Donna muore dopo vaccino Astrazeneca. Il marito colpito da ictus dopo vaccino Pfizer

 

 

 

Dopo la signora di Treviso morta un’ora dopo la seconda dose del vaccino Pfizer, a Pesaro si registrano nelle ultime settimane due episodi gravissimi.

 

Una signora 78 anni è deceduta a due settimana di distanza dalla inoculazione del vaccino Astrazeneca. La donna, da quanto si apprende, non aveva patologie pregresse: la seconda settimana successiva al vaccino ha iniziato ad avere sintomi come febbre e dolori articolari. 

 

Il 29 aprile scorso è stata colpita da trombosi con conseguente caduta che ha provocato anche un’emorragia. È stata trasportata al pronto soccorso d’urgenza ma il giorno dopo è deceduta

Il 29 aprile scorso è stata colpita da trombosi con conseguente caduta che ha provocato anche un’emorragia.

 

È stata trasportata al pronto soccorso d’urgenza ma il giorno dopo è deceduta.

 

Le autorità sanitarie locali avrebbero chiesto l’autopsia il cui esito, però, non è ancora stato rivelato (e forse nemmeno mai lo sarà, almeno pubblicamente).

 

Anche il marito della signora, sottoposto a vaccinazione con Pfizer, ha accusato gravi problemi: una settimana dopo la seconda dose è stato colpito da ictus

La cosa incredibile è che anche il marito della signora, sottoposto a vaccinazione con Pfizer, ha accusato gravi problemi: una settimana dopo la seconda dose è stato colpito da ictus. Ricoverato in ospedale, ora le condizioni sembrano essere pian piano migliorate.

 

Ovviamente, ancora una volta, ci diranno che «trattasi di coincidenze».