Altri decessi segnalati dopo i vaccini J&J e AstraZeneca. Sempre più ricercatori collegano AZ agli ictus nei giovani adulti

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I vaccini COVID di AstraZeneca e Johnson & Johnson sono stati nuovamente esaminati questa settimana poiché sono emerse nuove segnalazioni di decessi, in gran parte dovuti a disturbi della coagulazione del sangue, in Belgio, Canada e Grecia e un nuovo rapporto ha collegato il vaccino AstraZeneca agli ictus nei giovani adulti.

 

 

I vaccini COVID AstraZeneca e Johnson & Johnson (J&J) sono stati nuovamente esaminati questa settimana poiché sono emerse nuove segnalazioni di decessi, in gran parte dovute a disturbi della coagulazione sanguigna, in Belgio, Canada e Grecia.

 

Ai problemi dei produttori di vaccini si aggiunge un nuovo rapporto di Londra dei ricercatori che hanno identificato i primi casi di ictus verificatisi in giovani adulti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, sviluppato congiuntamente all’Università di Oxford nel Regno Unito.

 

 

Ai problemi dei produttori di vaccini si aggiunge un nuovo rapporto di Londra dei ricercatori che hanno identificato i primi casi di ictus verificatisi in giovani adulti che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, sviluppato congiuntamente all’Università di Oxford nel Regno Unito

Il Belgio sospende l’uso del vaccino J&J

Il Belgio ha dichiarato di aver sospeso le vaccinazioni con il vaccino J&J, per le persone di età inferiore ai 41 anni, in seguito alla morte di una donna per trombosi dopo aver ricevuto il vaccino. Questa è la seconda volta che il Belgio mette in pausa il vaccino monodose.

 

«La conferenza interministeriale ha deciso di somministrare temporaneamente il vaccino di Janssen alla popolazione dall’età di 41 anni, in attesa di un’analisi più dettagliata del rapporto rischio-beneficio da parte dell’EMA», afferma una dichiarazione rilasciata dal ministro federale della sanità belga e da sette omologhi regionali.

 

La donna, che aveva meno di 40 anni, è morta il 21 maggio dopo essere stata ricoverata in ospedale con grave trombosi e carenza di piastrine, secondo quanto riporta Reuters.

 

Il governo ha chiesto una consulenza urgente al regolatore farmaceutico dell’Unione europea, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA), prima di prendere in considerazione la possibilità di revocare la sospensione.

 

Il Belgio ha dichiarato di aver sospeso le vaccinazioni con il vaccino J&J, per le persone di età inferiore ai 41 anni, in seguito alla morte di una donna per trombosi dopo aver ricevuto il vaccino

L’EMA ha affermato che sta riesaminando il decesso della donna in Belgio, insieme ad altre segnalazioni di coaguli di sangue, con le agenzie farmaceutiche belghe e slovene, e ha chiesto a J&J di condurre una serie di studi aggiuntivi per aiutare a valutare un possibile collegamento tra l’iniezione e i casi di trombosi.

 

J&J ha dichiarato che il 20 aprile riprenderà la distribuzione nell’UE del suo vaccino COVID, commercializzato dalla filiale Janssen – con una nuova avvertenza sul foglio illustrativo – dopo che diversi paesi, tra cui il Belgio, hanno sospeso il vaccino per le preoccupazioni sul possibile collegamento ai disturbi della coagulazione del sangue.

 

L’EMA ha confermato un «possibile collegamento», ma ha concluso che i benefici del vaccino sono superiori ai rischi. Il comitato per la sicurezza del regolatore farmaceutico   (PRAC) ha sostenuto che si dovrebbe aggiungere un’avvertenza nel foglio illustrativo del prodotto, ma i disturbi correlati ai coaguli di sangue dovrebbero essere elencati come effetti collaterali «molto rari» del vaccino.

 

Il 23 aprile, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno votato per riprendere l’uso del vaccino di J&J senza restrizioni dopo la pausa per indagare sulle segnalazioni di rari coaguli di sangue. La raccomandazione del comitato consultivo del CDC ha affermato che il legame tra i coaguli di sangue e il vaccino COVID di J&J era «plausibile», ma ha concluso che i benefici del vaccino superano i rischi e ha raccomandato l’uso per le persone di età pari o superiore a 18 anni negli Stati Uniti in base all’ Autorizzazione all’Uso di Emergenza della FDA.

J&J ha affermato che non è stata stabilita una chiara relazione causale tra il vaccino e i coaguli di sangue

 

J&J ha affermato che non è stata stabilita una chiara relazione causale tra il vaccino e i coaguli di sangue.

 

 

I ricercatori individuano ictus nei giovani adulti dopo l’iniezione di AstraZeneca

primi casi di occlusione arteriosa di grandi vasi in giovani adulti legati al vaccino di AstraZeneca sono stati descritti in dettaglio per la prima volta in una lettera pubblicata online sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.

 

tre casi, uno dei quali fatale, si sono verificati in due donne e un uomo tra i 30 e i 40 anni che hanno sviluppato caratteristiche di trombocitopenia immune trombotica indotta dal vaccino (VITT), reazione associata al vaccino AstraZeneca.

 

I primi casi di occlusione arteriosa di grandi vasi in giovani adulti legati al vaccino di AstraZeneca sono stati descritti in dettaglio per la prima volta in una lettera pubblicata online sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry

«Questi sono i primi rapporti dettagliati sull’ictus arterioso ritenuto causato da VITT dopo il vaccino COVID AstraZeneca, sebbene l’ictus sia stato menzionato in precedenza nei dati VITT», ha dichiarato l’autore principale, il dott. David Werring, professore di neurologia clinica presso lo Stroke Research Centre, University College London Queen Square Institute of Neurology, a Medscape Medical News.

 

«La VITT si presenta più comunemente come CVST (trombosi del seno venoso cerebrale) che è un ictus causato da una trombosi venosa; questi casi stanno dimostrando che può anche provocare ictus da una trombosi arteriosa», ha spiegato Werring.

 

Werring ha notato che i rapporti non aggiungono nulla al rischio/beneficio complessivo del vaccino, poiché descrivono solo tre casi. «La VITT è molto seria, ma il beneficio del vaccino supera ancora i suoi rischi», ha detto.

 

Il primo caso, una donna di 35 anni, ha manifestato mal di testa intermittenti sul lato destro e intorno agli occhi per sei giorni dopo la vaccinazione. Cinque giorni dopo, si è svegliata con una sensazione di sonnolenza e debolezza al viso, al braccio e alla gamba sinistri.

 

La risonanza ha mostrato che la donna aveva un’arteria cerebrale mediana destra bloccata con infarto cerebrale e coaguli nella vena porta destra. Ha subito un intervento chirurgico al cervello per ridurre la pressione nel cranio, rimozione e sostituzione del plasma e trattamento con anticoagulante e fondaparinux, ma ha subito la morte del tronco cerebrale e successivamente è deceduta.

Il primo caso, una donna di 35 anni, ha manifestato mal di testa intermittenti sul lato destro e intorno agli occhi per sei giorni dopo la vaccinazione. Cinque giorni dopo, si è svegliata con una sensazione di sonnolenza e debolezza al viso, al braccio e alla gamba sinistri

 

Il secondo caso, una donna di 37 anni, si è presentata con cefalea, confusione, debolezza al braccio sinistro e perdita della vista sul lato sinistro 12 giorni dopo la vaccinazione con AstraZeneca. La risonanza ha mostrato l’occlusione di entrambe le arterie carotidi, nonché coaguli di sangue nei polmoni e nel cervello. È migliorata clinicamente con il trattamento.

 

Il terzo caso si è verificato in un uomo di 43 anni che si è presentato 21 giorni dopo la vaccinazione con problemi del linguaggio. La risonanza ha mostrato un coagulo nell’arteria cerebrale mediana sinistra. È stato curato e le sue condizioni rimangono stabili.

 

I ricercatori hanno affermato che i giovani pazienti che si presentano con ictus ischemico dopo aver ricevuto il vaccino di AstraZeneca dovrebbero essere urgentemente valutati per la VITT.

 

 

Un uomo dell’Ontario muore per un coagulo di sangue «raro ma reale» dopo la prima dose di AstraZeneca

Un uomo dell’Ontario sulla quarantina è morto dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca, hanno confermato i funzionari della sanità pubblica.

 

Un uomo dell’Ontario sulla quarantina è morto dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca, hanno confermato i funzionari della sanità pubblica

La dottoressa Barbara Yaffe, responsabile medico sanitario associato dell’Ontario, ha affermato che la sua morte è oggetto di indagine, ma l’uomo soffriva di VITT.

 

«Mentre le indagini sono in corso e la causa finale della morte deve ancora essere determinata ufficialmente, è stato confermato che l’individuo aveva la VITT al momento della sua morte», ha dichiarato la Dott.ssa Yaffe. «I rischi associati a questo vaccino sono rari, ma sono reali».

 

L’ufficiale medico capo dottor David Williams ha limitato le vaccinazioni AstraZeneca alle persone che non hanno ancora ricevuto la prima dose a partire dall’11 maggio a causa di un tasso di coaguli di sangue superiore al previsto.

 

 

La Grecia indaga su quattro casi di coaguli di sangue dopo l’inoculazione di AstraZeneca

Una donna greca di 63 anni è morta per coaguli di sangue dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Il caso è stato uno dei quattro oggetti d’indagine dell’Organizzazione nazionale per i medicinali (EOF) per una potenziale correlazione tra il vaccino di AstraZeneca e rari coaguli di sangue, secondo il Greek City Times.

Una donna greca di 63 anni è morta per coaguli di sangue dopo la vaccinazione con AstraZeneca

 

Sempre in Grecia, una donna di 44 anni è in gravi condizioni dopo aver subito la VITT. Il suo caso è stato il secondo evento scoperto dall’EOF per essere collegato al vaccino, secondo il Greek Reporter.

 

Un terzo caso di coagulazione del sangue ha visto protagonista un uomo di 35 anni di Creta che ha avuto due coaguli di sangue dopo aver ricevuto il vaccino di AstraZeneca. L’uomo è stato ricoverato in ospedale dopo aver riportato un coagulo alla gamba pochi giorni dopo aver ricevuto l’iniezione. Ha avuto un secondo coagulo di sangue nel cervello durante il ricovero in ospedale

 

Come riportato da The Defender il 7 aprile, le autorità di regolamentazione europee hanno confermato un «possibile legame» tra il vaccino COVID di AstraZeneca e i coaguli di sangue «molto rari», ma hanno concluso che i benefici del vaccino superano ancora i rischi.

 

Le autorità di regolamentazione europee hanno confermato un «possibile legame» tra il vaccino COVID di AstraZeneca e i coaguli di sangue «molto rari», ma hanno concluso che i benefici del vaccino superano ancora i rischi

L’EMA non ha raccomandato limitazioni nell’uso del vaccino in base all’età, al sesso o ad altri fattori di rischio, ma ha affermato che i casi di coagulazione del sangue dopo la vaccinazione «dovrebbero essere» elencati come un possibile effetto collaterale, secondo una dichiarazione rilasciata dal comitato per la sicurezza dell’agenzia.

 

Il vaccino AstraZeneca non è ancora autorizzato per l’uso negli Stati Uniti.

 

 

Megan Redshaw

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

© 27 maggio 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.