Connettiti con Renovato 21

Gender

Hai voglia di una vaginoplastica? Pensaci bene…

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Il popolare sito web femminista Jezebel ha un blog chiamato «Barf Bag» [«sacchetto del vomito», ndr], che copre la politica americana nell’era di Trump. Ma un articolo investigativo pubblicato questa settimana, «Quando i chirurghi deludono i loro pazienti trans» si adatta abbastanza bene a quella rubrica.

 

Il focus dell’articolo  è un chirurgo specializzato in riassegnazione del sesso di cui un certo numero di pazienti si è lamentato dopo esiti insoddisfacenti. Il chirurgo si affretta a chiamare gli avvocati per diffamazione, quindi BioEdge non menzionerà ulteriori dettagli.

 

La chirurgia transgender negli Stati Uniti è una sorta di selvaggio Far West della medicina

Tuttavia, il suo punto più importante è che la chirurgia transgender negli Stati Uniti è una sorta di selvaggio Far West della medicina.

 

Nel 2017 il Journal of Sexual Medicine ha pubblicato un sondaggio su 20 medici americani che eseguono la vaginoplastica transgender. Alcuni commenti sui loro colleghi sono stati sconcertanti.

 

«Ho visto pratiche orribili non etiche da parte di chirurghi che mentono sulla loro esperienza e risultati orribili chirurgicamente come effetto di ciò. Stiamo usando persone transessuali come cavie e la professione medica permette che ciò accada», ha detto un medico.

 

«Stiamo usando persone transessuali come cavie e la professione medica permette che ciò accada»

La chirurgia transgender è una nuova specialità che richiede abilità interdisciplinari e alcuni medici che si propongono come professionisti sono incompetenti. Burns scrive che 192 pazienti trans post-operatori hanno scritto una lettera aperta nel 2018 alla World Professional Association for Transgender Health.

 

Si sono lamentati che: «i chirurghi offrivano “interventi chirurgici gratuiti o a basso costo a pazienti con risorse insufficienti al fine di acquisire esperienza operativa in procedure per le quali avevano una formazione professionale incompleta”, falsificando i tassi di complicanze in “consulenza preoperatoria, pubblicazioni accademiche e presentazioni pubbliche”, fornendo sperimentazioni interventi chirurgici senza consenso informato, presentando informazioni mediche inesatte ai pazienti e fornendo assistenza post-vendita insufficiente per i pazienti».

«I chirurghi offrivano “interventi chirurgici gratuiti o a basso costo a pazienti con risorse insufficienti al fine di acquisire esperienza operativa in procedure per le quali avevano una formazione professionale incompleta”, falsificando i tassi di complicanze in “consulenza preoperatoria, pubblicazioni accademiche e presentazioni pubbliche”, fornendo sperimentazioni interventi chirurgici senza consenso informato, presentando informazioni mediche inesatte ai pazienti e fornendo assistenza post-vendita insufficiente per i pazienti»

 

Burns ha evidenziato il caso di una donna trans, una studentessa di medicina di 34 anni, che ha sviluppato la necrosi della vulva dopo l’intervento chirurgico, insieme ad altri problemi.

 

«Ora ha consultato, secondo il suo stesso conteggio, 36 chirurghi per riparare i suoi genitali. L’esperienza l’ha lasciata disillusa dalla professione medica e non sta più perseguendo una laurea in medicina. Non ha perseguito alcuna via ufficiale di reclamo, preoccupata che così facendo sarebbe meno probabile che un altro chirurgo si occupasse del suo caso».

 

Che rimedi hanno i pazienti infelici? Al momento, non molti, dice Burns:

 

«Le cause per negligenza rimangono un’ultima risorsa costosa e può essere difficile da portare  in tribunale: la legge e la medicina non hanno ancora trovato consenso su ciò che costituisce negligenza negli interventi chirurgici trans-affermativi».

 

«Senza un database centrale per le revisioni o le informazioni dei fornitori di servizi chirurgici trans-correlati, le persone trans spesso dipendono dal passaparola tra amici, dai social media o dalle bacheche relative ai trans per il feedback. E anche in questo caso, gli amministratori del sito Web a volte sono nervosi nel presentare commenti negativi contro un chirurgo specifico, temendo una potenziale causa per diffamazione. Sulla bacheca trans-focalizzata di Susan’s Place, uno dei pochi archivi centralizzati di recensioni per chirurghi,  abbondano gli avvertimenti contro la diffamazione , in particolare nel sotto-forum della chirurgia della femminilizzazione facciale».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Utero in affitto, uomo di affari gay vuole diventare il padre «surrogato» più anziano della Gran Bretagna

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un uomo d’affari omosessuale di 66 anni nel Regno Unito progetta di diventare padre di un bambino da una madre surrogata.

 

Ha detto con aria di sfida al Mail di domenica : «Non penso di fare nulla di sbagliato».

 

«Non penso di fare nulla di sbagliato»

L’uomo e il suo compagno di 40 anni sono attualmente alla ricerca di una madre surrogata. In caso di successo, sarà probabilmente l’uomo più anziano della Gran Bretagna ad avere un figlio attraverso la maternità surrogata.

 

«La gente mi chiamerà egoista – ha detto al giornale – ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due».

 

L’uomo anonimo afferma che il suo partner aveva suggerito la maternità surrogata l’anno scorso durante il blocco del Regno Unito e avevano deciso che era preferibile all’adozione.

 

«La gente mi chiamerà egoista, ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due»

«Lo sto facendo per lui, per amore – ha detto – Ho chiesto quando me l’ha suggerito per la prima volta se era sicuro. Ho un sacco di nipoti, quindi per me non fa differenza, ma volevo farlo per lui. Il mio compagno ha 40 anni. Vuole essere biologicamente connesso al bambino e questo lo posso capire».

 

L’uomo ha ammesso che ci saranno difficoltà.

 

Avrà circa 70 anni quando il figlio della coppia andrà alla scuola secondaria.

 

«Sono preoccupato per l’imbarazzo per il bambino ai cancelli della scuola e per i bambini che chiedono: “Quello è tuo nonno?” I bambini possono essere crudeli e non voglio che questo influenzi il bambino».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Gender

La Bioetica a favore delle gravidanze trans

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Le donne transgender (cioè gli individui nati maschi) hanno il diritto di vivere una gravidanza? Due medici italiani dell’Università di Roma Sapienza sostengono in Acta Biomedica che la tecnologia sta avanzando così velocemente che dobbiamo affrontare questa domanda.

 

Al momento i trapianti uterini (UTx) sono rari e spesso senza successo. Ma man mano che i chirurghi migliorano le loro tecniche, potrebbe essere possibile che un nato maschio partorisca.

 

«Una tale opzione segnerà un punto in cui l’insieme dei precetti morali ed etici che adottiamo potrebbe presto diventare obsoleto» scrivono.

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche il trapianto di utero x deve essere etico

 

I sondaggi mostrano, affermano, che le donne trans credono che «avere un utero e una vagina trapiantati e funzionanti andrebbe a beneficio della loro vita sessuale e del senso percepito di femminilità, migliorando la qualità della vita in generale».

 

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche l’UTx deve essere etico:

 

«Non è irragionevole presumere che nelle donne transgender, UTx possa fare molto per il raggiungimento delle aspirazioni riproduttive, beneficiare della qualità della vita in generale ed essere efficace nell’alleviare i sintomi disforici… Se UTx diventa mainstream, sicuro ed efficace per le donne biologiche con [infertilità assoluta del fattore uterino], ci sarebbero motivi moralmente sostenibili per cui alle donne transgender dovrebbe essere negata una tale opportunità di gestazione?»

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente»

Lo scrittore di bioetica Wesley J. Smith ha notato nella National Review che gli autori non menzionano nulla sul benessere del bambino.

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente. Perché, è come se il problema non esistesse».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di North Dakota National Guard via Flickr pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

Continua a leggere

Gender

Passaporti con sesso «non-binario»: ora anche in USA

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare passaporti per le persone di genere non-conforme.

 

Il primo passaporto contrassegnato con una «X» come sesso è stato rilasciato questa settimana a Dana Zzyym, un’attivista intersessuale del Colorado.

 

Dal 2015, Zzyym ha combattuto contro il Dipartimento di Stato per ottenere un passaporto che non richiedesse a Zzyym di mentire sul genere selezionando maschio o femmina.

 

«Le persone intersessuali, non binarie e transgender hanno bisogno di documenti di identità che riflettano accuratamente chi siamo, e avere documenti non corrispondenti può creare problemi di sicurezza e visibilità», ha affermato un portavoce di GLAAD, un gruppo di lobby LGBTQ.

 

«Voglio ribadire, in occasione di questo rilascio del passaporto, l’impegno del Dipartimento di Stato a promuovere la libertà, la dignità e l’uguaglianza di tutte le persone, comprese le persone LGBTQI+», ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

 

«Non vediamo l’ora di offrire questa opzione a tutti i richiedenti di passaporto di routine una volta completato il sistema richiesto e gli aggiornamenti dei moduli all’inizio del 2022».

 

Alcuni paesi consentono alle persone di mostrare un identificatore di genere non binario o di terzo genere sul passaporto, tra cui Argentina, Austria, Australia, Canada, Colombia, Danimarca, Germania, Islanda, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Pakistan, India e Nepal.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari