Il marito di Ursula von der Leyen lavora per un’azienda biotecnologica di terapia genica

 

 

 

Ursula von der Leyen, signora che ricopra (in teoria) il vertice assoluto dell’Unione Europea non è nuova alle questioni di terapia genica.

 

Il marito, Heiko von der Leyen, lavora come direttore medico presso Orgenesis, un’azienda di biotecnologie specializzata in terapie geniche.

 

Come noto ai più oramai, alcuni specialisti rifiutano l’appellativo di «vaccini» per i sieri anti-COVID, preferendo chiamarli, vista la loro funzione, appunto «terapie geniche»

Come noto ai più oramai, alcuni specialisti rifiutano l’appellativo di «vaccini» per i sieri anti-COVID, preferendo chiamarli, vista la loro funzione, appunto «terapie geniche».

 

Come nota su Twitter l’imprenditore francese François Ducrocq «Ursula van der Leyen, il nostro principale acquirente di vaccini in centinaia di milioni di unità, ha un marito, Heiko, che gestisce Orgenesis, una società di biotecnologie specializzata in terapia genica. Così è più chiaro».

 

 

«Non dirige, non abusiamo, è solo direttore medico della società» ribatte un altro utente Twitter.

 

«Ursula van der Leyen, il nostro principale acquirente di vaccini in centinaia di milioni di unità, ha un marito, Heiko, che gestisce Orgenesis, una società di biotecnologie specializzata in terapia genica. Così è più chiaro»

La von der Leyen, considerata un prolungamento di Angela Merkel nel partito CDU e nella macchina statale tedesca, è figlia di papà Ernest Albrecht, che a sua volta fu papavero del CDU.

 

Come capa della UE, non la si ricorderà per nulla, forse solo per il «sofagate» di Erdogan (questioni di vitali importanza per il mezzo miliardo di europei!) o per la catastrofe che seguirà al suo Green Deal europeo, del quale Renovatio 21 ha trattato  di recente.

 

Tuttavia, noi la ricordiamo soprattutto per un altra questione, tutta italiana, tutta governativa: Ursula è lì grazie ad una manciata di voti grillini. Secondo alcune rivelazioni scritte sul blog del senatore Bagnai, Salvini avrebbe manovrato con estrema perizia per impedirne l’elezione facendo credere ai socialisti che la Lega avrebbe votato la von der Leyen, così da ingenerarne una pavloviana ripulsa.

 

Accadde invece che gli eurogrillini la votarono assignandole la Presidenza della Commissione UE. Secondo varie ricostruzioni, la manovra potrebbe essere passata attraverso Elisabetta Trenta, che come ex ministro della Difesa aveva conosciuto Ursula, anche lei donna a capo del dicastero delle forze armate del suo Paese. Le due si sarebbero conosciute ai vertici NATO di Bruxelles.

 

La von der Leyen, il più grande compratore continentale di sieri genetici con il marito specialista in terapia genica, è un effetto dell’ascesa al potere dei grillini

Secondo Dagospia, la von der Leyen avrebbe perfino mandato un SMS di ringraziamento alla Trenta: «You did that, I will remember. Tnks» («È merito tuo, me ne ricorderò, grazie»).

 

La von der Leyen, il più grande compratore continentale di sieri genetici con il marito specialista in terapia genica, è un effetto dell’ascesa al potere dei grillini.

 

Ora, cari elettori M5S, cosa vi aspettate che succeda?

 

 

 

 

 

Immagine di European Parliament via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0). Immagine modificata da filtri