Il Canada conferma il secondo decesso legato ad AstraZeneca e diventa il primo paese ad approvare Pfizer per gli adolescenti

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Una cinquantenne canadese è morta in seguito a una rara trombosi «indotta dal vaccino» COVID di AstraZeneca.

 

 

 

Una cinquantenne della provincia di Alberta, Canada, è deceduta in seguito a una rara forma di trombosi dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca-Oxford, come hanno confermato gli ufficiali sanitari.

La donna è morta per una trombocitopenia trombotica indotta dal vaccino (VITT). Si tratta del secondo decesso dovuto alla VITT legato al vaccino

 

In una dichiarazione, Dr. Deena Hinshaw ha affermato che la donna è morta per una trombocitopenia trombotica indotta dal vaccino (VITT). Si tratta del secondo decesso dovuto alla VITT legato al vaccino.

 

Seppur estremamente rara, la VITT è diversa dai coaguli di sangue tipici perché può causare una trombosi del seno venoso cerebrale (CVST) – ostruzione delle vene che portano il sangue dal cervello al cuore – ed emorragie fatali.

 

Secondo CBC News, il Canada ha segnalato sette casi di coaguli in seguito all’immunizzazione con AstraZeneca, ma gli ufficiali sanitari ritengono che i benefici siano superiori ai potenziali rischi.

 

Continueranno a somministrare il vaccino COVID AstraZeneca. «Questo non cambia la valutazione dei rischi precedentemente comunicata ai cittadini»

In una dichiarazione, Alberta Health conferma che continueranno a somministrare il vaccino COVID AstraZeneca. «Questo non cambia la valutazione dei rischi precedentemente comunicata ai cittadini».

 

Come ha riportato The Defender il 7 aprile, i regolatori europei hanno scoperto un «possibile collegamento» tra il vaccino COVID AstraZeneca e «rarissimi» casi di coaguli, ma hanno concluso che i benefici del vaccino sono comunque superiori ai rischi.

 

L’agenzia Europea dei Farmaci (EMA) non ha raccomandato limitazioni dell’uso basate su età, genere o altri fattori di rischio, ma ha affermato che casi di coaguli di sangue in seguito alla vaccinazione «possono essere» inclusi come effetti collaterali, secondo un comunicato emesso dal comitato di sicurezza dell’agenzia.

 

Oltre 20 paesi hanno sospeso la somministrazione del vaccino AstraZeneca in seguito a segnalazioni di decessi e lesioni – in molti casi dovute a coaguli di sangue – in persone sane che hanno ricevuto il vaccino

Questo è avvenuto dopo che oltre 20 paesi hanno sospeso la somministrazione del vaccino AstraZeneca in seguito a segnalazioni di decessi e lesioni – in molti casi dovute a coaguli di sangue – in persone sane che hanno ricevuto il vaccino.

 

Il 20 aprile, l’EMA ha anche identificato un possibile legame tra il vaccino COVID Johnson & Johnson – che utilizza una tecnologia adenovirus simile – e rare forme di trombosi, ma ha affermato che i benefici sono ancora superiori ai rischi.

 

 

AstraZeneca nel mirino per l’aumento del salario del CEO

AstraZeneca è finita sotto inchiesta in seguito alla notizia di voler premiare il CEO, Pascal Soriot, con un ingente aumento dei bonus. I gruppi di consulenza agli investitori PircGlass Lewis e Institutional Shareholder Services hanno sollevato dubbi sugli sforzi per aumentare il bonus massimo che Soriot può ricevere in un piano a lungo termine dal 550% del suo salario base di 1,3 milioni di sterline al 650%.

 

L’azienda vuole anche aumentare il bonus annuo massimo di Soriot dal 200% del suo salario al 250%, in base al raggiungimento di determinati obiettivi.

 

Neville White, capo delle politiche di investimento responsabili e della ricerca di EdenTree Investment Management e azionista di AstraZeneca, ha definito la proposta di aumento dei bonus come «oscena» e ha affermato che voterà contro. «È ovviamente ingannevole, perché Pascal è un eroe e un antieroe allo stesso tempo», ha dichiarato White.

 

Il voto per aumentare il salario arriva in un momento che vede il vaccino AstraZeneca legato a numerosi casi di rare forme di trombosi, alcune delle quali hanno portato alla morte dei vaccinati, cause per la mancanza di dosi e perdite nel primo quadrimestre.

 

 

Il Canada è il primo paese ad approvare il vaccino Pfizer per gli adolescenti

Health Canada ha comunicato che il vaccino Pfizer-BioNTech è sicuro per essere somministrato agli adolescenti a partire dai 12 anni; il Canada diventa così il primo paese al mondo ad approvare la somministrazione dei vaccini COVID ai più giovani.

Il Canada diventa così il primo paese al mondo ad approvare la somministrazione dei vaccini COVID ai più giovani

 

Dr. Supriya Sharma, capo consulente medico di Health Canada, ha confermato l’approvazione. In marzo, Pfizer ha diffuso i risultati preliminari di uno studio statunitense sul vaccino che ha coinvolto 2.260 volontari tra i 12 e i 15 anni di età, nessuno dei quali ha contratto il COVID dopo la vaccinazione. Sharma ha dichiarato che si tratta di una prova che il vaccino è sicuro ed efficace nel gruppo di età 12-15 anni.

 

Come ha riportato The Defender, la Food and Drug Administration statunitense si sta preparando per autorizzare il vaccino COVID di Pfizer per gli adolescenti americani tra i 12 e i 15 anni per la settimana prossima.

 

Pfizer prevede di richiedere l’autorizzazione per l’uso di emergenza a settembre per somministrare il suo vaccino ai bambini tra i 2 e gli 11 anni.

Pfizer prevede di richiedere l’autorizzazione per l’uso di emergenza a settembre per somministrare il suo vaccino ai bambini tra i 2 e gli 11 anni

 

Il vaccino è attualmente autorizzato negli Stati Uniti per l’uso di emergenza a partire dai 16 anni.

 

 

Megan Redshaw

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

 

© 5 maggio 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.