Connettiti con Renovato 21

Trapianti

Il principe Enrico come «fratello medicamento»

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’idea di un «fratello salvatore» [in originale «saviour sibling», talvolta tradotto come «fratello-medicamento», ndt] era un tema popolare nei media qualche tempo fa.

 

L’idea era che dopo che una coppia avesse avuto un figlio con una malattia genetica, come l’anemia di Fanconi, potessero concepire un bambino sano e usare il midollo osseo del secondo figlio per salvare il primo dalla malattia.

 

Ciò è stato criticato per motivi etici: un bambino veniva messo al mondo esclusivamente per essere uno strumento, uno strumento per i desideri di qualcun altro.

 

Quando scoprono che sono nati come pezzi di ricambio, per così dire, i bambini potrebbero sentirsi angosciati.

 

E se un esperto di etica nelle notizie di recente, il principe Enrico [«Harry» in originale: non si capisce perché il nome di suo padre è italianizzato in Carlo ma quello dei figli no, ndt], venisse consultato sui «fratelli salvatori», probabilmente condannerebbe l’idea a priori.

 

La sua autobiografia scritta da ghost-writer, Spare, dice che è cresciuto con la consapevolezza che gli sarebbe stato chiesto di donare organi a suo fratello maggiore, l’erede al trono.

 

«Sono stato messo al mondo nel caso fosse successo qualcosa a Willy», ha detto, sostenendo che i suoi genitori e nonni si riferivano persino a lui e a suo fratello come l’erede e il ricambio come una forma di «abbreviazione».

 

Ha descritto la sua vita come una «missione per offrire una fonte di distrazione, intrattenimento e, in caso di necessità, un pezzo di ricambio», come un rene, una trasfusione di sangue o un midollo osseo.

 

Ha detto che questa idea di essere al mondo solo nel caso in cui accadesse qualcosa a William gli è stata resa «abbondantemente chiara» fin dalla tenera età ed è stata “regolarmente rafforzata” per tutta la vita.

 

Secondo quanto riferito, suo padre, il re Carlo III, disse alla madre di Harry, la principessa Diana: «Meraviglioso! Mi hai già dato un erede e uno di riserva; Ho fatto il mio lavoro».

 

Indipendentemente dal fatto che la versione degli eventi del principe Harry sia vera o meno, ovviamente trova l’idea di essere un «fratello salvatore» dolorosamente umiliante.

 

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Il Canada è leader mondiale nell’eutanasia per la donazione di organi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Ricordiamo che la posizione di Renovatio 21 sull’industria dei trapianti è che essa debba chiamarsi con il suo vero nome, cioè predazione degli organi. Il trapianto a cuor battente è omicidio per squartamento, è la Necrocultura che uccide l’indifeso negli ospedali ogni giorno. Renovatio 21 aveva riportato degli esperimenti di «resurrezione» sui suini ai fini di predazione d’organo alcuni mesi fa.

 

 

 

Il Canada ha legalizzato l’eutanasia nel 2016, molto dopo Belgio e Paesi Bassi, ma è già il leader mondiale nell’eutanasia per la donazione di organi.

 

Un sondaggio sulla pratica in tutto il mondo dell’American Journal of Transplantation ha rilevato che fino al 2021, la donazione di organi dopo l’eutanasia (ODE) era stata eseguita 286 volte in Canada, Paesi Bassi, Spagna e Belgio. Ciò includeva otto casi di ODE da casa (ODEH). Ci sono stati 136 casi in Canada, 86 nei Paesi Bassi, 57 in Belgio e 7 in Spagna. In totale, sono stati donati 1131 organi a 837 pazienti riceventi.

 

Queste cifre includevano il 2020 e il 2021, quando i trapianti di organi sono diminuiti a causa del COVID. Quindi ci si può aspettare che le cifre per il 2022 e il 2023 aumentino, forse bruscamente.

 

Sebbene l’ODE possa essere legale in questi Paesi, i governi non sembrano essere entusiasti. «Le leggi attuali non vietano l’ODE, ma non ne accennano nemmeno, e gli organi regolatori si limitano a fare affermazioni prudenti, come “L’interruzione volontaria della vita mediante eutanasia non preclude necessariamente la donazione di organi e tessuti”». Oppure, per l’ODEH, «Il comitato considera la procedura in linea di principio come una via percorribile, a condizione che non impedisca un’accurata determinazione della morte».

 

Tuttavia, molte organizzazioni per il diritto alla morte, gruppi di lobby dei pazienti, singoli pazienti e organizzazioni per la distribuzione di organi sono apertamente di supporto.

 

(…)

 

Arthur Schafer, esperto di etica presso l’Università di Manitoba, ha dichiarato a VOA di essere lieto di vedere il Canada in prima linea. «Sono stato piuttosto orgoglioso di apprendere che ai pazienti canadesi che ricevono assistenza medica nella morte è stata data l’opportunità di fare qualcosa di moralmente significativo dalla loro morte, scegliendo di dare la vita attraverso i loro organi ad altri pazienti».

 

Nicole Scheidl, di Physicians for Life con sede a Ottawa, tuttavia, ha dichiarato di essere rimasta scioccata dalle cifre. «Mina davvero il quadro della donazione di organi in questo Paese».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

IVF

Primo bambino nato a seguito di innesto di tessuto ovarico. Ulteriore passo avanti verso l’utero artificiale?

Pubblicato

il

Da

Un bambino è nato in Inghilterra per la prima volta da una madre a cui è stato asportato del tessuto ovarico prima del trattamento per il cancro al seno, e poi è stato reinnestato di nuovo. Lo riporta Bionews.

 

Alla madre del bambino appena nato era stata diagnosticata una forma aggressiva di cancro al seno nel 2018, all’età di 33 anni. Lei e suo marito volevano avere la possibilità di avere un bambino in seguito, ma lo stadio avanzato del suo cancro significava che poteva non ritardare il trattamento delle settimane che il congelamento degli ovuli potrebbe richiedere.

 

La sua ovaia è stata rimossa mediante un intervento chirurgico a buco della serratura e il tessuto contenente le uova è stato congelato a -180°C. Dopo che il trattamento del cancro è stato completato con successo, il tessuto è stato reimpiantato nella sua ovaia rimanente ed è stata in grado di concepire attraverso la fecondazione in vitro.

 

Questa procedura di crioconservazione viene spesso offerta a bambini e giovani adulti che richiedono trattamenti come la chemioterapia e la radioterapia, che possono causare infertilità. A differenza del normale congelamento delle uova, la rimozione del tessuto ovarico non richiede che l’ovaio sia completamente formato prima della rimozione, il che significa che offre ai bambini sottoposti a trattamento del cancro la possibilità di avere un figlio più tardi nella vita.

 

Può anche essere eseguito molto rapidamente, consentendo il progresso del trattamento urgente del cancro.

 

Sebbene questa sia stata la prima nascita dopo questa procedura in Inghilterra, ne segue una precedente nel 2017 in Scozia, dove il congelamento del tessuto ovarico e testicolare, così come dei gameti e delle ovaie, riceve finanziamenti dedicati.

 

In Inghilterra, la procedura è attualmente offerta attraverso il National Pediatric Fertility Preservation Service da un piccolo numero di medici, che lavorano su base volontaria. Dal 2013 hanno eseguito la procedura per circa 2700 persone.

 

Ci chiediamo se tali esperimenti di autotrapianto possano essere i prodromi di un’utero artificiale, creato con tessuti asportati a donne vive o morte.

 

Un esperimento di questo tipo fu tentato nel 1987 dal ginecologo italiano membro del Comitato Nazionale di Bioetica Carlo Flamigni.

 

Flamigni, considerabile come il «padre» dei bambini prodotti in provetta in Italia, impiantò un embrione umano in un utero asportato e tenuto in vivo artificialmente.

 

Racconta Flamigni in una vecchia intervista al Corriere della Sera Ho creato la vita, ho avuto paura», 20 settembre 2010) che all’epoca «c’era un carissimo collega, purtroppo scomparso, Erlio Gurpide, aveva iniziato esperimenti su uteri asportati per i più vari motivi, principalmente per fibromi, tumori benigni (l’utero, all’epoca, era ritenuto un organo inutile dopo l’età fertile e si toglieva con disinvoltura, ndr). Lì avevano trovato il modo di asportare l’organo con buona parte dei suoi vasi, che venivano incannulati e collegati a una specie di macchina cuore-polmoni che garantiva una circolazione extracorporea, con un buon livello di ossigenazione e di “pulizia” delle scorie metaboliche. Strabiliante: funzionava, l’utero non degenerava».

 

«Incredibile: questo utero fuori dal corpo della donna sopravviveva bene per cinque, sei giorni, un tempo lunghissimo sotto il profilo sperimentale perché ci permetteva di verificare l’effetto degli ormoni e di vari farmaci sulla parete uterina. E, in effetti, se somministravamo estrogeni e progestinici attraverso la circolazione artificiale, nell’organo mantenuto in vita avvenivano gli stessi cambiamenti che si verificano nel corpo della donna. Avevamo trovato un “modello” sperimentale quasi perfetto».

 

«Era il 1987: scegliemmo embrioni alteratissimi che non avrebbero mai potuto diventare vita vera e tentammo l’attecchimento – racconta ancora il ginecologo -. Sembra una storia alla Frankenstein, eppure il miracolo avvenne: partì questa gravidanza artificiosa, ma non artificiale, visto che sia l’utero, sia l’embrione, erano “veri”. Ma ci cadde addosso un grande sbigottimento: si trattava di un evento “epocale” per il quale nessuno era pronto, né in Italia, né altrove».

 

L’embrione, insomma, attecchì.

 

La cosa spaventò il medico: «capii che ci eravamo spinti oltre il limite; ebbi come un senso di mostruosità, di paradosso; dovevo interrompere e non pensarci più»

 

Si trattò di uno dei primi esperimenti di riproduzione ectogenetica, la «produzione» di bambini al di fuori del corpo umano. Flamigni, preoccupato dei contraccolpi politici (all’epoca c’era la DC, e forse anche la Chiesa era diversa) aveva interrotto l’esperimento, anche se poi se ne pentì: «mi è mancato il coraggio e oggi me ne pento (…) Anche perché avevamo ottenuto qualcosa di straordinario. (…) A Bologna, a quell’epoca stavamo facendo davvero ricerca d’avanguardia; quando si mette le mani sopra questa merce rara, non si deve abbandonare» 

 

«Pensi soltanto nel 2002, quindici anni dopo il nostro esperimento, alla Cornell University di New York riuscirono a far attecchire un embrione umano su un utero artificiale ottenuto tappezzando un contenitore biodegradabile con cellule estratte dalla parete dell’utero ed espanse in laboratorio» diceva il Flamigni al Corriere, illustrando una tecnica in cui i trapianti di tessuto di utero possono concorrere alla creazione dell’utero artificiale.

 

L’utero artificiale è dietro l’angolo: non solo per i finanziamenti europei agli studi, non solo per i recenti esperimenti sui topi, ma perché sanno che c’è già un mercato: pensiamo al ras dell’utero in affitto d’Ucraina, Albert Tochilovsky, che dichiara che l’utero artificiale, come business, è dietro l’angolo, e gli operatori del settore sarebbero pure pronti. «Penso che acquisiremo l’ectogenesi entro 5-7 anni e la nostra clinica continua a lavorare in questa direzione», dice il fondatore della grande clinica per bambini in provetta di Kiev BioTexCom.

 

Pensate: bambini artificiali alle coppie gay o a chiunque, senza passare per l’utero in affitto, che fa storcere il naso a qualche femminista («compagne che sbagliano»…?. La riproduzione artificiale meccanizzata, perciò «etica», lontana dallo sfruttamento della iper-prostituzione delle surrogate.

 

Come faranno, tutti i gruppetti pro-life che si sgolano per l’utero in affitto? Come farà Mario Adinolfi? Come faranno quelli che vi chiedono soldi per fare cartelloni pubblicitari e relative piazzate sulla questione?

 

Uno pensa: ripiegheranno sul piagnisteo sull’aborto?

 

Ma no. Con l’utero artificiale potrebbe sparire anche quello, con l’embrione trasferito in incubatori di Stato, o privati, qualunque cosa: tanto il bambino, secondo la mentalità nazi-utilitarista che sta prendendo il sopravvento, appartiene o al governo o ai genitori, mica può esistere a prescindere.

 

E quindi, cosa rimarrebbe al mondo pro-life?

 

Niente. Non avendo capito il disegno di morte sottostante con apocalisse umanoide incipiente, è giusto che vadano a lavorare.

 

Auguri.

 

Continua a leggere

Trapianti

Vaccini e trapianti, studio mostra casi di rigetto acuto entro pochi giorni dall’iniezione COVID

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Ricordiamo che in particolare la posizione di Renovatio 21 riguardo all’industria dei trapianti di organo è di opposizione totale, in quanto essi avvengono sempre (con l’esclusione di quelli delle cornee) a cuor battente, e cioè quando possiamo ritenere l’essere umano ancora vivo. Per questo, più che di trapianti, troviamo sia il caso di parlare di predazione degli organi. È rilevante tuttavia segnalare anche ciò che ha trovato questo studio: la vaccinazione universale ha alterato pure la filiera dell’espianto. La Necrocultura mangia se stessa.  

 

 

Studi recenti hanno identificato una nuova preoccupazione legata al fallimento dei reni trapiantati e di altri organi: la vaccinazione COVID-19.

 

In uno studio, pubblicato a settembre su Transplant Infectious Disease, i ricercatori hanno catalogato il rigetto acuto d’organo entro una o due settimane dalla vaccinazione contro il COVID-19 in cinque individui che avevano ricevuto trapianti di rene, fegato o cuore da sei a 18 mesi prima.

 

Ad agosto, i ricercatori giapponesi hanno segnalato il rigetto degli innesti corneali – che normalmente hanno un alto tasso di successo – in coloro che hanno ricevuto il ​​vaccino COVID-19, che si verificano da un giorno a sei settimane dopo la vaccinazione.

 

Notando la letteratura che documenta il rigetto del trapianto in associazione con altri vaccini come l’ influenza , l’epatite B, il tetano e la febbre gialla , gli autori giapponesi hanno espresso preoccupazione per ciò che «il previsto spostamento della società verso un programma di vaccinazione più frequente» fa presagire per i riceventi il ​​trapianto.

 

Le preoccupazioni per l’impatto dei vaccini COVID-19 sulle persone con trapianti esistenti sono importanti, ma un altro problema urgente ma non affrontato è cosa succede quando una persona non vaccinata riceve un organo trapiantato da qualcuno che ha ricevuto una vaccinazione COVID-19.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 28 ottobre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari