Una nuova ricerca evidenzia il legame tra il vaccino AstraZeneca e i coaguli di sangue

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Ricercatori in Norvegia e Germania sostengono di aver identificato anticorpi che causano reazioni immunitarie che generano i coaguli di sangue cerebrali sperimentati da alcune persone che hanno ricevuto il vaccino COVID di AstraZeneca.

 

 

 

I ricercatori dell’ospedale universitario di Greifswald, nel nord della Germania, hanno dichiarato di aver scoperto come il vaccino COVID di AstraZeneca potrebbe causare coaguli di sangue che potrebbero portare a rare trombosi nel cervello, come ha riferito l’emittente pubblica Norddeutscher Rundfunk .

 

I ricercatori dell’ospedale universitario di Greifswald  hanno dichiarato di aver scoperto come il vaccino COVID di AstraZeneca potrebbe causare coaguli di sangue che potrebbero portare a rare trombosi nel cervello

Il team tedesco, guidato dal professor Andreas Greinacher, ha affermato in un comunicato che il vaccino di AstraZeneca può, in alcuni casi, indurre l’iperattivazione delle piastrine nel sangue, fatto che può portare a coaguli potenzialmente letali. Come riportato da NPR, Greinacher ha spiegato che è simile a ciò che accade con una condizione chiamata trombocitopenia indotta dall’eparina.

 

Greinacher e il suo team hanno analizzato 13 casi di coaguli di sangue cerebrali segnalati in Germania entro 4-16 giorni dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca. Dodici su tredici erano donne e quasi tutte avevano meno di 55 anni. In quattro dei 12 pazienti, il team è stato in grado di isolare e identificare gli anticorpi specifici che hanno provocato la reazione immunitaria genera i coaguli di sangue cerebrali.

 

I ricercatori hanno scoperto che il vaccino di AstraZeneca attiva le piastrine del sangue, o trombociti, che nel corpo di solito si attivano solo quando una ferita sta guarendo – quando il sangue si coagula mentre la ferita si chiude. In alcuni pazienti, la vaccinazione ha attivato un meccanismo che ha portato alla formazione di coaguli di sangue nel cervello, secondo Deutsche Welle.

 

Greinacher ha spiegato che è simile a ciò che accade con una condizione chiamata trombocitopenia indotta dall’eparina

Gli esperti sperano che la scoperta possa condurre a un trattamento mirato per coloro che soffrono di tale coagulazione. Ma i ricercatori hanno sottolineato che il trattamento sarebbe utile solo dopo la comparsa del coagulo di sangue, non ne impedirebbe la formazione.

 

Il team di ricerca tedesco non ha fornito dati precisi, ma presenterà i risultati a The Lancet, stando a quanto scrive il New York Times.

 

Mentre i ricercatori studiavano casi in Germania, un team guidato da Pål Andre Holme, direttore medico presso l’Ospedale universitario di Oslo, stava indagando su tre casi di coaguli di sangue post-vaccinazione in Norvegia che si sono verificati in operatori sanitari di età inferiore ai 50 anni.

 

«La nostra teoria è che questa sia una forte risposta immunitaria che molto probabilmente avviene dopo il vaccino», ha detto il dottor Holme. «Soltanto il vaccino può spiegare questa risposta immunitaria»

Holme ha detto al  quotidiano norvegese VG di essere fiducioso di aver identificato gli anticorpi innescati dal vaccino che hanno causato una reazione eccessiva del sistema immunitario che genera coaguli di sangue.

 

«La nostra teoria è che questa sia una forte risposta immunitaria che molto probabilmente avviene dopo il vaccino», ha detto Holme. «Soltanto il vaccino può spiegare questa risposta immunitaria», ha detto Holme. È la stessa teoria avanzata da Greinacher e colleghi in Germania.

 

Holme ha aggiunto che «non c’è altro in questi pazienti che possa dare una risposta immunitaria così forte. Sono abbastanza sicuro che siano questi anticorpi la causa, e non vedo altro motivo se non il fatto che sono innescati dal vaccino».

 

«Non c’è altro in questi pazienti che possa dare una risposta immunitaria così forte. Sono abbastanza sicuro che siano questi anticorpi la causa, e non vedo altro motivo se non il fatto che sono innescati dal vaccino»

Come riportato da The Defender la scorsa settimana, più di 20 paesi hanno sospeso le vaccinazioni Oxford-AstraZeneca per le segnalazioni di coaguli di sangue – alcuni con conseguente morte – in persone sane che hanno ricevuto il vaccino.

 

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha esaminato le segnalazioni di danni e decessi correlati ai coaguli di sangue e ha concluso che il vaccino di AstraZeneca non era associato a un rischio complessivo di coaguli nei soggetti vaccinati. Ma non ha escluso un’associazione con rari casi di coaguli nei vasi che drenano il sangue dal cervello noti come trombosi del seno venoso cerebrale, riporta Reuters.

 

I ricercatori dell’EMA hanno comunicato che indagheranno se i rari coaguli di sangue siano collegati al vaccino o si siano verificati per caso, osservando che la trombosi del seno venoso cerebrale è rara ma principalmente associata alla gravidanza e ai contraccettivi orali, ha affermato Sabine Straus, presidente del comitato di sicurezza dell’EMA.

 

La trombosi del seno venoso cerebrale è rara ma principalmente associata alla gravidanza e ai contraccettivi orali, ha affermato Sabine Straus, presidente del comitato di sicurezza dell’EMA

Nonostante il possibile rischio di coaguli di sangue, il capo dell’EMA, Emer Cooke, ha affermato che i benefici del vaccino superano i rischi di potenziali effetti collaterali e il vaccino di AstraZeneca è sicuro ed efficace.

 

La Danimarca ha riferito sabato che altre due persone hanno avuto emorragie cerebrali dopo aver ricevuto il vaccino COVID di AstraZeneca e che una di loro era morta, scrive il New York Times. Un portavoce della Regione della Capitale danese ha confermato il decesso.

 

Secondo il New York Times, l’agenzia di stampa danese Ritzau ha riportato che l’altra persona era una donna sulla trentina ed era gravemente malata.

La Danimarca ha riferito sabato che altre due persone hanno avuto emorragie cerebrali dopo aver ricevuto il vaccino COVID di AstraZeneca e che una di loro era morta

 

L’Agenzia danese per i medicinali ha comunicato che stava valutando se la condizione fosse un potenziale effetto collaterale.

 

«In questo momento stiamo esaminando se questa è la stessa identica immagine della malattia con più coaguli di sangue, un basso numero di piastrine ed emorragie», ha affermato Tanja Erichsen, direttrice dell’Agenzia Danese per i Medicinali,  in un’intervista radiofonica con l’emittente nazionale danese DR.

 

Il dottor James Bussel, esperto di disturbi piastrinici e professore emerito presso la Weill Cornell Medicine, ha affermato che il verificarsi di coagulazione anomala e carenza di piastrine nelle persone sotto i 50 anni è raro. Ha osservato che gli anticorpi identificati dai ricercatori in Europa potrebbero, in una risposta molto insolita al vaccino, aver attivato le piastrine e avviato una serie di coagulazione e sanguinamento anormali, secondo il Times.

 

Il vaccino di AstraZeneca è stato approvato per l’uso di emergenza in 70 paesi ma non ha ricevuto tale autorizzazione negli Stati Uniti

La Danimarca ha sospeso l’uso del vaccino di AstraZeneca fino a giovedì, nonostante le rassicurazioni dell’EMA sul fatto che il vaccino è sicuro.

 

Altri paesi scandinavi e la Finlandia hanno preso decisioni simili a causa dei risultati preliminari di esperti medici in Norvegia e Germania che hanno suggerito un possibile collegamento tra il vaccino e rare malattie ematiche.

 

Il vaccino di AstraZeneca è stato approvato per l’uso di emergenza in 70 paesi ma non ha ricevuto tale autorizzazione negli Stati Uniti. Alcuni esperti di vaccini statunitensi rimangono cauti sulla teoria degli anticorpi e ritengono che l’elevata notorietà degli eventi potrebbe indurre più medici del normale a segnalare la condizione, facendola apparire correlata al vaccino, scrive Reuters.

 

Alcuni esperti statunitensi si domandano anche  perché gli eventi si stiano verificando a tassi più elevati con AstraZeneca rispetto ai vaccini PfizerModernaJohnson & Johnson e Sputnik V della Russia, tutti progettati per produrre anticorpi mirati alla proteina spike che il COVID utilizza per entrare nelle cellule.

 

Alcuni esperti statunitensi si domandano anche  perché gli eventi si stiano verificando a tassi più elevati con AstraZeneca rispetto ai vaccini PfizerModernaJohnson & Johnson e Sputnik V della Russia, tutti progettati per produrre anticorpi mirati alla proteina spike che il COVID utilizza per entrare nelle cellule

Sebbene Johnson & Johnson utilizzi anche un adenovirus non replicante per rilasciare proteine spike nelle cellule, è stato approvato solo di recente  negli Stati Uniti, nel febbraio 2021.

 

«Dovremo vedere quando (scienziati tedeschi e norvegesi) presenteranno una pubblicazione sottoposta a revisione paritaria e la comunità scientifica potrà esaminarla», ha affermato il dott. Peter Hotez, ricercatore di vaccini presso il Baylor College of Medicine di Houston. «Non c’è motivo per cui il vaccino AstraZeneca lo farebbe mentre gli altri, inclusi i vaccini COVID-19 basati sull’adenovirus, no».

 

 

Megan Redshaw

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

© 22 marzo 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.