbone, del petrolio e del gas naturale a livelli esplosivi negli ultimi mesi sono una prevedibile conseguenza della folle ricerca di politiche economiche «Zero Carbon» che hanno visto governi sciocchi sovvenzionare una quota crescente di elettricità generata dagli inaffidabili solare ed eolico. Una conseguenza è stata un aumento di cinque volte del prezzo del gas naturale o del metano in tutto il mondo. Ciò si estende dalla Cina all’UE, agli Stati Uniti e oltre. Una conseguenza successiva di tale carenza di gas naturale e dell’esplosione dei prezzi è una crisi crescente nella produzione mondiale di fertilizzanti per l’agricoltura. Tutto questo potrebbe non essere un caso. Si adatta all’agenda del WEF Great Reset delle Nazioni Unite 2030.

 

 

 

I fertilizzanti a base di ammoniaca a base di azoto (la maggior parte della nostra aria, quindi mai in carenza) e gas naturale o metano (CH4) costituiscono quasi il 70% di tutti i fertilizzanti utilizzati per sostenere le principali colture agricole come grano, mais, riso e persino caffè.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale.

 

Poiché i prezzi del gas naturale sono aumentati dal 300% al 500% negli ultimi mesi, ciò ha avuto un impatto devastante sulla produzione mondiale di fertilizzanti, dove circa l’80% del costo di produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca è dovuto al gas naturale

Quando l’uragano Ida ha colpito la Louisiana il 25 agosto, il più grande complesso industriale di ammoniaca del mondo, di proprietà di CF Industries, è stato chiuso per motivi di sicurezza e riaperto solo dieci giorni dopo.

 

Curiosamente a quel punto altre due fabbriche della stessa CF Industries, quelle nel Regno Unito, hanno annunciato che avrebbero chiuso altri due impianti di fertilizzanti il ​​22 settembre, adducendo come causa gli alti prezzi del gas naturale, nonostante il loro impianto in Louisiana fosse fermo da appena dieci giorni.

 

I due impianti forniscono circa i due terzi della domanda nazionale di fertilizzanti del Regno Unito. Il governo è stato costretto a concedere sussidi di emergenza a CF Industries per riaprire temporaneamente uno dei due impianti per allentare le pressioni.

 

L’effetto combinato delle tre principali chiusure da parte dello stesso gruppo si è aggiunto alla crisi dell’offerta mondiale di fertilizzanti. Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock.

Potrebbe essere solo una coincidenza che i due maggiori proprietari di azioni di CF Industries siano Vanguard e BlackRock

 

Questa è una crisi a valanga. All’inizio di ottobre è stata annunciata la chiusura della produzione di fertilizzanti con ammoniaca da parte della gigantesca azienda chimica tedesca, BASF, in Belgio e Germania, a tempo indeterminato. Influisce anche sulla produzione di additivo per carburante diesel a base di ammoniaca, AdBlue.

 

Ulteriori chiusure sono in corso ad Achema in Lituania, OCI in Olanda.

 

Yara International sta riducendo del 40% la sua produzione di fertilizzanti a base di ammoniaca nell’UE.

 

Fertiberia in Spagna sta chiudendo un impianto insieme a OPZ in Ucraina, un importante produttore di fertilizzanti.

 

In Austria Borealis AG ha chiuso la produzione e il più grande produttore tedesco di ammoniaca, SKW Piesteritz, ha ridotto la produzione del 20%.

 

Ad aggravare la crisi globale dei fertilizzanti, l’amministrazione Biden ad agosto ha imposto sanzioni al governo bielorusso, nominando esplicitamente Belaruskali OAO, il quarto produttore mondiale di fertilizzanti, il «sostegno al regime bielorusso a spese del popolo bielorusso». Belaruskali controlla circa un quinto del mercato mondiale dei fertilizzanti a base di potassio.

 

 

Il cuore della sicurezza alimentare globale

I fertilizzanti a base di azoto sono di gran lunga i più utilizzati nell’agricoltura globale, circa tre quarti di tutti i fertilizzanti commerciali.

 

Dallo sviluppo del processo Haber-Bosch in Germania poco prima della prima guerra mondiale, la produzione artificiale di fertilizzanti azotati ha sostenuto l’enorme espansione della produttività agricola. I fertilizzanti azotati sono costituiti da ammoniaca (NH3) prodotta dal processo Haber-Bosch. È ad alto bisogno energetico se si utilizza gas naturale (CH4) che è metano, per fornire idrogeno.

 

Questo NH3 o ammoniaca viene utilizzato come materia prima per altri fertilizzanti azotati, come il nitrato di ammonio anidro (NH4NO3) e l’urea (CO(NH2)2). I raccolti a partire dalla Seconda Guerra Mondiale sono diventati fortemente dipendenti dai fertilizzanti a base di azoto.

 

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati. Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati

Si stima che negli Stati Uniti la resa media del mais diminuirebbe del 40% senza fertilizzanti azotati.

 

Oggi si stima che forse metà della popolazione mondiale dipenda dai fertilizzanti azotati.

 

Secondo studi pubblicati sulla rivista scientifica Nature, il 48 per cento della popolazione mondiale nel 2008 dipendeva dai fertilizzanti azotati per l’accesso quotidiano al cibo.

 

«Ciò significa che i fertilizzanti azotati nel 2015 hanno fornito sicurezza alimentare a 3,5 miliardi di persone che altrimenti sarebbero morte di fame».

 

 

Shock cinese

Ad aggiungere un enorme shock alla crescente carenza globale di fertilizzanti è la decisione di Pechino nelle ultime settimane di tagliare o congelare drasticamente le esportazioni di fertilizzanti per una serie di motivi, tra cui la carenza di carbone e gas naturale per l’energia elettrica e un tentativo di panico di controllare l’inflazione interna.

 

La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato

Le inondazioni estive record nella provincia di Henan hanno colpito il cuore della regione cerealicola cinese e il governo ha avviato una campagna per far sottoporre i cittadini a una «Campagna Clean Plate 2.0» per fermare lo spreco alimentare, che alcuni ritengono sia un modo per mascherare i gravi fallimenti del raccolto .

 

Cina, India e Stati Uniti sono di gran lunga i maggiori utilizzatori al mondo di fertilizzanti azotati in tonnellate per acro.

 

La Cina è anche uno dei maggiori esportatori di fertilizzanti e lì il governo a settembre ha annunciato il divieto di esportazione di fertilizzanti a base di azoto e fosfato fino a giugno 2022. Con l’aumento dei prezzi globali del gas naturale e del carbone importato dalla Cina, il Paese ha visto una significativa energia elettrica blackout a causa della chiusura delle aziende elettriche piuttosto che della vendita di energia in perdita.

 

Una conseguenza della complessa crisi è il divieto di esportazione di fertilizzanti. La Cina è il più grande esportatore di fertilizzanti a base di azoto ureico, rappresentando quasi un terzo dell’offerta globale, ed è anche un importante produttore di fosfato.

 

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato

In Baviera, nel sud della Germania, gli agricoltori non sono in grado di acquistare fertilizzanti almeno fino alla prossima estate.

 

La diffusione della crisi globale dei fertilizzanti comporterà una forte riduzione di mais, grano, riso, caffè e altre colture nel 2022. Ciò colpisce a causa della più alta inflazione dei prezzi alimentari degli ultimi decenni, ulteriormente aggravata dalle misure COVID e dalle interruzioni del commercio marittimo globale.

 

 

L’attacco al metano di COP26

Dietro la crescente crisi globale della carenza di fertilizzanti c’è l’esplosione di cinque volte del prezzo del metano o del gas naturale, come viene solitamente chiamato.

 

Ciò ha le sue origini nelle deliberate politiche verdi «anti-carbon» dell’amministrazione Biden e dell’Unione Europea con il suo programma «Fit for 55» per ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030, incluso il metano o il gas naturale.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale

L’amministrazione Biden ha forzato il disinvestimento nel gas di scisto USA e l’espansione forzata dell’energia verde altamente sovvenzionata come l’eolico e il solare ha creato una rete elettrica inaffidabile. Quando non soffia il vento o non c’è il sole, manca l’energia elettrica alternativa. L’archiviazione è un problema enorme.

 

Non era così importante quando il solare o l’eolico costituivano una piccola percentuale della rete. Ma oggi in Paesi come la Germania che è energeticamente dipendente, le fonti alternative possono costituire il 42% del consumo elettrico lordo. Mentre le centrali nucleari e a carbone vengono tassate fino all’estinzione per la follia Zero Carbon, i prezzi del petrolio e del gas naturale stanno esplodendo. Di conseguenza, i nuovi investimenti nello sfruttamento degli idrocarburi stanno crollando e le forniture sono limitate proprio quando tutti ne hanno bisogno.

 

La crescente crisi della produzione mondiale di fertilizzanti si inserisce bene nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per l’agricoltura «sostenibile» (sic) con cui i globalisti come il World Economic Forum di Klaus Schwab e BlackRock di Wall Street, il più grande fondo di investimento privato del mondo con segnalati 9 trilioni di dollari di risorse in gestione, puntano ad una drastica riduzione della produzione di carne, sostituendola con carni finte coltivate in laboratorio o addirittura insetti come fonte di proteine.

 

C’è una crescente demonizzazione dell’agricoltura e in particolare della produzione di carne, sostenendo che sia una delle principali fonti di riscaldamento globale.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il metano è ora uno dei principali obiettivi dell’agenda verde degli Stati Uniti e dell’UE. In particolare, al recente raduno delle Nazioni Unite COP 26 sul riscaldamento globale, circa 100 nazioni hanno firmato una proposta congiunta UE-USA per ridurre le emissioni di gas metano del 30% entro il 2030.

 

Possiamo aspettarci di vedere un aumento degli attacchi del governo e delle ONG al nostro sistema alimentare utilizzando l’impennata dei prezzi dei fertilizzanti, le campagne contro la carne e la richiesta di un’agricoltura «sostenibile» per aumentare ulteriormente il nostro costo del cibo, ora in aumento.

 

La chiave di questo attacco è la guerra del Green New Deal a petrolio, gas e carbone, il sistema energetico a basso costo che è stato il cuore dell’economia globale di oggi e la fuga dalla povertà dalla Seconda Guerra Mondiale.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Bambini africani costretti a mangiare vermi e termiti come parte di un esperimento sostenuto dal governo britannico

Pubblicato

il

Da

Il governo del Regno Unito sta finanziando un esperimento per valutare l’effetto del consumo di cibi come il «porridge a base di insetti» sullo stato nutrizionale dei bambini in Zimbabwe, una pratica promossa dagli ambientalisti come una scelta dietetica «sostenibile». Lo riporta Lifesitenews.

 

Il progetto finanziato dal Regno Unito per la ricerca e l’innovazione (UKRI) sta alimentando quotidianamente per un anno i bambini poveri delle scuole elementari con vermi mopane e farina di termiti soldato.

 

Lo studio esaminerà gli effetti dell’alimentazione basata su insetti sull’altezza, sul peso e sullo stato dei micronutrienti dei bambini, nonché sulla loro funzione cognitiva, determinata dal loro rendimento scolastico.

 

La sintesi del progetto rileva che gli alimenti per insetti sono «culturalmente accettabili» nella regione africana, dal momento che le polveri di termiti soldato e vermi mopane sono state tradizionalmente utilizzate da alcune comunità rurali dello Zimbabwe per evitare la malnutrizione durante la siccità e i raccolti scarsi.

 

La natura sperimentale dello studio è sottolineata dall’affermazione della descrizione del progetto secondo cui «manca il legame meccanicistico tra consumo di insetti e salute», nonostante la sua affermazione che gli insetti commestibili sono «una preziosa fonte di nutrienti tra cui aminoacidi essenziali, contenuto di minerali e grassi essenziali acidi».

 

La descrizione del progetto non menziona alcun potenziale effetto negativo sulla salute del consumo regolare di insetti: gli insetti contengono chitina, che, secondo gli studi, potrebbe essere un composto altamente infiammatorio e che potrebbe indurre allergie.

 

Gli scienziati dell’Università della California di San Francisco hanno infatti  scoperto che la chitina «attiva una risposta infiammatoria allergica nei polmoni dei topi» e stanno anche studiando se alcune persone sono «più inclini all’asma perché sono meno in grado di controllare la loro esposizione all’inalazione chitina».

 

La loro ricerca solleva la questione se il governo del Regno Unito e tutti coloro che sono coinvolti nell’esperimento dello Zimbabwe siano consapevoli del fatto che gli scienziati stanno studiando «l’ipotesi» che «la chitina causi infiammazione e allergia».

 

Altri problemi di sicurezza relativi al consumo di insetti sono sollevati da uno  studio pubblicato nel 2019, che ha rilevato parassiti nell’81% degli allevamenti di insetti esaminati. Nel 30% di questi casi (91), i parassiti «erano potenzialmente patogeni per l’uomo». Lo studio ha definito gli insetti commestibili «un serbatoio sottovalutato di parassiti umani e animali».

 

Mentre l’esperimento finanziato dal Regno Unito mira a combattere la malnutrizione, le mosse per demonizzare l’agricoltura tradizionale e normalizzare il consumo di grilli e altri insetti a livello globale sono aumentate negli ultimi anni, in nome di abitudini di consumo più «sostenibili».

 

Un recente video della testata americana Business Insider ha pubblicizzato i grilli come contenenti «più proteine ​​​​del manzo, senza alcun danno ambientale».

 


 

Come riportato da Renovatio 21, anche la UE programma il passaggio ad un’alimentazione a base di insetti. Due anni fa l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare ha pubblicamente annunciato l’approvazione alla vendita di vermi come cibo per esseri umani.

 

Nel 2021, il capo del World Economic Forum (WEF)  Klaus Schwab, guru del Grande Reset, ha affermato che «dobbiamo dare agli insetti il ​​ruolo che meritano nei nostri sistemi alimentari».

Il fondatore di Microsoft Bill Gates, considerato il più grande proprietario privato di terreni agricoli negli Stati Uniti , nel 2019 ha investito 100.000 dollari in una start-up di allevamento di insetti, secondo il WEF, che ha affermato che i loro invertebrati hanno «lo scopo di nutrire il mondo».

 

Come ripetiamo su Renovatio 21, si prepara davvero il Grande Reset alimentare.

 

 

 

 

Immagine di Florence Devoaurd via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International3.0 Unported2.5 Generic2.0 Generic1.0 Generic

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

I contadini distrutti dal costo dell’energia. L’Europa verso la mancanza di cibo

Pubblicato

il

Da

I lavoratori dell’agricoltura europei suonano l’allarme per la situazione oramai divenuta insostenibile al punto da potere ingenerare lacune nella fornitura di alimentari alla popolazione.

 

«In tutta l’Europa settentrionale e occidentale, i produttori di ortaggi stanno valutando la possibilità di interrompere le loro attività a causa del duro colpo finanziario della crisi energetica europea, minacciando ulteriormente le forniture alimentari» riporta l’agenzia Reuters.

 

L’aumento dei prezzi dell’energia elettrica e del gas avrà un impatto sulle colture coltivate durante l’inverno in serre riscaldate, come pomodori, peperoni e cetrioli, e su quelle che devono essere conservate in celle frigorifere, come mele, cipolle, cicoria.

 

«Nel 2021 abbiamo pagato 100.000 euro per l’elettricità», ha dichiarato un produttore francese di cicoria alla stazione radio francese Europe1.

 

«Quest’anno pagherò una cifra non lontana da 200.000 euro. E oggi la proposta che mi è arrivata è di 750.000 euro l’anno, a patto di firmare per tre anni. Vale a dire che mi viene chiesto di pagare 2,2 milioni di euro al mio fornitore di energia».

 

«L’aumento dei prezzi del gas è il più grande costo che devono affrontare gli agricoltori che coltivano all’interno delle serre».

 

A ciò si aggiungono i crescenti costi di fertilizzanti, imballaggi e trasporti.

 

Gli agricoltori francesi che hanno rinnovato i loro contratti di elettricità per il 2023 hanno affermato che i prezzi quotati erano più di 10 volte quelli del 2021.

 

«Ci troviamo di fronte a un aumento dei costi di produzione complessivi di circa il 30%», ha affermato Johannes Gross, vicedirettore vendite della cooperativa tedesca Reichenau-Gemüse le cui serre coprono 60 ettari.

 

Gross afferma che l’energia rappresentava tra la metà ei due terzi di questi costi aggiuntivi.  «Alcuni colleghi stanno pensando di lasciare le loro serre vuote per mantenere i costi il ​​più bassi possibile».

 

Il gruppo industriale delle serre Glastuinbouw Nederland ha dichiarato a Reuters che fino al 40% dei suoi 3.000 membri sono in difficoltà finanziarie.

 

In Spagna, i coltivatori di frutta e verdura hanno visto un aumento del 25% dei costi dei fertilizzanti.

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

La California legalizza il «compostaggio umano»: campi concimati coi cadaveri

Pubblicato

il

Da

Lo Stato della California ora consentirà ai suoi cittadini di scegliere, oltre alla sepoltura o alla cremazione, anche il «compostaggio umano», cioè l’uso del cadavere per concimare i campi.

 

Come riportato a suo tempo da Renovatio 21, in California la legge che trasforma gli esseri umani in fertilizzanti era in lavorazione da almeno un anno, e già attiva da ancora più tempo in altri Stati degli USA.

 

L’opzione sarà attiva dal 2027. La legge appena firmata dal governatore Gavin Newsom, chiamata Assembly Bill 351, si riferisce alla procedura come «Natural Organic Reduction» (NOR), cioè «riduzione organica naturale».

 

«Il processo di compostaggio di un cadavere, già legalizzato nello Stato di Washington, Colorado e Oregon, prevede di mettere il corpo in un contenitore riutilizzabile, circondarlo con trucioli di legno e aerarlo per far crescere microbi e batteri» scrive il quotidiano San Francisco Gate. «Dopo circa un mese , i resti si decomporranno e saranno completamente trasformati in terriccio. Aziende come Recompose nello Stato di Washington offrono il servizio in una struttura di riduzione organica naturale».

 

Il processo è considerato ecologico, poiché non richiede la combustione di combustibili fossili e l’emissione di monossido di carbonio. Secondo il National Geographic, le cremazioni nei soli Stati Uniti emettono circa 360.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi sarebbe ora anche una nuova alternativa ecologica, la cosiddetta «acquamazione»: i cadaveri vengono sciolti nell’acido e poi scaricati nelle fogne, così da risparmiare anidride carbonica per combattere il Cambiamento Climatico. Il celebre vescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu ha deciso di andarsene così; purtroppo è accaduto che, coincidenza, poche ore dopo un edificio pubblico proprio accanto alla Cattedrale di Città del Capo dove si è svolto il funerale acquamatorio sia andato in fiamme, consumando così tantissima anidride carbonica risparmiata con fatica nel dissolvimento via acido del corpo del vescovo.

 

Tornando al compost umano californiano, l’autore del disegno di legge, la democrat Cristina Garcia, ha sottolineato che la legge è motivata dal Cambiamento Climatico. «Con il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare come minacce reali per il nostro ambiente, questo è un metodo alternativo di smaltimento finale che non contribuirà alle emissioni nella nostra atmosfera».

 

Lei stessa freme all’idea di divenire concime: «Non vedo l’ora di continuare la mia eredità di lottare per l’aria pulita usando i miei resti ridotti per piantare un albero».

 

Le leggi sul concime di cadaveri hanno paletti piuttosto grotteschi.

 

In Colorado la legge stabilisce che i cadaveri-concime di più persone non possono essere combinato senza consenso, il fertilizzante cadaverico non può essere venduto e non può essere utilizzato per coltivare cibo per il consumo umano.

 

Il disegno di legge della California vieta la combinazione di resti di più persone, purché non siano familiari (da parenti serpenti a parenti vermetti?), ma a differenza del Colorado, la California non vieta esplicitamente la vendita del compostaggio umano o il suo utilizzo per coltivare cibo per il consumo umano.

 

«Il processo ha incontrato l’opposizione in California da parte della Chiesa cattolica, che afferma che il processo “riduce il corpo umano a un semplice prodotto usa e getta» scrive il SF Gate. Non ci pare che il Sacro Palazzo abbia detto qualcosa in merito di recente. Tuttavia alcune voci cattoliche californiane hanno ricordato che il processo del NOR era stato inizialmente sviluppato per il bestiame – come la riproduzione artificiale, aggiungiamo noi, che conosciamo come la zootecnica sia solo il laboratorio di quello che poi accade all’uomo ridotto dal mondo moderno a bestia da produrre, sfruttare ed abbattere a piacimenti.

 

«Questi metodi di smaltimento sono stati utilizzati per ridurre la possibilità che la malattia fosse trasmessa dalla carcassa morta», ha dichiarato Kathleen Domingo, della California Catholic Conference . «L’uso di questi stessi metodi per la “trasformazione” dei resti umani può creare uno sfortunato allontanamento spirituale, emotivo e psicologico dal defunto».

 

La Domingo dice che il processo, che potrebbe portare alla dispersione di resti umani in luoghi pubblici, «rischia che le persone calpestino resti umani a loro insaputa mentre ripetute dispersioni nella stessa area equivalgono a una fossa comune».

 

Il fenomeno in questi anni era stato riportato più volte da Renovatio 21.

 

È per noi impossibile non vedere come tutto questo sia la Necrocultura realizzata: l’uomo ridotto a concime (cioè escremento), e le sue spoglie reinserite nel ciclo alimentare, in attesa che sia legalizzato il cannibalismo vero e proprio – il tutto sotto l’imperativo emergenziale dell’ambiente, vero padrone delle nostre vite e perfino dei nostri corpi.

 

Siamo davanti al quadro spudorato della distruzione totale della dignità umana, con l’essere umano, che è Imago Dei, Immagine di Dio, ridotto al ruolo che ha la cacca dei bovini. La massa vaccina, del resto, correrà a farsi compostare.

 

Notiamo infine come sia ironico che la legge passi in questo 2022, che è esattamente l’anno della vecchia pellicola del 1973  2022 i sopravvissuti, la quale raccontava di una società distopica che si cibava dei corpi della gente lavorati industrialmente.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari