Connettiti con Renovato 21

Pillola

Le millennial rifiutano la pillola

Pubblicato

il

 

 

È dal 1892 il più affidabile sonar per le tendenze del costume umano.

 

Per cui è interessante notare che lo scorso novembre  la versione britannica della rivista Vogue, un’icona assoluta del mondo della moda e non solo di quello , sembra aver colto la tendenza una nuova tendenza, con un articolo intitolato «Perché le millennial rifiutano la pillola».

 

«Circa mezzo secolo dopo il suo lancio, le crepe stanno cominciando ad apparire nell’immagine della pillola contraccettiva. Perché sempre più donne si stanno allontanando da essa?» si chiede il prestigioso magazine.

 

L’articolista Lottie Winter scrive:

 

«In effetti, le donne più giovani si stanno allontanando dalla pillola a frotte – uno studio del NHS ha rilevato che il numero di donne a contatto con servizi di salute sessuale e riproduttiva che utilizzavano la contraccezione dipendente dall’utente, compresa la pillola, è sceso di oltre il 13% tra il 2005 e il 2015. Non sorprende: una rapida ricerca su Google smentisce alcuni rapporti allarmanti, dagli articoli sui possibili collegamenti tra la pillola e il cancro a affermazioni che sono completamente bizzarre, come “pillole contraccettive gettate nel WC stanno trasformando i pesci in pesci transgender”».

 

«E questo senza nemmeno menzionare gli effetti collaterali quotidiani che molte donne riferiscono: sbalzi d’umore, gonfiore e aumento di peso sono in cima a una lunga lista. In un’epoca in cui siamo tutti ossessionati dalla salute e dal benessere, le giovani donne semplicemente non vogliono accettare così tanti sintomi. “Ho deciso di diventare vegana alcuni anni fa quando mi sono resa conto sempre più di quello che stavo mettendo nel mio corpo”, dice Abbie, una presentatrice radiofonica di 26 anni. “Allo stesso tempo, stavo ancora prendendo la pillola e ho cominciato a sentirmi incongruente con il mio nuovo stile di vita, ed è stato solo naturale che ho iniziato a cercare un metodo alternativo di contraccezione”. Non c’è da meravigliarsi se così tante donne rifiutano la pillola in un’emergente reazione culturale contro i contraccettivi ormonali in generale per cercare di reclamare l’autonomia sui loro corpi».

 

L’articolo prosegue citando studi che collegano pillola e depressione e medici che hanno un atteggiamento contraccettivo «a tutti i costi», nonostante gli effetti collaterali che i pazienti citano:

 

«“La realtà della medicina moderna è che le aziende farmaceutiche devono avere un incentivo economico alla ricerca di nuovi prodotti”, afferma la dott.ssa Jane Dickson, vicepresidente della facoltà di assistenza sessuale e riproduttiva del Royal College of Obstetricians and Gynecologists. “Gli ormoni bioidentici sono molto, molto più costosi delle versioni sintetiche e, a differenza della menopausa, quando è necessaria solo una piccola quantità per sostituire i livelli naturali del corpo, la contraccezione richiede dosi molto più elevate per addormentare efficacemente gli organi riproduttivi».

 

Un pezzo d’opinione del Guardian sempre lo scorso novembre riprende anche la crescente tendenza dell’app per la fertilità, anche se in modo più ironico, e commenta che l’utilizzo della pianificazione familiare naturale come alternativa alla pillola facilita conversazioni più intime sulla salute delle donne e l’assunzione di più responsabilità collettiva per la natura e i tempi dell’intimità sessuale».

 

La pianificazione familiare naturale è cresciuta in popolarità anche perché è molto utile per le donne che vogliono rimanere incinta, perché possono sapere con grande accuratezza quando sono più fertili.

 

Sembra che la popolarità della pianificazione familiare naturale continui ad aumentare di importanza per le donne in Occidente.

Continua a leggere

Pillola

La politica coreana affidata agli sciamani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

Aperta un’inchiesta sul candidato conservatore Yoon accusato di favoritismo nei confronti di una setta religiosa legata a uno sciamano a lui molto vicino. Pesa il precedente dell’ex presidente Park Geun-hye, destituita per aver permesso a una mistica di intromettersi negli affari dello Stato.

 

 

Tra poco più di un mese il 9 marzo la Corea del Sud andrà a votare per eleggere il nuovo presidente, in quelle che sono state soprannominate da alcuni commentatori «elezioni sgradevoli».

 

L’atmosfera in cui si sta tenendo la campagna elettorale è stata degradata da innumerevoli attacchi personali, mentre i principali candidati non brillano per popolarità nei sondaggi.

In questo contesto decisamente poco attraente per gli elettori, il riemergere dei legami tra politica e sciamanismo preoccupa non poco l’opinione pubblica sudcoreana

 

In questo contesto decisamente poco attraente per gli elettori, il riemergere dei legami tra politica e sciamanismo preoccupa non poco l’opinione pubblica sudcoreana.

 

Dopo alcune rivelazioni da parte di un giornale locale, nelle scorse settimane i pubblici magistrati di Seul hanno aperto un’indagine nei confronti del candidato conservatore Yoon Seok-youl.

 

Le accuse risalgono al febbraio 2020, quando la Corea del Sud stava attraversando la prima ondata di infezioni COVID per via di un focolaio all’interno della setta religiosa Shincheonji: Yoon, che all’epoca era il procuratore generale, avrebbe impedito alla polizia di compiere una perquisizione nella sede centrale della setta su consiglio di un certo Jeon, uno sciamano che secondo alcuni avrebbe estesi rapporti con Yoon.

 

Il candidato e il partito conservatore hanno negato le accuse, ma i rapporti tra Yoon e Jeon sono decisamente più profondi di quanto inizialmente ammesso. A inizio gennaio, infatti, il comitato della campagna elettorale conservatrice aveva dovuto sciogliere una propria sottocommissione dopo che era emerso un video in cui poteva vedere Jeon guidare amichevolmente Yoon a conoscere i membri della sottocommissione, nonostante lo sciamano non avesse alcuna posizione ufficiale nella campagna elettorale.

 

Per evitare il sospetto che il mistico potesse apparire come un consulente ombra del candidato, il partito conservatore ha quindi deciso di sciogliere la sottocommissione.

 

Secondo alcuni elementi, il rapporto di Yoon con lo sciamanismo non è nemmeno un fatto recente. Un biglietto da visita dell’impresa della moglie di Yoon risalente al 2014 riportava il nome di Jeon come consulente. Inoltre il candidato conservatore ha già ammesso di avere avuto degli incontri con altri mistici.

 

Alcuni sospetti sulle frequentazioni di Yoon erano emersi già lo scorso autunno, durante le primarie del partito conservatore: in un dibattito in TV l’ex procuratore (allora in testa nella corsa alla nomina) era apparso con carattere cinese «re» dipinto sul palmo della mano che molti avevano interpretato come un talismano.

Da molti decenni le élite politiche di Seul hanno rapporti con lo sciamanismo tradizionale della cultura coreana e l’unica differenza questa volta è che tali legami sono al centro del dibattito pubblico

 

I legami con lo sciamanismo sono un tema molto sensibile, soprattutto dopo lo scandalo che sconvolse la politica sudcoreana nel 2016-2017. In quell’occasione l’ex presidente conservatrice Park Geun-hye fu destituita per aver permesso a Choi Soon-sil, sua confidente nonché figlia di un importante mistico coreano, di intromettersi negli affari di Stato.

 

Eppure lo sciamanismo è un elemento della politica sudcoreana fin dal periodo della democratizzazione, nonostante la sua presenza sia spesso rimasta sotto la superficie.

 

La campagna elettorale del candidato democratico Lee Jae-myung a inizio gennaio ha lanciato un comitato composto da 17 figure religiose.

 

Da molti decenni le élite politiche di Seul hanno rapporti con lo sciamanismo tradizionale della cultura coreana e l’unica differenza questa volta è che tali legami sono al centro del dibattito pubblico.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Contraccezione

I nuovi anticoncezionali: nanomateriali magnetici iniettati nei testicoli

Pubblicato

il

Da

 

 

 

 

 

La creazione di un contraccettivo medico per uomini, talvolta chiamato dai giornali «pillolo», non ha mai dato esiti positivi, generando effetti collaterali indesiderati e creando involontariamente il consumo ricreativo di certe sostanze – i SARM (acronimo che sta per modulatori selettivi dei recettori degli androgeni) – presso atleti e culturisti quando si è scoperto che taluni di questi farmaci sperimentali potevano aiutare i muscoli.

 

Ora un team di scienziati dell’Università cinese di Nantong ha appena completato i test sugli animali per un nuovo approccio alla contraccezione maschile. Si tratta di una tecnica totalmente differente, e cha ha un accento che ben stiamo imparando a conoscere con la vaccinazione COVID: l’uso di sostanze magnetiche

 

La tecnica cinese consiste nell’iniettare nei topi nanomateriali magnetici, usando magneti esterni per guidare le particelle nei loro testicoli, e poi usando un altro campo magnetico per riscaldare i loro genitali al punto tanto che i topi hanno temporaneamente smesso di produrre sperma

La tecnica cinese consiste nell’iniettare nei topi nanomateriali magnetici, usando magneti esterni per guidare le particelle nei loro testicoli, e poi usando un altro campo magnetico per riscaldare i loro genitali al punto tanto che i topi hanno temporaneamente smesso di produrre sperma.

 

La ricerca  è stata pubblicata questo mese sulla rivista Nano Letters .

 

Il mondo scientista è pronto ad abbracciare immediatamente la magnetizzazione dei testicoli: del resto in ballo c’è uno dei valori più alti e più belli del mondo moderno, del progresso, : l’infertilità.

 

Senza contraccettivi, come sarebbe possibile diminuire il numero di esseri umani sul pianeta? Sarebbe quasi impossibile, anche qualora istituissero un lockdown sessuale non dissimile a quello a cui hanno sottoposto l’universo in questi due anni di demente clausura.

 

«Che ci crediate o no, questo approccio alla contraccezione maschile è in realtà molto meno sgradevole di tentativi simili» scrive Futurism, house organ dell’ente transumanista californiano Singularity University, riportando il comunicato stampa della ricerca.

 

Il mondo scientista è pronto ad abbracciare immediatamente la magnetizzazione dei testicoli: del resto in ballo c’è uno dei valori più alti e più belli del mondo moderno, del progresso, : l’infertilità

«Altri esperimenti utilizzavano temperature più elevate per ottenere risultati più duraturi, ma rischiavano anche di causare ustioni o richiedevano iniezioni dolorose direttamente nei testicoli stessi, entrambi evitati da questo nuovo esperimento».

 

Capito? Cari uomini, per impedirvi di fare figli, o accettate che vi magnetizziamo le pudenda, oppure vi cuociamo i testicoli.

 

Nell’esperimento, i ricercatori cinesi hanno avuto successo dopo aver riscaldato a 40°C i piccoli magneti iniettati nei testicoli dei topi.

 

Bisogna quindi gioire: «sicuramente una notevole quantità di calore e considerevolmente più calda della temperatura corporea tipica, ma è comunque apparentemente sicura. Secondo il National Institute of Standards and Technologies, la tua pelle inizierà a sperimentare ustioni di primo grado 47°C , quindi è ragionevole suggerire che i magneti riscaldati non danneggeranno nulla che non dovrebbero».

Cari uomini, per impedirvi di fare figli, o accettate che vi magnetizziamo le pudenda, oppure vi cuociamo i testicoli

 

Come usiamo dire su Renovatio 21: non una grinza.

 

Pare che il trattamento avvia funzionato per mesi , dopodiché i topi a cui sono stati iniettati i nanomateriali magnetici sono tornati alla loro normale salute riproduttiva.

 

La promessa dell’infertilità reversibile, insomma, è mantenuta: come per la pillola prescritta in libertà a tutte le donne, un potente steroide di cui ovviamente non si dicono degli effetti collaterali irreversibili, tipo la trombosi (ora invocata magari in coppia con il vaccino COVID per giustificare i danni), le modifiche al cervello delle donne, il cancro, la depressione, l’inquinamento ambientale, o anche la morte.

 

La promessa dell’infertilità reversibile, insomma, è mantenuta: come per la pillola prescritta in libertà a tutte le donne, un potente steroide di cui ovviamente non si dicono degli effetti collaterali non reversibili, tipo la trombosi, le modifiche al cervello delle donne, il cancro, la depressione, l’inquinamento ambientale, o anche la morte.

La contraccezione globale, come riportato da Renovatio 21, è da sempre un obbiettivo della Bill & Melinda Gates Foundation, che per lo scopo ha appena annunciato la donazione 2,1 miliardi di dollari. Sai quante calamite ci compri con quei soldi.

 

Qualcuno di recente ha definito i no-vax «sorci». In realtà, topi lo sono soprattutto quelli che accettano la biotecnologia imposta dalla Necrocultura che governa il mondo moderno. Topi da laboratorio, cavie, a cui giustamente anticipano ciò che vogliono fare poi all’umanità tutta.

 

 

 

Coaguli, «la pillola anticoncezionale è centinaia di volte più pericolosa del vaccino»

La pillola anticoncezionale provoca il cancro

Il Coronavirus e la Gates Foundation

Vaccinazione e contraccezione: Melinda Gates comincia a gettare la maschera

Principessa tedesca si scaglia contro la pillola

Le millennial rifiutano la pillola

Prendete la pillola contraccettiva contro il COVID-19, dice un dottore alla TV britannica

La contraccezione favorisce gli stupri? Lo sostiene il Wall Street Journal

 

Continua a leggere

Contraccezione

Coaguli, «la pillola anticoncezionale è centinaia di volte più pericolosa del vaccino»

Pubblicato

il

Da

 

Riguardo alle trombosi, la pillola contraccettiva mette a rischio la salute delle donne più del vaccino Johnson&Johnson, che ora le autorità di vari Paesi stanno per (ri)mettere fuori gioco, forse definitamente,.

 

La storia è apparsa sul New York Times, che arriva a produrre un cortocircuito del politicamente corretto farmacologico non da poco: si tratta nientemeno dell’ammissione che la pillola anticoncezionale fa male.

 

«Il mese scorso, quando la Food and Drug Administration [FDA: l’ente regolatore dei farmaci in USA, ndr] ha sospeso l’uso del vaccino di Johnson & Johnson per valutare il rischio di coaguli di sangue nelle donne sotto i 50 anni, molti scienziati hanno notato che i coaguli associati alle pillole anticoncezionali erano molto più comuni» scrive il giornale di Nuova York.

«La maggior parte dei contraccettivi disponibili per le donne sono centinaia di volte più rischiosi, eppure non sono in vista alternative più sicure»

 

«Il confronto aveva lo scopo di rassicurare le donne sulla sicurezza del vaccino. Invece, ha alimentato la rabbia in alcuni ambienti, non per la pausa, ma per il fatto che la maggior parte dei contraccettivi disponibili per le donne sono centinaia di volte più rischiosi, eppure non sono in vista alternative più sicure».

 

I coaguli legati al vaccino erano un tipo pericoloso nel cervello, mentre le pillole anticoncezionali aumentano le possibilità di un coagulo di sangue nella gamba o nei polmoni, un punto rapidamente notato da molti esperti. Ciò  faceva poca differenza per alcune donne, che hanno reagito sui social in modo infuriato.

Il problema, dice il giornale che cerca di sorvolare sui danni della pillola (perché, ovvio, i  benefici superano i rischi: meglio rischiare di morire che fare un bambino) sembra essere il consenso informato.

 

«Dov’era la preoccupazione di tutti per i coaguli di sangue quando abbiamo iniziato a prendere la pillola quando eravamo ragazze di 14 anni?»

«Dov’era la preoccupazione di tutti per i coaguli di sangue quando abbiamo iniziato a prendere la pillola quando eravamo ragazze di 14 anni?», ha scritto una donna su Twitter.

 

La dottoressa Eve Feinberg, endocrinologa riproduttiva e specialista in infertilità presso la Northwestern Universityha afferma che arebbe fondamentale per gli operatori sanitari discutere dei rischi con i loro pazienti e istruirli sui sintomi preoccupanti, una conversazione che molte donne hanno affermato di non aver mai avuto.

 

Segue qualche caso umano interessante: «Kelly Tyrrell, una professionista delle comunicazioni a Madison, Wisconsin, aveva 37 anni quando i medici scoprirono coaguli di sangue potenzialmente fatali nei suoi polmoni».

 

«Parte della mia rabbia era che un farmaco che ho preso per controllare la mia fertilità ha finito per minacciare la mia mortalità. Sono arrabbiata per non essere stato consigliata meglio su quel rischio».

La Tyrrell è un’atleta di resistenza: nerboruta, forte e non incline all’ansia. All’inizio del 2019, ha iniziato a svegliarsi con un dolore al polpaccio sinistro. Dopo una mattinata particolarmente brutta, una visita urgente ha rivelato che aveva alti livelli ematici di «D dimero», un frammento proteico che indica la presenza di coaguli.

 

Prendeva pillole anticoncezionali da 25 anni, ma nessuno dei medici ha fatto un collegamento. Invece, hanno detto che data la sua età, forma fisica e la mancanza di altri fattori di rischio, era improbabile che i suoi sintomi provenissero da un coagulo di sangue. L’hanno mandata a casa con le istruzioni per fare stretching al muscolo del polpaccio.

 

Quando ha sentito un senso di oppressione al petto mentre correva alle Hawaii dopo il funerale di sua nonna, i medici hanno detto che la causa era probabilmente stress e ansia. A luglio 2019, ha terminato una gara di 100 km in Colorado e ha pensato che i suoi polmoni doloranti e le labbra viola fossero il risultato di una corsa di 19 ore ad alta quota.

Care donne democratiche e progressiste: vi hanno mentito. La pillola fa male. Addirittura, più del vaccino che stanno ritirando dal commercio

 

Ma sapeva che c’era qualcosa di gravemente sbagliato la mattina del 24 ottobre 2019, quando le è mancato il respiro dopo aver salito una breve rampa di scale.

 

Questa volta, dopo aver escluso problemi cardiaci, i medici le hanno scansionato i polmoni e hanno scoperto più coaguli. Uno aveva interrotto il flusso sanguigno a una porzione del polmone destro.

 

I medici la hanno sottoposta ad un ciclo di anticoagulanti e le hanno detto di non toccare mai più gli estrogeni. «Nel corso del tempo  l’incidente si è intensificato in una rabbia acuta che è stata rinnovata dalle notizie di Johnson & Johnson».

 

Gli steroidi che vi vendono in farmacia per sterilizzarvi sono troppo importanti per il disegno della Necrocultura per essere messi in discussione e ritirati: essi assolvono ad una funzione primare della società della Cultura della Morte, quello di ridurre la popolazione, e di umiliare il seme dell’uomo, di uccidere la madre che è in ogni donna

«Parte della mia rabbia era che un farmaco che ho preso per controllare la mia fertilità ha finito per minacciare la mia mortalità. Sono arrabbiata per non essere stato consigliata meglio su quel rischio».

 

Ebbene sì, care donne democratiche e progressiste: vi hanno mentito. La pillola fa male. Addirittura, più del vaccino che stanno ritirando dal commercio. Ma gli steroidi che vi vendono in farmacia per sterilizzarvi sono troppo importanti per il disegno della Necrocultura per essere messi in discussione e ritirati: essi assolvono ad una funzione primare della società della Cultura della Morte, quello di ridurre la popolazione, e di umiliare il seme dell’uomo, di uccidere la madre che è in ogni donna.

Altre spiegazioni, per questa ulteriore spirale del silenzio farmacologica contro i danni dei contraccettivi ormonali, non ce ne sono.

 

Non essendoci nessuna proposta per levare dal commercio la pillola e i suoi pericoli mentre invece i vaccini vengono ritirati rapidamente dal mercato, dobbiamo pensare che i bambini sono considerati come una malattia ben peggiore del COVID.

 

Il mondo moderno getta la maschera: non combatte il virus, combatte l’uomo – sin da quando è embrione. Perché esso è considerato il vero virus del pianeta.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari