Connettiti con Renovato 21

Pedofilia

Pedofilia, professore universitario chiede la «destigmatizzazione»

Pubblicato

il

Un «professore di etica» norvegese ha affermato che la pedofilia dovrebbe essere classificata come una «sessualità innata» e che informazioni sulla pedofilia dovrebbero essere insegnate nelle scuole.

 

Il sito femminista Reduxx riferisce che Ole Martin Moen dell’Università Metropolitana di Oslo chiede la «destigmatizzazione» dei pedofili, sostenendo che «lo stato mentale di trovare bambini sessualmente attraenti è molto comune».

 

Moen, secondo Wikipedia, è gay e si identifica come «queer».

 

Egli scrive  che «una certa percentuale di studenti delle scuole superiori sono o diventeranno pedofili e al momento non viene dato loro alcun consiglio su come gestire la propria sessualità».

 

Il professor Moen nel 2015 ha scritto un articolo intitolato «L’etica della pedofilia», in cui si chiedeva «quanto è grave» la pedofilia, «e in che modo, e per quali ragioni, è negativa?».

 

Il paper è stato poi ripubblicato nel 2018 in The Palgrave Handbook of Philosophy and Public Policy, un libro di testo ampiamente disponibile nelle università di tutto il mondo.

 

«In questo articolo si sostiene che la pedofilia è un male solo perché, e solo nella misura in cui arreca danno ai bambini, e che la pedofilia stessa, così come le espressioni e le pratiche pedofile che non causano danni ai bambini, sono moralmente a posto» scrive l’abstract dell’articolo.

 

«Sosteniamo che non è immorale essere un pedofilo, è immorale per i pedofili cercare contatti sessuali con i bambini a causa del danno previsto per i bambini ed è moralmente consentito per i pedofili soddisfare le loro preferenze sessuali in modi che non coinvolgono nessun bambino vero».

 

Tra le altre argomentazioni vi è l’idea che un po’ tutti possano essere stati in realtà pedofili perché quando eravamo tutti bambini abbiamo tutti sperimentato desideri sessuali per altri bambini.

 

«Molti di noi sono stati pedofili a un certo punto», sostiene Moen, aggiungendo che «quando avevate 11 anni, non è improbabile che fossi sessualmente attratto dai bambini in età prepuberale».

 

Un’altra idea del Moen sè il fatto che i pedofili dovrebbero essere in grado di guardare pedopornografia, purché ​​generata dal computer e non reale, in modo che possano soddisfare i loro desideri.

 

Aggiunge che è «ingiusto» condannare le persone che hanno desideri pedofili e che dovrebbero effettivamente essere «lodate» per la loro «ammirevole forza di volontà», se riescono ad astenersi dal fare sesso con i bambini, scrive Wikipedia.

 

Moen, che sempre secondo Reduxx farebbe anche parte del comitato consultivo di un gruppo norvegese per i diritti dei trans, la Patient Organization for Gender-Incongruence, avrebbe recentemente preso di mira ripetutamente la femminista norvegese Christina Ellingsen, che rischia fino a tre anni di prigione per aver twittato che un maschio biologico non può diventare una donna lesbica.

 

Il processo di normalizzazione filosofica, psichiatrica e perfino «biologica» della pedofilia è oramai pienamente visibile nella società moderna.

 

Come scrive Elisabetta Frezza nel libro Malascuola, «una miriade di dati oggettivi e documentali sta a dimostrare come la pedofilia sia ormai lanciata sulla strada della normalizzazione attraverso le fasi della finestra di Overton, per diventare nella percezione diffusa una mera forma del comportamento sessuale».

 

Come riportato da Renovatio 21, a inizio anno un professore universitario americano aveva asserito che dire sarebbe un «errore» pensare che la pedofilia sia sbagliata.

 

Sempre poche settimane fa la testata americana USA Today ha cancellato frettolosamente una serie di tweet dopo che alcuni utenti si erano scandalizzati e avevano cominciato a sostenere che equivalevano alla «normalizzazione della pedofilia». Il giornale, nominando con sicumera «la scienza», affermava che la pedofilia era «determinata nel grembo materno».

 

Dell’anno scorso invece la notizia che i giornalisti australiani non possono più usare la parola pedofilia.

 

Nel 2018, una conferenza TED Talk in Germania, tolta dalla rete e spesso ricaricata da alcuni utenti, destò scandalo perché la speaker sosteneva che la pedofilia non era una scelta, ma un tratto immutabile della persona.

 

 

 

Singolare ricordare come a Dublino due anni fa una protesta contro la pedofilia abbia subito l’irruzione di un gruppo Antifa.

 

Più inquietante ancora il racconto di una madre, di cui si è dato conto su Renovatio 21, su un incontro con uno sconosciuto che osservava il di lei figlio al campo sportivo.

 

«”È un bel ragazzino… esce con qualcuno?” Io pensai che la domanda fosse bizzarra, ma risposi con un solido “No, perché chiedi?” ”Perché sono un MAP”, disse lui. “Un cosa?” dissi io. “Un MAP” ripeté lui».

 

«Credo di aver riso e di aver detto “e cosa diavolo è”? Lui semplicemente sorrise ne questo modo strano, quasi compiaciuto e mi disse di “studiare”. Poi si voltò e andò via».

 

La povera madre non lo sapeva: MAP è l’acronimo di Minor attracted person – persone attratte dai minori. In pratica, un nome sanitarizzato per i pedofili.

 

Come da finestra di Overton: il primo passo, è cambiare le parole, renderle inoffensive, quasi scientifiche.

 

Insomma, ci siamo.

 

Il mondo invaso dagli orchi.

 

 

 

 

Continua a leggere

Pedofilia

La presidente ungherese si dimette per un caso di pedofilia

Pubblicato

il

Da

Dopo giorni di proteste, il presidente ungherese Katalin Novak si è dimessa e ha chiesto scusa per aver graziato un uomo condannato per aver nascosto abusi sessuali su bambini.

 

«Ho emesso una grazia che ha causato sconcerto e disordini in molte persone», ha detto in un messaggio televisivo, ammettendo di aver «commesso un errore».

 

All’inizio della settimana a Budapest sono scoppiate proteste per la sua decisione di graziare un uomo condannato per aver nascosto un predatore sessuale in un orfanotrofio.

Aiuta Renovatio 21

L’uomo era stato condannato a tre anni di reclusione nel 2018 per aver esercitato pressioni sui residenti di un orfanotrofio gestito dal governo affinché ritrattassero le loro accuse di abuso sessuale contro il direttore della struttura, il quale, secondo quanto riferito avrebbe abusato di almeno dieci bambini tra il 2004 e il 2016, è stato condannato a otto anni di carcere.

 

Novak ha concesso la grazia lo scorso aprile prima della visita di Papa Francesco, anche se l’inclusione dell’uomo nella lista della grazia non è diventata di dominio pubblico fino a poco tempo fa.

 

Novak è stata la prima donna e la persona più giovane a ricoprire la carica di presidente dell’Ungheria.

 

L’ex ministro della Giustizia Judit Varga, che ha co-firmato la grazia mentre prestava servizio in quell’incarico, si è dimessa dalla sua attuale posizione di membro del parlamento ungherese, rivelando in un post su Facebook sabato che aveva intenzione di «ritirarsi dalla vita pubblica».

 

Secondo quanto riferito, migliaia di manifestanti si sono radunati venerdì davanti all’ufficio presidenziale di Budapest per chiedere le dimissioni di Novak.

 

Prima della sua nomina a presidente nel 2022, la Novak aveva servito come ministro per le famiglie. È stata anche vicepresidente del partito Fidesz del primo ministro Viktor Orban ed era nota per la forte difesa dei valori familiari tradizionali e per la protezione dei bambini.

 

Giovedì Orban ha proposto un emendamento costituzionale per vietare tutta la grazia per i criminali condannati per un crimine contro i bambini. Anche i partiti dell’opposizione hanno avviato un procedimento etico contro Novak.

Sostieni Renovatio 21

Mert Pop, una delle vittime dell’orfanotrofio, ha detto all’Associated Press di sentirsi tradito dalla Novak, che pensava fosse «una madre di buon carattere, una buona madre di famiglia, un presidente calmo e moderato. E poi si è scoperto che non era così». Un incontro con la Novak in cui spiegherebbe il motivo della grazia potrebbe essere «un buon rimedio» per l’angoscia provata dalle vittime, ha detto.

 

La Novak si è rifiutata di spiegare la sua decisione o di rispondere a domande al riguardo durante una conferenza stampa martedì, sostenendo che «la giustificazione per le decisioni relative alla grazia presidenziale non è pubblica, ed è quindi naturale che ogni grazia sollevi domande, e queste domande spesso rimarranno senza risposta», riporta RT.

 

Le grazie sono «divisive per loro natura», ha insistito.

 

Un avvocato delle vittime, Andras Gal, ha definito la grazia «uno schiaffo in faccia» ai suoi clienti, sostenendo che «la pedofilia è diversa» dalle altre grazie perché è universalmente considerata abominevole. «La pedofilia non crea divisioni», ha detto.

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine della Presidenza della Repubblica Italiana via Wikimedia; fonte Quirinale.it

Continua a leggere

Oligarcato

«A Clinton piacciono giovani» dice l’accusatrice di Epstein nella testimonianza appena pubblicata

Pubblicato

il

Da

Secondo una serie di nuovi documenti pubblicati questa settimana riguardanti il ​​famigerato pedofilo Jeffrey Epstein, l’ex presidente Bill Clinton preferisce le ragazze «giovani».   Mercoledì sera è stata resa pubblica una serie di documenti relativi al caso. Il nuovo materiale fa luce sull’associazione di Epstein con il principe Andrea d’Inghilterra, l’ex manager hedge fund Glenn Dubin, il presidente degli Hyatt Hotels Tom Pritzker (cugino dell’attuale governatore dell’Illinois) e varie celebrità, ma nessun nuovo nome politicamente significativo.   Il dettaglio più inquietante sembra essere la testimonianza della testimone ed ex massaggiatrice di Epstein Johanna Sjoberg, la quale ha riferito che Epstein «ha detto una volta che a Clinton piacciono giovani, riferendosi alle ragazze».

Sostieni Renovatio 21

I nuovi documenti contengono anche un’e-mail contenente un’affermazione di Maxwell secondo cui Clinton era «entrato in VF [la rivista Vanity Fair, ndr] e li aveva minacciati di non scrivere articoli sul traffico sessuale sul suo buon amico JE [Jeffrey Epstein, ndr]». Un portavoce di Vanity Fair ha risposto che «questo categoricamente non è accaduto», anche se per anni la rivista è stata perseguitata dalle accuse di aver infastidito i reportage di Epstein da parte della giornalista Vicky Ward.   Il 42esimo presidente degli Stati Uniti è stato uno dei tanti individui di alto profilo ad aver volato sull’aereo privato di Epstein, il Lolita Express, in dozzine di occasioni, il che, combinato con le molteplici visite di Epstein alla Casa Bianca di Clinton e la famigerata storia di abusi di Clinton sulle donne ha generato sospetti sulla possibile partecipazione di Clinton ai crimini di Epstein.   Nel novembre 2019, la testata investigativa Project Veritas ha pubblicato un video trapelato della conduttrice di ABC News Amy Robach che lamentava in privato la presunta diffusione da parte della rete di un rapporto presumibilmente devastante su Epstein in cui, ha detto, la vittima Virginia Roberts (ora Virginia Giuffre) «mi ha detto tutto, aveva delle foto, aveva tutto. È rimasta nascosta per 12 anni. L’abbiamo convinta a uscire allo scoperto. L’abbiamo convinta a parlare con noi. Era incredibile quello che avevamo. Clinton, avevamo tutto».   Dopo l’uscita del video, la Robach aveva rilasciato una dichiarazione in cui affermava che la sua menzione di Clinton faceva semplicemente riferimento alle accuse mosse da Giuffre, non a qualcosa di verificato in modo indipendente dalla ABC. L’allora leader di Project Veritas, James O’Keefe, liquidò la sua risposta come un’affermazione «molto debole» che «sembra essere scritta da avvocati» piuttosto che dalla stessa Robach, poiché affermava «l’esatto opposto di ciò che Amy sta dicendo in questo filmato».   All’epoca, un portavoce dell’ex presidente rispose invocando la smentita del 2019 da parte del campo di Clinton di una nefasta associazione con Epstein, sostenendo che «il presidente Clinton non sa nulla dei terribili crimini di cui Jeffrey Epstein si è dichiarato colpevole in Florida alcuni anni fa, o di quelli di cui è stato recentemente accusato a New York», e che Clinton «non aveva parlato con Epstein da oltre un decennio e non era mai stato sull’isola di Little St. James».

Aiuta Renovatio 21

La Maxwell sta attualmente scontando una pena detentiva di 20 anni in una struttura a bassa sicurezza per traffico sessuale di adolescenti di sesso femminile, anche se i suoi avvocati stanno attualmente lavorando a un appello, poiché continua a negare l’illecito.   In rete è stato notato che i Clinton al momento si trovano in Messico. Alcuni speculano che possa esserci timore riguardo decisioni della giustizia americana.   Nonostante la risaputa associazione tra Clinton ed Epstein, papa Francesco la scorsa estate ha garantito all’ex presidente una calorosa udienza privata, a cui ha partecipato anche Alex Soros, l’erede dell’impero finanziario-filantropico del padre George.   Clinton non è solo l’ex inquilino della Casa Bianca: egli è, da fedele alunno di Carrol Quigley, un vero operatore del Nuovo Ordine dei Secoli, e possiamo dire che le faglie di scontro che minacciano la pace mondiale oggi siano tutte situate su Paesi «inventati», anche a suon di bombe, da Bill e Hillary quando erano a Washington: l’Ucraina è un esempio, ma un altro, più vicino e sanguinario, è certamente il Kosovo.   È facile cedere al pensiero che l’intero disegno del mondo moderno passava dall’isola della perversione indicibile. La realtà, tuttavia, è che tra programmi concreti di eugenetica, Intelligenza Artificiale e transumanismo e perfino di vaccinazione globale – che forse interessavano l’amico Bill Gates, che ancora si impalla quando gli chiedono del finanziere? – per il pedofilo Epstein potrebbe essere passato anche il futuro del pianeta.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr    
Continua a leggere

Pedofilia

DeSantis sostiene la pena di morte per i pedofili

Pubblicato

il

Da

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha espresso sostegno alla decisione del suo stato di chiedere la pena di morte per un uomo accusato di violenza sessuale su un bambino.

 

«Oggi, @flsao5 ha annunciato che richiederà la pena di morte in un caso di violenza sessuale contro un bambino sotto i 12 anni», ha scritto DeSantis su Twitter, sottolineando che è il primo caso a contestare le decisioni della Corte Suprema in materia di stupro da quando ho firmato la legislazione che prevede di «rendere i pedofili idonei alla pena di morte».

 

Sostieni Renovatio 21

La Corte Suprema ha stabilito che lo stupro non merita la pena di morte a meno che la vittima non venga uccisa.

 

Il post è stato inviato a X poche ore dopo che il procuratore di stato William Gladsome ha presentato un avviso di intenti per chiedere la pena di morte nel caso di Joseph Andrew Giampa, che è stato incriminato per sei capi d’accusa di violenza sessuale su una persona di età inferiore ai 12 anni, e tre capi d’accusa di promozione della prestazione sessuale da parte di un bambino.

 

«Considerata la gravità del crimine e il suo impatto sulla comunità, la Procura dello Stato del Quinto Circuito Giudiziario ha notificato che intende chiedere la pena di morte ai sensi degli Statuti della Florida 794.011(2)(a) e 921.1425».

 

«La decisione di applicare la pena più alta riflette la gravità delle accuse e l’impegno dell’Ufficio della Procura di Stato nel ritenere i criminali responsabili delle loro azioni. La Procura dello Stato riconosce la delicatezza della questione e l’impatto che ha sulla comunità. Il nostro impegno per garantire la giustizia e proteggere i più vulnerabili rimane incrollabile».

 

A novembre Giampa, 36 anni, era stato arrestato. Secondo la dichiarazione giurata, Giampa ha portato le autorità in un camper e ha mostrato loro il video su un laptop di un uomo che abusava sessualmente di un bambino mentre registrava l’atto. L’uomo può essere visto e sentito dare istruzioni alla vittima, riferisce The Messenger, aggiungendo che a un certo punto, secondo quanto riferito, l’uomo si è esposto e si è seduto su una sedia di fronte alla giovane vittima.

 

L’uomo poi posa giù la telecamera e si porta davanti ad essa, rivelando che si trattava di Giampa.

 

«Se un individuo stupra un bambino di 11, 10, 2 o 5 anni, dovrebbe essere soggetto alla pena di morte», ha affermato il senatore floridiano repubblicano Jonathan Martin, che ha sponsorizzato il disegno di legge.

 

Come sottolinea The Messenger, il caso è davvero unico, poiché è probabilmente la prima volta nella storia moderna che i pubblici ministeri chiederanno la pena di morte per un atto del genere che non comporta un omicidio.

 

«È anche probabile che scatenerà sfide costituzionali poiché l’attuale precedente della Corte Suprema non consente la pena capitale per stupro. Nel 1977 la corte ha stabilito che l’applicazione della pena in caso di stupro violava il divieto dell’ottavo emendamento di punizioni crudeli e insolite. La Corte ha stabilito ancora una volta nel 2008 che la punizione era incostituzionale nei casi di stupro su minori che non comportano la morte della vittima» scrive il sito americano.

Aiuta Renovatio 21

«Nonostante ciò, i legislatori della Florida hanno approvato un disegno di legge che rende la violenza sessuale su un bambino idonea alla pena di morte. Il disegno di legge della Florida afferma che le precedenti sentenze dell’alta corte sulla questione sono state “decise in modo errato e che tali casi costituiscono una grave violazione del potere degli stati di punire il più atroce dei crimini».

 

Il disegno di legge è entrato in vigore il 1° ottobre, mettendo DeSantis sulla stessa lunghezza d’onda di Donald Trump: lo scorso luglio, sull’onda del successo del film indipendente Sound of Freedom, l’ex presidente aveva pubblicato una proposta elettorale che colpirebbe i trafficanti di esseri umani con la pena di morte.

 

«Quando tornerò alla Casa Bianca, metterò immediatamente fine all’incubo del confine Biden che i trafficanti utilizzano per sfruttare donne e bambini vulnerabili», ha affermato Trump in un video diffuso dalla sua campagna. «Esorterò il Congresso a garantire che chiunque venga sorpreso a traffico di bambini attraverso il nostro confine riceva immediatamente la pena di morte».

 

Come riportato da Renovatio 21, DeSantis aveva annunciato la sua proposta di pena di morte per gli «stupratori di bambini» ancora l’anno scorso.

 

Negli scorsi mesi abbiamo visto il DeSantis andare allo scontro diretto con Disney, arrivando a far pagare alcune tasse a Disneyworld (che sorge vicino a Orlando, in Florida), dopo che la corporation di Topolino aveva protestato per una legge scolastica contraria indottrinamento gender varata dal governatore.

 

In un’altra battaglia intrapresa dal governatore floridiano, DeSantis ha annunciato che lo Stato della Florida riterrà responsabili i produttori di vaccini per le loro affermazioni sui sieri mRNA.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari