Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

Camilla morta «ragionevolmente» per gli effetti avversi al vaccino: perizia della Procura

Pubblicato

il

 

 

Scioccante sviluppo della vicenda di Camilla, la 18enne ligure spirata quattro mesi fa dopo il vaccino anti-COVID.

 

Secondo il quotidiano romano Il Messaggero, il medico legale e l’ematologo assegnati al caso hanno consegnato ai PM un perizia che asserirebbe che la ragazza «non aveva alcuna patologia pregressa e non aveva preso alcun farmaco» e che la morte della giovane per trombosi «è ragionevolmente da riferirsi a un effetto avverso da somministrazione del vaccino anti COVID». Si tratta di una relazione di 74 pagine, dove i consulenti tecnici della Procura di Genova in sostanza danno ragione ai genitori di Camilla: la ragazza, quando è finita in uno degli open-day organizzati dalla Regione Liguria, era sanissima.

 

«La ragazza era sana, sottolineano, e il modulo di anamnesi è stato compilato correttamente come la somministrazione del vaccino».

I periti della Procura: la morte della giovane per trombosi «è ragionevolmente da riferirsi a un effetto avverso da somministrazione del vaccino anti COVID»

 

La giovane si era sottoposta al vaccino ad un open day il 25 maggio. Il 3 giugno aveva avuto un malore per cui era stata portata in ospedale a Lavagna. Dimessa dopo una tac, due giorni dopo era di nuovo in ospedale in condizioni disperate.

 

«Al primo ricovero – scrivono i medici citati dal Messaggero – era già in atto la reazione al vaccino e poteva essere interpretata come tale ma in quel contesto e in quella fase storica ancora se ne parlava poco e non era così di facile intuibilità una correlazione». Si tratta di parole inedite in un mondo di autopsie che terminano in genere con il mantra «nessuna correlazione».

 

Successivamente spostata al San Martino di Genova per una operazione alla testa, Camilla spirava il giorno 10 giugno.

 

«Al primo ricovero  era già in atto la reazione al vaccino e poteva essere interpretata come tale ma in quel contesto e in quella fase storica ancora se ne parlava poco e non era così di facile intuibilità una correlazione»

Camilla si era vaccinata con il siero AstraZeneca. Il suo caso fece scalpore: dopo la sua morte in Italia il vaccino inglese è stato somministrato soltanto agli over 60.

 

Non che si trattasse di dubbi spuntati dal nulla. Come ha ricordato l’avvocato della famiglia, «possiamo osservare però sin d’ora che in realtà la problematica delle controindicazioni su quella fascia di età erano state già evidenziane nel verbale numero 17 del comitato tecnico scientifico che diceva come fosse sconsigliato per le persone sotto i 60 anni».

 

I genitori di Camilla avevano ripetuto che la ragazza non aveva patologie pregresse, né assumeva farmaci di qualsiasi tipo. La famiglia ha assentito all’espianto degli organi della ragazza.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Reumatologo: il 40% dei 3.000 pazienti vaccinati ha riportato danni da vaccino

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il dottor Robert Jackson, un reumatologo che pratica da 35 anni, ha affermato che il 40% dei pazienti vaccinati nel suo studio ha riportato una lesione da vaccino e il 5% è ancora ferito.

 

Jackson ha più di 5.000 pazienti, circa 3.000 dei quali hanno ricevuto un vaccino contro il COVID-19.

 

Jackson ha detto di aver avuto 12 pazienti morti in seguito all’iniezione, mentre normalmente vede uno o due decessi nella sua base di pazienti all’anno.

 

Circa il 5% dei suoi pazienti ha sviluppato una nuova condizione che li rende suscettibili alla coagulazione del sangue.

 

Le osservazioni di Jackson sono coerenti con uno studio pubblicato sul BMJ che ha valutato la sicurezza dei vaccini contro SARS-CoV-2 nelle persone con malattia reumatica e muscoloscheletrica infiammatoria/autoimmune dal registro riportato dai medici EULAR Coronavirus Vaccine (COVAX).

 

Lo studio ha mostrato che il 37% di 5.121 partecipanti ha avuto eventi avversi e il 4,4% dei pazienti ha avuto una riacutizzazione della malattia dopo la vaccinazione.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Miocarditi, uno studio su 23 milioni di persone mostra un aumento del rischio dopo i vaccini COVID

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Uno studio pubblicato su JAMA Cardiology il 20 aprile che ha coinvolto 23 milioni di persone mostra che un effetto collaterale del vaccino COVID-19 un tempo etichettato come «disinformazione» è reale.

 

Secondo lo studio, «sia la prima che la seconda dose di vaccini mRNA sarebbero associate ad un aumentato rischio di miocardite e pericardite. Per gli individui che hanno ricevuto 2 dosi dello stesso vaccino, il rischio di miocardite era più alto tra i giovani maschi (di età compresa tra 16 e 24 anni) dopo la seconda dose».

 

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco che può portare ad aritmia cardiaca e morte. La pericardite è un’infiammazione del tessuto che circonda il cuore che può causare dolore toracico acuto e altri sintomi.

 

Nello specifico, tra i giovani uomini che hanno ricevuto due dosi dello stesso vaccino, dopo la seconda dose del vaccino Pfizer si sono verificati da quattro a sette eventi di miocardite e pericardite in eccesso in 28 giorni ogni 100.000 vaccinati e si sono verificati da nove a 28 eventi di miocardite e pericardite in eccesso per 100.000 vaccinati dopo la seconda dose del vaccino Moderna.

 

Lo studio ha concluso  che «il rischio di miocardite in questo ampio studio di coorte era più alto nei giovani uomini dopo la seconda dose di vaccino SARS-CoV-2» e ha raccomandato che «questo rischio dovrebbe essere bilanciato con i benefici della protezione contro la grave malattia COVID-19».

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari